PRIMI IN SICUREZZA 2017: ECCO IN ANTEPRIMA ALCUNI LAVORI DELL’IC ALIGHIERI-TANZI DI MOLA DI BARI


Slogans, messaggi, appelli: ecco in anteprima alcuni dei lavori realizzati per “Primi in Sicurezza 2017” dalle classi dell’IC Alighieri-Tanzi di Mola di Bari (BA) con il coordinamento della docente prof.ssa Sabrina Linsalata. Come noto, il 31 marzo scade il tempo utile per l’ìnvio degli elaborati.

 

MACERATA: 19 ARTISTI IN CAMPO PER LA CASA PER ANZIANI “VILLA COZZA”


Guest Writer: Patrizia Minnozzi

E’stato pubblicato un catalogo dal titolo “Vita su Marte”, progetto realizzato e coordinato dalla APSP “IRCR-Casa di Riposo-Macerata” in collaborazione con 19 artisti marchigiani, presentato il 17 marzo 2017 presso la sala “Castiglioni” della Biblioteca Mozzi Borgetti di Macerata. Il catalogo,che documenta la collezione collocata nei siti opportunamente scelti, è stato curato da David Miliozzi e illustrato con foto di Massimo Zanconi. Nel catalogo trovano spazio scritti del curatore David Miliozzi, del Presidente dell’IRCR Giuliano Centioni, del Sindaco di Macerata Romano Carancini, della dott.ssa Paula Castelli ideatrice del progetto, del critico d’arte Lucio Del Gobbo e dell’architetto Michele Schiavoni. Da sottolineare che le opere degli artisti, sono state quasi tutte realizzate, a titolo gratuito,all’interno degli spazi della casa di riposo di Villa Cozza di Macerata.
Tali opere, costituiscono una prestigiosa collezione d’arte contemporanea di notevole spessore. L’obiettivo principale di questa iniziativa, per altro molto meritoria, è quello di dare sostegno e potenziamento delle capacità comunicative e relazionali degli anziani ospiti. Anche l’arte gioca un ruolo molto importante nella vita degli anziani e, attività espressivo creative, come la pittura, accanto alle attività culturali, costituiscono occasioni di socializzazione, accrescimento culturale e collegamento con la realtà esterna, favorendo la creazione di relazioni interpersonali, prevenendo la solitudine e il senso di isolamento.
Esplorare le opere d’arte, quadri e sculture, può stimolare la creatività e le percezioni visive e cognitive sia delle persone anziane autosufficienti sia di quelle affette da demenze, dando un grande aiuto al loro benessere psico-fisico. In modo veramente lodevole ed encomiabile, la residenza per anziani si è impegnata nel favorire l’accesso all’arte ad anziani e persone affette da demenze, in un’occasione di scambio culturale e ricreativo e un’opportunità, per gli stessi artisti, per imparare a interagire con gli ospiti della struttura, all’interno della quale sono collocate le opere d’arte. L’artista Carlo Iacomucci, ha partecipato con molto piacere e con estrema sensibilità a questa iniziativa, con l’opera dal titolo “Il volo della fiorita”. Nell’immediatezza della visione, l’ opera di Iacomucci emoziona e coinvolge lo spettatore per i colori vivaci e sgargianti che, sapientemente mescolati tra loro, trasmettono gioia e allegria. Ad una più approfondita osservazione, si notano dei motivi ricorrenti, come ad esempio le gocce , le tracce e l’immancabile aquilone.
Ne “Il volo della fiorita”, sono presenti oggetti che danno dinamismo e, allo stesso tempo, esprimono un significato simbolico, ma anche realistico della natura da difendere… Osservare un quadro di Iacomucci è una scoperta continua, perché quando sei sicuro di vedere un’immagine, ecco che subito sotto o in un angolo in alto, si nasconde un particolare che, a sua volta, si richiama ad un altro particolare. E la cosa bella è che, ogni volta che si riguardano le sue opere, si scopre sempre qualche particolare nuovo che era sfuggito alla precedente osservazione, ma che, in realtà, è stato sempre lì, ma ora nascosto ora palese, sembra quasi voler giocare a nascondino, come si faceva da bambini! Con la sua personale tecnica e con un modo di esprimersi del tutto adeguato, attraverso segni, colori e forme, Iacomucci, propone, nei suoi quadri, delle sensazioni elaborate secondo la sua tematica, alle quali lo spettatore è libero di partecipare o meno… La sua opera è, quindi, il frutto prezioso di una ispirazione personale e di una esperienza che il Maestro ha dovuto farsi da solo, a tu per tu col mondo esterno, dal quale capta il bene e il male. I suoi dipinti appaiono come immagini oniriche in cui finzione e realtà, passato e presente si incontrano in un vortice di movimenti.

