FENOMENI / CARTONI A PIENO RITMO A “SVEGLIA RAGAZZI” SU RETECAPRI


 

Gretecapriuest Writer: GIANNI SORU

 

“SVEGLIA RAGAZZI”: programma per ragazzi nato nel 1980, ha riscosso un grande successo, portato avanti fino al 1984. Retecapri era un canale che si prendeva solo nella regione Campania. A condurlo sono stati Teresa Iaccarino e il pupazzo marziano Uffi. La sigla è cantata da Teresa.

In questo programma sono stati replicati tanti celebri cartoni animati che han debuttato su svariati canali TV come ad esempio ‘Baldios’ (sigla Il Coro di Baldios), ‘Bem’ (sigla Nico Fidenco), ‘Betty Boop’, ‘Calendar men’ (sigla I Cavalieri del Re), ‘Candy Candy’ (sigla Rocking Horse), ‘Charlotte’ (sigla I Papaveri blu), ‘Conan’ (sigla Georgia Lepore), ‘Cybernella’ (sigla I Vianella), ‘Daltanious’ (sigla Superobots), ‘Danguard’ (sigla Veronica), ‘Don Chuck il castoro’ (sigla Nico Fidenco), ‘Falco il superbolide’ (sigla Superobots), ‘Fantaman’ (sigla Superbanda), ‘Gaiking il robot guerriero’, ‘Gackeen il robot guerriero’ (sigla I Mini robot), ‘Getta robot’ (sigla I Mini Robot),  ‘Gli gnomi delle montagne’ (sigla Le Mele Verdi), ‘God Sigma’ (sigla I Monelli Spaziali), ‘Gordian’ (sigla Superobots), ‘Grand Prix e il campionissimo’ (sigla Superobots), ‘Gundam’ (sigla Peter Rai),  ‘Hurricane Polymar’, ‘Il grande Mazinga’ (sigla Superobots), ‘Ippotommaso’ (Le Mele Verdi), ‘Jenny la tennista’ (sigla Nico Fidenco), ‘Jeeg robot’ (sigla Fogus), ‘Kyashan il ragazzo androide’, ‘Kimba il leone bianco’ (sigla I Cavalieri del Re), ‘L’invincibile robot Trider G 7’ (sigla Superobots), ‘L’orsacchiotto Mysha’ (sigla Rocking Horse), ‘L’Uomo Tigre il campione’ (sigla I Cavalieri del Re), ‘La banda dei ranocchi’ (sigla Le Mele Verdi), ‘La macchina del tempo’, ‘La spada di King Arthur’ (sigla I Cavalieri del Re), ‘Lamù la ragazza dello spazio’ (sigla Ataru), ‘Le nuove avventure di Pinocchio’ (sigla Luigi Lopez), ‘Le avventure dell’ape Magà’ (sigla Coro I Nostri Figli), ‘Lo scoiattolo Banner’ (sigla Le Mele Verdi), ‘Mazinga Z’ (sigla Galaxy Group), ‘Monkey’ (sigla I Coccodrilli), ‘Mr Magoo’, ‘Rocky Joe’ (sigla Oliver Onions), ‘Ryù il ragazzo delle caverne’ (sigle Fogus e Georgia Lepore), ‘Sally la maga’ (sigle The Witche e I Piccoli Cantori),  ‘Sampei ragazzo pescatore’ (sigla Rocking Horse), ‘Sasuke il piccolo ninja’ (sigla I Cavalieri del Re), ‘Space robot’ (sigla I Mini Robot), ‘Starblazers’ (sigla Superobots), ‘Starzinger’ (sigla Superobots), ‘Supercargattiger’ (sigla Superobots), ‘Temple e Tam Tam’ (sigla Il Coro di Temple e Tam Tam), ‘Tekkaman il cavaliere dello spazio’ (sigla I Micronauti),  ‘Toriton’ (sigla Rocking Horse), ‘Ufo Diapolon guerriero spaziale’ (sigla Superobots), ‘Wicky il vichingo’ (sigla Il Coro di Wicky), ‘Woody Woodpecher’, ‘Zambot 3’…

Tanto è stato il successo di questo programma tv che per anni sono usciti i suoi splendidi diari per la scuola ed il pupazzo Uffi.

GIANNI SORU

 

FENOMENI / TUTTI I GRANDI SUCCESSI DEI CARTOONS TARGATI RAI


programmi-per-ragazzi-rai

Guest Writer: GIANNI SORU

Le reti RAI sono state senza dubbio il canale con più attenzione verso i programmi dei più giovani. Ne ha realizzati tanti, sono i più belli, sempre attenti a soddisfare il pubblico dei più piccoli. vediamo quali sono stati tra i tanti i più storici ed importanti di Rai 1, Rai 2 e Rai 3 e quali cartoni animati abbiamo conosciuto.

“SUPERGULP!”: un enorme successo, in onda dal 1977 al 1981, come mascotte il fumetto animato di Giumbolo. Le sigle sono cantate da Jona: ‘Supergulp i fumetti in TV’, ‘Giumbolo’, ‘Giumbolando’ (assieme ai Piccoli Cantori di Niny Comolli) e ‘Supergulp 2’. In Supergulp abbiamo conosciuto i cartoni animati di: ‘Le avventure di Tin Tin’ (un grande successo), ‘Alan Ford e il gruppo T.N.T.’ (un buon successo, sigla cantata dai Zig Zag Ensemble), ‘Corto Maltese’, ‘I fantastici 4’ (un enorme successo, sigla cantata dai Sorrisi 1981), ‘L’Uomo Ragno’ (un enorme successo, sigla cantata dai Sorrisi 1981), ‘Superman’ (un buon successo), ‘Coccobill’, ‘Lupo Alberto’… Il successo è tale che uscirà la rivista Supergulp.

“IL DIRIGIBILE”: grandissimo successo dal 1977 al 1979, condotto dalla presentatrice Maria Giovanna Elmi, dal cantante Mal e dal pupazzo Coniglio Giulio Motorista. Mal ne ha cantato le sigle ‘Machintosh’ (assieme ai Piccoli Cantori di Niny Comolli), ‘Penne colorate’, ‘Il dirigibile’, ‘Uomo Squalo’ (assieme ai Piccoli Cantori di Niny Comolli) e Giovanna Elmi invece ha cantato quelle di ‘Invicibile dirigibile’ e ‘Clic Clic’ (assieme ai Piccoli Cantori di Niny Comolli). In questo programma abbiamo conosciuto i cartoni animati di ‘La famiglia Addams’ (un buon successo), ‘Atlas ufo robot’ (un enorme successo, le sigle sono cantate dagli Actarus), ‘Zum il delfino bianco’, ‘Noi supereroi’ (un grande successo, la sigla è cantata dalla Superbanda)…

“IL TRENINO”: riscuote un buon successo, in onda dal 1978 al 1981 viene condotto da Andrea Lala, Emilia Cecchi e Paolo Sonetti. La sigla è cantata da Cristian De Sica assieme al Coro dei Nostri Figli di Nora Orlandi. Qui conosceremo i cartoni animati di ‘Heidi’ (un enorme successo, la sigla è cantata da Elisabetta Viviani), ‘Scooby Doo’ (un enorme successo), ‘Remì le sue avventure’ (un enorme successo, la sigla è cantata da I Ragazzi di Remì).

“BUONASERA CON RITA AL CIRCO”: riscuote un buon successo, condotto da Rita Pavone con il pupazzo Paperita, la sigla è cantata da Rita Pavone, Paperita e I Piccoli Cantori di Niny Comolli. Qui abbiamo conosciuto i cartoni animati di ‘Barbapapà’ (un enorme successo, la sigla è cantata da Le Mele Verdi e Roberto Vecchioni 1975), ‘Capitan Harlock’ (un enorme successo, la sigla è cantata da La banda dei Bucanieri)…

“3, 2, 1, CONTATTO”: riscuote un buon successo, a condurlo sono Paolo Bonolis, Sandro e Marina dal 1980 al 1981. La sigla ‘Ty Uan’ è cantata dagli Atomi. Qui vedremo i cartoni animati di ‘Fan Bernardo’ (sigla Il Mago, la Fata la Zucca Bacata), ‘Mazinga Z’ (un enorme successo, la sigla è cantata dai Galaxy Group), ‘Le incredibili indagini dell’ispettore Nasy’ (sigla Giorgio La Neve), ‘Le avventure di Huckleberry Finn’ (un grande successo, la sigla è cantata dai Louisiana Group), ‘La famiglia Mezil’, ‘Anna dai capelli rossi’ (un enorme successo, la sigla è cantata da I Ragazzi dai capelli rossi), ‘Capitan Futuro’ (un grande successo, la sigla è cantata da I Micronauti), ‘Bia la sfida della magia’ (un enorme successo, la sigla è cantata da I Piccoli Stregoni), ‘Shirab il marinaio’ (un buon successo), ‘Tom story’ (un grande successo, la sigla è cantata da La banda di Tom)…

“FRESCO FRESCO”: grande successo dal 1980 al 1984. Trai tanti conduttori ci sono stati Marco Columbro, Gigi Marziali, Cinzia De Carolis (doppiatrice), Patricia Pilchard, Barbara D’Urso, Dania Pericola (doppiatrice). Diverse le sigle avute: ‘E’ strano ti amo’ è cantata da Manuel Manù, ‘Con semplicità’ è cantata da Katia Svizzero. Tra i cartoni animati che abbiamo visto ci sono stati ‘L’ape Maia’ (un enorme successo, sigla cantata da Katia Svizzero), ‘Astro robot contatto ypsilon’ (un grande successo, sigla cantata dagli Ypsilon), ‘C’era una volta l’uomo’ (sigla Lino Toffolo), ‘Attenti a Luni’ (sigla Eddy Toad Cabano), ‘Luca tortuga’, ‘Galaxy Express 999’ (un grandissimo successo, sigla cantata dagli Oliver Onions), ‘Doraemon’ (un grandissimo successo, sigla cantata dagli Oliver Onions)…

“DIRETTISSIMA CON LA TUA ANTENNA”: ottiene un buon successo dal 1981 al 1983, a condurlo è Marta Flavi. Jasmine ne canta la sigla ‘Boing Boing’. Conosceremo i cartoni animati di ‘L’isola del tesoro’ (sigla Lino Toffolo), ‘Marco’ (un grandissimo successo, sigla cantata da Gli Amici di Marco), ‘Astroboy’ (un buon successo), ‘Avventure disavventure e amori di Nero cane di leva’ (sigla I Cavalieri del Re), ‘Nils Holgersson’ (un discreto successo, la sigla è cantata da I Fratelli Grimm), ‘Ulysse 31’ (un discreto successo, la sigla è cantata dalla Superbanda), ‘Hello Sandybell’ (un grande successo, la sigla è cantata da Le Mele Verdi).

