AMBIENTE / CINQUE BUONE PRATICHE CHE FANNO BENE AL PIANETA (E A NOI)


 

Il 2019 è stato un anno davvero tragico dal punto di vista dell’ambiente. Incendi che hanno devastato migliaia di ettari di foreste, tra le quali anche quella dell’Amazzonia, il polmone verde del mondo, e un bilancio climatico che lo registra come il secondo anno più caldo di sempre. Anche in termini di emissioni di CO2, le cose non sono andate bene. Con 36,8 miliardi di tonnellate prodotte, è stato l’anno con il tasso più alto di sempre.
Appare evidente la necessità di ridurre il proprio impatto ambientale, imparando a inquinare meno e a produrre un minor quantitativo di rifiuti, che andranno poi smaltiti in modo adeguato. In particolare, si torna a parlare di RAEE, i rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, il 40% dei quali continua ad essere gettato via in modo errato o illegale, per un totale di oltre 20 mila tonnellate solo in Italia, e di automobili private, che quotidianamente immettono nell’atmosfera tonnellate di polveri sottili.
Solo in Italia, lo scorso anno Legambiente ha registrato 26 centri urbani oltre i limiti di salvaguardia, sia per polveri sottili, sia per l’ozono, e in questo primo mese del 2020, 5 città (Frosinone, Milano, Padova, Torino e Treviso) hanno già registrato una ventina di sforamenti. Nonostante le allerte lanciate, l’auto privata continua ad essere il mezzo più utilizzato (65,3% degli spostamenti), con 38 milioni di vetture in strada ogni giorno.
“La situazione sta diventando davvero preoccupante, tutti noi dobbiamo dare il nostro contributo. Purtroppo, ci sono ancora molte persone che smaltiscono i rifiuti in modo errato, in particolare i RAEE, gettati nella pattumiera dell’indifferenziata. Questi prodotti immettono nelle discariche comuni qualcosa che può avere effetti tossici e estremamente nocivi, e, inoltre, stanno buttando via qualcosa di prezioso. – Dichiarano Peter Windischhofer, Kilian Kaminski e Jürgen Riedl, fondatori della startup Refurbed, che si occupa proprio di prodotti tecnologici rigenerati – I RAEE possono, invece, essere rigenerati e tornare a nuova vita, garantendo ottime prestazioni equiparabili ai prodotti nuovi, oppure si possono recuperare gli importanti elementi che li compongono, come rame, zinco e persino oro e argento”.
La fase del lockdown, con la sospensione delle attività e la ridotta mobilità, anche automobilistica, ha evidenziato livelli di miglioramento in Italia, soprattutto nelle aree più inquinate del Nord, a conferma di come la responsabilità dell’essere umano sia di fatto totale.
Anche il 2020 non è iniziato nel migliore dei modi, con le fiamme che stanno divorando ettari di foreste australiane (e la deforestazione amazzonica, avvenuta nella pandemia con la complicità del presidente Bolsonaro NDR). Per questo motivo, abbiamo avviato una campagna in collaborazione con l’organizzazione no profit One Tree Planted, dando la possibilità a chi acquista un prodotto sulla nostra piattaforma, di piantare un albero anche in Australia, oltre a Madagascar, Nepal e Haiti. Si tratta di un’iniziativa che è da sempre attiva nei nostri canali: per ogni acquisto, piantiamo un albero. Oltre a questo, noi come Refurbed ci stiamo impegnando a ridurre al minimo il nostro impatto ambientale, scegliendo prodotti rigenerati, sia a lavoro, sia nella vita privata, e andando a lavorare in bici o con i mezzi pubblici. Ma siamo consapevoli del fatto che anche noi, come tutti, potremmo fare di più.” concludono.
Ecco i 5 buoni comportamenti da adottare, secondo Refurbed:
1 Cambiare la propria alimentazione riducendo il consumo di carne. Preferite i prodotti di stagione, meglio ancora se a KM 0. In questo modo, si ridurrà l’impatto ambientale delle serre e le emissioni prodotte dal trasporto delle merci.
2 Non lasciamoci tentare dalle mode: in molti sottovalutano l’impatto ambientale dell’industria del fashion che, invece, incide in misura notevole. Ogni giorno, migliaia di prodotti gettati via per far posto a qualcosa di nuovo, e, quasi sempre, questi capi non vengono smaltiti correttamente. Acquistiamo solo se ne abbiamo bisogno.
3 Preferire i prodotti rigenerati, ogni volta che sia possibile. Moltissimi, come quelli proposti da Refurbed, hanno prestazioni equiparabili ai prodotti nuovi, ad un prezzo inferiore. Risparmierete e avrete “tolto dalla discarica” un oggetto inquinante. In caso di elettrodomestici, optate per quelli di classe energetica A+++
4 Ridurre il ricorso agli oggetti monouso e preferire quelli con meno imballaggio possibile. Una buona idea può essere anche fornirsi presso negozi che vedono prodotti sfusi, portando da casa il proprio contenitore.
5 No a fumo e droghe che, oltre ad essere estremamente nocivi per la nostra salute, inquinano. I mozziconi di sigaretta, ad esempio, impiegano moltissimi anni per decomporsi. Inoltre, secondo uno studio americano i laboratori che processano la cocaina riversano ogni anno al suolo della regione delle Ande 10 milioni di litri di acido solforico, 16 milioni di litri di etere etilico e 8 milioni di litri di acetone.

