“RACCONTA E DISEGNA LA TUA FAMIGLIA”:UNA GRANDE INIZIATIVA DI KIWANIS INTERNATIONAL (CON RICCHI PREMI PER LE SCUOLE)


Raccontare la propria famiglia, parlare dei propri genitori, dei propri fratelli e sorelle, narrare “come” si vive all’interno delle mura della propria casa, le proprie giornate, ricordando episodi e momenti lieti o tristi che si sono vissuti insieme, i piccoli e grandi gesti che si compiono quando si vive insieme e si sogna insieme…

E’ questo il senso dell’iniziativa “Ti parlo della mia famiglia”  che Kiwanis International – Kiwanis Club Bergamo Orobico Onlus  ed OKAY! (mensile e sitoblog) promuovono a livello nazionale tra le scuole materne, scuole primarie e secondarie di primo grado, statali e paritarie.

DSCN0964

 

FINALITA’

La finalità è quella di dare spazio, visibilità e attenzione alle voci di ragazze e ragazzi, offrendo loro l’opportunità di pensare alla realtà della propria famiglia e raccontarla con semplicità e spontaneità, nelle sue scene e nei suoi momenti quotidiani, nelle giornate felici e anche in quelle più tristi. Ma anche di fissare – in  un semplice commento, in un semplice pensiero, in un semplice disegno – il bello di vivere con i propri genitori, i propri fratelli e sorelle, con i nonni, e perché no?, zie e zii, cugini e cugine…

Dunque, l’iniziativa vuole proporsi come una opportunità per esprimere i propri sentimenti, le proprie sensazioni, le proprie emozioni, i propri ricordi per esperienze, fatti e realtà che costituiscono il mondo della famiglia e la bellezza di vivere insieme con mammà e papà e con quanti condividono con noi i giorni della nostra vita.

COME ADERIRE

Attraverso messaggi, scritti, disegni ed immagini (come fotografie e piccoli video) la scuola italiana è invitata a raccontare storie, fatti, emozioni e situazioni che costituiscono l’esperienza di vivere in famiglia, da cogliere e raccontare nei suoi vari componenti, nelle sue diverse situazioni, nelle difficoltà e nelle gioie di ogni giorno.

Attraverso le varie forme della creatività e della piena libertà  espressiva, i partecipanti potranno eseguire lavori che illustrano le tematiche collegate alla famiglia, magari partendo da semplici “punti di osservazione”.

Ad esempio: da chi è composta la famiglia;  descrivere mamma e papà, nel loro aspetto fisico e in quello che fanno (ad esempio: il lavoro e gli hobbies); parlare o disegna i fratellini e le sorelline, scrivere dei giochi che si fanno insieme, in casa e fuori, con gli amici.

E ancora: raccontare come si vivono le giornate (mattino, pomeriggio, sera)  i giochi, le gite, le vacanze, i momenti che si vivono insieme (ad esempio, a tavola, una passeggiata, sul campetti di calcio, davanti alla tivù, all’oratorio, a scuola, in parrocchia, in un gruppo sportivo e ricreativo); parlare e disegnare i momenti allegri e felici e anche quelli in cui ci si sente magari un po’ giu’….

Oppure, semplicemente, lanciare un messaggio a mamma e papà, raccontando loro quello che magari, per timidezza, non si è mai riusciti a dire… O narrare, con uno scritto od un disegno, un fatto particolare, che ha coinvolto tutta la famiglia.

Insomma, divertitevi a raccontare “tutti i colori” della famiglia, le sue persone, gli ambienti dove si vive, le esperienze e le storie vissute insieme.

PRESENTAZIONE DEGLI ELABORATI

Gli elaborati potranno essere presentati nelle forme e con i supporti più vari: album, opuscoli, fascicoli, giornali scolastici, dvd, cd-rom, pen-drive, siti web e così via.

Tutti i lavori dovranno pervenire entro e non oltre il 15 aprile  2016 (fa fede il timbro postale) al seguente indirizzo: Okay!, presso Casa M.E.Mazza, via Nullo 48, 24128 Bergamo.

CERIMONIA DI PREMIAZIONE

Una commissione giudicatrice selezionerà i migliori lavori pervenuti. Le scuole saranno premiate con prodotti di utilità didattica nel corso di un evento pubblico a Bergamo in occasione della Giornata per la Famiglia, fissata per il 15 maggio 2016. Nella medesima manifestazione verrà organizzata una mostra dei migliori lavori pervenuti.

INFORMAZIONI

Informazioni e regolamento sono reperibili su  https://okayscuola.wordpress.com/  che dedicherà pagine speciali e notizie.