Nella foto: “Il volo della fiorita” di Carlo Iacomucci per Villa Cozza di Macerata-cm.180×200)

TI PARLO DELLA MIA FAMIGLIA: FINO AL 15 APRILE L’INVIO DEI LAVORI


Scuola Infanzia Poscante Zogno BG (1)

Raccontare la propria famiglia, parlare dei propri genitori, dei propri fratelli e sorelle, narrare “come” si vive all’interno delle mura della propria casa, le proprie giornate, ricordando episodi e momenti lieti o tristi che si sono vissuti insieme, i piccoli e grandi gesti che si compiono quando si vive insieme e si sogna insieme… E’ questo il senso della seconda edizione dell’iniziativa “Ti parlo della mia famiglia” che Kiwanis International, Kiwanis Club Bergamo Orobico Onlus ed OKAY!, dopo il grande successo della prima edizione, promuovono a livello nazionale tra le scuole materne, scuole primarie e secondarie di primo grado, statali e paritarie.

FINALITA’
La finalità è quella di dare spazio, visibilità e attenzione alle voci di ragazze e ragazzi, offrendo loro l’opportunità di pensare alla realtà della propria famiglia e raccontarla con semplicità e spontaneità, nelle sue scene e nei suoi momenti quotidiani, nelle giornate felici e anche in quelle più tristi. Ma anche di fissare – in un semplice commento, in un semplice pensiero, in un semplice disegno – il bello di vivere con i propri genitori, i propri fratelli e sorelle, con i nonni, e perché no?, zie e zii, cugini e cugine…
Dunque, l’iniziativa vuole proporsi come una opportunità per esprimere i propri sentimenti, le proprie sensazioni, le proprie emozioni, i propri ricordi per esperienze, fatti e realtà che costituiscono il mondo della famiglia e la bellezza di vivere insieme con mammà e papà e con quanti condividono con noi i giorni della nostra vita.

COME ADERIRE
Attraverso messaggi, scritti, disegni ed immagini (come fotografie e piccoli video) la scuola italiana è invitata a raccontare storie, fatti, emozioni e situazioni che costituiscono l’esperienza di vivere in famiglia, da cogliere e raccontare nei suoi vari componenti, nelle sue diverse situazioni, nelle difficoltà e nelle gioie di ogni giorno. Attraverso le varie forme della creatività e della piena libertà espressiva, i partecipanti potranno eseguire lavori che illustrano le tematiche collegate alla famiglia, magari partendo da semplici “punti di osservazione”.
Ad esempio: da chi è composta la famiglia; descrivere mamma e papà, nel loro aspetto fisico e in quello che fanno (ad esempio: il lavoro e gli hobbies); parlare o disegna i fratellini e le sorelline, scrivere dei giochi che si fanno insieme, in casa e fuori, con gli amici.
E ancora: raccontare come si vivono le giornate (mattino, pomeriggio, sera) i giochi, le gite, le vacanze, i momenti che si vivono insieme (ad esempio, a tavola, una passeggiata, sul campetti di calcio, davanti alla tivù, all’oratorio, a scuola, in parrocchia, in un gruppo sportivo e ricreativo); parlare e disegnare i momenti allegri e felici e anche quelli in cui ci si sente magari un po’ giu’….
Oppure, semplicemente, lanciare un messaggio a mamma e papà, raccontando loro quello che magari, per timidezza, non si è mai riusciti a dire… O narrare, con uno scritto od un disegno, un fatto particolare, che ha coinvolto tutta la famiglia.
Insomma, divertitevi a raccontare “tutti i colori” della famiglia, le sue persone, gli ambienti dove si vive, le esperienze e le storie vissute insieme.

