VEROLI (FR): DOMANI LA MATTINATA PER “ALBUMONE”, IL “LIBRATTIVO” CHE HA ENTUSIASMATO LA SCUOLA


IC Veroli 20 5 2019

Veroli (FR), presso l’Istituto Comprensivo n.2 diretto dalla dott.ssa Angela Avarello, c’è grande attesa per una sorprendente mattinata, tutta dedicata ad AlbumOne n.2, edito da Funtasy, scritto da Roberto Alborghetti e illustrato da Eleonora Moretti. Domani, lunedi  20 maggio 2019, l’autore del libro “più innovativo degli ultimi anni” (parole testuali di molti insegnanti) sarà con i piccoli allievi ed i docenti della Scuola dell’Infanzia dell’IC Veroli 2, che comprende diversi plessi.

Tutto avrà inizio alle ore 9. Le varie classi, nel corso degli ultimi mesi, guidati dal gruppo delle maestre, hanno lavorato sulle pagine di AlbumOne n.2, che narra la storia di “Dino Contadino e la mucca Dosolina”. Lo avevano già fatto con AlbumOne n.1, “Avventure in mongolfiera”, registrando sorprendenti risultati nel campo dell’apprendimento, del coinvolgimento e del… divertimente. E dunque, è stato così anche con il fascicolo n.2 degli AlbumOne di Funtasy. Appuntamento dunque domani a Veroli, per una mattinata speciale. Dino Contadino e Dosolina, per la gioia, non stanno più nella pelle!

  • Segnaliamo che Funtasy Editrice ha approntato corsi di aggiornamento per docenti della scuola dell’infanzia e della primaria (prime due class) con una Unità didattica di 25 ore sul tema “Che Storia!”, nella scia delle esperienze legate al progetto di “AlbumOne”. Per informazioni: Paolo Sandini, funtasyeditrice@gmail.com

Annunci

CONTA CON 44 GATTI: SCADENZA INVIO LAVORI POSTICIPATA AL 25 MAGGIO! E GUARDATE CHE PREMI!


L’iniziativa “Conta con 44 gatti”, progetto didattico lanciato da RAINBOW in collaborazione con OKAY!, proroga eccezionalmente fino al 25 maggio 2019 la possibilità di partecipare alla entusiasmante gara creativa sul mondo dei piccoli felini, gli amici gatti. Numerosi i premi in palio: c’è innanzitutto la Grande Festa con i personaggi del cartone animato, che arriveranno direttamente alla vostra scuola! Da segnalare che grazie alla collaborazione con FABBRI EDITORI, i bambini delle classi seconde e terze classificate riceveranno un bellissimo libro sonoro! Ecco tutti i premi:

SCUOLA MATERNA:

1° Premio      La FESTA per la scuola con i personaggi LAMPO, MILADY, PILOU e POLPETTA

2° premio      Il LIBRO SONORO di FABBRI EDITORI per tutti i bambini della classe che risulterà seconda classificata

3° premio      Il LIBRO SONORO di FABBRI EDITORI per tutti i bambini della classe che risulterà terza classificata

 

SCUOLA PRIMARIA:

1° Premio      La FESTA per la scuola con i personaggi LAMPO, MILADY, PILOU e POLPETTA

2° premio      Il LIBRO SONORO di FABBRI EDITORI per tutti i bambini della classe che risulterà seconda classificata

3° premio      Il LIBRO SONORO di FABBRI EDITORI per tutti i bambini della classe che risulterà terza classificata

 

Qui sotto il regolamento.

 CONTA CON 44 GATTI

Un tenerissimo progetto dedicato alle scuole materne e

alle prime due classi delle scuole primarie

RAINBOW in collaborazione con OKAY! lancia una grande iniziativa per favorire l’apprendimento dei primi concetti logico-matematici.

E’ divertente giocare e imparare a contare con gli A-mici della nuova serie televisiva “44 Gatti”, in onda dal 12 novembre su Ray Yoyo!

Il link al sito ufficiale

https://www.44cats.tv/it

 

COME PARTECIPARE?

Gli amici POLPETTA. PILOU, MILADY E LAMPO, hanno bisogno della collaborazione dei bambini: devono partire per una nuova avventura!

I bambini possono scegliere il loro personaggio preferito, immaginare e disegnare il luogo dove i loro amici andranno nella prossima avventura.

Si possono realizzare disegni, colorarli, ritagliarli per poi fare tutti insieme un album oppure un plastico.

L’insegnante potrà montare i disegni usando PowerPoint e inserire la musica della canzone “44 Gatti” cantata dai bambini. Oppure si può invenîare un gioco dell’oca con i luoghi immaginati dalla classe.

I più grandi invece possono raccontare una storia e creare un audiolibro.

