LA MAGIA DELLA FIABA SULLA PRINCIPESSA : SUCCESSO PER L’EVENTO SPECIALE SUL MONTE AMIATA


 

FOTO DI ROBERTO ALBORGHETTI

GUEST WRITER: STEFANO ALBERTI

La magia dell’abito Vulcano Amiata e del progetto “La Principessa, il Fuoco e il Castello” ha acceso l’interesse a Piancastagnaio (Monte Amiata, Siena) nel contesto delle iniziative “Favoliamo verso il Natale” promosse dal Comune. Domenica 20 dicembre, presso il teatro Comunale, si è svolta la presentazione della fiaba che Roberto Alborghetti e Mitrani Yarden hanno creato per il progetto dedicato alle terre dell’Amiata (il design dell’abito è stato realizzato sulla base di una fotografia astratta scattata da Roberto Alborghetti attorno ad un vecchio ed arrugginito autobus  custodito a Nottingham nel garage Bartons Plc).

E’ così andata in scena una vera e propria rappresentazione, scandita nella prima parte da un cortometraggio e nella seconda dalla lettura del testo  da parte dell’attrice Mirelda Morini.  E così si è riaccesa la stessa magìa che lo scorso ottobre – nell’ambito di  “Penne e Video Sconosciuti”, promosso da Osa Onlus – aveva visto la realizzazione, delle riprese fotografiche e televisive, nelle vie del centro storico e presso la Rocca Aldobrandesca, epicentro del racconto fantastico interpretato dalla modella ed attrice Ginevra Bertolani. E così, domenica 20 dicembre, come una sorta di strenna natalizia, è stato offerto alla cittadinanza una speciale anteprima del progetto, consistente in un e-book – disponibile nelle librerie online a 0,99 Euro – in un cortometraggio e nel capo di alta moda. L’idea si è posta come una singolare opportunità per promuovere le bellezze artistiche e storiche del territorio pianese e dell’Amiata, così hanno affermato Samuele Bechini (rappresentante del sindaco e dell’Amministrazione comunale) e Nicola Cirocco, presidente di Osa Onlus, nel presentare l’evento.

Mirelda Morini, con la sua interpretazione, ha saputo dare intensità e colore alla fiaba che – scandita dalle musiche originali di Eylon Malhi – gira attorno alla particolarità del design e del taglio dello stesso abito Vulcano, che ha appunto ispirato la fiaba. Ma le tonalità accese del vestito non si sono limitate a suggerire soltanto un racconto ed un documentario televisivo, ma anche un’originalissima etichetta per le bottiglie, in edizione  limitata, del pregiato vino prodotto dall’Azienda Agricola Pinzi Pinzuti di Abbadia S. Salvatore. Raccogliendo l’idea lanciata dalla popolare  Marcellina, titolare di un curiosissimo emporio nella località badenga, un dettaglio dell’immagine dell’abito Volcano, ha prodotto una etichetta simbolica che ben esprime le caratteristiche del “vino vulcanico” (i vitigni crescono infatti nella roccia lavica del territorio amiatino). Sempre nel corso dell’evento, che ha riscosso una viva attenzione da parte del pubblico, è stato presentato un accessorio dell’abito Vulcano: una sorprendente “pochette” creata con le dita delle mani dagli appartenenti all’associazione “Knitta!” che promuove forme innovative di manualità artistica. La docente Patrizia Sapri, di origini pianesi, ha illustrato le elaborazioni grafiche, ispirate anche alla fiaba,  prodotte dagli allievi diversamente abili dell’ICS “Gramsci” di Aprilia (Latina).    

Il progetto ha vivamente interessato anche il mondo della scuola amiatina, a partire dagli studenti del corso per designers presso L’Istituto Avogadro di Abbadia San Salvatore, sede di un incontro. Entusiasmante anche l’ora di lezione  con le classi della scuola Primaria di Piancastagnaio. Presso il teatro Comunale, circa 200 scolari hanno assistito alla pubblica lettura della fiaba della “Principessa” e alla visione del cortometraggio, ripromettendosi di elaborare disegni e composizioni sulla fiaba ambientata nella Rocca Aldobrandesca.  

L’e-book “La Principessa, il Fuoco e il Castello” è disponibile nei bookstores online.  Clicca, scarica e…ammira:          

MyBook

https://mybook.is/alborghetti-roberto-mitrani-yarden/the-princess-the-fire-and-the-castle/

 

9 am

http://www.9am.it/sito/Catalog/Language0/Default.aspx?template=ebookDettaglio.html&ck=WRWIORYWPY&F=Codice&V=%279788866700883%27

 

Hoepli

http://www.hoepli.it/ebook/the-princess-the-fire-and-the-castle/9788866700883.html

 

Excalibooks

http://www.excalibooks.com/Ebook/I/Alborghetti_Roberto_Yarden_Mitrani/The_princess_the_fire_and_the_castle/9788866700883

 

Ultimabooks  

http://store.streetlib.com/the-princess-the-fire-and-the-castle

 

Net-ebook – Mediaworld    

http://www.net-ebook.it/ebooks/162985/The-princess-the-fire-and-the-castle.aspx

 

