FENOMENI / E NACQUE ANCHE “IL CORRIERINO DI CALIMERO”… IN VIAGGIO NELLA STORIA DELLE RIVISTE PER I GIOVANISSIMI


EDIGAMMA

 

 

 

Di GIANNI SORU

L’Edizioni Edigamma nasce nel 1994, pubblicando tante cose molto belle, curiose ed interessanti.

Comincia con il lanciare sul mercato “Il Corrierino di Barbara”, questa bella fanciulla riccia e bionda, con gli occhi azzurri (che ricorda molto la bambola della Barbie o il fumetto di Tanya degli anni ’80). Il Personaggio di Barbara riscuote un buon successo, i suoi fumetti piacciono e avrà anche una serie di merchand come gli adesivi, i poster, segnalibri, giornalini con i giocih e l’Edigamma gli dedicherà anche un album di figurine. Affiancato al successo del fumetto di Barbara, ci saranno altri fumetti famosi di serie tv come ‘La pantera rosa’, ‘I Puffi’, ‘Calimero’, ‘Gardield’, ‘Sailor Moon’… la rivista andrà avanti fino al 2001.

Edigamma pubblicherà anche un nuovo giornalino “Il Corrierino di Calimero”, dedicato solo al celebre pulcino nero. Poi apriranno un nuovo giornalino chiamato “Principesse”, dove verranno pubblicati i fumetti di ‘Cenerentola’, ‘Cappuccetto Rosso’, ‘Pocahontas’… in una grafica tutta nuova.

Sempre con una loro grafica personalizzata, pubblicheranno anche gli album di figurine di celebri fiabe come “Biancaneve”, “Pinocchio” o “La Sirenetta” con uno stile tutto nuovo; ovviamente faranno uscire anche l’album “Le più belle favole” con le figurine di ‘Cenerentola’, ‘Aladino’, ‘Il libro della giungla’, ‘Cappuccetto rosso’ etc…, in una veste tutta nuova.

Ovviamente non potevano mancare gli album di figurine dedicati ai celebri e già conosciuti personaggi dei cartoni animati della TV, hanno fatto quelli dei “Flinstones- Gli Antenati”, delle “Tartarughe ninja” ed uno di “Calimero”; di grandissimo successo sono stati anche gli album dei “I Coccolotti” e “I Cuoriciosi”, nuovi personaggi che hanno lanciato sul mercato.

Molto belli anche gli album dedicati agli animali come  “Animali”, “Animali nei 5 Continenti”, “Animali di Terra, Acqua e Aria”, “I cani”, “I Cuccioli”, “I Felini” ed “Il tempo dei dinosauri” (dedicato ai mostri della preistoria).

Particolari invece sono stati gli album dedicati a “I mezzi di trasporto”, “Auto e moto”, “Aerei da guerra”, “Carte Telefoniche”, “Fotocollezione Wrestling” (dedicato ai campioni di questo sport), “Il Guinness dei Primati 1999”, “Italia” (dedicato alla nostra Penisola)…

Interessanti invece gli album di “I personaggi famosi della storia” (dedicato ai celebri personaggi che hanno lasciato un’impronta importante per l’umanità), “Le meraviglie del mondo” (dedicato a tutti i monumenti storici) e “Le capitali del mondo” (dedicato alle città più importanti del mondo).

E non poteva mancare un bellissimo album di figurine dedicato al “Natale”.

 

 

GIANNI SORU

 

 

Annunci

FENOMENI / “WOOW”, UNA RIVISTA DALLA VITA BREVE


woow

di GIANNI SORU

Woow” era una rivista mensile, a colori, formato A5 (ovvero tascabile). Nasce nel 2008, otterrà una buona fortuna, ma avrà purtroppo vita breve, solo un anno e mezzo. 18 numeri ma molto intensi. La scritta WooW è stata creata proponendo un gioco grafico, in cui la “W” iniziale e finale mimano la posizione delle dita in momento in cui si fa il segno di vittoria; invece le due “O” in posizione centrale, ripropongono (o rimandano) a due occhioni, che sorpresi si spalancano al mondo della fantasia.  

Mascotte della rivista un piccolo insetto rotondo, di colore giallo con le ali e le scarpe rosse. Questa mini testata ha parlato dei cartoni animati degli anni ’70-‘80-’90 e 2000. Tutti accompagnati da una loro mascotte che rappresenta i 4 decenni.

Ci sono stati anche dei servizi speciali dedicati all’Edizione Panini, alla Barbie, ai giocattoli giapponesi mai giunti in Italia, al Corriere dei Piccoli, ai 33 giri monotematici dei cartoni animati, alle maschere di carnevale, alle Uova di Pasqua, alle patatine, alle riviste della TV.

Poi ha parlato di grandi artisti quali Paola Orlandi, Douglas Meakin, I Cavalieri del Re, Coro I Nostri Figli di Nora Orlandi, I Piccoli Cantori di Niny Comolli, Le Mele Verdi di Mitzi Amoroso, Nico Fidenco, Oliver Onions, Hanna e Barbera…

Ma la vera novità erano i fumetti. Erano tutti italiani dal genere fantasy come “L’ombra della Papessa”, “Re Olocausto”, “Victims” o comici come “Lo Sclerobus”, “Piero Piga”, “Tirkito avariato”, “Nonna Tota”… tutti inediti e per la prima volta han debuttato le prime serie robotiche made in Italy “Darvatros Delta 7”, “Gavarax 1”, “Zeus Goltrum”, “Godravan”, tutte serie realizzate dal fumettista Kaiser (alias Alessandro Colombo).

La rivista WooW era nata appositamente per far conoscere queste serie di fumetti inediti. Una volta che il suo autore si è fatto conoscere, il fumettista ha poi preferito continuare da solo e la rivista ha chiuso i battenti.

Ad oggi è una rivista che stuzzica ancora chi la guarda… potrebbe esserci un futuro ritorno.

GIANNI SORU