“G COME GIOCARE” A FIERAMILANOCITY DAL 21 AL 23 NOVEMBRE…SCARICA TUTTE LE INFORMAZIONI…


OKAY! 129 (589x800)

ECCO IL PDF CON TUTTE LE INFO SU “G COME GIOCARE”:

CLICCA E SCARICA GRATIS:

G COME GIOCARE , 21-23 NOVEMBRE 2014

BANNER G COME GIOCARE

Annunci

UNA “FRECCIA” CHE STA FACENDO IL GIRO D’ITALIA: DA NORD A SUD GLI INCONTRI SUL LIBRO CHE RACCONTA PAPA BERGOGLIO STUDENTE E DOCENTE


Da Modena a Roma, da Bari a Forlì: il libro “Quando il giorno era una freccia”, edito dall’AGeSC a firma di Roberto Alborghetti, continua ad essere al centro di incontri e presentazioni che stanno coinvolgendo  diverse realtà territoriali dell’intero Paese. Dopo gli incontri di Rimini, Acqui Terme e Torino (uno degli eventi della IV edizione della Settimana della Scuola e dell’Università, con la partecipazione dell’arcivescovo mons. Cesare Nosiglia), il libro-novita’ dell’AGeSC su Papa Francesco ed il mondo della scuola e dell’educazione animerà nelle prossime giornate una nutrita serie di dibattiti e pubblici incontri.

Apre Piacenza, il 23 ottobre, con una serata promossa dal comitato AGeSC provinciale; l’incontro vede la presenza del presidente nazionale AGeSC, Roberto Gontero. Sempre nella stessa giornata a Bitonto (Bari) attorno al volume è stata promossa una conferenza, promossa dalla Fondazione Santi Medici, sul tema “La rivoluzione culturale di Papa Francesco”. All’incontro (ore 19, Auditorium E. e A. Degennaro) partecipano: don Ciccio Savino, il card. Giovanni Battista Re, Oreste Bisazza Terracini, Roberto Alborghetti (autore); conduce Enzo Quarto, giornalista Rai.

Due giorni dopo, sabato 25 ottobre, “Quando il giorno era una freccia” occuperà un posto speciale nelle iniziative della XVI del Concorso Nazionale Giornalismo Scolastico “Penne Sconosciute” promosso sul Monte Amiata da Osa Onlus (Operatori Scolastici Amiata) in collaborazione con il Comune di Piancastagnaio e la Rocca degli Aldobrandeschi. Alle ore 10,30, presso il Teatro Comunale di Piancastagnaio (Siena) si daranno appuntamento docenti e studenti per ascoltare gli interventi di Roberto Alborghetti e della pedagogista Sira Serenella Macchietti; coordina l’incontro Nicola Cirocco, presidente Osa Onlus.

Il “giro” delle presentazioni farà poi tappa a Modena. Mercoledi 29 ottobre, alle ore 20,45, sarà infatti al centro della prima esperienza di formazione per l’anno scolastico 2014-2015 rivolta ai genitori. Organizza la Casa Famiglia delle Suore Adoratrici del SS.Sacramento, che gestiscono la scuola paritaria di via Tamburini 78, dove appunto avrà luogo l’incontro. Interviene Roberto Alborghetti. Collabora il comitato AGeSC di Modena.

Il giorno successivo, 30 ottobre, nel tardo pomeriggio (ore 18) incontro-conversazione a Ravenna, presso la Sala “Don Minzoni” del Seminario Arcivescovile, in Piazza Duomo, promosso dal Comitato provinciale AGeSC Ravenna. Partecipano: Giovanna Tramontano (presidente provinciale AGeSC), don Alberto Graziani (vicario generale Diocesi di Ravenna) e Roberto Alborghetti. Sempre nella serata del 30 ottobre, il libro sarà presentato a Forlì, presso la Sala Melozzo (30 ottobre, ore 21) con la partecipazione di Enrico Casadei Garofani (responsabile Ufficio Diocesano per la Cultura), Lubiano Montaguti (assessore Politiche Educative del Comune di Forlì), Paolo dell’Aquila (presidente provinciale AGeSC Forlì-Cesena), Erio Castellucci (vicario episcopale per la Pastorale per la Cultura) e Roberto Alborghetti. La serata è promossa da AGeSC, Ufficio Diocesano per la Pastorale Giovanile, Ufficio Diocesano per la Cultura, Associazione Culturale San Mercuriale ed ha il patrocinio del Comune di Forlì.