Annunci

FARE SCUOLA CON L’ACQUA: INVITA IN CLASSE L’ESPERTO DEL CONSORZIO DI BONIFICA. ECCO COME FARE.


PAGINE 12-13 (3)

 

Anche quest’anno alle scuole è proposta l’iniziativa “IL CONSORZIO FA…SCUOLA” con la possibilità di organizzare in classe una vera e propria “lezione sull’acqua” con la partecipazione di un esperto del Consorzio di Bonifica della Media Pianura Bergamasca. Le scuole potranno usufruire di questa singolare opportunità inviando una semplice richiesta, anche via fax. Data la limitata disponibilità, si invitano le scuole ad inviare la richiesta il più presto possibile. Si può semplicemente telefonare alla redazione di OKAY! Tel. 035 314720, inviare un Fax 035 317550

 Può essere inviato un messaggio di richiesta anche tramite la pagina Facebook “Noi siamo Okay!” (area gruppi aperti) o il sito-blog di “Okay”

www.okayscuola.wordpress.com

ECCO IL MODULO DI RICHIESTA: STAMPA, COMPILA, INVIA…

modulo Consorzio fa scuola

 

Una grande iniziativa-ricerca promossa dal Consorzio di Bonifica della Media Pianura Bergamasca per le scuole di Bergamo e provincia e della Lombardia

 ACQUA, ENERGIA PER LA VITA

 Insieme verso “Milano Expo 2015” riflettendo sul Pianeta Acqua. Osserva dove vivi e racconta in piena libertà e fantasia il “mondo dell’acqua” del tuo paese, del tuo quartiere e della tua città. Sarà un modo per conoscere e tutelare le risorse idriche, bene prezioso per “nutrire il pianeta” ed “energia per la vita”.    

 

OBIETTIVI

L’acqua, bene prezioso, vista e raccontata dalla scuola attraverso immagini, disegni e storia che aiutino a conoscere meglio una risorsa fondamentale per il pianeta. E’ questo il tema della ricerca-concorso che il Consorzio di Bonifica della Media Pianura Bergamasca promuove per le scuole Materne, Primarie e Secondarie di Primo grado della provincia di Bergamo e della Lombardia.

Quest’anno l’idea – che nasce dalla rinnovata volontà del CONSORZIO DI BONIFICA DELLA MEDIA PIANURA BERGAMASCA di continuare a diffondere tra le scuole una riflessione ed un’azione di conoscenza del tema-acqua – si colloca nel contesto di MILANO EXPO 2015, evento mondiale che tra le sue finalità ha proprio quella di riflettere sul Pianeta Terra, sulla gestione delle sue risorse, in modo da garantire in modo equilibrato sviluppo,  benessere e energia per la vita dell’umanità tutta.

 

 

COME PARTECIPARE

  • La gara di abilità che ha l’obiettivo di sollecitare scolari e studenti ad approfondire il tema dell’acqua nell’ambito del proprio territorio, dell’ambiente in cui essi vivono, in sintonia con i temi di MILANO EXPO 2015.
  • Il tema “ACQUA, ENERGIA PER LA VITA” può essere sviluppato negli stili e nelle forme grafiche ed espressive più diverse, secondo la creatività di ognuno.
  • Si chiede di realizzare una sorta di “viaggio” all’interno del quale raccontare come l’acqua è vissuta nel contesto del proprio ambito di vita. Ossia: indagare, verificare ed approfondire il ruolo, l’importanza e la presenza dell’acqua nel proprio paese, nel proprio quartiere e nel proprio territorio.
  • E’ un invito a leggere e ad osservare “l’energia dell’acqua” nell’ambiente, raccontando di fiumi e ruscelli, rogge e torrenti, stagni e fontanelle, fonti e sorgenti e così via, illustrando con i modi creativi storie, tradizioni, aspetti e curiosità legati al mondo della “propria acqua”. Ossia, dell’acqua che si vede e si osserva ogni giorno, cogliendone aspetti, problemi e realtà.
  • Le varie storie, potranno essere presentate nelle forme e con i supporti più vari: album, opuscoli, fascicoli, giornali scolastici, audiocassette, dvd, siti web, cd-rom e così via. Il prodotto delle proprie osservazioni “sul posto” potrà essere presentato sottoforma di disegni, fotografie, scritti, strumenti multimediali.
  • Il tema può essere articolato in piena libertà espressiva e creativa, secondo le competenze e le conoscenze di singoli allievi, delle classi e degli istituti.

