“CIAO VACANZE!”: RICORDI DA CONDIVIDERE NEI PRIMI GIORNI DI SCUOLA


Foto e testo: ANNA ABATECOLA, Docente

“Vacanze …negli occhi!” Ecco come, i bambini dell’ I.C.Pontecorvo 2, sede di Pontecorvo (Frosinone), classi 2A/2B/ 2C, hanno raccontato le loro vacanze….I ricordi illustrati in un paio di occhiali, sotto i raggi radiosi di un bel sole, realizzato negli anni passati, con la tecnica della carta pesta. Belli i ricordi! Belli condividerli insieme i primi giorni di scuola, nelle aule dove sono appesi coloratissimi aquiloni! Buon anno scolastico a tutti!!!

Annunci

“UN ALBERO IN PIU'”: UN APPELLO PER AUMENTARE IL PATRIMONIO VERDE IN ITALIA


20180603_110607_resized

 

A nome delle Comunità Laudato si’ Stefano Mancuso, Scienziato e Direttore LINV (International Laboratory for Plant Neurobiology), Carlo Petrini, Presidente Slow Food, e Domenico Pompili, Vescovo di Rieti, lanciano l’appello Un albero in più rivolto “ad ogni cittadino di buona volontà, ad ogni organizzazione di qualunque natura e orientamento, ad ogni azienda pubblica o privata, alla straordinaria rete di comuni e regioni d’Italia, al governo nazionale di unirsi a noi con l’obiettivo di piantare in Italia 60 milioni di alberi nel più breve tempo possibile. Un albero per ogni italiano: 60 milioni di alberi che dal loro primo istante di vita realizzano la loro opera di mitigazione dei livelli di CO2 nell’atmosfera“. Gli scienziati di tutto il mondo concordano sull’importanza della riforestazione, perché gli alberi sono sottrattori naturali di anidride carbonica, considerata la principale causa dell’aumento dei gas serra nell’atmosfera terrestre e quindi dell’innalzamento delle temperature. Piantare alberi è la principale soluzione che abbiamo oggi a disposizione per far fronte al riscaldamento globale.

La riduzione delle attuali emissioni e la transizione verso le energie pulite, pur urgenti e indispensabili, da sole non bastano per raggiungere gli obiettivi fissati dalla Conferenza mondiale sul clima delle Nazioni Unite (Cop 21) del 2015, di limitare la crescita della temperatura media globale sulla superficie delle terre emerse e degli oceani “ben al di sotto dei 2 gradi centigradi”, entro la fine del secolo, rispetto ai livelli pre-industriali. Nell’appello si legge che “è dunque urgente affiancare a questi processi di graduale conversione ecologica, azioni che portino molto rapidamente ad un abbassamento dei livelli di CO2. Una di queste azioni è molto semplice ed è alla portata di ognuno di noi”, cioè piantare alberi. Questo non risolve il problema nel suo complesso, ma ci aiuta prendere tempo nell’attesa di cambiare abitudini e stili di vita che ci hanno portato a questa situazione drammatica.

Attualmente, sulla Terra ci sono 5,5 miliardi di ettari di boschi (dati Fao). Secondo il recente rapporto dell’Intergovernmental panel on climate change (Ipcc) per ridurre di 1,5 °C il riscaldamento globale entro il 2050 sarebbe necessario avere un miliardo di ettari in più di foreste. Nonostante ci sia ancora qualcuno che nega la crisi climatica è ora di agire urgentemente tutti assieme, perché gli effetti del clima che cambia investono tutte le nazioni. Occorre agire in fretta per evitare desertificazione, scioglimento delle calotte polari e dei ghiacci perenni, aumento del livello dei mari, aumento in frequenza e in intensità dei fenomeni metereologici estremi, aumento del rischio idrogeologico e di inondazioni, aumento della siccità e aumento del rischio incendi, aumento delle ondate di calore, variazione nella distribuzione degli habitat animali, estinzione di specie animali e vegetali, perdita di fertilità dei suoli e di suoli fertili, variazione della produttività agricola e della qualità/capacità nutrizionale, e tutti i fenomeni che ne conseguono, a partire dall’inarrestabile crescita di ondate migratorie incontrollabili di popolazioni che fuggono dai luoghi della Terra più fortemente colpiti dai fenomeni sopra elencati.

