ACQUI TERME (AL): OLTRE 800 STUDENTI DISCUTONO SUI TEMI DEL “#LIBROFONINO”


Guest writer: Stefano Alberti, Foto Danila Cerato ASCA

Più di 800 studenti, provenienti dagli Istituti Comprensivi del territorio dell’Acquese, hanno preso parte, il 27 marzo 2018, ad Acqui Terme (Alessandria) agli incontri che hanno visto Roberto Alborghetti, autore de “Pronto? Sono il librofonino” (I Quindici), aprire un confronto sui temi della tecnologia e della sicurezza in rete. L’iniziativa, promossa da A.S.C.A. (Associazione Socio Assistenziale dei Comuni dell’Acquese) insieme ad altri numerosi enti, come AGeSC, ha dedicato anche un incontro ai genitori degli alunni. Il tema centrale della “giornata” ha riguardato l’esigenza di stringere un patto, tra giovanissimi e le famiglie, sull’uso consapevole e responsabile degli strumenti della tecnologia digitale.

Nel corso degli incontri con gli allievi – che hanno partecipato con grande attenzione – Roberto Alborghetti ha proposto una serie di “fotografie” che riflettono una situazione in costante evoluzione in tema di comportamenti. Qualche dato. La quasi totalità dei ragazzi è in possesso di un cellulare (90%). Lo smartphone è stato regalato tra i sei e gli undici anni (85%), soprattutto in circostanze come la Prima Comunione e la Cresima. Un’alta percentuale (78%) porta il cellulare a scuola e quasi la metà lo conserva nello zaino, in tasca o nel giubbotto (naturalmente spento, come stabilito nel regolamento degli istituti scolastici).

Il cellulare viene usato soprattutto per comunicare con gli amici, ma anche con i genitori, soprattutto attraverso Whatsapp: la “policy” d’uso – e non tutti lo sanno – vieta l’accesso a tale chat a chi ha un’età inferiore ai quattordici anni (fino a pochi mesi era sedici). La maggior parte (88%) utilizza i social. Il più usato è Instagram con il 46% di utenza, mentre la restante percentuale è divisa tra Facebook (35%) e Snapchat (19%). Anche tra gli studenti di Acqui Terme pochi sapevano che l’accesso ai social network non sarebbe possibile fino a tredici anni… Dunque, per accedervi, avviene di fatto una “falsificazione” dell’identità personale.

Grande la sorpresa dei ragazzi anche di fronte a notizie che interessano la loro salute e lo stato del benessere fisico, prima ancora di quello psichico. Pochi sono a conoscenza che l’uso eccessivo del cellulare può provocare scompensi anche per via dell’emissione di onde elettromagnetiche. Pochissimi sono al corrente dei rischi al sistema visivo – alcune rilevazioni parlano già di “epidemia da miopia” tra i giovanissimi – collegati alla continua esposizione alla cosiddetta “luce blu” dei led, con effetti deleteri se lo schermo è visualizzato di notte, con il contrasto luce/buio. Nessuno, o quasi, è a conoscenza degli effetti sul sistema neurologico ed articolare: ore di postura alla “smombies” – che obbliga a stare chini per ore sui displays, caricando il collo di un peso medio calcolato in 27 chili – ci stanno modificando la struttura della colonna vertebrale. Non per niente anche gli osteopati hanno già lanciato un allarme: abbiamo adolescenti che hanno già la gobba, come gli anziani…

Ha molto colpito gli studenti il fatto che la stessa Società Nazionale di Pediatria abbia lanciato un appello affinchè il cellulare sia proibito ai più piccoli. E che numerosi adolescenti segnalano patologie, anche gravi, come le forme di epilessia fotosensibile. Una commissione di esperti di scienze motorie, sulla base di una indagine svolta nel Lazio, ha evidenziato che due ragazzi su tre non sanno ormai fare una capriola ed accusano problemi di resistenza fisica. Sì, ci sono elementi sufficienti per dire che il telefonino – se usato senza controllo, togliendo spazio all’incontro con gli altri – è uno strumento che sta modificando profondamente le persone più giovani, nel fisico, nelle modalità di relazione e nei comportamenti. Temi davvero importanti, che i ragazzi hanno seguito con interesse, non mancando di porre domande a Roberto Alborghetti.

