BENVENUTI ALLA MOTOR VALLEY DELL’EMILIA ROMAGNA! EVENTI, MUSEI E COLLEZIONI UNICI AL MONDO!


!cid_45D0B74E-11D9-4F2C-819A-8DD05698F66B (800x501)

La Motor Valley dell’Emilia Romagna è unica, con aziende motoristiche, autodromi, collezioni di auto e moto d’epoca, eventi e gare internazionali. Visitatori da tutto il mondo per il Museo Ferrari di Maranello e per il Museo Enzo Ferrari di Modena.  Info e pacchetti turistici su www.motorvalley.it

 *

L’Emilia Romagna possiede un “parco” dedicato ai motori unico. E’ un territorio, in gran parte legato alla Via Emilia, che vanta una storia a due e quattro ruote fatta di passione, tenacia, ingegno, capacità imprenditoriali e tanto “capitale umano”. Basta qualche nome per capire di quale patrimonio stiamo parlando: Ferrari, Ducati, Lamborghini, Maserati. In quale altro posto al mondo esiste una concentrazione di miti motoristici di questo livello? Senza contare i circuiti, le favolose collezioni private di auto e moto d’epoca, i grandi campioni e i musei.

Il denominatore comune di questo patrimonio è la passione abbinata alla competenza, un binomio che anima le case costruttrici e provoca l’entusiasmo e la partecipazione con cui sono vissuti gli appuntamenti agonistici. Senza dimenticare lo sviluppo tecnologico che consente alle case costruttrici di essere all’avanguardia nelle manifestazioni e sui mercati internazionali. La passione per le due e quattro ruote ha portato un crescente e continuo flusso di turisti italiani e stranieri.

 

Motor Valley: un marchio che significa eccellenza

Il marchio Motor Valley (www.motorvalley.it) è nato proprio per promuovere questo grande “parco” dei motori che vanta 188 team sportivi (tra club e scuderie), 13 musei, un circuito di 12 collezioni private, 4 autodromi, 11 kartodromi e vari circuiti. Le piste più famose sono note in tutto il mondo: l’autodromo Enzo e Dino Ferrari a Imola (Bo), il Misano World Circuit Marco Simoncelli (Rn), il Riccardo Paletti a Varano Melegari (PR)  e l’Autodromo di Modena, a Marzaglia. Attenti all’innovazione e al futuro sostenibile, i responsabili del circuito modenese organizzano anche ecomaratone di veicoli a emissioni zero e corsi di “green drive” per imparare a guidare ottenendo una riduzione nei consumi di carburante.

Nell’ambito di Motor Valley operano inoltre specialisti del restauro di auto e moto d’epoca, oltre ad imprese di eccellenza nel design e nella produzione di accessori, parti e componenti, centri di ricerca e sviluppo, collezioni e musei pubblici e privati. Sono inoltre lanciate attività formative a livello professionale ed universitario, iniziative culturali e formative per valorizzare e preservare questo patrimonio di competenza e passione per trasferirlo alle nuove generazioni.

 

Pacchetti turistici tutto l’anno per una vacanza da ricordare

La passione per le due e quattro ruote ha portato un crescente flusso di ospiti italiani e stranieri. Oltre a seguire gli itinerari motoristici, la Motor Valley offre anche l’occasione per scoprire le proposte culturali, paesaggistiche ed enogastronomiche dell’Emilia Romagna. Agli eventi, ai musei e alle collezioni private delle due e quattro ruote sono legati pacchetti turistici per tutto l’anno. Info: www.motorvalley.it.

 

!cid_F4735098-B34E-4769-A0E1-5D9C6A1D8612 (800x531)

Il mito della Ferrari racchiuso in due “Louvre” dei motori

A Maranello il Museo Ferrari (www.museoferrari.com) ha raggiunto picchi d’affluenza da record. Da non perdere la suggestìva Sala delle Vittorie che celebra i successi più recenti della Scuderia del Cavallino. Ai più giovani è dedicato il nuovo laboratorio didattico Red Campus, uno spazio interattivo per esercitazioni e simulazioni.

Grande successo anche per il Museo Casa Enzo Ferrari, a Modena (www.museocasaenzoferrari.it), una struttura di 5000 mq dedicata a Enzo Ferrari e all’automobilismo sportivo. Fa parte del complesso museale la casa in cui il Drake nacque nel 1898 e alla quale è legata una galleria espositiva, coperta da un “cofano” di alluminio giallo che l’avvolge come una sorta di mano aperta. Nel corso dell’anno il Mef ospita diverse mostre tematiche ed è dotato di un Centro di Documentazione, computer-room e spazi dedicati ad eventi e ad attività didattiche e seminariali.

Tra le esposizioni, nel 2014 c’è stata anche la mostra “Maserati 100, a Century of pure italian luxury sports car” con alcune delle più importanti Maserati stradali e da competizione. La mostra fa parte delle iniziative legate al Centenario della Casa del Tridente, nata a Bologna e trasferita a Modena alla fine degli anni ’30, con lo stabilimento che sorge a poche centinaia di metri dal Mef. La Maserati ha realizzato un logo speciale dedicato alla ricorrenza e aperto il sito www.maserati100.com in cui si possono trovare i momenti salienti della sua storia.

 

Altri musei unici che esaltano tradizione e innovazione

Motor Valley offre agli appassionati la possibilità di visitare anche altri  “santuari dei motori” con itinerari personalizzati e tour organizzati. A Bologna l’archivio storico e il Museo Ducati (www.ducati.it) sono diventati Bene Storico del Territorio. L’esposizione raccoglie le testimonianze di oltre mezzo secolo di competizione dell’azienda di Borgo Panigale, fondata dai fratelli Ducati nel 1926. Dal Cucciolo alla Desmosedici, la storia è raccolta in un particolare e originale ambiente, caratterizzato da un grande casco rosso centrale a cui fanno da corona 33 mitiche moto poste su una pista illuminata.

Alla Lamborghini, che nel 2013 ha festeggiato il Cinquantenario, sono dedicati due musei. Uno, nella sede storica di Sant’Agata Bolognese e inaugurato nel 2001 (www.lamborghini.com), ripercorre tutte le tappe salienti della storia del marchio: dalla 350 GT – il primo modello realizzato da Ferruccio Lamborghini nel 1964 – all’Aventador Roadster del 2013, suggestivamente appesa a una parete. L’altro, il Museo Ferruccio Lamborghini, recentemente trasferito nella nuova sede di Funo di Argelato, rappresenta invece un viaggio attraverso la storia e gli oggetti più rappresentativi che hanno contrassegnato la vita del suo fondatore, oltre ad accogliere tutta la sua geniale produzione industriale (www.museolamborghini.com).

A Coriano, sulle colline riminesi, si può visitare “La Storia del Sic”, il Museo dedicato alle vicende sportive e alla vita di Marco Simoncelli. In tre sale tematiche, attraverso i caschi, le tute, le moto e tante immagini si snoda il “racconto” del campione romagnolo, dalla 125 cc alla Moto GP (www.lastoriadelsic.com). Sempre a Coriano, dove anche lo street artist riminese Eron ha fatto una dedica a Simoncelli, ritraendolo sulle pareti esterne del Palazzetto dello Sport, è stato inaugurato un particolare monumento: si tratta di una grande marmitta che ogni domenica, all’imbrunire, si “accende” con una lunga fiammata per 58 secondi, tanti quanti il numero di Simoncelli in pista.

