FENOMENI / AUTORI E SIGLE TV: LUIGI ALBERTELLI… E CHI SI SCORDA “FURIA IL CAVALLO DELL’WEST?”  


 

luigi albertelli dischi

 

Guest Writer: GIANNI SORU

 

Luigi Albertelli è nato a Tortona  il 21 giugno del 1934 sotto il segno dei gemelli. Se non è il più grande è uno dei più grandi parolieri della musica leggera italiana (il primo a svelare ed ad intervistare Luigi Albertelli (ed anche Vince Tempera) fu proprio Gianni Soru all’inizio degli anni ‘90 pubblicando diversi articoli su varie riviste: Di Tutti i Colori, Cudowny, Japan Magazine, Manga Club, Colori..… ed il sito Koji and Cutei ndr).

 

Luigi Albertelli negli anni 60-70-80 ha scritto migliaia di bellissime canzoni per tanti big della musica leggera italiana: Adriano Pappalardo: l’intramontabile “Ricominciamo”; Bobby Solo e Iva Zanicchi: un classico “Zingara” (vincitrice del Festival di Sanremo del 1969); Dik Dik: la famosa “Io mi fermo qui”; Donatello: Malattia d’ amore”; Dori Grezzi: “La sola cosa che ho”; Drupi: le bellissime “Piccola e fragile” (divenuta nel 1990 sigla per la telenovelas Topazio), “Vado via”, “Sambariò”, “Rimini”, “Sereno è”, “Due”, “Regalami un sorriso” (divenuta poi nel 1989 la sigla della telenovelas Azucenia)); Equipe 84: la bella “Casa mia”; Fiordaliso: la splendida “Non voglio mica la luna”, “Libellula”, “Fatti miei”, “Il mio angelo”…; Fred Buongusto: “La mia estate con te”;  I Nomadi: Quasi quasi”; Latte e Miele: “Ritagli di sole”; Marisa Sannia: “Com’è dolce la sera”; Mia Martini: “Libera”, “Sabato”, “Donna sola”, “Dimmelo”…;  Michele Zarrillo: la bella “La notte dei pensieri”; Milva: “Da troppo tempo”, “Mediterraneo”, “Non pianger più Argentina”; Mina: “Uomo”, “Fiume azzurro”, “Lamento d’amore”…; Ornella Vanoni: “Superfluo”, “Fammi andar via”; Ricchi e Poveri: la bella “Primo sole, primo fiore”…; Rossana Fratello: “Stasera tu ed io”, “Il mulino”; Zucchero: “Non aver paura”, “Sandra”, “Tempo ne avrai”… Verso la fine degli anni ’70 fino a metà degli anni ’80, Luigi Albertelli, si dedicherà anche alle sigle tv per telefilm, cartoni animati e programmi (scritte per la Fonit Cetra, la CBS, la Five Records), affiancato da diversi grandi musicisti come il suo grande amico Vince Tempera o Augusto Martelli, con risultati ottimi (una decina di sigle arrivate ai primi posti delle classifiche). Le sue sigle sono dei classici ancora oggi cantanti, e che gli han venduto ben 10 milioni di copie.

 

1977: “Furia” (Rai, sigla di Furia cavallo del west), un brano tormentone che arriva in cima alle classifiche con 1.200.000 copie vendute, a cantarla è Mal.

 

1978: “Furia soldato” (Rai, sigla di Furia cavallo del West), vuole ripetere il successo della prima sigla, anche questa arriverà in top-ten ma vendendo 300.000 copie.