“TANDEM”: riscuote un buon successo, in onda dal 1982 al 1984 riscuote un buon successo, tra i vari conduttori Fabrizio Frizzi, Barbara D’Urso, Enza Sampò, Roberta Manfredi…Qui conosceremo i cartoni animati di ‘Pimpa’ (un grande successo), ‘D’Artacan e i tre moschettieri’ (un buon successo, la sigla è cantata dagli Oliver Onions), ‘Il cucciolo’.

“CARTONI MAGICI”: riscuote un discreto successo (1984-1985), a condurlo ci sono Giuseppe Cella, Oreste Castagna, Pietro Ghislandi, Elisabetta Gardini, ospiti fissi le cantanti delle Mele Verdi. Tra i cartoni animati debuttano ‘Kwicky Koala’, ‘Le avventure di Petey’, ‘Il fedele Patrash’ (sigla I Cuccioli), ‘La famiglia Day’, ‘Il fiuto di Sherlock Holmes’ (un buon successo, la sigla è cantata dal Complotto)…

“PISTA!”: è un successo del 1984 fino al 1987 condotto dal regista Maurizio Nichetti, assieme a Daniela Goggi, Margherita Pace e Orsetta Gregoret. Daniela Goggi ne canta anche la sigla dal titolo ‘La famiglia di Topolino’. Come cartoni animati conosceremo ‘Esteban’.

“PANE E MARMELLATA”: è un grande successo del 1985-1986 condotto da Fabrizio Frizzi con il cane Toby. La sigla di testa ‘Pane e Marmellata’ è cantata da Fabrizio Frizzi con il Coro di Torre Spaccata, quella di coda ‘Me no, me no, non si dice marmellato’, è cantata da Toby.

“MAGIC”: nasce nel 1985 e viene condotto da Manuela Antonelli e Piero Chiambretti. Tra i cartoni animati debutteranno ‘Yakari’, ‘Squadrone tuttofare’, ‘Pac Man’, ‘L’ispettore Gadget’ (un buon successo, la sigla è cantata da Gdget), ‘Wuzzles’, ‘Rosaura’, ‘Tao Tao’ (la sigla è cantata da Il Club dei Panda).

“BIG”: enorme successo per questo programma nato nel 1988 fino al 1993. Tra i suoi tanti conduttori ci sono stati Carlo Conti, l’attrice Gegia, Giorgia Passeri, Emilio Levi, Giorgia Pini e Giorgia Passeri. La sigla è cantata dai Piccoli Cantori di Milano. Come cartoni animati conosceremo quelli di ‘Calimero’ (un grandissimo successo, la sigla è cantata da Marco Pavone e Ignazio Colnaghi con i Piccoli Cantori di Niny Comolli), ‘Pao Paos’, ‘Silverhowks’ (sigla Andrea Lo Vecchio), ‘Duck Tales’ (un grandissimo successo, sigla cantata da Ermavilo), ‘Reporter blues’, ‘Il mio amico Bum Bu’, ‘I ragazzi della libertà’, ‘I pirati dell’acqua nera’, ‘In principio storie dalla Bibbia’ (un discreto successo), ‘Volpe Tasso e compagnia’, ‘Potsworth’ (sigla I Bambini Irresistibili), ‘Alf’, ‘Teddy e Annie i giocattoli dimenticati’, ‘Il fantastico mondo di Peter Rabbit’, ‘Free Willy’, ‘Gesù un regno senza confini’, ‘La principessa Shehearzade’…

“L’ALBERO AZZURRO”: enorme successo nato nel 1990 e ancora oggi esistente. E’ il programma per ragazzi con vita più longeva. Protagonista in assoluto è il pupazzo Dodò. Tra i numerosi conduttori ci sono stati Francesca Paganini, Claudio Madia, Carlo Rossi, Marcela Barro, Augusta Gori, Barbara… La sigla di testa e quella di coda sono cantate da Dodò con i suoi conduttori. Tanto è il successo che sono usciti i dvd, diari, astucci, quaderni…

“DISNEY CLUB”: un grande successo (1991-1995) a condurlo ci sono Gaia, Dado e Riccardo, con ospite fisso Arianna. Qui debuttano i cartoni animati di ‘Cip e Ciop agenti speciali’ (un grandissimo successo, la sigla è cantata ad Ermavilo), ‘Tale Spin’ (discreto successo, la sigla è cantata da Arianna), ‘Winny the Pooh’ (un enorme successo, la sigla è cantata da Ermavilo), ‘Darkwing Duck’ (un buon successo, la sigla è cantata da Arianna), ‘La Sirenetta’ (un grandissimo successo), ‘Aladino’ (un grandissimo successo, la sigla è cantata da Ermavilo), ‘Marsupilami’ (un discreto successo, la sigla è cantata da Ermavilo), ‘Dov’è finita Carmen San Diego?’ (sigla Ermavilo), ‘Timon e Pumba’ (un buon successo, sigla cantata da Timon e Pumbaa), ‘I cuccioli della giungla’, ‘Pepper Ann’….

“SOLLETICO”: un enorme successo, nato nel 1993 andrà in onda fino al 1998, a condurlo sono Elisabetta Ferracini e Mauro Serio. La sigla è cantata dai Piccoli Cantori di Milano. Qui debuttano i cartoni animati di: ‘Capitan Planet’ (sigla Club 0-12), ‘I ragazzi del Mundial’, ‘Biker Mice da Marte’ (un buon successo), ‘Il fantastico mondo di Richard Scarry’ (un buon successo, la sigla è cantata dai Richard Scarry), ‘Gargoyles’ (un buon successo), ‘Iron-Man’, ‘I nuovi fantastici 4’, ‘La principessa Sissi’ (un grandissimo successo, le sigle sono cantate da Lighea), ‘Barbarossa’ (sigla Oliver Onions), ‘Pel di carota’ (sigla Ermavilo), ‘Sandokan’ (un buon successo, la sigla è cantata dagli Oliver Onions).

“GO CARD”: grande successo condotto da Maria Monsè dal 1996 al 1999. Qui debuttano i cartoni animati di ‘Papà castoro’ (discreto successo, la sigla è cantata dai 3 Castorini), ‘The Flintstones Kids’, ‘Tre gemelle e una strega’ (un grande successo, la sigla è cantata dalle 3 Gemelle), ‘Animaniacs’ (un grande successo, la sigla è cantata dagli Animaniacs), ‘Billy the cat’, ‘Grimmy’…

“LA MELEVISIONE”: enorme successo per questo programma nato nel 1999 ed ancora oggi esistente. I suoi conduttori sono Lupo Lucio, la principessa Odessa, Orco Manno, Orco Rubio, Scintilla Shirine, Drollo, Strega Varana, Milo Cotogno (tormentone le sue frasi ‘Arcipigna’, o ‘Nano secondo’). La sigla è cantata dai conduttori della Melevisione. Tale è il successo che sono usciti libri, album di figurine, album da colorare…

“ART ATTACK”: enorme successo iniziato nel 2000 ed ancora oggi operativo, a condurlo è Giovanni Muciaccia. Bellissimo studio con attrezzi da lavoro in versione gigante. Il successo è tale che è uscita anche la rivista.

“E’ DOMENICA PAPA'”: Nato nel 2004, termina nel 2010, a condurlo era Armando Traverso, è affiancato dai pupazzi Ambrogio l’Orologio, Lallo il cavallo e Gigetto. La sigla è cantata dalla banda della domenica.

