PRIMI IN SICUREZZA 2016: ECCO LE SCUOLE PREMIATE E PROMOSSE NELLA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO


 

Primi in Sicurezza ha laureato i suoi… Primi in Sicurezza 2016. Grande l’adesione alla XIV edizione dell’iniziativa promossa da ANMIL ed Okay! sul tema della prevenzione degli incidenti sul lavoro. Numerosi i lavori pervenuti (tra disegni, album, giochi, video, brani rap, t-shirts e testi, quasi 1.200!) che hanno messo a dura prova la giuria. Qui sotto l’elenco delle scuole premiate.

La premiazione si svolgerà lunedì 6 giugno alle ore 10.30, nella prestigiosa cornice della Camera dei Deputati, Nuova Aula dei Gruppi Parlamentari a Roma, in Via di Campo Marzio n. 74, con la presenza del Presidente Nazionale ANMIL Franco Bettoni, la partecipazione di diverse autorità e rappresentanti istituzionali e del direttore di Okay!, Roberto Alborghetti.

Aggiornamenti ed informazioni verranno forniti attraverso i siti dell’ANMIL e di Okay! Intanto, ecco la lista dei “campioni” di Primi in Sicurezza 2016

 

 A – CATEGORIA GRAFICA E DISEGNI

 

CLASSE 1D – 2D, SCUOLA SECONDARIA 1°,

ICS  CASSANO- DE RENZIO,BITONTO (BARI)

 

CLASSI 2A- 2B, SCUOLA SECONDARIA 1°,

 IC VERONELLA E ZIMELLA, S. STEFANO DI ZIMELLA, VERONA

 

CLASSE UNICA, SCUOLA INFANZIA STATALE

 MATTIE’, TORINO

 

CLASSI 4 /5, SCUOLA PRIMARIA PARITARIA,

SUORE DOMENICANE, TESTONA DI MONCALIERI, TORINO

 

CLASSI 2 C D E, IPSIA VALLAURI

CARPI, MODENA

 

CLASSE 4F, 6°CIRCOLO R.GIRONDI

BARLETTA

 

 

B – CATEGORIA TESTI E RICERCHE

 

SCUOLA DELL’INFANZIA STATALE SANCARLO,

SEZIONI A / B, SPINONE AL LAGO, BERGAMO

 

CLASSI 2/3 M, SCUOLA SECONDARIA 1°

 BUONARROTI – DA VINCI, MONDRAGONE (CASERTA)

 

CLASSE 4 A, SCUOLA PRIMARIA JEAN PIAGET

BOLOGNA

 

CLASSI 3 A B, SCUOLA PRIMARIA VALLELATA,

 IC GARIBALDI, APRILIA ( LATINA)

 

 

C – CATEGORIA VIDEO E WEB

 

CLASSE 4 HL, LICEO CLASSICO DANTE ALIGHIERI

 RAVENNA

 

CLASSI 1,2,3 ANNO, CORSI ACCONCIATURA, ESTETISTA, AUTORIPARAZIONE, ISTITUZIONE FORMATIVA RIETI, IFR

RIETI

 

CLASSI I A, III A, I B, III B, II C), II A, II B, I C, I H,

SCUOLA SECONDARIA 1°  ALIGHIERI-TANZI,

MOLA DI BARI, BARI

 

 SCUOLA PRIMARIA, CLASSI QUARTE, IC VIA MESSINA

ROMA

 

ANNA ASIA DE LUCA, CLASSE 1 AL,

LICEO SCIENTIFICO LINGUISTICO VANINI

CASARANO, LECCE

 

 

D – CATEGORIA RAP

 

CLASSE 5 DELTA, LICEO G. CARDUCCI-ALIGHIERI

TRIESTE

 

CLASSE 5 A, MECCANICA E MECCATRONICA

ISTITUTO TECNICO PER SETTORE TECNOLOGICO MARCONI

CAMPOBASSO

 

CLASSE 3 A, SCUOLA SECONDARIA 1°

 ICS  CASSANO- DE RENZIO,BITONTO (BARI)

 

GRUPPO “LA VITA NON E’ UN GIOCO”

LICEO SCIENTIFICO LINGUISTICO VANINI

 CASARANO, LECCE

 

 

Annunci

“NESSUNO RESTI INDIETRO”: LIBRO-NOVITA’ SU DIGNITA’ DEL LAVORO E INCLUSIONE SOCIALE SECONDO FRANCESCO


nessuno 19 marzo 2016

Sabato 19 marzo 2016, ore 17,30, presso la LIBRERIA S.PAOLO, in via Paglia 2h, a BERGAMO, incontro con Roberto Alborghetti in occasione dell’uscita di “NESSUNO RESTI INDIETRO” 

*

CARTELLA STAMPA A CURA DELL’EDITRICE VELAR

*

“PERCHÈ” DI UN LIBRO
“Una società che esclude è, in realtà, una società potenzialmente nemica di tutti”.
E’ Jorge Mario Bergoglio, il futuro Papa Francesco, a pronunciare queste parole,
in un messaggio diffuso all’inizio della Quaresima del 2003. Dieci anni prima di diventare Pontefice, l’arcivescovo di Buenos Aires aveva già prodotto ed elaborato un progetto per quel “nuovo umanesimo del lavoro” al centro oggi di tanti suoi pronunciamenti e interventi.
Nella riflessione del 2003, scriveva che ci sono almeno tre motivi importanti che ci
spingono ad aprire gli occhi per “vedere e guardare” se qualcuno è rimasto escluso
o è stato dimenticato. Ed aveva indicato le ragioni per le quali oggi ogni società
“civile” è chiamata a confrontarsi e a risolvere le questioni legate all’esclusione
sociale. Ossia: a mettere tutti in una condizione di dignità e di giustizia, a partire
dalle fasce di popolazione più debole.
“Nessuno resti indietro”, il nuovo libro di Roberto Alborghetti edito da Velar, con illustrazione dell’artista Umberto Gamba, porta un contributo originale ed inedito per comprendere i temi centrali della dottrina sociale di un Papato, certamente straordinario, che ha posto all’agenda mondiale l’urgenza di rivedere e riformare un sistema che produce ingiustizia.
Perché – si chiede l’autore nell’introduzione del libro – il termine “dignità del lavoro”
è uno tra i più pronunciati da Papa Francesco? Perché, fin dall’inizio del suo pontificato, Bergoglio insiste sulle questioni collegate ai temi della giustizia e dell’inclusione sociale?

