“NESSUNO RESTI INDIETRO”: LIBRO-NOVITA’ SU DIGNITA’ DEL LAVORO E INCLUSIONE SOCIALE SECONDO FRANCESCO


nessuno 19 marzo 2016

Sabato 19 marzo 2016, ore 17,30, presso la LIBRERIA S.PAOLO, in via Paglia 2h, a BERGAMO, incontro con Roberto Alborghetti in occasione dell’uscita di “NESSUNO RESTI INDIETRO” 

*

CARTELLA STAMPA A CURA DELL’EDITRICE VELAR

*

“PERCHÈ” DI UN LIBRO
“Una società che esclude è, in realtà, una società potenzialmente nemica di tutti”.
E’ Jorge Mario Bergoglio, il futuro Papa Francesco, a pronunciare queste parole,
in un messaggio diffuso all’inizio della Quaresima del 2003. Dieci anni prima di diventare Pontefice, l’arcivescovo di Buenos Aires aveva già prodotto ed elaborato un progetto per quel “nuovo umanesimo del lavoro” al centro oggi di tanti suoi pronunciamenti e interventi.
Nella riflessione del 2003, scriveva che ci sono almeno tre motivi importanti che ci
spingono ad aprire gli occhi per “vedere e guardare” se qualcuno è rimasto escluso
o è stato dimenticato. Ed aveva indicato le ragioni per le quali oggi ogni società
“civile” è chiamata a confrontarsi e a risolvere le questioni legate all’esclusione
sociale. Ossia: a mettere tutti in una condizione di dignità e di giustizia, a partire
dalle fasce di popolazione più debole.
“Nessuno resti indietro”, il nuovo libro di Roberto Alborghetti edito da Velar, con illustrazione dell’artista Umberto Gamba, porta un contributo originale ed inedito per comprendere i temi centrali della dottrina sociale di un Papato, certamente straordinario, che ha posto all’agenda mondiale l’urgenza di rivedere e riformare un sistema che produce ingiustizia.
Perché – si chiede l’autore nell’introduzione del libro – il termine “dignità del lavoro”
è uno tra i più pronunciati da Papa Francesco? Perché, fin dall’inizio del suo pontificato, Bergoglio insiste sulle questioni collegate ai temi della giustizia e dell’inclusione sociale?

CRONACHE DALLA GRANDE BUENOS AIRES
Già nel lavorare sul testo di “Francesco” (la prima biografia storica illustrata su
Papa Bergoglio, edita sempre dall’Editrice Velar) Alborghetti si era imbattuto in
cronache e vicende che documentavano come il futuro Papa avesse testimoniato
e sviluppato, nella sua Buenos Aires, una particolarissima sensibilità pastorale sul
tema.
Le esperienze degli anni trascorsi nelle villas miseria e tra le periferie della metropoli
argentina, passando tra fasi storiche e sociali drammaticamente complesse – si
pensi solo alla crisi economica dei primi anni del Duemila -, ne avevano modellato
il carattere, la sensibilità spirituale, il coraggio di missionario e cura (prete) di
frontiera, che vive il Vangelo “sporcandosi” con i problemi del popolo.
Dunque, per rispondere compiutamente ai “perché?”, l’autore è ripartito da quegli
anni e da quelle esperienze, seguendo ed inseguendo i passaggi del tempo,
che videro il futuro Papa figlio di emigranti italiani, studente-lavoratore, addetto
alle pulizie, novizio gesuita, docente, rettore, vescovo ausiliare e poi arcivescovo
primate e cardinale.
Decenni intensi e problematici, vissuti nel dolore e nei drammi del popolo, sempre
dalla parte del popolo, condividendo le amare e tristi storie di chi aveva perso il
lavoro o era stato stritolato dal lavoro, da un sistema economico che non guarda
in faccia a nessuno, perché “il lavoro è succube di oppressioni a diversi livelli,
dell’uomo sull’altro uomo; di nuove organizzazioni schiavistiche che opprimono
i più poveri; in particolare, molti bambini e molte donne subiscono un’economia
che obbliga a un lavoro indegno che contraddice la creazione nella sua bellezza e
nella sua armonia” (23 maggio 2015, Incontro con le Acli, Associazione Cristiana
Lavoratori Italiani).

LE BUONE PRASSI DELLA “FRANCISNOMICS”
E’ sempre tra le strade, le piazze e i quartieri della grande metropoli argentina
che Bergoglio delinea già le linee portanti di quella che, con un neologismo
anglosassone, è definita “Francisnomics”, ossia un modello di sviluppo economico,
sociale e culturale che, attraverso “il lavoro libero, creativo, partecipativo e solidale”
– come disse ancora alle Acli – possa portare l’essere umano ad esprimere e ad
accrescere la dignità della propria vita.
“Nessuno resti indietro” è un testo per certi aspetti indispensabile, non solo come
strumento per condividere il progetto e la visione di Papa Francesco per un nuovo
ordine sociale. Come scrive Alborghetti, è impossibile capire questo Papa se non
si parte proprio da dove egli è vissuto e da dove egli è partito, “preso quasi alla
fine del mondo”: la prima frase pronunciata appena si è presentato al mondo
come Francesco, la sera del 13 marzo 2013. E non era un modo di dire.

CONTRO IL LAVORO-SCHIAVO E LA TRATTA DELLE PERSONE
Le pagine del libro ci portano dentro gli anni e le esperienze pastorali che Jorge
Mario Bergoglio ha vissuto nella Buenos Aires del lavoro-schiavo, dei laboratori
clandestini, della tratta delle persone, dello sfruttamento dei minori, della
disoccupazione, del lavoro nero, nel “tritacarne” dell’economia speculativa. Tra
quelle vicende – scrive Alborghetti – “ho trovato la risposta all’interrogativo perché
questo Papa insiste coerentemente sulla necessità di “un nuovo ‘umanesimo del
lavoro’, dove l’uomo, e non il profitto, sia al centro; dove l’economia serva l’uomo
e non si serva dell’uomo”, dove i tanti giovani che non lavorano sono “i nuovi
esclusi del nostro tempo”, “vengono privati della loro dignità”, mentre “la giustizia
umana chiede l’accesso al lavoro per tutti” (16 gennaio 2016, Incontro con MCL,
Movimento Cristiano Lavoratori).
Nella sofferenza condivisa per tanti episodi di ingiustizia e di esclusione sociali – il
libro, ad esempio, ricostruisce le vicende della strage ferroviaria dell’Once, del
massacro di quasi 200 giovani nella discoteca Cromañón , delle vittime del lavoroschiavo
e della criminalità collegata al racket delle persone e allo sfruttamento
minorile in circa 3.000 fabbriche tessili abusive – nasce, si muove e si eleva il grido
del “Nessuno resti indietro” dell’arcivescovo Bergoglio.
Un grido ribadito e reiterato anche oggi, per per dire “no”: a “un’economia dello
scarto, che chiede di rassegnarsi all’esclusione di coloro che vivono in povertà
assoluta”, “all’idolatria del denaro, che spinge ad entrare a tutti i costi nel numero
dei pochi che, malgrado la crisi, si arricchiscono, senza curarsi dei tanti che si
impoveriscono, a volte fino alla fame”, “alla corruzione, tanto diffusa che sembra
essere un atteggiamento, un comportamento normale”, “alle collusioni mafiose,
alle truffe, alle tangenti” e “all’iniquità che genera violenza”: così dirà a Torino, il
21 settembre 2015, davanti ad imprenditori noti e meno noti, ai lavoratori e ai
sindacati, Cisl, Cgil e Uil in prima fila. Una sensibilità totale, quella di Bergoglio,
per le problematiche del lavoro. E della sicurezza sul lavoro: “La vostra presenza
mi offre l’occasione di ribadire quanto sia importante salvaguardare la salute dei
lavoratori; e difendere sempre la vita umana, dono di Dio, soprattutto quando è
più debole e fragile”( alle delegazioni ANMIL, Associazione Nazionale Mutilati e
Invalidi del Lavoro, 30 gennaio 2016, prima udienza giubilare).