 

Appuntamenti mondiali, rievocazioni storiche, mostre scambio da record

Anche quest’anno il “Circus” della Moto GP ha festosamente invaso, nel secondo week end di settembre, il Misano World Circuit intitolato a Marco Simoncelli, con presenze record:. 92.000 spettatori la domenica per un totale – nei tre giorni dell’evento – di  152.394, persone. E il piazzamento di Valentino Rossi, in quella fase leader della classifica mondiale, ha ulteriormente scaldato il popolo dei motori. Questo importante appuntamento internazionale, confermatissimo anche per il 2016, rappresenta per tutto il territorio una grande risorsa in termini di immagine, presenze turistiche e prestigio. Il Misano World Circuit (www.misanocircuit.com) è da sempre un contenitore di manifestazioni sportive di profilo mondiale, un punto di riferimento della passione per i motori in una terra che ne è culla. Misano, che ogni anno riunisce intorno alla passione per i motori oltre 500mila presenze, ospita anche gli appuntamenti sulla Pista Flat Track del programma Vr46 Rider’s Academy, con Graziano Rossi partner del progetto e Valentino Rossi spesso presente come docente di eccezione, assieme ad Andrea Dovizioso. Il circuito di Misano è protagonista, assieme all’Enzo e Dino Ferrari di Imola, anche del Mondiale Superbike per un’accoppiata che caratterizza solo altri sei circuiti nel mondo. A Imola l’appuntamento del Mondiale SBK si è svolto dall’8 al 10 maggio (www.autodromoimola.it).

Nell’ambito di Modena Terra di Motori, la più importante manifestazione automobilistica italiana “en plein air”, nel settembre 2015 si è svolta una nuova edizione di Modena Motor Gallery, il Salotto Buono del motorismo italiano. Si tratta di una Mostra/Scambio di auto e moto d’epoca made in Italy che quest’anno ha presentato una novità: ha infatti “aperto” i battenti anche alle auto e moto d’epoca straniere. La Mostra/Mercato, che promuove non solo le eccellenze motoristiche ma anche i prodotti tipici del territorio, si svolge nei padiglioni di ModenaFiere. Tra le novità 2015 anche un concorso fotografico gratuito e aperto a tutti con un workshop dedicato alla fotografia legata al mondo dei motori (www.motorgallery.it).

Accanto ai tanti raduni e gare non mancano gli appuntamenti dedicati a chi al rombo dei potenti motori di oggi preferisce la “musica” di quelli di ieri. Tra le manifestazioni di maggior prestigio c’è la Mille Miglia che quest’anno si è svolta dal 14 al 17 maggio. Fra le tappe 2015 c’erano Rimini e Parma. 


Info: www.1000miglia.eu

Altro grande evento è il GP Terre di Canossa che nel 2015 si è svolto dal 16 al 19 aprile tra Emilia, Liguria e Toscana, lungo le millenarie strade di Matilde di Canossa. Un viaggio nel tempo e tra le bellezze straordinarie di questi territori e delle sue eccellenze. La manifestazione permette infatti di vivere anche un emozionante percorso enogastronomiche tra le ricette della tradizione e la creatività dei migliori chef stellati (www.granpremioterredicanossa.it).

A maggio – nel bolognese – si è svolta la Cronoscalata Bologna-Raticosa, rievocazione per auto d’epoca di una tra le più affascinanti ed impegnative cronoscalate italiane degli Anni ’50. Spettacolare anche la Bologna-San Luca, gara di velocità in salita per auto storiche. E’ una manifestazione altamente spettacolare che porta le vetture sotto l’arco del Meloncello per poi salire verso la Basilica di San Luca: due chilometri mozzafiato. Info: www.bolognasanluca.it

Grande partecipazione, anche quest’anno, alla Mostra Scambio di auto e moto d’epoca organizzata dal Crame all’Autodromo “Enzo e Dino Ferrari” di Imola: lungo i 5 km. del circuito si possono trovare pezzi unici per un appuntamento che sta diventando tra i più interessanti anche a livello internazionale (www.autodromoimola.it).

 

 

“QUI CI CASCO!”: SCATENATE LA FANTASIA PER “PRIMI IN SICUREZZA N.14”. ECCO IL BANDO.


DSCN0005“PRIMI IN SICUREZZA” La prevenzione si impara a scuola: idee, ricerche, proposte e messaggi. XIV EDIZIONE, Promossa da ANMIL,Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro, e da OKAY!

“SICUREZZA: QUI CI CASCO!”

PRIMI IN SICUREZZA_XIV ed_scheda partecipazione

Testi, video, grafica e musica: il mondo della multimedialità per invitare gli studenti italiani a riflettere sui temi della sicurezza, avvicinandoli – con la collaborazione di docenti e genitori – alla realtà della prevenzione come strumento per risolvere il fenomeno degli incidenti e degli infortuni sul lavoro e negli ambienti della vita sociale. È questa la finalità della XIV edizione di PRIMI IN SICUREZZA, campagna-ricerca che si rivolge alle scuole dell’infanzia, primarie, secondarie di primo e secondo grado.

Classi scolastiche e singoli ragazzi, di ogni ordine scolastico e grado (Scuole infanzia, primarie e secondarie di 1° e 2°) potranno prendere parte alla “campagna” producendo e realizzando, entro la data del 31 MARZO 2016, lavori, ricerche ed elaborati sul tema della sicurezza e della prevenzione degli incidenti e degli infortuni sul lavoro.

 

Quest’anno PRIMI IN SICUREZZA presenta una grande novità. Il percorso didattico e la stessa assegnazione dei premi finali non faranno più riferimento agli ordini e ai gradi scolastici, ma alle categorie di partecipazione. Dunque, un cambiamento che lascerà alle scuole la possibilità di esprimersi nella più totale creatività, elaborando e progettando lavori didattici nella sezione preferita o, addirittura, in più sezioni, adottando il criterio della interdisciplinarietà delle materie. Inoltre, il tema-slogan suggerito (“Sicurezza: qui ci casco”) si presta ad essere interpretato con grande fantasia e creatività, a partire proprio dal gioco di parole rappresentato dalla parola-verbo “casco”.

 

PRIMI IN SICUREZZA 2015-2016 è strutturato in quattro percorsi espressivi e precisamente:

A – CATEGORIA GRAFICA E DISEGNI

B – CATEGORIA TESTI E RICERCHE

C – CATEGORIA VIDEO E WEB

D – CATEGORIA RAP

 

A – CATEGORIA GRAFICA E DISEGNI

“Scatenate la fantasia e create un messaggio grafico per prevenire gli incidenti sul lavoro”: questo l’invito rivolto alle classi ed ai singoli che vogliono lavorare a suon di pastelli, tempere e Photoshop.

Il tema del “casco” si presta ottimamente per questa sezione, invitando tutte le scuole a creare, ideare e realizzare – in mille modi – il “casco” della sicurezza, visto e letto nei modi più diversi, ma con l’elemento comune che il casco è simbolo di tutela e protezione.

Come si sa, la sensibilizzazione è importante sul tema degli incidenti sul lavoro. Prevenire è meglio che curare, si dice. Come scuotere l’opinione pubblica su questo problema? Come richiamare l’attenzione sulla necessità di creare migliori condizioni di sicurezza sul lavoro? Si propongono queste attività didattiche: creazione di poster, disegni, fumetti, cartoline, t-shirt e oggetti vari con un messaggio che aiuti a prendere coscienza del problema degli incidenti sul lavoro o della necessità di prevenirli.

Altre proposte di attività: realizzazione di tabelloni con i principali segnali di sicurezza sul lavoro; ideazione di un gioco da tavola con i vari cartelli (di divieto, di avvertimento, di prescrizione, di salvataggio e così via); ideazione di un nuovo segnale di sicurezza che, secondo la vostra fantasia, può essere utile per chi lavora gioco-quiz su cosa prevedono le normative in caso di antincendio, uso di dispositivi di protezione individuale, uso di strumenti video, lotta ai rumori; creazione di un gioco quiz, relativo ai dispositivi di sicurezza e alle norme previste dalla legge.

 

B – CATEGORIA TESTI E RICERCHE

È la sezione che consente di approfondire, dibattere e raccogliere dati e notizie sul fenomeno delle morti bianche. Anche in rete la documentazione è ormai vasta sull’argomento. Lo stesso sito dell’ANMIL offre dati e notizie in gran quantità.

