STREET FOOD / ROMA: E IL PANE DIVENTO’ “PUCCIA”…IL SUCCESSO DI “NONNA ROSETTA” NEL QUARTIERE TALENTI


Claudio Rossini lancia a Roma (quartiere Talenti) una tipica specialità salentina: la “puccia”. E’ un successo clamoroso. E così il pane diventa elemento centrale dello “street food”… E rivive pure la memoria per “Nonna Rosetta” (questo il nome del locale che ha lanciato la “puccia” nella Capitale). Videonotizia di Roberto Alborghetti con la collaborazione di Paolo Sandini. 

DSCN1603

GREEN CITY MILANO: 300 EVENTI PER LA TRE-GIORNI DEDICATA AL VERDE (13-15 MAGGIO)


GREEN CITY MILANO 2016 - BANNER

Da venerdì a domenica, tantissime le iniziative sparse tra il centro e diverse aree cittadine alla scoperta di giardini condivisi, orti, parchi, terrazzi, con laboratori, biciclettate, percorsi botanici, yoga nel verde e molto altro ancora.
Il programma completo è disponibile su: http://www.greencitymilano.it e in distribuzione in vari punti della città. Green City Milano, la manifestazione partecipata e diffusa dedicata al verde, è promossa dal Comune di Milano e prodotta da h+ grazie al sostegno dei main sponsor Coop Lombardia e Irritec, che quest’anno vedrà circa 300 eventi in programma in tutta la città, realizzati da oltre 120 enti organizzatori tra privati cittadini, associazioni, comitati e aziende.
Un’edizione che, ispirandosi al fil rouge tematico “La Natura entra in città” per evidenziare l’importanza del verde che si fa spazio nella dimensione urbana, punta ancora di più sulla formula del festival diffuso, coinvolgendo tutte le zone di Milano con moltissimi eventi legati al mondo del green e dedicati a chi ogni giorno se ne prende cura. Parchi, giardini condivisi, orti, cascine, cortili privati verranno aperti al pubblico. Saranno realizzati laboratori per bambini, itinerari in bicicletta, passeggiate, incontri, yoga nei parchi e tanti altri appuntamenti educativi e di intrattenimento alla scoperta di nuovi luoghi della città.
Per l’apertura e la chiusura di Green City Milano 2016 verranno organizzati due momenti speciali. A inaugurare la tre giorni sarà infatti – venerdì 13 maggio dalle ore 14:00 – un coloratissimo Mercato dei Fiori a BASE Milano, che ospiterà alcuni fioristi della città, coinvolgendo i milanesi in
una grande festa di apertura – a partire dalle 18:30 – con aperitivo e musica a tema green tra fiori, colori e le stampe inconfondibili della designer Lisa Corti.
A chiudere Green City Milano 2016 – domenica 15 maggio dalle ore 17:45 – la semina collettiva di un prato fiorito, all’interno di un’area verde prima abbandonata e da poco riqualificata, con un progetto partecipato che vedrà – a partire dalle 16.30 – l’inaugurazione ufficiale del nuovo Giardino pubblico Martesana/Sammartini che – con il percorso ciclopedonale della Martesana – collega via Sammartini e il Naviglio Martesana.