CRONACHE DALLA GRANDE BUENOS AIRES
Già nel lavorare sul testo di “Francesco” (la prima biografia storica illustrata su
Papa Bergoglio, edita sempre dall’Editrice Velar) Alborghetti si era imbattuto in
cronache e vicende che documentavano come il futuro Papa avesse testimoniato
e sviluppato, nella sua Buenos Aires, una particolarissima sensibilità pastorale sul
tema.
Le esperienze degli anni trascorsi nelle villas miseria e tra le periferie della metropoli
argentina, passando tra fasi storiche e sociali drammaticamente complesse – si
pensi solo alla crisi economica dei primi anni del Duemila -, ne avevano modellato
il carattere, la sensibilità spirituale, il coraggio di missionario e cura (prete) di
frontiera, che vive il Vangelo “sporcandosi” con i problemi del popolo.
Dunque, per rispondere compiutamente ai “perché?”, l’autore è ripartito da quegli
anni e da quelle esperienze, seguendo ed inseguendo i passaggi del tempo,
che videro il futuro Papa figlio di emigranti italiani, studente-lavoratore, addetto
alle pulizie, novizio gesuita, docente, rettore, vescovo ausiliare e poi arcivescovo
primate e cardinale.
Decenni intensi e problematici, vissuti nel dolore e nei drammi del popolo, sempre
dalla parte del popolo, condividendo le amare e tristi storie di chi aveva perso il
lavoro o era stato stritolato dal lavoro, da un sistema economico che non guarda
in faccia a nessuno, perché “il lavoro è succube di oppressioni a diversi livelli,
dell’uomo sull’altro uomo; di nuove organizzazioni schiavistiche che opprimono
i più poveri; in particolare, molti bambini e molte donne subiscono un’economia
che obbliga a un lavoro indegno che contraddice la creazione nella sua bellezza e
nella sua armonia” (23 maggio 2015, Incontro con le Acli, Associazione Cristiana
Lavoratori Italiani).

LE BUONE PRASSI DELLA “FRANCISNOMICS”
E’ sempre tra le strade, le piazze e i quartieri della grande metropoli argentina
che Bergoglio delinea già le linee portanti di quella che, con un neologismo
anglosassone, è definita “Francisnomics”, ossia un modello di sviluppo economico,
sociale e culturale che, attraverso “il lavoro libero, creativo, partecipativo e solidale”
– come disse ancora alle Acli – possa portare l’essere umano ad esprimere e ad
accrescere la dignità della propria vita.
“Nessuno resti indietro” è un testo per certi aspetti indispensabile, non solo come
strumento per condividere il progetto e la visione di Papa Francesco per un nuovo
ordine sociale. Come scrive Alborghetti, è impossibile capire questo Papa se non
si parte proprio da dove egli è vissuto e da dove egli è partito, “preso quasi alla
fine del mondo”: la prima frase pronunciata appena si è presentato al mondo
come Francesco, la sera del 13 marzo 2013. E non era un modo di dire.

CONTRO IL LAVORO-SCHIAVO E LA TRATTA DELLE PERSONE
Le pagine del libro ci portano dentro gli anni e le esperienze pastorali che Jorge
Mario Bergoglio ha vissuto nella Buenos Aires del lavoro-schiavo, dei laboratori
clandestini, della tratta delle persone, dello sfruttamento dei minori, della
disoccupazione, del lavoro nero, nel “tritacarne” dell’economia speculativa. Tra
quelle vicende – scrive Alborghetti – “ho trovato la risposta all’interrogativo perché
questo Papa insiste coerentemente sulla necessità di “un nuovo ‘umanesimo del
lavoro’, dove l’uomo, e non il profitto, sia al centro; dove l’economia serva l’uomo
e non si serva dell’uomo”, dove i tanti giovani che non lavorano sono “i nuovi
esclusi del nostro tempo”, “vengono privati della loro dignità”, mentre “la giustizia
umana chiede l’accesso al lavoro per tutti” (16 gennaio 2016, Incontro con MCL,
Movimento Cristiano Lavoratori).
Nella sofferenza condivisa per tanti episodi di ingiustizia e di esclusione sociali – il
libro, ad esempio, ricostruisce le vicende della strage ferroviaria dell’Once, del
massacro di quasi 200 giovani nella discoteca Cromañón , delle vittime del lavoroschiavo
e della criminalità collegata al racket delle persone e allo sfruttamento
minorile in circa 3.000 fabbriche tessili abusive – nasce, si muove e si eleva il grido
del “Nessuno resti indietro” dell’arcivescovo Bergoglio.
Un grido ribadito e reiterato anche oggi, per per dire “no”: a “un’economia dello
scarto, che chiede di rassegnarsi all’esclusione di coloro che vivono in povertà
assoluta”, “all’idolatria del denaro, che spinge ad entrare a tutti i costi nel numero
dei pochi che, malgrado la crisi, si arricchiscono, senza curarsi dei tanti che si
impoveriscono, a volte fino alla fame”, “alla corruzione, tanto diffusa che sembra
essere un atteggiamento, un comportamento normale”, “alle collusioni mafiose,
alle truffe, alle tangenti” e “all’iniquità che genera violenza”: così dirà a Torino, il
21 settembre 2015, davanti ad imprenditori noti e meno noti, ai lavoratori e ai
sindacati, Cisl, Cgil e Uil in prima fila. Una sensibilità totale, quella di Bergoglio,
per le problematiche del lavoro. E della sicurezza sul lavoro: “La vostra presenza
mi offre l’occasione di ribadire quanto sia importante salvaguardare la salute dei
lavoratori; e difendere sempre la vita umana, dono di Dio, soprattutto quando è
più debole e fragile”( alle delegazioni ANMIL, Associazione Nazionale Mutilati e
Invalidi del Lavoro, 30 gennaio 2016, prima udienza giubilare).