L’evento ha fatto parte di un percorso legato ad un progetto (VIadallaviA) promosso dalla Compagnia di San Paolo. Prevedeva, fra le azioni, iniziative di formazione/informazione rivolte ai minori e ai genitori. Tanti i soggetti che hanno aderito all’iniziativa della presentazione di “Pronto? Sono il Librofonino”. Per gli Enti pubblici territoriali : A.S.C.A. Unione Montana Suol d’Aleramo (Capofila), Comune di Acqui Terme, Comune di Cassine. Per gli Istituti Scolastici Comprensivi: I.C. 1 Acqui Terme, I.C. 2 Acqui Terme, I.C. n. Bobbio – Rivalta Bormida, I.C. Spigno Monferrato. Per le Associazioni sportive, culturali e di volontariato: AGeSC (Associazione Genitori Scuole Cattoliche), CESTE – Consulenza Educativa Sul Territorio (Associazione di Promozione Sociale), SOMS Jona Ottolenghi, Scuola dei Genitori di Acqui Terme, Associazione Interparrocchiale di Acqui dell’Azione Cattolica, ASD Budo Club, SSD Acqui Promozione Sport, Pedale Acquese, Corpo Bandistico Acquese.

Per info e contatti: sandinipaolo@gmail.com

Annunci

APRILIA: GLI AUGURI PASQUALI DEL LABORATORIO DEL COLORE DELLA SCUOLA “ARCOBALENO”


Ecco i simpaticissimi auguri pasquali dei bambini della Scuola dell’Infanzia Arcobaleno, presso l’IC Gramsci di Aprilia (Latina). Nel Laboratorio del Colore, con il servizio Sapis e l’insegnante Patrizia Sapri, i piccoli allievi diversamente abili hanno realizzato queste colorate e vivaci opere pasquali, che meritano i nostri più vivi apprezzamenti e applausi! Auguri di Buona Pasqua! 

LUCCA: NUOVA INIZIATIVA DEL LIONS CLUB VIAREGGIO SULLA RETE SICURA


 

Grande successo per l’incontro sulla sicurezza in rete “Interconnettiamoci…ma con la testa” promosso dal Lions Club Viareggio-Versilia Host con il patrocinio dell’ associazione AGESC presso l’Aula Magna del Liceo Linguistico Paritario “G.G.Byron” e del Liceo Internazionale Quadriennale di Lucca. All’importante incontro dedicato all ’Educazione digitale hanno partecipato più di 100 alunni delle classi Prime, Seconde, Terze, Quarte e Quinte assieme ai loro docenti. All’incontro sono intervenuti . la Referente del Progetto didattico Lions “Interconnettiamoci … ma con la testa” Prof.ssa Michela del Carlo, le
Dirigenti Scolastiche, Dott.ssa Alessandra Raggio e Dott.ssa Francesca Bellezza, la Vice-Preside, Dott.ssa Arianna Fanani.
Il relatore dell’incontro è stato l’Informatico esperto di sicurezza in rete
Dott. Maurizio Sonnoli che ha illustrato alle classi partecipanti gli
elementi e i fenomeni che caratterizzano l’uso ed abuso della tecnologia,
con particolare riferimento alla sicurezza in rete. Numerosi sono stati gli
interventi da parte degli alunni delle scuole primarie e secondaria di
primo grado, interventi che hanno favorito una interazione didattica
propositiva. Al termine dell’incontro la Referente del Progetto didattico Prof.ssa Michela del Carlo ha ringraziato il relatore Maurizio Sonnoli, le scuole e gli alunni per la proficua collaborazione nella promozione del progetto
didattico e nell’approfondimento della tematica.

AlbumOne / 11 aprile’18: incontro con i docenti a Bitonto (BA)


FUNTASY

Incontro IC Cassano Bitonto

Mercoledi 11 aprile, alle ore 16,30, presso il plesso della Scuola dell’Infanzia dell’Istituto Comprensivo “Cassano-De Renzio” di Bitonto (BA), in via Michelangelo, si terrà un incontro di formazione per i docenti sul tema “C’era una volta una…Storia. Narrare, giocare e ri-creare con l’Albumone”. L’iniziativa, promossa dall’IC diretto dalla dott.ssa Anna Teresa Bellezza, vedrà l’intervento di Roberto Alborghetti e di Paolo Sandini (Funtasy Edizioni). Al centro: le pagine di “Avventura in mongolfiera”, la prima delle storie giallorossoblu di AlbumOne. Sarà un viaggio nel senso della storia e del raccontare, elementi-chiave dello sviluppo e della crescita di ogni essere umano. L’incontro è aperto anche ai docenti del territorio.