Il leitmotiv di questa edizione, “La Natura entra in città”: per trovare il verde che si fa spazio in maniera spontanea nella dimensione urbana o viene portato dove non c’è dai cittadini, con l’obiettivo di valorizzare la biodiversità presente a Milano.
Le Apecar info point sono un’altra novità di questa edizione: durante la tre giorni saranno attivi punti informativi diffusi nelle diverse zone della città, con apecar itineranti dove verrà distribuito il materiale informativo della manifestazione e verranno raccontati gli eventi, con l’obiettivo di mettere in connessione le attività affini o vicine tra loro. Sarà inoltre presente un info
point presso Expo Gate, aperto durante tutto il festival.
Green City Milano si inserisce inoltre nel programma di AfterExpo, una grande festa a un anno da EXPO 2015. “Negli ultimi anni abbiamo visto Milano diventare una città diversa, sempre più bella e più verde,
con nuovi parchi, nuovi giardini condivisi e aree verdi restituite alla collettività. – dichiara Chiara Bisconti, Assessora al Verde del Comune di Milano – Un cambiamento che è stato reso possibile anche grazie ad una vera e propria “esplosione” della voglia di partecipazione diretta da
parte di singoli cittadini e associazioni. Green City Milano è dedicato proprio a loro, alle tante persone che ogni giorni si prendono cura del verde a beneficio di tutti, a chi si è fatto motore di questo percorso, portando la natura dentro la città e rendendo Milano oggi più verde e vivibile.”
Circa 300 eventi in tutta la città. Alcune fra le iniziative in programma:
• Nelle aiuole di Piazza della Scala le rose Susan Daniel rifioriscono grazie all’impianto di
irrigazione a goccia di Irritec e i cittadini sono invitati a ricevere una rosa.
• L’Apecar Viviverde Coop si muoverà per le strade milanesi e sosterà in diverse piazze
regalando ai cittadini i semi Viviverde per l’orto e per il giardino.
• Un palinsesto di proposte musicali, fra tradizione colta e popolare, animerà varie cascine
della città come Cascina Linterno, Cascina Campazzo, Abbazia di Chiaravalle, Cascina
Biblioteca Chiesa Rossa grazie a Res Musica – Centro ricerca e promozione musicale.
• L’Ippodromo del Galoppo mostra alla città le sue bellezze naturalistiche, tra glicini e alberi secolari, alla scoperta del Parco Botanico di San Siro
• Molteplici gli eventi previsti al Museo Botanico e a Villa Lonati: a Villa Lonati l’Associazione AmbienteAcqua Onlus propone laboratori sulla gelsicoltura e la creazione di “Bombe di semi”, che fioriranno nelle zone abbandonate; fra il Museo Botanico e Villa Lonati si terrà una Caccia al tesoro per adulti e bambini in collaborazione con Comunemente Verde; al Museo Botanico
un “percorso d’acqua” lungo i canali per osservare la flora e la fauna del luogo.
• Green City Italia propone nella sede dell’Hotel Principe di Savoia un convegno di respiro internazionale sulla Milano futura, che ripercorre quanto fatto finora e quanto ancora si farà per www.greencitymilano.it – info@greencitymilano.it

• Il Gruppo Lufthansa dona al giardino condiviso di via Scaldasole un gioco permanente per i bambini e apre con un aperitivo il proprio terrazzo nella sede di Via Imbonati.
• Alcuni giardini nascosti della Milano storica vengono aperti in un itinerario fra giardini e cortili “in fiore” da 5Vie art+design e il Giardino delle Arti di via Palestro riapre al pubblico per l’occasione svelando i suoi 12 alberi secolari.
• Anche i grandi parchi sono protagonisti di Green City Milano 2016: al Parco Segantini una giornata dedicata ai bimbi e al verde in cui si impara anche a fare il pane; al Boscoincittà passeggiate guidate; apertura “ufficiale” di Cascina Linterno accompagnata dal Mercato dell’Artigianato Creativo; l’Associazione Borgo di Chiaravalle organizza passeggiate guidate e libere nel Parco della Vettabbia, Depuratore di Nosedo, Borgo di Chiaravalle, Abbazia di
Chiaravalle, con punti ristoro e, al termine, laboratori a cura di Terra Rinata.
• Si rinnova l’interesse per gli eventi legati al benessere con una serie di appuntamenti quotidiani di yoga nel verde nei diversi parchi della città. Il verde come fonte di benessere viene raccontato anche attraverso il progetto “healing gardens” dell’Ospedale San Carlo Borromeo.
• Anche questa edizione vede la collaborazione di scuole e università milanesi: l’Università Statale con l’Orto Botanico di Brera, il Politecnico di Milano con il progetto “Coltivando” e l’Istituto Europeo del Design con cui è stato avviato un progetto di comunicazione quale strumento di facilitazione per muoversi tra i molti eventi di Green City Milano 2016.
• Numerose infine le attività all’interno del programma di All’ombra del Lambro, curate da diverse associazioni che si sono unite per creare un palinsesto comune.

