FENOMENI / SOLE E LUNA: DA “DAITARN 3” A “ZAMBOT 3”


SOLE O LUNA

Guest Writer: GIANNI SORU

“DAITARN 3”

Trasmesso  nel 1980 su Milano TV ha ottenuto un enorme successo. Koros e Don Zaucker, sono dei Meganoidi costruiti dal padre di Benjo, si ribellano e vanno a rifugiarsi su Marte. Credendosi superiori agli uomini vogliono trasformarli tutti in Meganoidi. I comandanti Meganoidi possono diventare dei Megabord, robot giganti e potenti. Benjo guida la macchina Match Patrol in grado anche di volare. Al comando “Daitarn azione” va ad inserirsi nel robot.  Il Daitarn 3 è in possesso di diverse armi “Daitarn missile”, “Daitarn giavellotto”, “Daitarn cannone”, “Daitarn stella”, “Daitarn spada”… e  come arma finale “L’ attacco solare”. Aiutano Benjo contro questa guerra Garrison,  Beauty, Reika, ed  Toppy.

Tanta la linea collezione dedicata al Daitarn 3: adesivi, album di figurine, braccioli mare, calendario, carta da gioco, cartolina, ciondolo, disco, disco volante, dvd, fumetto, gioco da tavolo, giornalino da colorare, gommine, libro, maglietta, maschera di carnevale, modellino, orologio, pagina di quaderno, palloncino, patatine, felpa, portachiavi, puzzle, sagoma, salvagente, segnalibro, vhs… L’amatissima sigla tormentone è cantata dai Micronauti che l’hanno portata in classifica con ben 300 mila copie.

“Daitarn, Daitarn, Daitarn.  Daitarn, Daitarn, Daitarn. Uno per tre e tre per uno perché insieme noi usciamo sempre dai guai e difendiam la Terra dall’ombra della guerra  il nostro cuore batterà per la libertà, intrighi e i loschi piani dei mostri disumani il nostro raggio spazzerà nell’immensità.  Daitarn, Daitarn, arriva già il nemico scatta  ma tu ci sei amico Daitarn evviva Daitarn 3. Daitarn, Daitarn, per noi tu sei davvero forte per noi tu sei davvero grande evviva Daitarn 3…”

“ZAMBOT 3”

Trasmesso nel 1981 su Telereporter, ha ottenuto un buon successo. Tre ragazzini vengono chiamati per salvare la terra dagli attacchi nemici, e sono: Kappei di 12 anni, Uchuta di 14 anni, e poi Keiko di 14 anni. I tre ragazzini guideranno delle navicelle: lo Zam-Bird, diventa un robot chiamato Zambot Ace, una volta unito agli altri tre veicoli, questi diventa la parte superiore del robot Zambot; Uchuta guida lo Zam-Bull, una specie di carroarmato, questo sarà il cuore dello Zambot; e Keiko guida lo Zamb-Base unendosi queste diventano le gambe del robot. I tre ragazzi risiedono alla base King Bear. E lottano contro i mostri del perfido Gaizok. Tra le varie armi del robot ci sta “L’attacco lunare”, la più potente del robot usata come arma finale.

La linea collezione dedicata al Zambot 3 è stata: abito di carnevale, adesivo, antistress, cd, dvd, fumetto, modellino, quaderno, segnalibro, vhs… La serie TV si presenta senza una sigla italiana, nel 2013 ci penseranno i Cartoonmatti, e si piazza al 3° posto su ITunes.

“Lampi nel cielo trema la terra è giunto il tempo stanno arrivando già mostri spietati da oscuri abissi contro l’intera umanità.  La notte è scesa su questa terra la distruzione sembra ormai vicina, la vita umana qui per il nemico no alcun valore più non ha. (Zambot). Ma lassù nel cielo arriva impavido un guerriero il suo corpo di metallo splende già come un lampo vola tra le stelle tra i pianeti un eroe adesso c’è è Zambot 3. Dentro a un grande cuore tre ragazzi di valore la sua forza dall’unione nascerà il nemico è già qua lui lo sconfiggerà Zambot 3 (Zambot)…”

GIANNI SORU

FENOMENI / CARTOON: KIMBA VS SIMBA, CHI VINCE?


KIMBA VS SIMBA

Guest Writer: GIANNI SORU

“KIMBA IL LEONE BIANCO”

Andato in onda nel 1977 su Antenna Nord, ha riscosso un grandissimo successo. Leo è un bellissimo leone bianco vive nella giungla con la sua compagna Panja, ma un giorno l’uomo uccide Leo e cattura Panja, che partorirà il suo cucciolo in gabbia, una volta morta il cucciolo, che si chiamerà Kimba, vorrà tornare nella giungla in Africa a casa sua. Qui Kimba dovrà riportare l’equilibrio e la stabilità tra gli animali, e vuole che diventino amici degli esseri umani e che diventino vegetariani.

Come lineacollezione ha avuto: adesivi, cartolina, disco, disegni da colorare, fumetto, quaderno, palloncino, poster, pupazzetto, segnalibro, tessera telefonica, vhs. La bellissima e amatissima sigla è cantata dai Cavalieri del Re, che la portano in classifica con ben 200.000 copie vendute.