La terra è una sola, è una risorsa limitata, non distruggiamola, perché come scrive lo scrittore francese François Mauriac “È inutile per l’uomo conquistare la Luna, se poi finisce per perdere la Terra”.

Per informazioni telefonare a 0172458562 o 0172458592 o scrivere a info@unalberoinpiu.it

LA SCUOLA ITALIANA E IL RAPPORTO OCSE 2019: INVESTIRE MOLTO DI PIU’


IMG-20180418-WA0040

L’Italia spende circa il 3,6% del suo Pil per l’istruzione dalla scuola primaria all’università, una quota inferiore alla media dei Paesi Ocse (5%) e uno dei livelli più bassi di spesa. Il dato arriva dal rapporto dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico Education at a Glance 2019. Lo studio mette in guardia anche rispetto alla duplice sfida che attende la scuola italiana nei prossimi dieci anni: oltre un milione di studenti in meno e circa metà degli attuali docenti che andranno in pensione. Infatti l’Italia ha la quota maggiore di docenti ultra 50enni (59%) ed ha la quota più bassa di insegnanti di età tra i 25 e i 34 anni nei Paesi dell’Ocse. Il 68% degli insegnanti ha dichiarato inoltre che migliorare i salari dei docenti dovrebbe essere una priorità. Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, ha chiesto al nuovo governo di colmare “l’ingiusto divario” con le altre categorie di lavoratori del pubblico impiego.

La spesa dell’Italia in istruzione è diminuita del 9% tra il 2010 e il 2016 sia per la scuola che per l’università, più rapidamente rispetto al calo registrato nel numero di studenti, che è diminuito dell’8% nelle istituzioni dell’istruzione terziaria e dell’1% nelle istituzioni dall’istruzione primaria fino all’istruzione post-secondaria non terziaria. La quota del finanziamento privato nell’istruzione terziaria è lievemente superiore in Italia (36%) rispetto alla media dei Paesi dell’Ocse (32%). Tra le fonti pubbliche, le amministrazioni regionali e locali contribuiscono a una piccola quota del finanziamento dell’istruzione non terziaria (5% dall’amministrazione regionale e 8% dalle amministrazioni locali). Le amministrazioni regionali contribuiscano al 18% del finanziamento pubblico per l’istruzione terziaria.

Tutti i giovani di età compresa tra i 6 e i 14 anni – l’età che copre la scuola dell’obbligo nella maggior parte dei Paesi dell’Ocse – sono scolarizzati in Italia. La piena scolarizzazione inizia prima in Italia, all’età di 3 anni, con un tasso di scolarizzazione del 94%, rispetto all’87% della media Ocse. Allo stesso tempo però, l’Italia registra la terza quota più elevata di giovani che non lavora, non studia e non frequenta un corso di formazione (neet) tra i Paesi dell’Ocse: il 26% dei giovani di età compresa tra 18 e 24 anni è neet, rispetto alla media del 14%. L’Italia e la Colombia sono gli unici due Paesi con tassi superiori al 10% per le due categorie (inattivi e disoccupati) tra i 18-24enni.

FIRENZE: NUOVI SERVIZI DIGITALI AL MUSEO FONDAZIONE SCIENZA E TECNICA


Sarà presentato mercoledì 25 settembre alle ore 12, presso la Fondazione Scienza e Tecnica di Firenze “High Tech vs High Touch”: i nuovi servizi digitali di accessibilità al Museo, un progetto realizzato grazie al contributo della Fondazione CR Firenze nell’ambito del bando “Laboratori Culturali – innovazione digitale e nuovi pubblici nei musei”, che si pone l’obiettivo di implementare l’offerta museale e ampliare il bacino di utenti attraverso l’uso di innovativi linguaggi multimediali. All’incontro saranno presenti Donatella Lippi e Stefano Caramelli, rispettivamente Presidente e Direttore della Fondazione Scienza e Tecnica, e Donatella Carmi Vicepresidente della Fondazione CR Firenze.

Il Museo della Fondazione Scienza e Tecnica, grazie al valore delle sue collezioni storico-scientifiche, attrae studiosi e ricercatori, studenti e appassionati di tutta Italia. Già da qualche anno, il Museo ha potenziato la comunicazione tradizionale e digitale con la creazione di nuovo materiale comunicativo cartaceo, l’inserimento di QR code all’interno del percorso espositivo, la messa a punto del nuovo sito web e la realizzazione di una specifica Audioguida.