SETTIMANA PER IL CLIMA: LA SCUOLA INVITATA A RIFLETTERE SUL TEMA DELL’AMBIENTE


20190920_115354_resized

L’orto nel giardino della scuola: all’IC Capponi di Milano si lavora e si riflette sulla sostenibilità ambientale e sul cambiamento climatico. 

Il Ministro Fioramonti ha indirizzato una lettera ai dirigenti scolastici, ai docenti e alla scuola tutta, al fine di sensibilizzare sul tema ambientale e sul contrasto al cambiamento climatico, dichiarando la disponibilità del Miur a sostenere ogni iniziativa utile al riguardo. Il Ministro ha preso lo spunto dalla settimana della sensibilizzazione al contrasto al cambiamento climatico, attualmente in corso.

Gli eventi culmineranno nella mobilitazione globale del 27 settembre, cui parteciperanno anche in Italia numerosi giovani seguendo il messaggio di Greta Thunberg. Il Ministro chiede alle scuole o meglio ai docenti di dedicare delle ore di lezione a discussioni e riflessioni sui cambiamenti climatici. Qualsiasi altra iniziativa proposta dalle scuole sarà ben accetta. Il Ministro esprime poi l’auspicio di inserire stabilmente, all’interno dell’insegnamento dell’Educazione Civica, la tematica dell’emergenza climatica. 

Il Ministero, prosegue Fioramonti, sarà sempre aperto alle proposte provenienti da studenti, insegnanti e realtà scolastiche in genere, riservate ai temi ambiente, del cambiamento climatico e del benessere equo e sostenibile. Il Ministro comunica infine che il Miur ha costituito in questi giorni una pagina WEB dedicata e una casella di posta elettronica al fine di raccogliere tutte le vostre iniziative e cercare di realizzarleNella web e casella di posta sarà possibile caricare i vostri progetti, le vostre iniziative, le foto e tutto ciò che vorrete condividere con noi. 

MI FIDO DI TE: DISEGNA STORIE SUL RAPPORTO TRA PERSONE E ANIMALI. BELLISSIMI PREMI VI ASPETTANO!


Abel_Banner-7X7

 

Siete pronti a spiccare il volo e a planare sulle vette delle grandi emozioni? Preparatevi dunque ad un back to school appassionante: al vostro fianco troverete Lukas e Abel che nel film Abel il figlio del vento, al cinema dal 29 settembre, vi raccontano una straordinaria storia di amicizia, lealtà, fiducia e amore. Lukas, un bambino che vive un difficile rapporto con il padre, un giorno incontra Abel, una giovane aquila caduta dal nido, e decide di prendersene cura in gran segreto.

Da quel giorno, Abel diventerà il compagno con cui condividere le gioie e le emozioni che solo un’amicizia e una fiducia incondizionate sanno dare: insieme impareranno ad affrontare le difficoltà quotidiane e Lukas, grazie ad Abel, riscoprirà emozioni e riuscirà finalmente a volare con le proprie ali verso una vita ricca di affetti.

Non perdetevi quindi il contatto con il nostro blog e con Okay!, dove Lukas e Abel vi aspettano per coinvolgervi nel fantastico progetto miFIDOdiTE per mettere alla prova il vostro talento nel narrare esperienze vissute in prima persona o che vi hanno raccontato sullo straordinario rapporto tra uomo e animali. Bellissimi premi vi aspettano con Abel il figlio del vento.