E’ anche possibile realizzare un video “gattoso” dove la classe interpreta i propri personaggi preferiti. (***)

Le possibilità sono infinite!

 

SCADENZA: 25 MAGGIO 2019

Tutti i lavori devono essere inviati in formato elettronico all’indirizzo e-mail:

okaysegreteria.mhstudyo@gmail.com

 

A GIUGNO 2019 IL GRAN FINALE

Fra tutte le scuole partecipanti, la Giuria sceglierà i due lavori più originali: uno per la sezione delle scuole materne e uno per la sezione delle prime due classi della scuola primaria. RAINBOW organizzerà presso le due classi vincitrici una grande festa con la partecipazione di POLPETTA, PILOU, MILADY e LAMPO!

(*** Si ricorda che per foto e video è indispensabile inviare tutte le liberatorie)

contacon44gatti_bando_pag1 - Copia

 

IC “CAPPONI” DI MILANO: TUTTI INSIEME PER L’AMBIENTE (31 MAGGIO)


Va segnata questa data: 31 maggio 2019. A Milano, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo “Gino Capponi”, guidato dalla prof.ssa Gabriella Conte, andrà in scena una mattinata speciale: “Tutti insieme per l’Ambiente!”. Si terrà presso lo stesso IC, alla Scuola secondaria di primo grado “Gramsci”, ma coinvolgerà l’intero quartiere e, speriamo, l’intera città. Ma non solo. Sarà lanciato e proposto, alle Scuole di tutta Italia, l’invito ad unirsi idealmente nella firma di un Grande Impegno: quello di rispettare l’Ambiente e di unire gli sforzi per garantire lunga vita al nostro Pianeta.  Un impegno quanto mai urgente, che verrà sottoscritto concretamente, con la partecipazione diretta degli studenti. 

All’IC “Capponi” di Milano, infatti, avrà ufficialmente luogo la firma del “patto” che si trova nelle pagine conclusive de LamiAgenda, il diario innovativo adottato dalle scuole italiane e anche dallo stesso IC “Capponi”. Un gesto che da Milano, ci auguriamo, possa estendersi anche al resto d’Italia, proprio attraverso le pagine de LamiAgenda che, quest’anno, era proprio dedicata al tema dell’Ambiente, “Tutti su per Terra!”. Dunque, appuntamento a Milano il 31 maggio 2019. All’Istituto Comprensivo “Capponi”, insieme alla ds Gabriella Conte, stanno già lavorando docenti, alunni e famiglie per rendere speciale questo momento di fine anno scolastico. Da Milano verrà lanciato alle scuole di tutta Italia l’invito ad impegnarsi per essere “Tutti su per Terra!”. 

FIRENZE: GUSTARSI UN GELATO SULLA TERRAZZA DEGLI UFFIZI…


Gelateria Uffizi

Ecco la Gelateria degli Uffizi: dal 15 maggio, sulla terrazza del celebre museo fiorentino collocata sulla loggia dei Lanzi in piazza Signoria, per la prima volta i visitatori potranno gustare coppette, di fattura artigianale fiorentina, firmate ‘Gallerie degli Uffizi’. Otto, tutti grandi classici, i gusti a disposizione: crema, cioccolato, fiordilatte, pistacchio, nocciola, frutti di bosco, limone, fragola. L’inaugurazione della Gelateria degli Uffizi ha visto la presenza del direttore Eike Schmidt.

“Benché l’estate quest’anno sembri aver intenzione di presentarsi in netto ritardo, noi non ci faremo trovare impreparati – dice Schmidt – siamo l’unico museo a Firenze a essere dotato di una vera e propria gelateria artigianale. In attesa della grande gelateria Buontalenti, che aprirà presto i battenti nel giardino mediceo di Boboli, cittadini e turisti potranno assaggiare gli squisiti gelati degli Uffizi”.

Ora speriamo davvero che arrivi la cosiddetta “bella stagione”!

FENOMENI /I CARTONI ANIMATI CON NINJA E SAMURAI


SAMURAI E NINJA

Guest Writer: GIANNI SORU

“L’INVINCIBILE SHOGUN”

Andato in onda nel 1981 su Canale 5, ha riscosso un discreto successo. Il saggio e vecchio Komon dello Shogun Mitsukunimito, è stato incaricato di viaggiare attraverso il Giappone per ispezionarle. E’ scortato nel suo viaggio da 3 guerrieri, un bimbo ed un cane. La sigla è cantata dai fratelli Balestra nel 2008: “Guardalo un viandante in incognito. E una scorta invisibile pronta a combattere sì. Per fortuna c’è Shogun che il nemico scoverà il cattivo punirà l’ingiustizia vincerà e il sorriso tornerà. Per fortuna c’è Shogun che combatterà per noi il sigillo mostrerà e la battaglia finirà. Valoroso samurai dove te ne vai solo tu lo sai i guerrieri amici tuoi siamo tutti noi non scordarlo mai. Grazie ai magici poteri oggi più di ieri sei un eroe per noi. Il tuo popolo t’aspetta sfida la tempesta prode samurai…”