PRESENTAZIONE DEGLI ELABORATI
Gli elaborati potranno essere presentati nelle forme e con i supporti più vari: album, opuscoli, fascicoli, giornali scolastici, dvd, cd-rom, pen-drive, siti web e così via.
Tutti i lavori dovranno pervenire entro e non oltre il 15 aprile 2017 (fa fede il timbro postale) al seguente indirizzo: Okay!, presso Casa M.E.Mazza, via Nullo 48, 24128 Bergamo.

CERIMONIA DI PREMIAZIONE
Una commissione giudicatrice selezionerà i migliori lavori pervenuti. Le scuole saranno premiate con prodotti di utilità didattica nel corso di un evento pubblico a Bergamo in occasione della Giornata per la Famiglia. L’evento avrà luogo a Bergamo sabato 27 maggio 2017, presso l’Auditorium della Casa del Giovane, in via Gavazzeni, a partire dalle ore 15,30. Nella medesima manifestazione verrà organizzata una mostra dei migliori lavori pervenuti.

INFORMAZIONI
Informazioni e regolamento sono reperibili sul mensile e sul sito di Okay! – https://okayscuola.wordpress.com/ – che dedica pagine speciali e notizie.

“PRONTO? SONO IL LIBROFONINO”: DUE GIORNATE A MILANO E POI IL “GIRO” CONTINUA IN PUGLIA CON ALTRI INCONTRI


Uno dei tanti incontri che si stanno tenendo in giro per l’Italia sui temi sollevati dal libro “Pronto? Sono il librofonino – Un cellulare racconta storie di smombies, smartphones e cyber-bulli”, di Roberto Alborghetti, Illustrazioni di Eleonora Moretti, Edizioni I Quindici

A cura del Servizio Comunicazione
de “I Quindici”

Gli incontri di presentazione dedicati al testo “Pronto? Sono il librofonino” hanno in calendario (domani e dopodomani) l’attesissimo appuntamento a Milano, presso l’Istituto Comprensivo “Gino Capponi”, popolarmente denominata come la “Scuola dei Navigli”, sorgendo appunto nella caratteristica e storica zona della metropoli ambrosiana. Su iniziativa della Dirigente scolastica prof.ssa Gabriella Conte e del gruppo docenti è stata organizzata una “due giorni” che coinvolgerà allievi, insegnanti e genitori nelle tematiche sollevate dal libro di Roberto Alborghetti, illustrato da Eleonora Moretti, edito da I Quindici. I #librofoninodays a Milano, sul tema “Smombies, smartphones e cyber-bulli”, si svolgeranno mercoledi 15 e giovedi 16 marzo, su diverse sedi dell’IC. Successivi incontri si svolgeranno di nuovo in Puglia, come specificato nel programma qui sotto indicato.

