FIRENZE: LE “SORPRESE” DELLA BIBLIOTECA “LEVASTI” DOVE TRA 30.000 VOLUMI C’E’ ANCHE UNA GRANDE COLLEZIONE SU “PINOCCHIO”


 

FIRENZE, BIBLIOTECA "LEVASTI", LA SALA DI LETTURA

FIRENZE, BIBLIOTECA “LEVASTI”, LA SALA DI LETTURA

 

Il prossimo 11 marzo (ore 17,30) la “Sala Chiostrini” (Convento San Marco) ospiterà l’evento di presentazione del volume “Quando il giorno era una freccia”.

 

GUEST WRITER: Carmelina Rotundo

 

La prima pagina del registro dei frequentatori, anzi degli appassionati, della biblioteca «Arrigo Levasti» porta la data del 15 novembre 1979. Il professor Arrigo Levasti, nel 1973, anno della sua morte, donò tutta la parte «spirituale» della sua biblioteca al convento di San Marco di Firenze a due condizioni: primo, che il materiale librario non venisse fuso con quello della comunità, secondo, che fosse accessibile al pubblico. All’iniziale fondo Levasti di 7450 preziosi volumi si aggiunsero via via molte altre raccolte o per donazioni o per acquisti fino a raggiungere la ragguardevole cifra di 30.000 volumi. Tra le “specialità” della biblioteca ci sono alcune sezioni particolarmente curate e nutrite quali la tanatologia, Martin Lutero, Nietzsche, Meister Eckhart, Jaques Maritain, e un settore collodiano con diverse edizioni di Pinocchio, una curiosità nel contesto di questa biblioteca, ma che sta ad indicare come,  pur essendo una biblioteca specializzata nella spiritualità, spazi poi anche in altri ambiti con una ricchezza e ampiezza inusuale per questo tipo di biblioteche.

La Biblioteca “Arrigo Levasti”, dopo essere stata ospite per molti anni dei locali interni del Convento di San Marco, oggi ha una sede propria negli antichi annessi del Convento, in via della Dogana, accanto alla “Sala Chiostrini” adibita alle conferenze, alle mostre e ad altri eventi culturali, come la imminente presentazione del libro “Quando il giorno era una freccia”, di Roberto Alborghetti, Edizioni AGeSC (11 marzo, ore 17,30). La Biblioteca così usufruisce di più ampi spazi, per deposito libri e studio.  I Padri Domenicani si sono impegnati in questa opera culturale in continuità con l’antica Biblioteca di Michelozzo, che risultò essere la prima che aprì i battenti al pubblico, affinché, secondo il carisma dell’Ordine Domenicano, possa essere presente nella chiesa un servizio alla sapienza e alla verità.

 

 

LA BIBLIOTECA OFFRE:

Accessibilità a tutti.

Sala lettura con 10 posti.

Possibilità di uso PC portatili.

Collegamento Internet anche tramite wireless.
Computer dedicato all’utenza per ricerche sul catalogo.

Assistenza per consultazione, recupero documenti, ricerche on-line.

Fotocopie e riproduzioni A4 e A3 secondo le norme di legge.
Prestito di un massimo di tre volumi per un mese a studiosi, studenti, ricercatori.

Consultazione e lettura di CD Rom, libri esclusi dal prestito, riviste.

 

CONSISTENZA:
30.000 VOLUMI MONOGRAFICI
188 RIVISTE

 

RICHIEDE:

La firma sul registro d’ingresso.

Il deposito di borse e cartelle negli appositi armadietti ritirando la chiave.

Di mostrare i libri personali per lo studio individuale.

Di lasciare i libri della biblioteca sul tavolo di lettura.

Di spegnere il cellulare.

 

FIRENZE, BIBLIOTECA "LEVASTI", LA SALA DI LETTURA

FIRENZE, BIBLIOTECA “LEVASTI”, LA SALA DI LETTURA

 

RIVISTA DI ASCETICA E MISTICA

L’attività della Biblioteca è strettamente legata a quella della Rivista di Ascetica e Mistica. Molto del materiale librario in essa contenuto deriva infatti dall’attività della Rivista, soprattutto la presenza di numerosi periodici ricevuti in cambio e numerosissimi volumi ricevuti per recensione. D’altra parte la comunanza dell’ambito in cui le due istituzioni operano fa sì che quanti collaborano alla Rivista possono avvalersi di un ricchissimo patrimonio di letteratura specializzata, a livello di fonti, di monografie e di opere di consultazione. Tale legame ha inizio con la stessa donazione di Arrigo Levasti dato che la decisione dell’insigne studioso di lasciare al Convento di S. Marco i suoi preziosi volumi nasce principalmente dai rapporti di amicizia e di collaborazione che lo legavano a P.Innocenzo Colosio ( che io personalmente ho avuto l’ onore di conoscere; Padre Colosio per me è stato uno dei grandi maestri della mia vita, come scrivo nel volume edito da Cultura Editrice) direttore della Rivista. La sinergia tra la biblioteca e il periodico è andata poi via via intensificandosi al punto che la Biblioteca “Levasti”, la Rivista di Ascetica e Mistica, nonché la “Sala Chiostrini” per le conferenze, sono parti di un unico progetto: fare del Convento di S. Marco, nella scia della sua lunga e gloriosa tradizione storico-culturale, un centro specializzato di studio e divulgazione della Spiritualità.

 

CONVENTO DI SAN MARCO

BIBLIOTECA DI SPIRITUALITA’

“ARRIGO LEVASTI”

Ingresso:

Via della Dogana, 9 r – Firenze

Tel. 055 2645200

 

E-mail: levasti@alice.it

 

Recapito Postale:

Biblioteca “A. Levasti”

via Cavour, 56

50129 Firenze

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...