L’AUTORE
Roberto Alborghetti, giornalista professionista ed autore di saggi e biografie,
ha lavorato nel gruppo Sesaab-L’Eco di Bergamo, dove è stato uno degli ultimi
cronisti a formarsi alla scuola di mons. Andrea Spada, ritenuto tra i grandi del
giornalismo italiano. E’ autore di una quarantina tra saggi e biografie, tra cui
“Nessuno è cretino”, l’ultima conversazione-intervista del grande pedagogista
Aldo Agazzi. Ha curato i due volumi dell’epistolario di S.Paola Elisabetta Cerioli
(“Lettere di una Madre”) ed ha coordinato l’opera “Lombardia / Introduzione ad
una didattica dei territori”). Per la “Collana blu” di Velar-Elledici ha pubblicato
testi dedicati soprattutto a protagonisti del cattolicesimo sociale tra Ottocento e
Novecento (Leonardo Murialdo, Leone Dehon, Antonio Maria Gianelli, Annibale
Maria di Francia, Francesco Spinelli, Maria Elisabetta Mazza).
Tra le sue recenti pubblicazioni: “Francesco” (biografia storica illustrata su Papa
Bergoglio, edita da Velar, alla terza edizione aggiornata) e “Quando il giorno
era una freccia” (Papa Francesco e le tematiche educative, edita da AGeSC).
Blogger, autore di documentari, si occupa di editoria “educational”; è direttore di
Atempopieno (periodico dell’AGeSC) e di Okay!. Ha ricevuto diversi riconoscimenti
giornalistici, tra cui l’European Award for Environmental Reporting (il cosiddetto
“Pulitzer europeo” per l’informazione sull’ambiente, 1992-1993). Ha creato
“LaceR/Azioni”, progetto-ricerca basato sull’osservazione della realtà urbana
percepita nei cromatismi dei “segni di strada”, con mostre in Italia ed all’estero.

L’EDITORE
L’Editrice Velar, con sede a Gorle, Bergamo, opera nel campo dell’Editoria da oltre
40 anni e vanta un catalogo di oltre 1000 titoli, tradotti anche in diverse lingue; dai
volumetti della famosa collana “Messaggeri d’amore”, con oltre 400 biografie di
santi, beati e testimoni di carità, di giustizia e di pace, all’originale e unica raccolta
“Il Volto dei volti Cristo”; dalle opere di spiritualità e di pastorale alle utili guide ai
più interessanti luoghi cristiani d’Italia e del mondo; dagli approfondimenti biblici
ai vivaci libri per bambini e ragazzi; dai volumi di poesia, letteratura e arte alle
eleganti edizioni di pregio.
L’Editrice Velar offre servizi editoriali con possibilità di personalizzazioni; fa parte
dell’UELCI (l’Unione Editori e Librai Cattolici Italiani) e collabora attivamente con
Rebeccalibri, il primo portale online dell’editoria religiosa. Sin dall’inizio dell’attività,
l’Editrice Velar ha adottato una politica editoriale concretamente sensibile alle
problematiche sociali, impegnandosi a sostenere specifiche iniziative umanitarie.
Tra le recenti pubblicazioni di maggior successo: “Francesco”, la prima biografia
storica illustrata (grande formato) su Papa Bergoglio, alla terza edizione aggiornata,
disponibile in volume unico o nella speciale confezione-cofanetto (3 volumi).
Editrice Velar
Via Torquato Tasso 10
24020 Gorle BG
Telefono 035 6592811
Fax 035 6592888
velar@velar.it
http://www.velar.it

DATI TECNICI
Titolo: NESSUNO RESTI INDIETRO
Sottotitolo: Papa Francesco, la dignità del lavoro e l’inclusione sociale.
Autore: Roberto Alborghetti
Illustrazione in copertina: Umberto Gamba
Consulenza editoriale: Roberto Losa
Grafica: Daniela Brambilla
Editore: Editrice Velar, Gorle BG
Formato: cm.12×20,5
Pagine: 96
Rilegatura: brossura cucita, con alette

ISBN: 978-88-6671-240-4
Prezzo di copertina: euro 10

Link al video-annuncio (YouTube): https://youtu.be/8dWNWMv9tyk

*

Per INFO E CONTATTI:

Editrice Velar
Via Torquato Tasso 10, 24020 Gorle BG
Telefono 035 6592811, Fax 035 6592888
velar@velar.it
http://www.velar.it

 

HANNO ACCESO LE IDEE… E “THE AMAZING SPIDER-MAN 2” HA PREMIATO TRE SCUOLE DI BOLOGNA, MALONNO (BS) E SERIATE (BG)


 

 

 

Ecco una “carrellata” sui lavori didattici che hanno trionfato nell’iniziativa lanciata in occasione dell’uscita di “The Amazing Spider-Man 2 / Il potere di Electro”. Come noto, le tre scuole campionissime di “Spegni la luce, Accendi le idee” sono risultate: 

 

SCUOLA PRIMARIA GIANNI RODARI

SERIATE BG

INSEGNANTE REFERENTE: FEDERICA GRITTI

 