  • 15 MARZO 2017, MILANO, ISTITUTO COMPRENSIVO “G.CAPPONI” , SCUOLA PRIMARIA “DOMENICO MORO”: ORE 9,30-11,00 Incontro Laboratorio con le Classi Quinte. SCUOLA SECONDARIA 1° “AGOSTINO GEMELLI”: ORE 11,30-13,00 Incontro Laboratorio Classi Prime e Seconde. ORE 18,00 / 20,30: INCONTRO CON I GENITORI, Incontro Laboratorio sul libro “Pronto? Sono il librofonino”.
  • 16 MARZO 2017 MILANO, ISTITUTO COMPRENSIVO “G.CAPPONI”, SCUOLA PRIMARIA: ORE 9,30-11,00 Incontro Laboratorio Classi Quinte, presso Aula Teatro della Scuola Secondaria di 1° “Antonio Gramsci”, Incontro Laboratorio su “Pronto? Sono il librofonino”.
  • 3 APRILE 2017, BARLETTA (BT), IC “M. D’AZEGLIO – G. DE NITTIS”, VIA LIBERTA’ 20/A,Incontro Laboratorio sul libro “Pronto? Sono il librofonino”. ORE 10,05 Incontro con le Classi Prime A, H, G Scuola Secondaria 1°; ORE 11,30 Incontro Classi Prime C,E, I Scuola Secondaria 1°.
  • 4 APRILE 2017, BITONTO (BARI), IC CASSANO – DE RENZIO, Incontro Laboratorio sul libro “Pronto? Sono il librofonino”. ORE 9.00 Incontro con le Classi della Scuola Primaria “Cassano”; nel pomeriggio: incontro con i genitori degli alunni.
  • 4 APRILE 2017, MOLA DI BARI, Presentazione di “Come chicchi in una spiga di grano”, Edizioni Velar.
  • 5 APRILE 2017, BITONTO (BARI), IC CASSANO – DE RENZIO, Incontro Laboratorio sul libro “Pronto? Sono il librofonino”.ORE 9 Incontro con le Classi della Scuola Secondaria 1° “De Renzio”; nel pomeriggio: incontro con i genitori degli allievi.
  • 6 APRILE 2017, TREPUZZI (LECCE), IC “PROF. GIUSEPPE COSTANTINO SOZ”, POLO UNO, Incontro Laboratorio sul libro “Pronto? Sono il librofonino”. ORE 9,00 Incontro con le Classi Quarte Scuola Primaria; ORE 11,00 Incontro Laboratorio con Classi Quinte Scuola Primaria e Classi Prime Scuola Secondaria 1°. Gli incontri si terranno presso il Plesso di Via Pepe.

*

ALTRE DATE SARANNO COMUNICATE PROSSIMAMENTE.

Volete anche voi organizzare un incontro sul “librofonino” con la partecipazione del suo autore? ecco i riferimenti da contattare: sandinipaolo@gmail.com, 329 4128260

“FRANCESCO”: ORA E’ UNA VERA E PROPRIA ENCICLOPEDIA UNICA AL MONDO!


“Francesco”, la grande opera dedicata alla vita e al pontificato di Papa Bergoglio, autore Roberto Alborghetti, edita da Velar. In questi giorni, nel clima dell’attesa della storica visita di Papa Francesco a Milano, è uscito il quarto volume, con sette nuovi capitoli, che si aggiungono ai precedenti 21. In totale sono oltre 500 pagine, in grande formato, che presentano un apparato fotografico per certi aspetti unico, con ben 550 immagini.     www.velar.it

PRIMI IN SICUREZZA 2017: ANCORA POCHE SETTIMANE PER…ANDARE SUL SICURO


DSCN9647

Testi, video, grafica e musica per dire che il lavoro deve “andare sul sicuro”. Il mondo della multimedia per invitare gli studenti italiani a riflettere sui temi della sicurezza, avvicinandoli – con la collaborazione dei docenti e dei genitori – alla realtà della prevenzione come strumento per risolvere il fenomeno degli incidenti e degli infortuni sul lavoro e negli ambienti della vita sociale. È questa la finalità della XV edizione di PRIMI IN SICUREZZA, campagna-ricerca che si rivolge alle scuole dell’infanzia, primarie, secondarie di primo e secondo grado, promossa da ANMIL ed Okay!

Classi scolastiche e singoli ragazzi, di ogni ordine scolastico e grado (Scuole infanzia, primarie e secondarie di 1° e 2°) potranno prendere parte alla “campagna” producendo e realizzando, entro la data del 31 marzo 2017, lavori, ricerche ed elaborati sul tema della sicurezza e della prevenzione degli incidenti e degli infortuni sul lavoro.

