“CONTEMPLAZIONI E LACER/AZIONI”: SCRITTI DI IERI E “SEGNI” DI OGGI…DA VEDERE, LEGGERE E ASCOLTARE


 

Ventisette immagini (Lacer/azioni) di Roberto Alborghetti accompagnano altrettanti pensieri, invocazioni ed aforismi scritti da Tommaso da Olera (1563-1631). “Contemplazioni e Lacer/azioni” – questo il titolo del progetto multimediale, lanciato nella circostanza della Beatificazione del “Fratello del Tirolo”, come era chiamato Tommaso Acerbis – comprende una galleria virtuale (slideshow), un album da sfogliare ed un video, condivisi sui più importanti social networks (WordPress, Facebook, YouTube, Twitter, LinkedIn, Pinterest, Google+) con migliaia di visualizzazioni: solo sulla piattaforma di WordPress gli utenti hanno superato in questi giorni quota  centomila. 

E’ la vasta platea del web, alla quale sono proposti colori e suggestioni visuali che attualizzano, con il linguaggio del “realismo astratto” di Roberto Alborghetti, gli scritti del cuore di un fratello cappuccino mistico e visionario, contemplativo sulle strade d’Europa, grande comunicatore, vissuto oltre 450 anni fa nel segno della rivoluzione di Francesco d’Assisi…

Le composizioni visuali create da Roberto Alborghetti non riproducono dipinti, e nemmeno elaborazioni grafiche realizzate al computer, ma immagini assolutamente realistiche, catturate dalla realtà, come le altre 40.000 che egli ha raccolto in tutti questi anni lungo le strade nel corso della sua ricerca-indagine sui manifesti pubblicitari strappati e decomposti e sui “segni” e sulle “crepe” (cracks) degli ambienti urbani…

Il videoclip, con la recitazione dello speaker Marco Minelli, (Station manager di Radio Kiss Kiss) dalla voce inconfondibile, dà corpo e forza ai pensieri di Tommaso da Olera, proponendosi come un singolare spazio di riflessione e di meditazione diffuso attraverso la multimedialità ed i social networks. 

Scritti di ieri, Immagini di Oggi, un’Esperienza visuale proiettata nel Futuro. Questo è “Contemplazioni e Lacer/azioni”, che porta alla luce il messaggio di solidarietà lasciato lungo le strade d’Europa da un semplice pastore di pecore diventato ambasciatore di bene e di pace. Il Centro Studi “Tommaso Acerbis”, Doriano Bendotti,Marco Daminelli e Marco Marcassoli  hanno collaborato nella realizzazione del progetto.

LA SEZIONE SPECIALE SU WORDPRESS

CONTEMPLAZIONI E LACER/AZIONI AT WORDPRESS #!

***

GUARDA IL VIDEO: UN’ESPERIENZA VISUALE

CONTEMPLAZIONI E LACER/AZIONI Video su YouTube

***

SFOGLIA LE PAGINE DELL’ALBUM

CONTEMPLAZIONI E LACER/AZIONI at ISSUU

PIANTE IN CASA / ARECA, UN ANGELO CUSTODE PER LA NOSTRA SALUTE


 Areca, Pianta di gennaio

Come un angelo custode vigila sul tuo benessere. Si accontenta solo quando sprizzerai salute da tutti i pori. L’Areca è una vera e propria tipa materna perché non chiede praticamente nulla in cambio. Giustamente questa palma è stata eletta a Pianta da Appartamento di gennaio.

Palma di Betel, palma dai frutti d’oro, palma pennuta, questi sono i nomi con cui indichiamo comunemente l’Areca. Quest’ultimo nome volgare riferisce alla somiglianza del modo di crescita delle foglie alle ali spalancate di un meraviglioso uccello esotico. Al contrario di molte altre specie di palma, che si sviluppano da un fusto ingrossato, le foglie dell’Areca sono portate da singoli steli che crescono direttamente dalla terra. Quando si trova a suo agio a casa tua, l’Areca produrrà nuovi steli e avrà la vegetazione sempre più ampia. Il risultato sarà un ‘tetto pennuto’ tropicale in continua espansione.

Habitat naturale

L’aspetto tropicale dell’Areca trae origini dal suo habitat naturale, nelle umide foreste pluviali del Madagascar, dove cresce nei luoghi riparati. Insieme alle sue sorelle e a decine di altre specie di Palma forma una fitta giungla di stupende fronde verdi. 

