ANMIL ED OKAY! LANCIANO “PRIMI IN SICUREZZA 12”: SCOPRI TUTTE LE NOVITA’


OLYMPUS DIGITAL CAMERA

“PRIMI IN SICUREZZA 2013/2014”

Promosso da Anmil ed Okay!

La prevenzione si impara a scuola:

idee, ricerche, proposte e messaggi,

Portare gli studenti italiani ad essere… “bravi in sicurezza”, avvicinandoli alla realtà della prevenzione come strumento per risolvere il fenomeno degli incidenti e degli infortuni. E’ questa la finalità della XII edizione di PRIMI IN SICUREZZA, che torna con alcune novità. Tra i partners, non c’è più Rossini Trading Spa, che ringraziamo per la collaborazione nel corso di undici anni. La “campagna” è ora promossa a pieno titolo da ANMIL ed OKAY! Come noto, classi scolastiche e singoli ragazzi, vi potranno prendere parte producendo e realizzando, entro la data del 31 marzo 2014, lavori, ricerche ed  elaborati sul tema della sicurezza e della prevenzione degli incidenti e degli infortuni sul lavoro. L’argomento potrà essere affrontato nella sua complessità o nei suoi aspetti particolari, come pubblicato in queste pagine.

ECCO COME PARTECIPARE

I lavori di PRIMI IN SICUREZZA potranno essere eseguiti in piena libertà espressiva e creatività. Accanto alle piste suggerite, potranno esserne sviluppate altre, secondo gli interessi e le attenzioni di ogni singola classe i temi. Potranno essere realizzati: disegni, posters, album fotografici, testi; potranno essere presentati articoli pubblicati sui propri giornalini scolastici; potranno essere prodotti spot promozionali, video, cd-rom, audiocassette; potranno essere realizzati: giochi di società, test, sondaggi (ad esempio: chiedere ad un campione di cittadini se sono soddisfatti del livello di sicurezza del proprio ambiente di lavoro) e t-shirts.          

  • Tutti i lavori di PRIMI IN SICUREZZA dovranno pervenire entro il 31 MARZO 2014 alla redazione di OKAY! al seguente indirizzo: OKAY!, presso Casa M.E.Mazza, via Nullo 48, 24128 Bergamo. La cerimonia di premiazione si svolgerà entro la fine del mese di maggio 2014. 

  1. PER CONTATTI ED INFO

  2. www.anmil.it

  3. www.okayscuola.wordpress.com/

  4. Redazione OKAY! tel. 035/314720

INCIDENTI SUL LAVORO: COME, QUANDO E PERCHÉ

Ecco alcune proposte di attività da realizzare in classe.

1 – Gli incidenti sul lavoro: come, quando e perché

  1. Perché succedono gli incidenti sul lavoro? Quali sono le cause? Quali sono i settori più colpiti? Che cosa dicono le statistiche?

  2. Proposte di attività:  grafici e tabelle sul fenomeno degli incidenti ed infortuni in Italia ed in Europa; raccolta e commento di articoli e servizi giornalistici sul tema degli incidenti; incontro con un imprenditore della propria città o del proprio paese per parlare della prevenzione e della sicurezza; visita ad una fabbrica o ad un ufficio per descriverne gli impianti, le attrezzature, le condizioni di sicurezza. 

2 – “Io, vittima di un incidente sul lavoro”

  1. Che cosa accade durante un incidente? Che tipo di conseguenze può comportare sul fisico e nella vita quotidiana? Che sentimenti e che stati d’animo provoca?  

  2. Proposta di attività:  intervista ad una persona che ha vissuto l’esperienza di un infortunio sul lavoro; incontro con un medico che illustra le conseguenze fisiche (menomazioni, difficoltà di movimento ecc.) connesse con un infortunio sul lavoro.

3 – “Mamma e papà, è capitato anche a voi?”

  1. Si parla in famiglia dei rischi negli ambienti di lavoro? I genitori confidano ai propri figli di lavorare in condizioni di disagio e di pericolo? Qualche genitore è stato vittima di incidenti sul lavoro?

  2. Proposta di attività: sondaggio tra le famiglie degli alunni per verificare se incidenti sul lavoro hanno coinvolto mamma, papà o un parente; sondaggio tra le famiglie degli alunni sui principali rischi degli ambienti di lavoro; sondaggio tra le famiglie degli alunni sulle paure e sui timori che i genitori provano in un ambiente di lavoro; sondaggio tra le famiglie degli alunni sul rispetto delle condizioni di sicurezza negli ambienti di lavoro.    

4 – Un messaggio per prevenire gli incidenti sul lavoro: scatena la tua fantasia

La sensibilizzazione è importante sul tema degli incidenti sul lavoro. Prevenire è meglio che curare, si dice. Come scuotere l’opinione pubblica sui questo problema? Come richiamare l’attenzione sulla necessità di creare migliori condizioni di sicurezza sul lavoro?

  1. Proposta di attività: crea uno slogan, inventa un poster, realizza un disegno, produci uno spot televisivo, prepara un “jingle” radiofonico, inventa una t-shirt con un messaggio che aiuti a prendere coscienza del problema degli incidenti sul lavoro o della necessità di prevenirli.      