Nel 1978 assieme al suo amico Vince Tempera, fanno una scommessa, in circolazione ci sono troppe canzoncine per bambini, ma un po’ troppo… infantili, come se i bambini venissero considerati degli stupidotti. Così decidono di provarci anche loro a fare canzoni per i più piccoli, ma che potessero piacere anche ai più grandi. Quando sanno che la Fonit Cetra aveva acquistato alcune puntate di un cartone animato dal titolo Atlas ufo robot, gli chiedono di commissionargli la sigla. Non vogliono però tradurla da quella originale giapponese, volevano fare un prodotto made in Italy. Per questa sigla e per le future pensano di utilizzare dei cori, così le sigle rimangono impresse di più nella testa delle persone, e scelgono dei professionisti. Contattano Paola Orlandi e il suo coro (qui ci sono Michael Tadini, Fabio Concato, fratelli Balestra, Lalla Francia, Silvio Pozzuoli, Marco Ferradini…) o I Piccoli Cantori di Niny Comolli. Invece, per i nomi da dare agli interpreti decidono di sceglierlo in base o al titolo del cartone animato o alla trama del cartone animato.

1978: “Ufo robot” (Rai 1, sigla di testa di Atlas ufo robot), un classico amatissimo, va in top-ten con 650.000 copie. “Shooting star” (sigla di coda di Atlas ufo robot), scritta in inglese volutamente per dimostrare che anche in lingua straniera si potevano proporre sigle belle. “Goldrake” (Rai 2, sigla della seconda serie di Atlas ufo robot), un brano tormentone amatissimo, va in top-ten con 600.000 copie. Il nome scelto per catare queste sigle è Actarus.

Il successo è tale che verrà chiesto di preparare un intero album dal titolo Atlas ufo robot con canzoni nuove come “Rigel”, “Venusia”, “Alcor”, “Vega”, “Procton”… Un disco che entra subito in classifica con 300.000 copie.

 

1979: scrive la bellissima “Capitan Harlock” (Rai 2), una hit da 400.000 copie. (Sul lato B del disco scrive “I corsari delle stelle”). Nome scelto per far cantare questa sigla è La Banda dei Bucanieri.

“Na-no, Na-no” (Rai, sigla di Mork e Mindy), brano martellante cantata da Bruno D’Andrea e va in top-ten con 300.000 copie. (Sul lato B del disco scrive “Mork e Mindy”).

“George e Mildred” (Rai) invece è la sigla del telefilm omonimo cantata da Gin e Tonic, sigla che va in classifica con 80.000 copie.

“Arizona” (Rai, sigla del programma Sceriffi e banditi), va in classifica con 80.000 copie, a cantarla è Ewa Aulin.

“Veramente amore” (Rai, sigla di Domenica in…) è cantata dai Trans Europa Express.

“Dai Dai Dai” (Rai, sigla di Gran Varietà), è cantata da Gino Bramieri.

“La valigia” (Rai, sigla di Una valigia blu), è cantata da Iva Zanicchi.

“Lo dice la mamma” (Rai, sigla del programma Arrivano i Vostri. Sul lato B del disco un pezzo nuovo dal titolo “T come TV”). Nome scelto per questa sigla è La Famiglia Rossi.

“Remì le sue avventure” (Rai), un classico amatissimo, una hit tormentone da 1.400.000 copie. Nome scelto per cantare questa sigla è I Ragazzi di Remì.

Per il cinema scrive la sigla per il film di “Pussy la balena buona”, cantata da Arianna e Loretta.

 

1980: “Tekkaman” (Canale 51, sigla di Tekkaman il cavaliere dello spazio) è un grande successo, nome scelto per cantarla da I Micronauti.

“Daitarn 3” (Milano TV), un enorme successo, sigla amatissima e cantatissima, il nome scelto è sempre quello de I Micronauti, che entra in classifica con 300.000 copie. (Sul lato B del disco scrive “Futuromania”).

“Ty Uan” (Rai, sigla di 3, 2, 1, contatto!) è cantata da Gli Atomi.

“Huck e Jim” (Rai 1, sigla di Le avventure di Huckleberry Finn) un grande successo per la bella sigla cantata dai Louisiana Group e che entra in classifica con 150.000 copie.