Il Museo si rivolge a tipologie di target diversificate: famiglie, invitate nel week-end a partecipare a eventi e laboratori, scuole di ogni ordine e grado, che hanno a disposizione un programma dedicato durante tutto l’anno, studenti e ricercatori, visitatori, turisti, categorie protette.

Le azioni sono state pensate per categorie di pubblico standard (studenti, docenti, famiglie, turisti), con particolare attenzione verso il pubblico scolastico. Determinati interventi, invece, sono rivolti a categorie difficilmente raggiungibili con i linguaggi tradizionali, attraverso la valorizzazione di quelle parti delle collezioni che offrono spunti di interesse specifici. Particolare attenzione è stata dedicata a persone con disabilità uditiva.

Per conseguire questi obiettivi, sono ora messi a disposizione dei visitatori del Museo nuove funzionalità e nuovi supporti multimediali e interattivi alla visita. Tra questi: un Video generale di approfondimento, con sottotitoli e audio in italiano e Video in LIS, Lingua dei Segni Italiana; 9 Video in LIS con sottotitoli e audio in italiano, relativi alle varie sezioni del Museo; una Mappa interattiva di orientamento della struttura e dei servizi del Museo, dotata di tasti audio e con una versione anche in inglese; un monitor touch per la mappa interattiva installato all’ingresso, una postazione fissa di monitor per proiezione video generale a ciclo continuo; il perfezionamento dell’Audioguida del Museo, attraverso la realizzazione di una English Version. Un lavoro di implementazione è stato fatto anche sui canali social attraverso la creazione di pagine dedicate al Museo sul canale Instagram e su Google+.

Al fine di consentire a tutti coloro che hanno una disabilità uditiva di poter apprezzare tutti gli aspetti del Museo, è in previsione, infine, la predisposizione di un servizio continuativo di traduzione in LIS, con interprete professionale e specializzato sia per visite guidate alle collezioni sia per alcune attività previste al Planetario.

È con grande soddisfazione – afferma Donatella Lippi, Presidente della Fondazione Scienza e Tecnica di Firenze – che presentiamo le nuove opportunità che il Museo della Fondazione Scienza e Tecnica mette a disposizione dei suoi frequentatori. Grazie alla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, il nostro museo può essere più inclusivo e accogliente, offrendo occasioni formative nuove, attraverso linguaggi accessibili a un pubblico diversificato e anche a persone con disabilità uditive”.

‘’Il nostro intervento – osserva la Vice Presidente della Fondazione CR Firenze Donatella Carmisi inserisce nel costante sostegno all’attività della Fondazione Scienza e Tecnica, soprattutto per quei progetti che sono rivolti ai giovani e al mondo della scuola ai quali la nostra Fondazione destina tante energie e risorse. Per questi motivi, lo scorso anno, ci siamo fatti carico delle acquisizioni delle modernissime apparecchiature per il nuovo Planetario che consentono, anche ai semplici amatori, di approfondire i principali concetti di astronomia e astrofisica. Guardiamo con favore a queste iniziative perché contribuiscono alla conoscenza e alla formazione dei giovani utilizzando linguaggi propri del nostro tempo’’.

Il progetto è stato seguito, per la Fondazione Scienza e Tecnica, dalla Dr.ssa Stefania Lotti. Per tutta la durata dell’evento sarà garantito il servizio d’interpretariato LIS, Lingua dei Segni Italiana, a cura della Dr.ssa Alessandra Biagianti.

 

IL VIDEO DI SAVE THE CHILDREN: STOP ALLA GUERRA SUI BAMBINI


Save The Children ha diffuso oggi il provocatorio video “Emma e l’incubo del rientro a scuola” realizzato dall’agenzia Unfold, in cui una bambina si prepara al suo primo giorno di scuola. Eppure, per troppi bambini, rientrare a scuola significa la paura dei bombardamenti e trovare un modo per sopravvivere. Nel video infatti, le scene si susseguono in un mix che crea quasi uno sdoppiamento di vite e contrappone la tranquilla quotidianità di una bimba pronta ad uscire di casa per andare a scuola, alle scene a cui la stessa bimba sarebbe assisterebbe se vivesse in un paese in conflitto.