“SASUKE IL PICCOLO NINJA”

Andato in onda nel 1981 su Telemontecarlo, ha riscosso un buon successo. Sasuke è un ragazzino ninja agile e veloce è abile anche nel mimetizzarsi. Tutte le tecniche che ha imparato dal padre le utilizzerà per difendersi dai ninja che vogliono ucciderlo. La sua arma sono le stelle ninja. La linea collezione di Sasuke è stata: adesivo, cartolina, disco, quaderno e segnalibro. La bella sigla è cantata dai Cavalieri del Re ed è entrata in classifica vendendo 120 mila copie. “Nel magico paese del Sol Levante, l’armata giapponese di Shogun, da tempo ormai saccheggia la brava gente, terrore in tutti semina laggiù. Ma ecco con un urlo, tremendo e gelido, arriva da una piccola città, un giovane guerriero, dal volto impavido, sicuramente lui ci aiuterà. Sei furbo, sei forte, sconfiggi la morte, oh piccolo guerriero samurai. Sasuke, Sasuke, guerriero nobile difendi con furore, l’amico debole nessuno ti può vincere perché, tu sei cintura nera a karatè. Sasuke, Sasuke, col tuo kimono sei così feroce, ma infondo buono sconfiggere il tiranno tu saprai, oh nobile guerriero samurai. Sasuke, Sasuke, nel vento la tua voce, riporterà la pace su noi. Ah!…”

“L’INVINCIBILE NINJA KAMUI”

Andato in onda nel 1982 su Telemontecarlo, ha riscosso un discreto successo. Giappone del 16° secolo, Kamui è un ninja addestrato da una setta, come agente segreto. Kamui infrange le regole per diventare un uomo libero. I suoi capi gli manderanno vari guerrieri ninja per punirlo del suo tradimento. La sua arma una spada. La sigla è cantata dai fratelli Balestra: “Un ragazzo forte ed invincibile tue sei lotti contro quei nemici che son stati amici tuoi. Odi la violenza odi il male ma vedrai che soltanto con la forza la tua vita salverai. Ninja Kamui tu sei, forte come cento e più guerrieri. Ninja Kamui lotterai, la tua spada al sole brillerà…”.

“LA FURIA DI HONK KONG”

Andato in onda nel 1982 su Telenova, non ha avuto molta fortuna. Penrod Pooch è un cane che fa le pulizie nella stazione di polizia della città, ma quando arriva il crimine entra nel cassetto della scrivania ed indossa una mascherina e il kimono bianco. Ma nella lotta del kung fu è un vero disastro. È sempre il gatto Spot a risolvere i crimini.

“IL PICCOLO GUERRIERO”

Andato in onda nel 1982 su Antenna 3, non ha avuto fortuna. Il bimbo Sasuke dopo aver appreso le tecniche ninja lotta contro il clun di Iga che vuole impadronirsi delle terre dove abita lui. Il piccolo Sasuke conosce anche la magia ninja. Suo amico un amico grassottello goloso di sakè.

“NINO IL MIO AMICO NINJA”

Andato in onda nel 1984 su Euro TV non ha avuto fortuna. Ken, 12 anni, un giorno, mentre sta guardando in TV un film ninja, gli appare Nino, un bimbo vestito da ninja. Nino si trasferisce ad abitare a casa di Ken e lo difende dai prepotenti. Con lui arriva anche il suo fratellino più piccolo Lino ed il cane. Loro grande nemico è in ninja Lucifero.

La sigla è cantata dai Cavalieri del Re: “Ken è un ragazzino in gamba come te, va tutti i giorni a scuola proprio come te, ma tra tutti noi soltanto lui è il grande fortunato (bravo Nino!). Guarda la televisione proprio come te, cartoni d’ogni genere e di favole, ma giocare con l’amico suo è ciò che ama di più. Amico Nino dove vai, su resta ancora un po’ con noi, sei divertente quando fai, le lotte come i grandi eroi. Ti muovi con agilità, sai esser docile se vuoi, in te c’è tanta nobiltà, come un antico samurai…”

“NINJA BOY”

Andato in onda nel 1991 su Junior TV non ha avuto molta fortuna. Kabamaru è un ninja un po’ rozzo e adora mangiare. Si innamora della sua compagna di scuola Mai e vuole conquistarla, ma lei ha occhi solo per lo studente modello. Kabamaru riuscirà ad andare a vivere presso la casa della sua bella.