 

 

QUANDO E DOVE INVIARE I LAVORI

  • I lavori dovranno essere realizzati e spediti entro il 30 APRILE 2015 al seguente indirizzo: Okay!, c/o Casa M. E. Mazza, via F. Nullo 48, 24128 Bergamo; farà fede il timbro postale.
  • I lavori dovranno riportare in modo chiaro: classe, scuola, docente coordinatore ed indirizzo completo della sede del plesso o dell’Istituto, con numeri di telefono ed e-mail.
  • Una commissione giudicatrice, a suo insindacabile giudizio, selezionerà gli elaborati ed attribuirà i premi previsti.
  • La premiazione avrà luogo prima delle chiusura del corrente anno scolastico. Il Consorzio, in qualità di ente promotore, si riserva il diritto di utilizzare e valorizzare il materiale pervenuto nell’ambito delle più diverse  attività ed iniziative, anche editoriali.

 

 

 

UN’ONDATA DI BELLISSIMI PREMI

 

PER LE SCUOLE MATERNE

1° Premio – Videocamera

2° Premio – Lettore DVD

3° Premio – Stampante 

4° Premio – Fotocamera digitale 

5° Premio – Fotocamera digitale

 

 

PER LE SCUOLE PRIMARIE

1° Premio – Videocamera

2° Premio – Lettore DVD

3° Premio – Stampante 

4° Premio – Fotocamera digitale 

5° Premio – Fotocamera digitale

 

 

PER LE SCUOLE SECONDARIE

1° Premio – Videocamera

2° Premio – Lettore DVD

3° Premio – Stampante 

4° Premio – Fotocamera digitale 

5° Premio – Fotocamera digitale

CARTOLINE DALLA SVIZZERA ITALIANA / SFOGLIA E SCARICA GRATIS LA BELLISSIMA GUIDA SU ISSUU.COM


 CARTOLINE DALLA SVIZZERA ITALIANA (574x800)

Su Issuu.com puoi sfogliare e scaricare gratis la bellissima guida per partecipare a CARTOLINE DALLA SVIZZERA ITALIANA, la fantastica iniziativa per le Scuole primarie e secondarie di 1° grado. Leggi il regolamento e il montepremi. E scopri sette bellissime località del Mendrisiotto e del Basso Ceresio.

CLICCA, LEGGI E SCARICA:

CARTOLINE DALLA SVIZZERA ITALIANA / L’OPUSCOLO IN REGALO SU ISSUU.COM

ANMIL ED OKAY! LANCIANO “PRIMI IN SICUREZZA 12”: SCOPRI TUTTE LE NOVITA’


OLYMPUS DIGITAL CAMERA

“PRIMI IN SICUREZZA 2013/2014”

Promosso da Anmil ed Okay!

La prevenzione si impara a scuola:

idee, ricerche, proposte e messaggi,

Portare gli studenti italiani ad essere… “bravi in sicurezza”, avvicinandoli alla realtà della prevenzione come strumento per risolvere il fenomeno degli incidenti e degli infortuni. E’ questa la finalità della XII edizione di PRIMI IN SICUREZZA, che torna con alcune novità. Tra i partners, non c’è più Rossini Trading Spa, che ringraziamo per la collaborazione nel corso di undici anni. La “campagna” è ora promossa a pieno titolo da ANMIL ed OKAY! Come noto, classi scolastiche e singoli ragazzi, vi potranno prendere parte producendo e realizzando, entro la data del 31 marzo 2014, lavori, ricerche ed  elaborati sul tema della sicurezza e della prevenzione degli incidenti e degli infortuni sul lavoro. L’argomento potrà essere affrontato nella sua complessità o nei suoi aspetti particolari, come pubblicato in queste pagine.

ECCO COME PARTECIPARE

I lavori di PRIMI IN SICUREZZA potranno essere eseguiti in piena libertà espressiva e creatività. Accanto alle piste suggerite, potranno esserne sviluppate altre, secondo gli interessi e le attenzioni di ogni singola classe i temi. Potranno essere realizzati: disegni, posters, album fotografici, testi; potranno essere presentati articoli pubblicati sui propri giornalini scolastici; potranno essere prodotti spot promozionali, video, cd-rom, audiocassette; potranno essere realizzati: giochi di società, test, sondaggi (ad esempio: chiedere ad un campione di cittadini se sono soddisfatti del livello di sicurezza del proprio ambiente di lavoro) e t-shirts.          

  • Tutti i lavori di PRIMI IN SICUREZZA dovranno pervenire entro il 31 MARZO 2014 alla redazione di OKAY! al seguente indirizzo: OKAY!, presso Casa M.E.Mazza, via Nullo 48, 24128 Bergamo. La cerimonia di premiazione si svolgerà entro la fine del mese di maggio 2014. 

