FENOMENI / “CARTONI” E FILMS CRESCIUTI NELLA… GIUNGLA


CRESCIUTI NELLA GIUNGLA

Guest Writer: GIANNI SORU

“IL LIBRO DELLA GIUNGLA”

Lungometraggio Disney del 1968, tratto dal racconto del 1894 di Rudyard Kipling, ha ottenuto un enorme successo. Nel 2018 uscirà per il cinema anche la versione in 3D. Mowgli viene adottato da una coppia di lupi, cresce sano e libero. Baloo è un orso saggio ed insegnerà tante cose a Mowgli, Baghera invece è una pantera nera che corre sempre in aiuto del ragazzo quando è in pericolo. Shere Khan è la tigre nemica.

“IL LIBRO DELLA GIUNGLA”

Serie giapponese andata in onda nel 1991 su Canale 5, non ha ottenuto molta fortuna. La sigla TV è cantata da Cristina D’Avena: “Per un cucciolo di uomo si sa che la giungla è piena di avversità, tra le belve più feroci lui sta e certo in difficoltà ben presto si troverà. Mowgli è un bimbo che paura non ha con un lupo che gli fa da papà. Non conosce ancora la civiltà e nella giungla corre a perdifiato qua e là. Mowgli è tutto pepe e vivacità ha un’esuberante curiosità. Non conosce ancora la civiltà e nella giungla corre a più non posso qua e là. La giungla ci aspetta andiamoci in fretta è questa un’avventura per chi non ha paura. La giungla ci attende fra mille leggende che puoi trovar nel libro della giungla…” La serie uscita in dvd invece ha un’altra sigla cantata dai Piccoli Cantori di Milano.

“TARZAN”

Serie americana tratto dal racconto “Tarzan delle scimmie” del 1912 di Edgar Rice Burroughs, andato in onda su Rai 1 nel 1978 ha riscosso un buon successo. Figlio di una coppia di nobili inglesi, naufragati sulla costa dell’Africa, loro figlio ancora in fasce viene adottato da una scimmia, divenuto più grande Tarzan capisce di essere un essere umano. Si muove nella giungla in maniera molto agile ed esperta, saltando da una albero all’altro con le liane. Amica inseparabile di Tarzan è la sua scimmiotta Ikima. Al suo urlo forte e potente “Aaa a a a Aaaa” chiama a se gli animali di cui ha bisogno: elefanti, leoni, puma, gorilla….

“LA LEGGENDA DI TARZAN”

Serie americana, ispirato a Tarzan, lungometraggio del 1999 della Disney, è andato in onda nel 2003 su Rai 2, non ha avuto molta fortuna. Cresciuto nella giungla ed allevato dalle scimmie. Amici d’avventura di Tarzan sono l’elefantino Tantor, il gorilla Terk, mamma Cora e soprattutto la bellissima Jane di cui il nostro eroe si innamora. Tarzan è molto forte e astuto. La sigla è cantata da Phil Collins: “E’ il tuo cuore che ti sta parlando, lo sentirai, lascialo decidere, e tu vedrai non ti deluderà. E’ il tuo cuore che ti sta palando, e tu ascoltalo…”. Nel 2016 esce il 3D di “TARZAN”. Ma il suo meraviglioso habitat è minacciato da una spedizione che vuole recuperare una pietra precipitata dallo spazio milioni di anni  prima, e che causò l’estinzione dei dinosauri.

Al personaggio di Tarzan sono state dedicate diverse canzoni e sigle come “Ma quant’è forte Tarzan” cantata da Sandra Mondaini nel 1977,  fu sigla del programma Noi no. “Arriva Tarzan”  è una canzone di Robert McDonald sempre del 1977. “Tarzan Tarzan” è una canzone che Elisabetta Viviani ha dedicato al celebre personaggio nel 1978. “Ma Tarzan lo fa” è la celeberrima sigla di Nino Manfredi del 1978 sigla di Noi no. “Ma Tarzan cos fai?” è una canzone che gli hanno dedicato I Sanremini nel 1981. “Io Tarzan tu Jane” è la sigla del programma omonimo cantata da Carmen Russo nel 1988.

Diversi sono i film e i telefilm dedicati a Tarzan.

“GEORGE DELLA GIUNGLA”

Ispirato al film del 1967, questa serie americana è andata in onda su Telenova nel 1980, non ha avuto molta fortuna. George vive nella giungla in una casa sugli alberi. Con lui convive la sua amata Ursula e un gorilla intellettuale. Amico fedele di George è un elefante. George è un vero disastro nel lanciarsi con le liane da un albero all’altro, infatti va sempre a sbatterci contro.

La sigla è cantata dai Mini Robot: “Uah ahohohoh, ahohohohohoh, George. George (George), ti senti il re della foresta George (George). Ma proprio non ne fai una giusta, George (Geoerge). Tu parti con la liana ma poi non arrivi mai. George, (George), per te Tarzan non vale niente George (George). Ma guarda questo che pretende George (George). Tu parti sempre in trombe e mai una volta ce la fai. Eroe, sei un eroe, sei un eroe, ma mi chiedo quanto vali. Eroe, sei un eroe, se un eroe, sei l’eroe dei miei stivali…”

“GEORGE DELLA GIUNGLA”

Nuova serie americana, andata in onda nel 2007 su Boomerang, non ha avuto molta fortuna. George, distratto ed imbranato, protegge la giungla tropicale dai bracconieri. Suoi amici sono una scimmietta, un elefante ed un pappagallino. Con lui vivono anche altre 2 donne: la prudente Ursula, e la stupidina di Magnolia.

La sigla è cantata da Ermavilo: “George George George della giungla, che combinerai. Occhio a dove vai. E Crock che è sceso nella giungla sai, con la scimmietta Kate Click che non molla mai. Scivola sopra l’elefante Shrek mentre Ursula e Magnolia ballano il rap. George George George della giungla, non ti stanchi mai. Occhio a quel che fai…”.

GIANNI SORU

Annunci

FENOMENI / QUANDO IL “CARTONE” PORTA LE API IN TELEVISIONE


 

API IN TV

Guest Writer: GIANNI SORU

“LE AVVENTURE DELL’APE MAGA’”

Andata in onda nel 1979 su Milano TV, ha riscosso un enorme successo. Magà è una piccola ape che va alla ricerca della sua mamma persa quando ancora doveva nascere, a causa di un attacco delle vespe. Durante il suo lungo viaggio Magà conoscerà tanti insetti, alcuni buoni ed alcuni cattivi: farfalle, falene, libellule, lucciole, cimici, scarabei, cervi volanti, ragni, api, formiche, coccinelle, mantidi religiose, rane…, e dovrà imparare a cavarsela da sola.

Diversa la lineacollezione dedicata all’ape Magà come: adesivi, cartolina, disco, disegni da colorare, fumetto, gommine, portamonete, orologio, pagina di diario, pagina di quaderno, patatine, pupazzetti grandi e piccoli di stoffa e in gomma, puzzle, segnalibro, tatuaggi, trasferelli, videocassette… La cantatissima sigla è eseguita dal Coro dei Nostri Figli ed è entrata in classifica con 350.000 copie vendute.

