IN ARRIVO LA SETTIMANA DELLA DISLESSIA (2-8 OTTOBRE): L’ORIGINALE CONTRIBUTO DE “LAMIAGENDA 2017/18”


 

Anche un diario scolastico può aiutare chi vive forme di dislessia. E’ il caso de “LamiAgenda 2017/18” che, per abbattere le barriere della difficoltà nella lettura, ha scelto di essere stampata tutta in Easy Reading, il carattere di alta leggibilità, riconosciuto a livello internazionale. Ne abbiamo parlato anche su questo sito:

https://okayscuola.wordpress.com/2017/04/10/arriva-il-diario-scolastico-che-rivoluzionera-il-linguaggio-dei-diari-scolastici-anche-con-il-carattere-easy-reading/

Ora, dal 2 all’8 di ottobre 2017 si terrà, in tutta Italia, la seconda edizione della Settimana Nazionale della Dislessia, promossa da AID, Associazione Italiana Dislessia – che da 20 anni si impegna ad accrescere la consapevolezza e la sensibilità nei confronti dei DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento).
Obiettivo della Settimana Nazionale della Dislessia 2017 è mettere al centro di tutte le attività gli stessi ragazzi DSA, rendendoli i protagonisti dell’evento, attraverso molteplici iniziative rivolte a loro e alle loro famiglie.
L’iniziativa prevede un articolato programma che include circa 400 iniziative di informazione e sensibilizzazione in 80 province italiane. 300 inoltre gli enti pubblici e le istituzioni scolastiche coinvolte come partner dell’iniziativa, in tutta la Penisola.
Quest’anno l’evento si propone di mettere in luce le potenzialità dei bambini e dei ragazzi con DSA, piuttosto che le loro difficoltà. Infatti, i ragazzi DSA hanno un diverso modo di apprendere e per loro sono necessarie strategie differenti rispetto a quelle usate canonicamente. Comprendere le loro difficoltà e il loro modo di pensare, creativo e divergente, permette di trovare nuove risorse e di fare la differenza, nel percorso verso l’inclusione e il successo scolastico e lavorativo. Da qui l’idea di leggere l’acronimo che identifica i Disturbi Specifici dell’Apprendimento, DSA, da un altro punto di vista: “DSA? Diverse Strategie di Apprendimento” – Conoscerle per fare la differenza.
Anche quest’anno la Settimana Nazionale della Dislessia si terrà in concomitanza con la European Dyslexia Awareness Week, promossa dalla European Dyslexia Association (EDA).

Per maggiori informazioni sugli eventi locali, oltre che approfondire i servizi di sostegno e i progetti promossi dall’Associazione Italiana Dislessia, è possibile collegarsi al sito web http://www.aiditalia.org/ e alla pagina Facebook dell’Associazione (https://www.facebook.com/aiditalia ).

Per una donazione e per sostenere le attività dell’Associazione Italiana Dislessia: http://aiditalia.org/it/sostienici. Tutte le donazioni a favore di AID sono fiscalmente deducibili o detraibili.
AID: Associazione Italiana Dislessia ( http://www.aiditalia.org/it/ )

AID – Associazione Italiana Dislessia – nasce con la volontà di fare crescere la consapevolezza e la sensibilità verso il disturbo della dislessia evolutiva, che in Italia si stima colpisca circa 1.900.000 persone. L’Associazione conta oltre 18.000 soci e 98 sezioni attive distribuite su tutto il territorio nazionale. AID lavora per approfondire la conoscenza dei DSA e promuovere la ricerca, accrescere gli strumenti e migliorare le metodologie nella scuola, affrontare e risolvere le problematiche sociali legate ai DSA. L’Associazione è aperta ai genitori e familiari di bambini dislessici, ai dislessici adulti, agli insegnanti e ai tecnici (logopedisti, psicologi, medici).

 

Una delle pagine interne de LamiAgenda 2017/18 stampata nel carattere ad alta leggibilità Easy Reading. Come noto, il tema annuale è dedicato alla navigazione sicura e responsabile nella rete.

Annunci

BENVENUTI NEL “QUADRATO MAGICO”! TUTTI I VANTAGGI PSICO-FISICI DE “LAMIAGENDA” E DEL SUO INNOVATIVO FORMATO


18423930_1463090210420158_1076151399617312683_n (1)