Come attività didattiche suggeriamo di:

  • Raccogliere e commentare articoli e servizi giornalistici sul tema degli incidenti per poi redigerne testi relativi, ad esempio, all’incontro con un imprenditore della vostra città o del vostro paese per intervistarlo sulla prevenzione e sulla sicurezza. Interessante anche raccontare la visita ad una fabbrica o ad un ufficio per descriverne gli impianti, le attrezzature, le condizioni di sicurezza;
  • Intervistare una persona che ha vissuto l’esperienza di un infortunio sul lavoro e chiedere: “Che cosa accade durante un incidente? Che tipo di conseguenze può comportare sul fisico e nella vita quotidiana? Che sentimenti e che stati d’animo provoca?”;
  • Incontrare un medico che illustra le conseguenze fisiche (menomazioni, difficoltà di movimento ecc.) connesse con un infortunio sul lavoro; proporre testimonianze di fatti dolorosi che hanno fortemente impressionato l’opinione pubblica; commento su alcune delle principali disposizioni di Legge in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro; ricerche su cosa prevedono, in materia di sicurezza, le leggi italiane e perché è importante la tutela dei lavoratori.

 

C – CATEGORIA VIDEO E WEB

Perché non creare un sito o un blog su PRIMI IN SICUREZZA, facendovi confluire i vostri elaborati? E perché non realizzare, con i vostri smartphones, anche piccoli video con racconti, interviste, testimonianze di chi ha vissuto l’esperienza di un incidente sul lavoro? Ecco le due “sfide” lanciate dalla Categoria C. Ecco alcuni suggerimenti, che partono dalle domande: si parla in famiglia dei rischi negli ambienti di lavoro? I genitori confidano ai propri figli di lavorare in condizioni di disagio e di pericolo? Qualche genitore è stato vittima di incidenti sul lavoro?

Come attività didattiche suggeriamo di:

  • Raccogliere con videocamere e smartphones testimonianze tra le famiglie degli alunni per verificare se incidenti sul lavoro hanno coinvolto mamma, papà o un parente;
  • Fare un sondaggio tra le famiglie degli alunni sui principali rischi degli ambienti di lavoro;
  • Raccogliere tra le famiglie degli alunni commenti e pensieri sulle paure e sui timori che i genitori provano in un ambiente di lavoro;
  • Chiedere ai genitori se le condizioni di sicurezza sono effettivamente rispettate negli ambienti di lavoro.

 

D – CATEGORIA RAP

Considerato il grande successo della scorsa edizione, torna la gara riservata all’ideazione e produzione di brani di musica Rap. Viene dunque rilanciato lo slogan: “Tutti in RAP per dire basta agli infortuni sul lavoro e per dire che occorre Ridurli Anzi Prevenirli”. I partecipanti a questa sezione potranno inviare composizioni vocali, musicali e testuali che, in stile rap, affrontano le tematiche della prevenzione degli incidenti sul lavoro. È un modo efficace per raccontare, con il linguaggio di un genere musicale e dei giovanissimi, le urgenze e le emergenze del fenomeno della “insicurezza” degli ambienti lavorativi. E ovviamente occhio al tema-slogan del “casco” che può suggerire brani di grande effetto, anche sul piano dei testi.

 

Le modalità di composizione ed espressione sono libere, come appunto deve essere un RAP. I pezzi potranno essere presentati sottoforma di videoclip, brani mp3 e testi, da caricare sui comuni supporti elettronici (pendrive, cd o siti web). Ci potrà essere un accompagnamento musicale o anche la sola esecuzione vocale. E per chi non ce la fa proprio a cantare, è sufficiente produrre un testo, una semplice “filastrocca Rap” dove sia evidente il messaggio antinfortunistico. Per questa sezione i migliori RAP scelti dalla Giuria tecnica verranno pubblicati sul sito di ANMIL.

 

MODALITÀ DI ADESIONE E SCADENZE

I lavori di PRIMI IN SICUREZZA potranno essere eseguiti in piena libertà espressiva e creativa. Accanto alle piste suggerite, potranno esserne sviluppate altre, secondo gli interessi e le attenzioni di ogni singola classe i temi.

 

Tutti i lavori di PRIMI IN SICUREZZA dovranno pervenire entro il 31 MARZO 2016 alla redazione di OKAY! al seguente indirizzo: OKAY! PRIMI IN SICUREZZA, presso Casa M. E. Mazza, Via Nullo n. 48 – 24128 Bergamo.

 

I lavori non si restituiscono. Si invitano le classi a conservarne una copia (o fotocopia).

Ogni lavoro dovrà riportare in modo chiaro i riferimenti della Scuola e degli autori compilando la scheda scaricabile dal sito di OKAY! (www.okayscuola.wordpress.com) o dell’ANMIL (www.anmil.it) dove potrete trovare tutte le informazioni.

In ogni caso è indispensabile indicare: nome della scuola, indirizzo completo, località e provincia di residenza, nominativo del docente referente, numero telefonico e e-mail.

 

PREMI E RICONOSCIMENTI

La comunicazione dei vincitori avverrà con pubblicazione degli esiti della Commissione giudicatriceentro il 10 MAGGIO 2016 sui siti di ANMIL e OKAY! oltre che direttamente alle scuole vincitrici a mezzo posta elettronica.

Una commissione di esperti valuterà insindacabilmente i lavori pervenuti ed assegnerà premi e riconoscimenti suddivisi per LE CATEGORIE DI PARTECIPAZIONE, che sono rivolte indistintamente a tutti gli ordini scolastici: Scuole dell’infanzia, Scuole primarie, Scuole secondarie 1°, Scuole secondarie 2°.

È prevista l’assegnazione di premi di utilità didattica ai primi 3 vincitori di ciascuna categoria.

Okay! ed ANMIL si riservano il diritto di promuovere iniziative ed attività (mostre, convegni, ecc.) con il materiale pervenuto.

L’iniziativa si chiuderà con una Cerimonia di premiazione nazionale che si svolgerà a Roma entro la fine dell’anno scolastico 2015/2016.

PRIMI IN SICUREZZA_XIV ed_scheda partecipazione

 

LA FIABA-CORTOMETRAGGIO SULL’ABITO VULCANO IN ANTEPRIMA IL 20 DICEMBRE A PIANCASTAGNAIO (MONTE AMIATA, SIENA)  


 

Domenica 20 dicembre, alle ore 17, presso il teatro Comunale di Piancastagnaio, avrà luogo la presentazione in prima assoluta, come dono alla cittadinanza, del cortometraggio “La Principessa, il Fuoco e il Castello” realizzato da Roberto Alborghetti e Mitrani Yarden presso la Rocca Aldobrandesca. Si tratta di documento particolare, che presenta il capo di alta moda “Vulcano Amiata” realizzato sulla base di una fotografia astratta che Roberto Alborghetti aveva scattato ad un vecchio bus inglese custodito a Nottingham. Come si ricorderà, alla fine dello scorso ottobre, nell’ambito di  “Penne e Video Sconosciuti” promosso da Osa Onlus, era stato proiettato il video girato appunto in Inghilterra, attirando anche la partecipazione di una delegazione inglese.

In quelle stesse giornate è stato prodotto quella che è una vera e propria fiaba moderna, ambientata alla Rocca Aldobrandesca, che fa da suggestivo elemento architettonico alla storia fantastica intitolata “La Principessa, il Fuoco e il Castello”. Il cortometraggio, interpretato da Ginevra Bertolani, con musiche originali di Eylon Malhi, è un suggestivo racconto per immagini che si snoda all’interno dell’antico castello e costituisce, per Piancastagnaio, una ulteriore opportunità per promuovere le bellezze artistiche e storiche del proprio territorio.