“Hip urrà per Magà l’ape vagabonda, ora qui ora la faccia tosta e tonda, fiore a fiore sole e miele per il mondo va, la rugiada per la strada l’accompagnerà, fra colori e 100 mari e 1000 novità. Hip urrà per Magà anche quando è sola, troverà prima o poi chi l’aiuterà, lotta rischia dalla mischia fuori salterà, negli impicci nei pasticci non si arrende mai, buona, matta, dritta, svelta, coi nemici suoi. Nel cuore di Magà sempre l’avventura batterà, dovunque se ne va è bella Magà, è furba Magà, è grande Magà…”

 “L’APE MAIA”

Andato in onda nel 1980 sulla Rai, ha riscosso un enorme successo. la seconda serie è andata in onda nel 1981 sempre sulle reti Rai. Tratto dal racconto “Le avventure dell’ ape Maia” del 1912 di Waldemar Bonsels.

Maia è una piccola ape, bionda, sempre allegra, curiosa e molto scatenata. Appena nata Maia lascia il suo alveare per conoscere il mondo e si trasferisce al Prato dei Papaveri. La segue il suo amico pigrone Willy a cui piace solo mangiare e dormire. Flip è invece la cavalletta che insegnerà loro tante cose. Ogni giorno Maia conosce e scopre le abitudini degli altri insetti come farfalle, lombrichi, ragni, libellule, calabroni, vespe, formiche, coleotteri, scarafaggi, falene, lucciole, mantidi religiose, coccinelle… Nel 2013 ha avuto una serie in 3D andata in onda su Rai Yo Yo, ed ha riscosso un buon successo.

La lineacollezione dedicata all’Ape Maia è infinita: abito di carnevale, accappatoio, adesivi, album di figurine (ben 4), asciugamani, astucci, bagnoschiuma, bauletti, borsette, bavaglini, biglietti d’invito, biglietti augurali, biscotti, bolle di sapone, borlotti, borracce, braccioli mare, brioche, burro cacao, caramelle, cartelle, cartellette, cartoline, ciabatte, cicche, ciondoli, completo letto, cuscini, diari, dischi, domino, dvd, forchette, francobolli, fumetto, gioco da tavolo, gioco elettronico, giornale da colorare, giornale giochi, gommina, giostra Luna Park, lavagna magica, libri, magliette, manuali, maschera di carnevale, matite, ombrelli, orologi, ovetti di cioccolato, palloni, palloncini, patatine, panettoni, pannolini, pendagli, phelpe, piatti, pigiami, poncho, portachiavi, poster, pupazzi, puzzle, quaderni, sacchetti, salvadanaio, salvagente, salviette, scrigno, segnalibro, spille, stivali, tappetino mouse, tappi matite, tatuaggi, tazze, telo mare, tovaglioli, trasferelli, uova di Pasqua, vhs, zaini… Negli anni 2000 è stato riproposto tantissimo merchandising.

La famosissima e martellante sigla è cantata da Katia Svizzero, arrivando in top-ten con 800.000 copie vendute.

“Si sveglia il mondo lo accarezza il sole, si sveglia l’ape Maia dentro a un fiore. Apre i suoi occhi sorridenti, stropiccia le sue ali trasparenti. Vola vola vola vola vola l’ape Maia, gialla e nera nera e gialla tanto gaia, vola sopra un monte e sfiora il cielo, per rubare il nettare da un melo. Vola vola vola vola vola l’ape Maia, gialla e nera nera e gialla tanto gaia, il grillo canterino s’è svegliato, fa la serenata a tutto il prato. In quel prato verde come il mare l’importante è un fiore da trovare. Vola vola vola vola vola l’ape Maia, gialla e nera nera e gialla tanto gaia…”

La seconda sigla “L’ape Maia va” e la terza la bellissima “L’ape Maia in concerto” sono cantate sempre da Katia Svizzero. anche questo disco è entrato in classifica vendendo 300.000 copie.

“L’ape Maia va curiosa e piccola. L’ape Maia va all’avventura. L’ape Maia va e mai paura non ha. Vuol veder se il mondo è veramente tondo, e dove muore il giorno quando, come e perché, proprio come te

(proprio come me). Si arrabbia quando piove, si scalda con il sole, e piange quando è sola e non lo sa il perché, proprio come te (proprio come me). E appena vede un fiore in un vaso si sa ci ficca il naso, e dappertutto va cercando qualche novità. L’ape Maia va curiosa e piccola. L’ape Maia va all’ avventura. L’ape Maia va e mai paura non ha…”

“Vola, vola a casa l’ape Maia dopo un viaggio nel Perù, ha comprato un flauto e una chitarra per il bruco e la farfalla blu. Ha portato un etto di torrone per far pace con il calabrone, sotto l’albero della festa questa sera ci sarà un’orchestra. L’ape Maia danzerà (nel cielo) ed il grillo canterà (dal melo) la lumaca ballerà col ragno peloso un tango curioso e la mosca riderà. La formica suonerà (un tamburo) con il ritmo pazzo del (canguro) e il lombrico ballerà con i millepiedi  pestandogli i piedi e la mosca riderà. Ah ah ah ah ah ah ah…”

La quarta sigla “Ape ape ape Maia” è cantata da I Pungiglioni, ed è entrata in classifica con 200.000 copie vendute.

“Ape, ape, ape Maia cosa fai sul mio panino guarda che ti sei sbagliata non è un fiore è marmellata. Ape, ape, ape Maia stai piangendo tutta sola ma tu dici mi ha bagnata una goccia di rugiada. Ape, ape, ape Maia. Sei tanto piccola mi so difendere da me. Sei tanto piccola col il pungiglione pungo te. Sei tanto piccola, ma piccola, ma piccola che credi di paura non mi fai. Sono una zingara tu sempre a zonzo te ne vai. Sono una zingara però il tuo nido tu ce l’hai. Sono una zingara, che zingara, che zingara, più zingara non c’è…”

Nel 2013 su Rai Yo Yo è andato in onda una nuova serie in 3D sulle api dal titolo “La casa delle api”, riscotendo un discreto successo.

GIANNI SORU

FENOMENI / I TRE MOSCHETTIERI IN FORMATO “CARTOON”


i moschettieri

Guest Writer: GIANNI SORU

Il racconto “I tre Moschettieri” del 1844 di Alessandro Dumas è uno dei più belli e popolari. Anche i cartoni animati hanno voluto toccare questa storia. E’ il libro a cui son stati dedicati più film, oltre 40. Nel 2005 arriva anche il telefilm a puntate intitolato “D’Artagnan”.

“TIPPETE TOPPETE TAPPETE”

Andato in onda nel 1976 sulla Rai non ha avuto fortuna. I tre moschettieri sotto forma di cane, con tanto di cappello, guanti e stivali. Sono moto abili con la spada e con la loro simpatia difendono il Re e la Regina.

“I TRE MOSCHETTIERI”

Andato in onda nel 1983 su Retequattro non ha avuto molta fortuna. I tre celebri e abilissimi moschettieri: Atos, Portos e Aramis, abilissimi con la spada, difendono i più deboli. Il loro motto è sempre “Uno per tutti. Tutti per uno!”.

 “D’ARTACAN E I TRE MOSCHETTIERI”

Andato in onda nel 1983 sulla Rai ha riscosso un buon successo. In questa serie D’Artacan è un cane bracchetto, vive in Austria, indossa la sua divisa rossa ed assieme ad altri 3 cani spadaccini Dogos, Pontos e Amis, difendono la Regina Anna dagli opprusi e dal cattivo Richelieu e da Milady, una gatta molto bella ma anche molto crudele. Amico di D’Artacan è il topolino Pom. La seconda serie “IL RITORNO DI D’ARTACAN” è andato in onda nel 1992 su Canale 5 ma è stato un flop. Qui indossa la divisa blu.

