LA BARCA DI TORRE A MARE : “QUADRI” ASTRATTI A CIELO APERTO. MA SONO “SOLO” FOTOGRAFIE…


Le immagini del video non sono dipinti o composizioni digitali, ma foto astratte che Roberto Alborghetti ha scattato per la sua ricerca- progetto Lacer / azioni, attorno a una vecchia barca a Torre a Mare (Bari,Puglia). Sono ormai ben 100.000 le foto scattate e archiviate per il progetto Lacer/azioni! Il soundtrack del video è “Tick Tock” di Jimmy Fontanez.

 

Annunci

15 “LACER/AZIONI” DI R. ALBORGHETTI NELLA ACS GALLERY DI ARTSY (CHICAGO, USA)


artsy home roberto alb - Copia

La Galleria ACS (Chicago, USA) è onorata e lieta di annunciare che l’italiano  Roberto Alborghetti è ora parte della ACS Gallery Artsy Page. Guarda le opere di Roberto Alborghetti alla pagina ACS Gallery Artsy all’indirizzo web: https://www.artsy.net/acs-galle…/artist/roberto-albrogehetti

In questa area web ACS Gallery Artsy ha esposto 15 lavori di Roberto: 13 sono foto astratte su tela e 2 collages. Tutte le opere fanno parte del suo progetto-ricerca “Lacer / actions”.

0 FSCN6369

Renèe LaVerne Rose, Roberto Alborghetti e l’artista internazionale Sergio Gomez

Roberto Alborghetti è un giornalista italiano, autore di numerosi libri e artista visivo. Ama la fotografia astratta. Ha raccolto finora circa 100.000 foto sulla decomposizione delle materie (manifesti pubblicitari, crepe naturali, graffi, corrosioni, installazioni industriali). Le sue foto sono riprodotte in copie uniche su diversi supporti (tele, stampe litografiche, alluminio, tessuti come sciarpe di seta). Ha esposto in Italia (Rocca  Aldobrandesca a Piancastagnaio, Toscana, Tempio romanico a Lenno, sul Lago di Como) a Londra e Nottingham (dove continua il grande successo di “The Ghost Bus Project”, progetto con Bartons Plc e ACT Group).

Informazioni sulla Galleria ACS

La Galleria ACS è ospitata in una delle località più famose del Centro Art / Museo Zhou B. di Chicago. La Galleria ACS offre una vasta gamma di opere di artisti contemporanei emergenti e consolidati. Renée LaVerné Rose è fondatrice, agente e curatore che presenta mostre di gallerie per artisti rappresentati e offre opere di artisti nazionali e internazionali, con mostre curate online. Ha fondato e creato anche la rivista ACS.

ACS Gallery assicura un servizio personalizzato per la propria clientela per investire in collezioni di opere d’arte. Arts & Cultural Strategies, Inc. (ACS) sta arricchendo la vita delle persone attraverso progetti di scambio artistico e culturale, promuovendo una fusione di artisti locali emergenti a livello internazionale, ampliando progetti internazionali di scambi culturali a beneficio della comunità mondiale degli artisti.

“IL MONDO NASCOSTO”: CI CREDI CHE TUTTO CIO’ SI TROVA SU UN CASSONETTO DEI RIFIUTI?


Immagini astratte (e macro) da un cassonetto dei rifiuti a Bitonto (Bari). Video creato da Roberto Alborghetti per il suo progetto-ricerca “LaceR/Azioni” sul “mondo nascosto” della decomposizione naturale attorno a noi. Soundtrack: “Amour”. La citazione finale, nel video, è tratta dall’articolo che Fernirossi ha dedicato al progetto di Roberto Alborghetti sul Blog “Cartesensibili”.

Link al Blog “Cartesensibili”:

https://cartesensibili.wordpress.com/2017/03/28/groundoverthirty-veevera-lacerazioni-lacerare-e-la-crerare-azioni-darte-di-roberto-alborghetti/comment-page-1/#comment-16045

© Roberto Alborghetti – Lacer/actions

 

 

“L’AUTOBUS FANTASMA/CITTÀ DI MARE”: GRANDE “PRIMA” SU WEB IL 15 DICEMBRE 2016


Trailer sul lancio del video #2 dal progetto “The Ghost Bus”, “L’ Autobus Fantasma”, realizzato da Roberto Alborghetti, Bartons Plc e Act Group. Una prima mondiale su web il 15 Dicembre 2016. “Città di Mare”: uno straordinario caleidoscopio di suoni e colori, basato sulla colonna sonora originale di Tom, James, Richard e Simon Barton, con gli artworks di Roberto Alborghetti (Lacer/azioni). Una grande avventura visuale nella Terra di Robin Hood.