Sabato 8 novembre 2014, il volume sarà presentato a Roma, alle ore 11, presso il Salone dell’ Istituto Salesiano Pio XI di via Umbertide 11.   Interverranno: Don Karim Madjidi, Direttore dell’Istituto; Roberto Gontero, presidente nazionale AGeSC; prof. Luigi Berlinguer, già Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca; Maria Grazia Colombo, past president AGeSC e Forum Ass.ni Familiari; Roberto Alborghetti, autore del libro e Rosaria Alba Senia, presidente provinciale AGeSC di Roma. Sempre nel mese di novembre sono stati programmati incontri nel Veneto (già sicuro quello a Conegliano,Treviso, venerdi 14, presso l’Istituto Immacolata) e in Umbria (Terni, il 22).

Già fissata una serata-dibattito a Pontassieve (Firenze) promossa il 4 dicembre 2014 dal locale comitato Age, con la partecipazione di Roberto Alborghetti, dello scrittore e giornalista Riccardo Clementi e Sara Batistini (presidente Age Valdisieve). Si parlerà del libro anche a Bergamo, sabato 13 dicembre (ore 16, Casa M.E.Mazza, via Nullo 48) nell’ambito di una iniziativa promossa dalle Piccole Apostole della Scuola Cristiana e dal gruppo “Amici di Maria Elisabetta Mazza”. Già previsti incontri anche a Novara (6 febbraio 2015), Alessandria (Istituto Angelo Custode, 1° marzo 2015), Genova e Salerno, promossi dai comitati provinciali AGeSC.

Anche questa fitta serie di incontri testimonia la calda accoglienza che la pubblicazione sta avendo tra il pubblico, i soci e gli amici dell’AGeSC, per i quali la pubblicazione costituisce anche la base per una serie di corsi di formazione destinati a coinvolgere soprattutto i genitori impegnati nei consigli di istituto delle scuole paritarie: sono state approntate “tracce” attorno alle quali organizzare momenti di studio e di approfondimento. Introdotto dalla prefazione del cardinale Zenon Grocholewski, Prefetto della Congregazione per l’Educazione Cattolica, e da un pensiero di Roberto Gontero, il libro è stato stampato da Ikonos, che ha curato anche il progetto grafico. Pietro Bonato, Andrea Migliorini e Maria Grazia Rodigari (missionaria in America Latina per le Piccole Apostole della Scuola Cristiana) hanno collaborato con l’autore per la traduzione dalla lingua spagnola dei testi originali di Bergoglio. Pubblicato anche in versione e-book, il libro è disponibile presso le principali librerie on-line (Google Play Books, iBooks, Kobo e Amazon). E’ in vendita nelle librerie cattoliche e può essere richiesto direttamente a Ikonos, Via Carlo Alberto Dalla Chiesa, 10 – 24028 Treviolo (BG), Tel. 035 200515.

“ATTIVI DI NATURA”: DA MANDURIA (TA) LA VIDEO-INCHIESTA PER “WINX – REPORTERS PER L’AMBIENTE”


*

Piccoli reporters per salvare la natura… Il video degli alunni della classe III B della Scuola Primaria dell’ICS Prudenziano di Manduria (Taranto) per l’iniziativa “Giovani reporter Missione Magia” promossa su Okay! in occasione dell’uscita del film “Winx, Il mistero degli abissi”. Il racconto filmato di una inchiesta sul campo che ha coinvolto gli scolari pugliesi guidati dalla docente  Francesca del Monte; consulenza esterna di Nando Perrone. 

