C’E UN NUOVO AMICO CHIAMATO CARTONE! GIA’ NELLE SCUOLE I PROGETTI LUDICO-FORMATIVI DI 28 MAGIC WORLD


28MAGICWORLD1 (640x480)28MAGICWORLD2 (640x480)

 

Una scatola, un cane, un elefante, un tavolo… cosa può essere così “magico” da assumere svariate forme?

28 Magic World, brand creativo dell’azienda di imballaggi Simba Paper Design, ci svela il segreto: con creatività e ingegno anche un materiale semplice come il cartone può trasformarsi, dando vita a storie meravigliose.

Ed è proprio il cartone, grazie alla sua versatilità, il protagonista green dei progetti educational che 28 Magic World ha portato nelle classi italiane: “Il cartone cambia vita”, rivolto alle scuole dell’infanzia e primarie, e “Il cartone tiene banco” destinato agli studenti delle scuole secondarie (primo e secondo grado) così composti:

 

  • Il cartone cambia vita” contiene un soggetto a forma di animale in cartone per ciascun bambino
  • Il cartone tiene banco” indirizzato alle scuole secondarie, composto da un tavolo realizzato in cartone per ogni classe.

 

Gli alunni, a diversi livelli d’impegno, guidati dagli insegnanti delle materie artistiche, vengono chiamati a dare libero sfogo alla propria fantasia, avvicinandosi al concetto di tutela ambientale.

Ai più piccoli è stato richiesto di personalizzare, nella piena libertà espressiva, gli animali in cartone messi a disposizione, riscoprendo così la passione per le cose semplici, utilizzando la manualità, proprio come una volta, quando si giocava con acqua e farina e i pomeriggi trascorrevano all’insegna del divertimento più autentico.

 

I giovani studenti delle scuole secondarie, come dei veri artisti, dovranno invece, decorare il tavolo presente nel kit attraverso un lavoro collettivo con le tecniche più diverse, ispirandosi ai movimenti artistici o autori famosi nella storia dell’arte, incrementando la propria creatività e le conoscenze previste dal piano scolastico. Inoltre, per ciascuna opera creativa, a seconda della fascia di età, è richiesta la stesura di un elaborato testuale che descriva la riflessione svolta durante il lavoro di personalizzazione manuale.

I vincitori regaleranno alla propria scuola utili e simpatici arredi in cartone, per giocare e rendere ancora più bella e organizzata la classe.

 

Ogni scuola dovrà inviare entro giugno 2015 il materiale fotografico e/o video dei propri lavori creativi accompagnato dall’elaborato testuale all’indirizzo okay@esprithb.it.

Entro la fine di settembre 2015 una giuria selezionerà gli elaborati vincitori, assegnando i rispettivi premi.

 

Annunci

“VERDE LIBERA TUTTI” 2015: IN REGALO TUTTO QUANTO SERVE PER L’ORTO…DI CLASSE


 

 BANNER VERDE LIBERA TUTTI

PER INFO:  www.verdeliberatutti.org

*

Torna anche quest’anno, dal 13 al 19 aprile, l’appuntamento con la settimana di “VERDE LIBERA TUTTI”, l’iniziativa promossa dall’Associazione no profit  Promogiardinaggio che in questa terza edizione prevede, in particolare, il coinvolgimento di tutte le scuole primarie italiane su un tema di grande attualità e rilevanza sociale: l’orto.

Grazie alla progettazione dell’orto scolastico gli allievi compiranno così un percorso educativo di sensibilizzazione e di cura verso l’ambiente che li circonda, lavoreranno in gruppo con insegnanti e genitori per portare a termine, con il supporto di “VERDE LIBERA TUTTI”, la loro piccola produzione di frutta e ortaggi, coltivati in modo più salutare e sostenibile. Ciò consentirà loro di migliorare il proprio ambiente scolastico, conoscere le piante e i loro cicli vitali e godere infine dei risultati del lavoro fatto.

 

COME PARTECIPARE

Gli  insegnanti sono invitati a collegarsi direttamente sul sito www.verdeliberatutti.org , dove troveranno tutte le indicazioni per poter registrare subito  la propria scuola e far parte così della grande  “community”  di “VERDE LIBERA TUTTI”. Solo dopo aver effettuato  la registrazione  sarà  quindi possibile, dal 13 al 19 aprile,  caricare gli elaborati relativi al proprio  progetto di orto scolastico nella sezione “Azioni Verdi” del sito.