La lineacollezione di D’Artacan è stata: adesivi, cartoline, disco, fascicolo, figurina, fumetto, libri, pupazzi, quaderno, segnalibro, vhs…

La sigla è cantata da Benedetta e gli Oliver Onions:

“Siamo tre noi siamo tre i famosi Moschettieri, come noi no non ce n’è siamo i vostri eroi, canteremo insieme a voi sempre tutti insieme, siamo tre noi siamo tre, poi c’è D’Artacan. D’Artacan si proprio lui è il più forte di noi tutti, sempre contro Richelieu che non lo fa dormire, ogni giorno inventerà un sistema nuovo, per salvare chi non ha la sua libertà. D’Artacan, D’Artacan, e pensa un po’ se un giorno. D’Artacan, D’Artacan, ti troverai nei panni. D’Artacan, D’Artacan, di D’Artacan e con la spada ti batterai. D’Artacan, D’Artacan, e pensa un po’ se un giorno. D’Artacan, D’Artacan, incontrerai qualcuno. D’Artacan, D’Artacan, che come Richelieu vuole imbrogliar…”

“D’ARTAGNAN E I MOSCHETTIERI DEL RE”

Andato in onda nel 1989 su Italia 1 ha riscosso un buon successo. D’Artagnan, giunge a Parigi, ed il suo sogno è di diventare un bravo moschettiere. A palazzo di Luigi 13° conosce gli altri 3 moschettieri Aramis (è in realtà una donna), Athos e Portos. D’Artagnan si innamora di Costance, amica di compagnia della regina Anna. Amico di D’Artaghan è l’orfanello acrobata Jean. Chi trama alle spalle del Re e della Regina è la perfida e bella Milady e il Cardinal Richelieu.

La lineacollezione di D’Artagnan è stata: adesivi, cartolina, disco, disegni da colorare, fumetto, libro, quaderno, poster, segnalibro, vhs…

La sigla è cantata da Cristina D’Avena:

“D’Artagnan. D’Artagnan, e i Moschettieri del Re. D’Artagnan. D’Artagnan, e i Moschettieri del Re. D’Artagnan vuole tanto diventare moschettiere del Re, ma per ora è soltanto apprendista moschettiere perché. Ha coraggio ma non ancora sa come lotta un moschettiere del Re. Anche in mezzo ai guai non si arrende mai è così che un moschettiere compie il suo dovere. D’Artagnan, sempre combatte e non si abbatte che tipetto. D’Artagnan, sfida i malvagi regge i disagi che tipetto. D’Artagnan, giunge al galoppo salta all’intoppo che tipetto D’Artagnan, D’Artagnan. Sempre combatte e non si abbatte che tipetto. D’Artagnan. D’Artagnan, giunge a galoppo salta l’intoppo che tipetto. D’Artagnan. D’Artagnan. D’Artagnan D’Artagnan e i moschettieri del re”.

“ALBERT IL QUINTO MOSCHETTIERE”

Andato in onda nel 1995 sulla Rai è stato un flop. Albert è un ragazzo dai capelli ricci biondi, vanitoso ed abile con la spada, vuole entrare a far parte del quartetto dei moschettieri. Cavalca un mulo invece di un cavallo.

Anche Topolino nel lungometraggio “Topolino, Paperino, Pippo – I Tre Moschettieri” del 2004 hanno maneggiato una spada e Gambadilegno con l’inganno vuole entrare a far parte del gruppo.

Protagonista dei moschettiere è stata anche la Barbie nel lungometraggio del 2009 “Barbie, e le tre moschettiere”. Protagonista è Corinne, dama di compagnia della regina, e le sue amiche che vuole diventare un’abile moschettiera..

GIANNI SORU

FENOMENI / ECCO I PINOCCHIO DELLA TV IN FORMATO CARTOON


I PINOCCHI DELLA TV

Guest Writer: GIANNI SORU

Il celebre romanzo di Carlo Collodi “Pinocchio”, scritto nel 1881 è famoso in tutto il mondo. Ed anche a lui sono stati dedicati dei cartoni animati.
“LE NUOVE AVVENTURE DI PINOCCHIO”

Andato in onda nel 1980 su Canale 51, ha riscosso un enorme successo. Geppetto è un povero vecchietto che di lavoro fa il falegname. Un giorno prende un pezzo di legno da una quercia e intaglia un burattino e decide di chiamarlo Pinocchio. Durante la notte una bellissima fata gli darà vita, ma per ogni bugia detta gli si allungherà il naso. Il Grillo Parlante sarà la sua coscienza; mentre il gatto e la volpe cercheranno di ingannarlo sempre. Pinocchio vuol diventare un bambino in carne ed ossa.

La lineacollezione di Le nuove avventure di Pinocchio è stata: adesivi, album di figurine, bicchieri, biglietti d’auguri, card, cartolina, disco, disegni da colorare, etichette, fumetto, giostra Luna Park, magliette, pallina di Natale, patatine, portachiavi, pupazzo, puzzle, quaderno, segnalibro, segnaposto, vhs…

La bellissima e amatissima sigla “Pinocchio perché no?” cantata da Luigi Lopez, è arrivata in top-ten con 400.000 copie vendute.

“Naso di legno cuore di stagno burattino, quando diventerai bimbo come noi, pan di mollica scansa fatica dove vai, sono un burattino e non mi fermo mai. Con le mie scarpe di zuppa e pan bagnato, il vestitino di carta colorato, farò i dispetti a chi sarà cattivo, e sarò buono con chi mi dice bravo. Faccio festa per trenta giorni al mese, il calendario per me lo sai non ha sorprese, Natale e Pasqua, Befana e ferragosto, sempre domenica è per me e se domenica non è, è festa uguale lo so ma perché per noi no? Che ne so. Pinocchio ma dove vai. Pinocchio che cosa fai. Pinocchio la fantasia è solo una bugia…”

“PINOCCHIO”

Andato in onda nel 1981 su Canale 5, ha riscosso un grande successo.

Il povero anziano Geppetto costruisce un burattino da un ramo di ciliegio. Il bimbo si anima grazie ad una fata, che si presenta a lui sempre sotto forma di colomba. Gina invece sarà la paperelle gli dovrà fare da coscienza; mentre il gatto e la volpe sono i due furboni che cercheranno sempre di ingannare Pinocchio. Per ogni bugia detta al burattino gli si allungherà il naso. Lo scopo di Pinocchio è quello di diventare un bambino vero.

La lineacollezione di Pinocchio è stata: adesivo, cartolina, disco, disegni da colorare, libri, patatine, puzzle, quaderni, segnalibro, vhs…

La simpatica sigla “Bambino Pinocchio” è cantata da Cristina D’Avena, è entrata in classifica con 100.000 copie.

“Pi-no e dopo strizza l’occhio così che per intero tu leggerai Pinocchio. Ge-pi e aggiungi un cuore in petto ed ecco il nome vero del buon papà Geppetto. Mangia e accendi un grosso fuoco così dal fumo nero è nato Mangiafuoco. Fa-ti e dopo aggiungi na ed ecco la Fatina azzurra di bontà. Pi-no da un burattino sciocco è nato un bel bambino che chiamasi Pinocchio. Volpe e il suo compagno matto dal pelo tutto a zero è il malandrino Gatto. Grillo sapiente della scienza col suo parlare sincero che scuote la coscienza. Collo e dopo aggiungi di è l’inventor dei nomi che abbiam cantato qui. Che abbiam cantato qui”.

Ricordiamo anche i vari lungometraggi, il più famoso è “PINOCCHIO” del 1940 della Walt Disney. Poi ci sono state altre versioni “PINOCCHIO 3000” del 2004 (una produzione Francia e Spagna). “BENTORNATO PINOCCHIO” un prodotto italiano del 2007. Poi ci sono altri 2 Pinocchio, uno del 2012 (uscita solo in dvd di produzione inglese) ed uno del 213, entrambe produzioni italiane.