Sei impaziente di conoscere l’avvincente storia di Lukas e Abel? Vai su www.abelilfigliodelvento.it: troverai tutte le info sul film e materiali didattici che potrai scaricare.

***

MI FIDO DI TE: ECCO COME PARTECIPARE

3 CLASSI IN VISITA-PREMIO  ALLA FATTORIA DIDATTICA

PERIODO DI SVOLGIMENTO:

dal 15 settembre 2016 a 31 dicembre 2016

DESTINATARI: classi delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado

MODALITÀ: per partecipare, la classe potrà inviare uno o più elaborati realizzati dagli alunni (disegno, collage, tempera, ecc.) che abbiano come tema l’amicizia e il rapporto tra persone e animali.

Gli elaborati dovranno pervenire in busta chiusa e accompagnati da una scheda in cui siano indicati i dati della classe partecipante, della scuola (indirizzo, telefono ed e-mail) entro il 15 gennaio 2017 a: Okay! c/o esprithb – via Cesare Ajraghi, 40 – 20156 Milano.

Entro febbraio 2017 una giuria composta da 3 membri dopo aver valutato gli elaborati selezionerà le 3 classi vincitrici.

La premiazione avverrà entro il 30 marzo 2017.

LE TRE CLASSI VINCITRICI, si aggiudicheranno ognuna una visita guidata ad una fattoria didattica dove, seguiti da un esperto, gli alunni scopriranno la magia e l’emozione di interagire con gli animali!

NOVITA’ EDITORIALE / LA STORIA DI UNA DONNA CHE NELL’OTTOCENTO ANTICIPO’ I TEMI DELL’ECOLOGIA E DEL CREATO


Duecento anni fa – precisamente il 28 gennaio 1816 – nasceva a Soncino (Cremona) Paola Elisabetta Cerioli, una delle grandi figure lombarde dell’Ottocento, proclamata Santa il 16 maggio 2004. Fondatrice degli Istituti della Sacra Famiglia, visse gran parte della sua esistenza a Comonte di Seriate, da dove avviò opere ed attività che continuano tuttora, in Italia e all’estero.

L’evento del Bicentenario ha suggerito la pubblicazione di una biografia – “Paola Elisabetta Cerioli, Il grande albero e il granello di senape”(Edizioni Velar, Gorle, BG)  – nella quale l’autore, Roberto Alborghetti, ha ricostruito le vicende terrene e le intuizioni spirituali di una donna che visse un’esistenza per certi aspetti straordinaria.

Già autore dei due volumi dell’Epistolario, Alborghetti presenta e illustra i passaggi fondamentali della vita di Santa Paola Elisabetta, al secolo Costanza Onorata, sedicesima figlia della nobile famiglia dei Cerioli. A diciannove anni, i genitori la offrono in sposa al quasi sessantenne Gaetano Busecchi, vedovo della contessa Maria Teresa Tassis, residente a Comonte. La vita coniugale è segnata dal dolore; tre figli muoiono in tenera età, Carlo è invece stroncato a sedici anni dalla tubercolosi. Prima di spirare, confiderà a Costanza parole profetiche: “Mamma, non addolorarti. Il Signore ti darà altri figli…”

Paola-Elisabetta-Cerioli264Rimasta vedova e sola, la nobile Cerioli – sotto la guida spirituale del Vescovo di Bergamo mons. Pierluigi Speranza e di mons. Alessandro Valsecchi – matura la vocazione di dedicarsi a Dio, agli orfani ed alla promozione delle classi rurali, per le quali avvierà scuole e produrrà testi didattici e singolari riflessioni che anticipano le scienze ecologiche. Fonda l’Istituto delle Suore della Sacra Famiglia, seguito più tardi dalla fondazione dell’Istituto religioso maschile.

Madre Paola Elisabetta si spegne nella notte tra il 23 ed il 24 dicembre 1865 a Comonte di Seriate, dove riposano le sue spoglie e dove ha sede la Casa madre. La sua testimonianza continua attraverso le suore e i sacerdoti della Sacra Famiglia, che svolgono il servizio alla Chiesa universale con l’impegno nel mondo della scuola, con il lavoro a sostegno delle attività pastorali parrocchiali, nelle opere a favore degli anziani e degli ammalati, nell’aiuto ai più giovani, spesso in condizioni sociali difficili, come lo sono le missioni in Brasile e in Africa.

Il libro di Roberto Alborghetti, edito dalla Velar di Bergamo, ripercorre l’intero arco della vita di Santa Paola Elisabetta ponendo particolare attenzione, nella parte finale, all’attualità del carisma e del messaggio, con particolare riferimento alle intuizioni in campo educativo, culturale, sociale ed ambientale.