Il cortometraggio è ora anticipato dall’uscita di un e-book, disponibile dal 1° dicembre nelle librerie online, che presenta, in una narrazione testuale e per immagini, la favola sull’Abito Vulcano, sempre ambientata dentro ed attorno la Rocca Aldobrandesca di Piancastagnaio. La presentazione in anteprima del cortometraggio offrirà l’opportunità di parlare di un progetto del quale ha recentemente scritto la prestigiosa rivista americana “Arts & Cultural Strategies” diretta da Renèe LaVerne Rose. Tra l’altro, il 21 dicembre previsto anche un incontro con gli studenti del corso per designers presso L’Istituto Avogadro di Abbadia San Salvatore. Hanno collaborato nella realizzazione del cortometraggio: Natalia Scalacci ( Makeup and Hair stylist di Free Style), Nicola Cirocco e Patrizia Sapri.

L’evento sarà concluso dalla consegna al Sindaco Luigi Vagaggini della nuova edizione della biografia storica illustrata “Francesco” scritta da Roberto Alborghetti per l’Editrice Velar. Si tratta di una monumentale opera editoriale che ricostruisce, con documenti inediti ed una serie di straordinarie immagini, la vita di Papa Francesco, a partire dalle origine italiane della sua famiglia fino ai giorni nostri.

 

LIBRERIE ON LINE:

NINEVA

http://www.nineva.com.tr/marna/alborghetti-roberto-mitrani-yarden/the-princess-the-fire-and-the-castle-9788866700883.htm

 

 

MyBook

https://mybook.is/alborghetti-roberto-mitrani-yarden/the-princess-the-fire-and-the-castle/

 

9 am

http://www.9am.it/sito/Catalog/Language0/Default.aspx?template=ebookDettaglio.html&ck=WRWIORYWPY&F=Codice&V=%279788866700883%27

 

Hoepli

http://www.hoepli.it/ebook/the-princess-the-fire-and-the-castle/9788866700883.html

 

Excalibooks

http://www.excalibooks.com/Ebook/I/Alborghetti_Roberto_Yarden_Mitrani/The_princess_the_fire_and_the_castle/9788866700883

 

Ultimabooks  

http://store.streetlib.com/the-princess-the-fire-and-the-castle

 

Net-ebook – Mediaworld    

http://www.net-ebook.it/ebooks/162985/The-princess-the-fire-and-the-castle.aspx

 

TIM Reading    

http://www.timreading.it/home.php/ebook-the-princess-the-fire-and-the-castle-alborghetti-roberto-mitrani-yarden-marna-9788866700883.html

 

Libreria Universitaria  

http://www.libreriauniversitaria.it/ebook/9788866700883/autore-alborghetti-roberto/the-princess-the-fire-and-the-castle-e-book.htm

 

Sanpaolostore  

http://www.sanpaolostore.it/the-princess-the-fire-and-the-castle-roberto-alborghetti-9788866700883.aspx

 

Ebookstore Unità    

http://ebook.unita.it/catalog/product/view/id/191998/

 

NELLA FOTO: LA ROCCA ALDOBRANDESCA DI PIANCASTAGNAIO (SIENA), IN ALTO: IMMAGINI DEGLI EVENTI DELLO SCORSO OTTOBRE E COPERTINA DELL’E-BOOK DISPONIBILE DAL 1° DICEMBRE 2015.

1 IMGP2938 (640x480)

 

FENOMENI / GLI HOBBIES E LE MANIE  DEI “CARTOONMATTI”. SCOPRILI ORA IN TV…


 

HOBBY MANIE

“Hobby-Manie” questo il nuovo nome del simpaticissimo nuovo programma nato dalla fantasia di Gianni Soru. Un programma già definito da tutti originalissimo e freschissimo. Partito il 3 novembre su 6 Mia TV e condotto da Gianni Soru con Gabriele Grosso (ovvero i Cartoonmatti), ed anche per questo nuovo formato una nuova sigla.

Ecco in cosa consiste questo particolare programma. In ogni puntata mostreranno ed elencheranno tutto il merchand uscito dei cartoni animati più belli e famosi. Scopriremo che dominano nel campo scolastico con quaderni, diari, astucci, cartelle, gommine, timbrini, libri, segnalibri; invadono il mercato delle merendine con le patatine, caramelle, cicche, brioche, biscotti, ovetti di cioccolato, succhi di frutta, budini, gelati, uova di Pasqua, panettoni, formaggini; occupano i passatempi più vari come gli album di figurine, adesivi, pupazzi, card, palloni, fumetti, dischi, videocassette, disegni da colorare, tatuaggi, trasferelli, bolle di sapone, puzzle, giochi da tavolo, videogiochi, cartoline, carta da lettera; hanno raggiunto anche il campo della moda con le magliette, cappelli, scarpe, guanti, sciarpe, le maschere di carnevale, portachiavi, portafogli, borse, braccialetti, portafoto, orologi, bagnoschiuma, asciugamani, profumi; invadono anche le case con i calendari, i poster, i tovaglioli, i bicchieri, bicchieri, piatti.

Ecco quali sono gli eroi dei cartoni animati che ci mostreranno.

Nella puntata del 1973 Charlie Brown, Braccio di Ferro, La  pantera rosa.

Nella puntata del 1974 L’orso Yoghi, Asterix, Braccobaldo, Ernesto sparalesto.

Nella puntata del 1975 Barbapapà, Gli antenati, Felix the cat, Magilla gorilla, Pixie e Dixie, Top cat, Lupo de Lupis.

Nella puntata del 1976 Lucky Luke, I pronipoti, Wally gator, Grisù il draghetto, Tati e Tatone, Mister Magoo.

Nella puntata del 1977 L’Uomo Ragno, Betty Boop, Woody Woodpecher, Casper, I fantastici 4, Kimba il leone bianco, Wicky il vichingo.

Nella puntata del 1978 Heidi, Atlas ufo robot, Scooby Doo, Superman, Coccobill, Lupo Alberto.

Nella puntata del 1979 Jeeg robot, Il grande Mazinga, Remì le sue avventure, Capitan Harlock, Lupin III, Le avventure dell’ape Magà, Don Chuck castoro, Ryù il ragazzo delle caverne, Danguard, Falco il superbolide.

Nella puntata del 1980 Candy Candy, L’ape Maia, Anna dai capelli rossi, Mazinga Z, Daitarn 3, Charlotte, Le nuove avventure di Pinocchio, Astro robot contatto Ypsilon, Peline story, Gundam, Grand Prix e il campionissimo, Starblazers, Tekkaman il cavaliere dello spazio, La banda dei ranocchi, Le avventure di Huckleberry Finn.

Nella puntata del 1981 Bia la sfida della magia, Lulù l’angelo tra i fiori, Capitan Futuro, Supercargattiger, La spada di King Arthur, Daltanious, L’invincibile robot Trider G 7, Dustardly e Muttley, Shirab il marinaio, Hurricane Polymar, Kyashan il ragazzo androide, Sally la maga, Supercargattiger, Starzinger, Tom story.

Nella puntata del 1982 I Puffi, Lady Oscar, Doraemon, L’Uomo Tigre il campione, Belle e Sebastien Flo la piccola Robinson, Galaxy Express 999, Jenny la tennista, Lalabel, Marco, Sampei ragazzo pescatore, Superauto mach 5 go go go, Monciccì, Mimì e le ragazze della pallavolo, Astroboy.

Nella puntata del 1983 Bat-man, Hello Spank, Pimpa, Yattaman, Lamù la ragazza dello spazio, Il dottor Slump e Arale, Chappy, Carletto il principe dei mostri, I fantastici viaggi di Fiorellino, Hello Sandybell, Lucy May, Il magico mondo di Gigi, Mimì e la nazionale di pallavolo, D’Artacan e i tre moschettieri, Ulisse 31.

Nella puntata del 1984 Masters i dominatori dell’universo, Lo specchio magico, Georgie, Il Tulipano nero, Il fiuto di Sherlock Holmes, C’era una volta Pollon, Coccinella, Mademoiselle Anne.

 

Nella puntata del 1985 Gli orsetti del cuore, Iridella, Transformers, Isidoro, L’incantevole Creamy, Kiss me Licia, Gli Snorky, Gigi la trottola, Ransie la strega, Devil man.