L’AUTORE
Roberto Alborghetti, giornalista professionista ed autore di saggi e biografie,
ha lavorato nel gruppo Sesaab-L’Eco di Bergamo, dove è stato uno degli ultimi
cronisti a formarsi alla scuola di mons. Andrea Spada, ritenuto tra i grandi del
giornalismo italiano. E’ autore di una quarantina tra saggi e biografie, tra cui
“Nessuno è cretino”, l’ultima conversazione-intervista del grande pedagogista
Aldo Agazzi. Ha curato i due volumi dell’epistolario di S.Paola Elisabetta Cerioli
(“Lettere di una Madre”) ed ha coordinato l’opera “Lombardia / Introduzione ad
una didattica dei territori”). Per la “Collana blu” di Velar-Elledici ha pubblicato
testi dedicati soprattutto a protagonisti del cattolicesimo sociale tra Ottocento e
Novecento (Leonardo Murialdo, Leone Dehon, Antonio Maria Gianelli, Annibale
Maria di Francia, Francesco Spinelli, Maria Elisabetta Mazza).
Tra le sue recenti pubblicazioni: “Francesco” (biografia storica illustrata su Papa
Bergoglio, edita da Velar, alla terza edizione aggiornata) e “Quando il giorno
era una freccia” (Papa Francesco e le tematiche educative, edita da AGeSC).
Blogger, autore di documentari, si occupa di editoria “educational”; è direttore di
Atempopieno (periodico dell’AGeSC) e di Okay!. Ha ricevuto diversi riconoscimenti
giornalistici, tra cui l’European Award for Environmental Reporting (il cosiddetto
“Pulitzer europeo” per l’informazione sull’ambiente, 1992-1993). Ha creato
“LaceR/Azioni”, progetto-ricerca basato sull’osservazione della realtà urbana
percepita nei cromatismi dei “segni di strada”, con mostre in Italia ed all’estero.

L’EDITORE
L’Editrice Velar, con sede a Gorle, Bergamo, opera nel campo dell’Editoria da oltre
40 anni e vanta un catalogo di oltre 1000 titoli, tradotti anche in diverse lingue; dai
volumetti della famosa collana “Messaggeri d’amore”, con oltre 400 biografie di
santi, beati e testimoni di carità, di giustizia e di pace, all’originale e unica raccolta
“Il Volto dei volti Cristo”; dalle opere di spiritualità e di pastorale alle utili guide ai
più interessanti luoghi cristiani d’Italia e del mondo; dagli approfondimenti biblici
ai vivaci libri per bambini e ragazzi; dai volumi di poesia, letteratura e arte alle
eleganti edizioni di pregio.
L’Editrice Velar offre servizi editoriali con possibilità di personalizzazioni; fa parte
dell’UELCI (l’Unione Editori e Librai Cattolici Italiani) e collabora attivamente con
Rebeccalibri, il primo portale online dell’editoria religiosa. Sin dall’inizio dell’attività,
l’Editrice Velar ha adottato una politica editoriale concretamente sensibile alle
problematiche sociali, impegnandosi a sostenere specifiche iniziative umanitarie.
Tra le recenti pubblicazioni di maggior successo: “Francesco”, la prima biografia
storica illustrata (grande formato) su Papa Bergoglio, alla terza edizione aggiornata,
disponibile in volume unico o nella speciale confezione-cofanetto (3 volumi).
Editrice Velar
Via Torquato Tasso 10
24020 Gorle BG
Telefono 035 6592811
Fax 035 6592888
velar@velar.it
http://www.velar.it

DATI TECNICI
Titolo: NESSUNO RESTI INDIETRO
Sottotitolo: Papa Francesco, la dignità del lavoro e l’inclusione sociale.
Autore: Roberto Alborghetti
Illustrazione in copertina: Umberto Gamba
Consulenza editoriale: Roberto Losa
Grafica: Daniela Brambilla
Editore: Editrice Velar, Gorle BG
Formato: cm.12×20,5
Pagine: 96
Rilegatura: brossura cucita, con alette

ISBN: 978-88-6671-240-4
Prezzo di copertina: euro 10

Link al video-annuncio (YouTube): https://youtu.be/8dWNWMv9tyk

*

Per INFO E CONTATTI:

Editrice Velar
Via Torquato Tasso 10, 24020 Gorle BG
Telefono 035 6592811, Fax 035 6592888
velar@velar.it
http://www.velar.it

 

Annunci

BELLISSIME BORRACCE PER LE PRIME 5 CLASSI CHE INVIANO LE “CARTOLINE SULLA SVIZZERA ITALIANA”. E’ MOLTO SEMPLICE: ECCO COME FARE…


  La giovane esploratrice

Una grande iniziativa per le Scuole infanzia, primarie e secondarie di 1°promossa dall’Ente Turistico del Mendrisiotto e Basso Ceresio in collaborazione con Okay!

*

GRAN PREMIO DI DISEGNO

CARTOLINE SULLA SVIZZERA ITALIANA

***

A GRANDE RICHIESTA, L’ APPASSIONANTE INIZIATIVA VIENE RILANCIATA ALLE SCUOLE DI TUTTA ITALIA

Conoscete la Regione svizzera del Mendrisiotto e Basso Ceresio? E’ una bellissima Regione confinante con l’Italia, scopritela attraverso le immagini di sette luoghi affascinati: osservateli, sceglietene uno fra questi e riproducetelo con la tecnica che preferite! …. e per saperne di più scaricate gratis l’opuscolo in chiusura di questo articolo. Ecco dunque le sette immagini: osserva e riproduci sulla “cartolina” (spazio sottostante) quella che ti piace di più.

cartoline 1

TROVATE FOTO E DESCRIZIONE DETTAGLIATA DELLE LOCALITA’ NELL’OPUSCOLO CHE POTETE SCARICARE GRATUITAMENTE IN CHIUSURA DI QUESTO ARTICOLO.