“LA POSTA DI YO YO”: Nel 2006 la Rai apre altri 2 canali per i più piccoli Rai Gulp e Rai Yo Yo, su questo va in onda il programma condotto da Carolina a partire dal 2010. Ogni tanto a farle compagnia ci sta il cavallo Lallo del programma E’ domenica papà ed alcuni personaggi della Melevisione.
In questo programma sono andati in onda tanti cartoni animati come ‘Pimpa’, ‘Cuccioli’ (un buon successo, sigla cantata da Sergio Mangio) , ‘Caillou’ (sigla Caillou), ‘I magici piedini di Franny’, ‘La stella di Laura’, ‘La famiglia Passiflora’, ‘Saurini’ (discreto successo, la sigla è cantata dai Cartoon Family), ‘Peppa Pig’ (un enorme successo), ‘Curioso come George’, ‘Pipì Pupù e Rosmarina’, ‘Mamma Mirabelle’ (discreto successo), ‘Pop Pixie’ (un buon successo, la sigla è cantata dai Cartoon Family), ‘Il piccolo regno di Ben e Holly’, ‘Principessa Lillifee’ e le serie in 3D di ‘Pingu’, ‘Il postino Pat’, ‘Shaun vita da pecora’, ‘Musti’, ‘Piccolo grande Timmy’, ‘Babar le avventure di Badou’, ‘Il piccolo Principe’, ‘Le nuove avventure di Peter Pan’, ‘Masha e Orso’, ‘Ondino’, ‘L’ape Maia’, ‘Mofy’, ‘La casa delle api’, ‘Zou’, ‘Dottoressa Peluche’, ‘Calimero’, ‘Topo Tip’, ‘Cars Toons’, ‘Heidi’, ‘Sammy e Co.’…

GIANNI SORU

*

SIAMO TRA I PIU’ VISTI! LO DICE GOOGLE…

Nelle statistiche di Google 2016, tra i 100 articoli più visti e letti su Internet, 3 sono tra quelli pubblicati su Okay!:

1 – “Le sorprese nelle patatine”

2 – “Le maschere di carnevale”

3 – “Il coro dei Sanremini”

FENOMENI /  NORA ORLANDI,“STORICA” VOCE DELLE SIGLE TV (E DELLA CANZONE ITALIANA)


 

coro i nostri figli

Guest Writer: GIANNI SORU

Nata a Voghera il 28 giugno del 1933. NORA ORLANDI sa suonare il pianoforte, il violino e l’organo, è colei che ha formato, nel 1953,  lo storico e primo gruppo vocale italiano, dei 2+2 e poi dei 4+4. Facendo da coro ai più grandi cantanti italiani, incidendo migliaia di canzoni, gruppo che Nora ha tenuto fino agli anni ’80.

(Il primo a svelare ed ad intervistare Nora Orlandi fu proprio Gianni Soru alla fine degli anni ‘90 pubblicando diversi articoli su varie riviste: Manga Club, Otaku, Woow, Colori… ed il sito Koji and Cutei ndr).

Nora Orlandi ha firmato anche una quarantina di colonne sonore per film come “Johnny Uma”, “L’affare Becket”, “La signora Word”, “Per 100 mila dollari t’ammazzo”, “Altri 100 mila dollari per un massacro”, “Funny e Michel”, “Adesso che hai vent’anni”…

 

Nora Orlandi e il suo coro hanno cantato con Adriano Celentano in “24 mila baci”, “Il ragazzo della via Gluck”, “La coppia più bella del mondo”, “Azzurro”, “Una carezza in un pugno”, “Chi non lavora non fa l’amore”, “Soli”, “Il tempo se ne va”, “Yuppi du”…; per Betty Curtis: “Buongiorno amore…; per Bobby Solo: “Una lacrima sul viso”, “Se piangi se ridi”…; per Caterina Caselli: “Nessuno mi può giudicare”, “Perdono”…; per Domenico Modugno: “Nel blu dipinto di blu”, “Piove”, “Addio addio”…; per Edoardo Vianello: “Pinne fucile e occhiali”, “Guarda come dondolo”, “Abbronzantissima”, “I Watussi”, “Sul cucuzzolo”…; per Gianni Morandi: “Andavo a cento all’ora”, “In ginocchio da te”, “Non son degno di te”, “Chimera”…; per Iva Zanicchi: “Zingara”, “Ciao cara come stai”….; per I Ricchi e Poveri: “La prima cosa bella”, “Che sarà”…; per Johnny Dorelli: “Fermate il mondo”, “L’immensità”…; per Gino Paoli: “Sapore di sale”…; per Little Tony: “Riderà”, “Cuore matto”…; per Lucio Battisti: “Balla Linda”, “Un’avventura”, “Acqua azzurra acqua chiara”, “Il mio canto libero”…; per Lucio Dalla: “4 marzo 1943”…;  per Mia Martini: “Minuetto”…; per Milva: “Monica delle bambole”…; per Mina: “Insieme”, “Grande grande grande”, “Amor mio”, “E poi”…; per Nada: “Ma che freddo fa”, “Il cuore è uno zingaro”…; per Nicola Di Bari: “Il matto del villaggio”…; per Orietta Berti: “Io ti darò di più”, “Io, tu e le rose”, “Tipitipitì”…; per Ornella Vanoni: “Le colline sono in fiore”, “La musica è finita”…; per Patty Pravo: “La spada nel cuore”…; per Paul Anka: “Ogni volta”…; per Peppino Di Capri: “Un grande amore e niente più”, “Non lo faccio più”…; per Raffaella Carrà: “Rumore”…; Renato Rascel “Padre Brown”…; per Sergio Endrigo: “Canzone per te”…; per Tony Renis: “Quando quando quando”, “Buongiorno amore”…;  per Wilma Goich: “Le colline sono in fiore”…

 

Ma il coro di Nora è stato anche legato a celeberrime sigle sempre con grandi artisti:

1964: la scatenatissima “Viva la pappa col pomodoro” (sigla de Il giornalino di Gian Burrasca) con Rita Pavone.

1966: la cantatissima “Geghegè” (sigla di Studio 1), la bellissima “Fortissimo” (sigla di coda di Studio 1) cantate con Rita Pavone; la splendida “Se telefonando” (sigla di Aria condizionata) assieme a Mina.

1967: la divertente “Pippo non lo sa” (sigla di La TV dei ragazzi chissà chi lo sa) con Rita Pavone, la bella “Sono bugiarda” (sigla di Diamoci del tu) con Caterina Caselli, la simpatica “Arriva la bomba” (sigla di Dorellik) assieme a Johnny Dorelli.

1968: la bella “Vorrei che fosse amore” (sigla di Canzonissima 1968) con Mina.

1970: il tormentone di “Ma che musica” (sigla di Canzonissima ’70) con Raffaella Carrà.

1971: l’allegra “Chissà se va” (sigla di Canzonissima ’71) con Raffaella Carrà.

1974: le euforiche “Felicità tà tà” e “Ma che sera” (sigle di testa e di coda di Canzonissima ’74) con Raffaella Carrà; lo scioglilingua di “Tiritiriterra” (sigla di Tante scuse) con Sandra Mondaini.

1975: la bellissima “Pirù Pirulì” (sigla di Di nuovo tante scuse) con Sandra Mondaini; la simpaticissima “Boccaccia mia statti zitta” con il celebre pupazzo di Provolino.

1976: la ballatissima “A far l’amore comincia tu” (sigla di Canzonissima ’74) o la romanticissima “Forte forte forte” (sigla di Gran Varietà)  con Raffaella Carrà.

1977: la bella “Cerco un uomo” e la simpaticissima “Ma quant’è forte Tarzan” (sigle di testa e di coda di Noi no) con Sandra Mondaini; come coro “Un giorno in…” (sigla di Domenica in…).

1978: la scatenatissima “Tanti auguri” (sigla di Ma che sera) con Raffaella Carrà, “Rabarbaro Rabarbaro” (sigla di Io e la Befana) con Sandra Mondaini.

1979: la dolce “E salutala per me” (sigla di Mille milioni) con Raffaella Carrà; con l’amatissimo Sbirulino incideranno diverse canzoncine come “Il circo di Sbirulino”, “Spingio”, “Il nonno birichino”; la caotica “In confidenza” (sigla di Domenica in…) con Corrado.

1980: “Mi spendo tutto” (sigla di Millemilioni), con Raffaella Carrà; cantano anche la bellissima “Sapore di mare” (Canale 58, sigla del telefilm di Love Boat) con Little Tony, una hit da 700.000 copie.

1982: il super tormentone “Ballo Ballo” (sigla di Fantastico 3) con Raffaella Carrà; “Uh Uh” (sigla di Discoring) con Adriano Celentano; la bellissima “Solo un sogno” (sigla di Attenti a  noi due) con Sandra Mondaini.

1983: la ballatissima “Fatalità” (sigla di testa di Pronto Raffaella?) e la scatenata “Che dolor” (sigla di coda di Pronto Raffaella) con Raffaella Carrà.

1984: “Dolce far niente” e “Amico” (nuove sigle di Pronto Raffaella) con Raffaella Carrà.

1985: “Fidati” (sigla di Buonasera con Raffaella) con Raffaella Carrà.

 

Nel 1974 i discografici avevano bisogno di un coro per bambini da far cantare assieme a grandi artisti, soprattutto per sigle legate a programmi tv, perché i discografici miravano a conquistare il pubblico dei più piccoli. Così Nora raggruppa tutti i figli di cantanti e attori (dai 6 ai 12 anni) e forma IL CORO DEI NOSTRI FIGLI. Insegnerà loro a cantare e li seguirà nelle incisioni di un quasi un centinaio di canzoncine, ogni tanto mischierà il suo coro di adulti con quello dei bambini, canzoni ancora oggi più che celeberrime, con 15 milioni di dischi venduti.

1974: “Ci vuole un fiore” con Sergio Endrigo, ancora oggi un classico, che venderà oltre 1 milione di copie.

 

1976: il tormentone di “Johnny il bassotto” (sigla di Anteprima di chi?) un classico, cantata con Lino Toffolo, che arriverà in cima alle classifiche vendendo 2 milioni di copie; questa canzone nel 1983 diverrà sigla per il cartone animato ‘Il piccolo detective’ (Telereporter); la delicata “Sei forte papà” (sigla di Rete Tre) con Gianni Morandi, una hit da 1 milione di copie; “Susanna verso il sole” invece è la sigla di un famoso jingle pubblicitario per un detersivo, cantato assieme ad Elisabetta Viviani.