5 – Così dice la Legge

  1. Che cosa prevedono, in materia di sicurezza, le leggi italiane? Perché è importante per le aziende e per i lavoratori? Che cosa comporta per il datore di lavoro e per il lavoratore ?  

  2. Proposta di attività: lettura e commento in classe di alcune delle principali disposizioni di Legge in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro; gioco-quiz su cosa prevedono le normative in caso di lotta antincendio, uso di dispositivi di protezione individuale, uso di strumenti video, lotta ai rumori.  

NOVITA’ / DOPPI PREMI PER VOI!

PREMI NAZIONALI

Una commissione valuterà i lavori pervenuti ed assegnerà premi e riconoscimenti suddivisi per i seguenti ordini scolastici:

  1. Scuole dell’infanzia, Scuole primarie, Scuole secondarie 1° grado, Scuole secondarie 2° grado.  

Per ogni sezione scolastica è prevista l’assegnazione di  premi di utilità didattica (videolettori, impianti audio/mp3, fotocamere digitali, stampanti e cosi via).

PREMI SU BASE TERRITORIALE

Una novità è rappresentata quest’anno dall’assegnazione, da parte delle sedi regionali o provinciali dell’ANMIL, di premi ad una scuola del proprio territorio risultata particolarmente meritevole. Dunque, una doppia opportunità per tutte le scuole che parteciperanno alla XII edizione di Primi in Sicurezza. 

Le scelte della commissione giudicatrice sono insindacabili. I lavori non si restituiscono; si invitano le classi a conservarne una copia (o fotocopia). Ogni lavoro dovrà riportare in modo chiaro: nome della scuola, indirizzo completo, località e provincia di residenza, nominativo del docente referente, numero telefonico o e-mail. Okay! ed  Anmil si riservano il diritto di promuovere iniziative ed attività (mostre, convegni, ecc.) con il materiale didattico pervenuto dalle scuole.

Annunci

DALL’AUSTRALIA L’INVITO ALLE SCUOLE ITALIANE A PARTECIPARE AD UN CONCORSO PER SENSIBILIZZARE CONTRO FUMO E SIGARETTE. SCADENZA: 22 OTTOBRE ’13


 art_toppling_tobacco_logo

Art Toppling Tobacco”. Ossia, “l’arte che è in grado di far vacillare il tabacco”. E’ questo il titolo di un singolare ed originale concorso artistico, lanciato in Australia qualche anno fa, proprio per svolgere un’azione di sensibilizzazione sui rischi e sui danni dell’uso e dell’abuso del tabacco. Lo ha ideato Fay Thomson, che con grande generosità e senso della solidarietà lo ha proposto e lanciato. Pensiamo che possa interessare anche le scuole e gli studenti che seguono Okay! Infatti, una sezione della competizione artistica è espressamente riservata alle scuole ed ai ragazzi, che sono invitati ad ideare e creare disegni (in tutte le tecniche e modalità espressive) che hanno come messaggio quello di invitare a non fumare e a non entrare nella spirale e nella dipendenza del tabacco.

Il tema è didattico e riguarda gli aspetti dell’educazione alla salute. E sappiamo che la creatività non manca alle scuole che solitamente partecipano alle iniziative di Okay! Per questo rilanciamo questa interessante attività, collegandoci idealmente e concretamente con Art Toppling Tobacco. Ma il tempo stringe. I lavori devono essere inviati – caricandoli sul sito del concorso – entro entro e non oltre le ore 05:00 di martedì 22 ottobre 2013 (dato il fuso orario, vi invitiamo ad aderire la mezzanotte del giorno precedente). Per partecipare occorre compilare una scheda on line, caricando anche il proprio elaborato (che non deve superare i 2 mb, cioè deve essere leggero).

I lavori possono essere inviati anche tramite posta a: Fay Thomson, Post Box 474, Milsons Point, NSW 1565, Australia. Sul sito, che è in inglese – e dunque può essere una ragione per partecipare anche durante le lezioni di questa lingua – ci sono tutte le modalità del concorso, che mette in palio premi molto interessanti.

Il tema, come suggerisce Fay, si presta ad essere svolto dalle scuole con grande fantasia. Possono anche essere realizzate magliette, cappellini, polsiere, oggetti vari e composizioni. L’importante è attenersi al tema e dispiegare la propria creatività.

Nel motivare questa bella ed intelligente iniziativa, la signora Thomson spiega che il suo obiettivo è di “fare danni” al fenomeno dell’uso e del consumo del tabacco “in modo che i giovani diventino saggi nelle loro scelte.” Il suo è anche un “omaggio agli uomini e alle donne che sono stati attirati e truffati, nel cominciare a fumare, attraverso la potente pubblicità delle sigarette. Nel fare questo voglio dare riconoscimento e ringraziamento a tutti gli artisti, agli umili e ai grandi che partecipano – o aiuteranno a partecipare –  a  questo concorso- progetto”.

Dunque, raccogliamo questo invito che arriva dall’Australia e mettiamoci all’opera. Sul sito troverete tutte le informazioni. Ma il tempo stringe… Buon lavoro!