A tutela della tua salute

Una volta che ha conquistato il suo posticino in casa tua, l’Areca si impegna fin da subito per migliorare la tua salute. Questa pianta assorbe le sostanze nocive presenti nell’aria che respiri e, allo stesso tempo, aumenta l’umidità dell’aria perché l’ampio apparato fogliare traspira l’acqua delle annaffiature. Così potrai approfittare di un’aria pulita e di un’umidità atmosferica adeguata. L’Areca vuole una posizione ben illuminata, al riparo dal sole diretto, e annaffiature regolari per prevenire che il terriccio si asciughi completamente. Ricambia questi pochi accorgimenti provvedendo ad un ambiente salutare in cui potrai rigenerarti ogni giorno.

La Pianta da Appartamento del Mese

Questo mese l’Areca è messa in primo piano come Pianta di gennaio. La ‘Pianta da Appartamento del Mese’ è un’iniziativa dell’Ufficio Olandese dei Fiori. Di comune accordo con rappresentanti del settore floricolo, l’Ufficio Olandese dei Fiori seleziona ogni mese una pianta particolarmente apprezzata dal grande pubblico o, al contrario, una pianta (ancora) non molto conosciuta ma che ha la potenzialità di fare bella figura nelle case degli italiani.

Per più informazioni visita www.lepiantedonanogioia.it e la nostra pagina Facebook

L’Ufficio Olandese dei Fiori

L’Ufficio Olandese dei Fiori, fondato dal settore floricolo olandese, è il cuore del marketing per i fiori e le piante prodotti e commercializzati in Olanda. Le nostre attività di promozione invitano il grande pubblico a sperimentare l’unicità dei fiori e delle piante, l’arricchimento che danno alla nostra vita e la gioia di trasmettere questa sensazione agli altri. Con questa iniziativa l’Ufficio Olandese dei Fiori contribuisce ad aumentare la domanda di fiori e piante provenienti dall’Olanda, sia in Olanda sia all’estero. Per più informazioni visita www.ufficiodeifiori.it

Didascalia foto

La Pianta da Appartamento di gennaio, l’Areca

GIOVANI EURO-TRADUTTORI: AL TRAGUARDO IL CONCORSO DELLA COMMISSIONE EUROPEA. DI BERGAMO LA VINCITRICE ITALIANA


 

LOGO CE_Vertical_EN_quadri

 

Sono stati resi noti i nomi dei 27 vincitori del concorso annuale di traduzione Juvenes Translatores indetto dalla Commissione europea e riservato agli studenti della scuola secondaria. Più di 3 000 studenti di 750 scuole hanno partecipato al concorso nel novembre 2012. I vincitori, uno per ciascun paese dell’UE, saranno invitati a presenziare a una cerimonia di premiazione che si terrà a Bruxelles l’11 aprile per ricevere i premi dalle mani della Commissaria Androulla Vassiliou, oltre ad avere l’opportunità di vedere i traduttori della Commissione al lavoro. “Il concorso è un modo eccellente di promuovere l’apprendimento delle lingue e la traduzione quale opzione di carriera.

Le competenze linguistiche sono un’enorme ricchezza: ampliano gli orizzonti e possono accrescere l’occupabilità, cosa particolarmente importante nell’attuale situazione economica”, ha affermato Androulla Vassiliou, Commissaria responsabile per l’Istruzione, la cultura, il multilinguismo e la gioventù. I concorrenti hanno tradotto un testo di una pagina scegliendo una delle 506 combinazioni linguistiche possibili tra le 23 lingue ufficiali dell’UE: la lingua di partenza poteva essere una qualsiasi delle 23 lingue ufficiali. I vincitori presentano un buon equilibrio in termini di diversità linguistica: infatti 11 hanno tradotto dall’inglese, 5 dal francese, 5 dallo spagnolo, 4 (tra cui la vincitrice italiana) dal tedesco, 1 dall’estone e 1 dall’irlandese. I testi sono stati valutati dai traduttori della Commissione. Il concorso, organizzato per la prima volta nel 2007, è sempre più popolare. Circa 1 750 scuole si sono iscritte all’edizione 2012-2013, ma per motivi logistici il numero dei partecipanti è stato ridotto a 750 mediante una selezione casuale via computer. Il concorso è ben presente sui social network: infatti studenti, insegnanti e operatori professionali possono interagire su Facebook, Twitter e su un blog. Il concorso dà alle scuole anche l’opportunità di apprendere l’una dall’altra e di sperimentare diversi metodi di insegnamento delle lingue. La scuola “Salzmannschule Schnepfenthal” in Turingia (Germania) merita di essere seguita con attenzione: i suoi studenti hanno vinto il titolo tre volte.