*

In questo spazio, qui sotto, disegnate uno dei sette luoghi che più vi piace… Stampate questa pagina, disegnate, compilate con i dati della scuola e…il gioco è fatto!!!

Spedite il tutto entro il 30 novembre 2014 a: OKAY! presso Casa M.E.Mazza, via Nullo 48, 24128 Bergamo  

Cartolina Svizzera Italiana modello

Attenzione!!!

Le prime 5 scuole che invieranno i propri disegni riceveranno IN OMAGGIO la speciale borraccia, “Swiss Made”, creata appositamente dalla piccola esploratrice che vi accompagna alla scoperta dei sette luoghi!

Borracce per Cartoline sulla Svizzera Italiana

***

CARTOLINE SULLA SVIZZERA ITALIANA

Ecco come partecipare

Il progetto è indirizzato alle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado di tutta Italia

Periodo: fino al 30 novembre 2014

Modalità: per partecipare, la classe dovrà inviare il disegno (matite colorate, tempera, pennarello, acquerello, collage ecc. ) di una delle sette località proposte.

 Gli elaborati: dovranno pervenire in busta chiusa, accompagnati da una scheda in cui siano indicati chiaramente il nome della scuola partecipante (indirizzo, telefono, e-mail), la sezione della classe ed il nome dell’insegnante entro il 30 novembre 2014 a: Okay! c/o Casa M.E. Mazza, via Nullo 48 – 24128 Bergamo

 La Giuria: sarà composta da un referente dell’Ente Turistico del Mendrisiotto e Basso Ceresio, il direttore di Okay!, un insegnante e un rappresentante di esprithb, lo studio che ha curato il concept del progetto.

La premiazione:avverrà entro il mese di gennaio 2015

Il Premio: le tre classi più meritevoli vinceranno una visita al luogo riprodotto nel proprio disegno.

Non è incluso il trasferimento fino a Mendrisio.

Inoltre, alcuni fra i disegni selezionati diventeranno vere e proprie cartoline, che l’Ente Turistico del Mendrisiotto e Basso Ceresio potrà pubblicare a seguito dell’iniziativa.

*

SCARICA IL POSTER:

CARTOLINE DALLA SVIZZERA ITALIANA Scarica il POSTER!

*

SCARICA L’OPUSCOLO DI 8 PAGINE:

CARTOLINE DALLA SVIZZERA ITALIANA Scarica l’OPUSCOLO !

REPORTERS PER L’AMBIENTE CON LE WINX: IL FOTO-TESTO DI NICOLO’ SULLA BELLA FONTANA DI RAGUSA TRASFORMATA IN PATTUMIERA…


N. Amore, Zogno BG

 

“Ciao, sono Nicolo’, ho 10 anni. Nelle vacanze ho fatto un viaggetto con la mia nonna in Sicilia. Un giorno siamo andati nella bellissima città di Ragusa-Ibla. Faceva molto caldo ed io, dopo aver bevuto un’aranciata, avevo ancora sete. Finalmente da lontano ho visto una fontana, molto bella. Ho fatto una corsa, ma quando sono arrivato, ecco cosa ho trovato: la vasca era piena di rifiuti!!! (vedere la foto per credere…).  La nonna, impietosita, mi ha comprato un gelato…”

NICOLO’ AMORE, ZOGNO, BERGAMO

***

Molto bello anche questo foto-testo inviatoci da Nicolò Amore per la grande iniziativa ambientalista lanciata in occasione dell’uscita del nuovo  nuovo film delle Winx, “Il mistero degli abissi”, grande successo nei cinema italiani. Anche Nicolò  ha fatto un lavoro semplice ma significativo: una foto  per documentare come sono ridotti tanti luoghi ed ambienti del nostro Paese. Anche Nicolò ha offerto a tutti un ottimo spunto di lavoro per partecipare a GIOVANI REPORTER MISSIONE MAGIA, SALVIAMO LA NATURA CON LE WINX, che invita appunto a  vestire i panni dei reporters e scoprire realtà, luoghi e bellezze naturalistiche del nostro territorio, documentando anche quando esse sono bistrattate, dimenticate e, peggio ancora, rovinate e deturpate.

Potete partecipare con i vostri amici e con i vostri compagni di classe. Basta un po’ di fantasia e di…attenzione… Basta girare lo sguardo in giro, fare foto o un disegno, una storia, un fumetto, un articolo o un lavoro pubblicato anche sui vostri giornali scolastici. Avete Tempo fino al 10 ottobre 2014. Forza allora, scattate in piedi e…scattate foto!

Come noto, trovate tutte le informazioni su: 

https://okayscuola.wordpress.com/tutti-reporters-con-le-winx-per-salvare-la-natura/

 

Dunque, tutti al lavoro, diventando reporters per salvare la natura. Ed appuntamento al cinema per il nuovo film “Il mistero degli abissi”, dove le Winx sono anche questa volta impegnate in difesa dell’ambiente! Per saperne di piú scoprite il trailer su: www.winxclub.com

 

Qui sotto potete scaricare il regolamento del concorso in formato word:

 WINX Missione Magia – Tracce e regolamento word

 

ATTENZIONE: SCADENZA DEFINITIVA

PER L’INVIO DEGLI ELABORATI: 10 OTTOBRE 2014

 

 

MA COSA SONO? SONO IMMAGINI ASSOLUTAMENTE NATURALI E CASUALI CATTURATE SU UNA…PATTUMIERA!


*

Guest writer: STEFANO ALBERTI

Olio? Acrilici? Acquerelli? Graffiti? Tempere? Pastelli? No, niente di tutto questo. Queste immagini astratte – assolutamente naturali, casuali, non manipolate o sottoposte a Photoshop – sono “LACER/AZIONI”, ossia una dimostrazione giocosa e provocatoria di come la realtà spesso superi la fantasia. E di come l’occhio potrebbe captare, percepire e vedere “cose che nemmeno immaginiamo”. Le immagini del clip (intitolato Codici Verdi) sono state “catturate” su un contenitore di rifiuti. O meglio: su una pattumiera, che suona ancora meglio nell’evocare i contrasti…    

LACER/AZIONI, come noto, è un progetto di Roberto Alborghetti, giornalista professionista, autore di saggi e biografie, fotografo. Da anni ha l’hobby di “catturare”, in giro per il mondo, particolari e dettagli dell’apparente caos della carta lacerata delle affissioni, delle crepe e dei graffi naturali e casuali, dei “segni” urbani.  Ha finora raccolto oltre 50.000 immagini che giocano a contaminarsi con stili, forme ed espressioni diversi. Impressionati dall’obiettivo digitale, poi trasferite su tela o su tessuti, riprodotte su litografia o scansionate in un videoclip, i particolari delle lacerazioni pubblicitarie sembrano riprendere nuova vita e ragione di essere, in una sovrapposizione di messaggi e di colori.

