A VOI LA LINEA / DUE FILASTROCCHE DI CATERINA RECA


A

Guest Writer: CATERINA RECA

“La conchiglia magica”

La storia che sto qui per raccontare non inizierà con la solita “C’era una volta una bella principessa…o c’era una volta un castello incantato, ma…..

In fondo al mare una conchiglia giaceva

che da tempo di esser raccolta attendeva.

Era una conchiglia assai speciale

Perché la via verso un tesoro poteva indicare.

Per chi l’avesse raccolta con cuore puro,

cambiar la sua vita avrebbe potuto.

Ma per far ciò una prova occorreva superare

per far aprire la conchiglia e la sua perla ammirare!

Rispondere ad un indovinello

Era il suo tranello

per giungere al traguardo

e chiedere al gioiello

di rendere il proprio mondo assai più bello!

In tanti avevano cercato

di dare una risposta a questo strano arcano,

ma ancor nessuno era riuscito nell’intento

perché assai difficile risultava essere l’indovinello.

L’oscuro mistero era racchiuso in queste semplici parole:

– Qual è il frutto del più grande amore?-

Solo chi avesse amato o provato sentimenti sarebbe riuscito a rispondere senza suggerimenti.

Ma purtroppo quei pochi che erano giunti al suo cospetto

non provavano che invidia e gelosia nel loro petto!

Per una vita che a parer loro gli stava facendo un dispetto

sempre la stessa cosa bramavano con baldanza,

soldi….quattrini…ricchezza in abbondanza.

Credendo con questa richiesta di trovare

tanta felicità per cui danzare.

Fino a che un dì, una bambina

si tuffò nel mare dell’acqua cristallina.

Le era giunta voce di questo racconto

e  di persona voleva rendersene conto

se si trattasse di pura fantasia

o se invece non fosse una semplice idiozia!

Indossando maschera, bombole e boccaglio

veloce e rapida

s’inabissò nel mare

per cominciare a scrutare il fondale

e per trovare al più presto quella strana conchiglia

che voleva vedere con grande meraviglia.

Dopo un po’ di tempo

cominciò perdere la speranza

anche perché cominciò ad essere parecchio stanca.

Ma ecco all’improvviso colpirla un bagliore

che catturò subito la sua attenzione.

Fra le alghe ondeggianti che sembravano danzare,

scorse la conchiglia magica sul fondale.

Si avvicinò con il cuore che le batteva all’impazzata,

incredula, imbarazzata…tanto emozionata!

Udì una vocina provenire dal suo interno

e più vicino si fece per ascoltare meglio.

– Cara piccina..- le disse la conchiglia

-..mi compiaccio. Hai dimostrato grande coraggio a venire fin qui tutta sola!

Coraggio e sicurezza sono dentro di te

Se ti sei spinta così oltre per giungere da me!

Se della storia sei già a conoscenza

saprai che la risposta ad un indovinello ha la precedenza.

Prima della tua richiesta

la giusta risposta mi dovrai dare.

Per poterti poi indicare la via per il tesoro che potrai trovare.-

La bambina con un cenno della testa

si concentrò con tutta se stessa.

– Ascolta bene piccina mia queste brevi parole…

qual è il frutto del più grande amore?-

La bambina si era ormai esposta

E cominciò a pensare alla risposta.

In un attimo le venne in mente

e sorrise nel constatare che rea assai evidente.

Tolse il boccaglio e rifilò la giusta risposta

e la conchiglia di concederle il permesso di andar via fu ben disposta.

Il tesoro la bambina nella risposta lo aveva trovato,

in fondo al cuore, in un posto riservato.

Rispondere a quell’indovinello

le aveva reso davvero il mondo più bello.

Ora che sapeva con certezza

che non vi era più gran ricchezza

che essere amati dai propri creatori

che non erano altro che i suoi genitori.

 Caterina Reca

katiareca@libero.it

*

Filastrocca della Befana

Caro Antonio biricchino

non sei stanco di fare sempre il monellino?

Delle tue urla, grida e schiamazzi

son diventati davvero tutti pazzi!

Non parliamo dei tuoi capricci

che combinan gran pasticci,

..e le bugie quelle proprio no!

Ma non lo sai che hanno sempre le gambe corte

e non ti servono certo per renderti più forte?

La tua mamma e il tuo papà sono davvero esasperati

perchè troppo e tanto li hai stressati.

Di porre fine a questa situazione

non riescono a trovare ancora alcuna soluzione!

-Voglio…voglio….- è la tua parola preferita

ma non sai quanto sia poco gradita.

Ormai sei grande, un giovanotto e comportarti da piccino

avresti dovuto smetterla già da un bel tantino!

Le cose, mio bel bambino, van meritate

e non solo volute e cercate…

e se le cose vuoi meritare

tu sai bene cosa fare.

Essere buono, calmo e ubbidiente

altrimenti non riceverai più niente!

Ma di una cosa puoi star certo

che i tuoi genitori ti daranno sempre il loro affetto

che credi a me è la cosa più importante

perchè sei il loro tesoro più grande!

A tutto il resto poi chi sa…?

Qualcuno ci pensera!

E allora prova, su coraggio

e parti all’arrembaggio

verso questa nuova avventura

senza avere alcuna paura

per cambiare quel caratteraccio che hai

lotta più che mai!

Sono certa ce la farai!

Per quest’anno però ormai non posso far più niente

troppo tempo hai sprecato

e ahimè niente ti sei meritato!

Su.. dai … ora non esser così triste, con il broncio e il pensiero

ma piuttosto cerca di essere sereno.

Stasera forse chi sà potrebbe girarmi una rotella

e portarti una bella frittella!

…fammi pensare, fammi pensare

qualcosa si deve pur fare

per portare allegria e un sorriso a quel bel faccino

che ora è tanto triste poverino!

Senti, ascolta una proposta…

se nella calza qualcosa vuoi trovare

una promessa mi devi fare!

Ma una promessa vera, con i fiocchi e non con la fantasia

che dopo un’attimo dalla finestra voli via!

Pronunciare tu dovrai : – Da oggi in poi e per sempre bravo io sarò e

mai bugie più dirò.-

Se però ti guardo bene in faccia

sembra che la proposta non ti piaccia!

Non sprecare quest’occasione

…sai potrebbe volar via come un’aquilone!

Se davvero pentito e sincero sarai stato

fino a stasera qualcosa ti avrò portato.

Ma se mi accorgessi di qualche trucco o qualche inganno

carbone e carbonelle rimarranno!

Caterina Reca

katiareca@libero.it

 

Annunci

4 commenti su “A VOI LA LINEA / DUE FILASTROCCHE DI CATERINA RECA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.