 

6d4adf63-22fa-481d-a171-27dae3b499af (640x425)

CRONACA DI UN’ESPERIENZA / IO, UN ITALIANO ALLA CONQUISTA DELLA TERRA DI ROBIN HOOD…


 

© Foto : ROBERTO Alborghetti

© Foto : Marysia ZIPSER

Un italiano nella terra di Robin Hood. E’ stata un’esperienza creativamente entusiasmante quella che ho recentemente vissuto nel Midland inglese, proprio nei luoghi che miti e leggende legano al ricordo dell’eroe Robin Hood… E’ sempre un onore per il nostro Paese quando nel Regno Unito invitano un italiano a raccontare di sè e a scambiare idee e progetti, cercando magari di pianificare insieme qualcosa per il futuro. Ed è quello che è capitato a me… E’ stato davvero bello e produttivo incontrare nella “Terra di Robin Hood” persone meravigliose, validi artisti locali e scoprire l’impressionante Bartons Plc, sede internazionale di eventi.  La signora Marysia Zipser, instancabile blogger, fondatrice di ACT Group ( Arte – Cultura – Turismo ) in Beeston, Nottingham, aveva previsto per me un programma intensivo, con incontri a pieno ritmo.

Ho conosciuto Marysia attraverso la rete LinkedIn, dove lei aveva avuto modo di apprezzare il mio progetto artistico “Lacer/azioni”. Il suo Gruppo ACT è una organizzazione che promuove attività e eventi di arte, cultura e turismo nel territorio, collegandoli ad un’ottica ed ad una visione internazionali, collaborando con artisti e uomini di cultura sparsi in tutto il mondo (“Costruire ponti” è il suo slogan). Sono stato molto onorato di essere invitato a raccontare ed illustrare la mia attività professionale.

Incredibile, ma vero, ad accogliermi c’era la leggenda di  Nottingham: Robin Hood, ossia Tim Pollard, attore e personaggio poliedrico, molto popolare, interprete ufficiale del leggendario personaggio britannico, del quale veste i panni medievali, con tanto di arco, frecce, faretra, fodera e spada… E’ lui il simbolo della “terra di Robin Hood”, riconosciuto istituzionalmente, tanto che è lui a ricevere e a salutare nel corso di importanti eventi ufficiali. Robin-Tim Pollard, insieme alla president di Act group, mi hanno così accompagnato nel “giro di incontri” al Creative Corner di Chilwell, dove ero atteso, tra gli altri, dalla nota artista Pam Miller, dall’autrice Shakti Shira Bassi (couch e coordinatrice di corsi motivazionali), da David Humphreys (titolare di “Created by Hand “, originalissimo spazio per gli artisti locali) e la galleria Mish Mash, uno spazio per l’arte contemporanea, con lavori in ceramica, lavori retrò e pezzi vintage ( vi si possono acquistare le originali tazze dedicate a Robin Hood… ) .

Ho avuto così modo di raccontare la mia esperienza personale come autore . Ho parlato dei miei nuovi libri “Francesco ” e “Quando Il Giorno era Una freccia”,  che indagano la vita e il background culturale di Papa Francesco. Molto interesse ha suscitato ” Lacer/azioni “, il progetto artistico legato alle mie ricerche sui manifesti lacerati e decomposti della pubblicità, sulle crepe naturali, sui graffi e sui segni urbani e industriali.

La mia visita è proseguita alla spettacolare Bartons Plc (Barton House , 61 High Road , Chilwell , Nottingham ),  sede di autobus d’epoca e auto di proprietà, gestita da Simon Barton. Nel grande museo-garage – dove si stava preparando la nuova edizione del ” Carnevale dei Mostri “, festival di arte contemporanea aperto fino al 25 ottobre prossimo – ho visto interessanti autobus d’epoca e autovetture storiche.

Simon mi ha anche raccontato la storia di uno degli autobus più datati, il cosiddetto “Ghost Bus”, del quale è stato recentemente ritrovato un bellissimo filmato d’epoca che racconta il “gran tour” che una comitiva inglese compie in Italia nel 1959, a bordo appunto di questo storico bus. Sono rimasto davvero affascinato da questo reperto di storia del trasporto pubblico nella terra di Robin Hood. Ora è custodito da Barton come un cimelio. Proprio per non “rovinarlo”, non è stato neppure restaurato e così, segnato e lacerato dal tempo, si presenta a noi oggi. Attorno al “Ghost Bus” sono nate idee e progetti per “Lacer/azioni”, che quantoprima saranno svelati… Insomma, è il caso di dire che una freccia italiana è stata scoccata nella terra di Robin Hood.