TIM Reading    

http://www.timreading.it/home.php/ebook-the-princess-the-fire-and-the-castle-alborghetti-roberto-mitrani-yarden-marna-9788866700883.html

 

Libreria Universitaria  

http://www.libreriauniversitaria.it/ebook/9788866700883/autore-alborghetti-roberto/the-princess-the-fire-and-the-castle-e-book.htm

 

Sanpaolostore  

http://www.sanpaolostore.it/the-princess-the-fire-and-the-castle-roberto-alborghetti-9788866700883.aspx

 

Ebookstore Unità    

http://ebook.unita.it/catalog/product/view/id/191998/

 

 

FENOMENI / IL NUOVO ANNO 2016 VISTO DAI CALENDARI DEI CARTOONS…


CALENDARI 2016

Guest Writer: GIANNI SORU

*

Sono usciti i nuovi calendario del 2016.

Il primo propone i più bei programmai pe ragazzi in onda sulle reti RAI.

 

“SUPERGULP”,  condotto dal fumetto animato di Giumbolo. 1977-1981.

“IL DIRIGIBILE”, condotto dalla presentatrice Maria Giovanna Elmi, dal cantante Mal e dal pupazzo Coniglio Motorista. 1977-1979.

“IL TRENINO”, condotto da Andrea Lala, Emilia Cecchi e Paolo Sonetti; poi da  Loriana Lana, Paolo Turco, Rita Lemma. 1978-1981.

“BUONASERA CON RITA AL CIRCO”, condotto da Rita Pavone con il pupazzo Paperita. 1979.

“3, 2, 1, CONTATTO…”, condotto da Paolo Bonolis, Sandro e Marina. 1980-1981.

“FRESCO FRESCO”, condotto da Marco Columbro, Gigi Marziali, Cinzia De Carolis (doppiatrice), Patricia Pilchard; poi da Dania Cericola (doppiatrice), Edy Angelillo, Maurizio Esposito; seguono poi Massimo Petronio e Patrizia Triboli ed infine Barbara D’Urso.

La prima sigla ‘E’ strano ti amo’ è cantata da

“DIRETTISSIMA CON LA TUA ANTENNA”, condotto da Marta Flavi. 1981-1982.

“PATATRAC”, condotto dalle Trix e poi da Shirine Sabet e Armando Traverso. 1981-1982-1989.

“TANDEM”,  condotto da Fabrizio Frizzi e Barbara D’Urso, poi  Enza Sampò, Claudia Sorrentino e Roberta Manfredi. 1982-1985.

“CARTONI MAGICI”, condotto da Giuseppe Cella, Oreste Castagna, Pietro Ghislandi, Elisabetta Gardini, poi da Oreste Castagna. Tra i cartoni animati conoscere. 1983-1985.

“PISTA”, condotto da Maurizio Nichetti e poi da Daniela Goggi e Orsetta Gregoret. 1984-1987.

“PANE MARMELLATA”, condotto da Fabrizio Frizzi. 1985.

“MAGIC”, Manuela Antonelli e Piero Chiambretti. 1985

“BIG”, condotto da Carlo Conti, l’attrice Gegia, Emilio Levi e Giorgia Passeri; poi da Renato Giordano, Rolando Ravello ed Manuela Morabito; nel 1991 invece è la volta di Emilio Levi, Giorgia Pini e Giorgia Passeri. 1988-1992.

“L’ALBERO AZZURRO”, condotto dal pupazzo Dodo e dai diversi conduttori Francesca Paganini e Claudio Madia, Carlo Rossi e Marcela Barros, Augusta Gori e ritorna Claudio Madia e Barbara. 1990 ad oggi.

“DISNEY CLUB”, condotto da Dado, Gaia e Riccardo. 1991-1995.

“SOLLETICO”, condotto da Elisabetta Ferracini e da Mauro Serio. 1993-1998.

“ARRIBA ARRIBA”, condotto dalla show-girl Heather Parisi. 1996.

“GO CARD”, condotto da Maria Monsè. 1996-2000.

“LA MELEVISIONE”, condotto da Lupo Lucio, la principessa Odessa, Orco Manno, Orco Rubio, Scintilla Shirine, Drollo, Strega Varana, Milo Cotogno- 1999 ad oggi.

“ART ATTACK”, condotto da Giovanni Muciaccia. 2000 ad oggi.

“E’ DOMENICA PAPA'”, condotto da Armando Traverso. 2004-2010.

“RANDOM”, condotto da Gabriele Birilli, Silvia Rubino, Georgia Luzi e dal pupazzo Mario Random. 2005.

“TREBISONDA”, condotto da  condotto da Manolo Martini, Stefano Simmaco, Elena Castagnoli e Isabella Arrigoni. 2007

 

 

Il secondo propone i più bei programmi per ragazzi in onda sulle varie reti TV.

 

“TUTTI PER UNO” (Antenna Nord-Quinta rete), condotto da Marta Flavi. 1980-1981.

“POMERIGGIO CON FIVE” (Canale 5), condotto da Augusto Martelli, Fabrizia Carminati ed il pupazzo Five. 1981-1984

“BIM BUM BAM” (Italia 1), la prima edizione (1982-1983) è condotta da Sandro, Marina e Paolo Bonolis. Arriverà poi il pupazzo Uan e i suo conduttori vari come Paolo, Manuela Blancard, Deborah Magnaghi, Carlotta, Carlo, Davide Garbolino, Marco Bellavia… 1982-1998.