 

1977: la fantasiosa “Isotta” (sigla di Anteprima di secondo voi) con Pippo Franco, cantatissima top-ten con oltre 1 milione di copie vendute; “Basta, prendo, parto, volo via” (sigla di A modo mio) con Memo Remigi, che entra in classifica con 200.000 copie; la buffa “Viva Ditone” (sigla di Domenica in…). Come coro incidono la canzoncina “Scuola”.

 

1978: l’allegrissima “Sbirulino” (sigla di Io e la Befana) con Sbirulino, che va in top-ten con 700.000 copie; la sempre attuale “Sì buonasera” (sigla di Buonasera con…) con Renato Rascel, che va in top-ten con 600.000 copie; la simpatica “Il leone” (sigla di Domenica in…) con Corrado, una hit da 400.000 copie; con Cristian De Sica invece cantano la trascinante “Il trenino” (sigla del programma omonimo) e vanno in classifica con 300.000 copie e “Guardando Lassie in TV” (Rai 1, sigla del telefilm Lassie); “C’era una volta anzi domani” (sigla di Uffa domani è lunedì) con Sergio Endrigo che va in classifica con 150.000 copie; la scoppiettante “Skateboard” (sigla di Buonasera con Franco Franchi) con Franco Franchi. e “Sesamo Apriti” (Rai) sigla del programma a pupazzi; e con Francesca Guadagno cantano “Heidi principessa” sigla del lungometraggio animato per il cinema.

 

1979: sono in gara al Festival di Sanremo sul palco dell’Ariston con la stra-cantata “Mi scappa la pipì papà”, ancora oggi un classico, cantata con Pippo Franco con oltre 1 milione di copie vendute; sempre con Pippo Franco incidono anche “Dai Lupone dai” (sigla di Buonasera con… Alberto Lupo), e tornano in classifica con 200.000 copie; la buffissima “Cicciotella” (sigla di Bis) con Loretta Goggi, una top-ten da 400.000 copie; la divertente “Charlie è una lenza” (sigla di Domenica in…) con Corrado, una hit da 400.000 copie; con Enrico Montesano invece incideranno diverse sigle come “Il pulcino”, “La marcia della frutta” (in classifica con 80.000 copie), “Ufo ufetto”, ““La storia di una caramella”, “Il Re della Polonia”… (tutte legate al programma Le favole di Luna Park); “Tiki Tiki” (sigla di Con un colpo di bacchetta) cantata assieme a Fiammetta Flamini; con Nico Fidenco cantano un classico amatissimo, si tratta del cartone animato di “Don Chuck il castoro” (Telemontecarlo), una hit da 400.000 copie e la buffa “Pierino a quadretti”; invece con la show girl Elisabetta Viviani cantano la bellissima “La banda dei 5” (Rai 1), sigla del telefilm che va in top-ten con 500.000 copie; il piccolo coro incide poi la cantatissima “L’ape Magà” (Milano TV, sigla di Le avventure dell’ape Magà) che entra in classifica con 350.000 copie; e “Guappati Guappatù” (sigla di Arrivano i mostri); per il cinema invece cantano con Memo Remigi “Piccolo Remì” (sigla del lungometraggio Remì in senza famiglia).

 

1980: ancora a Sanremo con Pippo Franco e la sua cantatissima “La puntura” che sale in cima alle classifiche vendendo più di 1 milione di copie; la simpaticissima “La balena” (sigla di Domenica in…) cono Orietta Berti, una hit da 400.000 copie; con Luigi Lopez invece faranno furore con la bellissima “Pinocchio perché no?” (Canale 51, sigla di Le nuove avventure di Pinocchio), una hit da 400.000 copie; e con la piccola Patrizia Pradella cantano un altro successo, si tratta di “La canzone di Paul” (Canale 51, sigla de Il fantastico mondo di Paul); e con Lino Toffolo “E io di più” (Rai 2, sigla del cartone animato C’era una volta l’uomo).

 

1981: “Si chiama Zorro” (sigla di Stasera niente di nuovo) e la hit da 400.000 copie “Lo Stellone”  (sigla di Fantastico Bis) cantate assieme a Sbirulino; e con Nico Fidenco cantano la sigla del telefilm tormentone di “Arnold” (Canale 5) che va in top-ten con 500.000 copie e la nuova amata sigla di “Don Chuck story” (telelombardia) che torna in classifica con 200.000 copie.

 

1982: la stuzzicante “Che fico” (sigla di apertura del Festival di Sanremo) con Pippo Franco, una hit da 400.000 copie; con la piccola Fabiana cantano l’allegrissima e amatissima “Belle e Sebastien” (Italia 1) che va in classifica con 120.000 copie; e come coretto cantano con successo “La canzone di Doraemon” (Rai 2, sigla di coda di Doraemon, tradotta dall’originale giapponese).

 

1983: tornano a Sanremo con Pippo Franco e la sua martellante “Chi chi chi, co co co”, una hit da 500.000 copie; ancora con la piccola Sara Kappa cantano la sigla del cartone animato “Capitan Jet” (Telereporter, tradotta dall’originale giapponese).

 

1984: la divertente “Pinocchio chiò” (sigla di Apertura del Festival di Sanremo) con Pippo Franco, che va in classifica con 100.000 copie; “Come si fa” e “Il mondo è tutta una canzone” (sigle di testa e di coda di Piccoli Fans) cantata assieme a Sandra Milo.

 

1986: “Pepè” (sigla di Ottantasei) con Pippo Franco.

 

Nora decide poi di sciogliere anche il gruppo vocale dei bambini, perché dice che ‘le cose belle devono durare poco. Altrimenti annoiano’. Si dedica così al teatro, scriverà una 50’ina di spettacoli ed apre una scuola di canto, dove insegnerà a cantare a tantissimi vip della tv. Diventata poi nonna di tanti nipotini decide di dedicarsi a loro.

 

GIANNI SORU

 

FENOMENI / CARTOONS E SIGLE TV: TUTTI I RECORDS DELLA CANTANTE PAOLA ORLANDI. DA REMI A CAPITAN HARLOCK…  


 

PAOLA ORLANDI

 

 

Guest Writer: GIANNI SORU

 

Nata a Roma il 19 gennaio del 1938. PAOLA ORLANDI, è una delle pochissime donne autrici di musica, suona il pianoforte. Assieme alla sorella Nora è stata la primissima corista per tutti i cantanti italiani.

Negli anni ’50 incide alcuni dischi come solista come “Dimmelo con un bacio”, “Sono un sognatore”, “Ancora ti credo”, “Adoro te”, “Oltre l’arcobaleno” (da Over the Raimbow)…

Dal 1961 al 1984 entra a far parte dei 2+2 (e successivamente diverranno i 4+4) gruppo vocale fondato da sua sorella maggiore Nora Orlandi. Il gruppo sarà sul palco dell’Ariston per far da coro a tutte le canzoni del Festival di Sanremo.

Paola ha scritto più di 100 canzoni, ed ha fatto da coro ad oltre 1.000 canzoni. Paola è la regina della musica italiana, tutti abbiamo cantato una sua canzone, la sua voce era ovunque, o legata a un canzone, o a un programma tv, o a un telefilm, a un cartone animato o a un jingle pubblicitario (ha cantato tanti tormentoni come ‘Coca Cola’, ‘Fanta’, ‘Fiesta’, ‘Esselunga’, ‘Pasta del Capitano’, ‘Falqui’, ‘Vivident’, ‘La Rinascente’, ‘Standa’, ‘Sprite’, ‘Plasmon’, ‘Astadamiano’, ‘Mercatone dell’Arredamento’, ‘Glisolid’, ‘Postalmarket’, ‘Rabarbaro Zucca’…)

Ancora oggi Paola fa cantare tutti con le sue sigle, è colei che ha venduto più di tutti ben oltre 8 milioni di copie in 10 anni! Un record! (il primo a ad intervistare Paola Orlandi fu proprio Gianni Soru alla fine degli anni ‘90 pubblicando diversi articoli su varie riviste: Cudowny, Il Giornale di Noi Ragazzi, Manga Club, WooW, Scelta TV, Colori… ndr).

 

Sono stati i cori per Adriano Celentano in “24 mila baci”, “Azzurro”, “Una carezza in un pugno”, “Soli”, “Il tempo se ne va”, “Yuppi du”…; per Betty Curtis: “Buongiorno amore…; per Bobby Solo: “Una lacrima sul viso”, “Se piangi se ridi”…; per Caterina Caselli: “Nessuno mi può giudicare”, “Perdono”…; per Domenico Modugno: “Nel blu dipinto di blu”, “Piove”, “Addio addio”…; per Drupi: “Vado via”, “Sereno è”, “Piccola e fragile”, “Sambariò”, “Regalami un sorriso”…; per Edoardo Vianello: “Pinne fucile e occhiali”, “Guarda come dondolo”, “Abbronzantissima”, “I Watussi”, “Sul cucuzzolo”…; per Fausto Leali: “A chi”…; per Gianni Morandi: “Andavo a cento all’ora”,, “Non son degno di te”, “Chimera”…; per Iva Zanicchi: “Zingara”, “Ciao cara come stai”….; per Johnny Dorelli: “L’immensità”, “Arriva la bomba”…; per Gino Paoli: “Sapore di sale”…; per Little Tony: “Riderà”, “Cuore matto”…; per Lucio Battisti: “Acqua azzurra acqua chiara”, “Il mio canto libero”…; per Lucio Dalla: “4 marzo 1943”…; per Massimo Ranieri: “Da bambino”…; per Marcella Bella: “Montagne verdi”, “Un sorriso e poi perdonami”, “Nessuno mai”…; per Mia Martini: “Minuetto”…; per Milva: “Monica delle bambole”…; per Mina: “Insieme”, “Grande grande grande”, “Se telefonando”, “Amor mio”, “E poi”…; per Nada: “Ma che freddo fa”, “Il cuore è uno zingaro”…; per Nicola Di Bari: “Il matto del villaggio”…; per Orietta Berti: “Io ti darò di più”, “Io, tu e le rose”, “Tipitipitì”…; per Ornella Vanoni: “La musica è finita”…; per Patty Pravo: “La spada nel cuore”…; per Paul Anka: “Ogni volta”…; per Peppino Di Capri: “Un grande amore e niente più”…; per Raffaella Carrà: “Ma che musica maestro”, “Chissà se va”, “Din Don Dan”, “Felicità tà tà”, “Ma che sera”, “Rumore”…; Renato Rascel “Padre Brown”…, per Rita Pavone: “La partita di pallone”, “Il ballo del mattone”, “Datemi un martello”, “Viva la pappa col pomodoro”, “Fortissimo”, “Il geghegè”, “Pippo non lo sa”…; per Sandra Mondaini “Tiritiritera”…; per Sergio Endrigo: “Canzone per te”…; per Tony Renis: “Quando quando quando”, “Buongiorno amore”…; per Toto Cutugno: “Solo noi”, “L’italiano”, “Serenata”…; per Wilma Goich: “Le colline sono in fiore”…