 

Così afferma Roberto : “Ci riesce difficile pensare che dietro messaggi sbiaditi e stracciati ci possa essere ancora “qualcosa” da vedere o scoprire. Eppure, queste immagini continuano ad essere uno specchio della città che comunica, della città che parla. Sono le tracce ed i reperti post-comunicanti di un prodotto, di un evento, di uno spettacolo, di una idea… in cui è riconoscibile la città strappata, la città “scartata”, che si auto-distrugge nei messaggi, che si auto-rigenera e si auto-riproduce in elementi visivi nuovi, spesso contrastanti, dissonanti, disarmonici, ma sempre sorprendentemente vitali.”

Diverse le attività che hanno visto Roberto Alborghetti coinvolto in questo singolare ed incredibile progetto, che è stato reso pubblico, vincendo la ritrosìa del suo autore. Nel 2009 ha è stato pubblicato un album-portfolio che raccoglie una ristretta selezione delle migliaia di immagini impressionate in giro per il mondo nel corso della sua ricerca dedicata ai particolari della (pubbli)città strappata e decomposta. L’attività collegata a questo progetto, ha visto Roberto Alborghetti tenere workshops nelle scuole. Le immagini hanno inoltre suggerito la sperimentazione di test kinesiologici sugli effetti sensoriali e sinestetici.

Nel luglio 2010 Roberto Alborghetti ha tenuto una mostra presso Oriocenter (Aeroporto di Bergamo Orio al Serio) visitata da oltre trentamila persone. Il tema dell’esposizione: “Acqua,Terra, Fuoco, Aria”. Nel settembre 2011, il noto columnist dell’Huffington Post, Srini Pillay, autore di libri sul “Brain Imaging”, psichiatra all’Università di Harvard, ha dedicato alle “LACER/AZIONI” di Roberto Alborghetti un approfondito articolo sullo stesso HuffPo. Nell’ottobre 2011, Alborghetti ha partecipato alla Parallax Art Fair di Londra, presso la Royal Opera Arcade. Il nascente Museo di Arte Contemporanea di Mercatello sul Metauro (Pesaro Urbino) creato da Pasquale Martini, scultore di fama internazionale, ha espressamente voluto che una “LACER/AZIONE” di Alborghetti figurasse accanto alle opere pittoriche di artisti italiani e mondiali.

Nel 2011, Roberto Alborghetti con il textile designer Bruno Boggia – che ha lavorato con i più celebri stilisti internazionali – hanno dato vita ad una singolare sperimentazione che ha portato alla creazione di 3 sciarpe di seta, in edizione limitata, basata sulle immagini dei poster decomposti di LACER/AZIONI. Una delle più attive e note blogger americane, Marina Chetner, dal suo blog newyorchese di WordPress ha definito le sete di Alborghetti “il prossimo  grande trend della moda”. Il mondo della moda d’Oltreoceano ne è stato subito incuriosito ed affascinato, come gli stilisti Rolando Santana ed Alvin Thompson (NewCouture). Da ricordare anche il successo della sua mostra personale alla Rocca Aldobrandesca sul Monte Amiata (Piancastagnaio, Siena): ben cento giorni di esposizione, a cavallo tra il 2012 ed il 2013, con un grande afflusso di pubblico e una ampia copertura mediatica.       

 

LACER/AZIONI è condiviso sul web attraverso Artslant, Facebook, LinkedIn, Pinterest e WordPress dove le “gallerie virtuali” hanno già attirato oltre 160.000 visitatori di tutto il mondo. Su YouTube, oltre 20.000 i downloads dei videoclips che Alborghetti ha creato in collaborazione con artisti musicali di varie Nazioni: qui il linguaggio delle immagini si fonde con quello della musica, originando a sua volta nuovi flussi e frammenti sonori e visivi. Il progetto di Roberto Alborghetti è aperto anche a sperimentazioni e contaminazioni, come quelle avvenute con esperti e compositori di musicoterapia e con autori americani di “Haiga” (immagini associate alle composizioni-Haiku). Ora una sua opera – il collage “Stella cadente” – è presente a “Una mostra, Un restauro” in corso a Norcia con l’obiettivo di recuperare il patrimonio artistico locale.

 

IL BLOG (IN INGLESE) DI ROBERTO ALBORGHETTI

http://robertoalborghetti.wordpress.com/

© Roberto Alborghetti – LaceR-Actions, 2014 (6)

HANNO ACCESO LE IDEE… E “THE AMAZING SPIDER-MAN 2” HA PREMIATO TRE SCUOLE DI BOLOGNA, MALONNO (BS) E SERIATE (BG)


 

 

 

Ecco una “carrellata” sui lavori didattici che hanno trionfato nell’iniziativa lanciata in occasione dell’uscita di “The Amazing Spider-Man 2 / Il potere di Electro”. Come noto, le tre scuole campionissime di “Spegni la luce, Accendi le idee” sono risultate: 

 

SCUOLA PRIMARIA GIANNI RODARI

SERIATE BG

INSEGNANTE REFERENTE: FEDERICA GRITTI

 

*

 

SCUOLA ELEMENTARE STATALE JEAN PIAGET

BOLOGNA

INSEGNANTI REFERENTI: FABBRIMARINA E VANZINI TERESA

 

*

 

ISTITUTO COMPRENSIVO EDOLO

CLASSE SECONDA DI MALONNO

MALONNO BS

INSEGNANTE REFERENTE: CALUFETTI DANIELA

 

Ancora complimenti vivissimi alle tre scuole per questa bellissima ed importante affermazione, aggiudicandosi meritatamente l’attesissimo premio: la visita guidata al Museo dell’Energia idroelettrica di Cedegolo (BS) con partecipazione ad un coinvolgente laboratorio didattico. Ma non solo. Ogni scuola riceverà in dono anche una dotazione di DVD del primo episodio cinematografico di The Amazing Spider-Man”.  

THE AMAZING SPIDER-MAN ANNUNCIA LE TRE SCUOLE CAMPIONI DI “SPEGNI LA LUCE, ACCENDI LE IDEE”. SONO QUELLE DI SERIATE, MALONNO E BOLOGNA!


