DISEGNARE E’ BELLO E FA BENE. LO DICONO ANCHE GLI AMICI DI “CAMPAIGN FOR DRAWING”…


Una copertina di Okay! dedicata alle attività della fondazione inglese "Campaign For Drawing"

Una copertina di Okay! dedicata alle attività della fondazione inglese “Campaign For Drawing”

Campaign for Drawing – che Okay! è lieto di appoggiare – ha un unico obiettivo: fare in modo che tutti possano disegnare. Il disegno ci aiuta a pensare, inventare e comunicare, senza distinzione di età e capacità. Campaign for Drawing ha preso spunto iniziale dal visionario artista vittoriano e scrittore John Ruskin.

The Campaign for Drawing è un ente di beneficenza indipendente (Charity) che sostiene l’attivita del disegno come strumento di pensiero, creatività, impegno sociale e culturale. Ha sviluppato due programmi per incoraggiare l’uso del disegno da parte di professionisti e di chiunque: il Big Draw e il Power Drawing.

Campaign for Drawing ha creato una nuova concezione per il valore di disegno come mezzo per aiutare le persone a vedere, pensare, inventare e agire. La sua ambizione a lungo termine è quella di modificare il modo in cui l’attività del disegno viene percepita da chi opera nell’educazione e dal pubblico. Questo impegno ha ottenuto il sostegno da parte di professionisti leader nei settori creativi di arte, architettura e scuole di design, i quali lamentano un ritardo nella percezione del fatto che il disegno è fondamentale per la formazione degli studenti nelle varie discipline.  Campaign for Drawing ha una visione più ampia.  Vede il disegno come una umana competenza di base utile in tutti i cammini della vita. Il lavoro di “Campaign for Drawing” potrà dirsi concluso quando saranno cancellate dal nostro vocabolario le parole “Non so  disegnare”. 

THE BIG DRAW

Ogni ottobre, in più di 1.500 sedi, dalle sale-incontro dei villaggi e dalle scuole materne fino ai musei nazionali e ai castelli, la gente partecipa alla manifestazione annuale di punta di Campaign for Drawing. E’ un lungo mese di eventi, oltre mille, che si estendono all’arte, alla scienza, al design e all’ambiente, collegando le generazioni e le comunità. Il Big Draw dimostra che il disegno può essere una piacevole attività pubblica, così come una passione individuale. Quest’anno si partecipa fino al 3 novembre prossimo. L’evento vede la collaborazione del Family Art Festival.  

Perché non organizzate anche voi, nella vostra scuola, un analogo evento del Big Draw?  Scopri come organizzarlo, come accedere  ai suggerimenti ed indicazioni, e come trovare spunti di idee, navigando nel sito: www.campaignfordrawing.org

C’è ancora tempo per per iscriversi, aggiungere o modificare i dettagli del proprio evento sempre sul sito: www.campaignfordrawing.org

Se siete a corto di idee, visitate sul sito citato la sezione “Drawing in Action” per spunti ed esempi.

Annunci

FENOMENI/ RIVISTE E GIORNALINI CON PAGINE DA COLORARE


 GIORNALINI DA COLORARE

di GIANNI SORU

Tra le cose più divertenti da fare è quello di poter colorare, con i pennarelli o con le matite, i personaggi dei cartoni animati. Tanti i personaggi (ma non molti), hanno avuto il loro giornaletto personale da colorare; tra i più gettonati ci sono stati quelli di “Animaniacs”, “Anna dai capelli rossi”, “Belle e Sebastien”, “Bia la sfida della magia”, “Calimero”, “Candy Candy”, “Charlotte”, “Braccio di ferro”, “Daitarn 3”, “Digimon”, “Dora l’esploratrice”,  “Dragon ball” (proposto negli anni 2000), “Goldrake”, “Flo la piccola Robinson”, “Gli antenati”, “Gli orsetti del cuore”, “Hamtaro piccoli criceti grandi avventure”, “Heidi” (riproposto poi anche negli anni 2000), “Holly e Benji due fuoriclasse” (usciti anche negli anni 2000), “I Looney Tunes”, “I baby Looney Tunes”, “I Cavalieri dello zodiaco”, “I favolosi Tiny”, “I Puffi” (riproposti anche negli anni ’90), “Iridella”, “Il grande Mazinga”, “Jeeg robot”, “La pantera rosa” (riproposti anche negli anni 2000 con il pennarello magico), “La principessa Sissi”, “L’ape Maia” (riproposti anche negli anni 2000), “L’incantevole Creamy”, “L’orso Yoghi” (riproposti poi anche negli anni 90 e 2000 con il pennarello magico), “Lady Lovely”, “Lady Oscar”, “Magica Doremì”, “Mazinga Z”, “Mirmo”, “Topolino” (riproposti poi anche negli anni 80), “Paperino” (riproposti poi anche negli anni 80), “Pokemon”, “Remì le sue avventure”, “Scooby doo” (riproposti poi anche negli anni 2000 con il pennarello magico), “Spongebob”, “Tartarughe ninja alla riscossa”, “Tom and Jerry” (riproposti anche negli anni 90 e 2000 con il pennarello magico), “Vola mio Miniponi”, “Winx club”…