L’indirizzo del sito di Art Toppling Tobacco è:

http://www.arttopplingtobacco.com.au/

PIANTE IN CASA / ARECA, UN ANGELO CUSTODE PER LA NOSTRA SALUTE


 Areca, Pianta di gennaio

Come un angelo custode vigila sul tuo benessere. Si accontenta solo quando sprizzerai salute da tutti i pori. L’Areca è una vera e propria tipa materna perché non chiede praticamente nulla in cambio. Giustamente questa palma è stata eletta a Pianta da Appartamento di gennaio.

Palma di Betel, palma dai frutti d’oro, palma pennuta, questi sono i nomi con cui indichiamo comunemente l’Areca. Quest’ultimo nome volgare riferisce alla somiglianza del modo di crescita delle foglie alle ali spalancate di un meraviglioso uccello esotico. Al contrario di molte altre specie di palma, che si sviluppano da un fusto ingrossato, le foglie dell’Areca sono portate da singoli steli che crescono direttamente dalla terra. Quando si trova a suo agio a casa tua, l’Areca produrrà nuovi steli e avrà la vegetazione sempre più ampia. Il risultato sarà un ‘tetto pennuto’ tropicale in continua espansione.

Habitat naturale

L’aspetto tropicale dell’Areca trae origini dal suo habitat naturale, nelle umide foreste pluviali del Madagascar, dove cresce nei luoghi riparati. Insieme alle sue sorelle e a decine di altre specie di Palma forma una fitta giungla di stupende fronde verdi. 

A tutela della tua salute

Una volta che ha conquistato il suo posticino in casa tua, l’Areca si impegna fin da subito per migliorare la tua salute. Questa pianta assorbe le sostanze nocive presenti nell’aria che respiri e, allo stesso tempo, aumenta l’umidità dell’aria perché l’ampio apparato fogliare traspira l’acqua delle annaffiature. Così potrai approfittare di un’aria pulita e di un’umidità atmosferica adeguata. L’Areca vuole una posizione ben illuminata, al riparo dal sole diretto, e annaffiature regolari per prevenire che il terriccio si asciughi completamente. Ricambia questi pochi accorgimenti provvedendo ad un ambiente salutare in cui potrai rigenerarti ogni giorno.

La Pianta da Appartamento del Mese

Questo mese l’Areca è messa in primo piano come Pianta di gennaio. La ‘Pianta da Appartamento del Mese’ è un’iniziativa dell’Ufficio Olandese dei Fiori. Di comune accordo con rappresentanti del settore floricolo, l’Ufficio Olandese dei Fiori seleziona ogni mese una pianta particolarmente apprezzata dal grande pubblico o, al contrario, una pianta (ancora) non molto conosciuta ma che ha la potenzialità di fare bella figura nelle case degli italiani.

Per più informazioni visita www.lepiantedonanogioia.it e la nostra pagina Facebook

L’Ufficio Olandese dei Fiori

L’Ufficio Olandese dei Fiori, fondato dal settore floricolo olandese, è il cuore del marketing per i fiori e le piante prodotti e commercializzati in Olanda. Le nostre attività di promozione invitano il grande pubblico a sperimentare l’unicità dei fiori e delle piante, l’arricchimento che danno alla nostra vita e la gioia di trasmettere questa sensazione agli altri. Con questa iniziativa l’Ufficio Olandese dei Fiori contribuisce ad aumentare la domanda di fiori e piante provenienti dall’Olanda, sia in Olanda sia all’estero. Per più informazioni visita www.ufficiodeifiori.it

Didascalia foto

La Pianta da Appartamento di gennaio, l’Areca

PRIMI IN SICUREZZA 11 / ECCO COME PARTECIPARE E REALIZZARE LAVORI SULLA PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI SUL LAVORO


L’ITALIA E’ UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA

FONDATA SUL LAVORO (SICURO)”

La prevenzione si impara a scuola

sulla base di una sana e robusta Costituzione

Portare gli studenti italiani ad essere “Primi in Sicurezza”, avvicinandoli – con la collaborazione dei docenti e dei genitori – alla realtà della prevenzione come strumento per risolvere il fenomeno degli incidenti e degli infortuni. E’ questa la finalità di “PRIMI IN SICUREZZA / PREMIO EMILIO ROSSINI”, XI edizione, gara-ricerca che si rivolge alle scuole materne, elementari e medie inferiori e superiori italiane. Classi scolastiche e singoli ragazzi, vi potranno prendere parte producendo e realizzando, entro la data del 20 marzo 2013, lavori, ricerche ed  elaborati sul tema della sicurezza e della prevenzione degli incidenti e degli infortuni sul lavoro.  Nelle pagine successive: regolamento, piste didattiche, premi.

*

UN LAVORO SICURO: ECCO LE PISTE DI RICERCA

Il primo articolo della Costituzione Italiana dice che l’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro. Noi pensiamo che oggi sia necessario aggiungere, a tale dichiarazione, un aggettivo importante: “sicuro”. Sulla base di questa considerazione – semplice, ma di assoluta importanza – ruota la XI edizione di PRIMI IN SICUREZZA, che stimola le scuole a vivere, osservare, leggere, interpretare, esprimere le condizioni di sicurezza attraverso lo straordinario mondo della creatività. Dunque, negli elaborati, dovrà essere dato ampio risalto a tutto ciò che parla di prevenzione negli ambienti di lavoro. Il tema potrà  essere svolto e rivissuto attraverso modalità e “piste di ricerca” che qui si indicano in modo sintetico, suddivise per i vari ordini scolastici.