 

WP_008239

Squillino le trombe, rullino i tamburi e si accendano (questa volta sì) le luci della ribalta. “The Amazing Spider-Man 2 / Il potere di Electro” annuncia le tre scuole vincitrici, a pari merito, della entusiasmante iniziativa indetta in occasione dell’uscita del film. Le tre scuole campionissime e bravissime sono: 

 

SCUOLA PRIMARIA GIANNI RODARI

SERIATE BG

INSEGNANTE REFERENTE: FEDERICA GRITTI

 

*

 

SCUOLA ELEMENTARE STATALE JEAN PIAGET

BOLOGNA

INSEGNANTI REFERENTI: FABBRIMARINA E VANZINI TERESA

 

*

 

ISTITUTO COMPRENSIVO EDOLO

CLASSE SECONDA DI MALONNO

MALONNO BS

INSEGNANTE REFERENTE: CALUFETTI DANIELA

 

Complimenti vivissimi alle tre scuole che riceveranno comunicazione ufficiale di questa bellissima ed importante affermazione, con l’indicazione dell’attesissimo premio: la visita guidata al Museo dell’Energia idroelettrica di Cedegolo (BS) con partecipazione ad un coinvolgente laboratorio didattico. Ma non solo. Ogni scuola riceverà in dono anche una dotazione di DVD del primo episodio cinematografico di The Amazing Spider-Man”. Dunque: bravissimi!!! E prossimamente dedicheremo foto-gallerie ai lavori premiati. 

ANCHE VOI REPORTERS CON LE WINX PER SALVARE LA NATURA. SCARICATE IL REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE


SCARICA IL DOCUMENTO CON NOTIZIE E REGOLAMENTO:

OKAY! missione reporter con le winx

OKAY! 128-copertina

BENVENUTI NELLA “RIVIERA DEI PARCHI”! PICCOLA GUIDA A GRANDI DIVERTIMENTI


Straordinaria la proposta turistica dei parchi di divertimento della Riviera dell’Emilia Romagna – Ogni anno accolgono circa quattro milioni di visitatori per un giro d’affari diretto e indiretto stimabile attorno ai 100 milioni di euro – Dal 2014 questa offerta turistica è valorizzata dal progetto “Riviera dei Parchi” che raggruppa 11 realtà.

logo_it

www.rivieradeiparchi.com

*

Sulla Riviera dell’Emilia Romagna, in un’area di 110 km. di costa compresa tra Ravenna e Cattolica, si concentra la più grande rete di parchi divertimento d’Italia con quattro tipologie di offerta: parchi tematici, parchi acquatici, parchi marini e parchi avventura.

Questo distretto del divertimento gioca un ruolo essenziale per il sistema balneare regionale, rappresentando un punto di animazione e un polo di aggregazione che attira grandi fasce di clientela, anche internazionale.

Ogni anno i parchi della Riviera dell’Emilia Romagna, dove sono impiegati 2.880 addetti (a regime), accolgono in totale quasi 4 milioni di visitatori, per un giro d’affari diretto ed indiretto stimabile attorno ai 100 milioni di euro.

Dalla stagione 2014 questa straordinaria offerta turistica è valorizzata dal nuovo progetto “Riviera dei Parchi” (www.rivieradeiparchi.com) che raggruppa 11 realtà della costa emiliano romagnola. Di seguito è descritta, da nord a sud, la loro offerta.

GRANDI PARCHI, GRANDE DIVERTIMENTO

MIRABILANDIA (Ravenna) – Si chiama Dinoland la grande novità 2014 che il parco tematico Mirabilandia (che ha aperto il 5 aprile) riserva ai bambini e alle famiglie.

Dinoland, la grande area tematica dedicata al mondo dei dinosauri, proporrà un percorso alla scoperta dei più famosi animali giurassici ricco di sorprese, aree tematiche e didattiche, animatronic e attrazioni in tema che entusiasmeranno i più giovani visitatori del Parco e faranno tornare bambini gli adulti. Un grande portale sarà l’ingresso della nuova area (che dovrebbe essere inaugurata all’inizio della stagione) e, varcandolo, si accederà a una piazza tematizzata, al cui centro sorgerà un grande obelisco di roccia a forma di zampa di dinosauro con tre dita. Dalla piazza si potrà accedere direttamente alle nuove attrazioni e giochi. Dinoland arricchirà l’offerta di divertimento di Mirabilandia che nel 2013 ha inaugurato una nuova attrazione rivolta a famiglie e bambini. La nuova proposta di divertimento si è unita così al “tris d’assi del brivido” che comprende l’inverted coaster “Katun”, la montagna russa a lancio magnetico “iSpeed” e “Divertical” (il più alto water coaster del mondo, costato 20 milioni di euro e inaugurato nel giugno 2012). “Divertical” unisce il divertimento di un’attrazione acquatica al brivido delle montagne russe e la velocità di punta di 110 chilometri orari lungo un percorso ricco di curve con due vertiginosi “aquaplaning”. Numerose le attrazioni presenti all’interno del Parco tematico e, tra queste, da segnalare la grande ruota panoramica Eurowheel (seconda in Europa per dimensioni solo a quella di Londra). Mirabilandia offre ai visitatori anche diversi spettacoli dal vivo (compresi vari musical) che, nel 2014, saranno interamente rinnovati. Lo spettacolo più seguito è lo show “Scuola di Polizia”, uno stuntman show ispirato all’omonima saga cinematografica statunitense e, a partire dall’estate, è annunciato un nuovo entusiasmante spettacolo. Nell’area di Mirabilandia è presente l’indipendente Mirabeach, il parco acquatico (inaugurato nel 2003) a cui si accede dal parco tematico oppure dall’ingresso esterno. Mirabeach ospita piscine, acquascivoli e spiagge artificiali (www.mirabilandia.it).

SAFARI RAVENNA (Ravenna) – L’offerta turistica dei parchi tematici della Riviera Romagnola si è arricchita nel 2012 di una nuova struttura: il Parco zoologico e faunistico “Safari Ravenna” che quest’anno aperto da domenica 2 marzo.

Safari Ravenna” ospita oltre 400 animali di specie diverse: esemplari nati e cresciuti in cattività da generazioni e che, all’interno del parco, vivono in totale libertà. Il Parco, che si estende su una superficie di 450.000 mq, è il primo in Europa ad essere dal punto di vista ambientale a impatto zero ed è articolato in diverse aree.

Nella zona “Safari” – percorribile con un autoveicolo proprio, pullman, trenino o macchinina elettrica – è possibile vedere da vicino leoni, tigri, elefanti, zebre, giraffe, ippopotami, bisonti e tanti altri animali selvatici in libertà.

L’“Animal Docet” è un’area con spazi recintati dove è possibile camminare o fare un giro su un trenino a rotaia tra gli animali autoctoni più comuni (mucche, pecore, capre, galline, pony o cavalli) ma anche tra esemplari rari come le Tartarughe Leopardo provenienti dall’Etiopia o capre tibetane e i due asinelli, Anemone e Appia, una giovane coppia di asini dell’Asinara. Nell’“Isola delle Proscimmie” si può fare un giro su un trenino a rotaia fra i babbuini e un emozionante percorso a piedi fra i lemuri.