Anche quest’anno il percorso didattico di PRIMI IN SICUREZZA, e la stessa assegnazione dei premi finali, non fanno più riferimento agli ordini e ai gradi scolastici, ma alle categorie di partecipazione. Dunque, alle scuole è lasciata la possibilità di esprimersi nella totale creatività, elaborando e progettando lavori didattici nella sezione preferita o, addirittura, in più sezioni, adottando il criterio della interdisciplinarietà delle materie. Inoltre, il tema-slogan suggerito (“Lavoro: Vai sul sicuro!”) si presta ad essere interpretato con grande fantasia e creatività, a partire proprio dalle parole “Lavoro” “Sicuro” e dal verbo “Vai”.

PRIMI IN SICUREZZA 2016-2017 è strutturato in quattro percorsi espressivi e precisamente:

A – CATEGORIA GRAFICA E DISEGNI

B – CATEGORIA TESTI E RICERCHE

C – CATEGORIA VIDEO E WEB

D – CATEGORIA RAP

 

A – CATEGORIA GRAFICA E DISEGNI

“Scatenate la fantasia e create un messaggio grafico per prevenire gli incidenti sul lavoro”: questo l’invito rivolto alle classi ed ai singoli che vogliono lavorare a suon di pastelli, tempere e Photoshop.

Il tema del “Vai sul sicuro!” si presta ottimamente per questa sezione, invitando tutte le scuole a creare, ideare e realizzare – in mille modi – il “percorso” della sicurezza, visto e letto nei modi più diversi, ma con l’elemento comune che il “percorso” va attuato nella tutela e nella protezione, di sè e degli altri.

Come si sa, la sensibilizzazione è importante sul tema degli incidenti sul lavoro. Prevenire è meglio che curare, si dice. Come scuotere l’opinione pubblica su questo problema? Come richiamare l’attenzione sulla necessità di creare migliori condizioni di sicurezza sul lavoro? Si propongono queste attività didattiche: creazione di     poster, disegni, fumetti, cartoline, t-shirt e oggetti vari con un messaggio che aiuti a prendere coscienza del problema degli incidenti sul lavoro o della necessità di prevenirli.

Altre proposte di attività: realizzazione di tabelloni con i principali segnali di sicurezza sul lavoro; ideazione di un gioco da tavola con i vari cartelli (di divieto, di avvertimento, di prescrizione, di salvataggio e così via); ideazione di un nuovo segnale di sicurezza che, secondo la vostra fantasia, può essere utile per chi lavora gioco-quiz su cosa prevedono le normative in caso di lotta antincendio, uso di dispositivi di protezione individuale, uso di strumenti video, lotta ai rumori; creazione di un gioco quiz, relativo ai dispositivi di sicurezza e alle norme previste dalla legge.

 

B – CATEGORIA TESTI E RICERCHE

E’ la sezione che consente di approfondire, dibattere e raccogliere

dati e notizie sul fenomeno delle morti bianche. Anche in rete la documentazione è ormai vasta sull’argomento. Lo stesso sito dell’ANMIL offre dati e notizie in gran quantità.

Come suggerimento di attività didattiche suggeriamo di raccogliere e commentare articoli e servizi giornalistici sul tema degli incidenti. E redigere testi relativi, ad esempio, all’incontro con un imprenditore della vostra città o del vostro paese per intervistarlo sulla prevenzione e sulla sicurezza. Interessante anche raccontare la visita ad una fabbrica o ad un ufficio per descriverne gli impianti, le attrezzature, le condizioni di sicurezza.

Altre proposte di attività: intervistare una persona che ha vissuto l’esperienza di un infortunio sul lavoro e chiedere: “Che cosa accade durante un incidente? Che tipo di conseguenze può comportare sul fisico e nella vita quotidiana? Che sentimenti e che stati d’animo provoca?”.