  1. PER CONTATTI ED INFO

  2. www.anmil.it

  3. www.okayscuola.wordpress.com/

  4. Redazione OKAY! tel. 035/314720

INCIDENTI SUL LAVORO: COME, QUANDO E PERCHÉ

Ecco alcune proposte di attività da realizzare in classe.

1 – Gli incidenti sul lavoro: come, quando e perché

  1. Perché succedono gli incidenti sul lavoro? Quali sono le cause? Quali sono i settori più colpiti? Che cosa dicono le statistiche?

  2. Proposte di attività:  grafici e tabelle sul fenomeno degli incidenti ed infortuni in Italia ed in Europa; raccolta e commento di articoli e servizi giornalistici sul tema degli incidenti; incontro con un imprenditore della propria città o del proprio paese per parlare della prevenzione e della sicurezza; visita ad una fabbrica o ad un ufficio per descriverne gli impianti, le attrezzature, le condizioni di sicurezza. 

2 – “Io, vittima di un incidente sul lavoro”

  1. Che cosa accade durante un incidente? Che tipo di conseguenze può comportare sul fisico e nella vita quotidiana? Che sentimenti e che stati d’animo provoca?  

  2. Proposta di attività:  intervista ad una persona che ha vissuto l’esperienza di un infortunio sul lavoro; incontro con un medico che illustra le conseguenze fisiche (menomazioni, difficoltà di movimento ecc.) connesse con un infortunio sul lavoro.

3 – “Mamma e papà, è capitato anche a voi?”

  1. Si parla in famiglia dei rischi negli ambienti di lavoro? I genitori confidano ai propri figli di lavorare in condizioni di disagio e di pericolo? Qualche genitore è stato vittima di incidenti sul lavoro?

  2. Proposta di attività: sondaggio tra le famiglie degli alunni per verificare se incidenti sul lavoro hanno coinvolto mamma, papà o un parente; sondaggio tra le famiglie degli alunni sui principali rischi degli ambienti di lavoro; sondaggio tra le famiglie degli alunni sulle paure e sui timori che i genitori provano in un ambiente di lavoro; sondaggio tra le famiglie degli alunni sul rispetto delle condizioni di sicurezza negli ambienti di lavoro.    

4 – Un messaggio per prevenire gli incidenti sul lavoro: scatena la tua fantasia

La sensibilizzazione è importante sul tema degli incidenti sul lavoro. Prevenire è meglio che curare, si dice. Come scuotere l’opinione pubblica sui questo problema? Come richiamare l’attenzione sulla necessità di creare migliori condizioni di sicurezza sul lavoro?

  1. Proposta di attività: crea uno slogan, inventa un poster, realizza un disegno, produci uno spot televisivo, prepara un “jingle” radiofonico, inventa una t-shirt con un messaggio che aiuti a prendere coscienza del problema degli incidenti sul lavoro o della necessità di prevenirli.      

5 – Così dice la Legge

  1. Che cosa prevedono, in materia di sicurezza, le leggi italiane? Perché è importante per le aziende e per i lavoratori? Che cosa comporta per il datore di lavoro e per il lavoratore ?  

  2. Proposta di attività: lettura e commento in classe di alcune delle principali disposizioni di Legge in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro; gioco-quiz su cosa prevedono le normative in caso di lotta antincendio, uso di dispositivi di protezione individuale, uso di strumenti video, lotta ai rumori.  

NOVITA’ / DOPPI PREMI PER VOI!

PREMI NAZIONALI

Una commissione valuterà i lavori pervenuti ed assegnerà premi e riconoscimenti suddivisi per i seguenti ordini scolastici:

  1. Scuole dell’infanzia, Scuole primarie, Scuole secondarie 1° grado, Scuole secondarie 2° grado.  

Per ogni sezione scolastica è prevista l’assegnazione di  premi di utilità didattica (videolettori, impianti audio/mp3, fotocamere digitali, stampanti e cosi via).

PREMI SU BASE TERRITORIALE

Una novità è rappresentata quest’anno dall’assegnazione, da parte delle sedi regionali o provinciali dell’ANMIL, di premi ad una scuola del proprio territorio risultata particolarmente meritevole. Dunque, una doppia opportunità per tutte le scuole che parteciperanno alla XII edizione di Primi in Sicurezza. 

Le scelte della commissione giudicatrice sono insindacabili. I lavori non si restituiscono; si invitano le classi a conservarne una copia (o fotocopia). Ogni lavoro dovrà riportare in modo chiaro: nome della scuola, indirizzo completo, località e provincia di residenza, nominativo del docente referente, numero telefonico o e-mail. Okay! ed  Anmil si riservano il diritto di promuovere iniziative ed attività (mostre, convegni, ecc.) con il materiale didattico pervenuto dalle scuole.