 

1975: Paola si trasferisce a Milano, dove crea un suo gruppo vocale per i cantanti che incideranno al Nord. Paola incide la sua prima sigla tv come solista dal titolo “Papaya”, sigla fortunata del programma tv Per un colpo di fortuna.

 

1976: “Oh Ettore” (sigla di Il soldato di ventura) con gli Oliver Onions.

 

1977: Paola si occupa della traduzione di tutti i testi dello spettacolare programma dei “Muppet Show” (Rai 1) condotto dagli stessi pupazzi. Ne realizza anche la sigla traducendola da quella originale americana e la canta con il suo gruppo che la porta in classifica con 200.000 copie vendute. Scrive poi il testo per il celeberrimo telefilm di “Zorro” (Rai 1) e la canta facendo da coro ad Arturo Zitelli assieme ai suoi figli Giampi e Chiara. Un enorme successo, la sigla entra in classifica vendendo 300.000 copie. Paola scriverà anche tutte le canzoni del 33 giri di Zorro.

Fa da coro a Rita Pavone per la sua hit “My name is potato” (Rai 1, sigla di Rita ed io), con 350.000 copie vendute.

 

1978: le commissionano le sigle di “Ufo robot” e “Shooting star” (in inglese), sigle di testa e di coda di Atlas ufo robot (Rai 2), il disco, è un tormentone, un classico ancora oggi amatissimo, e va in top-ten con 650.000 copie vendute. Incide anche la nuova sigla “Goldrake” altro tormentone amatissimo, una nuova hit da 600.000 copie (voce solista Michele Tadini); sigle firmate con lo pseudo di Actarus. Incideranno anche le canzoni del 33 giri “Atlas ufo robot” (“Rigel”, “Venusia”, “Alcor”, “Vega”, “Procton”…), disco che entrerà in classifica con 300.000 copie vendute.

Paola scrive ed incide assieme al figlio Giampaolo “La marcia di Topolino” (Rai 1, sigla di Il club di Topolino). Un grandissimo successo da classifica con 140.000 copie. Paola scriverà anche tutte le canzoni del 33 giri.

 

1979: con il nome I Ragazzi di Remì cantano un classico, un tormentone cantatissimo “Remì le sue avventure” (Rai 1), una hit da 1.400.000 copie vendute, (dentro Paola ha messo anche suo figlio Giampi di 9 anni). Invece con lo pseudo La Banda dei Bucanieri incideranno una hit amatissima, si tratta di “Capitan Harlock” (Rai 2).

Invece con lo pseudo di La Famiglia Rossi incidono “Lo dice la mamma” (Rai 2), sigla del programma Arrivano i vostri. (Sul lato B del disco cantano “T come TV”).

Saranno i cori per il brano tormentone “Sarà un fiore” sigla di apertura del Festival di Sanremo (Rai 1), per Enrico Beruschi, una hit da 700.000 copie.

Cori anche per Bruno D’Andrea e la sua martellante “Na-no Na-no” (Rai 2, sigla di Mork e Mindy), che va in top-ten con 300.000 copie vendute.

 

1980: tornano in top-ten con un altro classico stra-cantato e stra-amato, si tratta di “Anna dai capelli rossi” (Rai 1), con 1.200.000 copie vendute.

Con lo pseudo de I Micronauti invece vanno in classifica con il tormentone amatissimo di “Daitarn 3” (Milano TV), con 300.000 copie; incidono anche “Tekkaman” (Canale 51, voce solista Silvio Pozzuoli), sigla di Tekkaman il cavaliere dello spazio.

Con il nome di Ypsilon vanno in classifica con “Astro robot contatto Ypsilon” (Rai 2, voce solista Silvio Pozzuoli), vendendo 200.000 copie. (sul lato B del disco cantano invece l’inedito “Quattro super eroi”)

Invece con lo pseudo I Cavalieri di Silverland, farà da coro a Marco Ferradini ed alla sua “La principessa Zaffiro” (Canale 51).

“Sembrano Proprio Quasi Romani” (Rai 1) sigla di S.P.Q.R., la cantano con lo pseudo de I Romani, ma la serie tv però non avrà fortuna e il disco non verrà mai stampato.

Invece con lo pseudo Gli Amici di Misha, cantano “Amico Misha”, sigla-inno ufficiale delle Olimpiadi 1980.

Paola fa cantare a suo figlio Giampi (di 10 anni), le sigle di testa e di coda di Addio Giuseppina, dal titolo “La balena Giuseppina” e “Giuseppina non lasciarmi mai” (Antenna 3), e mamma Paola decide di fargli i cori.

 

1981: con lo pseudo di Orchestra e Coro di Augusto Martelli incidono la cantatissima “Gatchaman la battaglia dei pianeti” (Canale 5) ed entrano di nuovo in classifica vendendo 200.000 copie. (Sul lato B del disco cantano un brano inedito “7 Zark 7”). Poi “Five” e “Ma che Five” (Canale 5), sigla dei programmi per ragazzi Pomeriggio con Five e Domenica con Five, disco che entra in classifica con 100.000 copie.

Invece riadoperando il nome de I Micronauti, tornano in classifica con la bella “Capitan Futuro” (Rai 2) vendendo 200.000 copie (sul lato B del disco cantano un pezzo inedito dal titolo “Gran Capitano”); e con lo pseudo La banda di Tom vanno in classifica con la cantatissima “Tommy” (Rai 1), sigla di Tom story con 200.000 copie (sul lato B del disco cantano l’inedito “Mississipi”), invece con lo pseudo I Pungiglioni vanno in classifica con “Ape ape ape Maia” (Rai 2), sigla di L’ape Maia, vendendo 300.000 copie.

 

1982: vanno in classifica con la cantatissima “Marco” (Rai 1), vendendo 200.000 copie, cantata con lo pseudo Gli Amici di Marco.

Invece con lo pseudo dei I Fratelli Grimm, vanno in classifica con “Nils Holgersson” (Rai 2), vendendo 100.000 copie.

Di nuovo con il nome Orchestra e Coro di Augusto Martelli cantano “Tansor 5” (Canale 5).

 

1983: “Hello Spank” (Italia 1), sigla tormentone amatissima, che firmano con i nome de I Cuccioli, e vanno in classifica vendendo 200.000 copie.

ancora con il nome di Orchestra e Coro di Augusto Martelli incidono “La regina dei mille anni” (Canale 5) e con Cristina D’Avena invece cantano “Lucy May” (Italia 1), in classifica con 50.000 copie.

“Vola bambino” (Canale 5), sigla di Pepero, invece è cantata dal bimbo Pepero e il coro viene fatto da Paola.

 

1984: “Due giovani eroi John e Solfami” (Italia 1), sigla de I Puffi, viene cantata ancora utilizzando il nome di Orchestra e Coro di Augusto Martelli.

Utilizzando ancora il nome de I Cuccioli, cantano invece la sigla de “Il fedele Patrash” (Rai 1).

 

1985: “L’ispettore Gadget” (Rai 2), la sigla cantata da Gadget con cori di Paola, viene tradotta da quella originale francese, ma il disco non verrà mai pubblicato.

E’ il coro per lo sceneggiato “Radici” (canale 5).

Sarà il coro per “Joan Lui” di Adriano Celentano, film interpretato dallo stesso Adriano.

 

1988: scrive le canzoni del 33 giri “Palla al centro per Rudy” (Italia 1), cantate da Cristina D’Avena. Paolo propone suo Figlio Giampi (ora 18’enne), per le nuove sigle di cartoni animati come “Sceriffi delle stelle” (Italia 7), “Capitan Dick” (Italia 7) e mamma Paola gli farà i cori.

 

1989: per suo figlio Giampi Daldello le farà da coro nelle sigle di “I Rangers delle galassie” (Italia 7), “A tutto gas” (Italia 7), “Motori in pista” (Italia 7) ed il tormentone di “Tartarughe ninja alla riscossa” (Italia 7). I singoli non usciranno ma le sigle verranno inserite in diverse compilation.

 

1990: è ancora coro per suo figlio Giampi in “He man” (Italia 1), e coro per Vincenzo Draghi e la sua ricercatissima e mai pubblicata “I 5 Samurai” (Italia 7) che firmano con lo pseudo de I Samurai.