 

IN PREMIO 10 FANTASTICI KIT

I primi dieci progetti più votati sul sito www.verdeliberatutti.org riceveranno a settembre un kit che contiene tutto quello che serve per la realizzazione dell’orto: terra, semi e attrezzature!

 

 

 

LA TERRA DI ROBIN HOOD CONQUISTATA DA “THE GHOST BUS” (L’AUTOBUS FANTASMA). I MEDIA INGLESI: “EVENTO MEMORABILE”


Comunicato stampa a cura di ACT GROUP

Beeston, Nottingham, UK   

 

A Nottingham la “prima” mondiale del progetto che Roberto Alborghetti, Bartons PLC e ACT Group  hanno costruito attorno ad un veicolo-simbolo del trasporto inglese. Un’idea innovativa per trovare nuove espressioni all’arte visuale. 

 

FOTO: PAUL BOYD e ROBERTO ALBORGHETTI

E’ stata davvero una grande e sorprendente serata quella avvenuta a Nottingham (Regno Unito) lo scorso 27 marzo, per la “prima” mondiale dei cortometraggi “The Ghost Bus” (L’Autobus Fantasma), progetto creato e realizzato da Roberto Alborghetti con Bartons ed ACT Group. L’enorme garage Bartons a Chilwell, un tempo sede di una storica ed importante azienda inglese di trasporti, è stato trasformato in una sorta di set con tre distinti spazi che hanno ospitato un “evento memorabile”, come pubblicamente affermato  dalla signora Celia Clayton (Pin Sharp Marketing).

Molti artisti, fotografi, operatori dei media e bloggers hanno partecipato alla manifestazione considerata come una presentazione unica e speciale dei cortometraggi dedicati al vecchio “The Ghost Bus” attorno al quale Roberto Alborghetti, giornalista, scrittore e artista visuale, ha via via costruito un affascinante ed innovativo percorso. Simon Barton, titolare di Bartons PLC,  con James, Tom, Jeanie e Fiona, ha ricevuto gli ospiti presso la grande Galleria.

Marysia Zipser, fondatrice di  ACT Group, ha introdotto l’evento invitando il pubblico a muoversi e a sperimentare le diverse aree di Bartons PLC, dove è stato allestito un ambiente straordinario e magico con al centro il vecchio e storico veicolo, documentato anche in un bellissimo films in Kodachrome del 1959 che racconta la vacanza in Italia di una comitiva inglese. Un cinedocumentario unico e straordinario, che il regista professionista Bill Freeman ha recuperato e riproposto per l’evento.

Roberto Alborghetti ha raccontato come è nato e si è sviluppato il progetto e come da semplici “scatti” attorno alla “carcassa” deIla vecchia “corriera” dei Bartons egli sia riuscito a produrre una serie di suggestive e coinvolgenti immagini, poi confluite in due distinti  cortometraggi che, anche grazie ad una trascinante colonna sonora, hanno lasciato a boccaperta i numerosi ospiti invitati all’evento speciale.

L’anteprima di “The Ghost Bus” al Bartons Plc è stata veicolata da un gran numero di media, social network e bloggers. Ha fatto notizia il fatto che Roberto Alborghetti, “biografo di Papa Francesco” – come hanno scritto i giornali, riferendosi ai due libri pubblicati su Papa Bergoglio – sia stato conquistato da uno storico veicolo, considerato un emblema del trasporto pubblico del Regno Unito, leggendolo da un singolare ed innovativo punto di vista artistico. Le stesse televisioni e radio inglesi hanno dedicato interviste e spazio alla “prima” di “The Ghost Bus”. La giornalista e reporter Sharon Walia di Notts TV, ha guidato e coordinato un bellissimo documentario, mostrando come è avvenuto il processo creativo che ha portato alla produzione dei due short-films.