“Kimba Uoh uoh Kimba. Kimba Uoh uoh Kimba. La foresta nera nell’oscurità ette gran paura l’uomo bianco trema già. La nella savana ora c’è tranquillità entro ogni tanta regna la serenità.  imba il leone bianco regna ormai da tempo nella gran foresta nera. Kimba come per incanto ha fermato il tempo più nessuno ha paura. Kimba re della foresta leone di gran casta regna con giustizia vera. Kimba ogni tuo ruggito gran paura fa. Il cacciatore bianco in fuga metterà e tutta la foresta grande festa farà. Kimba Uoh uoh Kimba…”

 

IL RE LEONE

Trasmesso al cinema nel 1994. La storia è stata copiata dalla serie giapponese, modificandone leggermente il nome. Ma i disegni del Sol Levante sono stati imbattibili.

Protagonista è un giovane leoncino di nome Simba che si trova improvvisamente a dover accettare le responsabilità della vita adulta, essendo destinato a diventare il re della foresta, dopo la morte dell’amato padre. Simba s’imbatte in tanti bizzarri personaggi, tra cui una strana coppia di amici: Pumba, un facocero dal cuore d’oro, e il suo fedele compagno, lo scattante suricata Timon, che lo iniziano alla filosofia spensierata dell’Hakuna Matata, che significa ‘nessun problema’.

La famosa canzone “Il cerchio della vita” è cantata da Ivana Spagna. “Un bel giorno ti accorgi che esisti che sei parte del mondo anche tu, non per tua volontà e ti chiedi chissà siamo qui per volere di chi. Poi un raggio di sole ti abbraccia, i tuoi occhi si tingon di blu e ti basta così ogni dubbio va via, e i perché non esistono più. E’ una giostra che va questa vita che gira insieme a noi che non si ferma mai. E ogni vita lo sa che rinascerà in un fiore che fine non ha. E’ una giostra che va, questa vita che gira insieme a noi e non si ferma mai e ogni vita lo sa ce rinascerà in un fiore che fine non ha”.

Celebre è stata anche “Hakuna Matata”, che nel 1996 verrà data come sigla alla serie TV a puntate di Timon e Pumba in onda sulla Rai.

 

SIMBA E’ NATO UN RE

Andato in onda nel 1997 su Retequattro. I giapponesi ci riprovano, ma questa nuova versione sarà un grande flop. Simba è un leoncino figlio del grande Re leone Simba, vittima della tigre Shere Kahn, viene allevato da mamma lupo, tra le insidie della foresta nella speranza di governala un giorno, con le stesse saggezze del padre. Simba ha un piccolo potere magico detto Potere dell’Orsa Maggiore che lo aiuta ogni volta che si trova in difficoltà.

THE LION GUARD

Andata in onda nel 2015 su Disney Junior, non ha avuto molta fortuna. Questa serie è dedicata a Simba però da cucciolo.

Kion è il secondogenito di Simba, assieme ai suoi simpatici e strambi amici Banga, Fuli, Beshte e Ono, cercano di portare giustizia e pace tra gli animali difendendoli dai quelli cattivi.

GIANNI SORU

FENOMENI / CHAPPY E SALLY, LE DUE MAGHETTE IN CARTOON


LE 2 MAGHETTE

Guest Writer: GIANNI SORU

Molto simili nell’aspetto e nella storia, ecco due serie di cartoon di magia che hanno avuto un grandissimo successo.

“SALLY LA MAGA”

Andato in onda nel 1981 su Antenna Nord, ha riscosso un grandissimo successo. Sally è una maga di 10 anni, curiosa di conoscere gli umani, arriva sulla Terra dal regno della magia assieme a suo fratellino Cabù. Il padre di Sally, Re del regno magico è contrario, mentre la madre, la fata del regno magico, è più comprensiva. Arrivata sulla terra Sallyfarà amicizia con 2 bambine e userà la magia solo per aiutare il prossimo, per farlo le basta muovere la mani o strizzare l’occhio.

La lineacollezione di Sally la maga è stata: adesivo, bambola, card, carta da lettera, cartolina, disco, disegni da colorare, fumetto, maschera di carnevale, patatine, portachiavi, poster, puzzle, quaderno, segnalibro…

La sigla di testa “Sally sì Sally ma” molto cantata è interpretata dai The Witch, è entrata in classifica con 200.000 copie vendute.

“Vogliamo, vogliamo, vogliamo una magia, che i brutti e i cattivi li porti tutti via. Se, se, se, se, se, se se, se, se, Sally odia tutte le bugie. Se, se, se, se, se, se, se, se, se, Sally fa i capricci e vola via. Se, se, se, se, se, se, se, se, se, Sally non vuole monellerie solo ai bimbi buoni fa magie. Sally sì, Sally ma, Sally forse chissà Sally resta qua. Sally sì, Sally ma, Sally forse chissà Sally resta qua…”

La sigla di coda “Maghetta Sally”, è cantata dai Piccoli Cantori di Niny Comolli.