“YO YO” (Telereporter), condotto da Daniela e dal pupazzo Frida. 1982-1987.

“CIAO CIAO” (Retequattro), la prima edizione dal 1982 al 1984 non avrà conduttori, seguiranno poi il pupazzo Four e Giorgia Passeri per la prima edizione, e per le successive ci saranno Paola Tovaglia, Deborah Magnaghi, Flavio Albanese… 1985-1998.

“BABY SHOW” (Junior TV), condotto dai personaggi a cartoni animati della Baby Band, il cinesino Cin Cin, la bimba Clamsy, il coniglio Junior e il gufo Otto Gufen. 1986-1990.

“SLURP” (Odeon TV), condotto da Paola, l’alieno Alfonso e Hugo Robot. 1988-1991.

“SUPER 7” (Italia 7), condotto da Carlo e da i 2 pupazzi Frittella e il robot Mic-Mac. 1988-1991

“VERDE PISTACCHIO” (Junior TV), condotto da Stella e Fabio Fazio. 1990-1994.

Qui debutteranno i cartoni animati di

“SORRISI E CARTONI” (Telemontecarlo), condotto da Arianna Ciampoli. 1996-2000.

“SUPER 3” (Super 3), condotto da Sonia. 1994-2014.

“ZAP ZAP” (Telemontecarlo), condotto da Ettore Bassi, Alessandra Luna e il pupazzo Zappo, seguiranno poi Marta Iacopini, Guido Cavalleri, Fabrizio Apolloni, Walter Rolfo. 1996-1999.

 

 

 

 

GIANNI SORU

PRIMI IN SICUREZZA 2016: SCATENATE LA CREATIVITA’ NELLA + GRANDE CAMPAGNA SCOLASTICA SULLA PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI SUL LAVORO


DSCN0005Testi, video, grafica e musica: il mondo della multimedialità per invitare gli studenti italiani a riflettere sui temi della sicurezza, avvicinandoli – con la collaborazione di docenti e genitori – alla realtà della prevenzione come strumento per risolvere il fenomeno degli incidenti e degli infortuni sul lavoro e negli ambienti della vita sociale. È questa la finalità della XIV edizione di PRIMI IN SICUREZZA, promossa da ANMIL ed OKAY!, campagna-ricerca che si rivolge alle scuole dell’infanzia, primarie, secondarie di primo e secondo grado.

Classi scolastiche e singoli ragazzi, di ogni ordine scolastico e grado (Scuole infanzia, primarie e secondarie di 1° e 2°) potranno prendere parte alla “campagna” producendo e realizzando, entro la data del 31 MARZO 2016, lavori, ricerche ed elaborati sul tema della sicurezza e della prevenzione degli incidenti e degli infortuni sul lavoro.

 

Quest’anno PRIMI IN SICUREZZA presenta una grande novità. Il percorso didattico e la stessa assegnazione dei premi finali non faranno più riferimento agli ordini e ai gradi scolastici, ma alle categorie di partecipazione. Dunque, un cambiamento che lascerà alle scuole la possibilità di esprimersi nella più totale creatività, elaborando e progettando lavori didattici nella sezione preferita o, addirittura, in più sezioni, adottando il criterio della interdisciplinarietà delle materie. Inoltre, il tema-slogan suggerito (“Sicurezza: qui ci casco”) si presta ad essere interpretato con grande fantasia e creatività, a partire proprio dal gioco di parole rappresentato dalla parola-verbo “casco”.

 

PRIMI IN SICUREZZA 2015-2016 è strutturato in quattro percorsi espressivi e precisamente:

A – CATEGORIA GRAFICA E DISEGNI

B – CATEGORIA TESTI E RICERCHE

C – CATEGORIA VIDEO E WEB

D – CATEGORIA RAP

 

A – CATEGORIA GRAFICA E DISEGNI

“Scatenate la fantasia e create un messaggio grafico per prevenire gli incidenti sul lavoro”: questo l’invito rivolto alle classi ed ai singoli che vogliono lavorare a suon di pastelli, tempere e Photoshop.

Il tema del “casco” si presta ottimamente per questa sezione, invitando tutte le scuole a creare, ideare e realizzare – in mille modi – il “casco” della sicurezza, visto e letto nei modi più diversi, ma con l’elemento comune che il casco è simbolo di tutela e protezione.

Come si sa, la sensibilizzazione è importante sul tema degli incidenti sul lavoro. Prevenire è meglio che curare, si dice. Come scuotere l’opinione pubblica su questo problema? Come richiamare l’attenzione sulla necessità di creare migliori condizioni di sicurezza sul lavoro? Si propongono queste attività didattiche: creazione di poster, disegni, fumetti, cartoline, t-shirt e oggetti vari con un messaggio che aiuti a prendere coscienza del problema degli incidenti sul lavoro o della necessità di prevenirli.