Nella puntata del 1986 Popples, Voltron, Holly e Benji due fuoriclasse, Memole dolce Memole, David gnomo amico mio, Ken il guerriero, Magica magica Emi, Mask, Mila e Shiro due cuori nella pallavolo, Muppet Babies.

Nella puntata del 1987 Vola mio Miniponi, Ghostbusters, Jem, Pollyanna, Gi Joe, Bravestarr, Maple Town un nido di simpatia, Piccola bianca Sibert.

Nella puntata del 1988 Calimero, Lady Lovely, The real Ghostbusters, Silvanyam family, Una per tutte tutte per una, Viaggiamo con Benjamin.

Nella puntata del 1989 Tartarughe ninja alla riscossa, Dragon Ball, Siamo fatti così, Milly un giorno dopo l’altro, D’Artagnan e i moschettieri del re, Ti voglio bene Denver, E’ quasi magia Jonny.

Nella puntata del 1990 I Cavalieri dello zodiaco, Babar, Cara dolce Kioko, I 5 samurai, Kate and July.

Nella puntata del 1991 I Simpson, I favolosi Tiny, Il mistero della pietra azzurra, Tale Spin.

Nella puntata del 1992 Winny the Pooh, Bentornato topo Gigio, In principio storie dalal Bibbia, James Bond Junior.

Nella puntata del 1993 La Sirenetta, Tazmania, Rugrats, Darkwing Duck.

Nella puntata del 1994 Aladino, Insuperabili X-Men, Conan the adventurer.

Nella puntata del 1995 Sailor Moon, Gargoyles, Biker Mice da Marte, Il fantastico mondo di Richard Scarry.

Nella puntata del 1996 Animaniacs, Ranma ½, Timon e Pumbaa, Action man, Un fiocco per sognare un fiocco per cambiare, The Mask, Blinky Bill.

Nella puntata del 1997 La principessa Sissi, Tre gemelle e una strega, Piccoli problemi di cuore, City Hunter, Dexter’s lab, Una porta socchiusa ai confini del sole, Un incantesimo dischiuso tra i petali del tempo per Rina, Lisa e Seya un solo cuore per lo stesso segreto, Street Sharks quattro pinne all’orizzonte, Street Fighter II.

Nella puntata del 1998 Garfield, Mucca e Pollo, Johnny Bravo, Sandokan, Extreme Dinosaucers quattro dinosauri scatenati, Pippi calzelunghe.

Nella puntata del 1999 Pesca la tua carta Sakura, Tommy e Oscar, Cowboy Bebop, Golden Boy.

Nella puntata del 2000 Pokemon, Digimom, Rossana, Le Superchicche, South Park, Leone cane fifone, Futurama, I Griffin, Slam Dunk, Trigun, Sabrina.

Nella puntata del 2001 All’arrembaggio, Monster Rancher, Inuyasha, Neon genesis Evangelion, Ufo Baby.

Nella puntata del 2002 Spongebob, Hamtaro piccoli criceti grandi avventure, Magica Doremì, Detective Conan.

Nella puntata del 2003 I Baby Looney Tunes, Beyblade, Yu Gi Oh, Cuccioli, Che magnifiche spie, Kim Possibile.

Nella puntata del 2004 Winx Club, Mew Mew amiche vincenti, Yui ragazza virtuale, Let’s and go, Nadja Applefields.

Nella puntata del 2005 Tartarughe ninja, Witch, Mirmo, Dora l’esploratrice, Pretty Cure.

Nella puntata del 2006 Ben 10, Naruto, Fragolina Dolcecuore, Pucca, Little Einstein, Monster Allergy, Keroro.

Nella puntata del 2007 Mermaid melody principesse sirene, Mushiking il guardiano della foresta.

Nella puntata del 2008 Peppa Pig, Gormiti, Phineas e Ferb, Sugar Sugar, My Melody sogni di magia, Spider Riders.

Nella puntata del 2009 Geronimo Stilton, Blue Dragon, Bakugan, Huntik, Angel’s Friends, Twin princess principesse gemelle.

Nella puntata del 2010 Cuccioli cercamici, Kilary, Inazuma Eleven la squadra delle meraviglie, Teen days.

Nella puntata del 2011 My Little Pony l’amicizia è magica, Jewelpet, Pop Pixie, Jake e i pirati dell’isola che non c’è, Scan 2 go.

 

“LA MIA FAMIGLIA”: LA GRANDE INIZIATIVA PROMOSSA CON KIWANIS INTERNATIONAL. ECCO COME PARTECIPARE


PREMIO NAZIONALE PER LE SCUOLE

DELL’INFANZIA, PRIMARIE,

SECONDARIE DI 1°

 DSCN0964

Raccontare la propria famiglia, parlare dei propri genitori, dei propri fratelli e sorelle, narrare “come” si vive all’interno delle mura della propria casa, le proprie giornate, ricordando episodi e momenti lieti o tristi che si sono vissuti insieme, i piccoli e grandi gesti che si compiono quando si vive insieme e si sogna insieme…

E’ questo il senso dell’iniziativa “Ti parlo della mia famiglia”  che Kiwanis International – Kiwanis Club Bergamo Orobico Onlus  ed OKAY! (mensile e sitoblog) promuovono a livello nazionale tra le scuole materne, scuole primarie e secondarie di primo grado, statali e paritarie.

 

FINALITA’

La finalità è quella di dare spazio, visibilità e attenzione alle voci di ragazze e ragazzi, offrendo loro l’opportunità di pensare alla realtà della propria famiglia e raccontarla con semplicità e spontaneità, nelle sue scene e nei suoi momenti quotidiani, nelle giornate felici e anche in quelle più tristi. Ma anche di fissare – in  un semplice commento, in un semplice pensiero, in un semplice disegno – il bello di vivere con i propri genitori, i propri fratelli e sorelle, con i nonni, e perché no?, zie e zii, cugini e cugine…

Dunque, l’iniziativa vuole proporsi come una opportunità per esprimere i propri sentimenti, le proprie sensazioni, le proprie emozioni, i propri ricordi per esperienze, fatti e realtà che costituiscono il mondo della famiglia e la bellezza di vivere insieme con mammà e papà e con quanti condividono con noi i giorni della nostra vita.

COME ADERIRE

Attraverso messaggi, scritti, disegni ed immagini (come fotografie e piccoli video) la scuola italiana è invitata a raccontare storie, fatti, emozioni e situazioni che costituiscono l’esperienza di vivere in famiglia, da cogliere e raccontare nei suoi vari componenti, nelle sue diverse situazioni, nelle difficoltà e nelle gioie di ogni giorno.

Attraverso le varie forme della creatività e della piena libertà  espressiva, i partecipanti potranno eseguire lavori che illustrano le tematiche collegate alla famiglia, magari partendo da semplici “punti di osservazione”.

Ad esempio: da chi è composta la famiglia;  descrivere mamma e papà, nel loro aspetto fisico e in quello che fanno (ad esempio: il lavoro e gli hobbies); parlare o disegna i fratellini e le sorelline, scrivere dei giochi che si fanno insieme, in casa e fuori, con gli amici.

E ancora: raccontare come si vivono le giornate (mattino, pomeriggio, sera)  i giochi, le gite, le vacanze, i momenti che si vivono insieme (ad esempio, a tavola, una passeggiata, sul campetti di calcio, davanti alla tivù, all’oratorio, a scuola, in parrocchia, in un gruppo sportivo e ricreativo); parlare e disegnare i momenti allegri e felici e anche quelli in cui ci si sente magari un po’ giu’….

Oppure, semplicemente, lanciare un messaggio a mamma e papà, raccontando loro quello che magari, per timidezza, non si è mai riusciti a dire… O narrare, con uno scritto od un disegno, un fatto particolare, che ha coinvolto tutta la famiglia.

Insomma, divertitevi a raccontare “tutti i colori” della famiglia, le sue persone, gli ambienti dove si vive, le esperienze e le storie vissute insieme.

