PRIMI IN SICUREZZA 11 / ECCO COME PARTECIPARE E REALIZZARE LAVORI SULLA PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI SUL LAVORO


L’ITALIA E’ UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA

FONDATA SUL LAVORO (SICURO)”

La prevenzione si impara a scuola

sulla base di una sana e robusta Costituzione

Portare gli studenti italiani ad essere “Primi in Sicurezza”, avvicinandoli – con la collaborazione dei docenti e dei genitori – alla realtà della prevenzione come strumento per risolvere il fenomeno degli incidenti e degli infortuni. E’ questa la finalità di “PRIMI IN SICUREZZA / PREMIO EMILIO ROSSINI”, XI edizione, gara-ricerca che si rivolge alle scuole materne, elementari e medie inferiori e superiori italiane. Classi scolastiche e singoli ragazzi, vi potranno prendere parte producendo e realizzando, entro la data del 20 marzo 2013, lavori, ricerche ed  elaborati sul tema della sicurezza e della prevenzione degli incidenti e degli infortuni sul lavoro.  Nelle pagine successive: regolamento, piste didattiche, premi.

*

UN LAVORO SICURO: ECCO LE PISTE DI RICERCA

Il primo articolo della Costituzione Italiana dice che l’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro. Noi pensiamo che oggi sia necessario aggiungere, a tale dichiarazione, un aggettivo importante: “sicuro”. Sulla base di questa considerazione – semplice, ma di assoluta importanza – ruota la XI edizione di PRIMI IN SICUREZZA, che stimola le scuole a vivere, osservare, leggere, interpretare, esprimere le condizioni di sicurezza attraverso lo straordinario mondo della creatività. Dunque, negli elaborati, dovrà essere dato ampio risalto a tutto ciò che parla di prevenzione negli ambienti di lavoro. Il tema potrà  essere svolto e rivissuto attraverso modalità e “piste di ricerca” che qui si indicano in modo sintetico, suddivise per i vari ordini scolastici.

 

SCUOLE DELL’INFANZIA

Tracce e spunti: il lavoro di mamma e papà; storie e racconti su come mamma e papà vivono la sicurezza quando essi lavorano; la segnaletica che tutela la sicurezza e la salute negli ambienti di lavoro; messaggi inviati a mamma e papà affinchè lavorino con le protezioni adeguate…

Modalità creativa:  potranno essere realizzati: disegni, posters, album fotografici, cartoline, giochi di società, cartelloni, video, plastici, composizioni e tutto quanto la fantasia può suggerire.

 

SCUOLE PRIMARIE

Tracce e spunti: che cosa vuol dire “lavoro sicuro”? Interviste a mamme, papà, parenti e conoscenti che hanno vissuto l’esperienza di un incidente sul lavoro; che cosa accade durante un incidente;  che tipo di conseguenze può comportare sul fisico e nella vita quotidiana; la segnaletica che tutela la sicurezza e la salute negli ambienti di lavoro; lettere a mamma, papà, amici, imprenditori ed autorità per esortarli alla prevenzione sui luoghi di lavoro; visita guidata ad un cantiere o ad un ambiente di lavoro per capire e conoscere strumenti e modalità di protezioni adeguate…  

Modalità creativa:  potranno essere realizzati: disegni, posters, album fotografici, cartoline, giochi di società, cartelloni, videoclip, plastici, spot promozionali da pubblicità-progresso, cd, composizioni e tutto quanto la fantasia può suggerire. Potranno essere presentati articoli pubblicati sui propri giornalini scolastici.

 

SCUOLE SECONDARIE

DI PRIMO GRADO (MEDIE)

Tracce e spunti: riflettere sulla definizione di “lavoro sicuro”? Perché succedono gli incidenti sul lavoro? Quali sono le cause? Quali sono i settori più colpiti? Che cosa dicono le statistiche? Si parla in famiglia dei rischi negli ambienti di lavoro? I genitori confidano ai propri figli di lavorare in condizioni di disagio e di pericolo? Qualche genitore o qualche parente o amico è stato vittima di incidenti sul lavoro?

Sapete che c’è anche un segnaletica di sicurezza per i luoghi di lavoro? Avete notato che tipo di segnaletica c’è in un centro commerciale, in un cantiere edile, in un luogo pubblico? Sapete riconoscere la segnaletica che tutela la sicurezza e la salute negli ambienti di lavoro?