 

SCUOLE DELL’INFANZIA

Tracce e spunti: il lavoro di mamma e papà; storie e racconti su come mamma e papà vivono la sicurezza quando essi lavorano; la segnaletica che tutela la sicurezza e la salute negli ambienti di lavoro; messaggi inviati a mamma e papà affinchè lavorino con le protezioni adeguate…

Modalità creativa:  potranno essere realizzati: disegni, posters, album fotografici, cartoline, giochi di società, cartelloni, video, plastici, composizioni e tutto quanto la fantasia può suggerire.

 

SCUOLE PRIMARIE

Tracce e spunti: che cosa vuol dire “lavoro sicuro”? Interviste a mamme, papà, parenti e conoscenti che hanno vissuto l’esperienza di un incidente sul lavoro; che cosa accade durante un incidente;  che tipo di conseguenze può comportare sul fisico e nella vita quotidiana; la segnaletica che tutela la sicurezza e la salute negli ambienti di lavoro; lettere a mamma, papà, amici, imprenditori ed autorità per esortarli alla prevenzione sui luoghi di lavoro; visita guidata ad un cantiere o ad un ambiente di lavoro per capire e conoscere strumenti e modalità di protezioni adeguate…  

Modalità creativa:  potranno essere realizzati: disegni, posters, album fotografici, cartoline, giochi di società, cartelloni, videoclip, plastici, spot promozionali da pubblicità-progresso, cd, composizioni e tutto quanto la fantasia può suggerire. Potranno essere presentati articoli pubblicati sui propri giornalini scolastici.

 

SCUOLE SECONDARIE

DI PRIMO GRADO (MEDIE)

Tracce e spunti: riflettere sulla definizione di “lavoro sicuro”? Perché succedono gli incidenti sul lavoro? Quali sono le cause? Quali sono i settori più colpiti? Che cosa dicono le statistiche? Si parla in famiglia dei rischi negli ambienti di lavoro? I genitori confidano ai propri figli di lavorare in condizioni di disagio e di pericolo? Qualche genitore o qualche parente o amico è stato vittima di incidenti sul lavoro?

Sapete che c’è anche un segnaletica di sicurezza per i luoghi di lavoro? Avete notato che tipo di segnaletica c’è in un centro commerciale, in un cantiere edile, in un luogo pubblico? Sapete riconoscere la segnaletica che tutela la sicurezza e la salute negli ambienti di lavoro?

Sondaggi ed interviste a mamme, papà, parenti e conoscenti sul tema della prevenzione, ossia se rispettano le norme di sicurezza e di protezione e sui rischi del proprio luogo di lavoro; un incidente sul lavoro: che tipo di conseguenze può comportare sul fisico e nella vita quotidiana; la segnaletica che tutela la sicurezza e la salute negli ambienti di lavoro; lettere ad imprenditori, autorità ed istituzioni per esortarli alla prevenzione sui luoghi di lavoro; visita guidata ad un cantiere o ad un ambiente di lavoro per capire e conoscere strumenti e modalità di protezioni adeguate; ricerca e verifica di articoli sui giornali relativi agli incidenti accaduti in un preciso periodo (un mese, un anno, una settimana…)

 

Modalità creativa:  potranno essere realizzati: disegni, posters, album fotografici, cartoline, giochi di società, cartelloni, videoclip, plastici, spot promozionali da pubblicità-progresso, cd, composizioni e tutto quanto la fantasia può suggerire. Potranno essere presentati articoli pubblicati sui propri giornalini scolastici e link relativi a siti o pagine Internet realizzate sull’argomento.

 

SCUOLE SECONDARIE

DI SECONDO GRADO (MEDIE SUPERIORI)

Tracce e spunti: potrebbe essere un’idea suggerire alle Istituzioni di inserire, almeno tra parentesi, l’aggettivo “sicuro” vicino al termine “lavoro” come scritto nel primo articolo della Costituzione Italiana? Perché succedono gli incidenti sul lavoro? Quali sono le cause? Quali sono i settori più colpiti? Che cosa dicono le statistiche? Come scuotere e sensibilizzare l’opinione pubblica sul drammatico fenomeno degli incidenti sul lavoro? Come richiamare l’attenzione sulla necessità di creare migliori condizioni di sicurezza sul lavoro?

Che cosa prevedono, in materia di sicurezza, le Leggi nazionali ed europee? Perché le normative sono importanti per le aziende e per i lavoratori? Che cosa comportano, le principali normative, per il datore di lavoro e per il lavoratore ? Visita guidata ad un cantiere o ad un ambiente di lavoro per capire e conoscere strumenti e modalità di protezioni adeguate; ricerca e verifica di articoli sui giornali relativi agli incidenti sul lavoro.