Altre proposte di attività: realizzazione di tabelloni con i principali segnali di sicurezza sul lavoro; ideazione di un gioco da tavola con i vari cartelli (di divieto, di avvertimento, di prescrizione, di salvataggio e così via); ideazione di un nuovo segnale di sicurezza che, secondo la vostra fantasia, può essere utile per chi lavora gioco-quiz su cosa prevedono le normative in caso di antincendio, uso di dispositivi di protezione individuale, uso di strumenti video, lotta ai rumori; creazione di un gioco quiz, relativo ai dispositivi di sicurezza e alle norme previste dalla legge.

 

B – CATEGORIA TESTI E RICERCHE

È la sezione che consente di approfondire, dibattere e raccogliere dati e notizie sul fenomeno delle morti bianche. Anche in rete la documentazione è ormai vasta sull’argomento. Lo stesso sito dell’ANMIL offre dati e notizie in gran quantità.

Come attività didattiche suggeriamo di:

  • Raccogliere e commentare articoli e servizi giornalistici sul tema degli incidenti per poi redigerne testi relativi, ad esempio, all’incontro con un imprenditore della vostra città o del vostro paese per intervistarlo sulla prevenzione e sulla sicurezza. Interessante anche raccontare la visita ad una fabbrica o ad un ufficio per descriverne gli impianti, le attrezzature, le condizioni di sicurezza;
  • Intervistare una persona che ha vissuto l’esperienza di un infortunio sul lavoro e chiedere: “Che cosa accade durante un incidente? Che tipo di conseguenze può comportare sul fisico e nella vita quotidiana? Che sentimenti e che stati d’animo provoca?”;
  • Incontrare un medico che illustra le conseguenze fisiche (menomazioni, difficoltà di movimento ecc.) connesse con un infortunio sul lavoro; proporre testimonianze di fatti dolorosi che hanno fortemente impressionato l’opinione pubblica; commento su alcune delle principali disposizioni di Legge in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro; ricerche su cosa prevedono, in materia di sicurezza, le leggi italiane e perché è importante la tutela dei lavoratori.

 

C – CATEGORIA VIDEO E WEB

Perché non creare un sito o un blog su PRIMI IN SICUREZZA, facendovi confluire i vostri elaborati? E perché non realizzare, con i vostri smartphones, anche piccoli video con racconti, interviste, testimonianze di chi ha vissuto l’esperienza di un incidente sul lavoro? Ecco le due “sfide” lanciate dalla Categoria C. Ecco alcuni suggerimenti, che partono dalle domande: si parla in famiglia dei rischi negli ambienti di lavoro? I genitori confidano ai propri figli di lavorare in condizioni di disagio e di pericolo? Qualche genitore è stato vittima di incidenti sul lavoro?

Come attività didattiche suggeriamo di:

  • Raccogliere con videocamere e smartphones testimonianze tra le famiglie degli alunni per verificare se incidenti sul lavoro hanno coinvolto mamma, papà o un parente;
  • Fare un sondaggio tra le famiglie degli alunni sui principali rischi degli ambienti di lavoro;
  • Raccogliere tra le famiglie degli alunni commenti e pensieri sulle paure e sui timori che i genitori provano in un ambiente di lavoro;
  • Chiedere ai genitori se le condizioni di sicurezza sono effettivamente rispettate negli ambienti di lavoro.

 

D – CATEGORIA RAP

Considerato il grande successo della scorsa edizione, torna la gara riservata all’ideazione e produzione di brani di musica Rap. Viene dunque rilanciato lo slogan: “Tutti in RAP per dire basta agli infortuni sul lavoro e per dire che occorre Ridurli Anzi Prevenirli”. I partecipanti a questa sezione potranno inviare composizioni vocali, musicali e testuali che, in stile rap, affrontano le tematiche della prevenzione degli incidenti sul lavoro. È un modo efficace per raccontare, con il linguaggio di un genere musicale e dei giovanissimi, le urgenze e le emergenze del fenomeno della “insicurezza” degli ambienti lavorativi. E ovviamente occhio al tema-slogan del “casco” che può suggerire brani di grande effetto, anche sul piano dei testi.

 

Le modalità di composizione ed espressione sono libere, come appunto deve essere un RAP. I pezzi potranno essere presentati sottoforma di videoclip, brani mp3 e testi, da caricare sui comuni supporti elettronici (pendrive, cd o siti web). Ci potrà essere un accompagnamento musicale o anche la sola esecuzione vocale. E per chi non ce la fa proprio a cantare, è sufficiente produrre un testo, una semplice “filastrocca Rap” dove sia evidente il messaggio antinfortunistico. Per questa sezione i migliori RAP scelti dalla Giuria tecnica verranno pubblicati sul sito di ANMIL.

 

MODALITÀ DI ADESIONE E SCADENZE

I lavori di PRIMI IN SICUREZZA potranno essere eseguiti in piena libertà espressiva e creativa. Accanto alle piste suggerite, potranno esserne sviluppate altre, secondo gli interessi e le attenzioni di ogni singola classe i temi.

 

Tutti i lavori di PRIMI IN SICUREZZA dovranno pervenire entro il 31 MARZO 2016 alla redazione di OKAY! al seguente indirizzo: OKAY! PRIMI IN SICUREZZA, presso Casa M. E. Mazza, Via Nullo n. 48 – 24128 Bergamo.