“Vola su in cielo vola vola vola vola vola va. Vola su in cielo vola vola vola vola vola va. Sally maghetta Sally dal regno delle fate vieni a scuola quaggiù Sally e Kabù, ne fate sempre di più ma fra uno scherzo e l’altro imparerete di più. Lassù c’è sempre mago papà.  Lassù c’è pure fata mamma. Sally che fai Kabù cosa fai cambiare il mondo non potrai…”

 “CHAPPY”

Andato in onda nel 1983 su Italia 1, ha riscosso un grandissimo successo. Chappy a 8 anni, curiosa di conoscere gli umani, giunge sulla Terra dal paese di Magilandia, assieme al suo fratellino Giuno. Il padre di Sally, un potente stregone, la tiene sotto’occhio, mentre la madre è più dolce e meno opprimente. Il nonno e la nonna di Chappy invece sono divertiti per la decisione presa dalla piccola. Chappy farà amicizia con 2 bambine e farà magie solo per aiutare il prossimo, e lo fa utilizzando la bacchetta magica che le ha regalato il nonno e pronunciando la parola magica “Magolamagamagia”.

La lineacollezione dedicata a Chappy è stata: adesivo, bambola, card, carta da lettera, cartolina, disco, disegni da colorare, maschera di carnevale, patatine, pallone, portachiavi, puzzle, quaderno, segnalibro, vhs… La sigla tormentone è cantata dai Cavalieri del Re, ed entra in classifica con 120.000 copie.

Piccola Chappy. Piccola Chappy. Da Magilandia quinta dimensione blu, con tocco di magia è giunta fin quaggiù la maga Chappy (Chappy quando fa magia). Piccola Chappy (Chappy ha grande fantasia). La vita sulla terra non la stanca mai, lei si diverte un mondo con gli amici suoi la maga Chappy (Chappy quando fa magia). Piccola Chappy (Chappy ha grande fantasia). Ma in una notte fredda e scura scende una bufera non si canta più. Nel bosco c’è una strega nera che fa gran paura Chappy aiuta tu. La strega è solo fantasia con Magolamagamagia, la sua bacchetta magica non sbaglia mai con grande abilità lei scaccia tutti i guai la maga Chappy (Chappy quando fa magie) Piccola Chappy (Chappy ha grande fantasia)…

GIANNI SORU

FENOMENI / ECCO I 2 MAZINGA: IL “GRANDE” E LO “Z”


i due mazinga

GUEST WRITER: GIANNI SORU

IL GRANDE MAZINGA

Andato in onda nel 1979 su Telelombradia, ha riscosso un enorme successo. Tetsuja e Shun risiedono presso la Fortezza della Scienza del professor Cabuto. Tetsuya guida la navicella Brian Condor che si aggancia al potente robot Mazinga in possesso di tante potenti armi come: ‘Doppio fulmine, missile laser’, ‘Pugni atomici’, ‘Spada diabolica’, ‘Raggio Gamma’, ‘Grande Boomerang’… Lotta con l’aiuto del robot Venus e di Boss Robot contro l’Impero di Micene, il Generale Nero ed i suoi terribili robot.

Tantissima la lineacollezione uscita: adesivi, album di figurine, astucci, brioche, calamite, cappelli, caramelle, card, cartelle, cartoline, cicche, poster, diario, disco, giornalino con fumetto, giornalino da colorare, giornalino giochi, gioco da tavolo, gommine, libri, magliette, maschera di carnevale, modellini, pallone, patatine, portachiavi, poster, puzzle, quaderni, quadretti, sagome, segnalibro, tatuaggi, trasferelli, uova di Pasqua, videocassette…

La sigla tormentone è cantata dai Superobots, che arrivò in top-ten con 600.000 copie vendute.

“Mazinga. Mazinga. Mazinga. Trema il regno delle Tenebre del Male, dalla Fortezza della Scienza arriva, con i suoi pugni atomici Mazinga, robot. Mazinga, robot. Vola si tuffa dalle stelle giù in picchiata, se sei il nemico prega è già finita, la morte batte i denti c’è Mazinga robot. Mazinga  (braccia rotanti). Mazinga, (doppio laser) robot. Mazinga (bocca di fuoco) robot. Ha la mente di Tetsuya ma tutto il resto fa da se, non conosce la paura ne sa il dolore che cos’è, lotta, cade, si rialza sempre vincerà. Mazinga Robot. Mazinga (raggi fotonici) robot. Mazinga (lama del diavolo) robot. Mazinga, (doppio boomerang) robot…”

MAZINGA Z

In onda nel 1980 su Rai 1, ha riscosso un enorme successo. Ryo Kabuto e Saiaka risiedono presso l’Istituto di Ricerca Fotoatomica, del professor Yumi. Rio guida una navicella Aliante Slittante che si va ad agganciare nella testa del robot Mazinga, costruito con l’indistruttibile lega Z in possesso di potentissime armi come ‘Pugni a razzo’, ‘Raggio Fotonico’, ‘Raggio Termico’, ‘Raggio Ciclonico’… E’ aiutata dal robot Afrodite A e da Boss Robot contro la lotta i Mostri Meccanici del Dottor Inferno.