“SAMURAI JACK”

Andato in onda nel 2002 su Cartoon Network è stato un flop. Giappone, il malvagio stregone Aku, uno stregone  semina terrore. Jack, è il figlio di  un imperatore ha imparato l’arte del combattimento e combatte contro gli uomini di Aku.

“NARUTO”

Andato in onda nel 2006 su Italia 1, ha riscosso un grande successo. Il dodicenne Naruto Uzmaki è un aspirante ninja. Pasticcione, coraggioso, indisciplinato e pieno di entusiasmo, custodisce lo Spirito della Volpe a nove code. Dovrà imparare a controllare il suo potere attraverso la tecnica della moltiplicazione del corpo. La linea collezione di Naruto è stata: adesivi, album di figurine, astuccio, bagnoschiuma, bandana, borsa, calendario, cappelli, card, cartoline, ciabatte, ciondolo, diario, dvd, fumetto, guanti, Lemonsoda, magliette, ovetto di cioccolato, patatine, portachiavi, portafoglio, poster, pupazzi, quaderno, segnalibro, tappetino mouse, tatuaggi, trasferelli, uovo di Pasqua, videogioco, zaini…

La sigla è cantata da Giorgio Vanni: “Io credo in me, nel cuore mio, Naruto, Naruto. Io credo in me, nel cuore mio, Naruto, Naruto. Il sogno mio realizzerò, ci puoi scommettere, un ninja anch’io diventerò, che di amici non ne ho. Saluto i guai, degli anni miei, che ormai sono 12. Diventerai un guerriero che già sei, e non fra ombra e luci. Io credo in me, nel cuore mio, che non ha radici. Io credo in me, e dico addio, ai miei giorni grigi come un raggio, che ha il coraggio, di lasciarsi il sole dietro se.  Io credo in me, nel cuore mio, e al dolore dico addio. Io credo in me nel cuore mio…”.

“RANDY UN NINJA DI CLASSE”

Andato in onda nel 2013 su Disney XD è stato un flop. Randy ritrova la NinjaNomicom, una guida di 800 anni fa: grazie a questa, scoprirà di essere stato scelto per diventare il nuovo ninja di Norrisville. Dovrà salvare i suoi compagni di classe dall’attacco di vari mostri.

“MINI NINJA”

Andato in onda nel 2014 su Rai Gulp non ha avuto fortuna. 7 ragazzini diventano i guerrieri ninja e devono difendere gli animali della foresta. Loro nemico è Ashida che trasforma gli animali in guerrieri terribili. “Sette ninja alla riscossa per proteggere gli animali, sfidano Ashida terribile mago ecco i nuovi eroi. I mini ninja. I mini ninja. I mini ninja”.

Ricordiamo anche i telefilm di “SHOGUN” andato in onda nel 1983 su Rai 2. E “MONJIRO CAVALIERE SOLIARIO” andato in onda nel 1983 su Telecity. La sigla  è cantata dai fratelli Balestra.

GIANNI SORU

FIRENZE: UNA GRANDE MOSTRA CELEBRA IL VERROCCHIO, MAESTRO DI LEONARDO


Prima grande retrospettiva dedicata a una delle figure simbolo del Rinascimento, la mostra  riunisce capolavori di Verrocchio e dei più famosi artisti dell’epoca.