*

 

SCUOLA ELEMENTARE STATALE JEAN PIAGET

BOLOGNA

INSEGNANTI REFERENTI: FABBRIMARINA E VANZINI TERESA

 

*

 

ISTITUTO COMPRENSIVO EDOLO

CLASSE SECONDA DI MALONNO

MALONNO BS

INSEGNANTE REFERENTE: CALUFETTI DANIELA

 

Ancora complimenti vivissimi alle tre scuole per questa bellissima ed importante affermazione, aggiudicandosi meritatamente l’attesissimo premio: la visita guidata al Museo dell’Energia idroelettrica di Cedegolo (BS) con partecipazione ad un coinvolgente laboratorio didattico. Ma non solo. Ogni scuola riceverà in dono anche una dotazione di DVD del primo episodio cinematografico di The Amazing Spider-Man”.  

THE AMAZING SPIDER-MAN ANNUNCIA LE TRE SCUOLE CAMPIONI DI “SPEGNI LA LUCE, ACCENDI LE IDEE”. SONO QUELLE DI SERIATE, MALONNO E BOLOGNA!


 

WP_008239

Squillino le trombe, rullino i tamburi e si accendano (questa volta sì) le luci della ribalta. “The Amazing Spider-Man 2 / Il potere di Electro” annuncia le tre scuole vincitrici, a pari merito, della entusiasmante iniziativa indetta in occasione dell’uscita del film. Le tre scuole campionissime e bravissime sono: 

 

SCUOLA PRIMARIA GIANNI RODARI

SERIATE BG

INSEGNANTE REFERENTE: FEDERICA GRITTI

 

*

 

SCUOLA ELEMENTARE STATALE JEAN PIAGET

BOLOGNA

INSEGNANTI REFERENTI: FABBRIMARINA E VANZINI TERESA

 

*

 

ISTITUTO COMPRENSIVO EDOLO

CLASSE SECONDA DI MALONNO

MALONNO BS

INSEGNANTE REFERENTE: CALUFETTI DANIELA

 

Complimenti vivissimi alle tre scuole che riceveranno comunicazione ufficiale di questa bellissima ed importante affermazione, con l’indicazione dell’attesissimo premio: la visita guidata al Museo dell’Energia idroelettrica di Cedegolo (BS) con partecipazione ad un coinvolgente laboratorio didattico. Ma non solo. Ogni scuola riceverà in dono anche una dotazione di DVD del primo episodio cinematografico di The Amazing Spider-Man”. Dunque: bravissimi!!! E prossimamente dedicheremo foto-gallerie ai lavori premiati. 

I NUMERI DELLA STRAGE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO: IL CLIP DI MARIA AZZURRA BROGNA (CASARANO, LECCE)



*
Anche questo videoclip è una delle grandi sorprese emerse dalla XII edizione di “Primi in sicurezza”, la grande “campagna” contro gli infortuni sul lavoro lanciata da ANMIL ed OKAY! E’ un commovente documento contro le morti bianche prodotto da Maria Azzurra Brogna, del Liceo Scientifico “Vanini” di Casarano (Lecce), con la guida del prof. Luigi Moretti. Scaricatelo e diffondetelo. E’ un altro esempio di creatività giovanile al servizio di un grande messaggio di cui da 12 anni si fa promotore Primi in Sicurezza, la grande campagna scolastica sulla prevenzione degli infortuni sul lavoro, sostenuta da ANMIL ed OKAY!

Sul sito http://www.okayscuola.wordpress.com/sono on line i premiati. I riconoscimenti sono attribuiti agli autori degli elaborati che si sono distinti per aver rispettato il tema, per originalità, per contenuto, per significato didattico ed anche per le modalità complessive di presentazione dei lavori. Come preannunciato, la premiazione – o meglio: le premiazioni – quest’anno avranno un diverso andamento, con il coinvolgimento delle realtà regionali e territoriali dell’ANMIL, in occasione di eventi importanti collegati alla “giornata” annuale per le vittime degli infortuni sul lavoro. Le scuole premiate saranno sempre e comunque raggiunte tramite posta elettronica. I lavori, quest’anno, sono stati particolarmente interessanti e di grande qualità. Sempre sul sito troverete nei prossimi giorni ampie foto-gallerie, con immagini ed altri video.

a 018

SPIDER-MAN E’ TORNATO…E PREMIA 3 CLASSI CON UNA GITA “ELETTRIZZANTE”. ECCO COME…


OKAY! 17 COP

THE AMAZING SPIDER-MAN – IL POSTER

 

Risparmio energetico?

Sì, grazie! Eravamo certi che, parlandovi di Electro, il mortale nemico dagli straordinari poteri che Spider-Man, uno dei supereroi più amati di tutti i tempi, affronta nella sua nuova, spettacolare ed… elettrizzante avventura

The Amazing Spider-Man 2:il potere di Electro, al cinema dal 23 aprile,avreste preso spunto da questo nuovo “cattivo” e dal suo potere (vive e combatte utilizzando enormi quantità di energia) per sensibilizzarvi sull’importanza di utilizzare al meglio e senza sprechi l’energia.

 

Non fate quindi i modesti: sappiamo che state diventando dei veri e propri esperti nel risparmio energetico! 

Ogni giorno, infatti, mettendo in campo piccoli accorgimenti quotidiani, imparerete non solo ad usare al meglio l’energia ma anche a risparmiarla.

Possiamo immaginare quale sia stata la vostra “strategia” prima di lanciarvi, allo stesso modo in cui Spider-Man si “lancia” ogni giorno in emozionanti avventure, nell’importantissima “missione risparmio”: avrete sicuramente girato lo sguardo tutt’intorno a voi per capire quante cose funzionino con l’energia elettrica.