PREMIATI I ”PRIMI IN SICUREZZA”: LA GRANDE FESTA ALLA “ROSSINI TRADING” CON SCUOLE DA TUTTA ITALIA. E TRA GLI OSPITI, IL CALCIATORE ATALANTINO CRISTIAN RAIMONDI


Davvero una grande festa di messaggi e di colori quella che si è svolta quest’oggi, 30 maggio 2013, per la cerimonia di premiazione dell’XI edizione di “Primi in sicurezza – Premio Emilio Rossini” che eccezionalmente si è tenuta a Seriate presso la sede della Rossini Trading Spa, l’azienda bergamasca promotrice, insieme all’Anmil e al mensile Okay!, dell’iniziativa che invita il mondo della scuola a realizzare elaborati sul tema della sicurezza in ambito lavorativo. Il tutto con l’obiettivo di stimolare una riflessione e diffondere tra le nuove generazioni una rinnovata consapevolezza in materia di infortuni sul lavoro e morti bianche.

L’eccezionale evento ha richiamato circa 400 studenti, provenienti dal nord al sud della Penisola. Accompagnati da genitori ed insegnanti, i giovani alunni hanno partecipato alle premiazioni ricevendo come riconoscimento per la qualità dei loro elaborati, del materiale didattico per le attività scolastiche interne. I primi classificati di ogni categoria (scuole dell’infanzia, primarie, secondarie di 1° e secondarie di 2°), hanno ricevuto anche la medaglia del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, a testimonianza dell’alto valore sociale dell’iniziativa, la quale può inoltre fregiarsi, tra gli altri, del patrocinio della Commissione Europea, della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali.

Insieme al dott. Marco Rossini, AD di Rossini Trading Spa, ed alle sorelle Tiziana e Wilma, hanno fatto gli onori di casa Franco Bettoni (presidente nazionale ANMIL), Luigi Feliciani (presidente ANMIL della provincia di Bergamo), Mario Agostinelli (ANMIL Bergamo) e Roberto Alborghetti (direttore di Okay!). Hanno portato il proprio saluto il dott. Giuliano Capetti (Vice presidente ed Assessore alla Formazione della Provincia di Bergamo), il dott.Andrea Moioli (Ufficio Scolastico Provincia di Bergamo), la dott.ssa Alessia Ceroni (Confindustria Bergamo, vice presidente del Gruppo Giovani imprenditori), il dott. Giambattista Chiesa (Console Maestri del Lavoro di Bergamo), il rag. Renato Salerno, Oscar e Andrea Serra, con la signora Giovanna  (Editrice Velar, che ha omaggiato le scuole con una serie di pubblicazioni). Applauditissima la presenza di Cristian Raimondi, difensore dell’Atalanta, che ha parlato anche della sicurezza nel gioco del calcio ed ha firmato decine e decine di autografi.  

Grandi protagonisti gli studenti e docenti, i “Primi in Sicurezza 2013”, arrivati da ogni parte d’italia, da Casarano (Lecce) a Varallo Pombia (Novara), i quali hanno potuto ammirare la grande mostra del Decennale di “Primi in sicurezza”, allestita presso la Rossini Trading, in cui sono esposti gli elaborati: ben 10.000 tra poster, disegni, cartelloni, t-shirt, dvd, album, questionari, videoclip, giochi di società, cartoline e tanti altri elaborati creativi. Tutti lavori realizzati dagli alunni delle scuole della nostra Penisola e raccolti nelle ultime dieci edizioni del premio, intitolato alla memoria del fondatore dell’azienda bergamasca di prodotti antinfortunistici, Emilio Rossini.

Anche per questa XI edizione la risposta del mondo scolastico – dalle scuole dell’infanzia agli istituti superiori – è stata encomiabile, in termini di quantità e qualità, confermando sia la validità di un’idea sia la bravura di docenti ed allievi nell’affrontare in modo creativo le tematiche suggerite dalle unità didattiche. Una parte di questo materiale è stato illustrato durante la premiazione, nel corso della quale sono stati sottolineati i significati culturali, sociali ed educativi dell’iniziativa, unica nel suo genere.

L’obiettivo di “Primi in sicurezza” di avvicinare gli studenti alle problematiche degli incidenti in ambito lavorativo, al fine di conoscerne le cause e le dinamiche, sensibilizzando così le nuove generazioni sulla necessità della prevenzione, è perciò stato raggiunto anche quest’anno.