 

I lavori non si restituiscono. Si invitano le classi a conservarne una copia (o fotocopia).

Ogni lavoro dovrà riportare in modo chiaro i riferimenti della Scuola e degli autori compilando la scheda scaricabile dal sito di OKAY! (www.okayscuola.wordpress.com) o dell’ANMIL (www.anmil.it) dove potrete trovare tutte le informazioni.

In ogni caso è indispensabile indicare: nome della scuola, indirizzo completo, località e provincia di residenza, nominativo del docente referente, numero telefonico e e-mail.

 

PREMI E RICONOSCIMENTI

La comunicazione dei vincitori avverrà con pubblicazione degli esiti della Commissione giudicatriceentro il 10 MAGGIO 2016 sui siti di ANMIL e OKAY! oltre che direttamente alle scuole vincitrici a mezzo posta elettronica.

Una commissione di esperti valuterà insindacabilmente i lavori pervenuti ed assegnerà premi e riconoscimenti suddivisi per LE CATEGORIE DI PARTECIPAZIONE, che sono rivolte indistintamente a tutti gli ordini scolastici: Scuole dell’infanzia, Scuole primarie, Scuole secondarie 1°, Scuole secondarie 2°.

È prevista l’assegnazione di premi di utilità didattica ai primi 3 vincitori di ciascuna categoria.

Okay! ed ANMIL si riservano il diritto di promuovere iniziative ed attività (mostre, convegni, ecc.) con il materiale pervenuto.

L’iniziativa si chiuderà con una Cerimonia di premiazione nazionale che si svolgerà a Roma entro la fine dell’anno scolastico 2015/2016.

NOVITA’ EDITORIALE / MISSIONE GENITORI: I 40 ANNI DELL’AGeSC RACCONTATI DALLA VOCE DEI SUOI PROTAGONISTI. UN STORIA CHE SORPRENDERA’…


3105058

Un libro-testimonianza per raccontare e rivivere i momenti principali della storia quarantennale dell’AGeSC, l’associazione che riunisce i genitori della scuola cattolica. Questo il senso di “Missione Genitori”, libro scritto da Roberto Alborghetti, edito dalla stessa AGeSC, e consegnato in anteprima lo scorso 5 dicembre a Papa Francesco, nella circostanza dell’udienza che il Santo Padre ha avuto con i responsabili e i “quadri” provinciali. Evitando i toni celebrativi, l’autore ha ricostruito il percorso di una tra le più originali realtà associative italiane, affidandosi alla viva voce dei suoi protagonisti, ossia i presidenti nazionali che hanno guidato l’AGeSC.

Nell’arco di quarant’anni, l’Associazione si è affermata come realtà nazionale. È una dimensione che dà peso, forza e consapevolezza d’agire nell’affrontare i nodi e le sfide immediate e future. Sfide che chiamano ad attuare e sviluppare la qualità educativa della presenza dei genitori all’interno delle scuole cattoliche. Sfide che interpellano ad aiutare la scuola cattolica nella propria azione educativa, a riqualificarla sul piano del servizio e dell’offerta formativa, a dare risposte a chi le chiede di essere espressione dei valori supremi del cristianesimo. Sfide che invitano gli stessi genitori a prendere coscienza che la scelta della scuola cattolica non è per coprire un vuoto, ma è un atto di consapevolezza, di fiducia e di speranza. Su di sè, sulla propria famiglia. Sullo stesso Paese.

Come scrive Roberto Gontero, presidente nazionale dell’Associazione, nelle pagine di apertura del libro, l’AGeSC “è una presenza testimoniante di donne e uomini che hanno deciso di prendere l’iniziativa, coinvolgersi, accompagnare, fruttificare e festeggiare (par. 24, “Evangelii Gaudium”) attraverso la nostra Associazione. Il tratto missionario dell’AGeSC è quello che più ha attratto migliaia di genitori e li ha fatti ‘operai nella vigna del Signore'”. “Quanti sono questi operai e chi sono? – continua Gontero – . Uomini e donne che hanno deciso di vivere una vita che non delude. Una vita fatta di donazione, di comunione con gli altri genitori, con Suore, Preti, Insegnanti, la Comunità educante e la Chiesa. Hanno deciso insieme al proprio coniuge di costruire percorsi piuttosto che accontentarsi del mordi e fuggi quotidiano. Sono andati controcorrente con il coraggio e l’audacia di provare cammini diversi tra gioie e amarezze, vittorie e sconfitte, gratificazioni e delusioni cocenti”.

Come detto, più che ripercorrere tappe e momenti in modo cronologico ed asettico, l’autore ha dato voce e spazio a coloro che hanno guidato l’AGeSC in qualità di presidenti. E stata così risalita la linea del tempo e come in un viaggio sono stati incontrati Roberto Gontero (presidente in carica dal 2012), Maria Grazia Colombo (2006-2012), Enzo Meloni (20002006), Stefano Versari (1997-2000) e Roberto Lombardi (1990-1996), successori di altre singolari personalità che – ora non più tra noi – rispondevano ai nomi di Lorenzo Cattaneo (1984-1990), Giulio Galli (1981-1984) e Giuseppe Marzetta (1977-1981). Ne è uscita la storia di persone che rappresentano altre centinaia di migliaia di persone che, con grande passione ed impegno civico, si sono messe insieme ed in gioco, con la finalità di coinvolgere i genitori nella propria vocazione educativa. E’ un documento sull’Italia che crede e spera in un Paese e in un mondo migliori. Ed è un racconto fatto di ricordi, episodi e aneddoti che, forse, non mancheranno di sorprendere.