*
GREEN CITY MILANO. LA NATURA ENTRA IN CITTA’
Quando: 13-15 maggio 2016
Dove: a Milano, circa 300 eventi diffusi in tutta la città
Sito: http://www.greencitymilano.it
Festa di inaugurazione Green City Milano
Mercato dei Fiori, aperitivo e Musica dal vivo
venerdì 13 maggio dalle 18:30 alle 22:00
BASE Milano, via Bergognone 34, http://www.base.milano.it
Appuntamento finale Green City Milano
Inaugurazione Giardino pubblico Martesana/Sammartini con semina collettiva: domenica 15 maggio a partire dalle 16.30 (semina alle 17:45)
Giardinetti Martesana/Sammartini, via Sammartini 130 e via Tofane, ZONA 2

SOCIAL NETWORK
Facebook https://www.facebook.com/greencitymilano
http://www.greencitymilano.itinfo@greencitymilano.it
Hashtag #greencitymilano

PER INFORMAZIONI
T +39 331 97 77 766 / +39 335 74 60 850
E-mail info@greencitymilano.it / segreteria@greencitymilano.it

 

ITALIA DA CONOSCERE: IL FASCINO DELL’ANTICA ABBAZIA DI CORAZZO (CATANZARO). E TRA I RUDERI FIORISCE LA SOLIDARIETA’


  

Sulle pendici dell’altopiano della Sila, in Calabria, in provincia di Catanzaro, c’è un luogo straordinario, che rappresenta pagine di storia e di cultura davvero uniche. E’l’abbazia di Santa Maria di Corazzo, fondata dai monaci benedettini nel XI secolo, vicino al fiume Corace. Oggi appare nella particolarità dei suoi ruderi, che conferiscono un fascino all’ambiente circostante. Quasi un destino il fatto che fosse distrutta più volta. I primi a ricostruirla furono i monaci cistercensi, nel XII secolo. Venne poi danneggiata dal terremoto nel marzo 1638, e ancora dopo dal disastroso sisma del del 1783. Il monastero venne poi lentamente  abbandonato e spogliato delle opere artistiche. Oggi, come detto, rimangono le sue rovine, che si trovano in località Castagna, una frazione di Carlopoli, raggiungibile a pochissimi chilometri da Bianchi, provincia di Cosenza.

Noi l’abbiamo scoperta poche settimane fa e ne siamo rimasti incantati. Tra l’altro, vi abbiamo incontrato la guida Antonio Mangiafave – vestito da monaco medioevale – e Maria Antonietta Sacco, assessore del Comune di Carlopoli, che ci hanno condotto in visita tra i ruderi, che sembrano evocare una sorta di Stonhenge in terra di Calabria. Perché è importante l’abbazia di Corazzo? Non solo per il fatto di essere un’antica opera benedettina, ma anche perché la sua storia si incrocia con quella di un grande personaggio,  Gioacchino da Fiorecitato anche da Dante nella “Divina Commedia” – che qui vestì l’abito monacale, divenendone subito dopo abate. Gioacchino da Corazzo si trasferì prima a Pietralata, per poi stabilirsi in Sila nella primavera del 1189, fondando a San Giovanni in Fiore un nuovo ordine religioso, la Congregazione Florense, approvata da Papa Celestino III nel 1196.

Santa Maria di Corazzo è stata oggi “adottata” dai volontari del “Progetto Gedeone” per la creazione di una “Impresa sociale” animata da diverse finalità: offrire opportunità di inserimento lavorativo a persone che vivono in situazioni di disagio economico-sociale e/o psichico, sperimentando nuovi percorsi lavorativi, in agricoltura forestazione, turismo sociale e valorizzazione beni ambientali ma soprattutto, di luogo di integrazione e di riferimento per la collettività dove i soggetti disagiati svolgano un ruolo da protagonisti, abbattendo così i pregiudizi inerenti al disagio. “Progetto Gedeone” intende anche favorire attività rivolte a mediare ed attenuare le problematiche relazionali ed emozionali che i soggetti riscontrano quotidianamente nella loro sfera familiare prima ancora che sociale ed a favorire l’incontro e lo scambio di conoscenze reciproche tra gli ospiti e la realtà sociale.