Ancora: incontrare un medico che illustra le conseguenze fisiche (menomazioni, difficoltà di movimento ecc.) connesse con un infortunio sul lavoro; proporre testimonianze di fatti dolorosi che hanno fortemente impressionato l’opinione pubblica; commento su alcune delle principali disposizioni di Legge in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro; ricerche su cosa prevedono, in materia di sicurezza, le leggi italiane e perché è importante la tutela dei lavoratori.

C – CATEGORIA VIDEO E WEB

Perché non creare un sito o un blog su PRIMI IN SICUREZZA, facendovi confluire i vostri elaborati? E perché non realizzare, con i vostri smartphones, anche piccoli video con racconti, interviste, testimonianze di chi ha vissuto l’esperienza di un incidente sul lavoro? Ecco le due “sfide” lanciate dalla Categoria C. Ecco alcuni suggerimenti, che partono da alcune domande: si parla in famiglia dei rischi negli ambienti di lavoro? I genitori confidano ai propri figli di lavorare   in condizioni di disagio e di pericolo? Qualche genitore è stato vittima di incidenti sul lavoro?

Proposta di attività: raccogliere con videocamere e smartphones testimonianze tra le famiglie degli alunni per verificare se incidenti sul lavoro hanno coinvolto mamma, papà o un parente; sondaggio tra le famiglie degli alunni sui principali rischi degli ambienti di lavoro; raccogliere tra le famiglie degli alunni commenti e pensieri sulle paure e sui timori che i genitori provano in un ambiente di lavoro; chiedere ai genitori se le condizioni di sicurezza sono effettivamente rispettate negli ambienti di lavoro.

D- CATEGORIA RAP

Considerato il grande successo della scorsa edizione, torna la gara riservata alla ideazione e produzione di brani di musica Rap. Viene dunque rilanciato lo slogan : “Tutti in RAP per dire basta agli infortuni sul lavoro e per dire che occorre Ridurli Anzi Prevenirli”. I partecipanti a questa sezione potranno inviare composizioni vocali, musicali e testuali che, in stile rap, affrontano le tematiche della prevenzione degli incidenti sul lavoro. È un modo efficace per raccontare, con il linguaggio di un genere musicale e dei giovanissimi, le urgenze e le emergenze del fenomeno della “insicurezza” degli ambienti lavorativi. E ovviamente occhio al tema-slogan che può suggerire brani di grande effetto, anche sul piano dei testi.

Le modalità di composizione ed espressione sono libere, come appunto deve essere un RAP. I pezzi potranno essere presentati sottoforma di videoclip, brani mp3 e testi, da caricare sui comuni supporti elettronici (pendrive, cd o siti web). Ci potrà essere un accompagnamento musicale o anche la sola esecuzione vocale. E per chi non ce la fa proprio a cantare, è sufficiente produrre un testo, una semplice “filastrocca rap” dove sia evidente il messaggio antinfortunistico. Per questa sezione i migliori RAP scelti dalla Giuria tecnica verranno pubblicati sul sito di ANMIL.

MODALITÀ DI ADESIONE E SCADENZE

I lavori di PRIMI IN SICUREZZA potranno essere eseguiti in piena libertà espressiva e creativa. Accanto alle piste suggerite, potranno esserne sviluppate altre, secondo gli interessi e le attenzioni di ogni singola classe i temi.

Tutti i lavori di PRIMI IN SICUREZZA dovranno pervenire entro il 31 MARZO 2017 alla redazione di OKAY! al seguente indirizzo: OKAY! PRIMI IN SICUREZZA, presso Casa M. E. Mazza, Via Nullo n. 48 – 24128 Bergamo. Per invii in ritardo, segnalare al n.3334596503.

I lavori non si restituiscono. Si invitano le classi a conservarne una copia (o fotocopia). Ogni lavoro dovrà riportare in modo chiaro i riferimenti della Scuola e degli autori compilando la scheda scaricabile dal sito di OKAY! (www.okayscuola.wordpress.com) o dell’ANMIL (www.anmil.it) dove potrete trovare tutte le informazioni. In ogni caso è indispensabile indicare: nome della scuola, indirizzo completo, località e provincia di residenza, nominativo del docente referente, numero telefonico o e-mail.