Fino al 14 luglio 2019, la mostra  Verrocchio, il maestro di Leonardo presenta per la prima volta a Palazzo Strozzi, con una sezione speciale al Museo Nazionale del Bargello, straordinari capolavori di Andrea del Verrocchio, a confronto serrato con opere capitali di precursori, artisti a lui contemporanei e discepoli, come Desiderio da Settignano, Domenico del Ghirlandaio, Sandro Botticelli, Pietro Perugino, Bartolomeo della Gatta, Lorenzo di Credi e Leonardo da Vinci. Nel 2019 si celebra il cinquecentesimo anniversario della morte di quest’ultimo, il suo più grande allievo, e l’esposizione di Palazzo Strozzi e del Museo Nazionale del Bargello si offre come uno dei più importanti eventi a livello internazionale nell’ambito delle celebrazioni leonardiane.
Curata da due tra i maggiori esperti del Quattrocento, Francesco Caglioti e Andrea De Marchi, la mostra comprende oltre 120 opere tra dipinti, sculture e disegni, con prestiti provenienti da oltre settanta tra i più importanti musei e collezioni private del mondo come il Metropolitan Museum of Art di New York, la National Gallery of Art di Washington DC, il Musée du Louvre di Parigi, il Rijksmuseum di Amsterdam, il Victoria and Albert Museum di Londra, le Gallerie degli Uffizi di Firenze. La mostra costituisce la prima retrospettiva mai dedicata a Verrocchio, mostrando al contempo gli esordi di Leonardo da Vinci, con sette sue opere, alcune delle quali per la prima volta esposte in Italia. Una mostra straordinaria che offre uno sguardo sulla produzione artistica a Firenze tra il 1460 e il 1490 circa, l’epoca di Lorenzo il Magnifico.
Artista emblematico del Rinascimento e prototipo del genio universale, Verrocchio sperimentò nella sua bottega tecniche e materiali diversi, dal disegno alla scultura in marmo, dalla pittura alla fusione in bronzo. Egli formò un’intera generazione di maestri, con i quali ha sviluppato e condiviso generosamente il proprio sapere. Nella storia dell’arte solo Giotto, Donatello e Raffaello hanno dato origine a una “scuola” paragonabile a quella di Verrocchio. Tramite il suo insegnamento si formarono artisti che hanno diffuso in tutta Italia, e fuori, il gusto e il linguaggio figurativo fiorentino, come testimoniano opere quali il David in prestito dal Museo Nazionale del Bargello, uno dei simboli assoluti dell’arte del Rinascimento e della città di Firenze stessa, e il Putto col delfino, in prestito dal Museo di Palazzo Vecchio, opera capitale e modello di naturalezza. Alla scultura si affiancano dipinti supremi come la Madonna col Bambino della Gemäldegalerie di Berlino o la Madonna col Bambino e angeli e l’Arcangelo Raffaele e Tobiolo della National Gallery di Londra: capolavori presentati insieme per la prima volta, che attestano lo straordinario talento di Verrocchio nel campo della pittura, in cui diviene punto di riferimento per i suoi celebri allievi. Formidabile, inoltre, la selezione di disegni e dipinti su lino provenienti da alcuni dei più importanti musei del mondo, che permetteranno un confronto vivo e diretto tra i lavori del maestro e quelli dei suoi allievi, come nel caso della celebre Dama dal mazzolino del Bargello posta accanto allo studio di Braccia e mani femminili di Leonardo da Vinci, generosamente concesso in prestito da Sua Maestà la Regina Elisabetta II. Parte fondamentale della mostra sono infatti opere del giovane Leonardo, che negli anni Settanta lavorò nella bottega di Verrocchio, contribuendo al passaggio verso la Maniera Moderna, uno dei temi più avvincenti dell’arte di tutti i tempi.
L’esposizione si propone di illustrare l’inesauribile vena creativa del maestro in un intreccio profondo e continuo tra pittura e scultura, presentando la sua opera nel dialogo costante con allievi fuori dal comune, per i quali la sua bottega fu luogo di intensa sperimentazione e condivisione.

*

SCHEDA TECNICA
Titolo Verrocchio, il maestro di Leonardo
Sede Firenze, Palazzo Strozzi

Periodo 9 marzo-14 luglio 2019
Mostra curata da Francesco Caglioti e Andrea De Marchi
Promossa e organizzata da Fondazione Palazzo Strozzi, Firenze
Musei del Bargello, Firenze
Con la collaborazione della National Gallery of Art, Washington DC
Con il sostegno di Comune di Firenze, Camera di Commercio di Firenze, Regione Toscana
Con il contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze
Main sponsor Intesa Sanpaolo
Con il supporto di Terna, Bank of America Merrill Lynch
Media coverage by Sky Arte
Con la partecipazione di Opera di Santa Maria del Fiore, Opera Medicea Laurenziana

Sponsor tecnici Ferrovie dello Stato Italiane, Ataf gestioni, Busitalia, Feltrinelli, Ufficio
Turismo Città Metropolitana di Firenze, Toscana Aeroporti, Unicoop
Firenze, Firenze Parcheggi, Rinascente, Mercato Centrale Firenze

Ufficio stampa Fondazione Palazzo Strozzi: Lavinia Rinaldi
T. +39 055 3917122 l.rinaldi@palazzostrozzi.org
Antonella Fiori: T. + 39 347 2526982 a.fiori@antonellafiori.it
Brunswick Arts: PALAZZOSTROZZI@brunswickgroup.com
Comunicazione Susanna Holm – Sigma CSC
e Promozione T. +39 055 2340742 susannaholm@cscsigma.it
Catalogo Marsilio Editori, Venezia

Prenotazioni Sigma CSC T. +39 055 2469600 F. +39 055 244145
e attività didattiche prenotazioni@palazzostrozzi.org
Informazioni T. +39 055 2645155 http://www.palazzostrozzi.org

Orari Tutti i giorni 10.00-20.00, Giovedì 10.00-23.00. Dalle ore 9.00 solo su
prenotazione. Accesso consentito fino a un’ora prima dell’orario di
chiusura
Biglietti Intero € 13,00; ridotto € 10,00; € 4,00 Scuole

