ESCLUSIVO / LA CANZONE SUGGERITA DA PAPA FRANCESCO CONTRO LA TRATTA DELLE PERSONE: “LA MOTO Y LA CATEDRAL”


Papa Francesco con Gustavo Vera della Ong La Alameda di Buenos Aires

Papa Francesco con Gustavo Vera della Ong La Alameda di Buenos Aires

Anche una canzone può essere uno strumento efficace per far circolare un’idea ed un messaggio che possono aiutare a migliorare la società. Lo dice Papa Francesco, che ha sollecitato un amico – Gustavo Vera, presidente della ONG “La Alameda”, impegnata a lottare contro il racket della tratta degli schiavi, del lavoro minorile e della prostituzione a Buenos Aires – a creare un pezzo musicale. La sorprendente notizia, che diamo in anteprima, è stata raccontata dallo stesso Gustavo Vera, che occupa anche un ruolo nelle istituzioni locali, sul suo blog. Tutto è partito con uno scambio epistolare tra Papa Francesco e Gustavo Vera, invitato dal Santo Padre a creare una canzone il cui testo, intitolato “La motocicletta e la cattedrale”, faceva riferimento alle frequenti visite del presidente de La Alameda all’allora arcivescovo di Buenos Aires.

Nei giorni scorsi, nel festeggiare il suo 50° compleanno, Vera ha presentato presso la sede della ONG, nel Parque Avellaneda, la canzone ispirata da Papa Francesco. L’esecuzione è stata affidata a Padre César e al suo gruppo, i Pecadores, una rock band attiva nella capitale argentina. Il successo è stato immediato e non solo tra gli amici de La Alameda. Come ha raccontato Vera sul suo blog, tutto era iniziato con una lettera scritta “all’amico Jorge”, Papa Francesco. Nella corrispondenza gli narrava come si era svolto, nel dicembre scorso, l’atto di giuramento con cui il presidente de La Alameda, aveva assunto l’incarico di legislatore a servizio della città di Buenos Aires. Gli riferiva di averlo fatto “per il popolo e la costituzione”, ma anche “per le vittime della tratta, la schiavitù e il traffico di droga.” Rivelava inoltre di avere giurato nella massima semplicità e sobrietà, arrivando normalmente come tutte le volte in cui – quando andava ad incontrare il futuro Papa Francesco – lasciava la motocicletta davanti ai cancelli della cattedrale. Ricordava poi il lavoro compiuto con l’arcivescovo Bergoglio nel contrastare il narcotraffico e le vittime dei traffici della malavita e della criminalità, anche con una massiccia prevenzione nelle scuole.

Nel rispondergli, Papa Francesco rivelava di essere stato colpito dall’immagine della motocicletta parcheggiata alle porte della Cattedrale e che quell’immagine poteva benissimo prestarsi ad essere “tradotta” in una canzone. “Non è uno scherzo, ma una fonte di ispirazione. Può essere un messaggio molto forte”: così scriveva Papa Francesco, ringraziandolo per avergli ricordato quei frequenti incontri in Cattedrale, confessando di sentirsi a volte “piccolo e inutile per la marea di domande che vengono dal tuo cuore”. Papa Bergoglio chiudeva la lettera con l’invito a lui sempre caro: “Prega per me”.

Così, Gustavo Vera girò l’invito di Papa Francesco al prete “rockero” Padre César e al suo gruppo “los Pecadores”. Nel giro di poche settimane, venne creato il brano, che fu subito inviato per un ascolto “in anteprima” a Papa Francesco che il 2 marzo scorso indirzzò a Vera queste parole: “Caro Gustavo. Bella la lettera sulla “Motocicletta e la Cattedrale.” Complimenti a Padre César. Grazie per tutto quello che fai. A presto. Un abbraccio. Io prego per voi … e non dimenticate di farlo per me. Saluti a tua madre. Che Gesù vi benedica e la Vergine Santa vegli su di voi. Fraternamente. Francisco”.

Il giorno del compleanno di Gustavo Vera si è svolta, come detto, la presentazione pubblica della canzone che era stata chiesta da Papa Francesco. Vi hanno partecipato, amici e collaboratori che condividono le attività della Ong, soprattutto per quanto riguarda la lotta contro la tratta delle persone.

Questo il testo originale de “La moto y la Catedral”: Una moto llega a la Catedral / llama a su puerta/ lo invita a pasar/ no se persigna, no hay que aparentar/ pero estaciona cerca del altar./ Palabras de fuego vienen y van/ los oìdos del alma/trabajan sin parar./ Nueva y vieja historia de amistad/la de la moto y la Catedral./Son mutuas las ganas de transitar/ un mismo camino para liberar/ a tantas victimas de la explotación/ y de la indiferencia de nuestro corazón.

Il video della canzone è stato postato anche su web:

http://youtu.be/n9695gpdTHE

© Roberto Alborghetti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.