 

Roberto Alborghetti, PAOLA ELISABETTA CERIOLI, IL GRANDE ALBERO E IL GRANELLO DI SENAPE, 98  pagine, Edizioni Velar, Euro 10.

 

http://www.velar.it/libro/paola-elisabetta-cerioli/

 

“GIOVANI REPORTERS PER L’AMBIENTE”: ECCO I 10 PIU’ VOTATI NELLA PRIMA CLASSIFICA PROVVISORIA


 

 

Sta raccogliendo grande entusiasmo e adesioni l’iniziativa del voto popolare per i lavori selezionati per “Giovani Reporters per l’Ambiente” lanciata nella scia del film “Winx Il Mistero degli Abissi”. C’è ancora tempo per votare (la scadenza è il 10 novembre 2014 ), ma è ora disponibile una prima classifica provvisoria. Ve lo proponiamo, avvertendo che l’elenco è relativo alle 10 scuole o singoli i cui lavori risultano finora più votati dal pubblico del web. Importante: l’ordine è casuale e non rispetta quello della graduatoria ufficiale.

I giochi sono ancora tutti aperti e ogni novità è ancora possibile. Ecco dunque ad oggi (28 ottobre  2014) i selezionati (scuole/singoli) i cui lavori sono più “cliccate” e votati:

  

CIRCOLO DIDATTICO, CIAMPINO, ROMA

CIRCOLO DIDATTICO, NOICATTARO, BA

PRIMARIA ICS PRUDENZIANO, MANDURIA, TA

FRANCESCO ALTOMARE, COSENZA

NICOLO’ AMORE, ZOGNO, BG

PRIMARIA RODARI, ICS, POLIGNANO, BA

PRIMARIA RADICE, CAMPORGIANO, LU

PRIMARIA MARUGGIO, TARANTO

PRIMARIA ICS MARVELLI, RIMINI

CIRCOLO DIDATTICO, BARONISSI, SA

 

Come detto, si vota fino al 10 novembre. Per votare è sufficiente cliccare sull’immagne del lavoro prescelto. La stessa immagine si aprirà in una finestra speciale (dove potete anche lasciare commenti): questa è la prova che il voto è stato acquisito.

Ecco il link della pagina con i lavori selezionati per il voto popolare:

https://okayscuola.wordpress.com/2014/10/22/tutti-reporters-per-lambiente-vota-il-tuo-lavoro-preferito-basta-un-click-sullimmagine-prescelta/

 

 winx 3

 

“ATTIVI DI NATURA”: DA MANDURIA (TA) LA VIDEO-INCHIESTA PER “WINX – REPORTERS PER L’AMBIENTE”


*

Piccoli reporters per salvare la natura… Il video degli alunni della classe III B della Scuola Primaria dell’ICS Prudenziano di Manduria (Taranto) per l’iniziativa “Giovani reporter Missione Magia” promossa su Okay! in occasione dell’uscita del film “Winx, Il mistero degli abissi”. Il racconto filmato di una inchiesta sul campo che ha coinvolto gli scolari pugliesi guidati dalla docente  Francesca del Monte; consulenza esterna di Nando Perrone. 

 

6d4adf63-22fa-481d-a171-27dae3b499af (640x425)

REPORTERS PER SALVARE L’AMBIENTE: FA DAVVERO NOTIZIA IN PUGLIA L’INCHIESTA DEI RAGAZZI DI MANDURIA (TARANTO)  


Attivi di Natura

IL SERVIZIO CHE IL QUOTIDIANO “LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO” HA DEDICATO ALL’INCHIESTA DEGLI ALUNNI DELL’ICS PRUDENZIANO DI MANDURIA – TARANTO

 

 

Incredibile, ma vero. Il lavoro realizzato dagli allievi di Manduria (Taranto) per GIOVANI REPORTER MISSIONE MAGIA, SALVIAMO LA NATURA CON LE WINX sta facendo notizia. Date un’occhiata all’articolo de LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO, a firma di Nando Perrone, pubblicato qui sopra per rendersi conto di come l’inchiesta preparata dai ragazzi della 3° della Scuola primaria dell’Ics “Prudenziano” abbia superato le pareti delle aule scolastiche per interessare tutta la comunità. Davvero bravi! Il lavoro è stato già spedito alla redazione di Okay! e verrà, dopo il 10 ottobre (scadenza dell’iniziativa) sottoposto alla valutazione della giuria.  