Impressionanti e oltremodo positivi i commenti di giornalisti e critici d’arte, come Simon Wilson (direttore di EG, The Nottingham Post), Christopher Frost (fotografo, giornalista, The Beestonian, Nottingham Daily Photo), Alison Emm (editor per lo stiloso LeftLion magazine), Emvan (Network Arti Visive dell’East Midlands), Richard Cook (curatore del Carnival of Monsters,  Festival Internazionale di Arte Contemporanea), Paul Boyd (fotografo e docente di educazione all’immagine), Robert Richardson ( scrittore e fotografo), Pam Miller (nota artista inglese). L’evento speciale ha visto la partecipazione della signora Anna Soubry, Ministro del Governo Inglese per la Sicurezza e Welfare, Membro del Parlamento Inglese,  che si è felicitata per l’evento, esprimendo calorosi commenti per l’originalità dei cortometraggi. Presente anche la signora Webb (della Webb Vehicle Collection di Suffolk, dove il vecchio autobus si trovava fino al 2012), di rappresentanti di enti e fondazioni artistici e culturali, operatori del mondo dell’’arte e gli studenti della University of Nottingham e della Nottingham Trent University.

Il grande interesse suscitato dal progetto è confermato dalle prossime “fermate” del “Ghost Bus”. Già si parla di un evento speciale presso lo storico Nottingham Heritage Centre di Ruddington, polo museale dedicato alla storia dei trasporti. Dagli USA sono giunti via web inviti a proporre i due cortometraggi al piu importante festival cinematografico americano dedicato al tema della mobilità e della strada, l’ “AutoMoto Film & Arts Festival” che si tiene a Detroit e a Monterey.

THE GHOST BUS (L’AUTOBUS FANTASMA): 
 *
VIDEOCLIP SULLA “PRIMA” DI THE GHOST BUS
 *
VIDEOCLIP: CI CREDI CHE QUEST’ARTE E’ SU UN VECCHIO AUTOBUS?

 

ASSOGIOCATTOLI E NUTRImente: RI-CREATE GIOCHI E GIOCATTOLI. RICCHI PREMI E L’ONORE DI ESSERE AD EXPOGATE 2015!!!


nutrimente logo

 

Assogiocattoli  da sempre sostiene l’importanza del giocattolo quale strumento di crescita e di  sviluppo della personalità, della conoscenza e delle capacità di relazione dei bambini di diversa età.

Assogiocattoli in collaborazione con OKAY! propone alle scuole di tutta Italia l’iniziativa dal titolo “NUTRIMENTE: il gioco è servito!”.

La finalità del progetto è quella di favorire la fantasia e la creatività degli alunni attraverso la rivisitazione di un gioco o di un giocattolo.

Si invitano le classi a scegliere un gioco/giocattolo del passato, raccontandone la sua storia, ipotizzandone una versione attuale e futuribile applicata anche alle nuove tecnologie.

Gli alunni dovranno sviluppare contenuti attraverso modalità a loro scelta: racconto, disegni, immagini, prototipi, video, ecc…

La gestione collettiva del progetto permetterà, inoltre, alle varie classi di confrontarsi con le dinamiche di un lavoro di gruppo gestito sotto la guida dell’insegnante.

I materiali pervenuti verranno giudicati da una Giuria appositamente creata da Assogiocattoli e OKAY; e saranno pubblicati sul blog www.okayscuola.wordpress.com per essere votati.

Ci saranno pertanto due tipologie di vincitori, quelli scelti dalla Giuria di esperti e quelli scelti e votati dal pubblico.

A tutti i premiati sarà offerto un buono spendibile presso le librerie Feltrinelli e le premiazioni si svolgeranno in autunno a Milano all’ interno dell’ EXPO GATE 2015.

PubliEXPOmarzoColor-04

Come partecipare

  1. Possono partecipare le scuole materne, primarie e secondarie di primo grado. Saranno previste tre diverse classifiche, una per ciascuna tipologia di scuola.

 

  1. Ogni classe partecipante presenta un unico progetto riguardante un gioco/giocattolo di qualsiasi tipologia (es: peluche, gioco da tavolo, bambola, costruzioni, gioco da esterno, veicolo, attività artistica e manuale).

 

  1. I progetti devono essere accompagnati da una relazione testuale, eventualmente completati da prototipi o da altri elaborati che si ritengono opportuni per spiegarne meglio le caratteristiche.

 

  1. Ogni elaborato dovrà riportare il nome della scuola, la classe, la sezione ed il nome dell’insegnante referente completo di indirizzo, numero telefonico ed indirizzo mail dell’istituto.

 

  1. Gli elaborati devono pervenire entro il 30 maggio 2015 al seguente indirizzo:

OKAY! c/o Casa M. E. Mazza – Via Nullo, 48 – 24128 Bergamo

 

  1. I progetti verranno visionati da una giuria composta da: un rappresentante Assogiocattoli, uno psicologo, un insegnante, un designer, il direttore di OKAY!, un rappresentante della comunicazione esprithb

 

  1. La giuria seleziona l’elaborato vincitore per ciascuna tipologia di istituto ed eventualmente altri meritevoli di menzione.