 

Modalità creativa:  potranno essere realizzati: disegni, posters, album fotografici, cartoline, giochi di società, cartelloni, videoclip, plastici, spot promozionali da pubblicità-progresso, cd, composizioni e tutto quanto la fantasia può suggerire. Potranno essere presentati articoli pubblicati sui propri giornalini scolastici e link relativi a siti o pagine Internet realizzate sull’argomento. Potranno essere realizzati test e sondaggi (ad esempio: chiedere ad un campione di cittadini se sono soddisfatti del livello di sicurezza del proprio ambiente di lavoro).

 

 

UN MONTEPREMI DAVVERO DA RECORD!

        1. Una commissione valuterà i lavori pervenuti ed assegnerà premi e riconoscimenti suddivisi per i seguenti ordini scolastici: Scuole dell’infanzia (materne); Scuole Primarie; Scuole secondarie di 1°; Scuole secondarie di 2°.

 

Per ogni sezione scolastica è prevista l’assegnazione dei seguenti premi :

1° Premio – Videocamera

2° Premio – Lettore DVD/BlueRay

3° Premio – Impianto Hi-Fi

4° Premio – Macchina fotografica

5° Premio – Stampante

 

  1. E’ prevista l’assegnazione di “Premi Speciali” messi a disposizione da istituzioni ed enti che collaborano nell’iniziativa.
  2. Un premio speciale sarà assegnato alla scuola che avrà realizzato il migliore lavoro sul tema della “Sicurezza a Scuola”.
  3. Le scelte della commissione giudicatrice sono insindacabili. I lavori non si restituiscono; si invitano le classi a conservarne una copia (o fotocopia).

 

 

 

OCCHIO ALLE SCADENZE! 

I lavori di PRIMI IN SICUREZZA potranno essere eseguiti in piena libertà espressiva e creatività. Accanto alle piste suggerite, potranno esserne sviluppate altre, secondo gli interessi e le attenzioni di ogni singola classe i temi. Piena libertà anche per le modalità di esecuzione e realizzazione del lavoro didattico.

Tutti i lavori di “PRIMI IN SICUREZZA” dovranno pervenire entro il 20 MARZO 2013 alla redazione di OKAY! al seguente indirizzo: OKAY!, presso Casa M.E.Mazza, Via Nullo 48, 24128 Bergamo. I lavori vanno accompagnati da informazioni – denominazione classe e scuola, indirizzo completo, numero di telefono, e-mail, nominativo docente referente del progetto – come specificato nella scheda di partecipazione che si suggerisce di compilare. La cerimonia di premiazione si svolgerà a Bergamo entro la fine del mese di maggio 2013.

 

 

 

 

 

“30.000 VITE DA SALVARE”: PARTECIPATE ANCHE VOI ALLA CAMPAGNA EUROPEA CONTRO GLI INCIDENTI STRADALI. IL VOSTRO “CLICK” PUO’ VALERE UNA VITA…


Siamo lieti di sostenere la Carta Europea della Sicurezza Stradale (European Road Safety Charter) e la sua nuova campagna denominata “30.000 vite da salvare”. Grazie al contributo di tanta gente la Carta Europea  è  riuscita a diventare la più grande comunità online della sicurezza stradale in Europa, superando le 2300 adesioni (Okay! Figura tra i firmatari della prima ora…)

Anche se durante questi anni sono stati fatti a tutti i livelli grandi passi per migliorare la sicurezza stradale in Europa, la carta ha ancora un ruolo importante da svolgere. Nel 2011, circa 30.000 persone hanno perso la vita sulle strade europee.

Per questo motivo c’è bisogno di fare un passo avanti e incoraggiare una partecipazione più attiva dei cittadini riguardo la sicurezza stradale. Per raggiungere questo obiettivo, la Carta Europea della Sicurezza Stradale ha lanciato la campagna “30. 000 vite da salvare”, che vuole trasmettere un messaggio chiave: “No more victims on the roads”, ossia: “Non più vittime sulle strade”.

La campagna “30.000 vite da salvare”, che utilizza una applicazione di Facebook (causes.com) come piattaforma, invita i cittadini a seguire la “causa” facendo clic su un pulsante. L’obiettivo è quello di raggiungere 30.000 partecipazioni per dimostrare che i cittadini credono che la sicurezza stradale dovrebbe essere una priorità per tutti. Tutto quello che dovete fare per dimostrare il vostro appoggio è cliccare sul pulsante “Take the pledge” dopo avere digitato questo link:

http://www.causes.com/causes/790971-the-european-road-safety-charter/actions/1679061

La Carta Europea ringrazia per la collaborazione nel salvare vite umane sulle strade e chiede di diffondere ulteriormente la campagna nelle vostre reti e tra i vostri collaboratori. Appoggiate anche voi la campagna “30.000 vite da salvare!” La Sicurezza stradale è un problema di tutti!

European Road Safety Charter:

http://www.erscharter.eu/

http://www.facebook.com/EuropeanRoadSafetyCharter

IN UN LIBRO LA VITA DI LUCIO PARENZAN, PIONIERE DELLA CARDIOCHIRURGIA INFANTILE


Il libro narra l’impegno, la passione professionale, l’amore per la vita di Lucio Parenzan, uno dei più grandi pionieri  della Cardiochirurgia Pediatrica, che nell’arco dell’ultimo cinquantennio trasformò l’ospedale di Bergamo, in un affermato polo di Cardiochirurgia Pediatrica di rilievo internazionale assoluto. Non solo si celebra l’eccezionalità di questa storia, ma soprattutto si forniscono temi di riflessione a chi sarà chiamato a scriverne di nuove.