Anche i ragazzi di Manduria, con i loro docenti, hanno eseguito e partecipato ad un lavoro significativo per documentare come sono ridotti tanti luoghi ed ambienti del nostro Paese. Anch’essi hanno interpretato appieno gli intenti di GIOVANI REPORTER MISSIONE MAGIA, SALVIAMO LA NATURA CON LE WINX, che invita appunto a  vestire i panni dei reporters e scoprire realtà, luoghi e bellezze naturalistiche del nostro territorio, documentando anche quando esse sono bistrattate, dimenticate e, peggio ancora, rovinate e deturpate. Potete partecipare con i vostri amici e con i vostri compagni di classe. Basta un po’ di fantasia e di…attenzione… Basta girare lo sguardo in giro, fare foto o un disegno, una storia, un fumetto, un articolo o un lavoro pubblicato anche sui vostri giornali scolastici. Avete tempo fino al 10 ottobre. Forza allora, scattate in piedi e…scattate foto!

 Come noto, trovate tutte le informazioni su: https://okayscuola.wordpress.com/tutti-reporters-con-le-winx-per-salvare-la-natura/

 Dunque, tutti al lavoro, diventando reporters per salvare la natura. Ed appuntamento al cinema per il nuovo film “Il mistero degli abissi”, dove le Winx sono anche questa volta impegnate in difesa dell’ambiente! Per saperne di piú scoprite il trailer su: www.winxclub.com

 Qui sotto potete scaricare il regolamento del concorso in formato word:

 WINX Missione Magia – Tracce e regolamento word

 

IL LORAX HA CONSEGNATO ALLA SCUOLA DELL’INFANZIA DI CAPRIOLO (BS) IL PRIMO PREMIO DI “TUTTI A RACCOLTA PER IL RICICLO”


Simpaticissima mattinata presso la scuola dell’Infanzia di Capriolo (Brescia) risultata destinataria del primo premio previsto dall’iniziativa “Tutti a raccolta per il riciclo”, lanciata da Universal Pictures Italia in occasione dell’uscita del film LORAX nel formato dvd e dvd-blu ray. Hanno partecipato alla festa: l’assessore all’Istruzione e Cultura Marco Salogni, Roberto Alborghetti (direttore di Okay!), Monique Hemsi di Agenzia Esprithb, le docenti ed i bimbi che hanno partecipato al progetto sul riciclo coinvolgendo attivamente anche le proprie famiglie. Ora, essi avranno la bella opportunità di visitare una delle Oasi del WWF vivendo una bellissima esperienza a contatto con la natura.   

LE “SETTIMANE VERDI”: VIVI LA TUA AVVENTURA CON LA NATURA NEL FANTASTICO MONDO DEL “FAISECH”


Faisech foto 2

Vista l’interessante esperienza della scorsa edizione anche quest’anno l’Associazione Culturale “Tri pass” partecipa all’atteso concorso LA PIANTA CHE MI PIACE offrendo a due vincitori la possibilità di trascorrere una settimana a contatto con la natura e condividere, con altri coetanei, esperienze davvero indimenticabili.

Partiranno, dal mese di giugno, le iniziative “SETTIMANE VERDI” e “NATURAL CAMP”. rivolte ai bambini della scuola primaria (dai 6 agli 11 anni) presso la struttura ricettiva denominata “Villaggio Faisech” situata nel Comune di Gaverina Terme, a pochi chilometri da Bergamo, nel verde lussureggiante della Val Cavallina: un’area completamente recintata nella quale i ragazzi potranno svolgere tutte le attività nella massima sicurezza.

I giovani ospiti (massimo 16 ragazzi) potranno vivere una settimana nella tranquillità e semplicità che la natura offre tutti i giorni, esperienze nuove e divertenti ma anche istruttive: conosceranno da vicino il mondo degli animali, faranno dello sport, potranno stupirsi di fronte ai meravigliosi paesaggi della Val Cavallina durante le escursioni guidate e si divertiranno imparando e migliorando il loro inglese con insegnanti madrelingua.