Nelle undici edizioni finora svoltisi, “Primi in sicurezza” ha coinvolto oltre 3.000 scuole da tutta Italia, coinvolgendo migliaia di docenti che con passione e dedizione hanno portato oltre un milione di alunni a riflettere su una tematica importante per il loro presente e il loro futuro, approfondendo ed indagando le cause di incidenti e morti sul lavoro. Un risultato che pone “Primi in sicurezza” all’avanguardia in Italia e in Europa nella promozione di una nuova etica negli ambienti di lavoro. Un impegno che continua negli anni, a partire dal mondo della scuola.

ALTRE FOTOGALLERIE NEI PROSSIMI GIORNI 

Per informazioni sull’iniziativa, è possibile consultare i seguenti siti Internet:

www.priminsicurezza.it 

www.rossinitrading.it 

www.anmil.it 

www.okayscuola.wordpress.com/

ANTEPRIMA / E’ IN ARRIVO “PIOVONO POLPETTE 2” CON LA NOVITA’ “RICICLO… CON GUSTO!”


  Banner-7X7

Tornare a scuola, il prossimo settembre, non sarà mai stato così divertente! Tenetevi pronti: anche se nessuna nuvola compare all’orizzonte continuano a piovere polpette! Ritorna infatti Flint Lockwood, lo strampalato inventore dell’infernale marchingegno che ha trasformato i fenomeni atmosferici in precipitazioni di… cibo.

Deriso per aver scatenato una “tempesta alimentare” che lo costringe ad abbandonare la cittadina di Swallow Falls, ritroviamo Flint in Piovono polpette 2 – La rivincita degli avanzi, da Natale al cinema, dove la sua genialità è stata finalmente riconosciuta e premiata. Chester V, il suo idolo di sempre, lo ha invitato a far parte della The Live Corp Company, che ha fra i suoi membri le più brillanti menti del mondo. Grande però è lo stupore del nostro geniale inventore quando scopre che il suo marchingegno è ancora funzionante e che crea gli Animacibi, una forma di cibo-animali famelica e pericolosa…

Anche con Piovono polpette 2, dunque, il divertimento è assicurato! Ma non solo: non perdetevi Okay! dal numero di settembre; vi aspetta il fantastico progetto “Riciclo… con gusto! per mettere alla prova il vostro talento nel “reinventare” con ricette nuove e gustose gli avanzi! Coinvolgete maestre e insegnanti, memorizzate l’appuntamento! Una pioggia di risate e di premi vi aspettano con Piovono polpette 2 – La rivincita degli avanzi, da Natale al cinema.

IL LORAX COLPISCE ANCORA! DALL’ICS “SANZIO” DI MERCATINO CONCA IL CALENDARIO DEL RICICLO… I LAVORI VANNO INVIATI ENTRO IL 31 DICEMBRE ’12


ICS SANZIO MERCATINO CONCA PU (1) ICS SANZIO MERCATINO CONCA PU (2) ICS SANZIO MERCATINO CONCA PU (3) ICS SANZIO MERCATINO CONCA PU (4) ICS SANZIO MERCATINO CONCA PU (5) ICS SANZIO MERCATINO CONCA PU (6) ICS SANZIO MERCATINO CONCA PU (7)

TUTTI A RACCOLTA PER IL RICICLO: LEGGI IL REGOLAMENTO

https://okayscuola.wordpress.com/con-lorax-tutti-a-raccolta-per-il-riciclo-2012/

“CARO NATALE” : LETTERE E DISEGNI PER LA PIU’ ATTESA FESTA DELL’ANNO. INVIALI ENTRO IL 24 DICEMBRE: CI SONO I BELLISSIMI PREMI DE “LE DUE TORRI”


III edizione della grande iniziativa per le scuole materne, primarie e secondarie di primo grado

CARO NATALE…

Lettere e messaggi alla più bella Festa dell’anno  

III edizione

Nella scia del successo delle precedenti due edizioni, il Centro Commerciale Le Due Torri di Stezzano (Bergamo) ed il mensile OKAY! Lanciano la III edizione dell’iniziativa denominata “CARO NATALE…/ Lettere alla più bella Festa dell’anno”.

Scuole materne, primarie (elementari) e secondarie di primo grado (medie), e singoli ragazzi e ragazze, sono invitati a scrivere una lettera alla Festa che cade il 25 dicembre, raccontando i propri sogni, le proprie speranze, le proprie attese, le proprie preoccupazioni in rapporto al significato, alla realtà, alle tradizioni ed all’atmosfera suscitata dalla celebrazione del Natale.