PREMI E RICONOSCIMENTI

La comunicazione dei vincitori avverrà con pubblicazione degli esiti della Commissione giudicatrice sui siti di ANMIL e OKAY! oltre che direttamente alle scuole vincitrici a mezzo posta elettronica. Una commissione di esperti valuterà insindacabilmente i lavori pervenuti ed assegnerà premi e riconoscimenti suddivisi per LE CATEGORIE DI PARTECIPAZIONE, che sono rivolte indistintamente a tutti gli ordini scolastici: Scuole dell’infanzia,   Scuole primarie, Scuole secondarie 1°, Scuole secondarie 2°.

E’ prevista l’assegnazione di premi di utilità didattica ai primi 3 vincitori di ciascuna categoria.

Okay! ed ANMIL si riservano il diritto di promuovere iniziative ed attività (mostre, convegni, ecc.) con il materiale pervenuto.

L’iniziativa si chiuderà con una cerimonia di premiazione nazionale che si svolgerà a Roma il 26 maggio 2017, presso la Nuova Aula Gruppi Parlamentari, alla Camera dei Deputati. 

REGAL ACADEMY PREMIA LE MERAVIGLIOSE STORIE DEI NONNI.SCADENZA: 30 MARZO


Un nuovo progetto da favola, in collaborazione con Okay, aspetta voi e la vostra classe… e i protagonisti saranno i vostri super nonni!
Proprio come nonna Biancaneve, nonna Cenerentola e gli altri nonni di Regal Academy, le storie dei vostri nonni sono delle favole meravigliose… che aspettano solo di essere raccontate!

body image

Ecco cosa dovete fare per partecipare:

1. Coinvolgete i nonni! Parlate con i vostri insegnanti e proponete ai nonni di intervenire in classe e raccontare le loro storie… ispirate ai nonni di Regal Academy!
2. Lasciate che i racconti dei nonni vi diano tante idee per realizzare il vostro progetto con registrazioni, oppure foto e video. Spazio alla fantasia e alla creatività!
3. Spedite tutto entro il 30 Marzo 2017.
Se avete realizzato un video mandatelo via email a okay@esprithb.it, se avete preparato foto, disegni o racconti, spediteli via posta a esprithb – via Cesare Ajraghi, 40 – 20156 Milano

In palio una magica e “regale” esperienza con i nonni, insieme a tanti premi firmati Regal Academy.

8 MARZO: LE “DONNE CUCITRICI DI PACE” NEL LAVORO DELLA CLASSE 4a D DI BARI-PALESE


FESTA DELLA DONNA 2017 pag. 1

FESTA DELLA DONNA 2017 pag.2

Guest Writer: Mariella Maiorano 

27^ CIRCOLO DIDATTICO “DUCA D’AOSTA”, BARI-PALESE

In occasione dell’8 MARZO, con piacere condivido con i lettori di OKAY! un lavoro di ricerca, scoperta, conoscenza e approfondimento svolto dai miei alunni in classe per rendere omaggio alle Donne portatrici di pace. In occasione della FESTA DELLE DONNE 2017, gli alunni e le alunne della classe 4^ D del plesso DUCA D’AOSTA del 27^ CIRCOLO DIDATTICO di BARI-PALESE hanno realizzato una brochure (come vediamo nelle foto). E’ un opuscolo pieghevole, che sensibilizza e informa i lettori sulla vita di DONNE che in contesti e forme diverse hanno fornito un contributo all’affermazione del valore della pace.