Ad oggi, 142 milioni di bambini vivono in zone di conflitti ad alta intensità e ben 24 milioni di bambini soffrono delle gravi conseguenze delle guerre sulla loro salute mentale. Tra questi, 7 milioni sono a rischio di sviluppare disturbi mentali acuti. Un dramma, quello dell’impatto psicologico dei conflitti, che si mostra quotidianamente con i sintomi di depressione, ansia, atti di autolesionismo, fino ad arrivare talvolta a tendenze suicide. Eppure solo lo 0,14% di tutta l’assistenza ufficiale allo sviluppo era destinata al supporto dei bambini con problemi di salute mentale.

Questo l’allarme lanciato da Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro nel nuovo Rapporto “La strada verso la guarigione: supportare la salute mentale dei bambini nei conflitti”, alla vigilia del meeting dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite della prossima settimana.

Il Rapporto “La strada verso la guarigione: supportare la salute mentale dei bambini nei conflitti” è disponibile al link: https://www.savethechildren.it/cosa-facciamo/pubblicazioni/road-to-recovery-salute-mentale-bambini-in-conflitto

CIBO, ECCO IL DIARIO ANTI-SPRECO: SUI BANCHI DI SCUOLA ARRIVA “LAMIAGENDA 2019/2020”


DSCN3688

Dedicata al tema del cibo (con un forte messaggio anti-spreco) la nuova edizione del diario scolastico LamiAgenda 2019/2020, sta raggiungendo in questi giorni le scuole di tutta Italia che l’hanno prenotata. Anche quest’anno, un nuovo record di richieste! Ed è stato accolto con grande interesse il tema, “Di cotti & di crudi”, che vuole portare i giovanissimi in un percorso di scoperta e di conoscenza del mondo del cibo, realtà che sta sempre più connotando, in senso positivo o negativo, la qualità della vita e il benessere personale. Il tema della giusta e corretta alimentazione si può considerare strategico per il futuro delle nuove generazioni. Ed è lo specchio delle grandi problematiche che toccano la vita di tutti, soprattutto quelle collegate al discorso del grande spreco delle risorse alimentari, di cui “LamiAgenda” tratta, anche proponendo un preciso impegno da assumere personalmente (con tanto di firma autografa!).

Secondo i più recenti dati dell’Onu, il numero di persone malnutrite a causa della scarsa disponibilità di alimenti è di nuovo in fase crescente (negli ultimi tre anni è stato registrato un aumento del 10%). L’altro lato della medaglia della malnutrizione, è il fenomeno dell’obesità che dilaga soprattutto nei Paesi industrializzati, dove la mancanza di corrette informazioni pregiudica il sano sviluppo fisico e psichico dei giovanissimi.

Le schede de LamiAgenda, firmate da Roberto Alborghetti, invitano a riscoprire che ognuno di noi è chiamato a giocare in prima persona e a porre più attenzione alla qualità della propria alimentazione. Conoscere meglio cosa ruota attorno alla realtà del cibo, significa progettare scelte importanti di vita quotidiana.

DSCN3692Anche quest’anno LamiAgenda, edita da I Quindici, si propone come grande diario scolastico: quadrato, animato, con i testi in Easy Reading per la lettura facilitata e con tante pagine personalizzate per gli Istituti Scolastici (davvero numerosissimi!) che hanno prenotato. Sì, un piccolo capolavoro, anche di design, a partire dalla copertina, multicolore, con colori ed elementi che sembrano richiamare il tema annuale. Un diario utile ed indispensabile per organizzare al meglio i giorni ed i mesi delle attività scolastiche.

Insomma, un diario che arriva a rinnovare il panorama dei diari scolastici. Un prodotto di altissima qualità, con copertina resistente e rinforzata. E nelle pagine personalizzate, tanti sconti per le famiglie! E ancora: la novità de LamiaCard, per ottenere agevolazioni presso esercizi commerciali. Nessun diario scolastico dà di più. Ma non solo. Quest’anno anche la novità del doppio formato. Accanto alla forma quadrata, classica e innovativa, ecco il formato rettangolare, per soddisfare richieste ed esigenze degli Istituti Scolastici.

“LamiAgenda”, anche quest’anno, sarà a Didacta Firenze, dal 10 all’11 ottobre, alla Fortezza Da Basso. Vi aspettiamo con tante belle sorprese e novità.  