E qui ecco la prima sorpresa: moltissime cose “vanno a corrente”; i lampadari e gli elettrodomestici, ad esempio, ma anche televisori, radio, stereo, lettori DVD e BD, tostapane, grattugie e molto altro.

Conoscere ciò che ci circonda (e si “alimenta” con l’energia) è infatti il primo passo per capire dove è possibile intervenire per far sì che la nostra “missione” abbia successo: se è importante infatti che nessuna energia debba essere sprecata, è altresì importante che ognuno di noi “faccia la sua parte”, anche se piccola.

Cominciate quindi a non lasciare in stand by i televisori, a “suggerire” alla mamma (che rimarrà piacevolmente stupita!) di utilizzare, quando è possibile, la lavatrice a basse temperature e non tenete mai più aperto lo sportello del frigorifero e del congelatore più del necessario sapendo che il frigorifero, ogni qualvolta viene aperto, si “riscalda” e deve poi utilizzare energia per ristabilire la giusta temperatura.

Se non avete ancora “incanalato” l’energia risparmiata fatelo aderendo al progetto “Spegni la luce, accendi… le idee!”:mandateci elaborati, filmati, disegni, progetti e quant’altro vi suggerisca la fantasia che abbiano come tema il risparmio energetico. Siamo impazienti di vedere le vostre idee che sicuramente saranno… folgoranti!

Ed ora preparatevi: è arrivato il momento in cui finalmente possiamo svelarvi l’elettrizzante montepremi:

TRE visite guidate al museo dell’Energia Idroelettrica di Cedegolo (Brescia) con laboratori didattici creati ad hoc e decine di DVD del primo episodio, The Amazing Spider-Man.

Tenetevi pronti, perché non sarà la solita visita bensì un’esperienza indimenticabile, multisensoriale ed interattiva in cui ascoltare, guardare, toccare, sperimentare, far funzionare, comprendere, emozionarsi, insomma da ricordare!

Cosa aspettate dunque? Fate come Spider-Man: lanciatevi in questo fantastico progetto così come lui si lancia ogni giorno dai grattacieli per salvare l’amata Gwen e la città di New York!

 

ECCO COME PARTECIPARE

 

PERIODO: dal 3 febbraio al 31 maggio 2014

 

DESTINATARI: classi delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado

 

MODALITÀ: per partecipare, la classe potrà inviare uno o più elaborati realizzati dagli alunni (disegno, collage, tempera, ecc.) che abbiano come tema il risparmio energetico.

 

Gli elaborati dovranno pervenire in busta chiusa e accompagnati da una scheda in cui siano indicati i dati della classe partecipante, della scuola (indirizzo, telefono ed e-mail) entro il 31 maggio 2014 a: Okay! c/o Casa M.E. Mazza, via Nullo 48 – 24128 Bergamo.

 

Una giuria composta da 3 membri (un rappresentante della rivista Okay!, uno della Warner Bros. e un consulente di comunicazione) dopo aver valutato i lavori selezionerà i 3 migliori elaborati.

 

La premiazione avverrà a settembre 2014.

 

LE TRE CLASSI VINCITRICI si aggiudicheranno ognuna una “elettrizzante” visita guidata al Museo dell’energia idroelettrica di Cedegolo (BS) con laboratorio didattico.

In più: decine di DVD del primo episodio, The Amazing Spider-Man.

 

UN LIBRO-NOVITA’ DI CUI MOLTI PARLANO: “UN’IMPRESA CON IL CUORE”, FRANCESCO MAFFEIS SI RACCONTA A ROBERTO ALBORGHETTI. DA MURATORE A IMPRENDITORE DI SUCCESSO…


 UNIMPRESA CON copertina

“Francesco Maffeis – Un’impresa con il cuore” è il titolo di una novità editoriale che, scritta da Roberto Alborghetti, racconta la vita e la carriera di un imprenditore bergamasco, Francesco Maffeis.

Partito dalla gavetta – era garzone di bottega e poi muratore – Maffeis è ora a capo di una delle aziende-leader del cleaning. Uscito per i tipi di Marna, il volume è stato presentato presso l’Università degli Studi di Bergamo, con interventi del Rettore dott. Stefano Paleari, dello stesso Maffeis e dell’autore della biografia, Roberto Alborghetti. La pubblicazione è introdotta da una riflessione del dott. Giulio Terzi (già ministro degli Esteri). La proponiamo qui di seguito.        

 ***

Quando Francesco Maffeis mi ha chiesto di scrivere la prefazione della sua biografia, su cui l’autore, Roberto Alborghetti, stava lavorando, ho subito accettato con grandepiacere e entusiasmo. La ragione di tale scelta è profonda, semplice e autentica, come questo libro: il rapporto di stimae amicizia che ho da tempo instaurato con il Commendatore Maffeis.

Quando però mi sono apprestato a scrivere questo testo, mi sono reso conto che non era compito facile. Come far rientrare in uno scritto così breve – come necessariamente deve essere una prefazione – il senso di una lunga e complessa storia imprenditoriale? Come racchiudere in poche righe le ragioni di un esemplare successo professionale, che ha reso FrancescoMaffeis un’emerita personalità del mondo imprenditoriale bergamasco? Come spiegare al lettore, nel modo più esatto e veritiero, chi è Francesco Maffeis?

In soccorso mi sono allora echeggiate le parole del filosofo Benedetto Croce: “la nostra storia è storia della nostra anima”. Per comprendere a fondo la storia del Commendatore Maffeis,occorre fare luce sui valori del suo animo imprenditoriale, quelli che ne hanno da sempre ispirato la visione e sorretto l’azione. E mentre riflettevo, ho riconosciuto nel Commendatore Maffeis qualcosa di molto familiare: la coerenza morale e il coraggio della nostra terra, che consentono di saldare l’attenzione al profitto e all’iniziativa con la dimensione umana, la solidarietà e il rispetto per l’altro, soprattutto se è più debole. Questi valori sono tratti distintivi di chi è nato e cresciuto nella Bergamasca.E non sorprende che essi siano stati alla base della decisione dell’Eco di Bergamo di indicare il Commendatore Maffeis tra i Bergamaschi illustri del 2011.