Tantissima la sua lineacollezione: accendini, adesivi, album da disegno, album di figurine (ben 2), bicchieri, brioche, calamite, calendari, cappelli, caramelle, card, cartella, cartoline, cicche fibia, ciondolo, diario, gelato, gioco da tavolo, giornalino con fumetto, giornalino da colorare, giornalino giochi, giostra luna Park, gommine, matite, libri, magliette, maschera di carnevale, modellini, orologi, pallone, patatine, pistola, portachiavi, poster, puzzle, quaderni, quadretti, salvagente, segnalibro, spilla, tatuaggi, trasferelli, videocassette…

La sigla cantatissima è interpretata dai Galaxy Group che l’hanno portata in classifica con 300.000 copie vendute.

“Quando udrai un fragor a mille decibel, su dal ciel piomberà Mazinger. Veloce e distruttore come un lampo non da scampo, odia la paura non conosce la pietà. Alto la falsità fermati malvagità su di voi avvoltoi c’è Mazinger. C’è Mazinger si. Con gli occhi può incendiare un’astronave che va….”

GIANNI SORU

FENOMENI / TUTTO SU “GLI GNOMI IN TV”


GNOMI IN TV

GUEST WRITER: GIANNI SORU

“GLI GNOMI DELLE MONTAGNE”

Andato in onda nel 1981 su Antenna 3 ha riscosso un buon successo. Tobor, Airin e Sorriso sono tre gnomi, hanno piedi ed orecchie grosse e sono velocissimi. Scendono dalla montagna e vanno in un paese a cercare come amico un essere umano. Il compito degli gnomi è quello di fare dispetti, ma loro hanno deciso di fare il contrario. Conoscono Scrapper e ne diventano subito amici, ma il bimbo non dovrà dire a nessuno della loro esistenza.

La lineacollezione degli gnomi delle montagne è stata: adesivo, cartolina, disco, disegni da colorare, pagina di quaderno, segnalibro, videocassetta. “Ieh, ieh, ieh, ieh, ieh, ieh, ieh, ieh. Ieh, ieh, ieh, ieh, ieh, ieh, ieh, ieh. Uno gnomo sai cos’è (cos’è? Cos’è?). una micro identità (Ma va). Non vive tra i robot (oibò. Oibò). Per questo piace a me, a me, a me. Ieh, ieh, ieh, ieh, ieh. Gli gnomi delle montagne (alti) tre soldi e due spanne (le case) di micro castagne. E quando piove ogni goccia a loro sembra una doccia ed un sassetto una roccia. Con un fantastico treno (le rotaie) di aghi di pino (e i vagoni) di biancospino. E come destinazione una graziosa stazione il mondo delle persone. Ieh, ieh, ieh, ieh, ieh, ieh, ieh. Ieh, ieh, ieh, ieh, ieh, ieh, ieh, ieh…”

 

“DAVID GNOMO AMICO MIO”

Andato in onda nel 1986 su Italia 1 ha riscosso un grande successo. Nel bosco vivono gli gnomi, alti 15 centimetri, hanno più di 400 anni, hanno tutti un cappello a punta, e vivono in caverne sotterranee site dentro agli alberi e si salutano strofinandosi il naso. David è un medico che cura gli animali, è sposato con Lisa ed hanno due figli. David si muove a bordo di una volte rossa di nome Swift. Nemici degli gnomi sono i Trolls.

La lineacollezione di David gnomo è stata: abito di carnevale, adesivi, album di figurine, cartoline, diari, disco, disegni da colorare, fascioli, formaggini, fumetto, gioco da tavolo, giornalino da colorare, libri, magliette, orologi, pagina di quaderno, pupazzetti, segnalibro, spille, uova di Pasqua, Videocassette…

La sigla è cantata da Cristina D’Avena.

“Un cappello a punta hai (David gnomo amico mio). E felice nel bosco stai (David gnomo amico mio). Le tue gote son grosse e rosse, ed il naso è un po’ all’insù, porti sempre una giacca blu (David gnomo amico mio). Nei miei occhi tu legger sai (David gnomo amico mio). Come fai non racconti mai (David gnomo amico mio). Sotto gli alberi fai la casa, ed un grillo di guardia hai tu. Gli anni tuoi son duecento e più (David gnomo amico mio). David gnomo, David amico mio. Sei tu il migliore amico che ci sia. David gnomo, David amico mio. Sei forte e sei leale e porti sempre l’allegria. David gnomo. David amico mio. Tu sei il migliore amico che ci sia”.

 

“VIAGGIAMO CON BENJAMIN”

Andato in onda nel 1988 su Italia 1, ha riscosso un discreto successo. Benjamin è uno gnomo dalla barba lunga bianca, gira il mondo a dorso di un’oca in qualità di giudice di pace, cerca di risolvere i problemi che ci sono tra gli stessi gnomi o tra gli esseri umani.

La lineacollezione di Benjamin è stata: adesivi, album di figurine, cartolina, disco, libri, disegni da colorare, formaggini, fumetto, pagina di quaderno…

La sigla è cantata da Cristiana D’Avena. “Per il mondo va Benjamin qua e la, da un continente all’altro viaggerà. Sempre vincerà le difficoltà, è molto saggio e scaltro riuscirà. Assieme a Benjamin viaggiamo noi, incontreremo tanti nuovi amici andremo dove vuoi. Sopra i monti voleremo, mari e fiumi solcheremo, sempre assieme viaggeremo Benjamin. Tanti amici incontreremo, tutti insieme rideremo, certo ci divertiremo Benjamin. Assieme a Benjamin viaggiamo noi, incontreremo tanti nuovi amici andremo dove vuoi…”.