 

  1. La giuria popolare decreterà il gioco/giocattolo vincitore attraverso la votazione sul Blogokayscuola.wordpress.com

 

  1. Tutti gli elaborati selezionati verranno esposti in occasione delle premiazioni che si svolgeranno nell’autunno 2015 a Milano presso EXPO GATE.
  2. Scarica il pdf del regolamento di NUTRIMENTE:doppia pagina Nutrimente-assogiocattoli

 

lOGO-ASSOGIOCATTOLI

 

 

CREATE “RICETTE A COLORI”: LE WINX VI PREMIANO E PORTERANNO LE 3 RICETTE VINCENTI A RAI GULP


banner7x7_ricette_a_colori

 

 

Mangiare in modo sano è importante, soprattutto durante il periodo della crescita. Ecco perché le Winx hanno deciso di diventare portavoce della corretta alimentazione con un progetto diretto alle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado.  

Gli alunni con l’aiuto dell’insegnante dovranno creare una ricetta e a documentare le fasi della sua preparazione, indicando i benefici degli ingredienti scelti. Le tre migliori ricette  saranno eseguite da un “cuoco stellato”  all’interno di una puntata di Rai Gulp. Dove verranno inoltre citate le tre scuole vincitrici.

 AI FORNELLI!

Cucinare è un po’ come fare una magia: si mescolano gli ingredienti giusti, si aggiunge un po’ di creatività ed ecco pronto un piatto gustoso e sano! Ecco quello che dovete fare.

  • SCEGLIETE GLI INGREDIENTI

freschi e nutrienti, se preferite utilizzate i vostri prodotti locali. Con l’aiuto delle Winx e dell’Arcobaleno Alimentare è facile sapere tutto sugli alimenti e le loro proprietà.

Guardate attentamente il poster che abbiamo realizzato che vi guiderà in questa magia. Il poster è anche scaricabile sul sito www.winxclub.com e su www.okayscuola.wordpress.com

 

 CREATE LA VOSTRA RICETTA

La classe unisce le forze e si mette ai fornelli! Ispiratevi alle ricette tradizionali delle nonne – le nonne sono magiche – e cucinate un piatto buono è anche sano!

 

 IMPIATTATE COME GLI CHEF

Anche l’occhio vuole la sua parte! Una volta preparato mettete tutto in un piatto e rendete la vostra creazione… bellissima! Fantasia ed eleganza sono le parole d’ordine. Per scoprire tante idee andate sul sito  www.winxclub.com! e trovate ispirazione per i vostri piatti.

 

 DOCUMENTATE!

Scrivete dettagliatamente la vostra ricetta: ingredienti, quantità e tempo di preparazione. Non vi dimenticate di indicare le proprietà degli ingredienti scelti con i loro colori abbinati all’interno dell’Arcobaleno Alimentare Winx.

Completate con foto e video.  

 

 SPEDITE!

Inserite tutto il materiale in una busta insieme ai dati della scuola, classe e nomi insegnanti e spedite a: OKAY! c/o casa M. Mazza – Via Nullo, 48 – 24128 Bergamo, entro e non oltre il 30 giugno 2015.

 

Una giuria qualificata selezionerà le tre classi vincitrici (uno per ogni ordine scolastico).

 

BUONA CUCINA, BUONA MAGIA

PARTECIPATE AL SONDAGGIO SULLA “PAGHETTA”: IN REGALO DOTAZIONI DI LIBRI PER 10 SCUOLE!


Scan0003b

CONTIAMOCI è la prima indagine nazionale, promossa da CLUBINO e UBI BANCA, in collaborazione con OKAY!, sul tema del risparmio. Nella scheda qui sopra sono indicate otto domande per fare sentire la voce dei ragazzi e delle ragazze su un tema importante: come essi considerano il denaro e come essi sono capaci di farne buon uso,  perché i soldi sono il frutto del lavoro e dell’impegno dei propri genitori.

Il questionario (pubblicato qui sopra) può essere scaricato, stampato, fotocopiato ed utilizzato da più alunni della stessa classe o scuola. Una volta compilato va spedito entro il  15  GIUGNO 2015 a: OKAY!, c/o Casa M.E.Mazza, Via Nullo 48, 24128 Bergamo.