 

1991: Paola è autrice delle canzoni che compaiono all’interno del cartone animato di “Ciao Sabrina”, cantate da Nadia Biondini, Paola Tovaglia ed Enzo Draghi. In questo stesso anno Paola lascia il mondo della musica per seguire una piccole etichetta musicale fino a metà degli anni 2000, dove poi decide di fare la nonna a tempo pieno per i suoi nipotini.

 

 

 

GIANNI SORU

 

FENOMENI / SIGLE & CARTOONS: ECCO DOUGLAS MEAKIN, QUELLO DE “IL GRANDE MAZINGA”


douglas meakin

Guest Writer: GIANNI SORU

 

Nato a Liverpool (Inghilterra) il 17 marzo del 1945 sotto il segno dei pesci, DOUGLAS MEAKIN, che dagli amici si fa chiamare Doogie (si pronuncia Daghi). E’ un grandissimo autore e musicista.

Negli anni ’70 e ’80 farà cantare tutti con le sue sigle, incise per la R.C.A e la EMI, vendendo in 5 anni 4 milioni di dischi! Un fenomeno! Le sigle le inciderà con il nome di Superobots (nome scelto dalla R.C.A., coro in alcune sigle e voce solista in altre; tutti i bambini volevano conoscerli) e con il suo amico Frazer, di Liverpool, forma il duo dei Rocking Horse (nome scelto dallo stesso Doogie, e sarà sempre lui la voce solista, tutti i bambini volevano vederli). Ma a Douglas Meakin non è mai interessato apparire.

(Il primo a svelare ed ad intervistare Douglas Meakin fu proprio Gianni Soru nei primissimi anni ’90 pubblicando diversi articoli su varie riviste: Ditutticolori, Cudowny, Japan Magazine, Il Giornale di Noi Ragazzi, Manga Club, WooW, Scelta TV, Colori… e sul sito Koji and Cutey. ndr).

 

Appena vent’enne forma il gruppo dei Motown’s, arrivano in Italia e diventano molto famosi, dove incidono due album “Motown’s” e “Sì, proprio i Motown’s”

 

1967: vincono la manifestazione del Cantagiro con il brano “Prendi la chitarra e vai”. Seguono altri singoli come “Dentro la fontana”, “Fuoco”, “Sogno, sogno, sogno”, “Na na, hey hey, kiss him goodbye”, “Back to my baby”, “I want to die”.

I Motown’s prendono parte anche in diversi film: “Tre passi nel delirio”, “La più bella coppia del mondo”…

 

1975: il gruppo si scioglie, e  Doogie forma un altro complesso musicale i Godfather, lavorano per la R.C.A., saranno i musicisti per diversi grandi cantautori italiani come Gianni Morandi, Francesco De Gregari, Lucio Dalla, Riccardo Cocciante, Antonello Venditti ( “Roma capoccia” la suona tutta Daghi) …

 

1978: Daghi realizza la sigla per il famoso telefilm di “Lassie”, ma viene scartata.

 

1979: assieme ad altre persone incide “Il grande Mazinga” (Antenna Nord), firmata con il nome di Superobots (nome scelto dalla casa discografica), una sigla tormentone ancora oggi amatissima, arriva in top-ten con 600.000 copie. Sul lato B del disco Doogie incide la cover di “Jeeg robot” come voce solista. Sarà la voce solista dei Superobots per “Ken Falco” (Antenna Nord) sigla di Falco il superbolide, sigla che entrerà in classifica con 200.000 copie. Come Superobots incide anche la sigla del telefilm “Guerre fra galassie” (Antenna Nord).

Con il nome di Superbanda incide la sigla di “Noi Supereroi” (Rai 2), una classifica da 150.000 copie. Per la show-girl Elisabetta Viviani compone la canzone “Tarzan Tarzan”.

 

1980: incide “Candy Candy” (Antenna Nord), una hit amatissima, farà innamorare tutti, diverrà un vero tormentone, andrà in top-ten con 550.000 copie vendute. Per questa sigla scegli lo pseudo i Rocking Horse. Come corista dei Superobots incide un altro grande successo “Grand Prix e il campionissimo” (MilanoTV).

In inglese inciderà la sigla di un film di grande successo “Asso” di Adriano Celentano.

 

1981: con il nome di Superobots prende parte alle sigle di “Daltanious” (Antenna Nord), una sigla martellante amatissima, che entrerà in classifica vendendo 200.000 copie. Altra sigla amatissima è “Trider G 7” (Canale 51) della serie L’invincibile robot Trider G 7, anche questa destinata alle classifiche con 200.000 copie vendute. Incidono poi “Ufo Diapolon” sigla di Ufo Diapolon guerriero spaziale (Telereporter), e sarà la voce solista di “Blue Noah” sigla di Blue Noah mare spaziale (Canale 51) e di “Gordian” (Telecity) sigla con la quale entra in classifica con 150.000 copie.

Con il nome di Rocking Horse invece canta “Lulù”, sigla di Lulù l’angelo tra i fiori (Antenna Nord), bellissima sigla molto amata, che arriva in top-ten con 300.000 copie; seguono poi altri 2 grandi successi quelli di “Mysha”, sigla di L’orsacchiotto Mysha (Telemontecarlo) e di “Toriton” (Antenna Nord), firmate con i nome di Rocking Horse.

Adoperando di nuovo il nome si Superbanda, va in classifica con “Fantaman” (Antenna 3) con 180.000 copie (Sul lato B del disco canta un pezzo inedito dal titolo “Le forze del bene”).

Come coro dei Megalosingers canterà il tormentone del telefilm di “Megaloman” (Telecity), che entra in classifica con 140.000 copie e della bellissima “I-Zemborg” (Telecity).

Con il nome di I Dragoni saranno i cori per la sigla di “Ginguiser” (Telemontecarlo), serie di poco successo, questa canzone non convince molto i discografici che non pubblicheranno il disco.

Realizza in inglese la sigla per il cartone animato di “Arrivano i Superboys” (Canale 51), ma i discografici decidono di farla cantare agli Eurokids, realizza anche la sigla de “Lo scoiattolo Banner”, ma non passa il provino.

Douglas Meakin farà da coro a tutte le canzoni di Renato Zero e del suo album “Antartide Arti”.

 

1982: come voce solista dei Superobots incide “Babil junior” (Retequattro), sigla molto amata, e con il nome di Rocking Horse incide la cantatissima “Lalabel” (Italia 1), con la quale entra in classifica con 200.000 copie e l’amatissima “Sampei” sigla di Sampei ragazzo pescatore (Telereporter) ed entra in classifica con 100.000 copie, incide anche la sigla del telefilm “Super dog black” (Telecity).

Realizza la sigla per “L’Uomo Tigre il campione”, “Le nuove avventure di Lupin III”, “Cuore”, ma le sue versioni vengono scartate; realizza anche “L’isola del tesoro” (Rai 1), viene scartata dai discografici, però farà da coro alla versione cantata da Lino Toffolo.

Per Georgia Lepore compone e farà da coro all’amatissima e cantatissima “Mimì e le ragazze della pallavolo” (Italia 1), che va in classifica con 150.000 copie.

 

1983: con il nome di Rocking Horse incide 2 bellissime sigle “Forza Sugar” (Telereporter), e l’amatissima “Il dottor Slump e Arale” (Retequattro), con la quale entra in classifica vendendo 100.000 copie; incide anche quella per il film “Kiko corri come il vento”. Realizza anche la sigla per la telenovelas “Il fantastico mondo del Picchio giallo” (Telecity), ma poiché andava in onda su di una tv locale, la serie andrà in onda senza una sigla italiana.

Ancora con il nome di Dragoni sarà il coro per “Guyslugger” (Telemontecarlo), la serie non ha successo e anche questa sigla non convince tanto i discografici ed il disco non verrà pubblicato. Viene scartata la sua versione di “Yattaman”. Per Georgia Lepore compone e farà da coro per la dolcissima “Tyltyl Mytyl e l’uccellino azzurro” sigla di L’uccellino azzurro (Italia 1).

La crisi discografica comincia a farsi sentire (e questo non vale soltanto per le sigle), i dischi non vendono più, così molti discografici abbandonato il settore delle sigle.

 

1984: con il nome di Superobots incide “Super Robot 28” (Telecity), sigla molto bella che però non ottiene fortuna; e con la piccola Sara and Co. incide “All’età della pietra” (sigla di Giatrus il primo uomo” (Retequattro).

Con le sigle TV Douglas Meakin ha venduto quasi 4 milioni di dischi.

 

1986: abbandonato il campo delle sigle Doogie forma il gruppo dei Bridge, dove ripropongono canzoni degli anni ’50 e ’60.

 

1987: Doogie farà da coro a tutte le canzoni di Renato Zero per l’album “Zero”.

 

1990: forma il gruppo dei West Coast Lizzy e incidono dischi all’estero come “Can’ t stop”, “My dream”, “July M”, “Hey bar man”, “Call me”, “Walk on the room”, “Take your time”…

 

1998: dopo tantissima pressione e richieste da parte dei numerosissimi fans, Douglas Meakin si convince ad apparire, rilascia interviste, prende parte a  programmi tv, e ancora oggi fa il pieno nei suoi numerosissimi concerti in giro per l’Italia cantando le lodi delle sigle che hanno fatto sognare milioni di bambini.

 

1999: pubblica il cd “Manga Cartoons” qui ricanta i suoi più grandi successi firmati con il nome di Superobots e di Rocking Horse, più sigle non sue come Ufo robot, Capitan Harlock, Daitarn 3, Pokemon.

 

2008: realizza 2 sigle, una di testa ed una di coda “Tranformers”“Cybetron” che firma con il nome di Superobots.