Il prof. Lucio Parenzan è scomparso il 28 gennaio 2014, presso l’Ospedale di Bergamo, all’età di 89 anni. Questo volume diventa così una sorta di testamento, oltre che una testimonianza, non solo storica,  di colui che ha davvero fatto la storia della medicina moderna.  

“Il grande insegnamento non è che una forma di amicizia tra il maestro e l’allievo” (Jules Michelet)

*

Francesco Roncalli, l’autore, è professore emerito di Etruscologia e Antichità Italiche nell’Università “Federico II” di Napoli. E’ fratello di Laura, moglie di Lucio Parenzan.

SITI DEDICATI ALLA PUBBLICAZIONE:
 

***

ESCLUSIVO / UNA MATTINATA AL QUIRINALE: LA COMMOZIONE DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO PER I LAVORI DI DUE SCUOLE PREMIATE IN “PRIMI IN SICUREZZA”


La 62a Giornata Nazionale per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro tenutasi al Quirinale venerdì 12 ottobre 2012 alla presenza, tra gli altri, del Capo dello Stato Giorgio Napolitano e del Ministro del Lavoro Elsa Fornero, ha visto anche la partecipazione dei rappresentanti di “Primi in sicurezza – Premio E. Rossini”, l’iniziativa che dal 2002 mira a diffondere tra i giovani una rinnovata cultura della sicurezza sul lavoro, partendo dai banchi di scuola.

Oltre a Franco Bettoni, presidente dell’Anmil, erano presenti alle celebrazioni presso il Salone delle Feste del Quirinale: Marco Rossini, presidente e a.d. di Rossini Trading, con la sorella Tiziana, Roberto Alborghetti, direttore di Okay!, la classe terza della scuola primaria “Mazzi” di Piancastagnaio (SI), protagonista dell’ormai celebre clip “Ilmibabbo”,  nell’ambito della 10a edizione di “Primi in Sicurezza”, e gli alunni della scuola primaria “Vallelata” dell’ICS “Garibaldi” di Aprilia (LT), anch’essi premiati a maggio con la medaglia presidenziale. 

Nell’ambito della cerimonia – condotta da Corradino Mineo, direttore di RaiNews e trasmessa in diretta dalla stessa rete – è stato proiettato il clip “Ilmibabbo” realizzato da Roberto Alborghetti con gli alunni della scuola di Piancastagnaio. Un documento originale, di estrema semplicità e di grande impatto, che vede protagonisti gli stessi alunni, i quali raccontano il lavoro dei loro papà e gli infortuni ed i rischi in cui quest’ultimi si sono imbattuti durante le ore lavorative.  Testimonianze sincere e dirette che hanno ricevuto molti applausi da tutti i presenti e che sottolineano ancora una volta come la prevenzione rappresenti un’arma letale per frenare incidenti sul lavoro e morti bianche. La docente Debora Spagnuolo, della scuola di Vallelata, ha portato la testimonianza personale di chi ha visto il proprio coniuge perire in un incidente sul lavoro, fatto che ha sollecitato spunti e riflessione agli alunni della scuola laziale. Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha seguito con vivo interesse e commozione questi toccanti momenti e non ha mancato di esprimere personalmente, ai docenti ed agli alunni, il suo plauso per l’impegno dimostrato.  

La partecipazione alle celebrazioni della “Giornata Nazionale per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro” al Quirinale rappresenta un’enorme soddisfazione per “Primi in sicurezza”. Un’iniziativa organizzata da Rossini Trading in collaborazione con ANMIL e il mensile Okay!, che in dieci edizioni ha saputo coinvolgere più di 1.000.000 di studenti e 3.000 scuole, aiutando i giovani a riflettere e sul tema della sicurezza e prevenzione degli infortuni sul lavoro. Un impegno che continua e si rafforza negli anni. E’ è già partita la 11a edizione. Trovate il bando su questo sito.Partecipate, chissà, magari anche voi potreste avere il grande onore che hanno avuto le scuole di Piancastagnaio e Vallelata… 

STORIE ED IMMAGINI SULL’ACQUA: PARTECIPATE ALLA 5a EDIZIONE DI “AMICA ACQUA”…BELLISSIMI PREMI PER VOI!


AMICA ACQUA / V EDIZIONE

La grande iniziativa-ricerca

per le scuole di Bergamo e provincia e della Lombardia

promossa dal Consorzio di Bonifica della Media Pianura Bergamasca

STORIE ED IMMAGINI SULL’ACQUA

Osserva dove vivi e racconta in piena libertà e fantasia il “mondo dell’acqua” del tuo paese, del tuo quartiere e della tua città. Sarà un modo per conoscere e tutelare le risorse idriche, bene prezioso per tutti.  