INFO

https://okayscuola.wordpress.com/lamiagenda-20172018/

http://www.lamiagenda.com/

PENNE SCONOSCIUTE 2019 / ECCO LE TESTATE PREMIATE: EVENTI IL 25,26,27 OTTOBRE ’19


20190103_162454_resized

Rocca Aldobrandesca di Piancastagnaio (Siena)

Ecco l’elenco delle testate premiate per la XXI edizione di PENNE SCONOSCIUTE, promossa da Emeroteca di Piancastagnaio, Pro Loco di Piancastagnaio e Comune di Piancastagnaio, con protocollo d’intesa Miur –  OSA Onlus. Gli eventi finali, con le premiazioni, si terranno a Piancastagnaio, sul Monte Amiata (Siena) nelle giornate del  25, 26 e 27 Ottobre 2019.

SCARICA IL PROGRAMMA DEGLI EVENTI DI OTTOBRE

BOZZA DI PROGRAMMA

5A Story News
IC M.M. Boiardo
Scandiano
Reggio Emilia
Baobab
2° Circolo didattico – Ciampino
Ciampino
Roma
Ce n’è di news
Istituto Comprensivo Via Ceneda
Roma
Roma
Giornale di bordo
2° Circolo Didattico “San Giovanni Bosco”
Terlizzi
Bari
L’arcobaleno
I.C. ‘Gramsci-Pende’ Scuola Primaria Statale
Noicottaro
Bari
La Gazzetta di Classe
Circolo Didattico di Baronissi
Baronissi
Salerno
Raccontiamoci 2
Istituto Comprensivo Marconi Michelangelo
Laterza
Taranto
L’Aquilone
Istituto Comprensivo 2° di Pontecorvo (FR)
Pontecorvo
Frosinone
Ce n’è di news
Istituto Comprensivo Via Ceneda
Roma
Roma
Don Milani alla stampa
Istituto Comprensivo Santa Chiara
Brindisi
Brindisi
Il Verrocchietto
Istituto Comprensivo Villa Verrocchio
Montesilvano
Pescara
Ite Novas
Istituto Comprensivo n. 1 “Giannino Caria”
Macomer
Nuoro
News 2.0
IC Leonardo da Vinci
Limatola, Dugenta, Frasso
Benevento
Parola Nostra
I.C. Bovino-Castelluccio dei Sauri-Panni
Bovino
Foggia
Senti chi parla adesso
I.C. “S. Aurigemma”
Monteforte Irpino
Avellino
Squol@buk
I.C. ” Vitruvio Pollione”
Formia
Latina
#Schoolmate
IC Verga
Pontinia
Latina
Agone
Scuola Secondaria di 1^ grado ‘ Padre Pio’
Altamura
Bari
BalabaNews
IC Angelica Balabanoff
Roma
Roma
Cittadini News
Scuola Secondaria di 1° grado Caterina Cittadini
Calolziocorte
Lecco
Cortese’s News
IC Nino Cortese
Casoria
Napoli
Dal buco della serratura
Scuola Secondaria di I grado ‘Torquato Tasso’ Istituto Comprensivo Statale
Ferrara
Ferrara
Guardando l’alba
Istituto Comprensivo Alberto Manzi
Villalba di Guidonia
Roma
Il Corriere dell’aula 28
Scuola Secondaria di I grado M. M. Boiardo
Ferrara
Ferrara
Il giornalino della 2C
Secondaria di I grado G. Floreanini
Domodossola
Verbano-Cusio-Ossola
Il mare
Istituto Comprensivo di Varallo Pombia
Varallo Pombia
Novara
Il Melograno
Scuola secondaria di primo grado ” Giacomo Vitale”
Piedimonte Matese
Caserta
Il PensaGramma
I.C. di Loreto Aprutino
Loreto Aprutino
Pescara
Inside Journal
Istituto Comprensivo Bellagio
Bellagio
Como
L’eco della scuola
Scuola secondaria di primo grado ” Domenico Cotugno”
Ruvo di Puglia
Bari
Le News della 1C
Scuola Secondaria di I grado M. M. Boiardo
Ferrara
Ferrara
Milani News
Istituto Comprensivo Statale S.M. Milani
Caivano
Napoli
Miniature
Istituto Comprensivo Marconi Michelangelo
Laterza
Taranto
Nero su bianco
Scuola Secondaria di 1° Grado Barnaba Bosco
Ostuni
Brindisi
Scripta manet
Scuola Statale Secondaria I grado Ammendola De Amicis
San Giuseppe Vesuviano
Napoli
SturlaNews
Secondaria di I grado “De Toni “
Genova
Genova
Aggiorniamola
IISS L. da Vinci – E.Majorana
Mola di Bari
Bari
Celtor
Istituto Istruzione Superiore ‘ Benvenuto Cellini’
Firenze
Firenze
Cronache dal Meucci
Istituto di Istruzione Superiore “M.Laeng-A.Meucci” sede di Castelfidardo
Osimo
Ancona
Il Carduccino
Liceo Carducci
Ferrara
Ferrara
Il Corriere dell’Aeronautico
Istituto Aeronautico “Antonio Locatelli”
Bergamo
Bergamo
Il Rasoio di Ockham
Liceo Primo Levi
Montebelluna
Treviso
Il telescopio dello studente
IIS Galileo Galilei
Firenze
Firenze
Inchiostro Vivo
IISS Leonardo Da Vinci
Fasano
Brindisi
L’eco di Giulia
Liceo Statale G. M. Colombini
Piacenza
Piacenza
L’Ippogrifo
Liceo Classico Statale Vittorio Emanuele II
Jesi
Ancona
La Tamarice
IC Statale E. Fermi
Mondolfo
Pesaro-Urbino
Libero pensiero
Liceo Statale F. Brunelleschi
Afragola
Napoli
Obiettivo 20/20/20
Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore ‘G.Carducci’
Comiso
Ragusa
Partita Doppia
ITE Valentino De Fazio
Lamezia Terme
Catanzaro
Quinto Piano
Liceo Scientifico Statale ‘Filippo Lusanna’
Bergamo
Bergamo