 

LA TERRA DI ROBIN HOOD / INDIRIZZI WEB:

http://www.ac-tgroup.com/

http://www.carnivalofmonsters.co.uk/

http://www.bartonsplc.co.uk/

http://www.timpollard.com/

http://siastraining.webplus.net/

http://attikfind.com/

https://www.facebook.com/178highroad

 

MIRABILANDIA: PREMIATI I MIGLIORI GIORNALI SCOLASTICI D’ITALIA PER LA XII EDIZIONE DI “GIORNALINOI”. FOTOGALLERIA DI UNA FESTA.


Grande festa a Mirabilandia, sabato 18 ottobre 2014, per la premiazione della XII edizione di “GiornaliNoi”, il Gran Premio Mirabilandia di Giornalismo Scolastico. Nell’atmosfera e tra i colori delle animazioni per Halloween, il Parco della Riviera Adriatica ha portato sul podio circa 500 studenti di tutta Italia, per una grande festa. Presenti all’evento Giovanni Scafoglio (direzione Eventi Mirabilandia) e Roberto Alborghetti (direttore di Okay!). E dopo la premiazione, tutti hanno usufruito di una speciale giornata-premio tra le attrazioni del Parco, che in questi giorni allinea una serie di spettacoli ed attrazioni ispirate al tema-Halloween. Nella fotogalleria momenti della premiazione che si è svolta presso il Teatro Coca Cola. Pubblichiamo la graduatoria ufficiale delle testate premiate:

GIORNALINOI 2014

GRAN PREMIO MIRABILANDIA

DI GIORNALISMO SCOLASTICO

XII EDIZIONE

 

TESTATE VINCITRICI

 

SCUOLE PRIMARIE

1 – RICRE- AZIONE

SCUOLA PRIMARIA “DON BOSCO”

MANDURIA – TA

*

2 – BAOBAB

II CIRCOLO DIDATTICO

CIAMPINO – ROMA

 *

3- GIORNALAZIO

SCUOLA PRIMARIA / ISTITUTO FRISI

MELEGNANO – MI

 

SCUOLE SECONDARIE 1°

1 – SCUOLA DOC

SCUOLA I.C. “STRAMPELLI”

FIUMINATA – MC

*

2 – FUORICLASSE

SCUOL SECONDARIA 1° “CASTRIOTA”

S.MARZANO DI S.GIUSEPPE – TA

*

3 – NUOVA RED@ZIONE

SCUOLA SECONDARIA  1°

BORORE  –  NU

ISTITUTI COMPRENSIVI SCOLASTICI

1 – IL PENNINO

ISTITUTO COMPRENSIVO “BATTAGLIA”

FUSIGNANO – RA

*

2 – MONDOGIGI

I.C.S. “MARVELLI”

RIMINI

*

3 – CAVALLUCCI AL TROTTO

LABORATORIO GIORNALISTICO

I.C.S. “M. BENEVENTANO”

OTTAVIANO – NA

SCUOLE SECONDARIE 2°

1 – PRESENTE

LICEO SCIENTIFICO “G. RUMMO”

BENEVENTO

*

2 – INCHIOSTRO VIVO

I.S. “L.DA VINCI”

FASANO –  BR

*

3 – IN-FORMAZIONE

LICEO SCIENTIFICO TECNOLOGICO “DEL PRETE”

SAVA – TA

PREMIO SPECIALE “ALLA CARRIERA”

TRENT’ANNI DI PUBBLICAZIONI

L’IPPOGRIFO

LICEO CLASSICO “V.EMANUELE II”

JESI – AN

*

PREMIO SPECIALE “COPERTINA”

VOTATA SUL SITO DI OKAY!