 

“NEL MERAVIGLIOSO MONDO DEGLI GNOMI”

Andato in onda nel 1998 su Italia 1 è stato un grande flop. David è uno gnomo saggio, viene nominato con il titolo di Regio Cavaliere dell’ambiente dal Re della comunità degli gnomi, e con l’aiuto del nipote salva gli animali in via d’estinzione. La sigla è cantata da Cristina D’Avena.

GIANNI SORU

 

 

 

 

FENOMENI / 1990-2020: CARTONI ANIMATI CHE HANNO TRENT’ANNI


1990-2020

Guest Writer: GIANNI SORU

Nel mese di gennaio 1990: “Cara dolce Kioko” (Junior TV): La Maison Ikkou è una casa locanda dove vi risiedono degli inquilini, proprietaria è una bella e giovane ragazza di nome Kioko Otonashi  rimasta vedova. Godai è lo studente squattrinato più giovane di Kioko innamorato di Kioko.

“Capitan Gorilla” (Odeon TV): Capitan Chance è il comandante della squadra Gorilla Force una volta assassinato farà trasferire la sua memoria dentro ad un computer. 5 ragazzi al suo servizio guideranno dei veicoli da combattimento che unendosi formano un robot e diventano i paladini della Terra.

“Bobobobs” (Italia 1): Nella galassia viaggia la navicella spaziale Bobular, con a bordo I Bobobobs, piccoli esseri umani, Il capitano parte con tutto il suo equipaggio verso la terra perché ha ricevuto un segnale di pericolo. I Bobobos nello spazio sono di casa: ne conoscono tutti i segreti ed hanno anche quei poteri magici che ci aiuteranno ad attraversarlo.

Nel mese di marzo “Zero in condotta” (Italia 1): Archie, Mostarda, Maciste, Betty, Veronica, Reggie sono dei ragazzini che frequentano le scuole elementari, hanno tutti un carattere completamente diverso, ma a scuola si scatenano, facendo disperare insegnanti e preside.

“I 5 samurai” (Italia 7): Ryo Sanada il fuoco, Shido la terra, Sami la luce, Simo l’acqua, Kimo il cielo sono 5 ragazzi che indossando le loro armature da samurai colorate lottano contro i demoni di Argo che vogliono dominare il pianeta Terra.

Nel mese di aprile “I Cavalieri dello zodiaco” (Odeon TV): Lady Isabel è la reincarnazione della dea Atena, verrà seguita e protetta dai 5 cavalieri dalle armi potenti: Pegasus, Dragone, Cristal il cigno, Andromeda e Phoenix. Andranno nelle 12 case ed affronteranno i 12 segni d’ oro e poi i Cavalieri Neri.

“Robocop” (Odeon TV): nella metropoli di Detroid la malavita prende sempre più piede, interviene così Robocop, un uomo diventato un robot indistruttibile che difende la città come poliziotto con tanto di pistola.

Nel mese di maggio “Teddy Ruxpin” (Italia 1): Teddy Ruxpin è un orsetto che vive sull’isola di Rillonia, ha un medaglione con su scritto un’incisione che dice “Solo uno  puro spirito può trovare il tesoro della conoscenza”, è convinto che nasconda un segreto ed intraprende un viaggio assieme a 2 amici.

Nel mese di luglio “Lilly un guaio tira l’altro” (Italia 1): Mirtilla sta guardando un libro qui vede una ragazza di  nome Lilly che le chiede di liberarla. Lilly è una strega e una volta libera promette a Mirtilla di esserle amica e di aiutarla tutte le volte che ne avrà bisogno.

Nel mese di agosto “Tuttifrutti” (Junior TV): Circondato dalla giungla tropicale sorge un enorme vulcano, qui piante e frutti vivono in serenità, ma un giorno il vulcano comincia a brontolare così i fruttini capiscono che è ora di andare via, mandano in esplorazione tre fruttini che dovranno andare alla ricerca di un altro posto sicuro.

“Kate and July” (Odeon TV): Anno 2141, la polizia chiede aiuto alle due bellissime, agili e furbe investigatrici Kate e Julie,  conosciute con il nome di  ‘Dirty Pair’, ma il loro nome in codice è ‘Lovely Angels’, abilissime nel combattere contro il crimine.

Nel mese di settembre “Tommy la stella dei Giants” (Italia 7): Tommy Young è un bambino con la passione per il baseball. Grazie ad un allenatore entrerà a far parte della storica squadra dei Giants. Tommy, tra varie partite e rivali, riuscirà a diventare il miglior giocatore di baseball realizzando anche tiri micidiali.

“Niente paura c’è Alfred” (Italia 1): due paperelle si innamorano ed avranno dei cuccioli. Ma il luogo dove abitano verrà distrutto per costruirci sopra un parco di divertimento, durante la loro fuga perdono un uovo. Nasce il piccolo Alfred, che verrà allevato dalla talpa Enrico.

Nel mese di novembre “Babar” (Rai 2): il piccolo elefantino Babar rimane orfani dei genitori, verrà allevato dall’anziana Madame. Una volta cresciuto Babar fonderà la città di Celestopoli, in onore a sua moglie, ed avranno 3 figli. Ogni giorno racconta loro le sue avventure di quando era piccolo.