POESIE PER I NONNI ’19: L’INVIO ENTRO IL 20 SETTEMBRE. E DA APRILIA (LT) ECCO “NONNI LOVE”


20190812_083838_resized

Ecco la poesia per la Festa dei Nonni 2019 scritta dall’alunna Aurora Villanova della Scuola Secondaria 1° IC Pascoli di Aprilia (LT). E’ tra quelle già pervenute per la XX edizione della grande iniziativa, che vedrà la scadenza per l’invio delle composizioni il prossimo 20 settembre. Questa poesia, come le altre scritte dadli studenti di Aprilia,  sono state realizzate con il coordinamento della docente prof.ssa Gledis Baravelli, che ringraziamo per la collaborazione. Qui di seguito il regolamento dell’iniziativa.

POESIE PER I NONNI
“UN FIORE PER VOI / UN ALBERO PER I NIPOTI”
XX Edizione
Iniziativa poetica nazionale per ragazzi e ragazze delle Scuole primarie e Secondarie (1° grado) promossa in occasione della “Festa dei Nonni” (2 ottobre). Premiazione il 27 ottobre 2019 a Piancastagnaio, sul Monte Amiata (Siena).

“Un Fiore per Voi”, l’iniziativa poetica dedicata alla Festa dei Nonni, torna per la XX edizione, promossa da OKAY!, in collaborazione con il Comune di Piancastagnaio (SI), la Pro Loco, l’Associazione Pianoscenico e l’Emeroteca di Piancastagnaio (SI) nell’ambito di Penne e Video Sconosciuti e del progetto “Dialogo tra generazioni – Memoria per il futuro”.
“Un fiore per voi Nonni… Un albero per i Nipoti” è rivolta alle scuole primarie e secondarie (primo grado) di tutta Italia. L’iniziativa è promossa in occasione della FESTA DEI NONNI. La sua finalità è quella di aprire un dialogo, con la poesia e il disegno, tra le persone anziane e le nuove generazioni. Si invitano ragazzi e ragazze a parlare dei propri nonni, raccontando momenti ed esperienze che mettono in rilievo il dialogo tra le generazioni ed il valore della memoria condivisa.
Non è vincolante la condizione di citare o descrivere, nelle composizioni, un fiore od un albero, che sono solo suggeriti simbolicamente come elementi universali che rappresentano realtà come l’amore, l’amicizia, la simpatia, il rispetto e la stima.
Le poesie, composte secondo stili ed espressioni diverse, anche corredate da disegni, dovranno pervenire ad OKAY! entro il 20 settembre 2019. Ogni poesia dovrà riportare nome, cognome, indirizzo, numero telefonico dell’autore e/o della scuola di appartenenza e dell’insegnante referente. Va indicato anche l’indirizzo e-mail della scuola (o dell’insegnante).
Se in copia cartacea vanno inviate al seguente indirizzo in duplice copia: OKAY! presso I NUOVI QUINDICI, VIA T.TASSO 10, 24020 GORLE (BG).
Si suggerisce di inviare le poesie SOPRATTUTTO in formato elettronico, in copia unica su file word o pdf. L’indirizzo e-mail è: okayredazione@gmail.com