DI TUTTO …UN PO’

SCUOLA PRIMARIA “RADICE”

CAMPORGIANO – LU

 *

PREMIO SPECIALE “MIGLIORE REDAZIONE”

LO SQUILLO

I.C.S. “IMBRIANI”

ROCCABASCERANA – AV

 *

PREMIO SPECIALE “INCHIESTA”

LA GAZZETTA DI CLASSE

SCUOLA PRIMARIA CLASSE V

BARONISSI – SA

(per “La Terra dei fuochi croce e delizia del nostro territorio”

 *

PREMIO SPECIALE “GRAFICA”

SCUOLE IN RILIEVO

ICS “POZZA” E ICS MAROSTICA

CROSARA – VI

 *

PREMIO SPECIALE “IL TEMA”

PAROLA NOSTRA

ICS BOVINO-CASTELLUCCIO-PANNI

BOVINO – FG

(per “Equipaggi per il cambiamento”)

*

PREMIO SPECIALE “MIRABILANDIA”

DI TUTTO …UN PO’

SCUOLA PRIMARIA “RADICE”

CAMPORGIANO – LU

TESTIMONIANZE / “QUANDO IL GIORNO ERA UNA FRECCIA”: UN RACCONTO SU QUEL “BENE IMMENSO CHE SI CHIAMA SCUOLA”


 ?????????????????????????????????????

Riporto con piacere questa testimonianza sul libro “Quando il giorno era una freccia” – edito da AGeSC, e da me curato – scritta da Lucia Guglietta Morgillo, da sempre impegnata nel mondo della scuola, anche con compiti ed incarichi nella stessa associazione AGeSC. La ringrazio per le belle espressioni avute nei miei confronti e per questa mia recente “fatica” editoriale su Papa Bergoglio studente, docente ed educatore. R.A.

DI  LUCIA GUGLIETTA MORGILLO

Ho trovato questo libro come un crescendo di stimoli e di provocazioni. Per me è stato così, proseguendo nella lettura sono cresciute sempre più la curiosità e l’interesse per conoscere il pensiero e l’esperienza educativa e scolastica di Papa Francesco. Roberto l’ha riportata fedelmente aggiungendo in fondo ad ogni capitolo un commento personale mai superficiale ne scontato, fino a concludere il libro con l’incontro del 10 maggio scorso che il Papa ha voluto con tutto il mondo della scuola italiana.

Mi tremano le vene ai polsi quando penso alla sua grande responsabilità nello scrivere questo libro sulla testimonianza educativa di Papa Francesco e dei suoi anni nella scuola come insegnante. Credo che egli sia riuscito in questa impresa in modo ammirabile, con grande serietà e competenza, sue caratteristiche peculiari che lo contraddistinguono come uomo e come giornalista, avvalorate anche da un accurato lavoro di ricerca e di studio.

Lo ringrazio tantissimo per questo libro che considero una grazia del Signore, donata non solo a noi genitori dell’AGeSC ma a tutti coloro che hanno fatto dell’educazione e del “prendersi cura” una missione prioritaria e da questa si lasciano provocare ogni giorno della loro vita.

È stato scritto già molto sul Santo Padre Francesco ma, secondo me, mancava un resoconto così autentico e preciso della sua esperienza nel campo dell’educazione e della scuola. Dopo aver letto questo libro sento Papa Francesco tanto vicino da essere continuamente al mio fianco perché so che ha condiviso le mie stesse ansie e preoccupazioni di educatore, sento le sue parole pronunciate nelle circostanze riportare in questo libro come rivolte direttamente a me per incoraggiarmi e sostenermi nella mia missione educativa.

Inoltre, ho trovato conferma nelle parole di Papa Francesco riportate in questo libro delle ragioni del mio compito educativo non solo verso i miei figli ma anche verso i figli degli altri attraverso il mio impegno associativo nell’AGeSC che, occorre sempre più ribadirlo, non costituisce un fatto privato ma è per la società. Dice il Papa che “l’unica ragione per cui abbiamo qualcosa da dare in ambito educativo è la speranza in una nuova umanità, in un altro mondo possibile. È la speranza che nasce dalla saggezza cristiana, che attraverso il Risorto ci rivela la grandezza divina a cui siamo chiamati”. Questa è una grande consolazione che ci permette di guardare con fiducia al futuro.