Per i possessori del biglietto di ingresso al Museo Nazionale del Bargello
e UAM Pass speciale ridotto € 9,00

LE MIE GIORNATE SENZA TELEFONINO: IL TEMA DI UMBERTO


Umberto Maletta è uno studente che frequenta la scuola secondaria di primo grado a Cosenza. Ha scritto un bel tema sulle sue giornate senza il telefonino, oggetto che è ormai divenuto una ossessione per i nativi digitali. Il tema di Umberto ci è piaciuto e lo vogliamo condividere perché è una bella riflessione utile a tutti noi, piccoli e grandi.

FANO: DOMANI (12 MAGGIO) LE STRADE CHIUDONO PER FARE SPAZIO AL GIOCO DEI BAMBINI


FANO La città delle bambine e dei bambini (2)DCIM/100MEDIA/DJI_0574.JPG

Nel libro e negli incontri di “Social o dis-social?” è sempre lanciato un appello: togliamo tablet e cell dalle mani dei bambini e ragazzi e mandiamoli a giocare, nelle strade e nelle piazze. La città di Fano si muove, risponde e fa sul serio. Dà ascolto alle esigenze dei più piccoli. E’ così dal 1991, ci teniamo a ricordarlo, Fano è l’unica città in Italia ad avere un consiglio comunale permanente di bambini e questa domenica, 12 maggio, si dà nuovamente il via alla kermesse “la città da giocare”, l’iniziativa nata dalla richiesta del Consiglio dei Bambini al Comune per rivendicare il diritto dei piccoli ad utilizzare gli spazi pubblici e muoversi in sicurezza ed autonomia nelle strade della città.

E qui si chiudono strade importanti, si chiude la Statale Adriatica SS.16 e si invitano tutti i bambini della città, della regione e d’Italia a unirsi e a partecipare alla grande, fanciullesca, kermesse: un evento di grande significato perché ha l’obiettivo di sensibilizzare la cittadinanza sull’uso delle strade non solo da parte delle auto.

La città della bambine e dei bambini porta al centro le persone, la qualità della vita e dell’ambiente urbano attraverso la condivisione degli spazi pubblici e il rispetto dei diritti di tutti a vivere la città. Così, dalle ore 15:30 alle ore 20:00 di domenica 12 maggio le bambine e i bambini di Fano invitano tutti gli altri bambini a unirsi a loro nei giochi e nelle attività ludiche, a riappropriarsi degli spazi della città e a vivere una realtà diversa, declinata sulle loro esigenze.

Giochi, animazioni e laboratori creativi curati da scuole, associazioni e gruppi sportivi tutti uniti per i bambini. E allora si leggerà ad alta voce, si seguirà un melo incantato, si giocherà in cinese, in inglese, in spagnolo. Si scoprirà cos’è un bambino e i bambini sveleranno “io chi sono”. Si andrà a giocare in bici – e si riceverà una fantastica sorpresa – si incontreranno i bambini fotografi, si parteciperà ad ogni genere di giochi e non ci saranno pericoli. Sono davvero in tanti a preparare i giochi per i bambini, ben 21 associazioni sportive e 44 associazioni ludico creative. Si gioca e si impara con la Fondazione “Michele Scarponi rispetta la vita” che presenta un divertente percorso ciclabile a gimcana con segnaletica verticale e orizzontale per spiegare ai piccoli il corretto utilizzo delle piste ciclabili e dei relativi segnali.

E non finisce qui, perché a Fano maggio e giugno vedono tante altre iniziative nel calendario degli eventi dedicati ai bambini: il 15, 18 e 19 maggio, e il 5 giugno sono i prossimi appuntamenti, ma i bambini della città e i bambini turisti possono tenersi aggiornati sul sito della città dei bambini.

“La città delle bambine e dei bambini” è una delle identità principali di Fano, scelta e declinata anche nel nuovissimo City Brand per comunicare l’importanza e il rilievo che hanno nel tessuto sociale e cittadino le esigenze dei più piccoli cui, la città, da ben 28 anni, si dedica con molto amore.

Per partecipare alle attività dei bambini a Fano consultare:  https://cittadeibambini.comune.fano.pu.it/ oppure scrivere a: cittadeibambini@comune.fano.pu.it 

o diventare amici su Facebook: @fanocittadeibambini

Per conoscere a fondo la vasta offerta turistica di Fano una guida imprescindibile, in italiano e inglese, completa di tutto è il sito ufficiale del Turismo della città https://www.turismofano.com/.