Le poesie potranno anche essere inviate anche attraverso la pagina del Gruppo Facebook “Noi siamo Okay!”.
Una giuria selezionerà i premiati; le decisioni della giuria sono insindacabili. I vincitori saranno avvertiti a mezzo posta elettronica. Le poesie premiate avranno l’onore di essere pubblicate sul sito di OKAY! e declamate nel corso dell’evento finale di “Un fiore per i Nonni … Un albero per i Nipoti” .
La cerimonia di premiazione si terrà nell’ambito degli eventi promossi per “Penne e Video Sconosciuti”, in programma a Piancastagnaio (SI) presso il Teatro Comunale, domenica 27 ottobre 2019 (ore 10,30). Ai premiati di “Un fiore per i Nonni … Un albero per i Nipoti” sarà rilasciato attestato di partecipazione, calendario personalizzato, albero da mettere a dimora, gadgets degli sponsor e pubblicazioni.
Per ogni informazione: okayredazione@gmail.com

IL SITO UFFICIALE DI OKAY!

https://okayscuola.wordpress.com/

NOI SIAMO OKAY! SU FACEBOOK

https://www.facebook.com/groups/161903230493812/

L’INGLESE PER I PIÙ PICCOLI È ONLINE CON IL BRITISH COUNCIL


Insegnare l’inglese ai bambini sin da quando sono piccoli, può aiutare a familiarizzare con la lingua e facilitare l’apprendimento e la memorizzazione delle loro prime parole inglesi. Per coinvolgere anche i più piccoli, è importante mettere in atto attività varie e divertenti per non perdere l’attenzione e l’interesse del bambino verso una nuova lingua. Anche la tecnologia può essere un utile strumento di supporto: app e siti Internet, ad esempio, costituiscono uno metodo coinvolgente e interattivo per studenti di qualsiasi età, e possono essere utili come strumento aggiuntivo nell’apprendimento delle lingue.

Per questo il British Council, l’ente culturale britannico, leader internazionale nel campo dell’insegnamento della lingua inglese, mette a disposizione una piattaforma gratuita interamente dedicata ai più piccoli, in grado di coinvolgere i bambini e insegnare loro nuovi elementi linguistici in modo spontaneo e naturale.

Il sito, che adopera il metodo British Council per l’insegnamento della lingua, è diviso in 6 sezioni; Listen and Watch, Read and Write, Speak and Spell, Grammar and Vocabolary, Fun and Games e Print and Make. Disponibile, inoltre, un’intera area dedicata ai genitori perché siano da supporto ai più piccoli nell’apprendimento, con un coinvolgimento diretto ed entusiasmo.

https://learnenglishkids.britishcouncil.org/

5 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL BRITISH COUNCIL

  1. È l’ente ufficiale britannico per la promozione delle relazioni culturali e delle opportunità educative in Italia e nel mondo, nonché leader internazionale nel campo dell’insegnamento della lingua inglese
  2. Gestisce molte certificazioni di enti certificatori britannici. È possibile sostenere presso le sue strutture moltissimi esami e test: dagli esami per bambini agli esami Preliminary, First, Advanced e Proficiency, dal test IELTS ad alcuni esami professionali britannici come ACCA o CIMA
  3. S’impegna nella tutela dell’infanzia e si adopera affinché tutti i suoi studenti abbiano il diritto di essere ugualmente protetti da danni o abusi, riconoscendo che proteggere i bambini e assicurare loro il benessere siano principi fondamentali
  4. Adopera un metodo di apprendimento concreto, stimolante e pratico, che prevede che, oltre alla lingua inglese, gli studenti lavorino su diverse skills trasversali che aiutano ad ottenere migliori risultati sia in ambito linguistico, che nella vita scolastica più ampia, con focus sulla fiducia in se stessi, sulle proprie capacità di apprendere ed usare la lingua inglese, nonché sullo sviluppo delle capacità del pensiero critico e della creatività
  5. Grazie ad una rete globale, vanta insegnanti altamente qualificati, appassionati e di grande professionalità, un’ampia gamma di risorse per l’apprendimento e l’insegnamento della lingua inglese, e i più recenti aggiornamenti in ambito metodologico