Link utile dell’IC Cassano-De Renzio:  

http://www.iccassanoderenzio.gov.it/circolari-bis/63-circolari-a-s-2017-18/396-album-one

View original post

PROPOSTE DI PASQUA IN EMILIA ROMAGNA: DALLE CITTA’ D’ARTE AL RELAX TERMALE


RIMINI Foto Roberto Alborghetti

 A pochi giorni dal weekend di Pasqua (1-2 aprile) diventa febbrile la consultazione del meteo per decidere dove trascorrere il tradizionale pranzo pasquale o quale meta scegliere per l’immancabile gita di Pasquetta.

Per chi sceglierà l’Emilia Romagna le possibilità, complice la Pasqua “bassa”, sono innumerevoli a prescindere dal che tempo farà: dalle mostre nelle Città d’Arte ai parchi divertimento per tutta la famiglia sulla Riviera Romagnola.
E se in Riviera saranno 1.400 gli alberghi aperti (con 90.000 posti letto disponibili, a cui vanno assommati gli 80.000 di campeggi e villaggi e i 50.000 degli alloggi privati), i turisti pasquali diretti alle Città d’Arte potranno contare su 30.000 posti letto alberghieri (e 47.000 extralberghieri), mentre l’offerta ricettiva delle località termali e di quelle appenniniche sarà, rispettivamente di 12.000 posti letto (20.000 gli extralberghieri) e 13.000 posti letto (90.000 gli extralberghieri). Tantissimi infine gli appuntamenti tra tradizione, enogastronomia tipica e sport in tutta la Regione. Ecco qualche suggerimento.
Pasqua d’arte lungo la Via Emilia
Le Città d’Arte emiliano romagnole, da Piacenza a Santarcangelo di Romagna, attendono per Pasqua gli amanti dell’arte e cultura a 360 gradi.
Piacenza. Sette sontuose tavole apparecchiate, dal ‘700 ad oggi, troneggiano al Castello di Rivalta (Pc) dove c’è anche ”Viaggio in Europa”, con 104 incisioni che al buio, grazie alla retroilluminazione, si trasformano in visioni notturne della stessa scena ritratta. Fino al 3 giugno www.castellodirivalta.it
Parma. All’Abbazia di Valserena “Ettore Sottsass. Oltre il design” rende omaggio al designer italiano, creatore di tanti oggetti colorati e audaci, entrati nelle case degli italiani: dai divani Kartell ai televisori Brionvega. Fino all’8 aprile. http://www.csacparma.it/mostrasottsass/
Reggio Emilia. Sono già oltre 30.000 i visitatori che hanno visto “KandinskyCage. Musica e Spirituale nell’arte” a Palazzo Magnani a Traversetolo. L’allestimento propone l’arte del ‘900 in connessione con la musica dello stesso periodo www.palazzomagnani.it