In Italia è stata girata anche una miniserie nel 1971 con il titolo “LE AVVENTURE DI PINOCCHIO”.

GIANNI SORU

FENOMENI / QUANDO LA PALLAVOLO E’ “GIOCATA” NEI CARTONI ANIMATI


LA PALLAVOLO NEI CARTONI ANIMATI

Guest Writer: GIANNI SORU

MIMI’ E LE RAGAZZE DELLA PALLAVOLO

Andato in onda nel 1982 su Italia 1, ha riscosso un enorme successo. Mimì Miceri, ama io gioco della pallavolo e frequenta il liceo Tachibana. Riesce a formare una squadra per poter giocare al campionato nazionale. La squadra è allenata da Michael Oara, e diverranno fortissimi grazie anche alle tecniche imparate come la respinta con giravolta, l’attacco fulminante, il doppio colpo e la formazione a V.

La lineacollezione di Mimì e le ragazze della pallavolo è stata: adesivo, bambolina, cartolina, carta da lettera, disco, disegni da colorare, patatine, quaderno, segnalibro, videocassetta. La bellissima e cantatissima sigla è cantata da Georgia Lepore, ed entrò in classifica con 150.000 copie. “Mimì sogni la vittoria. Sogni dolci sogni sul tuo banco di scuola fai.  Mille batticuori al tuo diario racconterai. Romantica Mimì, fantastica Mimì la più carina della classe. Tutta la squadra c’è di pallavolo che conta su di te, sempre su di te. Ma che partite Mimì, sotto la rete Mimì batti ribatti chi vincerà. Ad ogni tiro Mimì, senza respiro Mimì questione di felicità. La palla dondola scivola rotola vola via. E tu sei l’angelo sei quel miracolo di magia la vittoria…”

QUELLA MAGNIFICA DOZZINA

Andata in onda nel 1981 su Telereporter ha riscosso un grande successo. Le nuove puntate dal titolo MIMI’ E LA NAZIONALE DI PALLAVOLO è andata in onda nel 1983 su Italia 1, ha riscosso un enorme successo. Mimì Ayuara frequenta il liceo del Fusjmi, ed ama giocare a pallavolo. Suo allenatore il professor Ongo. Mimì e la sua squadra disputeranno tantissime partite, anche i mondiali. Mimì e la sua squadra impareranno tante tecniche di gioco come servizio a foglia cadente, respinta con giravolta, doppio attacco, attacco ad ombra, palla invisibile, goccia di ciclone.

La lineacollezione di Mimì e la nazionale di pallavolo è stata: adesivo, album di figurine, bambolina, carta da lettera, cartolina, disco, disegni da colorare, dvd, fumetto, patatine, portachiavi, quaderno, segnalibro.

La bellissima sigla tormentone è cantata da Georgia Lepore, ed entrò in classifica con 120.000 copie. “Tute colorate noccioline gelati, gomma americana bandierine noi qui, squadra nazionale coi colori del cuore a Mimì, c’è Mimì. Arcisupergrande campionato mondiale ah, Ah. Voglio una canzone da cantare e gridare a Mimì, a Mimì. Mimi Mimi Mi con le maniquanti punti ricami volteggiando come fai tu, sotto la rete invincibile sei la più forte non perderai mai. Mimi Mimi Mi con le mani tiri come uragani di avversari tu non ne hai più. Quanta fatica arrivare lassù ma stasera chi vince sei tu…”

MILA E SHIRO DUE CORI NELLA PALLAVOLO

Andata in onda nel 1986 su Italia 1, ha riscosso un enorme successo. Mila entra a far parte della squadra di pallavolo delle Seven Fighter ed è bravissima in attacco. Sue amiche e rivali sono Nami bravissima in ricezione che gioca per la Unicorn e Caori, bravissima nelle alzate, che gioca per le Sunlight Player.

La lineacollezione di Mila e Shiro due cuori nella pallavolo è stata: adesivo, album di figurine, bambolina, carta da lettera, cartolina, disco, disegni da colorare, fumetto, maglietta, orologio, patatine, poster, quaderno, segnalibro, videocassetta.

La bellissima e cantatissima sigla è cantata da Cristina D’Avena, ed entrò in classifica con 100.000 copie. “Guarda, guarda in campo c’è una nuova giocatricem Mila il suo nome è e talento ha per tre. La tra il pubblico lei sa Shiro se ne sta, il suo cuore ora si, batte, batte forte, forte, forte. Mila e Shiro due cuori nella pallavolo.  Shiro  e Mila amore a prima vista è. Mila e Shiro due cuori nella pallavolo. Shiro e Mila che dolce sentimento è. Sempre, sempre così sarà per Mila e Shiro. Sempre, sempre così sarà per Mila e Shiro…”

SPIKE TEAM

Andata in onda nel 2010 su Rai 2, ha riscosso un discreto successo. Nella città di Evertown, 6 ragazze, dal carattere completamente diverso, giocano a pallavolo nella squadra delle Spike Team. Il loro allenatore è Lucky, un ex campione di pallavolo. Madama Amalia è invece una ricchissima donna che vuol veder perdere le Spike Team.

La lineacollezione di Spike Team è stata: anello, astuccio, cartolina, diario, patatine, polsino, quaderno, zaino. La sigla è cantata dai Cartoon Family. “Spike Team col cuore e la mente. Spike Team  il sogno è per sempre. Spike Team e noi tra le stelle Spike Team. Se la torcia in alto viaggerà anche il cielo si illuminerà tutto il mondo intero canterà…”

GIANNI SORU

FENOMENI / TELEVISIONI & CARTONI: I SUCCESSI DI TELEREPORTER


 

 

TELEREPORTER

Guest Writer: GIANNI SORU

Negli anni Settanta nasce Radioreporter, una radio di grande successo, e nel 1977 è fondato anche il canale televisivo. Qui verranno messi in onda alcuni cartoni animati inediti come: ‘Gackeen il robot magnetico’ (un grandissimo successo, sigla cantata da I Mini Robot), ‘Il clun di Mr Wheles’, ‘Zambot 3’ (un buon successo, sigla i Cartoonmatti 2013), ‘Daikengo’ (un discreto successo, sigla cantata da Simba), ‘Conan’ (un grande successo, sigla cantata da Georgia Lepore), ‘Ufo Diapolon guerriero spaziale’ (un discreto successo, sigla cantata dai Superobots), ‘Qella magnifica dozzina’ (un grande successo), ‘God Sigma’ (un buon successo, sigla cantata dai Monelli Spaziali), ‘Baldios’ (un buon successo, sigla cantata da Il Coro di Baldios).

Nel 1982 il canale da ‘Radio’ diverrà ‘Tele’, nasce così Telereporter ed all’interno realizzano anche “JO JO” un programma per ragazzi che riscuoterà un grandissimo successo. A condurlo è la speaker radiofonica Daniela assieme al pupazzo rana Frida. Successo che andrà avanti fino al 1987. All’interno del programma verrà sponsorizzato il giornalino Più. Il successo è tale che verranno messi in commercio i pupazzi della rana Frida che andranno a ruba. Ai Cavalieri del Re fu commissionata la sigla del programma, realizzano ‘Ding Dong il villaggio fantasia’, una versione di testa ed una di coda. Ma alla fine, causa tempi stretti, il programma andrà in onda senza sigla. La sigla dei Cavalieri del Re verrà riutilizzata nel 1992 per il programma radiofonico ‘Un mondo di Amici’, dedicato alle sigle tv, condotto da Antonio Di Gioia.