A rendere l’offerta del Parco ancora più unica il nuovissimo “Rettilario”, 80 esemplari tra cui una trentina di serpenti a sonagli, un cobra corallo, quattro pitoni, alcuni coccodrilli nani e le tartarughe alligatore. Presenti poi le “Palazzine didattiche” (il luogo dei corsi e delle attività per bambini e studenti di tutte le età dove si trovano l’Animal Nursery e i laboratori con pannelli e strumenti didattici).

Completano l’offerta di Safari Ravenna “La Grande Pensilina” dove sono presenti un’Area Ristoro , un’area picnic gratuita, l’auditorium e “Cucciolandia”, il parco giochi per bambini di tutte le età (www.safariravenna.it).

SALINA DI CERVIA (Cervia)Con 827 ettari di suggestioni e bellezza, oltre 2.000 fenicotteri e 100 specie di volatili, un reticolo di canali estesi per 46 chilometri a soli 1.600 metri dal mare: questa è la Salina di Cervia, un Parco senza uguali nell’alto Adriatico, un gigantesco specchio d’acqua e sale, un intreccio di storia e cultura inscindibilmente legato alle tradizione del luogo. La ricchezza della fauna rende la Salina di Cervia un ambiente di elevatissimo interesse paesaggistico, tanto da essere inserito come Zona Umida di Importanza Internazionale nella convenzione di Ramsar. Dal 1979 il Parco è diventato anche Riserva Naturale dello Stato di popolamento animale, un’importante area per lo svernamento e la sosta di uccelli acquatici e per la nidificazione di specie coloniali e non. Un ambiente naturale come quello del Parco della Salina di Cervia, che seleziona e specializza una flora e una fauna adattate a sopravvivere in condizioni estreme, non ha uguali come estensione nell’alto Adriatico, se si considera la profondità dell’acqua, che prevalentemente non supera i pochi centimetri, e l’alta concentrazione di sale (oltre il 150 per mille) che permette la sopravvivenza di particolari forme di vita perfettamente inserite in un unico ecosistema. Nel periodo estivo, grazie alle visite guidate, si può assistere alle varie fasi dell’attività di raccolta del sale. I salinari durante le visite spiegano il lavoro e danno indicazioni sulle caratteristiche del sale cervese, un “sale dolce”, privo dei sali amari che, per il clima e per la raccolta giornaliera, non riescono a depositare. Nel corso degli anni tante cose siano cambiate: delle 144 salinette attive fino agli anni ’50 del secolo scorso, ne rimane solamente una originale, la salina Camillone. Infatti l’industrializzazione del processo di estrazione del sale ha portato all’accorpamento di tutte le altre in grandi vasche di evaporazione. Il sale della Camillone dal 2004 è presidio Slow Food (www.salinadicervia.it).

CASA DELLE FARFALLE (Cervia) – La Casa delle Farfalle di Cervia-Milano Marittima (aperta dal 15 marzo – http://www.atlantide.net) è una grande serra di oltre 500 mq dove volano libere centinaia di farfalle tropicali dai colori spettacolari. Dal 2013 una nuova serra, Il Bruco, accoglie alcune specie di farfalle locali.

ATLANTICA (Cesenatico) – Scivolare nella felicità e immergersi nelle emozioni nel grande Parco acquatico di Cesenatico, uno dei più importanti e frequentati della Riviera Romagnola che aprirà l’8 giugno.

Inaugurato nel 1988 Atlantica si estende su un’area di oltre 100.000 metri quadrati, dei quali 42.000 mq di area verde e 5.700 mq di specchi d’acqua riscaldata costantemente alla temperatura di 28°C depurata con tecnologie d’avanguardia, concepite per evitare ogni spreco.

Ad Atlantica sono presenti mille metri lineari di acquascivoli pensati per regalare giornate indimenticabili e una grande piscina circolare animata da onde a tre diversi movimenti impreziosita da un atollo per sognare l’atmosfera dei mari del sud. Nel Parco ci sono scivoli vorticosi e interminabili – con partenza da torri alte più di 15 metri con pendenze iniziali del 70% – dove si prova il brivido di planare come un sasso sull’acqua e vivere l’emozione di volare in picchiata. Nel Parco sono poi presenti uno spazio dedicato al divertimento dei bambini (con molti giochi d’acqua e attrazioni) e un fiume lungo un chilometro che scorre attraverso un paesaggio fantastico, dove si è trasportati lentamente su enormi gommoni colorati. Nel Parco, dove ognuno trova la sua emozione, si possono trascorrere giornate all’insegna dell’allegria con feste, spettacoli, balli di gruppo e animazioni di ogni genere (www.atlanticacesenatico.com).

ITALIA IN MINIATURA (Rimini) – Il parco tematico fondato nel 1970 – aperto dal 22 marzo – è dedicato al patrimonio storico, architettonico e culturale italiano con oltre 270 riproduzioni in scala di meraviglie architettoniche italiane ed europee e tante divertenti attrazioni. A Italia in Miniatura (il parco è da poco entrato a far parte di “Costa Parchi”) si naviga il Canal Grande in gondola, in una Venezia grande un quinto dell’originale, ci si improvvisa scienziati nel Luna Park della Scienza e si viaggia a mezz’aria sulla Monorotaia. Cannonacqua è il posto giusto per battaglie d’acqua all’ultima goccia. La Scuola Guida Interattiva avvicina all’educazione stradale i ragazzi dai 6 ai 12 anni premiandoli con una “vera” patente.

Per gli amanti della natura il Pappamondo è un’intera area dedicata al mondo dei pappagalli con circa 100 esemplari da ammirare e una Pappanursery per osservare lo sviluppo dei piccoli.

Italia in Miniatura propone in esclusiva YouMini che permette a tutti i visitatori che lo desiderano di creare miniature di se stessi grazie a uno scanner laser a 360°, esclusiva del Parco. Unico fra i parchi, Italia in Miniatura permette di trasformare il biglietto di ingresso in abbonamento per tutta la stagione semplicemente personalizzando il biglietto con la propria foto. Nel periodo di apertura il Parco organizza eventi a misura di famiglia e divertenti giornate a tema (www.italiainminiatura.com).

FIABILANDIA (Rimini) – In questo grande parco tematico – che ha inaugurato la stagione 2014 il 5 aprile – luogo ideale per tutta la famiglia (con oltre 30 attrazioni, coinvolgenti spettacoli dal vivo e tanta animazione, il tutto immerso in 150.000 mq di verde) fantasia e immaginazione si fondono per regalare una giornata davvero speciale.