Effettuate delle ricerche, gli alunni, divisi in piccoli gruppi, hanno dato vita ad un laboratorio linguistico nel senso che, dopo aver letto la vita di donne portatrici di pace, si sono cimentati nella rielaborazione in rima di alcuni momenti salienti della loro storia. I testi sono stati trascritti al computer dagli stessi bambini, impaginati in una brochure e completati con le immagini. Il titolo, DONNE CUCITRICI DI PACE, vuole evidenziare come la pace sia la paziente e laboriosa unione di tanti elementi: rispetto, diritti, parità, dignità…

ALL’IC “G.CAPPONI” DI MILANO I #LIBROFONINO DAYS: DUE GIORNI PER RIFLETTERE SU SMOMBIES, SMARTPHONES E CYBER-BULLI (15-16 MARZO)


A cura del Servizio Comunicazione
de “I Quindici”

Gli incontri di presentazione dedicati al testo “Pronto? Sono il librofonino” hanno in calendario l’attesissimo appuntamento a Milano, presso l’Istituto Comprensivo “Gino Capponi”, popolarmente denominata come la “Scuola dei Navigli”, sorgendo appunto nella caratteristica e storica zona della metropoli ambrosiana. Su iniziativa della Dirigente scolastica prof.ssa Gabriella Conte e del gruppo docenti è stata organizzato una “due giorni” che coinvolgerà allievi, insegnanti e genitori nelle tematiche sollevate dal libro di Roberto Alborghetti, illustrato da Eleonora Moretti, edito da I Quindici. I #librofoninodays, sul tema “Smombies, smartphones e cyber-bulli”, si svolgeranno mercoledi 15 e giovedi 16 marzo, su diverse sedi dell’IC. Questo il programma nei dettagli.

15 MARZO 2017

SCUOLA PRIMARIA “DOMENICO MORO”


ORE 9,30-11,00 Incontro Laboratorio con le Classi Quinte.

SCUOLA SECONDARIA 1° “AGOSTINO GEMELLI”
ORE 11,30-13,00 Incontro Laboratorio Classi Prime e Seconde.

ORE 18,00 / 20,30
INCONTRO CON I GENITORI

Gli incontri si terranno presso la Scuola Primaria “Domenico Moro”, Via Pescarenico 6 (MM Famagosta – Linea Verde).

16 MARZO 2017

SCUOLA PRIMARIA “GINO CAPPONI”


ORE 9,30-11,00 Incontro Laboratorio Classi Quinte
presso Aula Teatro della Scuola Secondaria di 1° “Antonio Gramsci”
Via F. Tosi 21 (MM Romolo, Linea Verde).

Gli incontri saranno introdotti dal saluto della Dirigente Scolastica Prof.ssa Gabriella Conte

 

Come già accaduto in questi incontri, l’autore non terrà la solita presentazione frontale, ma condurrà delle vere e proprie animazioni didattiche, ricorrendo anche all’uso di filmati, foto, musiche e testimonianze. Una modalità, per certi aspetti innovativa nelle presentazioni editoriale, che sta appassionando migliaia di studenti. Con l’autore sarà presente Paolo Sandini, de I Quindici, storico marchio dell’editoria italiana per l’infanzia.

L’incontro sulle realtà proposte da “Pronto? Sono il librofonino” rientra nelle attività e nei progetti che l’IC “Capponi” sta promuovendo sui temi della legalità e della sicurezza su web. “Pronto? Sono il librofonino” suggerisce una storia, per prendere coscienza che la tecnologia non va usata “per mentire, deridere o ingannare un altro essere umano” o per farsi coinvolgere in conversazioni che possono fare del male agli altri.
Animato dalle bellissime illustrazioni di Eleonora Moretti, è un fanta-racconto su un cellulare che “racconta storie di smombies, smartphones e cyber-bulli. Uscito da poche settimane, sta già suscitando un singolare interesse tra gli studenti, le famiglie e le istituzioni, come dimostrato dai recenti (e partecipatissimi) incontri svoltisi in Calabria, Puglia e Marche. Anche le due giornate di Milano daranno l’opportunità per riflettere su uno dei fenomeni che ci tocca tutti: quello della comunicazione tramite i telefonini, realtà che ci sta cambiando (e condizionando) la vita quotidiana.

*
Volete anche voi organizzare un incontro sul “librofonino” con la partecipazione del suo autore? ecco i riferimenti da contattare: sandinipaolo@gmail.com, 329 4128260