Modena. Al Palazzo dei Musei e al Museo Diocesano c’è “On the Road. Via Emilia 187 a.C. – 2017”. La Via Emilia vista come una Route leggendaria con i resti del Foro, reperti, contenuti multimediali e il console Marco Emilio Lepido in 3D. Fino al 1/7. http://turismo.comune.re.it/it/eventi. Sempre a Modena, la Galleria Civica celebra Ad Reinhardt (New York, 1913-1967) e le sue vignette satiriche. Al Museo della Figurina c’è “World Masterpiece Theater – Dalla letteratura occidentale all’animazione giapponese”. http://www.visitmodena.it
Bologna. Le Avanguardie artistiche russe del primo ‘900 sono al MAMbo con REVOLUTIJA in collaborazione con il Museo di Stato Russo di San Pietroburgo. Fino al 13/5. www.mostrarevolutija.it. A Palazzo Belloni “The Wall exhibition” è dedicata al concetto di muro, tra opere d’arte fisiche e installazioni multimediali. Fino al 6/5. www.palazzobelloni.com. A Palazzo Pallavicini “Vivian Maier – La fotografa ritrovata”, con 120 fotografie originali di una delle fotografe (1926-2009) più apprezzate di questo secolo. Fino al 27 maggiowww.palazzopallavicini.com. La prima antologica italiana dell’artista cinese Zhang Dali è aperta a Palazzo Fava-Palazzo delle Esposizioni: 200 opere raccontano le trasformazioni e le contraddizioni della Cina. Fino al 24/6. https://genusbononiae.it
Ferrara. A Palazzo dei Diamanti “Stati d’animo. Arte e psiche tra Previati e Boccioni” esplora l’interpretazione degli stati d’animo nell’arte, con opere fra ‘800 e ‘900, momento della nascita della psicanalisi. Fino al 10/6. www.palazzodiamanti.it.
Ravenna. Al Museo d’Arte della città c’è “Alle origini della grafica italiana” omaggio a Licalbe Steiner, lo studio che ha segnato l’arte grafica in Italia. Fino al 17/6 www.mar.ra.it
Faenza (Ra). Al Mic, Museo Internazionale della Ceramica, c’è “Lenci. Costume e Bon Ton”, allestimento dedicato all’azienda famosa per il celebre panno (1927). Fino al 3 giugno. www.micfaenza.org/it/
Forlì. Ai Musei di San Domenico “L’Eterno e il tempo tra Michelangelo e Caravaggio” indaga il periodo tra il Sacco di Roma (1527) e la morte di Caravaggio (1610). Da Michelangelo a Caravaggio, da Raffaello a Correggio, Vasari, Parmigianino, Tiziano. Fino al 17 /6.  www.cultura.comune.forli.fc.it
A Santarcangelo di Romagna (Rn).  Andreco + Eron. Unearth.
Cosa succede quando due artisti come il writer Eron e Andreco, videoartist, disseminano le proprie opere ultracontemporanee fra  le sale di un Museo Storico Archelogico come il Musas? Scoprire questi pezzi sarà una sfida per i visitatori di Andreco + Eron. Unearth. Fino al 30 settembre. www.museisantarcangelo.it/unearth-eron-andreco/