“SOCIAL O DIS-SOCIAL?”: GIORNATA DI INCONTRI A S.BARTOLOMEO IN GALDO E BASELICE (17/5/’19)


lOCANDINA

Il giro degli incontri di presentazione di “Social o dis-social?” arriva anche in provincia di Benevento, precisamente nel territorio dell’Alto SannioSan Bartolomeo in Galdo e Baselice sono le località che saranno coinvolte negli incontri previsti per venerdi 17 maggio 2019, nell’ambito delle attività dell‘Istituto Comprensivo Leonardo Bianchi, diretto dalla DS dott.ssa Maria Vittoria Barone. E’ l’unica tappa in Campania di un lungo tour che finora ha interessato più di 180 città, coinvolgendo già quasi 20 studenti.

Roberto Alborghetti, autore del libro edito da Funtasy con le illustrazioni di Eleonora Moretti, guiderà gli incontri, aperti alle Istituzioni, ai genitori degli allievi, alle associazioni culturali, sportive e religiose presenti sul territorio. L’iniziativa è stata organizzata dalle docenti di scuola primaria Maria Leonarda Colucci e Angelica Paolozza. Hanno collaborato, per la buona riuscita dell’evento, i collaboratore del DS Carmela Grosso e Giovanna Pepe e i referenti di plesso Giovannina D’Andrea, Delia De Matteis, Raffaella Santoro, tutti i docenti dell’IC Bianchi. L’iniziativa è coordinata dalla Libreria Damiano ( Via Vetrone ) di Benevento. Il programma interesserà, nella mattinata, classi della scuola primaria e della secondaria di 1°. Questi gli  orari degli incontri, nei quali sarà presente anche Paolo Sandini di Funtasy Editrice:

  • BARTOLOMEO IN GALDO (BN)– ORE 8.30 INCONTRO PRESSO IL TEATRO COMUNALE (SITUATO NEL CENTRO STORICO DELLA CITTÀ).
  • BASELICE (BN)– ORE 30 INCONTRO PRESSO LA SCUOLA PRIMARIA, IN VIA LUIGI CAPUANO.

Al centro degli incontri con studenti e genitori verranno posti aspetti e questioni della cittadinanza digitale, tema urgente e tra i più sensibili dei nostri giorni. Non nuovo a testi che riguardano il rapporto tra le nuove generazioni e l’uso responsabile degli strumenti informatici e di Internet, Roberto Alborghetti sta compiendo un lungo giro tra varie città italiane, incontrando migliaia di studenti, docenti e genitori sulle tematiche suggerite da “Social o dis-social?”, pubblicato da Funtasy Editrice.

Il libro – che presenta una riflessione introduttiva del prof. Mario Morcellini, commissario nazionale AGCOM – si propone come una sorta di accattivante guida per accompagnare gli “under 14″(e non solo) nella navigazione dell’web. Illustrato graficamente da Eleonora Moretti e stampato con il carattere Easy Reading – che facilità la leggibilità nei soggetti che vivono forme di dislessia, fenomeno che gli stessi dati del Miur indicano in costante aumento – “Social o dis-social?” risponde in modo concreto all’esigenza di informazione e formazione sulle tematiche dell’uso consapevole della tecnologia digitale. Infatti, si leva insistente da molti genitori l’allarme che riguarda i figli eternamente iper connessi sugli schermi di smartphone, tablet e play station, preda di chat e videogiochi che rubano sempre più tempi e spazi.

Un’attrazione fatale che, appunto, comincia dai primi anni di vita e si consolida col passare degli anni, sino a diventare una vera dipendenza. Numerosi sono i moniti provenienti dal campo medico, scientifico e pedagogico. Lo stesso Tim Cook, il gran capo di Apple, e Tim Berners Lee, “padre fondatore” della Rete, parlano di overdose da connessione. Vi è dunque la necessità di fornire ai più giovani, e ai genitori, elementi e strumenti di lettura della realtà per capire se il web ci stia effettivamente rendendo più “dis-social” che “social”. Come appunto suggerisce il titolo del libro che sarà al centro della giornata nell’Alto Sannio.

“TI PARLO DELLA MIA FAMIGLIA”: INIZIATIVA PROROGATA FINO AL 10 NOVEMBRE 2019


Una comunicazione importante: l’iniziativa “Ti parlo della mia famiglia”, promossa da Kiwanis, a grande richiesta delle scuole, è stata prorogata. La scadenza per l’invio degli elaborati, anche in forma elettronica, è stata portata al 10 novembre 2019, offrendo così la possibilità di partecipare anche durante il periodo estivo e delle vacanze. I lavori già consegnati ed inviati sono ovviamente già tenuti in considerazione e partecipano già a pieno titolo all’iniziativa.  