Le pagine che seguono raccontano con fresca semplicità e senza celebrazioni la straordinaria esperienza umana e professionale di un uomo che, contando solo sulle proprie forze e sull’affetto dei propri cari, ha dato vita a una delle più vivaci e floride realtà imprenditoriali del settore. Francesco è stato tra gli artefici del miracolo italiano. Nell’Italia che usciva distrutta materialmente e moralmente dalla guerra, Francesco si rimboccò le maniche, fece i più disparati lavori e contribuì ad affermare – giorno dopo giorno e con fatti concreti – il senso di orgoglio nazionale. L’Italia è diventata una potenza economica mondiale grazie al dinamismo e all’operosità di tanti imprenditori come Francesco. Con 40 anni di esperienza, una variegata offerta di servizi e una clientela assai vasta, Fra. Mar ha superato la soglia dei 600 dipendenti, con ben 200 lavoratori stranieri provenienti da 37 Paesi diversi: un esempio di integrazione che riflette l’impegno e il costante interesse di Francesco Maffeis per lo sviluppo economico del territorio. Francesco Maffeis è un limpido esempio di sana imprenditoria votata all’innovazione e all’attenzione al cliente.

Il racconto di questa storia personale e familiare si legge tutto d’un fiato, perché è profondamente vero e sincero, come il suo protagonista. Vi si trovano l’affermazione e la nascita di un imprenditore sostenuto dalla forza trasmessagli da quella civiltà contadina” della terra bergamasca alla quale siamo entrambi orgogliosi di appartenere. In questo libro è quindi racchiuso un enorme patrimonio di competenza e passione,testimonianza diretta e sincera di quello spirito di sacrificio che ha fatto grande l’Italia. Sono sicuro che la sua lettura potrà essere fonte di ispirazione per tanti altri imprenditori, del cui coraggio e della cui coerenza morale l’Italia ha assolutamente bisogno per ritornare a crescere.

Giulio Terzi

Ministro degli Affari Esteri

nel Governo Monti (2011-2013)

  • FRANCESCO MAFFEIS,UN’IMPRESA CON IL CUORE”, di Roberto Alborghetti, Marna Editrice, 2013

 

 

ANMIL ED OKAY! LANCIANO “PRIMI IN SICUREZZA 12”: SCOPRI TUTTE LE NOVITA’


OLYMPUS DIGITAL CAMERA

“PRIMI IN SICUREZZA 2013/2014”

Promosso da Anmil ed Okay!

La prevenzione si impara a scuola:

idee, ricerche, proposte e messaggi,

Portare gli studenti italiani ad essere… “bravi in sicurezza”, avvicinandoli alla realtà della prevenzione come strumento per risolvere il fenomeno degli incidenti e degli infortuni. E’ questa la finalità della XII edizione di PRIMI IN SICUREZZA, che torna con alcune novità. Tra i partners, non c’è più Rossini Trading Spa, che ringraziamo per la collaborazione nel corso di undici anni. La “campagna” è ora promossa a pieno titolo da ANMIL ed OKAY! Come noto, classi scolastiche e singoli ragazzi, vi potranno prendere parte producendo e realizzando, entro la data del 31 marzo 2014, lavori, ricerche ed  elaborati sul tema della sicurezza e della prevenzione degli incidenti e degli infortuni sul lavoro. L’argomento potrà essere affrontato nella sua complessità o nei suoi aspetti particolari, come pubblicato in queste pagine.

ECCO COME PARTECIPARE

I lavori di PRIMI IN SICUREZZA potranno essere eseguiti in piena libertà espressiva e creatività. Accanto alle piste suggerite, potranno esserne sviluppate altre, secondo gli interessi e le attenzioni di ogni singola classe i temi. Potranno essere realizzati: disegni, posters, album fotografici, testi; potranno essere presentati articoli pubblicati sui propri giornalini scolastici; potranno essere prodotti spot promozionali, video, cd-rom, audiocassette; potranno essere realizzati: giochi di società, test, sondaggi (ad esempio: chiedere ad un campione di cittadini se sono soddisfatti del livello di sicurezza del proprio ambiente di lavoro) e t-shirts.          

  • Tutti i lavori di PRIMI IN SICUREZZA dovranno pervenire entro il 31 MARZO 2014 alla redazione di OKAY! al seguente indirizzo: OKAY!, presso Casa M.E.Mazza, via Nullo 48, 24128 Bergamo. La cerimonia di premiazione si svolgerà entro la fine del mese di maggio 2014. 

  1. PER CONTATTI ED INFO

  2. www.anmil.it

  3. www.okayscuola.wordpress.com/

  4. Redazione OKAY! tel. 035/314720

INCIDENTI SUL LAVORO: COME, QUANDO E PERCHÉ

Ecco alcune proposte di attività da realizzare in classe.

1 – Gli incidenti sul lavoro: come, quando e perché

  1. Perché succedono gli incidenti sul lavoro? Quali sono le cause? Quali sono i settori più colpiti? Che cosa dicono le statistiche?

  2. Proposte di attività:  grafici e tabelle sul fenomeno degli incidenti ed infortuni in Italia ed in Europa; raccolta e commento di articoli e servizi giornalistici sul tema degli incidenti; incontro con un imprenditore della propria città o del proprio paese per parlare della prevenzione e della sicurezza; visita ad una fabbrica o ad un ufficio per descriverne gli impianti, le attrezzature, le condizioni di sicurezza. 