GIANNI SORU

FENOMENI / LE “PICCOLE DONNE” IN VERSIONE CARTOON


LE 4 PICCOLE DONNE

Guest Writer: GIANNI SORU

“Piccole Donne” è un racconto del 1868 di Louisa Alcott e ha ispirato una dozzina di film.

“PICCOLE DONNE”

Serie giapponese, trasmesso nel 1982 su Canale 5, ha ottenuto un buon successo. Durante la guerra di Secessione tra bianche e neri in America vivono le quattro sorelle  March: Meg la più grande, Jo  un maschiaccio vuole diventare una scrittrice, Beth la ragazza più dolce e sensibile le piace suonare il pianoforte ed Emi la più piccola. Vivono con la madre e la loro governante Anna; il loro papà è partito per la guerra. La famiglia March conoscerà la zia, mamma del loro papà, una vecchia molto ricca che non le apprezza perché suo figlio ha sposato una persona di bassa borghesia.

La lineacollezione delle Piccole donne è stato: adesivo, cartolina, disco, pagina di quaderno, segnalibro, videocassetta. La sigla è cantata da Cristina D’Avena. “Se prendi un pesciolino nella rete lascialo andare. Se prendi un uccellino piccolino fallo volare.  Se prendi una farfalla sopra a un fiore lasciala andare. Se vedi un lumachino in mezzo al prato non lo schiacciare. Tutti abbiamo un cuore per vivere nel mondo. Tutti abbiamo un cuore d’oro oppur d’argento per cantare al vento in libertà. Ogni cuore batte per il voler di Dio. Ogni cuore batte come batte il mio per cantare al vento in libertà. Canto alla luna e al sole all’acqua ed alle viole pure son le parole per cantar la libertà. Canto alle stelle e al mare canti chi vuol cantare tante son le parole per cantar la libertà…”

“UNA PER TUTTE TUTTE PER UNA”

Produzione giapponese, trasmesso nel 1988 su Italia 1, ha ottenuto un buon successo. Siamo in Pennsylvania, in America, la famiglia March, è composta da mamma Mary, dal marito, partito per la guerra, e da quattro figlie, Meg, 16 anni è la  più grande, aiuta la madre a portare avanti la famiglia fa l’istitutrice presso la famiglia King; Jo ha 15 anni e sogna di diventare una scrittrice e con l’aiuto del suo amico Anthony riuscirà a pubblicare un suo libro; Beth ha 13 anni, è moto timida, le piace suonare il piano; ed Emy la più piccola è sempre allegra e vivace. Le quattro sorelle faranno amicizia con Laurie nipote del signore Lawrence, loro nuovi vicini di casa. La lineacollezione di Una per tutte tutte per una è stata: adesivo, album di figurine, cartolina, disco, disegni da colorare, fumetto, libro, pagina di quaderno, poster, segnalibro, videocassetta. La sigla è cantata da Cristina D’Avena.

“Quattro sorelline che sono qui con me con te quattro amiche sempre con noi. Quattro amiche quattro stili quattro animi gentili tipe in gamba si come noi. Certe volte nasce qualche bisticcio ma in un attimo è finito di già. L’allegria ritornerà niente mai ci separerà ah ah ah.  Tutte per una, una per tutte, vieni anche tu e saremo una in più. Una per tutte, tutte per una, chi arriverà ben venuto sarà. Tutte per una, una per tutte, vieni anche tu e saremo una in più. Una per tutte, tutte per una chi arriverà ben venuto sarà…”

 GIANNI SORU

FENOMENI / QUALI SONO I 120 CD PIU’ BELLI CON LE SIGLE TV?


LIBRO I 120 CD PIU BELLI DELLE SIGLE

Nel quarto libro pubblicato quest’anno da Gianni Soru, intitolato “I 120 LP PIU’ BELLI DELLE SIGLE”, troveremo tutti quei Compact Disc che raccolgono le sigle più belle dei cartoni animati, di ieri e di oggi legati a programmi tv, film e telefilm. Nel libro le copertine dei CD, le case discografiche, le annate di pubblicazione, lista titoli contenuti, nomi interpreti, descrizione copertine e vendite.

I CD della BMG sono: “Bimbo Hits”, “Mamma ho perso la compilation”, “Telericordi”, “Mega Cartoons”, “I Cartonissimi”, “I Fantastici Cartoons”, “Le Supecalifragi”, “Disco Baby”, “Pinocchio perché no?”… RTI produce “Pokemon e Dragon Ball dance compilation”, “Cart-1”, “Wonder Girls”, “Che magia!”, “Super Stars”, “Boing Music Compilation”, “Oltre i cieli dell’avventura”, “Le sigle originali di dei cartoni di Italia 1”… La Walt Disney Records sforna “Il magico mondo di Walt Disney”, “Tutto Disney”, “Principesse le più belle canzoni”, “Dance Junior Disney Party”… L’Universal lancia “Baby Party” e “One Shot”; la Warner propone “Ufo robot e co.”, “I grandi successi della TV”, “I grandi successi dei cartoni animati”, “Tutto sigle e cartoni TV”; Rai Trade propone quelli di “L’albero azzurro”, “Random Robot”, “Le sigle di papà”; la Meeting ha pubblicato “Le sigle d’oro”; La Duck Record crea “Super sigle TV”; la Storm Movie lancia “Stormlandia” etc…

