RAVENNA, PRIMARIA “MORELLI”: “QUELLA BELLISSIMA MATTINATA A PARLARE DEL LIBROFONINO…”


La bellissima letterina scritta da Vittoria all’autore di “Pronto? Sono il librofonino”. Gli alunni delle Quarte della Primaria “Morelli” hanno lavorato molto sui temi suggeriti dal libro pubblicato da I Quindici, da ben 18 mesi tra i best sellers di Amazon.

Il  libro “Pronto? Sono il Librofonino” è stato presentato a Ravenna (19 aprile 2018) presso la Scuola Primaria “Morelli” dell’Istituto Comprensivo “S.P. Damiano”. La presentazione del libro, con la presenza dell’autore, Roberto Alborghetti, che ha parlato di “Smombies, smartphones, bufale e cyberbulli”, ha coinvolto gli alunni delle Classi Quarta A e Quarta B; docente referente del progetto:Lorenza Candelma. Gli allievi hanno sottoposto l’autore a tante  domande, producendo poi nelle settimane successive un gran quantità di lavori sul testo, adottato in classe. Proponiamo, in questa terza parte, altri testi che l’insegnante Lorenza ci ha fatto pervenire. Sono davvero interessanti, da leggere anche come testimonianza su come è stato vissuto un momento scolastico che si è rivelato, come dicono gli alunni, utile, divertente, importante.   

Per info, incontri e adozione in classe del libro “Pronto? Sono il librofonino” contattare: dott.Paolo Sandini, sandinipaolo@gmail.com

*

T E R Z A   P A R T E

Era il 19/04/2018 ed erano le 10:30. Doveva venire uno scrittore per parlare del “LIBROFONINO”. Appena siamo entrati nell’altra classe (IV a) abbiamo visto lo scrittore. Era alto e magro… all’inizio più che uno scrittore per me poteva assomigliare a uno psicologo. Sembrava simpatico e una di quelle persone che va dritto al punto. Lo avevamo trovato seduto sulla sedia della cattedra che stava firmando il LIBROFONINO che alla fine ci doveva dare. Dopo aver firmato tutti i libri, Roberto ALBORGHETTI ( il giornalista) ha iniziato a presentare il LIBROFONINO. Poi ha acceso la LIM e ha iniziato a parlarci dei vantaggi e degli svantaggi del telefono, del perché i genitori ci hanno regalato il telefono. Secondo una statistica lui ha detto che la maggior parte dei ragazzi che hanno il telefono lo usa per messaggiare con gli amici, al secondo posto c’è chi ascolta la musica, al terzo posto chi scatta foto, al quarto posto chi parla coi genitori, al quinto chi gioca e al sesto chi fa ricerche. Poi ha mostrato con uno schema: la maggior parte dei ragazzi guarda ISTAGRAM, poi c’è chi guarda Facebook e Snapchat. Poi ci ha parlato del coltan che è una pietra minerale radioattiva utilizzata come componente del telefono.

Il 68% delle persone non spegne il telefono quando non lo usa,  mentre solo il 32% lo spegne. A parte i danni fisici, il cattivo uso del telefono può rendere infelici le persone. Infatti ci ha raccontato che un giorno un bambino ha scritto in una chat a una bambina che lei era grassa. La bambina appena ha visto il  messaggio si è messa a piangere e non voleva più tornare a scuola. Alla fine sono intervenuti i genitori: questa storia si è conclusa bene, ma certe cose non vanno dette nemmeno per scherzo!

Roberto ha anche detto che se usi troppo lo smartphone, il sistema nervoso potrebbe andare in… tilt e con l’epilessia fotosensibile si rischia di svenire. Alla fine ci è stato chiesto se volevamo fare delle domande; le domande che la classe ha fatto sono state tante: ad esempio c’è chi ha chiesto perché ci sono i CYBERBULLI, c’è chi ha chiesto al giornalista del suo lavoro…. Molte domande mi sono rimaste impresse perché secondo me erano importanti. Il libro già dalla copertina mi sembrava molto interessante perché parla di una storia, ma allo stesso tempo suggerisce regole e consigli per usare al meglio il telefono.

CHIARA PANIERI

*

Il 19 aprile è venuto nella nostra classe, alle ore 10.30, un giornalista di nome Alborghetti. Era alto, vestito con jeans, camicia e scarpe di cuoio, di mezza età. Arrivato, ci ha salutato e si è presentato e ci ha parlato di telefoni e loro derivati (tablet, I-pad). Mi sono piaciuti tutti gli argomenti perché ci hanno fatto imparare cose nuove e molto importanti.

Ho capito che è importante stare più a contatto con la realtà che con la tecnologia. Il giornalista ci ha dato la possibilità di fargli delle domande, io gli ho chiesto “Perché hai scelto di fare il giornalista? E perché hai voluto scrivere ‘Il Librofonino’?”. Mi è piaciuto il libro perché mi ha fatto capire che bisogna stare attenti  a come si usa il telefono: non è più importante delle persone!

MATILDE EMILIANI

*

Il giornalista Roberto Alborghetti è venuto a scuola il 19 aprile alle 10:30. Era vestito in modo elegante, aveva i capelli marroni, gli occhi azzurri, era alto e magro, simpatico, era anche piacevole ascoltarlo. Appena è arrivato si è messo a firmare i libri per poi darceli alla fine della lezione.

Dopo che ha acceso la LIM, ci ha fatto vedere degli schemi su quanto l’uomo guarda il cellulare nei vari social network e ci ha fatto vedere delle notizie e degli scandali successi tramite internet.