Un’ occasione per vivere una vacanza alternativa, a pochi passi dalla città, in cui è possibile accostarsi agli aspetti più interessanti della natura e delle più tradizionali attività della vita rurale, un’esperienza in grado di far crescere i nostri ragazzi in uno spirito di condivisione e collaborazione. Il tema di quest’anno pone l’attenzione sulla CREATIVITÀ per valorizzare il territorio, un impegno che l’Associazione condivide, soprattutto con i più giovani, durante le esperienze estive nel fantastico mondo del

Faisech. Crescere rispettando l’ambiente che ci circonda, l’ambiente che viviamo ogni giorno. Adottare semplici e fondamentali comportamenti positivi e abitudini dello stile di vita! Il tema di quest’anno vuole essere un invito ad una consapevolezza comportamentale che, fin dalla più tenera età, produce buoni effetti anche nelle cose di tutti i giorni.

Se vuoi saperne di più visita

il sito dell’Associazione Tri pass

www.tripass.it

o chiama il 339 5039427.

“VERDE LIBERA TUTTI”: SETTE GIORNI PER …LAVORARE CON LA NATURA (15-21 APRILE ’13)


immagine campagna com. stampa

Basterà un gesto, magari piccolo, ma se è vero che “l’unione fa la forza”, alla fine della settimana 15 – 21 aprile la differenza sarà comunque evidente. 

Questa è l’ambizione di Verde libera tutti, il progetto fortemente voluto da Promogiardinaggio e che finalmente si prepara a vedere la luce; sette giorni in cui gli appassionati di natura, i pollici verdi per vocazione o chiunque abbia semplicemente voglia di riqualificare un’area degradata, un’aiuola abbandonata o una terrazza dimenticata potrà rispondere alla “chiamata alle zappe” dell’Associazione impegnata nella diffusione dell’amore per il verde e la natura.

 

L’idea

Una settimana di movimentazione collettiva allo scopo di realizzare dei concreti gesti verdi per migliorare l’ambiente intorno a noi. Da Milano, dove prenderà il via, fino a raggiungere tutte le località sensibili ai problemi di degrado, alla mancanza di verde pubblico e privato, alla necessità di circondarsi di natura come espressione di maggiore armonia.

 

L’ambizione

Coinvolgere il maggior numero possibile di persone, rendere virale il messaggio positivo che vuol veicolare il progetto e trasformare l’appuntamento con la settimana del “fare verde” una consuetudine anche per gli anni a venire.

 

Il promotore

Promogiardinaggio, l’associazione nata nel 2008 e dalla sua fondazione impegnata in progetti divulgativi della cura del verde e coinvolgenti attraverso attività pratiche anche per i più giovani. L’importanza del progetto Verde libera tutti è stata riconosciuta da importanti realtà italiane come Legambiente, AIGC (Associazione Italiana Centri Giardinaggio) e Ambienteacqua che hanno deciso di condividere l’evento.

 

Il coinvolgimento

Milano ha il ruolo di “cuore verde” del progetto. Il capoluogo lombardo sarà protagonista di un momento di aggregazione generale e  aperto a tutti. L’intera cittadinanza è invitata ad aderire all’iniziativa attraverso interventi di vario genere che avranno come scenario gli spazi pubblici, privati, i giardini scolastici, le aree aziendali.

 

 

 

I supporti

Per divulgare l’iniziativa, per rendere fruibili a tutti i particolari del progetto, le modalità e possibilità di partecipazione, ma anche per fornire idee e suggerimenti, Promogiardinaggio ha attivato tutti i canali social realizzando un sito internet –  www.verdeliberatutti.org –  aprendo una pagina Facebook –  www.facebook.com/verdeliberatuttie un canale twittertwitter.com/verdelibera – dove seguire step by step tutti gli sviluppi con l’approssimarsi della settimana 15 – 21 aprile e interagire con la comunità che si andrà a formare.

Inoltre, nel corso delle giornate dedicate a fare verde, l’Associazione metterà a disposizione per alcuni interventi in città tutto il materiale necessario (attrezzi, sementi, bulbi) e l’esperienza di personale qualificato a fornire consigli e informazioni riguardo a tecniche, metodi e scelte più idonee relativamente all’area interessata.

 

E’ un progetto nel quale crediamo e al quale abbiamo dedicato molte energie” spiega Luca Pelliciari presidente di Promogiardinaggio. “Pensiamo che il modo migliore per creare e sviluppare una coscienza verde sia coinvolgere attivamente le persone, rendendole protagoniste e non solo spettatrici di azioni eco sostenibili”.

 

Quello che Promogiardinaggio si aspetta dalla settimana di verde collettivo è di gettare le basi per rendere il nostro Paese un luogo più curato, più vicino ai virtuosi e numerosi esempi degli standard europei.