PARMA Foto Roberto Alborghetti

Parchi tematici
Come da tradizione il weekend pasquale segna l’avvio ufficiale di stagione per i parchi divertimento romagnoli, che anche per il 2018 annunciano grandi e coinvolgenti novità (www.rivieradeiparchi.it/). Sono 8 le strutture che hanno aperto i battenti a partire dai primi di marzo e sono pronte a dare il benvenuto ai loro ospiti in occasione della Pasqua (Safari Ravenna, Italia in Miniatura a Rimini, Casa delle Farfalle a Milano Marittima, Centro Visite Saline a Cervia, Acquario di Cattolica, Oltremare di Riccione, Fiabilandia a Rimini e Mirabilandia nel ravennate).
Pasqua alle Terme
Relax, benessere termale, cura di sé sono le parole d’ordine di chi si godrà la Pasqua alle Terme dell’Emilia-Romagna. I 24 centri lungo la Via Emilia hanno tante offerte. Nel borgo romantico di Bagno di Romagna (Fc) il Ròseo Hotel Euroterme Wellness Resort, l’Hotel delle Terme Santa Agnese e il Grand Hotel Terme Roseo propongono week end di Pasqua con soggiorno e trattamenti “all inclusive”. Week end relax alle Terme di Monticelli a due passi da Parma, capitale italiana della Cultura nel 2020.
Puntano su fanghi morbidi, massaggi e peeling al cioccolato le Terme della Salvarola (Mo). Anche le Terme di Castrocaro e Grand Hotel Terme & Spa (Fc) propongono il percorso “Magico Benessere” e massaggio al cioccolato. Riccione Terme presenta una proposta in tema che si chiama Ciocorelax. A Bertinoro (Fc) il Grand Hotel Terme della Fratta coccola i suoi ospiti a Pasqua con un massaggio ai Profumi di Fiori.
Se invece tutto quello di cui si ha bisogno è una giornata di relax assoluto, ci sono le proposte day spa, dalla mattina alla sera: a Salsomaggiore Terme (Pr) all’interno di un fastoso Palazzo Liberty che ospita le Terme Berzieri, alle Terme di Tabiano (Pr), oppure in montagna alle Terme di Porretta (Bo). Gli amanti delle città d’arte, potranno prenotare una giornata benessere alle Terme Felsinee e alle Terme di San Luca a Bologna. Fuori città, le Terme di Castel San Pietro (Bo) puntano su un’offerta personalizzata e propongono “Gambe leggere”, in vista della bella stagione.
Gli appuntamenti
Sport: immancabili appuntamenti a Riccione, Rimini e Cesenatico con tre “grandi classici” del fine settimana pasquale: dal 2 all’8 aprile, sulla spiaggia di Riccione si danno battaglia gli oltre 1.000 atleti del Beach Line Festival, il più grande evento mondiale dedicato al volley sulla sabbia (info: www.beachline-festival.de), mentre a Rimini torna per il ventottesimo anno il Paganello, la Coppa del Mondo di Beach Ultimate, ovvero il frisbee giocato sulla sabbia. Si potrà assistere anche ad esibizioni di freestylers provenienti da tutto il mondo, la spettacolare e originale disciplina del frisbee a tempo di musica Info: https://paganello.com). A Cesenatico sono attese circa 100 imbarcazioni ed equipaggi provenienti da tutta Italia, ma anche da diversi Paesi europei, per le Vele di Pasqua, tradizionale manifestazione velica aperta alla partecipazione di tutti i catamarani.
Tradizione: A Frassinoro, nel modenese, appuntamento del Venerdì Santo con la Via Crucis, che ogni tre anni vede gli abitanti del borgo comporre i quadri viventi che raffigurano i vari episodi della Passione di Cristo. L’intero paese diventa teatro nel quale vanno in scena le 14 stazioni, assieme all’iniziale quadro di “Gesù nell’orto degli ulivi” (info: http://www.viacrucisvivente.com/). Sempre nel Venerdì Santo, a Montefiore Conca (Rn), si rivive l’antica Processione le cui origini si perdono nel tempo e che parte dal Monte Auro e alla sola luce delle fiaccole scende per le vie del borgo.  Ogni famiglia interpreta un personaggio o indossa una cappa, simbolo della passione di Cristo (info: tel. 348 1042158). Doppio appuntamento nel borgo storico di Tredozio (Fc), con la Sagra ed il Palio dell’Uovo. La sagra rinnova l’antica usanza della battitura delle uova sode che si svolgeva nella vicina Parrocchia di Ottignana il lunedì di Pasqua e si contraddistingue anche per il campionato nazionale di mangiatori di uova sode, che rinnova la sfida annuale tra i 4 rioni del paese, lungo l’alveo fluviale, nella zona antistante Piazza Vespignani. Le gare che concorrono alla conquista del Palio sono quattro come i Rioni. La più spettacolare resta senza dubbio la “battaglia delle uova” crude, che vede contrapposte a rotazione le coppie dei Rioni in un incontro di abilità e precisione, con il lancio di 600 uova per ogni tornata (info: tel. 0546 943937).

FORTE DEI MARMI (LU): SUL PODIO LE SCUOLE “AMBASCIATRICI DI PACE”


IMG_8515 (800x533)Foto Premio (2)Foto Premio

IMG_8631 (800x533)