Su Jo Jo debutteranno tanti bei cartoni animati come: ‘Goober’, ‘Don Chisciotte della Mancia’, ‘La spada di luce’ (sigla Il Mago-La fata-la Zucca bacata), ‘La macchina del tempo’ (un buon successo, sigla cantata da I Cavalieri del Re 2007), ‘Sampei ragazzo pescatore’ (un grandissimo successo, sigla cantata dai Rocking Horse), ‘Calendar men’ (un buon successo, sigla cantata da I Cavalieri del Re), ‘July rosa di bosco’, ‘La piccola Nell’ (sigle I Cavalieri del Re 2006), ‘Forza Sugar’ (un discreto successo, sigla cantata dai Rocking Horse), ‘Mister baseball’ (sigla Happy Gang), ‘Capitan Jet’ (sigla Sara Kappa), ‘Il mago Pancione etciù’ (sigla Andrea e Sabrina), ‘Pat la ragazza del baseball’ (un buon successo, sigla cantata da Le Mele Verdi), ‘Dotakon’, ‘Robottino’ (sigla Le Mele Verdi 2007), ‘Io sono Teppei’ (sigla Fratelli Balestra), ‘Jane e Micci’ (sigla Nico Fidenco), ‘Godam’ (un discreto successo, sigla cantata da I Cavalieri del Re), ‘Muteking’ (sigla I Condors), ‘Ugo il re del judò’ (sigla I Cavalieri del Re), ‘Pegaso Kid’ (sigla Umberto Balsamo), ‘Le più belle fiabe del mondo’, ‘Moon Mask Rider’, ‘Machander robot’ (sigla i fratelli Balestra 2009), ‘Drago volante’, ‘Don Dracula’, ‘General Daimos’.

In questo programma tv verranno replicati anche tanti successi di cartoni animati andati in onda su altri canali come: ‘Addio Giuseppina’ (Antenna 3, sigle Giampi Daldello), ‘Angie girl’ (Retequattro, sigla Kelli e Kelli), ‘Baldios’ (Telereporter, Il Coro di Baldios), ‘Brygher’ (Italia 1, sigle Franco Martin), ‘Cari amici animali’ (Euro TV, sigla Bruno Lauzi), ‘Coccinella’ (Euro TV, sigla I Cavalieri del Re), ‘Conan’ (Telereporter, sigla Georgia Lepore),

 

‘Dieci magnifici eroi’ (Euro TV, sigla I Condors), ‘Fantaman’ (Antenna 3, sigla Superbanda), ‘Gackeen il robot magnetico’ (Telereporter, sigla I Mini Robot), ‘Gigi la trottola’ (Euro TV, sigla I Cavalieri del Re), ‘God Sigma’ (Telereporter, sigla I Monelli Spaziali), ‘Guyslugger’ (Telemontecarlo, sigla I Dragoni), ‘Hurricane Polymar’ (Telecity), ‘I Predatori del tempo’ (Euro TV, sigla I Cavalieri del Re), ‘Isabelle de Paris’ (Retequattro), ‘Il piccolo detective’ (Euro TV, sigla Lino Toffolo), ‘Il piccolo guerriero’ (Retequattro), ‘Jeanie dai lunghi capelli’ (Retequattro), ‘Jackie l’orso del monte Tallak’ (Retequattro, sigla Rojal Jelly), ‘Jenny la tennista’ (Italia 1, sigla Nico Fidenco), ‘Ken il guerriero’ (Euro TV, sigla Spectra), ‘Kyashan il ragazzo androide’ (Telecity), ‘L’invincibile Shogun’ (Canale 5), ‘L’Uomo Tigre il campione’ (Antenna 3, sigla I Cavalieri del Re), ‘Lamù la ragazza dello spazio’ (Euro TV, sigla Ataru), ‘Lupin III’ (Euro TV, sigla Castellina Pasi), ‘Mademoiselle Anne’ (Euro TV, sigla Le Mele Verdi), ‘Mimì e le ragazze della pallavolo’ (Italia 1, sigla Georgia Lepore), ‘Sasuke il piccolo ninja’ (Telemontecarlo, sigla I Cavalieri del Re), ‘Starzinger’ (Telecity, sigla Superobots), ‘Super robot 28’ (Telecity, sigla Superobots), ‘Supercargattier’ (Antenna Nord, sigla Superobots), ‘Yattaman’ (Euro TV, sigla I Cavalieri del Re)

 GIANNI SORU

FENOMENI / TELEVISIONI ITALIANE E CARTONI: ODEON TV


ODEON TV

Guest Writer: GIANNI SORU

Canale nato nel 1988, otterrà un grande successo. Il programma per ragazzi “SLURP” otterrà un grandissimo successo. A condurlo sono Paola con il pupazzo Alfonso (ispirato ad un personaggio dei fumetti degli anni ’80) ed il robot Hugo Robot. Il programma andrà in onda fino al 1991. Il successo del pupazzo Alfonso è tale che uscirà il suo fumetto sulle pagine del Corriere dei Piccoli, poi il suo libro, il segnalibro, la lanterna, la sagoma…

Qui debuttano i cartoni animati di ‘Centurions’, ‘Starcom’, ‘Pole Position’, ‘Yace il cavaliere dello spazio’ (un buon successo), ‘Dinoriders’, ‘Dinosaucers’, ‘Balatak’, ‘Lasertag’, ‘Sylvaniam family’ (un buon successo), ‘Superted’, ‘Super Lamù’ (un grandissimo successo, sigla Ataru), ‘Favole Europee’, ‘My pet monster’ (un discreto successo), ‘Little Wizard’, ‘Fantazoo’ (un buon successo), ‘Gli orsetti del cuore II’ (un grandissimo successo), ‘L’allegro mondo di Talpilandia’ (sigla Odeon Boys), ‘Il mio amico Guz’ (sigla Odeon Boys), ‘Capitan Gorilla’ (sigla Odeon Boys), ‘Lo scrigno magico’ (sigla Odeon Boys), ‘I cavalieri dello zodiaco’ (un enorme successo, sigla cantata dagli Odeon Boys), ‘Robocop’ (un discreto successo, sigla cantata dagli Odeon Boys), ‘Kate and July’ (un buon successo, sigla cantata dagli Odeon Boys).

E rivedremo ‘Anna dai capelli rossi’ (Rai, sigla I Ragazzi dai capelli Rossi), ‘Don Chisciotte della mancia’ (Telereporter), ‘Ghostbusters’ (Euro TV), ‘Gi Joe’ (Euro TV, sigla cantata dagli Odeon Boys), ‘Gli amici Cercafamiglia’ (Italia 1), ‘Il piccolo guerriero’ (Retequattro), ‘Kimba il leone bianco’ (Euro TV, sigla I Cavalieri del Re), ‘L’Uomo Ragno’ (Rai, sigla I Sorrisi), ‘Mademoiselle Anne’ (Euro TV, sigla Le Mele Verdi), ‘Transformers’ (Euro TV), ‘Voltron’ (Euro TV)…

Nel 2000 Odeon TV cesserà di esistere, riaprirà dopo il 2010.

GIANNI SORU

FENOMENI / QUEI FAMOSI FILM TRASFORMATI IN CARTOONS


FILM E CARTONI ANIMATI

GUEST WRITER: GIANNI SORU

E’ successo che a molti film o telefilm (alcuni ispirati a libri), dato il loro grande successo, siano stati “trasformati” in cartoni animati. Non sempre però la serie animata otteneva lo stesso successo. Vediamo i titoli più importanti.