 

    1. —————————————————————————-

 

 

OBIETTIVI

L’acqua, bene prezioso, vista e raccontata dalla scuola attraverso una storia che aiuti a conoscere meglio una risorsa fondamentale per tutti. E’ questo il tema della ricerca-concorso che il Consorzio di Bonifica della Media Pianura Bergamasca promuove per le scuole Materne, Primarie e Secondarie di Primo grado di  Bergamo e provincia e per quelle della Lombardia.

L’iniziativa, che avviene nel contesto di quanto il Consorzio sta compiendo per la promozione, la valorizzazione delle risorse acquifere e la salvaguardia del territorio da esondazioni, si propone i seguenti obiettivi:

  • Avvicinare il mondo della scuola, e dunque le nuove generazioni, alle realtà ed agli aspetti dell’acqua, sensibilizzando sulla necessità di tutelare e salvaguardare un bene prezioso che va conosciuto ed usato in modo responsabile e corretto.

  • Offrire informazioni sul servizio e sull’azione svolti dal Consorzio di Bonifica della Media Pianura Bergamasca, da oltre cinquant’anni in primo piano nella tutela e nello sviluppo delle risorse acquifere del territorio bergamasca, promuovendo una maggiore conoscenza dell’acqua, come risorsa ma anche come realtà da cui proteggersi in caso di inondazioni.

COME PARTECIPARE

  • Il tema “STORIE ED IMMAGINI SULL’ACQUA”può essere sviluppato negli stili e nelle forme grafiche ed espressive più diverse, secondo la creatività di ognuno. Viene dunque chiesto di “lavorare sull’acqua”, ossia: indagare, verificare ed approfondire il ruolo, l’importanza e la presenza dell’acqua nel proprio paese, nel proprio quartiere e nel proprio territorio.

  • Si invita a “leggere” e a documentare l’ambiente – con immagini fotografiche, disegni e videoclip -; a raccontare di fiumi e ruscelli, rogge e torrenti, stagni e fontanelle, fonti e sorgenti e così via, raccontando storie, tradizioni, aspetti e curiosità legati al mondo della “propria acqua”. Ossia, dell’acqua che si vede e si osserva ogni giorno, cogliendone aspetti, problemi e realtà.   

  • Si suggerisce – anche attraverso una uscita “sul posto” – di indagare, verificare ed approfondire il ruolo, l’importanza e la presenza dell’acqua nel proprio paese, nel proprio quartiere e nel proprio territorio.  

  • I lavori potranno essere presentati nelle forme e con i supporti più vari: album, opuscoli, fascicoli, giornali scolastici, audiocassette, videocassette, cd-rom e così via.  Ossia, il prodotto delle proprie osservazioni “sul posto” potrà essere presentato sottoforma di disegni, fotografie, scritti, registrazioni audio, interviste ed immagini televisive. Il tema può essere articolato in piena libertà espressiva e creativa, secondo le competenze e le conoscenze di singoli allievi, delle classi e degli istituti.

PER VOI UNA… PIOGGIA DI PREMI!

PER LE SCUOLE MATERNE  

1° Premio – Videocamera

2° Premio – Lettore DVD

3° Premio – Stampante

4° Premio – Fotocamera digitale 

5° Premio – Fotocamera digitale

Premi di rappresentanza per i segnalati (libri, pubblicazioni)

PER LE SCUOLE PRIMARIE 

1° Premio – Videocamera

2° Premio – Lettore DVD

3° Premio – Stampante

4° Premio – Fotocamera digitale 

5° Premio – Fotocamera digitale

Premi di rappresentanza per i segnalati (libri, pubblicazioni)

PER LE SCUOLE SECONDARIE

1° Premio – Videocamera

2° Premio – Lettore DVD

3° Premio – Stampante 

4° Premio – Fotocamera digitale

5° Premio – Fotocamera digitale

Premi di rappresentanza per i segnalati (libri, pubblicazioni)

 

Per informazioni:

OKAY!

Tel. 035 314720

Fax 035 2281243

www.okayscuola.wordpress.com/

QUANDO E DOVE INVIARE I LAVORI

  1. I lavori dovranno essere realizzati e spediti entro il 20 MARZO 2013 alseguente indirizzo: Okay!, c/o Casa M. E. Mazza, via F. Nullo 48, 24128 Bergamo; farà fede il timbro postale. I lavori dovranno riportare in modo chiaro: classe, scuola, docente coordinatore ed indirizzo completo della sede del plesso o dell’Istituto, con numeri di telefono ed e-mail.

  2. Una commissione giudicatrice, a suo insindacabile giudizio, selezionerà gli elaborati ed attribuirà i premi previsti. La premiazione avrà nel mese di maggio 2013. Il Consorzio, in qualità di ente promotore, si riserva il diritto di utilizzare e valorizzare il materiale pervenuto nell’ambito delle più diverse  attività ed iniziative, anche editoriali. 