Alla presenza di un folto pubblico nell’Aula Magna della Scuola Primaria Paritaria “S. Maddalena di Canossa” si è svolta la cerimonia di consegna del Premio Agesc 2018 “Educazione alla Pace e ai Diritti Umani”, concorso inserito nel progetto didattico “Legalità” e rivolto alle scuole pubbliche statali e paritarie di ogni ordine e grado. La cerimonia promossa dal Comitato Provinciale Agesc e dalla Scuola Primaria Paritaria “S. M. di Canossa” e patrocinata dal Comune di Forte dei Marmi, dalla Prefettura di Lucca, dalla Provincia di Lucca e dall’Arcidiocesi di Pisa, è stata introdotta dalla Dirigente Scolastica della Scuola, Madre Felicita Marchetti, e presieduta dalla prof.ssa Michela del Carlo, Presidente del Premio Agesc “Pace e Diritti Umani”, che ha portato il saluto del Comitato Provinciale e ha dato lettura del discorso del Prefetto di Lucca, S.E. la Dott.ssa Maria Laura Simonetti.
Alla cerimonia erano presenti il Sindaco di Forte dei Marmi, Dr. Bruno Murzi, il Vice-Presidente della Provincia, Dott. Maurizio Verona, l’Assessore alla Scuola e alla Pubblica Istruzione del Comune di Forte dei Marmi, Dott.ssa Anna Corallo, il Capo di Gabinetto del Comune di Forte dei Marmi, Avv. Stefano Neri, il Parroco di Sant’Ermete, Don Piero Malvaldi, il Comitato Provinciale Agesc, i genitori, le Madri Canossiane, la Commissione Giudicatrice del Premio composta da Dirigenti Scolastici e Docenti e i rappresentanti di enti e associazioni.
All’evento, seguito da un pubblico numeroso e attento, hanno partecipato, accompagnati dalle loro maestre, 125 alunni della Scuola Primaria Paritaria “S. M di Canossa”, vincitrice del Premio 2018 dedicato alla Pace e ai Diritti Umani. La cerimonia ha avuto inizio con i canti degli alunni della Scuola, seguiti dai saluti istituzionali. Dopo la lettura del giudizio espresso dalla Commissione Giudicatrice, la Presidente del Premio, Prof.ssa Michela del Carlo assieme al Sindaco e all’Assessore, ha presentato i vincitori, costruttori e ambasciatori di pace, e consegnato loro le pergamene e le medaglie celebrative: i premi sono stati conferiti agli alunni che hanno ricevuto le menzioni speciali, alle classi e alle docenti.
Nella sezione elaborati scritti (temi), la Commissione Giudicatrice ha conferito le menzioni speciali a: Alessandro Tabarrani, Anna Salvini e Beatrice Speziali (classe quinta); nella sezione elaborati grafici (disegni) le menzioni speciali sono state conferite a: Penelope Angelini, Giulia De Luca e Rachele Landi (classe quarta);Tommaso Lari, Andrea Morini e Maria Fiore Nardini (classe terza); Caterina Casella, Lisa Longoni ed Ettore Paolicchi (classe seconda);Ottavio Lera, Giuseppe Marmeggi e Alice Pancetti (classe prima). Durante la cerimonia l’Assessore alla Pubblica Istruzione e i membri della Commissione giudicatrice hanno dato lettura dei tre temi menzionati.
La Presidente del Premio, Prof.ssa Michela del Carlo – dopo aver ringraziato la Dirigente della Scuola, Madre Felicita Marchetti e la Madre Superiora Madre Natalina, il Sindaco, l’Assessore alla Pubblica Istruzione e il Capo di Gabinetto del Comune di Forte dei Marmi, il Vice-Presidente della Provincia di Lucca, il Parroco di Forte dei Marmi, la Commissione Giudicatrice, il Comitato Provinciale, le maestre, gli alunni partecipanti al concorso, i genitori, gli enti che hanno patrocinato l’evento, le Madri Canossiane ed il grande pubblico presente – ha concluso la cerimonia, esprimendo grande soddisfazione per l’ottima riuscita dell’iniziativa dalla quale scaturirà una mostra dedicata al tema della pace e sottolineando l’importanza della promozione e dei valori del rispetto, legalità e diritti umani negli istituti scolastici.

#LIBROFONINO A MONZA: DIBATTITO E TANTE DOMANDE SU LUCE BLU, SMOMBIES, T.A.S, WHATSAPP, CYBERBULLI, EPILESSIA FOTOSENSIBILE…


 

“Ma che cosa è il coltan? Che cosa lo collega al problema dell’abuso degli smartphones? Che cosa sta provocando a tantissimi bambini africani? Perchè è bene conosce il Tasso di Assorbimento Specifico dei nostri cellulari? Quali sono gli effetti della luce blu? Cosa sono quegli avvisi sulla playstation a riguardo dell’epilessia fotosensibile? E perchè non fa affatto bene la postura da…smombies? Cosa prevede la legge sul cyberbullismo? A quanti anni posso avere la chat di Whatsapp?”.

