#LIBROFONINO AD ANDRIA: NICOLÒ GIORGINO RACCONTA… L’ INTERVISTA ALL’AUTORE


9 b
Nicolo' Giorgino

 

GUEST WRITER: NICOLÒ GIORGINO

Roberto Alborghetti, di Bergamo, è arrivato alla Scuola Primaria “Cotugno” di Andria, il 16 aprile scorso. Roberto ha presentato il suo libro “Pronto? Sono il librofonino” e ha fatto una lezione di vita per gli alunni. I redattori del “Cotugno News” – Veronica Tesse, Michele Paparusso e Elena Carbutti – hanno colto l’occasione per fargli un intervista.

 “Quando è nata la passione della scrittura?” L’autore risponde così: “Questa passione l’ho maturata quando avevo la vostra età e volevo conoscere il mondo della scrittura”. La redattrice continua: “Che studi ha seguito per diventare scrittore?” Roberto risponde: “Nessuno in particolare. Ho fatto il normale percorso,  scuola dell’infanzia, poi elementari, medie e le superiori dove ho frequentato il primo istituto tecnico del turismo, perchè mi piacevano le lingue, il francese, l’inglese e un po’ di spagnolo, ora utile per scrivere i libri su Papa Francesco… Non c’è una vera e propria scuola per diventare scrittore. Occorre apprendere dalla vita. Certo, poi sono iscritto all’Ordine dei Giornalisti Professionisti”.  Mentre racconta Roberto sembra chiudere gli occhi e si immerge nei ricordi.

La redattrice chiede: “Perchè ha voluto scrivere un libro che parli sul telefonino?” Alborghetti risponde: “Sono stato in molte scuole e sono stato colpito dal fatto che tanti ragazzi, causa videogiochi e smartphone, non fanno più i compiti, o li fanno male e di fretta, dedicando troppe ore al gioco sedentario… Certo, non mancano i lati positivi di internet e della tecnologia, ma dobbiamo evitare di cadere nelle trappole”.

Gli viene poi posta un’altra domanda: “Roberto, crede che leggendo il suo libro si potranno evitare atti di bullismo?” Roberto risponde “Me lo auguro… Nell’ultimo capitolo del libro si parla proprio di un atto di bullismo. Ho voluto raccontarlo per cercare di sensibilizzare i ragazzi su una questione che può avere gravi conseguenze, per chi fa questi gesti e per le vittime”. Il redattore chiede: “Secondo lei a quale età un ragazzo dovrebbe avere un cellulare?” Alborghetti risponde: “E’ una scelta che va decisa insieme con i genitori. Mi piace sempre dire così: occorre scegliere il giusto momento. Secondo i pediatri il cellulare non va dato durante la scuola primaria. Aspettiamo almeno l’ultima fase delle medie. Ce la possiamo fare, no?”.

Che emozioni hai provato quando hai ricevuto l’European Award per l’informazione ambientale?”. Roberto risponde: “Fu un’ emozione grandissima, perchè mi venne consegnato a Strasburgo, nel Parlamento Europeo…ed ero l’unico giornalista italiano!”. Elena la redattrice, pone l’ultima domanda: “Sappiamo che hai scritto libri sul Papa e lo hai incontrato: ci vorresti raccontare un episodio particolare?”. Roberto emozionato le risponde: “Mi ha molto colpito la sua umanità. Abbiamo conversato come se fossimo amici da sempre. E poi non dimenticherò mai il suo sguardo sulle pagine dei volumi, che accarezzava, con grande rispetto…”

Nicolò Giorgino, Classe 5a F

3°Circolo Didattico “R. Cotugno”, Andria, BT

“Cotugno News” è il giornale d’istituto del 3° Circolo Didattico di Andria, diretto dalla dott.ssa Dora Guarino. Coordinato dalla docente Mariella Rinaldi, il lavoro di redazione ha prodotto una bellissima esperienza, didattica ed umana, che potete ammirare e leggere cliccando qui sotto sul link.
LINK AL GIORNALE D’ISTITUTO
cotugno news
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.