ALL’ARREMBAGGIO SANDOKAN (1994, Canale 5), è stato un flop. 

SANDOKAN (1998, Rai 1), nuova serie, ha ottenuto un buon successo. La sigla è cantata dagli Oliver Onions. Diversa la lineacollezione a lui dedicata: abito di carnevale, adesivo, album di figurine, braccioli mare, cartolina, cd, pupazzo, quaderno, segnalibro, vhs… Entrambi ispirati al famosissimo telefilm-libro del 1976.

ACE VENTURA (1998, Retequattro), ispirato al film del 1994 è stato un grande flop.

ALF (1993, Rai 2), ispirato al celebre telefilm del 1990, non ha avuto fortuna.

BEETLEJUICE (1995, Telepiù), ispirato al film “Beetlejuice spirito porcello, del 1988, il cartone è stato un flop.

BEETHOWEN (1997, Italia 1), ispirato al celebre film del 1992 , ha ottenuto un discreto successo. La sigla è cantata da Cristina D’Avena.

CANTIAMO INSIEME (1994, Italia 1), ispirato al film “Tutti insieme appassionatamente” del 1965 non ha avuto molta fortuna. La sigla è cantata da Cristina D’Avena.

FANTAGHIRO’ (2000, Italia 1), ispirato alla celebre serie tv-libro del 1991, non ha avuto fortuna. La sigla è cantata da Cristina D’Avena. Gli è stata dedicata diversa lineacollezione: album di figurine, bambola, gommina, block notes, borsa, cerchietto, pettine, portatrucchi, specchietto, Uovo di Pasqua, Profumo…

FLIPPER (2000, Flipper), ispirato al telefilm del 1981, ha avuto un discreto successo. La sigla è cantata da Ermavilo.

FREE WILLY (1995, Telepiù), ispirato al celebre film del 1993, non ha avuto fortuna.

GHOSTBUSTERS (1987, Euro TV), ha riscosso un grandissimo successo. Sono uscite altre 2 serie: “THE REAL GHOSTBUSTERS” (1988, Italia 1), ha riscosso un grandissimo successo. La terza nuova serie “GHOSTBUSTERS EXTREME” (1998, Italia 1), è stato un grande flop. Come lineacollezione hanno avuto: adesivi, album di figurine, bicchieri, borracce, calcolatrice, catolina, dentifricio, flipper, fumetto, gioco da tavolo, magliette, marsupi, orologio, patatine, poster, pupazzi, puzzle, quaderno, segnalibro, timbrini, toppe, vhs, videogioco… Tutti ispirati al famosissimo film del 1984.

HAZZARD (1985, Italia 1), ispirato al famosissimo telefilm del 1981, ha ottenuto un discreto successo. Come lineacollezione ha avuto: cartolina, fumetto, quaderno, poster.

I FAMOSI 5 (2008, Disney Channel), ispirato al celeberrimo telefilm-libro “La banda dei cinque” del 1979, non ha avuto fortuna. La sigla è cantata da Ermavilo.

JAMES BOND JUNIOR (1992, Canale 5), ispirato al celeberrimo film-libro del 1962, ha ottenuto un discreto successo. La sigla è cantata da Cristina D’Avena. La sua lineacollezione è stata: album di figurine, cartolina, fumetto, pupazzo, quaderno, segnalibro, vhs.

JANNIE (1984, Telenova), ispirato al celebre telefilm “Strega per amore” del 1984, è stato un flop.

JUMANGJI (2000, Rai), ispirato al celebre film del 1995, è stato un flop.

KARATE KID (1995, Telemontecarlo), ispirato al celebre film del 1987, non ha avuto fortuna. La sigla è cantata da Cartoon Kids.

LA FAMIGLIA ADDAMS (1978, Rai), ha ottenuto un buon successo.

LA NUOVA FAMIGLIA ADDAMS (1997, Rai), è la nuova serie, ha ottenuto un discreto successo.  La lineacollezione a loro dedicata è stata: adesivo, cartolina, gioco da tavolo, quaderno, valigetta, vhs. Entrambi ispirati al celeberrimo film del 1977.

LA MUMMIA (2002, Disney Channel), ispirato al celebre film del 1999, non ha avuto molta fortuna.

LAURA (1982, Canale 5), ispirato al famosissimo telefilm “La casa nella prateria” del 1977, ha ottenuto un discreto successo. La sigla è cantata da Cristina D’Avena. La sua lineacollezione è stata: adesivo, disco, cartolina, quaderno.

LA STORIA INFINITA (1996, Telemontecarlo), ispirato al celebre film-libro del 1984, non ha avuto molta fortuna. La sigla è cantata dai Cartoon Kids.

LASSIE (1982, Italia 1), ispirato al famosissimo telefilm del 1977, non ha avuto molta fortuna.

LAVERNA & SHIRLEY (1998 Italia 1), ispirato al telefilm del 1981 è stato un grande flop.

MAN IN BLACK (1998, Disney Channel), ispirato al celebre film del 1997, è stato un grande flop.

MARCELLINO PANE E VINO (2000, Rai), ispirato al film del 1955, non ha avuto fortuna. La sigla è cantata dall’ Amica di Marcellino.

MISTER T (1985, Italia 1), ispirato al celebre telefilm “A-Team” del 1984, ha ottenuto un discreto successo. La sigla è cantata da The Group Team. La sua lineacollezione è stata: cartolina, disco, fumetto, quaderno, poster.

OCEAN GIRL (2001, Rai), ispirato al telefilm del 2000, è stato un flop. La sigla è cantata da Ocean Girl.

PIPPI CALZELUNGHE (1998, Italia 1), ispirato al famosissimo telefilm-libro del 1976, ha ottenuto un discreto successo. La sua lineacollezione è stata: album di figurine, astuccio, bambola, cartolina, disegni da colorare, fumetto, palloncini, puzzle, quaderno.

RAMBO (1988, Italia 7), ispirato al celebre film del 1982, non ha avuto fortuna.

RITORNO AL FUTURO (1994, Italia 1), ispirato al famosissimo film del 1987, è stato un flop.

ROBOCOP (1990, Odeon TV), ispirato al celebre film del 1985, ha ottenuto un discreto successo. La sigla è cantata dagli Odeon Boys. Come lineacollezione ha avuto: abito di carnevale, cartolina, modellino, quaderno.

SABRINA (2000, Italia 1), ispirato al telefilm del 2000, ha ottenuto un discreto successo. La sigla è cantata da Cristina D’Avena. La sua lineacollezione è stata: astuccio, bambola, borsetta, cartolina, disegni da colorare, quaderno, zaino.

SCEMO PIU’ SCEMO (2002, Cartoon Network), ispirato al film del 1994, è stato un flop.

SCUOLA DI POLIZIA (1991, Retequattro), ispirato al famosissimo film del 1984, ha ottenuto un buon successo. La sigla è cantata da Cristina D’Avena. Come lineacollezione ha avuto: album di figurine, cartolina, segnalibro, vhs.

SIMPATICHE CANAGLIE (1985, Rai), ispirato al celeberrimo telefilm del 1977, ha ottenuto un discreto successo.

STAR TREK (1982, Italia 1), ispirato al celeberrimo telefilm del 1977, è stata un grande flop.

THE MASK (1996, Telepiù), ispirato al celebre film del 1994, ha ottenuto un discreto successo. La sua lineacollezione è stata: album di figurine, biglietti augurali, cartolina, cicche, patatine, pupazzo, segnalibro, vhs…

UN MEDICO IN FAMIGLIA (2003, Rai), ispirato al celebre telefilm del 2002, non ha avuto fortuna. La sigla è cantata dagli Oliver Onions.