Le iscrizioni ai corsi annuali 2019-2020 sono aperte. Per maggiori informazioni o prenotare una consulenza, gratuita e non vincolante: www.britishcouncil.it

British Council_logo

BRITISH COUNCIL

Il British Council è l’ente ufficiale britannico per la promozione delle relazioni culturali e delle opportunità educative, in Italia e nel mondo. Fondato nel 1934 e presente in oltre 100 Paesi in tutto il mondo, l’ente si occupa di sostenere le relazioni culturali tra il Regno Unito e i Paesi in cui opera, in Europa e negli altri continenti, contribuendo positivamente allo sviluppo del Regno Unito, creando opportunità, connessioni e relazioni di fiducia reciproca e promuovendo rapporti di collaborazione nei settori delle arti, della cultura, dell’istruzione, della società civile e della lingua inglese.

Ogni anno interagisce personalmente con circa 20 milioni di persone, e con oltre 500 milioni online, grazie ai nostri molteplici contenuti editoriali.

Il British Council è registrato come “UK charity”, organizzazione nonprofit del Regno Unito, ed è regolato dalla Royal Charter. Un finanziamento pubblico fornisce il 18% dei fondi a livello internazionale. Il resto del reddito deriva dai servizi di cui usufruiscono i clienti di tutto il mondo, attraverso contratti di formazione e sviluppo e da partnership con organizzazioni pubbliche e private.

http://www.britishcouncil.it

SCUOLA E DISABILITÀ VISIVA: ORA LA TECNOLOGIA DÀ UNA MANO


OrCam

Si torna sui banchi, ma il rientro a scuola purtroppo non è uguale per tutti. Secondo gli ultimi dati MIUR, in Italia gli alunni con disabilità sono oltre 268 mila, il 3,1% della popolazione studentesca. In particolare, gli studenti che soffrono di patologie visive sono circa 4 mila (l’1,4%).

Qualche altro dato: la percentuale di studenti che soffrono di patologie visive è maggiore nelle scuole di secondo grado (2%); meno del 50% degli insegnanti di sostegno conosce il braille, ed il 77% di essi non ha competenze tiflologiche; il numero medio di ore settimanali di sostegno in favore dei ragazzi minorati della vista – tra insegnanti specializzati ed “assistenti” – si aggira intorno a 27,7; il 13% degli allievi disabili visivi segue singolarmente la lezione nell’aula di sostegno

Nel corso degli anni il sistema scolastico italiano ha accolto sempre più disabili – più del doppio rispetto a vent’anni fa – ma non sempre questo implica una piena inclusione. Nel caso della disabilità visiva, uno dei maggiori problemi è l’istruzione sempre più indifferenziata” e “generalista”, che riduce a sole poche ore gli insegnamenti riservati ai ragazzi non vedenti e ipovedenti.

In questo scenario, le nuove tecnologie giocano un ruolo fondamentale per migliorare la qualità dello studio dei bambini e ragazzi che soffrono di disabilità di vario genere, permettendo loro di svolgere attività altrimenti precluse e favorendo così l’integrazione sociale.

Tra le novità tecnologiche per non vedenti, ipovedenti e dislessici gravi ci possono essere delle soluzioni molto intuitive, che funzionano grazie alla gesture technology, una tecnologia futuristica che si attiva ed esegue operazioni interpretando i gesti, un esempio è OrCam MyEye da poco arrivata in Italia; si tratta di una piccola smart camera, delle dimensioni di un dito, che si attacca con un magnete all’asticella degli occhiali (finti) e permette di leggere in tempo reale testi stampati e in formato elettronico. Un grande aiuto per la lettura e lo studio, ma anche per la socializzazione di bambini e ragazzi non vedenti: OrCam MyEye infatti  è anche in grado di riconoscere istantaneamente i volti captati nel campo visivo e memorizzarli, i colori, i prodotti e le valute.

  *Fonte dati: MIUR: “I principali dati relativi agli alunni con disabilità” – Maggio 2019