Il progetto è nato grazie al connubio tra il Comune di Carlopoli e le Associazioni San Pietro e Paolo e New Day, per realizzare un percorso di agricoltura terapeutica, turismo sociale e di valorizzazione dei beni ambientali. In questo iter si cerca di favorire l’inclusione di persone con disabilità psichiche o che vivono situazioni di disagio economico e sociale di vario genere. Si tratta di uno dei pochi casi in cui esiste una forte sinergia e dialogo tra le istituzioni locali e il mondo associazionistico e del terzo settore. Tra i risultati concreti del “Progetto Gedeone”, le visite guidate a Santa Maria di Corazzo, incontri con enti ed istituzioni, con il “Centro Internazionale di Studi Gioachimiti” di San Giovanni in Fiore ed iniziative solidali “solidali” all’interno del GAS “Vitti ‘na vozza” di Lamezia Terme. Tra le rovine dell’abbazia si è tenuto  anche lo “Yoga della Risata”, a cura dell’associazione di promozione sociale “Promethes” di Carlopoli. Altri traguardi raggiunti: inclusione dell’abbazia nell’associazione internazionale “cister.eu” e “Charte européenne des Abbayes et sites cisterciens”, sito delle abbazie cistercensi d’Europa; un concerto organizzato in collaborazione coi i ragazzi del “Centro culturale Castagna”; l’annuale messa della Madonna di Corazzo del 10 settembre; un impianto d’irrigazione lungo 650 metri, 200 balle di fieno raccolte,messi a dimora 30 alberi, 5000 piantine di origano, 800 bulbi di zafferano e 100 di tulipano.

Tra i prossimi obiettivi: raddoppiare le produzioni agricole e di avviarne delle nuove, soprattutto in direzione del recupero delle erbe officinali; trasformare l’ex centro sportivo polivalente in una piccola foresteria per regalare ai turisti un soggiorno con panorama abbaziale; effettuare la ripulitura lungo il corso del fiume Corace, ove le sterpaglie nascondono mulini direttamente collegati alla storia della Badia, da riscoprire con passeggiate guidate; collocare passerelle in legno all’interno dei Ruderi per consentire l’accesso alle persone con disabilità motoria; installare pannelli descrittivi, anche in linguaggio braille; avviare il turismo sociale in abbazia e la pet therapy, in particolare l’onoterapia; arricchire le visite guidate attraverso la creazione di nuovi personaggi ; moltiplicare souvenir, cartoline, libri e prodotti locali da offrire ai visitatori; proseguire la collaborazione con le scuole locali, come quella già avviata con il Liceo Scientifico di Soveria Mannelli; inaugurare un parco letterario dedicato a Gioacchino da Fiore, abate a Corazzo dal 1077 al 1088; organizzare un’area giochi per la stagione primaverile ed estiva con tiro con l’arco, scacchi, skike pattinaggio outdoor, Ygolf , paintball e softair.

Se questa estate siete in vacanza in Calabria, fate tappa all’abbazia di Corazzo. Ne vale la pena. 

 

 

ZOGNO (BG): CHE SUCCESSO LA FESTA DELLA CREATIVITA’! DATEMI 10 OGGETTI E VI CREO UN…MONDO!


© Foto: Roberto Alborghetti 

Benvenuti alla festa della creatività.  Un paio di settimane fa abbiamo segnalato la bella iniziativa della Scuola dell’Infanzia Paritaria “Cavagnis” di Zogno (BG), che aveva indetto la “Festa della Creatività”, estesa a tutte le  famiglie. Gli iscritti avevano ricevuto una busta contenente del materiale vario con il quale i partecipanti dovevano realizzare un oggetto, un prodotto  di fantasia. Come spiegava la direttrice sr. Nives Beonio, il materiale andava impiegato tutto, senza lasciare avanzi. Le famiglie ed i bambini hanno risposto all’appello con grande entusiasmo, consegnando le varie creazioni – oltre un centinaio – entro la data stabilita. Domenica 10 aprile in una grande festa, con merenda e giochi all’aperto, sono stati esposti tutti i lavori e consegnati i premi ai primi tre classificati. Ma tutti hanno comunque ricevuto un dono:  il piacere di partecipare a questa singolare esperienza didattica, culturale e creativa. Tantissimi e diversi i temi e i soggetti sviluppati. Dalle fiabe al gioco, dagli scenari familiari ai veicoli di trasporto (auto, barche, zattere, aerei e mongolfiere). Insomma, creatività a pieno ritmo. Nella fotogalleria, ecco la bellissima parata di oggetti prodotti a Zogno, per l’iniziativa “Io, mamma e papà, una miscela di creatività”.