Di Roberto Alborghetti
Qualche commento di meraviglia. Molta curiosità. Grande sorpresa e pure stupore. Quando abbiamo osato proporre, in questi mesi, LamiAgenda nella sua innovativa versione quadrata, accanto a chi la salutò come novità e idea significativa, ci fu chi non mancò di storcere un po’ il naso… “Ma come, tutti i diari scolastici sono rettangolari e voi fate un diario quadrato? ”. Gli interrogativi e i dubbi non mancarono. E noi a spiegare che avevano rinunciato alla solita forma rettangolare per una serie di validi motivi che una scuola avrebbe invece dovuto considerare e valutare, se non apprezzare. Come del resto hanno fatto tanti Istituti Scolastici, che ringraziamo per avere scommesso e scelto LamiAgenda, con grande entusiasmo.
Proviamo qui, pubblicamente, a elencare sinteticamente i vantaggi del nostro “diario agenda”. Ebbene sì, abbiamo scelto la forma quadrata per serie ragioni scientifiche e didattiche, che magari sfuggono quando si parla di diari scolastici. Innanzitutto ci piace sottolineare un aspetto letterario e linguistico. Se ci fate caso, espressioni gergali, proverbi e modi di dire fanno riferimento non al rettangolo, ma proprio al quadrato e ai sostantivi derivati. Il termine “quadrato”, e quanto si riferisce alla geometria del quadrato, ha originato espressioni e materia letteraria.
Ad esempio, si dice di “persona che è quadrata”, non rettangolare. Si parla di “radice quadrata”, non rettangolare. Si calcola l’elevamento “al quadrato”, non al rettangolo. Si discute di “quadratura del cerchio”, non di “rettangolatura”. E che dire del termine di “fare quadrato”, espressione che esprime senso di forza, difesa, protezione e tutela?
Per non parlare poi del “Quadrato magico” che, in enigmistica, è un gioco che consiste nel disporre nelle caselle di un quadrato parole aventi le stesse lettere o le stesse sillabe, in modo che siano leggibili sia in senso verticale che in senso orizzontale. Ed è quadrato, non rettangolo. E poi, dove mettiamo il “quadrante”? E il modo di dire “fare quadrare i conti”? Non certo si usa il termine “rettangolare”.
E ancora: c’è la parola “quadratura”, che indica equilibrio mentale, fermezza e chiarezza di principi morali. Ma tanti altri termini hanno la medesima radice, come Quadricromia, Quadrifoglio, Quadriglia, Quadrinomia, Quadrimotore. Infine, per chiudere, si dice di “Trovare la quadra”, che rimanda alla soluzione di un problema complesso.
Insomma, c’è una sociologia e un’antropologia dietro il termine “quadrato”. Vorrà dire pure qualcosa…
Poi , per LamiAgenda, la scelta della forma quadrata risponde ad una precisa motivazione di carattere optometrico e fisico. Infatti è accertato scientificamente che la forma quadrata di un diario o di un testo è quella ideale per far assumere allo stesso ragazzo una postura corretta, giusta ed equilibrata con il corpo. Fate voi stessi la prova. Se scrivete su uno spazio rettangolare, il corpo si spinge in avanti, con la conseguenza che la schiena si piega, arcuandosi. E’ un movimento automatico. Appunto, provate voi stessi. Invece non accade così con uno spazio, appunto quadrato, che non richiede al fisico lo sforzo scorretto di piegarsi in avanti.
Ma non solo. La forma quadrata consente all’occhio una visione dello spazio più armonica e gestibile. L’occhio non si spinge oltre e in avanti ed è più concentrato sull’area visiva, senza difficoltà. E’ una prospettiva di visuale che non obbliga a rotazioni o movimenti. Disegnare e lavorare su uno spazio quadrato pone il ragazzo e la ragazza in una condizione di maggiore tranquillità e di positività.
Dunque vi sono anche precisi motivi di ordine fisico se LamiAgenda ha adottato il quadrato, forma tra l’altro scelta anche da quelle associazioni, come Scuola Senza Zaino, che operano per il benessere degli alunni e per un modello innovativo di scuola. Dunque, quella quadrata è la formula migliore per garantire il benessere psico-fisico del ragazzo.
Non dimentichiamolo. Tutto questo fa la differenza qualitativa tra LamiAgenda e tutti gli altri diari scolastici. A questo proposito, va ricordato che LamiAgenda ha un altro elemento importante: l’uso del carattere EasyReading®. Sembra una banalità, ma anche il carattere, ben stampato e strutturato, gioca una parte importante.
Il carattere editoriale denominato EasyReading®, studiato ed elaborato dalla Edizioni Angolo Manzoni (designer Federico Alfonsetti), è un carattere «ad alta leggibilità» eccellente per i dislessici, ottimo per tutti. Dall’Associazione Italiana Dislessia, EasyReading® ha ricevuto “parere positivo per le sue specifiche caratteristiche grafiche che sono utili ad agevolare la lettura a chi presenta problematiche di Dislessia”. Il font è stato oggetto di due autonome ricerche scientifiche, effettuate su oltre 600 alunni della scuola primaria e secondaria, che confermano: “Statisticamente e clinicamente, il font EasyReading® è uno strumento compensativo valido per i lettori dislessici e agevolante per tutti i lettori”.
Va infine sottolineato che anche i colori, ne LamiAgenda, giocano una funzione significativa, anche nei casi delle difficoltà dislessiche. I colori de LamiAgenda non sono “piatti”, spenti, monocromatici. Sono infatti le immagini “vive” del mio progetto “Lacer/azioni”, già utilizzate con grande successo nei laboratori didattici e in attività sperimentali che hanno coinvolto anche bambini autistici e diversamente abili. Sono colori della realtà, non artificiali o realizzati in digitale!
Dunque, anche per tutto questo, LamiAgenda non è un diario qualsiasi. È uno strumento di qualità, che fa certamente la differenza sui banchi di scuola. Per non parlare del contenuto tematico, che richiederebbe un commento a parte. Riguarda infatti i temi della navigazione sicura in rete, con schede e informazioni che aiutano a prendere coscienza di questa importante realtà e dei fenomeni connessi (compreso il cyberbullismo).

Anche noi de I Quindici, abbiamo “fatto quadrato” e siamo lieti ora di condividere questo bellissimo prodotto. Benvenuti nel…quadrato magico!
Roberto Alborghetti

 

Per informazioni e contatti:
sandinipaolo@gmail.com

20170527_094537.png