ECCO COME PARTECIPARE

  • La Lettera può essere scritta e presentata negli stili e nelle forme più diverse, secondo la creatività di ognuno. Le scuole materne possono realizzare disegni.
  • Ogni componimento non deve superare i 1.500 caratteri (battute). Al posto della lettera possono essere realizzati disegni, foto, illustrazioni, videoclip (novità).
  • Classi ed istituti possono partecipare con uno o più lavori. Ogni lettera o disegno composti da un singolo allievo vanno firmati individualmente. Si può partecipare personalmente, anche senza la propria classe scolastica.
  • I lavori di “CARO NATALE…” possono riguardare temi, realtà, eventi e situazioni più vari, sempre comunque visti e collegati alla luce di una ricorrenza importante e significativa come la Festa natalizia.
  • Gli elaborati di ogni singola classe possono essere raccolti ed inviate in una unica busta. Vanno allegati i seguenti dati: denominazione Classe/Istituto scolastico, indirizzo completo, anche di cap e provincia, numeri telefonici, indirizzo e-mail della scuola o dell’insegnante referente.

QUANDO E DOVE INVIARE I LAVORI

  • Gli elaborati dovranno essere inviati entro il 24 dicembre 2012 al seguente indirizzo: OKAY! c/o Casa M.E.Mazza, via Nullo 48, 24128 Bergamo; farà fede il timbro postale.
  • A partire dal 1° dicembre 2012 e fino alle ore 21 del 24 dicembre 2012, le lettere potranno essere portate direttamente presso il Centro commerciale LE DUE TORRI, a Stezzano, dove sarà allestito un punto di raccolta.

UNA FESTA DI PREMI!

  • Una giuria selezionerà le Lettere pervenute ed assegnerà una serie di premi alle classi ed ai singoli autori dei lavori ritenuti più interessanti.
  • Una sezione dei premi è riservata alle scuole della Lombardia. Una sezione speciale è invece rivolta alle scuole di tutta Italia.
  • Tra i premi che verranno assegnati: strumenti elettronici, kit didattici, libri, gadgets, sorprese a non finire…
  • L’organizzazione si riserva il diritto di pubblicare e diffondere le Lettere più belle. I dati richiesti ai partecipanti sono finalizzati esclusivamente alla gestione dell’ iniziativa.

PREMIAZIONE

La grande festa finale, con la premiazione delle scuole, avrà luogo presso il Centro Commerciale Le Due Torri nel mese di marzo 2013. Le scuole ed i ragazzi premiati saranno avvertiti tempestivamente.

“NONNI, CHE STORIE!”: GRANDE FESTA ALLA “CASA ANZIANI” DEL GLENO (BERGAMO). PRESENTI OLTRE 200 ALUNNI CON DELEGAZIONI SCOLASTICHE DA VARIE PARTI D’ITALIA


Si è svolta questa mattina presso l’auditorium della Casa di Ricovero Santa Maria Ausiliatrice Onlus di via Gleno a Bergamo la cerimonia di premiazione del concorso “Nonni, che storie!”, rivolto alla scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Bergamo e della Lombardia.

A fare gli onori di casa il direttore generale Fabrizio Lazzarini, che ha premiato le scuole vincitrici dell’edizione 2011/2012. Oltre 200 gli studenti presenti, provenienti da istituti scolastici delle province di Bergamo, Milano, Como, Lecco e Pavia.

Tra coloro che hanno assistito alle premiazioni erano presenti anche alcuni ospiti della casa di ricovero, che hanno passato alcune ore in allegria tra i bambini festanti. Proprio a loro è stata dedicata una canzone, creata ad hoc per la cerimonia, molto apprezzata ed applaudita da tutti i presenti, da parte degli alunni della scuola primaria “Giovanni Paolo II” di Sorico (Como). Una esibizione canora “rap” è stata invece eseguita dagli alunni della Primaria di Carenno (Lecco). E poi tanti racconti su come sono nati i lavori presentati a “Nonni, che storie!”

Lanciata nel corso dell’anno scolastico 2010/11 dalla Fondazione Casa di Ricovero S. Maria Ausiliatrice Onlus per celebrare il Bicentenario della sua nascita, l’iniziativa è stata riproposta anche per l’anno scolastico successivo, riscontrando vivo interesse tra i partecipanti. E come per la precedente edizione, l’obiettivo auspicato dagli organizzatori è stato raggiunto anche quest’anno: portare il mondo della scuola a contatto ed in dialogo con gli anziani, invitando i più giovani ad intrecciare relazioni con le generazioni che li hanno preceduti.

Sul piano didattico gli alunni delle scuole partecipanti sono stati chiamati a partecipare ad una gara di abilità con l’obiettivo di stringere legami e condividere esperienze di vita con i propri nonni o con le persone anziane. In questo modo gli studenti hanno preso coscienza dell’importanza, del valore e del ruolo ricoperti dagli anziani nella società odierna.