I PRIMI CLASSIFICATI

1° premio  L’OFFICINA DELLE STELLE

2° premio  LO XILOFONO E LE NOTE

3° premio : LA NOSTRA FAMIGLIA

Menzione d’Onore: LA GRANDE…MAMMA 

NOVITA’/ ELISA MAZZOLI “CI FA UNA STORIA” PER VIVERE AVVENTURE QUOTIDIANE IN FAMIGLIA


 

Da Elisa Mazzoli – che conosciamo per la sua collaborazione agli eventi annuali della Festa dei Nonni di Cesenatico – ecco un manuale divertente e serio, provocante e pratico, ricco di ricette, aneddoti e rimandi per conoscere e applicare strategie narrative nella vita in famiglia e nelle faccende in cui tutti i giorni siamo coinvolti insieme, noi e i piccoli. Si tratta di “Mi fai una storia?”, ossia “inventare, raccontare, vivere avventure fantasticge nel quotidiano con i nostri bambini” (Ed. Il leone verde).

Come far diventare “amica” la fatica usando le storie? Come gestire in maniera fantastica i rituali e le avventure della giornata? Mamma e papà vengono invitati a scoprire e ricordare, con esempi concreti e incoraggianti suggerimenti, quanto possa essere utile condividere narrazioni con i figli, e in quali condizioni il racconto sia una modalità di sostegno per vivere appieno la realtà e la lealtà del rapporto affettivo più importante.

Elisa Mazzoli vive a Cesenatico, dove è scrittrice, narratrice, giornalista. Come autrice e cantastorie svolge un lavoro quotidiano, in giro per l’Italia, di incontro con bambini di tutte le età all’insegna del piacere di leggere, ascoltare e raccontare. Come mediatrice culturale si occupa di consulenza agli operatori del settore infanzia e di progetti di narrazione e lettura in scuole, biblioteche, musei, librerie. Ha all’attivo tanti libri per bambini e ragazzi. Ha pubblicato per molti editori, tra i quali Panini Editore, Bacchilega Editore, Coccole Books, Artebambini…
Ha vinto recentemente con il libro NOI, illustrato da Sonia MLuce Possentini (Bacchilega editore) il premio nazionale di letteratura per l’infanzia Giacomo Giulitto, Città di Bitritto. Noi è inoltre nello scaffale internazionale disabilità IBBY.

POESIE PER LA FESTA DEI NONNI 2016: LEGGI IL BANDO. E QUEST’ANNO C’E ANCHE FEDERFIORI


crop (3)

LEGGI IL BANDO DI PARTECIPAZIONE:

https://okayscuola.wordpress.com/un-fiore-per-voi-nonni-2012/

 

ZOGNO (BG): ECCO LA 2a FESTA DELLA CREATIVITA’… CHE COSA PUOI CREARE CON QUESTI 10 OGGETTI?


zogno 1

Suor Nives Beonio, direttrice della Scuola dell’Infanzia Paritaria  “Cavagnis” di Zogno, ci segnala la seconda edizione di una bella iniziativa, la Festa della Cretività, che quest’anno ha come slogan il messaggio: “Io + mamma e papà, una miscela di creatività”.

Le regole di partecipazione sono molto semplici, e sono riassunte in un foglio che pubblichiamo qui sopra. Ai genitori dei bimbi – e a quanti vogliono partecipare – è consegnata una busta contenente del materiale vario con il quale  i partecipanti devono realizzare qualcosa. Il materiale va impiegato con l’aggiunta di alcuni elementi “liberi” (in totale, 10 oggetti). Ognuno sarà libero di esprimersi a…tutta creatività, come avvenuto nella prima edizione dell’iniziativa, di cui anche Okay! aveva dato notizia e dedicato ampio spazio.

Le varie opere realizzate dovranno essere consegnate tra il 4 il 6 aprile prossimi, mentre il 10 aprile ci sarà una grande esposizione con merenda e giochi. Verranno premiate le famiglie delle prime tre opere classificate. L’iscrizione è gratuita. E per ritirare le buste, presentarsi alla Scuola dell’infanzia Cavagnis di Zogno (Bg). Telefono:0345 91246.

zogno2

“RACCONTA E DISEGNA LA TUA FAMIGLIA”:UNA GRANDE INIZIATIVA DI KIWANIS INTERNATIONAL (CON RICCHI PREMI PER LE SCUOLE)


Raccontare la propria famiglia, parlare dei propri genitori, dei propri fratelli e sorelle, narrare “come” si vive all’interno delle mura della propria casa, le proprie giornate, ricordando episodi e momenti lieti o tristi che si sono vissuti insieme, i piccoli e grandi gesti che si compiono quando si vive insieme e si sogna insieme…

E’ questo il senso dell’iniziativa “Ti parlo della mia famiglia”  che Kiwanis International – Kiwanis Club Bergamo Orobico Onlus  ed OKAY! (mensile e sitoblog) promuovono a livello nazionale tra le scuole materne, scuole primarie e secondarie di primo grado, statali e paritarie.