ZORRO (1984, Euro TV), ha riscosso un buon successo.

ZORRO (1994, Canale 5), la nuova serie non ha avuto molta fortuna. La sigla è cantata da Cristina D’Avena.

EVVIVA ZORRO (1998, Retequattro), la terza nuova serie ha ottenuto un discreto successo. La sigla è cantata da Vincenzo Draghi.

ZORRO GENERAZIONE X (2009 Italia 1), la quarta nuova serie è stata un flop. La sigla è cantata da Giacinto Livia.

ZORRO LA LEGGENDA (2015 Rai Gulp,), è la serie in 3D, ha riscosso un discreto successo. La sigla è cantata da Lorenzo Campani. Come lineacollezione hanno avuto: abito di carnevale, adesivo, album di figurine, calamita, cartolina, casetta, cicche, disegni da colorare, fumetto, libro, pupazzo, quaderno, tatuaggi, timbrini, vhs, videogioco. Tutti ispirati al celeberrimo telefilm del 1977.

GIANNI SORU

FENOMENI / QUANDO UN PERSONAGGIO DELLA STORIA DIVENTA UN CARTOON (2a PARTE)


STORIA PERSONAGGI E CARTONI

Molti cartoni animati sono ispirati, sono dedicati a celebri personaggi del mondo dello spettacolo come attori o cantanti; o a personaggi storici realmente esistiti oppure a fatti o eventi  realmente accaduti. Alcuni sono stati ben accolti dal pubblico, altri meno. Vediamo i titoli più importanti.

LADY OSCAR (1982, Italia 1), ispirato ad un evento storico Rivoluzione Francese,ha riscosso un enorme successo. La sigla è cantata da I Cavalieri del Re. Tanta la lineacollezine a lei dedicata: abito di carnevale, adesivi, album di figurine, astuccio,bambola, block notes, calendario, carta da gioco, carta da lettera, cartella, cartoline, cd, chiudilettera, ciondolo, disco, disegni da colorare, fibia, formaggini, fumetto,gioco da tavolo, libri, magliette, patatine, portachiavi, porta penne, poster, puzzle,rubrica telefonica, spille, segnalibro, vhs…

LE AVVENTURE DI MARCO POLO (1981, Videodelta), racconta la storia di Marco Polo e della sua missione. Ha riscosso un buon successo. La sigla è cantata dagli Oliver Onions. La sua lineacollezione è stata: cartolina, quaderno, disco, poster.

MICHELE STROGOFF (2004, Rai), ispirato alla storia del celebre cacciatore di orsi, non ha avuto molta fortuna. La sigla è cantata dai Cartoon Family. 

BEAN (2003, Fox Kids), ispirato al celebre attore comico muto, ha riscosso un buon successo. La sua lineacollezione è stata: cartolina, patatine, portachiavi, pupazzetto, uova di Pasqua.

MUPPET BABIES (1986, Italia 1), ispirato ai celebri pupazzi dei Muppet Show nati negli anni ’50, hanno ottenuto un buon successo. La sigla è cantata dai Muppet Babies. La loro lineacollezione è stata: adesivo, cartolina, disco, fumetto, libro, maglietta, quaderno, poster, pupazzi, puzzle, vhs…

NEW KIDS ON THE BLOCK (1994, Italia 1), ispirato ad un giovane gruppo musicale famoso negli anni ’90, è stato un flop.

PREZZEMOLO (2002, Italia 1), ispirato alla celebre mascotte drago del parco di divertimenti di Gardaland, nato alla fine degli anni ’70, ha riscosso un discreto successo. La sigla è cantata da Cristina D’Avena.

ROMA UN GRANDE IMPERO (2002, Italia 1), racconta della città di Roma, di come fu fondata e dei suoi Re. E’ stato un grande flop. La sigla è cantata da Cristina D’Avena.

RUY IL PICCOLO CID (1983, Italia 1), racconta la storia del piccolo orfano El Cid, ha riscosso un buon successo. La sigla è cantata dagli Oliver Onions. La sua lineacollezione è stata: adesivo, cartolina, disco, disegni da colorare, quaderno, segnalibro.

SIAMO FATTI COSI’ (1989, Italia 1), racconta del corpo umano, il sangue, I muscoli, il cuore, il cervello…. ha riscosso un grande successo. La sigla è cantata da Cristina D’Avena. La sua lineacollezione è stata: adesivi, album di figurine,cartolina, disco, formaggini, fumetto, gioco da tavolo, libri, quaderni, segnalibro, vhs….

SISSI LA GIOVANE IMPERATRICE (2015 Boing), racconta la storia della imperatrice D’Austria Elisabetta, ha riscosso un discreto successo. La sigla è cantata da Mimosa Campironi. Diversa la sua lineacollezione: bambola, carta da regalo, ciondolo, diario, disegni da colorare, fumetto, gioielli, specchio, trucchi, uovo di Pasqua…

STALLIO E OLLIO (1981Antenna Nord), ispirato ai celeberrimi attori comici americani degli anni ’40, ha ottenuto un discreto successo. La sigla è cantata da Sabrina e Gianluca e i Piccoli Boys degli Orsi burloni. Come lineacollezione ha avuto: disco, cartolina, fumetto, patatine, portachiavi, poster, pupazzi, quaderno, vhs…

THUNDERBIRDS (1986 Italia 1), ispirato ad una serie di pupazzi, è stato un flop.

WILDE STORIES – I RACCONTI DI OSCAR WILDE (2009, Rai), ispirato ai racconti dello scrittore del 1800, non ha avuto fortuna.

GIANNI SORU

(2 – Fine)

 

 

 

 

 

 

 

 

FENOMENI / QUANDO UN PERSONAGGIO DELLA STORIA DIVENTA UN “CARTOON” (PRIMA PARTE)


STORIA PERSONAGGI E CARTONI

Guest writer: GIANNI SORU

 

Molti cartoni animati sono ispirati, sono dedicati a celebri personaggi del mondo dello spettacolo come attori o cantanti; o a personaggi storici realmente esistiti oppure a fatti o eventi  realmente accaduti. Alcuni sono stati ben accolti dal pubblico, altri meno. Vediamo i titoli più importanti.

ALEXANDERS (1999, MTV), ispirato alla storia di Alessandro Magno vissuto nell’anno 1000 A. C.. ha riscosso un discreto successo.

BARBAROSSA (1998, Rai 1), ispirato alla storia dell’imperatore del Sacro Romano impero del 1152. Non ha avuto molta fortuna. La sigla è cantata dagli Oliver Onions.

BEATLESMANIA (1981, Canale 5), ispirato al celebre gruppo musicale degli anni ’60, il cartone animato è stato un flop.

BENTORNATO TOPO GIGIO (1992, Canale 5), ispirato al pupazzo nato negli anni ’50 per la tv che ha condotto tanti programmi e inciso diverse canzoni, il cartone animato ha riscosso un grande successo, la sigla è cantata da Cristina D’Avena. Tanta la lineacollezione a lui dedicata: abito di carnevale, astuccio, carta da gioco, cartella, cartoline, ciondolo, diario, disegni da colorare, fumetti, lavagna, maglietta, orecchini, orologi, ovetti di cioccolato, pupazzi, pisolone, puzzle, quaderni, segnalibro, segnaposto, spazzolino, tappetini, timrbini, uovo di Pasqua, vhs, videogioco….