ATTENZIONE!!!

LE 10 SCUOLE CHE PARTECIPANO AL SONDAGGIO CON IL MAGGIOR NUMERO DI ALLIEVI RICEVERANNO UNA DOTAZIONE DI 20 LIBRI MESSI A DISPOSIZIONE DALLA EDITRICE VELAR DI BERGAMO

 Scan0003c

DALLA VIA EMILIA ALL’EXPO DI MILANO: ALLA SCOPERTA DELLE “ECCELLENZE” DELL’EMILIA ROMAGNA


press conference press conference

 

C’è un modo antico e nuovo allo stesso tempo per andare alla scoperta delle eccellenze dell’Emilia Romagna e dei suoi tesori, dall’ineguagliabile enogastronomia della Food Valley alla Motorvalley con i suoi inimitabili brand da sogno e alla Wellness Valley, dalla storia e cultura millenarie delle Città d’Arte alla Riviera Romagnola, passando per gli scenari dell’Appennino bianco e del Delta del Po, il benessere termale, un artigianato e un’industria manifatturiera unici e di altissimo livello e tanto altro: è la Via Emilia.

La strada voluta dal console romano Marco Emilio Lepido nel 187 a.C. e che da 2200 anni collega Rimini con Piacenza, dando il nome all’intera regione, racchiude in sè la proposta di vacanza della promozione turistica regionale per il 2015: una sorta di “gps”, simbolico navigatore satellitare, che fa da filo conduttore unendo le tantissime eccellenze del territorio (http://www.visitviaemilia.it).

Via Emilia, Experience the Italian Lifestyle” è il claim alla base del progetto, perfetta sintesi tra l’alta qualità della vita che caratterizza da sempre questa terra e la sua gente, una storia antichissima e un presente in continua evoluzione, tra innovazione e tradizione, e la ricca offerta di vacanza di una regione con una forte vocazione ad ospitare, grazie a più di 4.400 alberghi, 25 stabilimenti termali, 43 parchi divertimento, 17 stazioni sciistiche, 700 tra musei, palazzi e ville storiche e tanto altro.

 

Alla scoperta della Via Emilia in ottanta proposte

Un’ottantina i pacchetti pronti per l’Expo di Milano, proposti dagli operatori privati, e che offrono all’ospite una vacanza a 360 gradi, all’insegna del turismo d’esperienza. Non c’è che l’imbarazzo della scelta: degustazioni di prodotti tipici e piatti della tradizione, visite ad abbazie, palazzi storici, eremi e castelli, tour in bici, escursioni a piedi, voli in mongolfiera. E ancora tappe nei “santuari” motoristici emiliano romagnoli (dal Museo Ferrari di Maranello, compreso il giro sulla celebre pista di Fiorano, fino al Museo Ducati, passando per le tante collezioni private a due e quattro ruote), corsi per imparare a fare la sfoglia e riconoscere il vino, giornate in fattoria a vendemmiare e coltivare la terra, visite in acetaie, cantine, frantoi, prosciuttifici e musei del cibo, itinerari nelle città d’arte tra monumenti Unesco, splendidi centri storici e monumenti unici al mondo. E non mancano lo shopping esclusivo e il wellness termale.

Il cibo è un comun denominatore di tutte le proposte, in linea con il tema di Expo 2015 Milano, “Nutrire il pianeta, energia per il mondo”.

«Expo può essere una grande occasione per l’Emilia-Romagna- ha sottolineato alla presentazione milanese dell’iniziativa Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia Romagna- in particolare in due direzioni, quella della filiera agroalimentare e quella della promozione turistica. Per quel che riguarda l’agroalimentare, basti ricordare che siamo il territorio con il numero maggiore di prodotti dop e igp in Europa, ben 41. E, dato che la competizione si gioca sulle eccellenze, quale migliore occasione di una vetrina mondiale in cui esporre i nostri migliori ed eccellenti prodotti, che diventano al tempo stesso volano per creare una nuova e buona occupazione. L’agricoltura, l’agroalimentare e l’agroindustria come terreno per nuovi posti di lavoro. E naturalmente, altrettanto importante, c’è il fronte del turismo. Pensiamo a quale straordinaria occasione possa essere l’Expo per la nostra terra, in cui alle eccellenze presenti nelle food valley, motor valley e wellness valley, si sommano le infinite possibilità di visite tra siti Unesco, città d’arte, borghi antichi, castelli, duomi, chiese, musei, disseminati tra pianura, mare e montagna. Insomma, é un’occasione irripetibile, che andrà giocata al meglio per il “mentre” e per il “dopo”. C’è luce in fondo al tunnel, si inverte il trend e comincia ad esserci crescita, che va sostenuta ed accompagnata per dare fiducia e speranza a questo Paese».