Sondaggi ed interviste a mamme, papà, parenti e conoscenti sul tema della prevenzione, ossia se rispettano le norme di sicurezza e di protezione e sui rischi del proprio luogo di lavoro; un incidente sul lavoro: che tipo di conseguenze può comportare sul fisico e nella vita quotidiana; la segnaletica che tutela la sicurezza e la salute negli ambienti di lavoro; lettere ad imprenditori, autorità ed istituzioni per esortarli alla prevenzione sui luoghi di lavoro; visita guidata ad un cantiere o ad un ambiente di lavoro per capire e conoscere strumenti e modalità di protezioni adeguate; ricerca e verifica di articoli sui giornali relativi agli incidenti accaduti in un preciso periodo (un mese, un anno, una settimana…)

 

Modalità creativa:  potranno essere realizzati: disegni, posters, album fotografici, cartoline, giochi di società, cartelloni, videoclip, plastici, spot promozionali da pubblicità-progresso, cd, composizioni e tutto quanto la fantasia può suggerire. Potranno essere presentati articoli pubblicati sui propri giornalini scolastici e link relativi a siti o pagine Internet realizzate sull’argomento.

 

SCUOLE SECONDARIE

DI SECONDO GRADO (MEDIE SUPERIORI)

Tracce e spunti: potrebbe essere un’idea suggerire alle Istituzioni di inserire, almeno tra parentesi, l’aggettivo “sicuro” vicino al termine “lavoro” come scritto nel primo articolo della Costituzione Italiana? Perché succedono gli incidenti sul lavoro? Quali sono le cause? Quali sono i settori più colpiti? Che cosa dicono le statistiche? Come scuotere e sensibilizzare l’opinione pubblica sul drammatico fenomeno degli incidenti sul lavoro? Come richiamare l’attenzione sulla necessità di creare migliori condizioni di sicurezza sul lavoro?

Che cosa prevedono, in materia di sicurezza, le Leggi nazionali ed europee? Perché le normative sono importanti per le aziende e per i lavoratori? Che cosa comportano, le principali normative, per il datore di lavoro e per il lavoratore ? Visita guidata ad un cantiere o ad un ambiente di lavoro per capire e conoscere strumenti e modalità di protezioni adeguate; ricerca e verifica di articoli sui giornali relativi agli incidenti sul lavoro.

 

Modalità creativa:  potranno essere realizzati: disegni, posters, album fotografici, cartoline, giochi di società, cartelloni, videoclip, plastici, spot promozionali da pubblicità-progresso, cd, composizioni e tutto quanto la fantasia può suggerire. Potranno essere presentati articoli pubblicati sui propri giornalini scolastici e link relativi a siti o pagine Internet realizzate sull’argomento. Potranno essere realizzati test e sondaggi (ad esempio: chiedere ad un campione di cittadini se sono soddisfatti del livello di sicurezza del proprio ambiente di lavoro).

 

 

UN MONTEPREMI DAVVERO DA RECORD!

        1. Una commissione valuterà i lavori pervenuti ed assegnerà premi e riconoscimenti suddivisi per i seguenti ordini scolastici: Scuole dell’infanzia (materne); Scuole Primarie; Scuole secondarie di 1°; Scuole secondarie di 2°.

 

Per ogni sezione scolastica è prevista l’assegnazione dei seguenti premi :

1° Premio – Videocamera

2° Premio – Lettore DVD/BlueRay

3° Premio – Impianto Hi-Fi

4° Premio – Macchina fotografica

5° Premio – Stampante

 

  1. E’ prevista l’assegnazione di “Premi Speciali” messi a disposizione da istituzioni ed enti che collaborano nell’iniziativa.
  2. Un premio speciale sarà assegnato alla scuola che avrà realizzato il migliore lavoro sul tema della “Sicurezza a Scuola”.
  3. Le scelte della commissione giudicatrice sono insindacabili. I lavori non si restituiscono; si invitano le classi a conservarne una copia (o fotocopia).

 

 

 

OCCHIO ALLE SCADENZE! 

I lavori di PRIMI IN SICUREZZA potranno essere eseguiti in piena libertà espressiva e creatività. Accanto alle piste suggerite, potranno esserne sviluppate altre, secondo gli interessi e le attenzioni di ogni singola classe i temi. Piena libertà anche per le modalità di esecuzione e realizzazione del lavoro didattico.

Tutti i lavori di “PRIMI IN SICUREZZA” dovranno pervenire entro il 20 MARZO 2013 alla redazione di OKAY! al seguente indirizzo: OKAY!, presso Casa M.E.Mazza, Via Nullo 48, 24128 Bergamo. I lavori vanno accompagnati da informazioni – denominazione classe e scuola, indirizzo completo, numero di telefono, e-mail, nominativo docente referente del progetto – come specificato nella scheda di partecipazione che si suggerisce di compilare. La cerimonia di premiazione si svolgerà a Bergamo entro la fine del mese di maggio 2013.

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...