DSCN0964

 

FINALITA’

La finalità è quella di dare spazio, visibilità e attenzione alle voci di ragazze e ragazzi, offrendo loro l’opportunità di pensare alla realtà della propria famiglia e raccontarla con semplicità e spontaneità, nelle sue scene e nei suoi momenti quotidiani, nelle giornate felici e anche in quelle più tristi. Ma anche di fissare – in  un semplice commento, in un semplice pensiero, in un semplice disegno – il bello di vivere con i propri genitori, i propri fratelli e sorelle, con i nonni, e perché no?, zie e zii, cugini e cugine…

Dunque, l’iniziativa vuole proporsi come una opportunità per esprimere i propri sentimenti, le proprie sensazioni, le proprie emozioni, i propri ricordi per esperienze, fatti e realtà che costituiscono il mondo della famiglia e la bellezza di vivere insieme con mammà e papà e con quanti condividono con noi i giorni della nostra vita.

COME ADERIRE

Attraverso messaggi, scritti, disegni ed immagini (come fotografie e piccoli video) la scuola italiana è invitata a raccontare storie, fatti, emozioni e situazioni che costituiscono l’esperienza di vivere in famiglia, da cogliere e raccontare nei suoi vari componenti, nelle sue diverse situazioni, nelle difficoltà e nelle gioie di ogni giorno.

Attraverso le varie forme della creatività e della piena libertà  espressiva, i partecipanti potranno eseguire lavori che illustrano le tematiche collegate alla famiglia, magari partendo da semplici “punti di osservazione”.

Ad esempio: da chi è composta la famiglia;  descrivere mamma e papà, nel loro aspetto fisico e in quello che fanno (ad esempio: il lavoro e gli hobbies); parlare o disegna i fratellini e le sorelline, scrivere dei giochi che si fanno insieme, in casa e fuori, con gli amici.

E ancora: raccontare come si vivono le giornate (mattino, pomeriggio, sera)  i giochi, le gite, le vacanze, i momenti che si vivono insieme (ad esempio, a tavola, una passeggiata, sul campetti di calcio, davanti alla tivù, all’oratorio, a scuola, in parrocchia, in un gruppo sportivo e ricreativo); parlare e disegnare i momenti allegri e felici e anche quelli in cui ci si sente magari un po’ giu’….

Oppure, semplicemente, lanciare un messaggio a mamma e papà, raccontando loro quello che magari, per timidezza, non si è mai riusciti a dire… O narrare, con uno scritto od un disegno, un fatto particolare, che ha coinvolto tutta la famiglia.

Insomma, divertitevi a raccontare “tutti i colori” della famiglia, le sue persone, gli ambienti dove si vive, le esperienze e le storie vissute insieme.

PRESENTAZIONE DEGLI ELABORATI

Gli elaborati potranno essere presentati nelle forme e con i supporti più vari: album, opuscoli, fascicoli, giornali scolastici, dvd, cd-rom, pen-drive, siti web e così via.

Tutti i lavori dovranno pervenire entro e non oltre il 15 aprile  2016 (fa fede il timbro postale) al seguente indirizzo: Okay!, presso Casa M.E.Mazza, via Nullo 48, 24128 Bergamo.

CERIMONIA DI PREMIAZIONE

Una commissione giudicatrice selezionerà i migliori lavori pervenuti. Le scuole saranno premiate con prodotti di utilità didattica nel corso di un evento pubblico a Bergamo in occasione della Giornata per la Famiglia, fissata per il 15 maggio 2016. Nella medesima manifestazione verrà organizzata una mostra dei migliori lavori pervenuti.

INFORMAZIONI

Informazioni e regolamento sono reperibili su  https://okayscuola.wordpress.com/  che dedicherà pagine speciali e notizie.

“QUANDO IL GIORNO ERA UNA FRECCIA”: NUOVA TAPPA IN CAMPANIA. PRESENTAZIONE DEL LIBRO A MERCOGLIANO (AVELLINO) IL 13 GENNAIO.


