PUBBLICATO IL CATALOGO DELLA “COLLEZIONE PERMANENTE DI ARTE CONTEMPORANEA” APERTA A MERCATELLO S/M, NELLE MARCHE


E’ stato pubblicato il bellissimo catalogo della nuova Collezione Permanente di Arte Contemporanea, aperta a fine aprile negli incantevoli sotterranei di Palazzo Gasparini (XVII secolo) a Mercatello sul Metauro, deliziosa cittadina medievale e rinascimentale nelle Marche ( Pesaro Urbino). Il catalogo della “Permanente” è stato pubblicato con il contributo e il patrocinio della Banca dell’Adriatico. Il libro presenta tutte le 158 opere esposte nelle sale, con le  biografie dedicate a tutti gli artisti. 

Bonita Cleri e Silvia Cuppini – storici dell’arte presso l’Università di Urbino – hanno curato i testi critici sulle opere d’arte esposte. “La nuova Collezione Permanente di Arte Contemporanea – scrive la prof.ssa Cuppini nella presentazione – è una iniziativa importante che mira ad estendere il ruolo di Mercatello come luogo di arte e sensibilità contemporanea.” L’iniziativa è stata resa possibile grazie alla passione e alla tenacia dell’artista e scultore Pasquale Martini, che ha curato la raccolta.

Il catalogo presenta anche il lavoro di Roberto Alborghetti dal titolo “C’è del caos, ma con un punto focale” (tela, 63 x 43), un’immagine realistica e non manipolata, che egli ha “catturato” a Milano nel dicembre 2010 per il suo progetto “Lacer/azioni” relativo alla decomposizione dei manifesti pubblicitari e dei “segni” metropolitani.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.