2 – “Io, vittima di un incidente sul lavoro”

  1. Che cosa accade durante un incidente? Che tipo di conseguenze può comportare sul fisico e nella vita quotidiana? Che sentimenti e che stati d’animo provoca?  

  2. Proposta di attività:  intervista ad una persona che ha vissuto l’esperienza di un infortunio sul lavoro; incontro con un medico che illustra le conseguenze fisiche (menomazioni, difficoltà di movimento ecc.) connesse con un infortunio sul lavoro.

3 – “Mamma e papà, è capitato anche a voi?”

  1. Si parla in famiglia dei rischi negli ambienti di lavoro? I genitori confidano ai propri figli di lavorare in condizioni di disagio e di pericolo? Qualche genitore è stato vittima di incidenti sul lavoro?

  2. Proposta di attività: sondaggio tra le famiglie degli alunni per verificare se incidenti sul lavoro hanno coinvolto mamma, papà o un parente; sondaggio tra le famiglie degli alunni sui principali rischi degli ambienti di lavoro; sondaggio tra le famiglie degli alunni sulle paure e sui timori che i genitori provano in un ambiente di lavoro; sondaggio tra le famiglie degli alunni sul rispetto delle condizioni di sicurezza negli ambienti di lavoro.    

4 – Un messaggio per prevenire gli incidenti sul lavoro: scatena la tua fantasia

La sensibilizzazione è importante sul tema degli incidenti sul lavoro. Prevenire è meglio che curare, si dice. Come scuotere l’opinione pubblica sui questo problema? Come richiamare l’attenzione sulla necessità di creare migliori condizioni di sicurezza sul lavoro?

  1. Proposta di attività: crea uno slogan, inventa un poster, realizza un disegno, produci uno spot televisivo, prepara un “jingle” radiofonico, inventa una t-shirt con un messaggio che aiuti a prendere coscienza del problema degli incidenti sul lavoro o della necessità di prevenirli.      

5 – Così dice la Legge

  1. Che cosa prevedono, in materia di sicurezza, le leggi italiane? Perché è importante per le aziende e per i lavoratori? Che cosa comporta per il datore di lavoro e per il lavoratore ?  

  2. Proposta di attività: lettura e commento in classe di alcune delle principali disposizioni di Legge in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro; gioco-quiz su cosa prevedono le normative in caso di lotta antincendio, uso di dispositivi di protezione individuale, uso di strumenti video, lotta ai rumori.  

NOVITA’ / DOPPI PREMI PER VOI!

PREMI NAZIONALI

Una commissione valuterà i lavori pervenuti ed assegnerà premi e riconoscimenti suddivisi per i seguenti ordini scolastici:

  1. Scuole dell’infanzia, Scuole primarie, Scuole secondarie 1° grado, Scuole secondarie 2° grado.  

Per ogni sezione scolastica è prevista l’assegnazione di  premi di utilità didattica (videolettori, impianti audio/mp3, fotocamere digitali, stampanti e cosi via).

PREMI SU BASE TERRITORIALE

Una novità è rappresentata quest’anno dall’assegnazione, da parte delle sedi regionali o provinciali dell’ANMIL, di premi ad una scuola del proprio territorio risultata particolarmente meritevole. Dunque, una doppia opportunità per tutte le scuole che parteciperanno alla XII edizione di Primi in Sicurezza. 

Le scelte della commissione giudicatrice sono insindacabili. I lavori non si restituiscono; si invitano le classi a conservarne una copia (o fotocopia). Ogni lavoro dovrà riportare in modo chiaro: nome della scuola, indirizzo completo, località e provincia di residenza, nominativo del docente referente, numero telefonico o e-mail. Okay! ed  Anmil si riservano il diritto di promuovere iniziative ed attività (mostre, convegni, ecc.) con il materiale didattico pervenuto dalle scuole.

UNA GRANDE INIZIATIVA PER LE SCUOLE! CREATE RICETTE CON GLI AVANZI: IN PREMIO TRE CORSI DI CUCINA!


piovono polpette 2

Attività promossa in occasione 

dell’uscita del film

“Piovono polpette 2 / La rivincita degli avanzi”

a Natale nei cinema.

 *

Ogni nostra azione ha un peso sull’ambiente che ci circonda; da decenni utilizziamo le risorse che la natura ci ha messo a disposizione senza però pensare a reintegrarle o risparmiarle. Che fare, dunque? Un buon inizio sarebbe cominciare ad utilizzare fonti di energia alternativa, fare la raccolta differenziata riutilizzando le materie prime da lei derivanti, salvaguardare boschi e foreste, coltivare, allevare, pescare in modo responsabile e non sprecare, anche quando parliamo di risorse alimentari. Il rinnovamento e il risparmio di tutte queste risorse permetterà alla Terra di ritrovare un equilibrio.

Ma, direte voi, cosa possiamo fare quando ad esempio parliamo di risparmio nell’alimentazione? L’alimentazione, infatti, è indispensabile per la sopravvivenza di tutti: un “risparmio consapevole” delle risorse di cibo, quindi, coinvolge ognuno di noi. Quella che può sembrare una “mission impossible” in realtà, consiste nel mettere in atto piccoli gesti quotidiani che, sommati, portano però a grandi risultati. Ma non è tutto: oggi per evitare gli sprechi alimentari stiamo riscoprendo un’abitudine che era propria dei nostri nonni, quando non si buttava via quasi nulla: il riutilizzo degli avanzi.