Nel 1988-1989, usciranno tantissime riviste per colorare i personaggi dei cartoni animati, e si chiameranno <Colora>, <Ciao Amici Colora>, <Bravissimi Colora>, <Fantastico Colora>, <Cartoni in Tivù Colora>, <Cartonissimi>… la cosa davvero bella di queste riviste è che si potevano trovare più personaggi diversi ed erano davvero tanti i soggetti in questione come:  “Angie girl”, “Arrivano i superboys”, “Baldios”, “Capitan Futuro”, “Capitan Harlock”, “Carletto”, “Pollon”, “Chappy”, “Coccinella”, “Devil man”, “Evelyn”,  “Gackeen”, “Gatchaman”, “Georgie”, “Getta robot”, “Gigi la trottola”, “Gli gnomi delle montagne”, “Gli Snorky”, “Sandybell”, “Hilary”, “Polymar”, “Fiorellino”, “I predatori del tempo”, “Il dottor Slump e Arale”, “Il magico mondo di Gigi”, “Il tulipano nero”, “Isidoro”, “Jenny la tennista”, “Ken il guerriero”, “Kiss me Licia”, “Kyashan”, “L’Uomo Tigre”, “Annette”, “Lady Oscar”, “Lalabel”, “Lamù”, “L’ape Magà”, “Lo specchio magico”, “Lulù”, “Lupin III”, “Mademoiselle Anne”, “Magica m agica Emi”, “Memole”, “Mila e Shiro”, “Mimì e le ragazze della pallavolo”, “Mimì e la nazionale di pallavolo”, “Occhi di gatto”,  “Pollyanna”,  “Ransie”, “Sampei”, “Sandy”, “Space robot”, “Starblazers”, “Starzinger”, “Superauto mach 5”, “Tekkaman”, “Yattaman”…

Verso la fine degli anni ’90 e per tutti gli anni 2000 usciranno nuovi generi di giornalini da colorare, ovvero quelli con il pennarello magico. Ripassando sui puntini già predisposti sul disegno, con un solo pennarello, neutro, potevano comparire diversi colori.

Negli anni 2000 si aggregheranno anche le testate di <Hanna e Barbera Colora>, che contiene i personaggi inventati dalla celebre coppia come “Tom and Jerry”, “L’orso Yoghi”, “Braccobaldo”, “Ernesto sparlesto”, “Svicolane”, “Top cat”, “Pixie e Dixie”, “Scooby Doo”, “Dustardly e Muttley”…; la Disney lancia <Colora le principesse> e ci sono le sue “Biancaneve”, “Cenerentola”, “La bella addormentata”, “Ariel” la sirenetta, “Jasmine” di Aladino, “Belle” della Bella e la Bestia, etc… Gianni Soru invece lancia <Matite e Pennarelli>, un album con tanti personaggi inediti inventati da lui, che possono essere animaletti, bambini o personaggi fantasy.

GIANNI SORU

FENOMENI / QUANDO I “CARTOONS” DIVENTANO PUPAZZI (GLI ANNI ‘70)


 PUPAZZI BAMBOLE MODELLINI ANNI 70

di GIANNI SORU

Sono tantissimi i pupazzi, modellini e bambole dedicati ai personaggi dei cartoni animati, e sono sempre stati vendutissimi. Vediamo quali sono stati i personaggi più amati e voluti dal pubblico… e non solo dei più piccoli.

1970: “Topolino” (ancora oggi riproposto) e “Paperino” (ancora oggi riproposto).

1971: Looney Tunes, ancora oggi vengono riproposti in diverse versioni e materiali i personaggi di “Bugs bunny”, “Gatto Silvestro”, “Duffy Duck”, “Speedy gonzales” e “Willy coyote”.

1972: a ruba “Tom and Jerry” sono stati riproposti anche negli anni ’80 e ‘90 in varie forme e versioni e “Cip e Ciop”.

1973: a ruba sono andati “Charlie Brown”, “La pantera rosa” e “Braccio di Ferro” (riproposti anche negli anni ’80 e ’90)

1974: Vendutissimi sono stati “Asterix” (riproposto ancora oggi), e “L’orso Yoghi” (riproposto ancora oggi) e “Braccobaldo”.

1975: amatissimi sono stati i “Barbapapà” e “Gli antenati”, molto venduto “Felix the cat”.

1976: molto venduto “Lucky Luke” (riproposto anche negli anni ’80 e ’90), a seguire “Wally gator” e “I Pronipoti”.

1977: amatissimo “L’Uomo Rango” (ancora oggi riproposto), vendutissimi “I fantastici 4”, “Betty Boop”, “Woody Woodpecher”, “Casper” e “Kimba il leone bianco”.

1978: amatissimi “Superman” (riproposto ancora oggi), “Scooby doo” (riproposto ancora), “Goldrake” e “Heidi”.

1979: a ruba “Jeeg robot”, “Il grande Mazinga”, “Remì le sue avventure”, “Capitan Harlock”, vendutissimi “L’ape Magà”, “Don Chuck il castoro”, “Danguard”, e “Lupin III”.

 

 

GIANNI SORU