“Monkey” (Milano TV), viene affidata ai Coccodrilli.

“Amico Misha” (sigla ufficiale delle Olimpiadi 1980), è cantata da Il Coro di Misha.

“Astro robot contatto ypsilon” (Rai 2), grande successo, il nome scelto per cantarla è Gli Yspilon, ed entra in classifica con 200.000 copie. (sul lato B del disco scrive “Quattro super eroi”).

“La principessa Zaffiro” (Canale 51), un successo cantato da I Cavalieri di Silverland.

“Anna dai capelli rossi” (Rai 1) un classico amatissimo, cantato da tutti, va in top-ten con 1.200.000 copie, nome scelto per cantarla I Ragazzi dai capelli rossi. (Sul lato B del disco scrive “Come le piume dei pettirossi”).

 

1981: “L’ape Maia va” (Rai 2, sigla di L’ape Maia, scritta nel 1980), la bella sigla diventa la nuova classifica di Katia Svizzero con 300.000 copie vendute.

“Capitan Futuro” (Rai 2, scritta nel 1980), è la cantatissima sigla che va in classifica con 200.000 copie. Nome scelto per cantarla ancora I Micronauti. (Sul lato B del disco ha scritto “Gran Capitano”).

“Aria di casa” (Rai, sigla di Happy Circus), è la bellissima sigla del programma cantata da Sammy Barbot, che va in top-ten con 700.000 copie.

“Dallas” (Canale 5), sigla tormentone della strafamosa telenovelas, cantata dall’Orchestra e Coro di Augusto Martelli che entra subito in classifica con 300.000 copie.

“La ballata di Bo e Duke” (Canale 5, sigla di Hazzard), la bella sigla del telefilm ed è cantata sempre dall’Orchestra e Coro di Augusto Martelli che non poteva mancare nelle classifiche con 200.000 copie.

Le simpatiche sigle dei programmi per ragazzi “Five” (Canale 5, sigla di Pomeriggio con Five) e “Ma che Five” (Canale 5, sigla di Domenica con Five), sono cantate dall’Orchestra e Coro di Augusto Martelli con il draghetto Five che ha la voce di Marco Columbro. Il disco va in classifica con 100.000 copie.

“Gatchaman la battaglia dei pianeti” (Canale 5), la bella sigla va in classifica con 200.000 copie, a cantarla è l’Orchestra e Coro di Augusto Martelli. (Sul lato B del disco ha scritto “7 Zark 7”).

“Ape ape ape Maia” (Rai 2, sigla di L’ape Maia), va in classifica con 300.000 copie. Nome scelto per cantarla I Pungiglioni.

 

1982: “Marco” (Rai 1), grandissimo successo per questa sigla cantatissima che va in classifica con 200.000 copie. Nome scelto per cantarla Gli Amici di Marco.

“Tansor Five” (Canale 5), non ottiene molta fortuna, a cantarla è l’Orchestra e Coro di Augusto Martelli.

“Nils Holgersson” (Rai 1), la bella sigla è cantata da I Fratelli Grimm.

 

1983: “Hello Spank” (Italia 1, scritta nel 1982), l’amatissima sigla tormentone va in classifica con 200.000 copie. Nome scelto per cantarla I Cuccioli.

 

1984: “Il fedele Patrash” (Rai 1), non ottiene molta fortuna, a cantarla sono ancora I Cuccioli.

 

1986: “Io nascerò” (sigla di apertura del Festival di Sanremo), è una hit da 300.000 copie cantata da Loretta Goggi.

 

1987: “Dolce Lassie” (Rai, sigla di Lassie), la bella sigla è cantata dalla piccola Giorgia.

 

2001: Albertelli assieme al suo amico Tempera, torna a grande richiesta e pressione dai numerosissimi fan, per la realizzazione di una sigla nuova per un cartone animato, si tratta di “Ufo baby” (Rai 2).

 

 

GIANNI SORU

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...