Sempre a tema food, Apt Servizi Emilia Romagna ha organizzato, nel mese di maggio, due educational tour in collaborazione con, rispettivamente, ENAJ (European Network of Agricultural Journalists) ed IFAJ (International Federation of Agricultural Journalists), network internazionali che raggruppano giornalisti di testate specializzate in enogastronomia e agroalimentare. Una trentina di giornalisti delle due associazioni, in occasione della loro visita ad Expo Milano, faranno tappa in cantine, caseifici, aziende agricole biologiche emiliano romagnole, parteciperanno ad un corso per fare la pasta sfoglia e visiteranno il Museo del Balsamico di Spilamberto (Mo), l’Enoteca Regionale di Dozza (Bo), il Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza (Ra) e Casa Artusi, il centro di cultura enogastronomica di Forlimpopoli (Fc).

Sempre al fine di polarizzare l’attenzione sulla Via Emilia e le sue eccellenze, è previsto anche un magazine online, “Via Emilia Magazine”, che racconterà periodicamente storie curiose di personaggi e luoghi che rendono unica la Strada Statale 9.

Via Emilia: il turismo dell’esperienza attraversa l’Emilia Romagna

La Via Emilia guida l’ospite sulle tracce del turismo d’esperienza e alla scoperta delle eccellenze emiliano romagnole; la sua prima tappa è senza dubbio l’enogastronomia tipica, riconosciuta anche dai media internazionali come perfetta sintesi della migliore cucina italiana (uno su tutti, Forbes: http://www.forbes.com/sites/drosengarten/2013/11/28/italys-greatest-gastronomic-treasure-emilia-romagna-the-secrets-behind-the-secret/).

Food Valley – Ecco il paniere regionale di 41 prodotti Dop e Igp (con gli outsider Parmigiano Reggiano e Prosciutto di Parma), di 50 tra vini Doc e Docg, dei tanti piatti tipici proposti da ristoranti stellati, osterie e chioschi di street food – con la prima App nata sul mare, la Rimini Street Food. Una forte identità enogastronomica che passa dalla romagnolissima piadina ai “pisarei e fasò” piacentini (piccoli gnocchetti di farina e pane grattugiato serviti con un sugo di fagioli), dalle tagliatelle con ragù alla bolognese al gnocco fritto modenese. L’itinerario è anche un viaggio tra le aziende, i Consorzi, e i luoghi simbolo della tavola dell’Emilia Romagna, da Casa Artusi (centro di cultura enogastronomica dedicata al padre della cucina regionale italiana, Pellegrino Artusi) all’Alma di Colorno (Pr), la Scuola Internazionale di Cucina diretta dal maestro Gualtiero Marchesi.

Motorvalley – L’Emilia Romagna è poi, da sempre, la Terra dei Motori, una Motorvalley che per storie e brand non ha eguali al mondo. Lungo la Via Emilia sono nati miti a due e quattro ruote quali Ferrari, Maserati, Lamborghini, Pagani, Ducati, De Tomaso, Dallara, Morini, vere e proprie eccellenze imprenditoriali frutto di una regione da sempre tecnologicamente all’avanguardia. Nei circuiti e autodromi della Motorvalley emiliano romagnola ogni anno si tengono rievocazioni storiche, mostre mercato di auto e moto, nonché le tappe della Moto GP e del Campionato Superbike di motociclismo, mentre grazie alla passione di tanti privati è possibile ammirare, tra Rimini e Modena, 12 collezioni di auto e moto uniche nel loro genere.

Italian Style – Motori, ma anche alta moda all’insegna dell’Italian Style lungo la Via Emilia, dallo stile inconfondibile di Giorgio Armani alle linee di Max Mara, da Blumarine ad Alberta Ferretti, passando per lo “shoe district” di San Mauro Mare, nell’immediato entroterra della Riviera Romagnola, con brand quali Sergio Rossi, Vicini e Giuseppe Zanotti Design.