CON LORAX TUTTI A RACCOLTA PER IL RICICLO: UN NUOVO GRANDE GIOCO-RICERCA PER LE SCUOLE. ECCO COME PARTECIPARE


L’ambiente è la nostra risorsa più preziosa. Una verità tanto evidente quanto spesso sottovalutata. Per salvaguardarlo una buona pratica è il riciclo. Riutilizzare ciò che scartiamo è fondamentale per preservare tutto ciò che ci circonda. E di questo ne sarebbe felice anche il Lorax, una bizzarra creatura che abita i boschi…

Sopravvivere” sulla Terra non è un gioco da ragazzi! Molto dipende dal nostro sforzo di mantenere il pianeta in ottimo stato, e questo lo possiamo fare soltanto preoccupandoci dell’ambiente. Tutto quello che ci circonda – i mari, i laghi e i boschi – è un patrimonio inestimabile che va salvaguardato con un costante impegno di tutti noi. Come? Sicuramente valorizzando ciò che scartiamo attraverso la raccolta differenziata e il riutilizzo di tutti i materiali riciclabili. Il primo passo per essere dei buoni cittadini, rispettosi dell’ambiente, parte proprio da qui. Infatti, come ben sappiamo, la natura non prevede rifiuti, come li intendiamo noi. Tutto ciò che viene scartato viene assorbito dall’ambiente e rimesso “in circolo”; questa è la prima, fondamentale, lezione che dobbiamo imparare dalla natura.

Dobbiamo dunque sforzarci di produrre oggetti e beni che siano biodegradabili, oppure se ciò non fosse possibile, contribuire al riutilizzo dei materiali come plastica, vetro e carta per creare nuovi oggetti. Ridare vita ai materiali attraverso il riciclo: un obiettivo a cui tutti dobbiamo tendere. Quindi, è importante educare all’ecosostenibilità sin da piccoli: partendo magari dalla raccolta differenziata sino ad arrivare a sensibilizzare sui pericoli del disboscamento e dello scioglimento dei ghiacci. Tutti temi che ci coinvolgono direttamente e, in particolare, chiamano in causa i nostri comportamenti. E se da soli non ci riusciamo, può darci una mano il Lorax, una creatura tanto burbera quanto affascinante, protagonista di un nuovo film di animazione in cui i temi ambientali sono al centro della storia. Il Lorax vive in un bosco e la sua dimora sono gli alberi. Ecco perché, temendo il pericolo del disboscamento, cerca di sensibilizzare grandi e piccini a un comportamento ecosostenbile.

Il tema dell’educazione alla ecosostenibilità e al riciclo, in particolare, è di primaria importanza, sia per la formazione delle nuove generazioni, sia, soprattutto, per mantenere in buona salute il nostro pianeta. Proprio per questo, sarebbe molto interessante coinvolgere gli alunni invitandoli a partecipare a bando di concorso: “Tutti a raccolta per il riciclo” attraverso la realizzazione di un elaborato (di qualsiasi tipo) che testimoni le loro esperienze con il riciclo e il riuso dei materiali.

*

ECCO
COME PARTECIPARE

PERIODO: Dal 15/09 al 31/12/2012.

DESTINATARI: Classi delle scuole materne, primarie e secondarie di primo grado.

MODALITÀ: L’iniziativa viene promossa al fine di sensibilizzare gli alunni alle tematiche ambientali e responsabilizzarli sulla salvaguardia dello stesso.

Per partecipare, sarà sufficiente che la classe invii uno o più elaborati creativi, realizzati dai propri alunni (disegno, collage, tempera, costruzione, etc.) che abbiano come tema “Il riciclo”.

Gli elaborati dovranno essere inviati in busta chiusa insieme ai dati della classe partecipante (nome della scuola, classe, sezione, nome dell’insegnante referente, indirizzo, numero di telefono ed eventualmente e-mail) e dovranno pervenire entro il 31/12/2012 a: Okay! c/o Casa M.E Mazza, Via  Nullo, 48 – 24128 Bergamo.

Entro il 31/01/2013 una giuria composta da 3 membri (un rappresentante della rivista Okay!, un rappresentante della società Universal Pictures HE e un loro consulente di comunicazione) valuterà gli elaborati. Premiazione entro il 29/03/2013.

Le tre classi vincitrici si aggiudicheranno:

1° classificata: ingresso con visita guidata per tutta la classe in una delle oltre 100 Oasi WWF in Italia

2° classificata: 30 DVD per la classe

3° classificata: 30 poster del film e 30 matite di Lorax

*

NON PERDERTI IL LORAX!

Dai creatori di Cattivissimo Me, una nuova animazione per tutta la famiglia. Lorax il Guardiano della Foresta è un vero inno al rispetto per la natura: una bizzarra creatura dall’aspetto burbero, ma simpatico a cui sta a cuore l’ambiente e che farà di tutto per combattere chi vuole distruggere il suo ecosistema. Acquista subito  il cartone più “ecologicamente corretto” dell’anno!

Collegati al link e scopri tutto sul film:

http://www.ibs.it/dvd/fat/fatlor.asp

**********************************************************************************

PRIMI IN SICUREZZA 2012: CLICCA E SCARICA IL CLIP SUI LAVORI DELLA DECIMA EDIZIONE


 

Ecco il clip celebrativo della decima edizione di PRIMI IN SICUREZZA promossa da ROSSINI TRADING SPA, ANMIL ed OKAY! Una veloce carrellata su alcuni dei lavori pervenuti. Clicca e vedi…

PRIMI IN SICUREZZA 2012 / VIDEOCLIP 10a EDIZIONE