Escono anche le raccolte dei singoli interpreti “Douglas Meakin”, “Fratelli Balestra”, “Giorgio Vanni”, “Heather Parisi”, “I Cavalieri del Re”, “Lorella Cuccarini”, “Loretta Goggi”, “Mina”, “Nico Fidenco”, “Oliver Onions”, “Raffaella Carrà”, “Rita Pavone”, “Sandra Mondaini”… Poi ci sono i monografici dedicati ad un solo personaggio di “La Bella e la Bestia”, “Nightmare before Christmas”, “Il Re leone”, “Toy story”; “Cristalli petali e misteri per Sailor Moon”, “La Principessa Sissi”, “The Master Saga”, “Mermaid Melody”, “Kilary”, “Teen Days”, “Puffi che passione”, “Frozen”, “Masha e Orso”…

Oggi molti di questi prodotti si potevano trovare allegate alle riviste come Japan Magazine (“JM Compilation”), TV Sorrisi e Canzoni (“Le grandi sigle”, “Winx Club”), Donna Moderna (“Cartoon Parade”), Colori (“Il diario di Peppa”)…; oppure in edicola “Band in Italy”, “Bim Bum Bam”, “La casa di Topolino”, “Kilary”, “Hello Kitty” etc. Il tutto viene presentato in ordine di uscita con il più venduto.

FENOMENI / 1989-2019 : TRENT’ANNI TRA I CARTONI ANIMATI


1989-2019

Guest Writer: GIANNI SORU

Nel mese di gennaio “Milly un giorno dopo l’altro” (Italia 1): Milly perde la madre e va a vivere a Londra assieme al padre, la matrigna con i due pestiferi figli e la sorellastra Sara, avuta dal matrimonio precedente e con cui nacserà una bellissima amicizia.

“D’Artagnan e i moschettieri del re” (Italia 1): giunto a Parigi vuole entrare a far parte dei tre moschettieri del Re assieme ad Athos, Portos ed Aramis. Suo inseparabile amico l’orfanello Jean, D’Artagnan si innamora di Costance, amica fedele della Regina. Ma la perfida Milady trama alle loro spalle.

“E’ quasi magia Johnny” (Italia 1): vive in Giappone con il padre e le sue due sorelle Manuela e Simona. Tutti loro hanno dei superpoteri, con la telecinesi possono spostarsi da un luogo all’altro o far muovere gli oggetti. Johnny a scuola si innamora della bella Sabrina, ma è corteggiato da Tinetta.

Nel mese di febbraio “I rangers delle galassie” (Italia 7): Zac, Fox e Zozo, e Alice sono i rangers che sorvegliano il sistema galattico, viaggiano a bordo di navicelle spaziali. Devono liberare la scienziata Audra che è stata attaccata dai Macross e fatta prigioniera.

“Siamo fati così” (Italia 1):  qui viene spiegato come funziona il corpo umano: il sangue, l’ossigeno, i globuli bianchi, i globuli rossi, le piastrine, i neuroni, l’udito, la vista, il tatto, l’olfatto il gusto, le articolazioni…

Nel mese di marzo “Fantazoo” (Odeon TV): Alvaro è una mucca che parla e che vive in una casa con tutti i confort delle persone. Sua migliore amica la tartaruga Camilla che parla con accento toscano. Alvaro passa le sue giornate a fare i lavori di casa in maniera molto divertente utilizzando gli altri animali.

Nel mese di aprile “Questa allegra gioventù” (Italia 1): la liceale Marina, va a trasferirsi a casa della zia Marisa, che decide di trasformare casa sua in un alloggio per studenti, qui la ragazza farà amicizia con quattro ragazzi suoi coetanei e sono: Ennio, Mimmo, Giudone e Ricky. Cosa accomuna tutti loro è il gioco del baseball.

Nel mese di luglio “L’allegro mondo di Talpilandia” (Odeon TV): Mocky è il capitano dell’esercito delle talpe, e con sua sorella Sweet, vogliono continuare la missione di mamma e papà che non ci sono più; ovvero fare cessare le guerre portando il Seme della vita.

Nel mese di settembre “Piccolo Lord” (Italia 1): Cedric ha 7 anni, perde il papà e vive con la madre a New York. Un giorno riceve un avviso che gli comunica di essere l’unico erede del nonno severo, un conte ricchissimo che vive in un castello in Inghilterra, ed è lì che dovrà andare a vivere.

”Conte Dacula” (Italia 1): in un tetro castello della Transilvania, vive il buffo conte Dacula, un papero, che però si nutre di succo di pomodoro e non di sangue. A dargli la caccia è l’oca Von Krapotten. Dacula si può spostare in un batter d’occhio dove vuole con tutto il suo castello.

“Ti voglio bene Denver” (Italia 1): 4 ragazzi trovano ujn giorno un enorme uovo di dinosauro, da qui esce Denver, l’ultimo dinosauro che sa dire solo “Oh mamma saura”, oppure “Per tutti i fossili”. A Denver piace molto la musica ed impara a suonare la chitarra.