Infine, mi ha colpito moltissimo il pensiero del Papa sulla scuola quando dice che lì dentro c’è “uno sguardo che ti aiuta a crescere” e ricorda in modo speciale la sua maestra di scuola elementare che gli ha insegnato ad amare la scuola.

È un ricordo che ha suscitato in me una grande emozione e al tempo stesso nostalgia e tenerezza verso la mia cara maestra, scomparsa ultranovantenne qualche anno fa, che ho incontrato spesso da adulta insieme a mio marito e ai miei tre figli, perchè mi ha aperto “la mente e il cuore” verso il mondo all’esterno della mia circoscritta esperienza famigliare, da lei ho “imparato ad imparare”, e  questo mi è rimasto per sempre, come dice Papa Francesco, e ha fatto di me “una persona aperta alla realtà”.

Il libro si conclude con l’invito del Papa, lanciato il 10 maggio in piazza S. Pietro, a non lasciarci rubare l’amore per la scuola. È un messaggio che è entrato nei nostri cuori e che ci costringe, nonostante tutte le difficoltà e i problemi che riscontriamo quotidianamente nelle scuole dei nostri ragazzi, a salvaguardare questo bene immenso che è la scuola.

Lucia Guglietta Morgillo

INFORMAZIONI SUL LIBRO

“Quando il giorno era una freccia” è in vendita nelle migliori librerie. E’ disponibile presso Ikonos e può essere richiesto per e-mail: atempopieno@ikonos.tv o per telefono ( tel. 035 200515, fax 201041), www.ikonos.tv

Il volume è disponibile in versione e-book nelle principali librerie on-line:

Amazon

http://www.amazon.it/gp/product/B00KTJ3450?*Version*=1&*entries*=0

Google Play Books

https://play.google.com/store/books/details/Roberto_Alborghetti_Quando_il_giorno_era_una_frecc?id=HN6_AwAAQBAJ

iBooks 

https://itunes.apple.com/it/book/quando-giorno-era-una-freccia/id886754191?mt=11

Kobo

http://store.kobobooks.com/it-IT/ebook/quando-il-giorno-era-una-freccia

 

UNA PIAZZA-MEMORIALE PER CHIEDERE GIUSTIZIA: L’INIZIATIVA DI UNA PICCOLA COMUNITA’. UN VIDEO DA VEDERE…


*

Questo video racconta un umile gesto di pietà compiuto ad Ambivere (una piccola parrocchia della provincia di Bergamo) per onorare gli innocenti uccisi da Israele a Gaza nell’estate 2014. E’ un documentario che parla da sé e racconta come anche i piccoli gesti possono dare forza al processo di cambiamento. E’ una concreta testimonianza di pace, commovente ed efficace, che per intere settimane ha attirato gli sguardi dei passanti; in questi giorni di metà ottobre è ancora visibile: si trova davanti alla chiesa parrocchiale, in via Giovanni XXIII,13, Ambivere, Bg. Non è casuale il fatto che il memoriale – formato da semplici fogli che riportano i nomi delle persone perite nel massacro – sia stato allestito sulla stessa piazza-sagrato dove sorge anche il monumento ai Caduti di tutte le guerre… Memoria di ieri ed immagini che evocano le atrocità di oggi…   

Nel postare il video su YouTube, d.Emanuele Personeni scrive che “questo massacro non va dimenticato. Ma sia chiaro: non basta piangere le vittime quando sono morte, dobbiamo difenderle mentre sono vive e chiedono giustizia. Non basta commuoversi, bisogna muoversi. Alziamo la voce, ora, se non vogliamo perdere la nostra umanità. Un grazie speciale ai giornalisti di NENA-NEWS dal cui sito abbiamo attinto i dati anagrafici degli uccisi di Gaza”.


Per maggiori informazioni:
http://www.iabbok.com e http://www.bocchescucite.org

Un' immagine della piazza-memoriale realizzata ad Ambivere (Bg).

Un’ immagine della piazza-memoriale realizzata ad Ambivere (Bg).