 Quando il giorno era una freccia - frase

Continua il “giro” delle presentazioni del libro “Quando il giorno era una freccia” (autore Roberto Alborghetti, Edizioni AGeSC). Da segnalare una nuova tappa in Campania (sempre a gennaio, il 29, presentazione invece nel Lodigiano). Alla sua terza edizione, la pubblicazione sarà infatti al centro dell’incontro in programma MERCOLEDI 13 GENNAIO 2016, alle ORE 16, presso l’Istituto Maria SS. di Montevergine, Via Ramiro Marcone 56, a MERCOGLIANO (Avellino), dove si è costituito un nuovo comitato dell’AGeSC. L’incontro vedrà la partecipazione di: S.E. Mons. Francesco MARINO, Vescovo Diocesi di Avellino; Padre Giuseppe BUONO, Pontificio Istituto Missioni Estere, docente di Missiologia e Bioetica; Roberto ALBORGHETTI, Giornalista e autore del libro; Laura MARMAI, AGeSC, Associazione Genitori Scuole Cattoliche.

Continua dunque l’interesse attorno a questa pubblicazione, per i soci e gli amici dell’AGeSC, per i quali la pubblicazione costituisce anche la base per una serie di corsi di formazione destinati a coinvolgere soprattutto i genitori : sono state approntate “tracce” attorno alle quali organizzare momenti di studio e di approfondimento. Introdotto dalla prefazione di Zenon Grocholewski, già Prefetto della Congregazione per l’Educazione Cattolica, e da un pensiero di Roberto Gontero, presidente nazionale AGeSC, il libro è stato stampato da Ikonos, che ha curato anche il progetto grafico. Pietro Bonato, Andrea Migliorini e Maria Grazia Rodigari hanno collaborato con l’autore per la traduzione dalla lingua spagnola dei testi e degli interventi di Jorge Mario Bergoglio.

Pubblicato anche in versione e-book, il libro è disponibile presso le principali librerie on-line (Google Play Books, iBooks, Kobo e Amazon). E’ in vendita nelle librerie cattoliche e può essere richiesto direttamente a Ikonos, Via Carlo Alberto Dalla Chiesa, 10 – 24028 Treviolo (BG), Tel. 035 200515.

 

FENOMENI / IL NUOVO ANNO 2016 VISTO DAI CALENDARI DEI CARTOONS…


CALENDARI 2016

Guest Writer: GIANNI SORU

*

Sono usciti i nuovi calendario del 2016.

Il primo propone i più bei programmai pe ragazzi in onda sulle reti RAI.

 

“SUPERGULP”,  condotto dal fumetto animato di Giumbolo. 1977-1981.

“IL DIRIGIBILE”, condotto dalla presentatrice Maria Giovanna Elmi, dal cantante Mal e dal pupazzo Coniglio Motorista. 1977-1979.

“IL TRENINO”, condotto da Andrea Lala, Emilia Cecchi e Paolo Sonetti; poi da  Loriana Lana, Paolo Turco, Rita Lemma. 1978-1981.

“BUONASERA CON RITA AL CIRCO”, condotto da Rita Pavone con il pupazzo Paperita. 1979.

“3, 2, 1, CONTATTO…”, condotto da Paolo Bonolis, Sandro e Marina. 1980-1981.

“FRESCO FRESCO”, condotto da Marco Columbro, Gigi Marziali, Cinzia De Carolis (doppiatrice), Patricia Pilchard; poi da Dania Cericola (doppiatrice), Edy Angelillo, Maurizio Esposito; seguono poi Massimo Petronio e Patrizia Triboli ed infine Barbara D’Urso.

La prima sigla ‘E’ strano ti amo’ è cantata da

“DIRETTISSIMA CON LA TUA ANTENNA”, condotto da Marta Flavi. 1981-1982.

“PATATRAC”, condotto dalle Trix e poi da Shirine Sabet e Armando Traverso. 1981-1982-1989.

“TANDEM”,  condotto da Fabrizio Frizzi e Barbara D’Urso, poi  Enza Sampò, Claudia Sorrentino e Roberta Manfredi. 1982-1985.

“CARTONI MAGICI”, condotto da Giuseppe Cella, Oreste Castagna, Pietro Ghislandi, Elisabetta Gardini, poi da Oreste Castagna. Tra i cartoni animati conoscere. 1983-1985.