PRESENTAZIONE DEGLI ELABORATI

Gli elaborati potranno essere presentati nelle forme e con i supporti più vari: album, opuscoli, fascicoli, giornali scolastici, dvd, cd-rom, pen-drive, siti web e così via.

Tutti i lavori dovranno pervenire entro e non oltre il 15 aprile  2016 (fa fede il timbro postale) al seguente indirizzo: Okay!, presso Casa M.E.Mazza, via Nullo 48, 24128 Bergamo.

CERIMONIA DI PREMIAZIONE

Una commissione giudicatrice selezionerà i migliori lavori pervenuti. Le scuole saranno premiate con prodotti di utilità didattica nel corso di un evento pubblico a Bergamo in occasione della Giornata per la Famiglia, fissata per il 15 maggio 2016. Nella medesima manifestazione verrà organizzata una mostra dei migliori lavori pervenuti.

INFORMAZIONI

Informazioni e regolamento sono reperibili su  https://okayscuola.wordpress.com/  che dedicherà pagine speciali e notizie.

“G!COME GIOCARE”: UN MONDO DI GIOCHI A FIERAMILANOCITY. E C’E ANCHE LO SPAZIO-OKAY!


“G!come giocare”, il grande evento di Assogiocattoli, ha spalancato oggi le sue porte a Milano, presso il quartiere fieristico di Fieramilanocity, Padiglione 3 (sarà aperto fino a domenica 22 novembre). C’è anche un’area-Okay! dove vi aspettiamo: siamo nel padiglione 3, nel corridoio centrale. Troverete materiale editoriale e grandi sorprese, come le pubblicazioni de I Quindici, proposte ad un prezzo specialissimo, e altre collane di libri per ragazzi. Ed anche gadgets e prodotti dell’Ufficio Turismo di Cesenatico, dell’Anmil, di Kiwanis International. Da tenere d’occhio anche lo spazio delle Winx, con la presenza speciale delle fatine più famose del mondo.

 Per l’ottava edizione, G! come Giocare ha preparato un calendario davvero unico di eventi. Oltre alle diverse e numerosi iniziative organizzate negli stand delle oltre 100 aziende espositrici, si potrà partecipare a importanti iniziative per imparare a educare divertendosi grazie al supporto di esperti del mondo del giocattoli, di psicologi infantili e di esperti di alimentazione giovanile. Ecco alcuni punti tra i più frequentati.

Ghisalandia – educare giocando. Grazie alla Polizia Municipale di Milano i bambini potranno imparare le regole della sicurezza stradale giudando all’interno di una pista che ricrea una vera strada cittadina con cartelli stradali, strisce pedonali e semafori. Gli agenti della Polizia Municipale – quelli veri!!! – controlleranno che tutti seguano le regole ed ai più meritevole consegneranno la “patente di Ghisalandia”.

Mangiando s’Impara – giocando mangiando. All’interno di un’area cucina, i bambini prepareranno, con l’aiuto di chef professionisti, alcuni semplici piatti e verranno fornite loro informazioni e curiosità sulle materie prime utilizzate. Faranno la spesa in un supermercato formato bambino con consigli utili per una spesa intelligente; nella Fattoria, nell’Orto e nel Bosco di Frutta impareranno come nascono e crescono gli alimenti e per gli adulti, esperti del settore alimentare saranno a disposizione per consulenze sulle buone abitudini alimentari.

Progetto Giochi in scatola. Una grande area con tutte le più importanti realtà del gioco in scatola, con dimostratori a disposizione del pubblico, per scoprire tutte le novità del mercato, e diffondere il valore educativo del gioco da tavolo.

Giocando riciclando. Il Consorzio Remedia allestirà spazi dove si imparerà, sempre giocando, il corretto smaltimento di pile e materiale elettrico.

Controlli gratuiti della vista. Grazie alla Commissione Difesa Vista, ottici ed oculisti effettueranno controlli della vista. E molto altro ancora sul sito www.gcomegiocare.it

Ma attenzione!!! Nella giornata di venerdì 20 e nella mattinata di sabato 21 novembre 2015 tutte le scolaresche, appartenenti a istituti di ogni ordine e grado, potranno entrare in fiera con ingresso gratuito. 

Per registrare le classi che desiderano partecipare a G! Come Giocare e per ricevere ulteriori informazioni, scrivere una mail all’indirizzo: scuole@gcomegiocare.it

G COME GIOCARE banner 

VI ASPETTIAMO NUMEROSI!

G!COME GIOCARE

DAL 20 AL 22 NOVEMBRE 2015

Orario: 10,00 – 20,00

Porta Teodorico

Fermata MM Lotto (linea rossa) MM Portello (linea lilla)

LA FAVOLA MODERNA DELL’ABITO VULCANO DAL 1° DICEMBRE IN UN SORPRENDENTE E-BOOK DISPONIBILE NELLE LIBRERIE ONLINE


the PRINCESS COVER

 

“La Principessa , il Fuoco e il Castello”  è un fantastico nuovo e-book disponibile dal 1° dicembre 2015 nelle librerie online a soli 0,99 Euro. Creata da Roberto Alborghetti e Mitrani Yarden, l’iniziativa editoriale presenta una favola moderna con 40 bellissime foto, 80 pagine , uno stile grafico sorprendente che offre un grande spettacolo di arte, moda e bellezza ! Un regalo per le prossime feste natalizie e di Capodanno 2016. La storia è ambientata nella suggestiva Rocca Aldobrandesca – una fortezza del XIII secolo che si trova a Piancastagnaio, sul Monte Amiata ( Siena, Toscana) – con la partecipazione della fotomodella e attrice Ginevra Bertolani. Non perdetevi questo grande evento che sostiene il Progetto “Hopes” ( Arte per rendere il mondo un posto migliore ) . Dal 1 ° dicembre 2015, nelle librerie online, a soli 0,99 Euro. Edizioni Marna, con testo in Inglese e in Italiano.

 

ELENCO LIBRERIE ON LINE

NINEVA

http://www.nineva.com.tr/marna/alborghetti-roberto-mitrani-yarden/the-princess-the-fire-and-the-castle-9788866700883.htm

 

 

MyBook

https://mybook.is/alborghetti-roberto-mitrani-yarden/the-princess-the-fire-and-the-castle/

 

9 am

http://www.9am.it/sito/Catalog/Language0/Default.aspx?template=ebookDettaglio.html&ck=WRWIORYWPY&F=Codice&V=%279788866700883%27

 

Hoepli

http://www.hoepli.it/ebook/the-princess-the-fire-and-the-castle/9788866700883.html

 

Excalibooks

http://www.excalibooks.com/Ebook/I/Alborghetti_Roberto_Yarden_Mitrani/The_princess_the_fire_and_the_castle/9788866700883

 

Ultimabooks  

http://store.streetlib.com/the-princess-the-fire-and-the-castle

 

Net-ebook – Mediaworld    

http://www.net-ebook.it/ebooks/162985/The-princess-the-fire-and-the-castle.aspx

 

TIM Reading    

http://www.timreading.it/home.php/ebook-the-princess-the-fire-and-the-castle-alborghetti-roberto-mitrani-yarden-marna-9788866700883.html

 

Libreria Universitaria  

http://www.libreriauniversitaria.it/ebook/9788866700883/autore-alborghetti-roberto/the-princess-the-fire-and-the-castle-e-book.htm

 

Sanpaolostore  

http://www.sanpaolostore.it/the-princess-the-fire-and-the-castle-roberto-alborghetti-9788866700883.aspx

 

Ebookstore Unità    

http://ebook.unita.it/catalog/product/view/id/191998/

 

*

L’Abito Vulcano è stato  presentato per la prima volta in Toscana (Monte Amiata, Piancastagnaio, Siena) il 25 ottobre, durante gli eventi per la prima italiana di “The Ghost Bus” cortometraggio prodotto da Roberto Alborghetti con Bartons PLC e ACT Group (Nottingham, Regno Unito). L’abito è un capo di alta moda, basato sull’immagine originale che Roberto Alborghetti (Lacer/ azioni) ha realizzato  per il progetto “The Ghost Bus”. Infatti, lo “scatto” fotografico, preso dalla superficie arrugginita e polverosa di un vecchio autobus abbandonato,  è stato magnificamente stampato e modellato sul tessuto lavorato poi in un abito.

