PESCOLANCIANO (MOLISE): NELL’ANTICO CASTELLO D’ALESSANDRO A RACCONTARE DEL MARTIRE ALESSANDRO E DI CAVALIERI TEMPLARI…


 

FOTO DI PAOLO SANDINI 

La storia di Alessandro e Grata e il legame tra Bergamo a Pescolanciano, in provincia di Isernia, nel segno di S.Alessandro, patrono di Bergamo. Attorno a questo tema è ruotata la giornata promossa nel bellissimo castello dei d’Alessandro, che da secoli domina la località molisana. Un “collegamento” per certi aspetti straordinario, portato alla luce da Roberto Alborghetti nel suo libro-ricerca (alla seconda edizione) pubblicato per Editrice Velar e dedicato alla biografia del vessillifero della Legione Tebea, giustiziato a Bergamo tra il 287 e il 305. A Pescolanciano è viva questa tradizione. Nell’antico castello ducale d’Alessandro, i cui avi appartennero all’Ordine dei Templari, la cappella gentilizia è dedicata proprio a S.Alessandro di Bergamo, il quale è raffigurato anche in alcuni dipinti e in una statua lignea che è al centro di una vivace devozione locale, che si rinnova proprio nella festa liturgica del patrono di Bergamo.

Quest’anno, la famiglia d’Alessandro, rappresentata da Ettore, hanno promosso per S.Alessandro una serie di iniziative, per sottolineare la conclusione di alcuni interventi di restauro nella fortezza e, soprattutto, per promuovere il rinato culto per il protomartire bergamasco nel territorio molisano. Tra gli eventi, è stato presentato il libro di Roberto Alborghetti, in cui appunto si narra del sorprendente vincolo tra i d’Alessandro e il cavaliere primipilo martirizzato da Massimiano. Anteprima anche per il nuovo testo dedicato a Santa Grata, compatrona di Bergamo, legata a doppio filo alle vicende di Sant’Alessandro: è colei che, secondo le “passiones”, compone il cadavere del martire e lo porta alla sepoltura. La pubblicazione è  uscita in questi giorni con una bella e articolata prefazione del vescovo di Bergamo, mons. Francesco Beschi.

L’evento di Pescolanciano è stato molto partecipato – hanno partecipato anche i cavalieri dell’Ordine Costantiniano – ed ha dato modo di conoscere la storia della fortezza (le cui origini risalgono all’epoca longobarda) e le vicende storiche di una bella località molisana, dove si può ammirare il Museo della Ceramica, con pezzi storici usciti dall’antica fabbrica d’Alessandro in auge nell’Ottocento. Nelle foto, alcuni momenti degli eventi a Pescolanciano.

Annunci

Un commento su “PESCOLANCIANO (MOLISE): NELL’ANTICO CASTELLO D’ALESSANDRO A RACCONTARE DEL MARTIRE ALESSANDRO E DI CAVALIERI TEMPLARI…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...