PIOVONO POLPETTE 2

LA RIVINCITA DEGLI AVANZI

Reinventare” gli avanzi è facile e divertente: per realizzare ricette gustose, infatti, basta aggiungere pochi ingredienti, un pizzico di fantasia et voilà, il piatto è fatto! Gli avanzi però possono non solo essere i protagonisti della nostra tavola ma anche diventare i protagonisti di un film: a Natale, infatti, ecco arrivare al cinema Piovono polpette 2 / La rivincita degli avanzi, lo spassosissimo sequel di Piovono polpette. Il protagonista è sempre lui, Flint Lockwood, lo strampalato inventore dell’infernale marchingegno che ha trasformato i fenomeni atmosferici in precipitazioni di… cibo! In questo secondo episodio lo ritroviamo impegnato con le più brillanti menti del pianeta a elaborare tecnologie che possano migliorare il mondo.

Ma un terribile nemico è in agguato e ancora una volta le sorti del mondo dipenderanno dal coraggio di Flint! Se Flint è il protagonista di Piovono polpette 2, le polpette citate nel titolo del film sono le “regine” del riciclo degli avanzi, essendo fatte amalgamando pane raffermo bagnato nel latte, avanzi di carne e parmigiano. Riuscite a immaginare qualcosa di più buono? Oppure: non vi è mai capitato di trovare all’interno del frigorifero 3 o 4 pezzi di formaggio che “gironzolano” e che nessuno vuole finire? Se tagliamo il formaggio a piccoli pezzi e lo facciamo sciogliere in una padella con un po’ di latte diventerà un fantastico condimento per un buon piatto di pasta!

Ma non è tutto: lo sapevate che ogni regione d’Italia ha almeno un piatto tipico realizzato con gli avanzi? Il Trentino Alto Adige ha i canederli (realizzati con pane raffermo e speck), la Toscana la ribollita (con pane raffermo e verdure) e il cacciucco (piatto che da sempre è realizzato con gli avanzi della pesca rimasti invenduti), la Lombardia il tortino di riso giallo fritto.

Perché vi diciamo tutto questo? Per stuzzicare la vostra fantasia e creatività e invitarvi a partecipare al fantastico progetto “Riciclo… con gusto!” che metterà alla prova il vostro talento nel “reinventare” con ricette nuove e gustose gli avanzi!

ECCO COME PARTECIPARE

PERIODO:

dal 16 settembre 2013 al 31 gennaio 2014

DESTINATARI:

classi delle scuole materne, primarie e secondarie di primo grado.

MODALITÀ:

per partecipare, la classe potrà inviare uno o più elaborati realizzati dagli alunni (disegno, collage, tempera, ecc.) che abbiano come tema il riciclo creativo e gustoso degli avanzi. Gli elaborati dovranno pervenire in busta chiusa e accompagnati da una scheda in cui siano indicati i dati della classe partecipante, della scuola (indirizzo, telefono ed e-mail) entro il 31 gennaio 2014 a:

Okay! c/o Casa M.E. Mazza, via Nullo 48

24128 Bergamo.

Entro febbraio 2014 una giuria composta da 3 membri (un rappresentante della rivista Okay!, uno della Warner Bros. e un consulente di comunicazione) dopo aver valutato gli elaborati selezionerà i vincitori. La premiazione avverrà entro marzo 2014.

PER LE TRE CLASSI VINCITRICI:

UN FANTASTICO CORSO DI CUCINA!

Le tre classi vincitrici si aggiudicheranno ognuna un fantastico corso di cucina! Guidati da uno chef, gli alunni scopriranno tutti i segreti degli alimenti e della sana e gustosa cucina mediterranea.

SCARICA IL PDF DELL’INIZIATIVA:

PIOVONO POLPETTE bando iniziativa

*

& © 2013 Sony Pictures Animation Inc. All Rights Reserved.

“GUSTAMBIVERE”: SERATA-EVENTO CON DEGUSTAZIONI DEI LOCALI STORICI, MUSICA D’IRLANDA E LE “LACER/AZIONI”


 GUSTAMBIVERE 2013

Serata-evento, con eccellenze gastronomiche, buona musica ed anche uno speciale assaggio di “Lacer/azioni”. Accadrà ad Ambivere (Bergamo), con l’iniziativa “GustAmbivere”, domenica 14 luglio, con inizio alle ore 18,30, presso l’antica piazzetta Gasparini, nel cuore storico di Ambivere, località in provincia di Bergamo, già documentata in atti notarili risalenti all’anno 923.

In un ambiente suggestivo, tra le antiche mura, i tre Locali Storici di Ambivere, tra i più antichi della provincia, appronteranno degli speciali menù. L’iniziativa – promossa per il secondo anno consecutivo dal Comune di Ambivere in collaborazione con il Distretto del Commercio Ville e Torri dell’Isola e dall’associazione “Il Ponte di stelle” – vedrà ai fornelli gli chefs ed i barmen dei tre Locali Storici, ossia: Antica Osteria dei Camelì (fondata nel 1856), Trattoria Visconti (fondata nel 1932) e Caffè del Fiola (fondato nel 1887). Tre locali segnalati nelle varie guide di settore e riconosciuti con delibera regionale, un vanto per una piccola comunità.   

La serata vedrà anche una sorta di “assaggio” artistico con la mostra di “Lacer/azioni”, i “visuals”di Roberto Alborghetti  sui “segni” dei manifesti pubblicitari strappati e decomposti, già al centro di esposizioni a livello nazionale ed internazionale. Inoltre, musica, colori e profumi della terra d’Irlanda con la presenza del gruppo “Fuich Irish Music”. L’evento darà modo anche di apprezzare i vini del territorio di Sant’Egidio-Azienda Agricola di Fontanella di Sotto il Monte. La serata ha uno scopo di solidarietà a sostegno dei progetti di cooperazione per la missione di padre Pierino Limonta, originario di Ambivere, da decenni in servizio nel Madagascar (Africa).   

***

SCARICA IL FLYER ED IL POSTER DELL’EVENTO:

GUSTAMBIVERE 2013 Flyer

GUSTAMBIVERE 2013 Poster