Nel mese di ottobre “A tutto gas” (Italia 7): Marco, Ivano e Luca arrivano in una località di mare. Il loro sogno è quello di poter vincere il Gran Premio automobilistico. Faranno amicizia con altri 3 ragazzi, gestiranno un’officina ed insieme parteciperanno ai vari rallie.

“Motori in pista” (Italia 7): Patrick, orfano di madre, non va molto d’accordo con il padre. Decide di andare a Tokyo per poter realizzare il suo sogno, ovvero diventare un pilota di Formula 1.

Nel mese di ottobre “Il mio amico Guz” (Odeon TV): Guzura è un buffo draghetto rosa uscito da un uovo, ha un corno sul naso ed un cappellino sulla testa. E’ un divoratore di metalli, e farà amicizia con un bambino.

“Reporter blues” (Rai 1): Francia negli anni 20 a Maulins Antonietta, detta Tony, è una giovane ragazza dai capelli rossi, fa la giornalista, ama suonare il saxofono ed a tempo perso le piace fare la detective. Suo grande nemico la ladra Madame Lapel abilissima nei travestimenti.

“Dragon Ball” (Junior TV): Bulma è alla ricerca delle 7 sfere del dragone, avendole tutte potrà esprimere un desiderio. Incontra Goku, un ragazzino con la coda, che può volare su di una nuvola, insieme, tra mille duelli, intraprendono assieme questo viaggio.

“Kissy Fur” (Rai 2): Kissy Fur è un orsetto scappato dal circo assieme al suo papà Gus. Andranno ad abitare in una laguna conquistando tutti i suoi abitanti grazie alla loro bravura come circensi. Loro nemici due alligatori che vogliono mangiare i cuccioli.

“Tartarughe ninja alla riscossa” (Italia 7): Quattro piccole tartarughe subiscono una trasformazione genetica. Michelangelo, Donatello, Raffaello e Leonardo, amanti di pizza, diventano espertissimi nelle arti marziali. Guidati dal topo Splinter, affrontano il malvagio Shredder.

GIANNI SORU

 

FENOMENI / I VIDEOGIOCHI CHE DIVENTANO CARTOON TRA TOP E FLOP


VIDEOGIOCHI E CARTOONS

GUEST WRITER: GIANNI SORU

Anche i videogiochi, famosi e non, sono diventati dei cartoni animati a puntate. Alcuni famosissimi, altri meno, ma non tutte le serie tv però hanno avuto fortuna.

BLUE DRAGON (2009, Italia 1), ha ottenuto un buon successo, la sigla è cantata da Giorgio Vanni. La sua lineacollezione è stata: album di figurine, astuccio, bolle di sapone, brioche, calamite, card, cartoline, dairi, grembiuli, lamicard, magliette, panettone, pendagli, pupazzi, segnalibri, succhi di frutta, uova di Pasqua, zaini…

DEVICHIL (2005, Italian Television), è stato un flop.

DRAGON QUEST (1998, JTV TV), non ha avuto molta fortuna

DUNGEONS AND DRAGONS (1986, Italia 1), è stato un flop.

KIRBY (2006, Italia 1), non ha avuto molta fortuna. La sigla è cantata da Cristina D’Avena.

MEGAMAN  WARRIOR (2005, Italian Television), è stato un flop.

PAC MAN (1985, Rai), ha avuto un discreto successo. La sigla è cantata da Paki. Negli anni 2000 avrà anche una serie in 3D dal titolo PAC MAN AVVENTURE MOSTRUOSE.

La sua linea collezione è stata: bicchieri, calcolatrice, cartella, cartolina, disco, fumetto, libri, magliette, matite, orologi, penne, piatti, poster, pupazzi, quaderni, salvadanai, sveglie, tovagliette, tuta, valigette…

POPOLOCROIS (2004, Rai), è stato un flop.

SONIC (1994, Italia 1), non ha avuto molta fortuna. La sigla è cantata da Cristina D’Avena. La sua lineacollezione è stata: album di figurine, ovetti di cioccolato, palline, patatine, pistole, portachiavi, pupazzi, trottola, uova di Pasqua, vhs…

STREET FIGHTER II (1997, Junior TV), ha avuto un buon successo. La sigla è cantata dai Dhamm. La sua lineacollezione è stata: adesivi, album di figurine, card, cartoline, fumetto, orologi, pupazzi, segnalibri, vhs…

SUPER MARIO (1990, Italia 1), non ha avuto molta fortuna. La sigla è cantata da Cristina D’Avena. La sua lineacollezione è stata: adesivi, astucuci, bibita, cappelli, caramelle, diari, giostra Luna Park, guanti, lego, magliette, orologi, ovetti di cioccolato, patatine, pendagli, pupazzi, quaderni, scarpe, uova di Pasqua, vhs, zaini…

UN REGNO MAGICO PER ZELDA (1990, Italia 1), è stato un grande flop. La sigla è cantata da Cristina D’Avena.

UNA SPADA PER UN CAVALIERE (1985, Italia 1), è stato un flop.

VIRTUAL FIGTHER (1997, Junior TV), ha riscosso un buon successo. La sigla è cantata da Massimo Dorati.

GIANNI SORU