Per informazioni su “The Ghost Bus” (L’Autobus Fantasma): 

https://robertoalborghetti.wordpress.com/the-ghost-bus-project/

the-ghost-bus-flyer-b-2

GOCCIA DOPO GOCCIA: LA TECNICA DEL “DRIPPING” (MA QUESTI NON SONO DIPINTI… SONO “LACER/AZIONI”)


ARTWORKS E VIDEOCLIP DI ROBERTO ALBORGHETTI.

LA TECNICA DEL “DRIPPING”: IMMAGINI CASUALI E SPONTANEE, “CATTURATE” IN SICILIA (ISOLA DELLE FEMMINE).

By Roberto Alborghetti - Lacer/actions

By Roberto Alborghetti – Lacer/actions

 

“TEMPO.MEMORIA”: AL MIIT DI TORINO ARTISTI DA TUTTO IL MONDO (8 LUGLIO-20 AGOSTO 2016)


MIIT-16a

Appuntamento a Torino, presso il MIIT (Museo Internazionale Italia Arte) per la mostra internazionale “TEMPO MEMORIA, DARING THE DREAM AGAIN”, dall’8 Luglio al 20 Agosto 2016. L’evento è curato dall’artista e gallerista americano Sergio Gomez, con la partnership di Renèe LaVerne Rose per le relazioni culturali.     

In un mondo di grandi cambiamenti e in costante movimento, quali aspetti della vita rappresentano i valori più importanti che resistono al tempo? “Il tempo è un’illusione”, affermava Albert Einstein. La mostra torinese, progettata e curata da Sergio Gomez (curatore e titolare di Art NXT Level Project/33 Contemporary Gallery) presenta una selezione accurata dei migliori artisti della galleria e della ZB Center di Chicago, in un’anteprima internazionale targata Museo MIIT e Arte Italia di Guido Folco.

Gli artisti rappresentano molte città e nazioni, tra cui Chicago, l’Illinois, New York City, Miami, la Florida, ma anche Messico, Corea, Filippine, Perù Germania, Iran.

TEMPO.MEMORIA - TURIN.pdf

GLI AUGURI DI PASQUA 2016 IN UNA OPERA DEL MAESTRO IACOMUCCI


Via crucis di Carlo Iacomucci

L’opera dal titolo “Idea per una via crucis” del maestro Carlo Iacomucci (opera esposta a Macerata in occasione del Giubileo della donna “La misericordia si esprime nella croce”) ha suggerito al critico d’arte Paolo Biagetti una riflessione, che pubblichiamo qui di seguito in occasione della Pasqua 2016.

“Nella tua opera, in nuce, tutto ciò è già scritto con i segni e i colori dell’immaginazione. E’ come il preludio di quel celeste incrocio di Amore e di Pace. Ne è l’annuncio la grande Croce gialla (quasi un gigantesco traliccio … dell’Alta Tensione), maculata alla base del sangue del riscatto, che sembra elevarsi da terra verso l’osservatore, lasciando dietro di sé delle segnature vibranti, quasi cablogrammi di senso. Quel sottile filamento che parte dall’alto, da quella forma puntuta colma di crittogrammi, attraversa la croce per perdersi poi nelle profondità infinite dello spazio opposto. Hai descritto, forse senza volerlo, uno spazio dell’arte dove si attua una molteplicità di rapporti in cui è implicito il tutto e dove ogni cosa disvela la propria intima essenza. Ricorda tanto una certa “quadratura” filosofica che unisce il cielo e la terra, ecco: la condizione di salvezza heideggeriana che prevedeva, se non sbaglio, il “salvataggio della terra, l’accoglienza del divino”, il portare l’uomo in una dimensione diversa, quella della parola poetica che dice gli echi dei fenomeni celesti. Le sette candide gocce che attraversano lo spazio del tuo “racconto” pasquale sono la firma/traccia del tuo appassionato esser-ci come medium di un evento creativo che ti trascende “. Paolo Biagetti