Fra le attrazioni segnaliamo Space Mouse (un moderno ottovolante per i più temerari dotato di vetture a quattro posti che ruotano lungo un percorso mozzafiato); il Borgomagico – Il villaggio del Babau (una maxi-area con ben sei giostre a tema per il divertimento dei più piccoli); Capitan Nemo Adventure con la “battaglia degli spruzzi” arricchita dalla presenza di terribili mostri degli abissi; il magico Castello di Mago Merlino; la misteriosa Baia di Peter Pan; la Valle degli Gnomi con i suoi buffi abitanti; lo spericolato Scivolone Gigante; l’avventuroso Gran Canyon; il Cinema 4D con filmati emozionanti tutti da vivere e tanto altro. Fiabilandia propone anche spettacolari show dal vivo e iniziative rivolte alle scuole con laboratori dedicati per incentivare l’uso della frutta e verdura nei bimbi più piccoli (www.fiabilandia.net).

LA GRANDE RUOTA PANORAMICA (Rimini) – La Grande Ruota Panoramica di Rimini ormai divenuta uno dei simboli della Riviera Adriatica, è un ponte verso il cielo per abbracciare il mare. Sessanta metri di salita dolce e progressiva, per dominare la skyline che si espande.

Proveniente da Rotterdam, costruita nel 2000 e già di scena a Parigi, Lione, Bonn, Berlino, Hong Kong, posizionata in prossimità del Porto, nel molo di Levante, si slancia come una vedetta per ammirare Rimini e lo spettacolo della costa romagnola, da Cesenatico fino a Gabicce, passando per le colline dell’entroterra, la Repubblica di San Marino e l’Adriatico. Un’esperienza bellissima allo stesso modo delle ruote panoramiche delle più famose capitali europee a tal punto che nemmeno a due anni dalla sua “nascita” è divenuta un punto di riferimento della costa romagnola da essere stata più volte utilizzata come scenario naturale per spot televisivi e video promozionali.

La Ruota Rimini – 42 confortevoli cabine in stile liberty – è la più grande ruota mobile d’Italia: 360 tonnellate di stabilità e sicurezza, fruibile da 1600 persone al giorno, dalle 10 alle 23, ed è aperta tutto l’anno. Adatta a tutti, bambini, giovani, adulti e famiglie perché le emozioni dolci non hanno età (www.ruotapanoramicarimini.it).

OLTREMARE (Riccione) – Con l’ingresso in “Costa Parchi” il Parco Oltremare di Riccione – che nel 2014 compie 10 anni e aperto dal 1 aprile – si rinnova per offrire al proprio pubblico un tempo di qualità, che unisca la conoscenza e il divertimento, in linea con l’approccio edutainment. I visitatori potranno vivere esperienze coinvolgenti legate a natura, scienza, avventura nei diversi spazi dell’area di oltre 110.000 metri quadrati dedicati ai quattro elementi naturali – acqua, aria, terra e fuoco – e all’energia a partire dal 1 aprile.

Obiettivo di questo rinnovamento è rafforzare l’impegno nella promozione della conoscenza, della sensibilizzazione e dell’educazione al rispetto e alla tutela della natura, utilizzando l’emozione che deriva dall’esperienza diretta di incontro con essa.

La novità principale in questo senso è “Laguna aperta”: per la prima volta in Italia, tutti i giorni per l’intero arco della giornata, i biologi della struttura saranno a disposizione del pubblico per l’incontro conoscitivo ed emozionale con i delfini nella laguna più grande d’Europa. Attraverso l’esperienza di chi si prende cura di questi animali ogni giorno, il pubblico potrà apprendere la vita di questi cetacei, la loro biologia, i loro comportamenti, che vanno dal momento del gioco al cibo, dalle sessioni veterinarie al nuoto libero.

Con lo stesso approccio, Oltremare propone i programmi educativi e interattivi: “Incontra il delfino” e “Incontra i rapaci”, momenti di approfondimento che permettono di capire il complesso lavoro che sta dietro il mantenimento di questi animali. Il pubblico può inoltre partecipare all’emozionante “Volo libero dei rapaci”, allo spettacolo della Fattoria o visitare la galleria di Pianeta Mare, dedicata al Mar Mediterraneo e ai mari tropicali alla scoperta degli esemplari più rappresentativi di questi ambienti e ai giganti che li popolano: sei grandi vasche rappresentano differenti ecosistemi e conducono il visitatore in un vero e proprio viaggio alla scoperta delle specie marine che vivono negli abissi.

Nell’area di “Darwin”, sotto una cupola di vetro e acciaio che sfrutta le più moderne tecnologie, si può respirare l’atmosfera di un ambiente preistorico perfettamente ricostruito. La proposta si completa con la zona che riproduce il Delta del Po dove, tra i casoni e le bilance da pesca tradizionali, si muove un mondo popolato da pesci d’acqua dolce, uccelli acquatici stanziali e migratori come cicogne e aironi, rettili e anfibi.

A Oltremare è inoltre presente l’Isola di Ulisse dedicata al divertimento delle famiglie con bambini: un’area di oltre 4.000mq con ponti sospesi, percorsi in quota, scale, pertiche e funi, un fiume da percorrere in barca e cannoni ad acqua per simpatiche battaglie estive. Dall’estate, torna infine il musical “L’isola che non c’era”, l’entusiasmante spettacolo realizzato da Elena Ronchetti, vincitore di Parksmania Award come miglior show outdoor dell’ anno 2013, nell’affascinante scenografia dell’arena spettacoli (www.oltremare.org).

AQUAFAN (Riccione) – Da quasi 30 anni sulla cresta dell’onda, Aquafan (che fa parte di Costa Parchi) è il parco acquatico più famoso in Europa, grazie ai suoi spettacolari giochi d’acqua, agli innumerevoli eventi e alla sua capacità di essere luogo di moda e tendenza. Aquafan, che aprirà la stagione 2014 il prossimo 7 giugno, rappresenta un punto di forza nel posizionare Riccione e la Riviera Romagnola come luogo di destinazione turistica ed è testimonial della capacità innovativa di un territorio vocato all’accoglienza.

Di giorno il divertimento è assicurato con i fantastici scivoli, lunghi in tutto oltre 3 km: dal Kamikaze all’Extreme River, dallo Speedriul al River Run, dal Surfin’hill al Twist e ai Tobogas, fino all’ultimo arrivato, lo StrizzaCool, l’attrazione formato famiglia che permette discese su un gommone per 4 persone alla volta.

Insieme a tanti altri giochi acquatici e all’immensa Piscina a Onde, Aquafan offre anche molte aree super attrezzate per i più piccoli, con scivoli e animazioni a misura di bimbo. E poi zone relax, negozi, ristoranti, punti food e servizi di ogni tipo.

Come ogni anno, anche per l’estate 2014 è previsto un ricco calendario di eventi, dedicati ai vari target. Tra questi, si rinnova la collaborazione con Radio Deejay, che con i suoi più noti personaggi trasmetterà in diretta tutti i giorni dagli Aquafan Studios.

Inoltre, da giugno ripartirà anche la proposta notturna, con lo Schiuma Party più grande del mondo e con una programmazione incentrata sulla presenza di DJ di caratura internazionale (www.aquafan.it).