La risposta delle scuole lombarde, ed in particolare quelle di Bergamo e provincia, non s’è fatta attendere: sono stati infatti oltre 300 gli elaborati ricevuti, tra cui: racconti, album fotografici, opuscoli, dvd, interviste, giochi, calendari, ricettari di piatti tipici locali, ricerche, disegni, cartelloni, canzoni, filastrocche e reportage che hanno narrato le storie e le avventure dei nonni. Dai vari elaborati sono così emersi usi e costumi della società di un tempo, piccoli e grandi fatti di vita quotidiana, simpatici aneddoti e tradizioni di una volta ormai scomparse ai giorni nostri.

Il direttore generale della Fondazione Casa di Ricovero S. Maria Ausiliatrice Onlus Fabrizio Lazzarini, rivolgendosi ai bambini, ha dichiarato: «La nostra è una grande casa in cui vivono circa 500 persone, alcune delle quali sono oggi qui presenti, mentre altre sono nelle loro stanze a riposare. Ma tutte loro sono felici perché percepiscono la vostra presenza, sentono la vostra voce e il vostro calore. Grazie a questa iniziativa, che vi ha visti partecipare con entusiasmo, mia auguro che abbiate portato gioia ai vostri nonni e alle persone anziane e che anche loro siano stati capaci di trasmettervi valori e insegnamenti importanti per il vostro futuro».

Nonostante il concorso fosse rivolto alle scuole di Bergamo e della Lombardia, sono giunti anche lavori da fuori regione e, in particolare, dalle provincie di Asti, Verona, Perugia, Latina e Cagliari, a dimostrazione dell’interesse suscitato dal tema.

Con la sua iniziativa la Fondazione casa di ricovero S. Maria Ausiliatrice Onlus si colloca idealmente in quell’azione di sensibilizzazione che può offrire ai giovani, ed alle loro famiglie, spunti di riflessione per valorizzare le memorie degli anziani. Le stesse memorie che possono essere tramutate in preziosi consigli e insegnamenti, da tramandare alle generazioni future e conservare come lezioni di vita quotidiane.

GLI ALUNNI DI PIANCASTAGNAIO (SIENA): CRITICI D’ARTE PER UN GIORNO IN VISITA ALLA MOSTRA DI ROBERTO ALBORGHETTI ALLA ROCCA ALDOBRANDESCA


Alunni artisti ( e critici d’arte) per un giorno. E’ successo sul Monte Amiata, in occasione della mostra “Colori di un’Apocalisse” in corso (fino al 15 gennaio) presso la bellissima Rocca Aldobrandesca, nel comune di Piancastagnaio (Siena), e nell’ambito dei laboratori della XIV edizione di “Penne e Video Sconosciuti” promossa da Osa Onlus. Gli allievi della classe terza della Scuola Primaria “Mazzi”, guidati dalle docenti Maria Rita e Maria Elena, hanno partecipato ad un’esperienza creativa nell’indagare ed esplorare le opere di Roberto Alborghetti, esposte appunto nell’antico castello. E si sono così uniti agli altri mille e più studenti che, provenienti da varie parti d’Italia, hanno già visitato la mostra sulla “decomposizione dei manifesti pubblicitari” e sui “segni metropolitani”.

Armati di blocconote, matite e pastelli, gli alunni hanno prima incontrato Alborghetti per un incontro introduttivo e poi si sono addentrati tra le sale espositive, sempre accompagnati dall’autore delle “lacer/azioni”, così si chiamano le opere esposte. Il linguaggio artistico di Alborghetti – immagini prese dalla realtà dei manifesti pubblicitari lacerati e decomposti sui muri della città – ha colpito ed affascinato anche gli allievi , che in classe hanno poi proseguito l’eperienza lavorando  sui colori e sulle forme delle opere viste alla mostra.

Ogni alunno ha reinterpretato una immagine (vedi la fotogalleria) scrivendo le emozioni e le impressioni provate nell’ammirarla. Ne è uscito uno straordinario documento, non solo didattico e pedagogico, su come gli occhi e la mente percepiscono e “vedono” le composizioni artistiche. Ed è stato possibile compilare anche una classifica sulle immagini che hanno colpito di più l’immaginario dei bambini della Primaria Mazzi. Al primo posto, c’è la litografia introdotta da un haiku: “Notte scura/ Fiocchi di neve e gelo/prima di un giorno nuovo”. Gli alunni sono stati molto colpiti dal contrasto di colori e dalla “lama di luce rossa” che, secondo le impressioni raccolte, sembra “un occhio di drago”. C’è anche chi ha scritto : “Mi piace, ma mi fa paura”. E ancora: “E’ un quadro molto bello, mi ricorda la prima volta in cui sono nato…” Bravissimi ed irresistibili.