Arte e Cultura – Storia millenaria, architettura internazionale, musei e monumenti Patrimonio Unesco: le città d’arte dell’Emilia Romagna sono veri e propri scrigni di cultura e conoscenza, vetrine d’eccellenza della “Grande Bellezza” italiana. La Rimini romana, città d’arte e capitale europea della vacanza balneare, Ravenna e Faenza con i mosaici e le ceramiche artistiche, Cesena con la Biblioteca Malatestiana, Bologna con i suoi 47 km di porticati, la millenaria Università e l’innovativo progetto Genus Bononiae. E ancora Parma, Modena, Ferrara con i fasti delle loro antiche signorie, Reggio Emilia, “casa” del tricolore italiano e Piacenza con i suoi palazzi e antiche corti. Città d’Arte, ma anche città della musica che hanno dato i natali a nomi iscritti nel firmamento musicale mondiale, da Giuseppe Verdi e Arturo Toscanini a Luciano Pavarotti, e sono diventate il palcoscenico di riferimento di personaggi del calibro del maestro Riccardo Muti. Per non parlare di prosa e lirica, protagoniste nei 100 teatri emiliano romagnoli (una delle più alte densità d’Europa), e di cinema, pittura e letteratura. La Via Emilia è stata la culla di maestri del grande schermo come Federico Fellini, Michelangelo Antonioni, Pierpaolo Pasolini e Bernardo Bertolucci, di pittori come Guercino, Carracci, Guido Reni e Giorgio Morandi, e poeti e scrittori del calibro di Ludovico Ariosto, Giovanni Pascoli, Cesare Zavattini, Leo Longanesi, Tonino Guerra e tanti altri.

Wellness, Bike Tourism e Vacanza Attiva – Lungo la Via Emilia si alternano 25

centri termali, ospitati in 19 località, in grado di offrire trattamenti all’avanguardia e di regalare relax e wellness, grazie a strutture dotate di piscine termali, grandi parchi e fonti con acque dalle proprietà benefiche. Lo sport è di casa sull’Appennino a cavallo tra Emilia Romagna e Toscana, in inverno con oltre 300 km di piste, 3000 km per lo sci di fondo, 14 snowpark per gli appassionati di snowboard e tanti itinerari con ciaspole e sleddog, e in estate con percorsi di trekking, per mountain bike e a cavallo. Gli appassionati di cicloturismo non hanno che l’imbarazzo della scelta: l’Emilia Romagna è la prima regione in Italia per diffusione di piste ciclabili, con ben 8 capoluoghi in classifica (in testa Reggio Emilia con 10 Km di percorsi “green” per ogni 10.000 abitanti, seguita da Ferrara e Modena con 9 Km), e, per chi “ha gambe”, ben 8.000 chilometri di percorsi stradali, piste ciclabili e tracciati sterrati. E non mancano i Bike hotels specializzati nell’accogliere i cicloturisti, con officine attrezzate per le bici, menù calibrati per apporto calorico, guide con percorsi suggeriti.

Mare, Relax e Divertimento – A pochi km dalla Via Emilia, ecco il fascino del Delta del Po, da scoprire in bici, lungo 120 km di piste ciclabili, o a cavallo, tra birdwatching, artigianato ed enogastronomia tipici. Ancora qualche chilometro di Via Emilia verso sud, ed ecco la Riviera Romagnola, con i suoi 110 km di spiaggia dorata, 15 parchi divertimento (la più alta concentrazione d’Italia, definita Riviera dei Parchi), oltre 3.000 alberghi, più di 1.400 stabilimenti balneari “full optional” e, ciliegina sulla torta, una rilassante e dinamica Wellness Valley con un magico entroterra, e tante località per la vacanza di tutta la famiglia.

 

“MIA AND ME”: A PRATO E RIMINI LE ANTEPRIME DELLA SECONDA SERIE…E VI RICORDIAMO DI SCRIVERE UNA STORIA FANTASTICA!


MIAandME A4 (566x800)

 

CLICCA QUI PER SAPERE TUTTO SU “MIA AND ME”

 

http://www.giomettirealestatecinema.it/cinema/eventi/scheda/307

 

***

PARTECIPA A “MIA AND ME: UNA STORIA FANTASTICA”

LEGGI QUI IL REGOLAMENTO:

https://okayscuola.wordpress.com/mia-and-mescrivi-una-storia-fantastica/