“PISTA”, condotto da Maurizio Nichetti e poi da Daniela Goggi e Orsetta Gregoret. 1984-1987.

“PANE MARMELLATA”, condotto da Fabrizio Frizzi. 1985.

“MAGIC”, Manuela Antonelli e Piero Chiambretti. 1985

“BIG”, condotto da Carlo Conti, l’attrice Gegia, Emilio Levi e Giorgia Passeri; poi da Renato Giordano, Rolando Ravello ed Manuela Morabito; nel 1991 invece è la volta di Emilio Levi, Giorgia Pini e Giorgia Passeri. 1988-1992.

“L’ALBERO AZZURRO”, condotto dal pupazzo Dodo e dai diversi conduttori Francesca Paganini e Claudio Madia, Carlo Rossi e Marcela Barros, Augusta Gori e ritorna Claudio Madia e Barbara. 1990 ad oggi.

“DISNEY CLUB”, condotto da Dado, Gaia e Riccardo. 1991-1995.

“SOLLETICO”, condotto da Elisabetta Ferracini e da Mauro Serio. 1993-1998.

“ARRIBA ARRIBA”, condotto dalla show-girl Heather Parisi. 1996.

“GO CARD”, condotto da Maria Monsè. 1996-2000.

“LA MELEVISIONE”, condotto da Lupo Lucio, la principessa Odessa, Orco Manno, Orco Rubio, Scintilla Shirine, Drollo, Strega Varana, Milo Cotogno- 1999 ad oggi.

“ART ATTACK”, condotto da Giovanni Muciaccia. 2000 ad oggi.

“E’ DOMENICA PAPA'”, condotto da Armando Traverso. 2004-2010.

“RANDOM”, condotto da Gabriele Birilli, Silvia Rubino, Georgia Luzi e dal pupazzo Mario Random. 2005.

“TREBISONDA”, condotto da  condotto da Manolo Martini, Stefano Simmaco, Elena Castagnoli e Isabella Arrigoni. 2007

 

 

Il secondo propone i più bei programmi per ragazzi in onda sulle varie reti TV.

 

“TUTTI PER UNO” (Antenna Nord-Quinta rete), condotto da Marta Flavi. 1980-1981.

“POMERIGGIO CON FIVE” (Canale 5), condotto da Augusto Martelli, Fabrizia Carminati ed il pupazzo Five. 1981-1984

“BIM BUM BAM” (Italia 1), la prima edizione (1982-1983) è condotta da Sandro, Marina e Paolo Bonolis. Arriverà poi il pupazzo Uan e i suo conduttori vari come Paolo, Manuela Blancard, Deborah Magnaghi, Carlotta, Carlo, Davide Garbolino, Marco Bellavia… 1982-1998.

“YO YO” (Telereporter), condotto da Daniela e dal pupazzo Frida. 1982-1987.

“CIAO CIAO” (Retequattro), la prima edizione dal 1982 al 1984 non avrà conduttori, seguiranno poi il pupazzo Four e Giorgia Passeri per la prima edizione, e per le successive ci saranno Paola Tovaglia, Deborah Magnaghi, Flavio Albanese… 1985-1998.

“BABY SHOW” (Junior TV), condotto dai personaggi a cartoni animati della Baby Band, il cinesino Cin Cin, la bimba Clamsy, il coniglio Junior e il gufo Otto Gufen. 1986-1990.

“SLURP” (Odeon TV), condotto da Paola, l’alieno Alfonso e Hugo Robot. 1988-1991.

“SUPER 7” (Italia 7), condotto da Carlo e da i 2 pupazzi Frittella e il robot Mic-Mac. 1988-1991

“VERDE PISTACCHIO” (Junior TV), condotto da Stella e Fabio Fazio. 1990-1994.

Qui debutteranno i cartoni animati di

“SORRISI E CARTONI” (Telemontecarlo), condotto da Arianna Ciampoli. 1996-2000.

“SUPER 3” (Super 3), condotto da Sonia. 1994-2014.

“ZAP ZAP” (Telemontecarlo), condotto da Ettore Bassi, Alessandra Luna e il pupazzo Zappo, seguiranno poi Marta Iacopini, Guido Cavalleri, Fabrizio Apolloni, Walter Rolfo. 1996-1999.

 

 

 

 

GIANNI SORU