 

MISSIONE GENITORI, I quarant’anni dell’AGeSC, una grande Associazione di mamme e papà, di Roberto Alborghetti, Presentazione di Roberto Gontero, Edizioni AGeSC, Realizzazione e stampa di Ikonos, 2015, Pagine 76, Prezzo copertina: Euro 12. ISBN: 88-96006-25-2. Disponibile in versione cartacea nei principali bookstores online 

 

LA FAVOLA DELL’ABITO VULCANO: EVENTO SPECIALE IL 20 DICEMBRE A PIANCASTAGNAIO (MONTE AMIATA, SIENA)


Foto Roberto Alborghetti - Mitrani Yarden 2 - Copia

Una delle 40 immagini presenti nel bellissimo e-book (Marna Edizioni) intitolato “La Principessa, il Fuoco e il Castello”, in doppia versione bilingue (inglese e italiano), disponibile on line a soli 0,99 Euro.

 

 

1 IMGP2938 (640x480)

Un evento davvero speciale avrà luogo a Piancastagnaio (Monte Amiata, Siena) nel contesto delle iniziative “Favoliamo verso il Natale” promosse dal Comune. Domenica 20 dicembre, alle ore 17, presso il teatro Comunale, avrà luogo la presentazione del progetto “La Principessa, il Fuoco e il Castello”.  Si tratta di una favola moderna la quale – attraverso un eBook di Marna Edizioni e un documentario televisivo – presenta il capo di alta moda “Vulcano Amiata” che Mitrani Yarden ha creato e realizzato sulla base di una fotografia astratta che Roberto Alborghetti aveva scattato ad un vecchio bus inglese custodito a Nottingham.

Come si ricorderà, alla fine dello scorso ottobre, nell’ambito di  “Penne e Video Sconosciuti” promosso da Osa Onlus, era stato proiettato “The Ghost Bus”, il video girato appunto in Inghilterra, attirando anche la partecipazione di una delegazione inglese. In quelle stesse giornate Alborghetti e Mitrani hanno realizzato  una vera e propria storia fantastica, con la partecipazione della modella ed attrice Ginevra Bertolani, ambientata alla Rocca Aldobrandesca, che fa da suggestivo elemento architettonico. Il racconto, che si articola con un testo e attraverso le immagini, si snoda all’interno dell’antico castello e costituisce, per Piancastagnaio, una ulteriore opportunità per promuovere le bellezze artistiche e storiche del proprio territorio. Il cortometraggio è stato anticipato da un e-book (Marna Edizioni) disponibile nelle librerie online a soli 0,99 Euro.  

La presentazione in anteprima del cortometraggio – con musiche originali di Eylon Malhi – offrirà di nuovo l’opportunità di parlare di un progetto del quale ha recentemente parlato la prestigiosa rivista americana “Arts & Cultural Strategies” diretta da Renèe LaVerne Rose. Il 21 dicembre previsto anche un incontro con gli studenti del corso per designers presso L’Istituto Avogadro di Abbadia San Salvatore. Hanno collaborato nell’iniziativa: Comune di Piancastagnaio, Osa Onlus, Natalia Scalacci ( Makeup and Hairstyle), Nicola Cirocco e Patrizia Sapri.

L’evento sarà concluso dalla consegna al Sindaco Luigi Vagaggini della nuova edizione della biografia storica illustrata “Francesco” scritta da Roberto Alborghetti per l’Editrice Velar. Si tratta di una monumentale opera editoriale che ricostruisce, con documenti inediti ed una serie di straordinarie immagini, la vita di Papa Francesco, a partire dalle origine italiane della sua famiglia fino ai giorni nostri.

NOVITA’ EDITORIALE: UNA MAESTRA “SI RACCONTA” AI RAGAZZI. PRESENTAZIONE SABATO 19 DICEMBRE A BERGAMO


LA MAESTRA CHE VEDEVA UN ANGELO IN OGNI ALUNNO, di ROBERTO ALBORGHETTI, DISEGNI DI MICHELE EYNARD, EDIZIONI VELAR, 2015

LA MAESTRA CHE VEDEVA UN ANGELO IN OGNI ALUNNO, di ROBERTO ALBORGHETTI, DISEGNI DI MICHELE EYNARD, EDIZIONI VELAR, 2015

Sabato 19 dicembre, alle ore 15,30, presso Casa “M. E. Mazza” (via F. Nullo 48, Bergamo) si terrà il tradizionale incontro natalizio promosso dall’associazione “Amici di Maria Elisabetta Mazza” e dalle Piccole Apostole. In tale occasione Roberto Alborghetti presenterà il suo nuovo libro “Maria E. Mazza, La maestra che vedeva un angelo in ogni alunno”. Il testo contiene una serie di tavole illustrate dal disegnatore bergamasco Michele Eynard.