La creazione di alta moda, insieme al cortometraggio del “Ghost Bus” sono stati presentati nell’ambito della 17a edizione di “Penne e Video Sconosciuti”, organizzata da Osa Onlus con il Comune di Piancastagnaio. Nel corso delle giornate sono state realizzate le riprese fotografiche e video, a cura di Roberto Alborghetti e Mitrani Yarden, con la partecipazione della modella Ginevra Bertolani, dell’Agenzia Casting di Firenze, e con la collaborazione (hair style e make up) di Natalia Scalacci ( Free Style, Abbadia San Salvatore, Siena). Il video dell’Abito Vulcano conterrà la colonna sonora musicata e composta da Eylon Malhi, musicista di Tel Aviv (Istraele).

Le riprese sono avvenute nella suggestiva Rocca Aldobrandesca, sempre a Piancastagnaio, dove era in corso una bellissima mostra dello scultore Paolo Borghi. Grande l’interesse del pubblico, tra cui anche oltre 500 studenti che hanno partecipato agli incontri coordinati da Roberto Alborghetti. Presente anche una delegazione dal Regno Unito, guidata dalla signora Marysia Zipser (ACT Group), che ha prospettato l’ipotesi di una collaborazione stabile tra i territori dell’Amiata (celebri anche per un’antica scultura che presenta un arciere) e la terra di Robin Hood, arciere di Nottingham.

Un evento davvero riuscito, per il quale è d’obbligo un “grazie” per la collaborazione al Comune di Piancastagnaio, al Sindaco Luigi Vagaggini, al consigliere comunale Samuele Bechini, a Nicola Cirocco (Osa Onlus), alla docente Patrizia Sapri, a Marysia Zipser (ACT Group, Beeston), all’Agenzia Re Ratchis, al Gruppo folk guidato da Gianmarco Nucciotti e ai rappresentanti del Palio delle Contrade.

DA DOMANI: “G!COME GIOCARE” A FIERAMILANOCITY…VI ASPETTIAMO!


Sito-400x315Sito-400x250

 

“G!come giocare”, il grande evento di Assogiocattoli, apre domani i battenti a Milano, presso il quartiere fieristico di Fieramilanocity, Padiglione 3, e rimmarà aperto fino a domenica 22. C’è anche un’area-Okay! dove vi aspettiamo: siamo nel padiglione 3, nel corridoio centrale. Troverete materiale editoriale e grandi sorprese, come le pubblicazioni de I Quindici, proposte ad un prezzo specialissimo, e altre collane di libri per ragazzi. Da tenere d’occhio anche lo spazio delle Winx, con la presenza speciale delle fatine più famose del mondo.

 Per l’ottava edizione, G! come Giocare ha preparato un calendario davvero unico di eventi. Oltre alle diverse e numerosi iniziative organizzate negli stand delle oltre 100 aziende espositrici, si potrà partecipare a importanti iniziative per imparare a educare divertendosi grazie al supporto di esperti del mondo del giocattoli, di psicologi infantili e di esperti di alimentazione giovanile.

Qualche esempio? 

Ghisalandia – educare giocando. Grazie alla Polizia Municipale di Milano i bambini potranno imparare le regole della sicurezza stradale giudando all’interno di una pista che ricrea una vera strada cittadina con cartelli stradali, strisce pedonali e semafori. Gli agenti della Polizia Municipale – quelli veri!!! – controlleranno che tutti seguano le regole ed ai più meritevole consegneranno la “patente di Ghisalandia”.

Mangiando s’Impara – giocando mangiando. All’interno di un’area cucina, i bambini prepareranno, con l’aiuto di chef professionisti, alcuni semplici piatti e verranno fornite loro informazioni e curiosità sulle materie prime utilizzate. Faranno la spesa in un supermercato formato bambino con consigli utili per una spesa intelligente; nella Fattoria, nell’Orto e nel Bosco di Frutta impareranno come nascono e crescono gli alimenti e per gli adulti, esperti del settore alimentare saranno a disposizione per consulenze sulle buone abitudini alimentari.

Progetto Giochi in scatola. Una grande area con tutte le più importanti realtà del gioco in scatola, con dimostratori a disposizione del pubblico, per scoprire tutte le novità del mercato, e diffondere il valore educativo del gioco da tavolo.

Giocando riciclando. Il Consorzio Remedia allestirà spazi dove si imparerà, sempre giocando, il corretto smaltimento di pile e materiale elettrico.

Controlli gratuiti della vista. Grazie alla Commissione Difesa Vista, ottici ed oculisti effettueranno controlli della vista. E molto altro ancora sul sito www.gcomegiocare.it

Ma attenzione!!! Nella giornata di venerdì 20 e nella mattinata di sabato 21 novembre 2015 tutte le scolaresche, appartenenti a istituti di ogni ordine e grado, potranno entrare in fiera con ingresso gratuito. 

Per registrare le classi che desiderano partecipare a G! Come Giocare e per ricevere ulteriori informazioni, scrivere una mail all’indirizzo: scuole@gcomegiocare.it

G COME GIOCARE banner 

VI ASPETTIAMO NUMEROSI!

G!COME GIOCARE

DAL 20 AL 22 NOVEMBRE 2015

Orario: 10,00 – 20,00

Porta Teodorico

Fermata MM Lotto (linea rossa) MM Portello (linea lilla)

“QUI CI CASCO!”: ECCO LA NUOVA EDIZIONE DI “PRIMI IN SICUREZZA” PROMOSSA DA ANMIL ED OKAY!


 Carta_Layout 1

“PRIMI IN SICUREZZA”

La prevenzione si impara a scuola:

idee, ricerche, proposte e messaggi,

XIV EDIZIONE

Promossa da

ANMIL

Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro

OKAY!

 

 

“SICUREZZA: QUI CI CASCO!”

 

Testi, video, grafica e musica: il mondo della multimedialità per invitare gli studenti italiani a riflettere sui temi della sicurezza, avvicinandoli – con la collaborazione di docenti e genitori – alla realtà della prevenzione come strumento per risolvere il fenomeno degli incidenti e degli infortuni sul lavoro e negli ambienti della vita sociale. È questa la finalità della XIV edizione di PRIMI IN SICUREZZA, campagna-ricerca che si rivolge alle scuole dell’infanzia, primarie, secondarie di primo e secondo grado.

Classi scolastiche e singoli ragazzi, di ogni ordine scolastico e grado (Scuole infanzia, primarie e secondarie di 1° e 2°) potranno prendere parte alla “campagna” producendo e realizzando, entro la data del 31 MARZO 2016, lavori, ricerche ed elaborati sul tema della sicurezza e della prevenzione degli incidenti e degli infortuni sul lavoro.

 

Quest’anno PRIMI IN SICUREZZA presenta una grande novità. Il percorso didattico e la stessa assegnazione dei premi finali non faranno più riferimento agli ordini e ai gradi scolastici, ma alle categorie di partecipazione. Dunque, un cambiamento che lascerà alle scuole la possibilità di esprimersi nella più totale creatività, elaborando e progettando lavori didattici nella sezione preferita o, addirittura, in più sezioni, adottando il criterio della interdisciplinarietà delle materie. Inoltre, il tema-slogan suggerito (“Sicurezza: qui ci casco”) si presta ad essere interpretato con grande fantasia e creatività, a partire proprio dal gioco di parole rappresentato dalla parola-verbo “casco”.

 

PRIMI IN SICUREZZA 2015-2016 è strutturato in quattro percorsi espressivi e precisamente:

A – CATEGORIA GRAFICA E DISEGNI

B – CATEGORIA TESTI E RICERCHE

C – CATEGORIA VIDEO E WEB

D – CATEGORIA RAP

 

A – CATEGORIA GRAFICA E DISEGNI

“Scatenate la fantasia e create un messaggio grafico per prevenire gli incidenti sul lavoro”: questo l’invito rivolto alle classi ed ai singoli che vogliono lavorare a suon di pastelli, tempere e Photoshop.