 

 

GIANNI SORU

FENOMENI/ARRIVANO LE AVVENTURE DI  “PIÙPAZZA”, UNA MUCCA-CARTOON DAVVERO SPECIALE


 

piùpazza

Chi è Piùpazza? E’ un pupazzo nato da un’idea di Gianni Soru. Si tratta di una mucca molto chic! Piùpazza è simpatica, ingenua, stupidotta, vanitosa, buffa… Ha lunghe ciglia e due grandi labbra rosse. Abbaia invece di muggire perché dice che “è una lingua internazionale, come l’inglese!”

Adora le cose belle, soprattutto i gioielli. Infatti Piùpazza è addobbata di oggetti preziosi, indossa 3 orecchini diversi, un fiocco a forma di quadrifoglio, una molletta a forma di farfalla con pietre colorate, indossa un anello a forma di rosa ed un braccialetto pieno di brillanti; al collo porta un fiore ricoperto di pietre, poi una collana di perle con in mezzo un grosso diamante.

Piùpazza si innamora di tutti i ragazzi che vede, ed è la protagonista di una sit-com divertentissima. Sul canale youtube di Telecartoni si possono vedere le sue avventure. Ogni puntata dura 2 minuti o poco più. La sua vita è tutta muccosa. Ogni oggetto richiama le mucche come l’astuccio, le calamite, la campana, il cappello, il cuscino, le ciabatte, i fischietti, la lampadina della notte, il portabiscotti, il portacellulare, il portafotografie, le presine, i quadri, il salvadanaio, la sciarpa, il tamburello, il timer da cucina, la tazza, la tovaglia…

Piùpazza ha una sorella, Piùmatta (dai grandi occhi, anche lei vanitosa, ma non quanto Piùpazza); il suo attore preferito è Stalluume (una grande mucca muscolosa), il suo pittore preferito è Remuuar, la sua canzone preferita è Mugghi; invece Muubella e Muubrava sono le sue due migliori amiche con cui ama parlare, fare merenda e guardare le telenovelas; Minimuu è la sua vicina di casa, è una mucca molto piccola; Muucchino invece è la mucca che cavalca quando va in giro…

Piùpazza sarà anche la protagonista di barzellette a vignette sui giornali, e spera di conquistare tutti con la sua allegria, e magari chissà… Quest’anno sarà la mucca la nuova moda.

 

FENOMENI / MA DOVE SONO FINITI TUTTI QUEGLI INDIMENTICABILI POSTERS?


 

I POSTER

GUEST WRITER: GIANNI SORU

Gettonatissimi, vendutissimi ed amatissimi negli anni ’70 e per tutti gli anni ’80. Con l’arrivo degli anni ’90 sono andati quasi a sparire e negli 2000 invece non si trovano più.

Era una mania quella di appendere sulle pareti di casa i poster con i personaggi che più si amavano. Quelli dei cartoni animati andavano a ruba.

Il loro formato classico era quello in A3, ma ne esistevano anche di più grandi. Nei colorifici o nelle cartolerie si potevano trovare quelli di ‘Topolino’, ‘Paperino’, ‘Looney Tunes’, ‘Tom and Jerry’, ‘Charlie Brown’, ‘Braccio di Ferro’, ‘La pantera rosa’, ‘Asterix’, ‘Braccobaldo’, ‘L’orso Yoghi’, ‘Gli antenati’, ‘Magilla gorilla’, ‘Lucky Luke’, ‘L’uomo Ragno’, ‘Heidi’, ‘Goldrake’, ‘Capitan Harlock’, ‘Mazinga’, ‘Remì’, ‘L’ape Maia’, ‘Candy Candy’

 

La rivista del Corriere dei Piccoli è quella che in assoluto ne ha regalati di più: ‘Braccio di ferro’, ‘Jeeg robot’, ‘L’ape Maia’, ‘Candy Candy’ ‘Anna dai capelli rossi’, ‘Capitan Futuro’, ‘Bia la sfida della magia’, ‘Daltanious’, ‘Lulù l’angelo tra i fiori’, ‘King Arthur’, ‘Gatchaman’…

Dal 1982 al 1986 è il suo boom, in quasi tutti i numeri si poteva trovare allegato un poster, ci sono stati quelli di: ‘Gli antenati’, ‘La pantera rosa’, ‘Kimba’, ‘Goldrake’, ‘Mazinga Z’, ‘Starblazers’, ‘La principessa Zaffiro’, ‘Trider G 7’, ‘Scooby Doo’, ‘Marco Polo’, ‘L’isola del tesoro’, ‘I Superamici’, ‘Galaxy Express’, ‘Jenny la tennista’, ‘Angie girl’, ‘Lady Oscar’, ‘Babil junior’, ‘Belle e Sebastien’, ‘Lalabel’, ‘Astroboy’, ‘Lupin III’, ‘Cuore’, ‘Sam ragazzo del west’, ‘I Puffi’, ‘Cyborg’, ‘Flo la piccola Robinson’, ‘Hello Spank’, ‘Ulisse 31’, ‘Yattaman’, ‘Pimpa’, ‘Carletto il principe dei mostri’, ‘Slump e Arale’, ‘L’uccellino azzurro’, ‘Fiorellino’, ‘Il magico mondo di Gigi’, ‘Sandybell’, ‘Lamù’, ‘Il Tulipano nero’, ‘I Masters’, ‘Pollon’, ‘Georgie’, ‘Nanà supergirl’, ‘Mademoiselle Anne’, ‘Willy Fog’, ‘Isidoro’, ‘L’incantevole Creamy’, ‘Il grande sogno di Maya’, ‘Rascal’, ‘Gary Coleman show’, ‘Evelyn e la magia di un sogno d’amore’, ‘Kiss me Licia’, ‘Occhi di gatto’, ‘Le avventure della dolce Katy’, ‘Transformers’, ‘Iridella’, ‘Gli orsetti del cuore’, ‘Pac man’, ‘L’ispettore Gadget’, ‘Memole dolce Memole’, ‘Lovey Sara’, ‘Mila e Shiro’, ‘Muppet Babies’, ‘Shera la principessa del potere’, ‘Holly e Benji’, ‘Thunderbirds’, ‘Magica magica Emi’, ‘Popples’, ‘Juny peperina’, ‘Pollyanna’

 

La rivista Più è la seconda ad aver regalato tanti bei poster, allegati ci sono stati quelli di: ‘Tom and Jerry’, ‘Candy Candy’, ‘I Puffi’, ‘Carletto il principe dei mostri’, ‘I Masters’, ‘Pollon’, ‘Georgie’, ‘Nanà supergirl’, ‘Coccinella’, ‘Willy Fog’, ‘Isidoro’, ‘Mister T’, ‘Hazzard’, ‘Rascal’, ‘Transformers’, ‘I Predatori del tempo’, ‘Iridella’, ‘The Chipmunks’, ‘Gli orsetti del cuore’, ‘Hazzard’

 

Anche la rivista Cartoni in Tivù ha regalato poster bellissimi come quelli di: ‘Jeeg robot’, ‘Gundam’, ‘Sally la maga’, ‘Capitan Futuro’, ‘Kyashan’, ‘Polymar’, ‘Trider G 7’, ‘King Arthur’, ‘Fantaman’, ‘Starzinger’, ‘Gordian’, ‘Toriton’…

 

La rivista de Il Giornalino ha regalato quelli di ‘Braccio di Ferro’, ‘Asterix’, ‘I Puffi’, ‘Dragon ball’, ‘Spongebob’, e ‘Tartarughe ninja’.

 

La rivista di Masters of the Universe regalava quelli di ‘He Man’, ‘Voltron’ e ‘Bravestarr’.

 

Negli anni ’90 invece sarà la rivista Japan Magazine che regalerà tanti bei poster in diversi formati: ‘Jeeg robot’, ‘Capitan Harlock’, ‘Lupin III’, ‘Candy Candy’, ‘Gundam’, ‘Lady Oscar’, ‘Slump e Arale’, ‘Lamù’, ‘Il magico mondo di Gigi’, ‘Occhi di gatto’, ‘Memole’, ‘Ken il guerriero’, ‘E’ quasi magia Johnny’, ‘Dragon ball’, ‘Cara dolce Kioko’, ‘I 5 samurai’, ‘I Cavalieri dello zodiaco’, ‘Kate and July’, ‘Il mistero della pietra azzurra’, ‘ Forza campioni’, ‘Ranma 1/2″’, ‘City Hunter’, ‘Patlabor’, ‘Pesca la tua carta Sakura’, ‘Magica Doremì, ‘Cowboy Bebop’, ‘Slam Dunk’, ‘Hamtaro’, ‘Detective Conan’…

 

Dagli anni ’90 e 2000 molti poster si possono trovare nelle fumetterie, ci son stati quelli di: ‘Goldrake’, ‘Jeeg robot’, ‘Mazinga’, ‘Mazinga Z’, ‘Lady Oscar’, ‘Dragon ball’, ‘I Cavalieri dello zodiaco’, ‘Pokemon’, ‘Digimon’, ‘Rossana’…

 

E per finire, i giornalini monotematici (quelli dedicati ad un solo personaggio televisivo), dedicavano tanti bei poster inerenti solo al personaggio che trattavano come ‘Cip e Ciop’, ‘Barbapapà’, ‘Uomo Ragno’, ‘Heidi’, ‘Il corrierino dei Puffi’, ‘Miniponi’, ‘Il corrierino di Calimero’, ‘Hello Kitty’, ‘Baby Band’ (regalava quelli dei Tiny Toon), ‘Winny the Pooh’, ‘La Sirenetta’, ‘Biker Mice da Marte’, ‘Sailor Moon’, ‘La principessa Sissi’, ‘Garfield’, ‘Tommy e Oscar’, ‘Pokemon’, ‘Digimon’, ‘Franklin’, ‘Che magnifiche spie’, ‘Mew Mew amiche vincenti’, ‘Nadja Applefields’, ‘Mirmo’, ‘Witch’, ‘Fragolina Dolcecuore’, ‘Mermaid Melody principesse sirene’, ‘Phineas e Ferb’, ‘Sugar Sugar’

 

 

GIANNI SORU

FENOMENI / QUELLE “BUSTE A SORPRESA” DEDICATE AI PERSONAGGI DEI CARTONI…


buste sorpresa

Guest Writer: GIANNI SORU

 

Una delle grandi novità degli anni 2000. Sono buste grandi oppure valigette con tanto di manico, dedicate ad un personaggio della TV. All’interno si può trovare oggettistica dedicata solo a quel personaggio. Già negli anni ’80 esistevano queste grosse buste contenenti regali ma all’interno si poteva trovare di tutto: giocattoli o riviste anonime che non avevano nulla a che vedere con i cartoni animati.