BONJOUR MARIANNE (1992, Canale 5), ispirato agli eventi accaduti dopo la Rivoluzione Francese, è stato un flop.

CALIMERO (1988, Rai), ispirato al personaggio nato negli anni ’60 per il carosello del detersivo Ava. Il cartone animato ha avuto un grande successo. La sigla è cantata da Marco Pavone ed Ignazio Colnaghi.

CALIMERO E IL PAPERO PIERO (1996 Retequattor), è la seconda serie dedicata al celebre pulcino nero, la sigla è cantata da Cristina D’Avena.

CALIMERO (2014 Rai Yo Yo), è la serie in 3D dedicata al pulcino, ha riscosso un buon successo. La sigla è cantata dal Coro dei Monelli. Tantissima la lineacollezione a lui dedicata: abito di carnevale, adesivi, album di figurine, biglietti augurali, borse, calamite, calze, cartoline, ciabatte, cicche, diari, disco, disegni da colorare, etichette, fazzoletti, fumetto, gioco da tavolo, libri, magliette, ovetti di cioccolato, patatine, pupazzi, piscina, portachiavi, portafoto, poster, pupazzi, quaderni, segnalibro, tatuaggi, timbrini, tostapane, uova di Pasqua, vhs…

C’ERA UNA VOLTA L’ UOMO (1980, Rai), ispirato agli eventi storici che hanno creato il mondo, al medioevo, fino ai giorni nostri, non ha avuto molta fortuna. La sigla è cantata da Lino Toffolo.

COM’ E’ GRANDE L’ AMERICA (1992, Italia 1), è la storia dell’America, si parla dei Maya al lago Titicaca, dalle praterie agli eschimesi… il cartone animato è stato un grande flop.

CRISTOFORO COLOMBO (1992, Canale 5), racconta della scoperta dell’America grazie al suo navigatore ed alle sue tre caravelle, è stato un grande flop. La sigla è cantata da Cristina D’Avena.

DAVY CROCKET (1997, Telemontecarlo), è la storia del giovane e mitico personaggio forte e buono che viveva nel West in difesa dei più deboli. Non ha avuto fortuna. La sigla è cantata dai Cartoon Kids.

EUREKA (2002, Rai), racconta delle invenzioni e scoperte dell’uomo come la luce, la lampadina, la radio, i francobolli, gli orologi, i pattini a rotelle, il forno a microonde, la mongolfiera etc… Non ha avuto fortuna.

FIOCCHI DI COTONE PER JEANIE (1994, Italia 1), ispirato alla guerra di Secessione americana del 1800, la lotta tra i bianchi ed i neri, non ha avuto molta fortuna. La sigla è cantata da Cristina D’Avena.

GIANNI E PINOTTO (1980, Rai), ispirato alla celebre coppia di attori americani, il cartone non ha avuto fortuna. La sigla è cantata dai Sorrisi.

GRANDI UOMINI PER GRANDI IDEE (1995, Italia 1), ispirato alle invenzioni dei grandi uomini che hanno cambiato il mondo come Galileo Galilei, Isaac Newton, Guglielmo Marconi… è stato un flop. La sigla è cantata da Cristina D’Avena.

HI HI PUFFY AMI YUMI (2005, Cartoon Network), ispirato ad un gruppo musicale giapponese, non ha avuto molta fortuna.

I CAMPIONI DEL WRESTLING (1988, Italia 7), ispirato ai campioni di lotta libera, è stato un flop.

I FANTASTICI VIAGGI DI GIULIO VERNE (2007, Rai Sat), ispirato al celebre scrittore di libri, non ha avuto molta fortuna.

I RAGAZZI DEL MUNDIAL (1994, Rai), ispirato ai mondiali di calcio degli anni ’90 non ha avuto molta fortuna.

I SUPERGLOBETROTTERS (1982, Retequattro), ispirato alla celebre squadra di pallacanestro, ha avuto un buon successo.

IL PICCOLO MOZART (2006, Rai), ispirato al celebre musicista del 1700 Wolfgang Amadeus Mozart, non ha avuto fortuna.

IL TULIPANO NERO (1984, Italia 1), ispirato sempre alla Rivoluzione Francse, ha ottenuto un grandissimo successo. La sigla è cantata da Cristina D’Avena. Ha avuto tanta lineacollezione: abito di carnevale, adesivo, album di figurine, cartoline, disco, disegni da colorare, dvd, fumetto, libro, maglietta, orologio, patatine, quaderno, poster, puzzle, quaderno, segnalibro…

ISABELLE DE PARIS (1982, Retequattro), ispirato all’evento storico della Rivoluzione Francese, non ha avuto molta fortuna. La sigla è cantata dai Rocking Horse.

JEANIE DAI LUNGHI CAPELLI (1982, Retequattro), racconta della guerra di Secessione Americana del 1800, non ha avuto molta fortuna. La sigla è cantata dai Rocking Horse.

JERRY LEWIS SHOW (1978, Rai), ispirato al celebre attore comico americano, il cartoons non ha avuto fortuna.

JULY ROSA DI BOSCO (1983, Telereporter), racconta la seconda guerra mondiale e gli eventi avvenuti nel Tirolo, non ha avuto molta fortuna.

KIDD VIDEO (1986, Retequattro), ispirato ad un gruppo musicale, non ha avuto fortuna.

L’ ALBERO DELLA VITA (1993, Rai), racconta come avviene la nascita di una vita attraverso la riproduzione sessuale, non ha avuto molta fortuna. La sigla è cantata dai Piccoli Cantori di Milano.

L’ UOMO TIGRE IL CAMPIONE (1982, Antenna 3), ispirato al celebre lottatore di Lotta Libero Uomo Tigre, ha riscosso un enorme successo. La sigla è cantata da I  Cavalieri del Re. Ha avuto tanta lineacollezione: adesivo, album di figurine, calamita, cartolina, disco, disegni da colorare, fascia, fumetto, maglietta, maschera di carnevale, orologio, patatine, polsini, portachiavi, pupazzo, segnalibro, spilla, vhs…

 LA PRINCIPESSA SISSI (1997, Rai), racconta la storia della principessa Elisabetta D’Austria di Baviera, ha ottenuto un grande successo. La sigla è cantata da Lighea. Tantissima la lineacollezione a lei dedicata: abito di carnevale, adesivi, album di figurine, astucci, bagnoschiuma, bambola, borsa, caffettiera, calendario, card, cartoline, cd, cicche, diari, fumetto, disegni da colorare, dvd, etichette, gioco da tavolo, gommine, orecchini, macchina fotografica, pallina di Natale, patatine, portafoglio, portafoto, porta gioie, poster, profumo, puzzle, quaderni, salvadanaio, scarpe, segnalibro, sottobicchieri, specchio, tatuaggi, tazzine, trasferelli, trucchi, vhs, zaini….

LA VERA STORIA DI… (1995, Junior TV), racconta di come sono nate tante elebre canzoncine che ancora si tramandano come “Tanti auguri”, “La bella Lavanderina”, “Madamadorè”, “Oh che bel castello”, “Ambarabà cicì cocò”… non ha avuto fortuna.

LE AVVENTURE DI JACKIE CHAN (2003, Rai), ispirato al celebre attore cinese esperto in arti  marziali, non ha avuto fortuna.

LEONARDO (2008, Rai), ispirato alla vita del geniale inventore Leonardo Da Vinci, non ha avuto fortuna. La sigla è cantata da Dario Vergassola.

LITTLE AMADEUS (2009, Rai), ispirato al giovane musicista Amadeus, è stato un flop.

GIANNI SORU

( 1 – CONTINUA)