Sono, queste, solo alcune delle tantissime domande a cui è stata data una risposta nel corso degli incontri di presentazione di “Pronto? Sono il Librofonino”, di Roberto Alborghetti, presso la Scuola Margherita Tonoli di Monza. Gli incontri con l’autore del testo hanno coinvolto alunni e alunne delle quarte e quinte della Scuola primaria e tutte le classi della Scuola secondaria di primo grado. In serata, anche un partecipato incontro con i genitori. L’iniziativa è stata promossa dalla direzione della Scuola in collaborazione con i genitori del nascente comitato AGeSC d’istituto. Presenti all’incontro serale il presidente regionale AGeSC Lombardia, Silvio Petteni, il vice  presidente Michele Ricupati e la past president Piera Castiglioni. Foto di Giuseppe Catania de I Quindici.

Per informazioni : sandinipaolo@gmail.com

 

“SUONI E TERRA” A BOVINO:I CONCORSI PER LE SCUOLE CHE FANNO MUSICA E CANTO


a DSCN9605 (640x480)DSCN0518 (640x480)

Bovino, in provincia di Foggia, uno dei “borghi più belli d’Italia”, anche quest’anno ospita le ormai tradizionali rassegne riservate alle scuole che fanno e producono musica e canto. Il locale Istituto Comprensivo – del quale fanno parte anche Castelluccio dei Sauri e Panni – , guidato dal prof. Gaetano De Masi, ha rilanciato a tutte le scuole italiane l’invito a partecipare ai seguenti concorsi:

  • V Concorso Musicale Nazionale per “Orchestre” (riservato alle scuole secondarie di I grado ad Indirizzo Musicale).
  • VI Rassegna Musicale Nazionale (riservata alle classi di Educazione Musicale della Scuola Secondaria di I grado).
  • II Rassegna Musicale per Cori “Suoni e Terra”, per le Scuole dell’Infanzia e Primaria.

Le iniziative di “Suoni e Terra” – patrocinate e sostenute dal Comune e dalla Pro Loco – hanno come finalità di offrire ai giovani musicisti un’importante occasione di crescita artistica attraverso l’incontro-confronto con altri, premiare l’impegno giovanile e stimolare lo studio della musica oltre che evidenziare il lavoro attento e competente dei docenti di discipline musicali delle scuole secondarie di primo grado e, non ultimo, offrire ai partecipanti la possibilità di conoscere ed apprezzare il territorio e le sue risorse turistico-culturali.

La Rassegna per i Cori di Scuola Primaria ed Infanzia si prefigge di premiare l’impegno giovanile e stimolare lo studio della musica oltre che evidenziare il lavoro attento e competente dei docenti. L’intento della manifestazione è creare un’importante occasione di incontro, un’opportunità dove gli alunni della primaria possano esibirsi, esprimersi ed interagire tra loro. La musica, grazie all’universalità e alle emozioni che trasmette, risulta uno dei mezzi più idonei per conseguire tali scopi.

La manifestazione finale per le Scuole dell’Infanzia e Primaria si svolgerà il 17 maggio 2018 a Bovino  presso la Comunità Montana dei Monti Dauni Meridionali, Località Tiro a segno. Il termine per l’invio delle opere musicali e corali scade il 15 aprile 2018. L’evento finale, sezione Concorso e Rassegna per le Scuole secondarie di primo grado, si terrà il 21 e il 22 maggio 2018, sempre a Bovino, presso l’auditorium della Comunità Montana. Il termine per l’invio delle opere musicali e corali scade sempre il 15 aprile 2018.

Questi i riferimenti per i contatti e per richiesta di informazioni:  Istituto Comprensivo Statale, Via Dei Mille 10,  71023 Bovino (FG), Fax: 0881913012, Tel.Direzione: 0881913089, email: FGIC81600N@istruzione.it. Nelle foto della galleria: momenti delle maanifestazioni del 2017.

Sito dell’IC di Bovino:

http://www.istitutocomprensivobovino.gov.it/site/

*

Qui sotto i Bandi con il regolamento e le schede di adesione:

Bovino concorso musicale 2018 CORI (2)

Bovino concorso Suoni e terra 2018 (2)