ACQUARIO DI CATTOLICA (Cattolica) – È il più grande Acquario dell’Adriatico e il secondo in Italia e fa parte di Costa Parchi. Coniuga cultura, educazione, emozione e divertimento in esperienze uniche dedicate a grandi e piccoli. L’Acquario presenta in quattro percorsi,completamente al coperto, oltre 3.000 esemplari di 400 specie diverse fra squali, pinguini, lontre, tartarughe, razze, meduse, camaleonti e numerosi altri animali marini e terrestri.

All’Acquario di Cattolica – che ha aperto la stagione 2014 il 1 aprile – si possono anche ammirare i cuccioli di squalo martello, l’asilo delle tartarughe marine, un intero percorso dedicato agli animali esotici, e i pinguini Humboldt con il piccolo nato nell’ estate 2013. È l’unico Acquario Italiano ad ospitare le Lontre asiatiche, i mammiferi più teneri e giocosi del mondo animale, visibili nella nuova ambientazione amazzonica che ospita anche esemplari di caimano nano di Cuvier e di Piranha erbivori. L’interazione è una delle caratteristiche dell’Acquario tra le più amate dal pubblico: si può infatti vivere l’esperienza di accarezzare, con l’aiuto di un esperto, i trigoni viola, parenti delle razze, ospiti nella grande vasca tattile. Con la guida dei biologi è anche possibile ammirare un altro momento di incontro, i “pasti” giornalieri di squali, pinguini, lontre e trigoni viola. All’interno della grande vasca degli squali, con oltre 700mila litri di acqua marina, sono ospitati 11 esemplari di squali, tra i quali gli squali toro più grandi d’Italia (www.acquariodicattolica.it).

DISEGNI E MESSAGGI SUL RISPARMIO ENERGETICO. SPIDER-MAN PREMIA 3 CLASSI CON UNA GITA “ELETTRIZZANTE”. SCADENZA: 10 GIUGNO


OKAY! 17 COP

THE AMAZING SPIDER-MAN – IL POSTER

 

Risparmio energetico?

Sì, grazie! Eravamo certi che, parlandovi di Electro, il mortale nemico dagli straordinari poteri che Spider-Man, uno dei supereroi più amati di tutti i tempi, affronta nella sua nuova, spettacolare ed… elettrizzante avventura

The Amazing Spider-Man 2:il potere di Electro, al cinema dal 23 aprile,avreste preso spunto da questo nuovo “cattivo” e dal suo potere (vive e combatte utilizzando enormi quantità di energia) per sensibilizzarvi sull’importanza di utilizzare al meglio e senza sprechi l’energia.

 

Non fate quindi i modesti: sappiamo che state diventando dei veri e propri esperti nel risparmio energetico! 

Ogni giorno, infatti, mettendo in campo piccoli accorgimenti quotidiani, imparerete non solo ad usare al meglio l’energia ma anche a risparmiarla.

Possiamo immaginare quale sia stata la vostra “strategia” prima di lanciarvi, allo stesso modo in cui Spider-Man si “lancia” ogni giorno in emozionanti avventure, nell’importantissima “missione risparmio”: avrete sicuramente girato lo sguardo tutt’intorno a voi per capire quante cose funzionino con l’energia elettrica.

E qui ecco la prima sorpresa: moltissime cose “vanno a corrente”; i lampadari e gli elettrodomestici, ad esempio, ma anche televisori, radio, stereo, lettori DVD e BD, tostapane, grattugie e molto altro.

Conoscere ciò che ci circonda (e si “alimenta” con l’energia) è infatti il primo passo per capire dove è possibile intervenire per far sì che la nostra “missione” abbia successo: se è importante infatti che nessuna energia debba essere sprecata, è altresì importante che ognuno di noi “faccia la sua parte”, anche se piccola.

Cominciate quindi a non lasciare in stand by i televisori, a “suggerire” alla mamma (che rimarrà piacevolmente stupita!) di utilizzare, quando è possibile, la lavatrice a basse temperature e non tenete mai più aperto lo sportello del frigorifero e del congelatore più del necessario sapendo che il frigorifero, ogni qualvolta viene aperto, si “riscalda” e deve poi utilizzare energia per ristabilire la giusta temperatura.

Se non avete ancora “incanalato” l’energia risparmiata fatelo aderendo al progetto “Spegni la luce, accendi… le idee!”:mandateci elaborati, filmati, disegni, progetti e quant’altro vi suggerisca la fantasia che abbiano come tema il risparmio energetico. Siamo impazienti di vedere le vostre idee che sicuramente saranno… folgoranti!

Ed ora preparatevi: è arrivato il momento in cui finalmente possiamo svelarvi l’elettrizzante montepremi:

TRE visite guidate al museo dell’Energia Idroelettrica di Cedegolo (Brescia) con laboratori didattici creati ad hoc e decine di DVD del primo episodio, The Amazing Spider-Man.

Tenetevi pronti, perché non sarà la solita visita bensì un’esperienza indimenticabile, multisensoriale ed interattiva in cui ascoltare, guardare, toccare, sperimentare, far funzionare, comprendere, emozionarsi, insomma da ricordare!

Cosa aspettate dunque? Fate come Spider-Man: lanciatevi in questo fantastico progetto così come lui si lancia ogni giorno dai grattacieli per salvare l’amata Gwen e la città di New York!

 

ECCO COME PARTECIPARE

 

PERIODO: dal 3 febbraio al 31 maggio 2014 – Consegna lavori entro il 10 giugno 2014.

 

DESTINATARI: classi delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado

 

MODALITÀ: per partecipare, la classe potrà inviare uno o più elaborati realizzati dagli alunni (disegno, collage, tempera, ecc.) che abbiano come tema il risparmio energetico. Potete partecipare con elaborati e prodotti suggeriti dalla vostra fantasia e utilizzando tutti gli strumenti creativi possibili, come album, cd, video, giornali scolastici che si prestano ottimamente ad ospitare tematiche energetiche, ecologiche ed ambientali. 

 

Gli elaborati dovranno pervenire in busta chiusa e accompagnati da una scheda in cui siano indicati i dati della classe partecipante, della scuola (indirizzo, telefono ed e-mail) entro il 31 maggio 2014 a: Okay! c/o Casa M.E. Mazza, via Nullo 48 – 24128 Bergamo.

 

Una giuria composta da 3 membri (un rappresentante della rivista Okay!, uno della Warner Bros. e un consulente di comunicazione) dopo aver valutato i lavori selezionerà i 3 migliori elaborati.

 

La premiazione avverrà a settembre 2014.

 

LE TRE CLASSI VINCITRICI si aggiudicheranno ognuna una “elettrizzante” visita guidata al Museo dell’energia idroelettrica di Cedegolo (BS) con laboratorio didattico.

In più: decine di DVD del primo episodio, The Amazing Spider-Man.