Ci ha parlato del coltan che è un minerale radioattivo estratto dalle miniere dell’Africa che serve per fabbricare il cellulare. La lezione mi è piaciuta molto. E’ stata molto interessante e anche il Librofonino mi è piaciuto; l’ho letto subito appena consegnato ed ero molto interessato.La maestra ci ha detto anche che piano piano ce l’avrebbe letto in classe.

ANDREA BAMBI

*

Giovedì mattina nella nostra classe si presentò il giornalista-scrittore Roberto Alborghetti. Io era molto entusiasta di conoscerlo e non vedevo l’ora che ci parlasse del suo nuovo libro intitolato ”Librofonino”. Ci spiegò tante cose, tra le quali il significato della parola chat, in italiano si traduce “chiacchiera”. Alla lim  ci fece vedere dei grafici dove c’ era scritto la percentuale dell’uso del telefono: il 53% di gente usa il telefonino ogni 30 minuti, il 20% di gente lo usa ogni ora, il 16% lo usa ogni due ore. Ci ha insegnato anche che nella rete non esiste lo scherzo perché c’è chi ci rimane veramente molto male. La lezione mi è piaciuta tanto perchè per me è stata interessante e sopratutto istruttiva. Il libro mi è piaciuto perchè mi ha insegnato che non bisogna stare troppo con il telefono.

ESTER PALUSHAJ

*

Il 19 Aprile alle ore 10:30 alla scuola Morelli è venuto un giornalista a parlarci del telefono cellulare. Lo scrittore indossava jeans, una camicia con sopra una giacca blu e aveva delle scarpe eleganti. Aveva i capelli marroni, era alto e magro e dalla sua faccia si capiva che era una persona simpatica. Appena è arrivato si è messo a fare le firme dentro il libro intitolato “Librofonino”.

Quando ha acceso la lim ci ha spiegato che il cellulare lo dobbiamo usare poco perché, per i ragazzi, c’è anche il rischio di stare male. Successivamente  ci ha dato la possibilità di fargli delle domande come ad esempio: “ Se un bambino usa troppo il telefonino può svenire?”. La lezione mi è piaciuta molto perché ci ha insegnato molte cose sul telefono, come ad esempio: come usarlo bene, non giocarci troppo, non mandare cose brutte sulla rete, non messaggiare troppo… Il libro mi è piaciuto molto perché ti spiega un po’ di tutto.

PARRINO SIMONE

*

I miei compagni ed io eravamo molto agitati per questo incontro con il giornalista Roberto Alborghetti. Il signor Alborghetti è venuto il giorno 19 aprile 2018 ed erano le 11:00. Lo scrittore mi sembrava un po’ timido all’inizio, ma dopo non più. Era alto, magro e vestito bene ( come se dovesse andare ad un incontro con il presidente). Quando è arrivato, ha iniziato a chiedere quanti avevano il telefonino e chi no, e ha parlato di cose importanti e un po’ del libro. Appena accesa la LIM ha iniziato a far vedere foto e grafici sulla luce blu e tantissime altre cose importanti e interessanti. Verso le 12:15 abbiamo iniziato a fare delle domande, una mia amica ha detto : ’’Ma utilizzare il telefono porta al cyber bullismo?’’ e tantissime altre, che ora non ricordo.

Poi ci ha detto di un minerale che si chiama coltan,  che  si trova in Africa e che i bambini raccolgono per pochissimi soldi ( e ha detto che possono morire).  La lezione è stata così bella che il tempo è volato nelle 2 ore e ho  imparato cose che non sapevano neanche  i miei genitori. Poi alla fine ci ha dato il libro “Pronto? Sono il Librofonino’’ e tutti hanno preso appunti per questa bellissima giornata.

MARGHERITA BARBONI

*

Il 19 aprile alle ore 10.30 è venuto a scuola il giornalista Roberto Alborghetti. Era vestito elegante con i jeans e la camicia e inizialmente mi sembrava un professore. Appena arrivato ha subito firmato tutti i libri da dare a noi, quando ha acceso la LIM, ci ha parlato di tante cose, per esempio di non dormire con il telefono acceso o anche spento vicino alla testa, perché ci ha spiegato che dentro al cellulare ci sono particelle radioattive.

Inoltre ci ha anche detto cosa significa chat = chiacchera. Ci ha raccontato che ha fatto delle interviste a tante persone su come usavano il telefono e la maggior parte di loro ha detto che lo usava per chattare con gli amici. Alla fine gli abbiamo fatto delle domande tipo: “Perché hai deciso di scrivere un libro? ”.

Questa me la ricordo bene perché, più o meno tutti gliela hanno fatta. La lezione mi è piaciuta molto, ho imparato cose nuove e interessanti e anche il libro mi sembra simpatico perché parla di un bambino e di un telefono. E’ stata una giornata bellissima.

SERENA GOLFIERI

*

Giovedì 19 aprile alle dieci e trenta è arrivato lo scrittore Roberto Alborghetti. Era molto simpatico e gentile, parlava bene in pubblico e si vedeva che l’ aveva già fatto. Aveva una cravatta bianca, era alto ed aveva i capelli neri. Appena è arrivato ha firmato i libri che poi ci ha regalato. Il libro si chiamava “Pronto sono il librofonino”.

Dopo che ha acceso la LIM abbiamo parlato del bullismo, di quanto le persone usano il cellulare e di che cosa è fatto il telefono. Quando stava per finire la lezione ha lasciato spazio per le domande dei bambini e c’è stato chi ha chiesto: “Pensi che smetteranno con il bullismo?”, “Cosa pensi sulle app come Facebook?”. Mi ricordo solo queste domande perché sono state le più importanti. Mi è piaciuta molto la lezione ed anche il libro, perché manda un messaggio importante, cioè di restare insieme contro il bullismo.

ELISA COATTI

FINE 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.