 

DALLA PRESENTAZIONE DEL VOLUME…

Perché un nuovo libro? A chi è destinato? Le Piccole Apostole della Scuola Cristiana si preparano a celebrare nel 2016 il Centotrentesimo anniversario della nascita della loro Fondatrice, che dalla profonda comunione con Dio, ha donato tutta la sua vita per il mondo dell’educazione. In questo tempo di “emergenza educativa”, sono liete di presentare le intuizioni pedagogiche di Maria Elisabetta Mazza, attraverso questo libro rivolto  ai giovani lettori, ma che offre suggerimenti anche ai genitori, agli insegnanti e a tutti gli educatori…

“La maestra che vedeva un angelo in ogni alunno” è una  nuova biografia su Maria Elisabetta Mazza scritta dal giornalista Roberto Alborghetti, che ringraziamo dal profondo del nostro cuore, per aver accettato, ancora una volta, di mettere mano, cuore e mente, nel prezioso scrigno degli scritti della Maestra bergamasca. In questo profilo, con molta maestria, l’Autore ha inquadrato la narrazione nella storia del tempi e ha utilizzato lo stile autobiografico: questo, e molto altro, pensiamo renda ancora più accattivante la lettura dei nostri giovani lettori. Ci auguriamo che dalla conoscenza di questa Testimone, i ragazzi  siano stimolati al bene; imparino come si può vivere più felici, aprendoci a Dio e agli altri. E gli educatori scoprano sempre più la bellezza dell’educare; facciano la stessa esperienza della singolare Maestra: “Ogni bambino ha al di sopra di sé, evanescente e puro, un Angelo del Signore che sorride e incoraggia la maestra a iniziare l’opera sua”.

Se così sarà, questa pubblicazione avrà raggiunto i suoi scopi.

Liliana Cattaneo

RACCONTARE LA FAMIGLIA: UNA GRANDE INIZIATIVA PER LE SCUOLE ITALIANE


DSC06496 (800x592)

Raccontare la propria famiglia, parlare dei propri genitori, dei propri fratelli e sorelle, narrare “come” si vive all’interno delle mura della propria casa, le proprie giornate, ricordando episodi e momenti lieti o tristi che si sono vissuti insieme, i piccoli e grandi gesti che si compiono quando si vive insieme e si sogna insieme…

E’ questo il senso dell’iniziativa “Ti parlo della mia famiglia”  che Kiwanis International – Kiwanis Club Bergamo Orobico Onlus  ed OKAY! (mensile e sitoblog) promuovono a livello nazionale tra le scuole materne, scuole primarie e secondarie di primo grado, statali e paritarie.

 

FINALITA’

La finalità è quella di dare spazio, visibilità e attenzione alle voci di ragazze e ragazzi, offrendo loro l’opportunità di pensare alla realtà della propria famiglia e raccontarla con semplicità e spontaneità, nelle sue scene e nei suoi momenti quotidiani, nelle giornate felici e anche in quelle più tristi. Ma anche di fissare – in  un semplice commento, in un semplice pensiero, in un semplice disegno – il bello di vivere con i propri genitori, i propri fratelli e sorelle, con i nonni, e perché no?, zie e zii, cugini e cugine…

Dunque, l’iniziativa vuole proporsi come una opportunità per esprimere i propri sentimenti, le proprie sensazioni, le proprie emozioni, i propri ricordi per esperienze, fatti e realtà che costituiscono il mondo della famiglia e la bellezza di vivere insieme con mammà e papà e con quanti condividono con noi i giorni della nostra vita.

COME ADERIRE

Attraverso messaggi, scritti, disegni ed immagini (come fotografie e piccoli video) la scuola italiana è invitata a raccontare storie, fatti, emozioni e situazioni che costituiscono l’esperienza di vivere in famiglia, da cogliere e raccontare nei suoi vari componenti, nelle sue diverse situazioni, nelle difficoltà e nelle gioie di ogni giorno.

Attraverso le varie forme della creatività e della piena libertà  espressiva, i partecipanti potranno eseguire lavori che illustrano le tematiche collegate alla famiglia, magari partendo da semplici “punti di osservazione”.

Ad esempio: da chi è composta la famiglia;  descrivere mamma e papà, nel loro aspetto fisico e in quello che fanno (ad esempio: il lavoro e gli hobbies); parlare o disegna i fratellini e le sorelline, scrivere dei giochi che si fanno insieme, in casa e fuori, con gli amici.

E ancora: raccontare come si vivono le giornate (mattino, pomeriggio, sera)  i giochi, le gite, le vacanze, i momenti che si vivono insieme (ad esempio, a tavola, una passeggiata, sul campetti di calcio, davanti alla tivù, all’oratorio, a scuola, in parrocchia, in un gruppo sportivo e ricreativo); parlare e disegnare i momenti allegri e felici e anche quelli in cui ci si sente magari un po’ giu’….

Oppure, semplicemente, lanciare un messaggio a mamma e papà, raccontando loro quello che magari, per timidezza, non si è mai riusciti a dire… O narrare, con uno scritto od un disegno, un fatto particolare, che ha coinvolto tutta la famiglia.