Oggi invece all’interno si possono trovare giornalini con fumetto, giornalini con giochi, giornalini da colorare, album di figurine, o giocattoli inerenti solo al personaggio in copertina.

Non sono molti però i personaggi a cui sono state dedicate queste bellissime buste sorpresa, che, non avendo prezzi altissimi, offrivano 5-6 pezzi.

Come personaggi degli anni ’70 sono state dedicate a “Topolino”, “Tom and Jerry”, “Barbapapà”, “Heidi”, “Scooby Doo”.

Come personaggi degli anni ’80 invece sono stati dedicati a “L’ape Maia”, “I Puffi”, “Pimpa”, “Dragon Ball”.

Invece a quelli degli anni ’90 è stato dedicato a “I Cavalieri dello zodiaco” e “Winny the Pooh”.

E per finire ai personaggi degli anni 2000 come “Le Supechicche”, “Pokemon”, “Winx club”, “Mew Mew amiche vincenti”, “Ben 10”, “Mermaid Melody principesse sirene”, “Gormiti”, “Angels friend’s”, “Cuccioli Cercamici”, “My Little Pony”….

GIANNI SORU

FENOMENI / QUANDO I “CARTOONS” SI METTONO LA MASCHERA…


 

maschere di carnevale

Guest Writer: GIANNI SORU

 

Carnevale, una delle feste più belle e bizzarre che ci possano essere. Per qualche giorno (dipende sempre dalla città), la gente può sentirsi un’altra persona. Indossa le vesti del personaggio che più gli piace o che vorrebbe imitare per sentirsi per qualche ora proprio come lui. Questo è quello che di solito fanno i bambini: imitare il loro super eroe preferito. Ma anche gli adulti ne approfittano per imitare le gesta di qualche personaggio a loro caro.

Gli abiti di carnevale più venduti degli anni ’70 sono stati: “Topolino”, “Paperino”, “Cip e Ciop”, “Tom and Jerry”, “Bugs Bunny”, “Gatto Silvestro”, “Duffy Duck”, “Titti”, “Snoopy”, “Braccio di ferro”, “La pantera rosa”, “Asterix”, “L’orso Yoghi”, “Gli antenati”, “Barbapapà”, “Woody Woodpecher”, “L’Uomo Ragno”, “I fantastici 4”, “Heidi”, “Superman”, “Goldrake”, “Scooby doo”, “Jeeg robot”, “Capitan Harlock”, “Il grande Mazinga”, “Danguard”, “L’ape Magà”, “Don Chuck”, “Remì”, “Gaiking”. Alcuni di questi ancora oggi vengono riproposti sul mercato.

 

Tantissimi gli abiti di carnevale dei personaggi anni ’80, vendutissimi sono stati: “L’ape Maia”, “Mazinga Z”, “Gundam”, “Candy  Candy”, “Charlotte”, “Daitarn 3”, “Getta robot”, “Space robot”, “Astro robot”,  “Anna dai capelli rossi” (1980), “Sally la maga”, “Capitan Futuro”, “Bia”, “Daltanious”, “Trider G 7”, “Lulù l’angelo tra i fiori”, “Zambot 3”, “King Arthur”, “Starzinger”, “Gatchaman”, “Gordian” (1981), “L’Uomo Tigre”, “Belfy e Lillibit”, “Chobin”, “Lady Oscar”, “L’incredibile Hulk”, “Belle e Sebastien”, “Lalabel”, “I Puffi”, “Doraemon”, (1982), “Hello Spank”, “Chappy”, “Bat-man”, “Carletto il principe dei mostri”, “Il dottor Slump e Arale”, “Il magico mondo di Gigi”, (1983), “Il Tulipano nero”, “Masters”, “Lo specchio magico”, “Georgie”, “Zorro” (1984), “Isidoro”, “Creamy”, “Gli Snorky”, “Kiss me Licia”, “Transformers”, “Iridella”, “Gli orsetti del cuore” (1985), “Memole”, “Voltron”, “Magica Emi”, “David gnomo”, “Popples” (1986), “Vola mio Miniponi”, “Jem”, “Maple Town un nido di simpatia”, “Piccola bianca Sibert”, (1987), “Hilary”, “Bravestarr (1988), “Calimero” (1988), “D’Artagnan”, “Dragon ball”, “Tartarughe ninja” (1989).

 

Invece negli anni ’90 non sono stati molti gli abiti di carnevale usciti: “I Cavalieri dello zodiaco”, “Hello Kitty”, “I Simpson”, “Winny the Pooh”, “Bentornato topo Gigio”, “La sirenetta”, “X-Men”, “Aladino”, “Biker mice da Marte”, “Sailor Moon”, “Gargoyles”, “Ranma 1/2”, “La principessa Sissi”, “Sandokan”, “Pesca la tua carta Sakura”.

 

Negli anni 2000 non sono stati dedicate molte maschere agli eroi dei cartoni animati: “Pokemon”, “Digimon”, “All’arrembaggio”, “Spongebob”, “Magica Doremì”, “Hamtaro”, “Beyblade”, “Winx club”, “Mirmo”, “Witch”, “Naruto”, “Ben 10”, “Gormiti”, “Peppa Pig”, “Huntik”, “Angels friend’s”.

 

Negli anni 2000, molti ex bambini cresciuti ripropongono durante le fiere del fumetto bellissimi cosplay, abiti dei loro eroi preferiti, questa volta, per motivi logici, se li confezionano da soli e con risultati molto superiori a quelli che erano in vendita: Goldrake, Jeeg robot, Harlock, Mazinga, Mazinga Z, Tekkaman, Daitarn 3, Bia, Trider G 7, Lulù,  L’Uomo Tigre, Galaxy Express, Lady Oscar, Doraemon, Spank, Yattaman, Slump e Arale, Il tulipano nero, Dragon ball, Sailor Moon, Pesca la tua carta Sakura, All’arrembaggio, Naruto…

 

Spesso realizzano anche abiti di personaggi che all’epoca non uscirono, dei veri capolavori, come “Lupin III”, “Rocky Joe”, “Cyborg”, “Sampei”, “Vultus 5”, “Muteking”, “Pollon”, “Ransie”, “Occhi di gatto”, “Devil man”, “L’ispettore Gadget”, “Gigi la trottola”, “Mila e Shiro”, “Holly e Benji”, “Ken il guerriero”, “Sandy dai mille colori”, “Il mistero della pietra azzurra…

GIANNI SORU

FENOMENI / ALLA RISCOPERTA DELLE SAGOME DI CARTA, LE FAMOSE “PAPER-DOLLS”…


 

LE SAGOME

 

Guest Writer: GIANNI SORU

*

Chi non poteva permettersi di comprare un modellino o una bambola dei personaggi dei cartoni animati, poteva almeno fantasticare con le sagome di carta più economiche.

Per diversi eroi della tv giornali, patatine, brioche, biscotti, ovetti di cioccolato pubblicavano o regalavano le loro sagome. Una volta ritagliata la forma del personaggio, che poteva stare o in piedi sul suo piedistallo pieghevole (ad alcuni di essi potevi anche ‘vestirli’ con abitini sempre di carta da incollare sopra), oppure montandolo con dei chiodini, quindi risultavano snodabili, si poteva poi cominciare il gioco divertendosi ad inventare storie.

Non sono molti i personaggi ad aver avuto una sagoma, perché comunque non erano molto apprezzati, si rompevano facilmente e non ci stava gusto nel maneggiarli.

Ecco i titoli di alcuni di essi: “Aladino”, “Asterix”, “Barbapapà”, “Braccobaldo”, “Bravestarr”, “Bugs Bunny”, “Calimero”, “Charlie Brown”, “Cip e Ciop”, “Daitarn 3”, “Doraemon”, “Duffy Duck”, “Ernesto sparalesto”, “Felix the cat”, “Garfield”, “Gatchaman”, “Gatto Silvestro”, “Georgie”, “Goldrake”, “Gundam”, “Hamtaro”, “Heidi”, “Hello Spank”, “I Puffi”, “I Simpson”, “Isidoro”, “La principessa Sissi”, “Lady Oscar”, “Mazinga”, “Mermaid Melody”, “Monciccì”, “Mysha”, “Paperino”, “Peppa Pig”, “Pimpa”, “Pippo”, “Remì”, “Scooby doo”, “Spongebob”, “Sugar Sugar”, “Supersegretissimo agente scoiattolo”, “Tartarughe ninja”, “Tazmania”, “Top cat”, “Topo Gigio”, “Topolino”, “Trider G 7”, “Wally gator”, “Winny Pooh”, “Winx club”, “Witch”…

 

 

GIANNI SORU