Il tema del “casco” si presta ottimamente per questa sezione, invitando tutte le scuole a creare, ideare e realizzare – in mille modi – il “casco” della sicurezza, visto e letto nei modi più diversi, ma con l’elemento comune che il casco è simbolo di tutela e protezione.

Come si sa, la sensibilizzazione è importante sul tema degli incidenti sul lavoro. Prevenire è meglio che curare, si dice. Come scuotere l’opinione pubblica su questo problema? Come richiamare l’attenzione sulla necessità di creare migliori condizioni di sicurezza sul lavoro? Si propongono queste attività didattiche: creazione di poster, disegni, fumetti, cartoline, t-shirt e oggetti vari con un messaggio che aiuti a prendere coscienza del problema degli incidenti sul lavoro o della necessità di prevenirli.

Altre proposte di attività: realizzazione di tabelloni con i principali segnali di sicurezza sul lavoro; ideazione di un gioco da tavola con i vari cartelli (di divieto, di avvertimento, di prescrizione, di salvataggio e così via); ideazione di un nuovo segnale di sicurezza che, secondo la vostra fantasia, può essere utile per chi lavora gioco-quiz su cosa prevedono le normative in caso di antincendio, uso di dispositivi di protezione individuale, uso di strumenti video, lotta ai rumori; creazione di un gioco quiz, relativo ai dispositivi di sicurezza e alle norme previste dalla legge.

 

B – CATEGORIA TESTI E RICERCHE

È la sezione che consente di approfondire, dibattere e raccogliere dati e notizie sul fenomeno delle morti bianche. Anche in rete la documentazione è ormai vasta sull’argomento. Lo stesso sito dell’ANMIL offre dati e notizie in gran quantità.

Come attività didattiche suggeriamo di:

  • Raccogliere e commentare articoli e servizi giornalistici sul tema degli incidenti per poi redigerne testi relativi, ad esempio, all’incontro con un imprenditore della vostra città o del vostro paese per intervistarlo sulla prevenzione e sulla sicurezza. Interessante anche raccontare la visita ad una fabbrica o ad un ufficio per descriverne gli impianti, le attrezzature, le condizioni di sicurezza;
  • Intervistare una persona che ha vissuto l’esperienza di un infortunio sul lavoro e chiedere: “Che cosa accade durante un incidente? Che tipo di conseguenze può comportare sul fisico e nella vita quotidiana? Che sentimenti e che stati d’animo provoca?”;
  • Incontrare un medico che illustra le conseguenze fisiche (menomazioni, difficoltà di movimento ecc.) connesse con un infortunio sul lavoro; proporre testimonianze di fatti dolorosi che hanno fortemente impressionato l’opinione pubblica; commento su alcune delle principali disposizioni di Legge in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro; ricerche su cosa prevedono, in materia di sicurezza, le leggi italiane e perché è importante la tutela dei lavoratori.

 

C – CATEGORIA VIDEO E WEB

Perché non creare un sito o un blog su PRIMI IN SICUREZZA, facendovi confluire i vostri elaborati? E perché non realizzare, con i vostri smartphones, anche piccoli video con racconti, interviste, testimonianze di chi ha vissuto l’esperienza di un incidente sul lavoro? Ecco le due “sfide” lanciate dalla Categoria C. Ecco alcuni suggerimenti, che partono dalle domande: si parla in famiglia dei rischi negli ambienti di lavoro? I genitori confidano ai propri figli di lavorare in condizioni di disagio e di pericolo? Qualche genitore è stato vittima di incidenti sul lavoro?

Come attività didattiche suggeriamo di:

  • Raccogliere con videocamere e smartphones testimonianze tra le famiglie degli alunni per verificare se incidenti sul lavoro hanno coinvolto mamma, papà o un parente;
  • Fare un sondaggio tra le famiglie degli alunni sui principali rischi degli ambienti di lavoro;
  • Raccogliere tra le famiglie degli alunni commenti e pensieri sulle paure e sui timori che i genitori provano in un ambiente di lavoro;
  • Chiedere ai genitori se le condizioni di sicurezza sono effettivamente rispettate negli ambienti di lavoro.

 

D – CATEGORIA RAP

Considerato il grande successo della scorsa edizione, torna la gara riservata all’ideazione e produzione di brani di musica Rap. Viene dunque rilanciato lo slogan: “Tutti in RAP per dire basta agli infortuni sul lavoro e per dire che occorre Ridurli Anzi Prevenirli”. I partecipanti a questa sezione potranno inviare composizioni vocali, musicali e testuali che, in stile rap, affrontano le tematiche della prevenzione degli incidenti sul lavoro. È un modo efficace per raccontare, con il linguaggio di un genere musicale e dei giovanissimi, le urgenze e le emergenze del fenomeno della “insicurezza” degli ambienti lavorativi. E ovviamente occhio al tema-slogan del “casco” che può suggerire brani di grande effetto, anche sul piano dei testi.

 

Le modalità di composizione ed espressione sono libere, come appunto deve essere un RAP. I pezzi potranno essere presentati sottoforma di videoclip, brani mp3 e testi, da caricare sui comuni supporti elettronici (pendrive, cd o siti web). Ci potrà essere un accompagnamento musicale o anche la sola esecuzione vocale. E per chi non ce la fa proprio a cantare, è sufficiente produrre un testo, una semplice “filastrocca Rap” dove sia evidente il messaggio antinfortunistico. Per questa sezione i migliori RAP scelti dalla Giuria tecnica verranno pubblicati sul sito di ANMIL.

 

MODALITÀ DI ADESIONE E SCADENZE

I lavori di PRIMI IN SICUREZZA potranno essere eseguiti in piena libertà espressiva e creativa. Accanto alle piste suggerite, potranno esserne sviluppate altre, secondo gli interessi e le attenzioni di ogni singola classe i temi.

 

Tutti i lavori di PRIMI IN SICUREZZA dovranno pervenire entro il 31 MARZO 2016 alla redazione di OKAY! al seguente indirizzo: OKAY! PRIMI IN SICUREZZA, presso Casa M. E. Mazza, Via Nullo n. 48 – 24128 Bergamo.

 

I lavori non si restituiscono. Si invitano le classi a conservarne una copia (o fotocopia).

Ogni lavoro dovrà riportare in modo chiaro i riferimenti della Scuola e degli autori compilando la scheda scaricabile dal sito di OKAY! (www.okayscuola.wordpress.com) o dell’ANMIL (www.anmil.it) dove potrete trovare tutte le informazioni.

In ogni caso è indispensabile indicare: nome della scuola, indirizzo completo, località e provincia di residenza, nominativo del docente referente, numero telefonico e e-mail.

 

PREMI E RICONOSCIMENTI

La comunicazione dei vincitori avverrà con pubblicazione degli esiti della Commissione giudicatrice entro il 10 MAGGIO 2016 sui siti di ANMIL e OKAY! oltre che direttamente alle scuole vincitrici a mezzo posta elettronica.

Una commissione di esperti valuterà insindacabilmente i lavori pervenuti ed assegnerà premi e riconoscimenti suddivisi per LE CATEGORIE DI PARTECIPAZIONE, che sono rivolte indistintamente a tutti gli ordini scolastici: Scuole dell’infanzia, Scuole primarie, Scuole secondarie 1°, Scuole secondarie 2°.

È prevista l’assegnazione di premi di utilità didattica ai primi 3 vincitori di ciascuna categoria.

Okay! ed ANMIL si riservano il diritto di promuovere iniziative ed attività (mostre, convegni, ecc.) con il materiale pervenuto.

L’iniziativa si chiuderà con una Cerimonia di premiazione nazionale che si svolgerà a Roma entro la fine dell’anno scolastico 2015/2016.