Insomma, divertitevi a raccontare “tutti i colori” della famiglia, le sue persone, gli ambienti dove si vive, le esperienze e le storie vissute insieme.

PRESENTAZIONE DEGLI ELABORATI

Gli elaborati potranno essere presentati nelle forme e con i supporti più vari: album, opuscoli, fascicoli, giornali scolastici, dvd, cd-rom, pen-drive, siti web e così via.

Tutti i lavori dovranno pervenire entro e non oltre il 15 aprile  2016 (fa fede il timbro postale) al seguente indirizzo: Okay!, presso Casa M.E.Mazza, via Nullo 48, 24128 Bergamo.

CERIMONIA DI PREMIAZIONE

Una commissione giudicatrice selezionerà i migliori lavori pervenuti. Le scuole saranno premiate con prodotti di utilità didattica nel corso di un evento pubblico a Bergamo in occasione della Giornata per la Famiglia, fissata per il 15 maggio 2016. Nella medesima manifestazione verrà organizzata una mostra dei migliori lavori pervenuti.

ECCO “WINX CLUB MUSICAL SHOW”:MAGICHE FESTE IN GIRO PER L’ITALIA


WinxMusicalShow_ChristmasTour_01Winx Club Musical Show - AishaWinx Club Musical Show - Stella

Tante città sono pronte ad accogliere il “Winx Club Musical Show – Christmas Tour”. Il  magico spettacolo, che ha già incantato oltre 30.000 persone tra grandi e piccini in tutta Italia, quest’anno in un’imperdibile versione natalizia.

Dopo il successo dell’edizione 2014-2015, le Winx vogliono festeggiare insieme ai propri fan e alle loro famiglie la festa più  “magica”  dell’ anno, il Natale, con un musical davvero emozionante, di cui anche quest’anno Iginio Straffi ha scritto i testi, che porterà le Winx in tour in alcuni selezionati teatri italiani e non solo.

Bloom, Flora, Stella, Aisha, Musa e Tecna saliranno sul palco – interpretate da artiste professioniste – ballando e cantando sulle note delle più celebri canzoni della serie “Winx Club” e interagiranno con gli spettatori facendo vivere ai bambini l’emozionante favola di festeggiare il Natale insieme alle vere Winx.

Uno spettacolo, pieno di colori e colpi di scena, interattivo, assolutamente magico e anche tecnologico perché, grazie a degli effetti speciali, una magica nevicata sorprenderà gli spettatori che seguiranno le Winx nella preparazione dell’ albero di Natale e di una festa degna dell’incantata di Alfea!

Non mancherà la suspense perché le streghe Trix, storiche rivali delle Winx, trameranno dietro le quinte per rovinare la grande festa di Natale.  Ci riusciranno? La risposta verrà data solo durante lo show che terrà tutti con il fiato sospeso.

Ma le sorprese non finiscono qui! Le Winx faranno un bellissimo ed inatteso regalo di Natale alle loro piccole amiche: una canzone dedicata al Natale da cantare tutti insieme per rendere ancora più magica l’atmosfera!

Quest’anno, poi, il “Winx Club Musical Show – Christmas Tour” sarà ancora più coinvolgente ed interattivo perché ad ogni  spettacolo un’intera famiglia scelta nel pubblico potrà salire sul palco e ricevere dalle mani delle Winx i regali di Natale!

 

Anche questa edizione del musical è realizzata da Starinsieme Produzioni, con la regia affidata a Gianni Donati,  il cui nome si associa a musical di grande successo come Aladin, il Gobbo di Notre Dame, Musical Parade ed al festival Bimbo Star. La produzione esecutiva è, sempre, affidata ad Alessandro Musto, professionista di Starinsieme Produzioni con numerose esperienze in programmi TV Rai e Mediaset.

Il musical toccherà alcuni selezionati teatri italiani, senza dimenticare una tappa a Lugano che porterà il “Winx Club Musical Show – Christmas Tour” anche nel Canton Ticino!

Uno spettacolo davvero imperdibile, l’occasione perfetta per celebrare insieme alle famiglie la magia del Natale e i valori che da sempre contraddistinguono questa acclamata serie di animazione come energia positiva, amicizia, amore, magia, ma anche generosità ed impegno.

 

DATE SPETTACOLI

 

BASSANO DEL GRAPPA (Vicenza) – Palabassano – 26 Dicembre 2015

PADOVA – Gran Teatro Geox – 27 Dicembre 2015

FIRENZE – Teatro OBIHall – 29 Dicembre 2015

BRESCIA – Pala Banco – 2 Gennaio  2016

BERGAMO – Teatro Creberg – 3 Gennaio 2016

LUGANO – Palazzo dei Congressi – 5 Gennaio 2016

MILANO – Teatro Linear4Ciak – 6 Gennaio 2016

SASSARI – Nuovo Teatro Comunale – 9 Gennaio 2016

CAGLIARI  – Teatro del Conservatorio – 10 Gennaio  2016

 

 

Per ulteriori informazioni sullo show, sulle tappe e per acquistare i biglietti: http://www.winxlospettacolo.com/#!date-spettacoli-winx-club/ckfk  e www.winxclub.com