Intanto, nelle foto qui sopra, alcuni dei lavori già pervenuti ad Okay! per  “Ti parlo della mia famiglia”, l’iniziativa di Kiwanis per le scuole. Gli elaborati – giunti via email a okayredazione@gmail.com – sono stati realizzati dalle classi 1/2 H della scuola secondaria di 1° dell’IC Pascoli di Aprilia, con il coordinamento della docente Gledis Baravelli.

MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE

Raccontare la propria famiglia, parlare dei propri genitori, dei propri fratelli e sorelle, narrare “come” si vive all’interno delle mura della propria casa, le proprie giornate, ricordando episodi e momenti lieti o tristi che si sono vissuti insieme, i piccoli e grandi gesti che si compiono quando si vive insieme e si sogna insieme…

E’ questo il senso della quarta edizione dell’iniziativa “Ti parlo della mia famiglia” che Kiwanis ed OKAY! dopo il grande successo delle precedenti tre edizioni, promuovono a livello nazionale tra le scuole materne, scuole primarie e secondarie di primo grado, statali e paritarie.

FINALITA’

La finalità è quella di dare spazio, visibilità e attenzione alle voci di ragazze e ragazzi, offrendo loro l’opportunità di pensare alla realtà della propria famiglia e raccontarla con semplicità e spontaneità, nelle sue scene e nei suoi momenti quotidiani, nelle giornate felici e anche in quelle più tristi. Ma anche di fissare – in  un semplice commento, in un semplice pensiero, in un semplice disegno – il bello di vivere con i propri genitori, i propri fratelli e sorelle, con i nonni, e perché no?, zie e zii, cugini e cugine…

Dunque, l’iniziativa vuole proporsi come una opportunità per esprimere i propri sentimenti, le proprie sensazioni, le proprie emozioni, i propri ricordi per esperienze, fatti e realtà che costituiscono il mondo della famiglia e la bellezza di vivere insieme con mamma e papà e con quanti condividono con noi i giorni della nostra vita.

COME ADERIRE

Attraverso messaggi, scritti, disegni ed immagini (come fotografie e piccoli video) la scuola italiana è invitata a raccontare storie, fatti, emozioni e situazioni che costituiscono l’esperienza di vivere in famiglia, da cogliere e raccontare nei suoi vari componenti, nelle sue diverse situazioni, nelle difficoltà e nelle gioie di ogni giorno.

Attraverso le varie forme della creatività e della piena libertà  espressiva, i partecipanti potranno eseguire lavori che illustrano le tematiche collegate alla famiglia, magari partendo da semplici “punti di osservazione”.

Ad esempio: da chi è composta la famiglia;  descrivere mamma e papà, nel loro aspetto fisico e in quello che fanno (ad esempio: il lavoro e gli hobbies); parlare o disegna i fratellini e le sorelline, scrivere dei giochi che si fanno insieme, in casa e fuori, con gli amici.

E ancora: raccontare come si vivono le giornate (mattino, pomeriggio, sera)  i giochi, le gite, le vacanze, i momenti che si vivono insieme (ad esempio, a tavola, una passeggiata, sul campetti di calcio, davanti alla tivù, all’oratorio, a scuola, in parrocchia, in un gruppo sportivo e ricreativo); parlare e disegnare i momenti allegri e felici e anche quelli in cui ci si sente magari un po’ giù….

Oppure, semplicemente, lanciare un messaggio a mamma e papà, raccontando loro quello che magari, per timidezza, non si è mai riusciti a dire… O narrare, con uno scritto od un disegno, un fatto particolare, che ha coinvolto tutta la famiglia.

Insomma, divertitevi a raccontare “tutti i colori” della famiglia, le sue persone, gli ambienti dove si vive, le esperienze e le storie vissute insieme.

PRESENTAZIONE DEGLI ELABORATI

Gli elaborati potranno essere presentati nelle forme e con i supporti più vari: album, opuscoli, fascicoli, giornali scolastici, dvd, cd-rom, pen-drive, siti web e così via.

Tutti i lavori dovranno pervenire entro e non oltre il 10 novembre 2019 al seguente indirizzo: OKAY!, presso I NUOVI QUINDICI, VIA T.TASSO 10, 24020 GORLE (BG). Si suggerisce di inviare i lavori anche in formato elettronico (foto, video, link a siti web) al seguente indirizzo email: okayredazione@gmail.com Si eviteranno così spese postali e dispendio di imballaggi e carta.

CERIMONIA DI PREMIAZIONE

Una commissione giudicatrice selezionerà i migliori lavori pervenuti. Le scuole saranno premiate con prodotti di utilità didattica nel corso di un evento pubblico, che verrà annunciato a suo tempo. Nella medesima manifestazione verrà organizzata una mostra dei migliori lavori pervenuti.