Ma anche il Liceo Linguistico Europeo paritario S. B. Capitanio di Bergamo, frequentato dalla vincitrice italiana di quest’anno Francesca Magri, è già alla seconda vittoria. “Aderiamo al concorso ormai da cinque anni e siamo sempre più convinti che per i nostri studenti esso sia un’occasione per mettere alla prova non solo le loro competenze linguistiche, ma anche la loro creatività. E i risultati sembrano darci ragione visto che è la seconda volta che vinciamo questo concorso!” osserva la Professoressa Carla Giudice, che ha curato lo svolgimento del concorso per la scuola bergamasca. Dal canto suo, la vincitrice Francesca Magri commenta: “Ho partecipato traducendo dal tedesco, lingua che studio da tre anni e alla quale mi sono particolarmente affezionata. Partecipare a questo concorso mi ha dato l’occasione di avvicinarmi al mondo della traduzione, molto più complicato e affascinante di quanto mi aspettassi. Tradurre un testo da una lingua ad un’altra è ben lungi dal darne una traduzione sterile e perfettamente combaciante. È interpretare una frase, riscriverla colorandola di tutte le sfumature che presenta nella sua lingua madre, prendendo tutte le libertà che il traduttore si concede. Il concorso è stato inoltre un modo – per me efficace – di misurare me stessa e le mie capacità.”

I testi da tradurre avevano per tema la solidarietà tra le generazioni, che era anche la tematica dell’Anno europeo 2012, e spaziavano da casi di giovani che insegnavano ai vecchi come usare il computer a lezioni di storia impartite dagli anziani ai bambini. I testi sono stati compilati dai traduttori della Commissione per assicurare lo stesso livello di difficoltà in tutte le lingue. Gli studenti croati potranno partecipare per la prima volta all’edizione 2013-2014 del concorso dopo che il loro paese avrà aderito all’UE e il croato sarà diventato la ventiquattresima lingua ufficiale.

Il concorso ”Juvenes Translatores” (che in latino significa ”giovani traduttori”) è organizzato ogni anno dalla Direzione generale della Traduzione della Commissione europea. Il suo obiettivo è promuovere l’apprendimento delle lingue nelle scuole e consentire ai giovani di farsi un’idea di come funziona il mestiere del traduttore. Il concorso è aperto agli studenti delle scuole secondarie che hanno 17 anni di età (nell’edizione 2012-2013 si trattava dei giovani nati nel 1995) e si tiene contemporaneamente in tutte le scuole selezionate in tutta Europa. Il concorso ha spronato alcuni dei partecipanti a intraprendere studi di lingue e a diventare traduttori.

“ILMIBABBO”: UN CLIP CHE STA FACENDO IL GIRO DEL MONDO!


  

Sta davvero facendo il giro del mondo, registrando un vero e proprio record di visite, in tutti i Continenti. E’ il clip “ILMIBABBO” – e la sua versione in inglese “MYDADDY WOUNDED SO MUCH!” – sul tema degli infortuni sul lavoro, dedicato alla X edizione di ”Primi in Sicurezza”, promossa da Rossini Trading Spa, Anmil ed Okay! E’ un fenomeno interessante, inusuale, vedere come un piccolo video – che non ha alle spalle supporti produttivi od investimenti da centinaia di migliaia di euro (come capita anche nelle pubblicità istituzionali) – sia condiviso da decine e decine di siti, che lo hanno incorporato anche attraverso YouTube. Pensiamo sia un contributo originale – e particolare – dato ad uno dei fenomeni più drammatici che toccano l’Italia ed anche il mondo. Un “grazie” agli scolari della Primaria dell’ICS di Piancastagnaio (Siena) che in modo spontaneo ed improvvisato hanno dato vita ad un documento per certi aspetti “unico”.

Un’anticipazione: la copertina del nuovo Okay! – in uscita a metà febbraio – è dedicata a loro! Qui indichiamo solo alcuni dei link relativi ai siti che stanno condividendo il clip, che è on line anche su Youtube e VodPod, condiviso anche su Facebook e LinkedIn.

 http://notizie999.it/a/441669/ilmibabbo:_un_clip_per_fermare_la_strage_dei_morti_sul_lavoro

 http://cinema.massattract.com/video/6DMWmluQauo/ILMIBABBO.html

 http://archive.tellytube.in/video/9BWd4Ll-KQw/MYDADDY-wounded-so-much.html

 http://es.clip-arabe.com/videos_clip-9BWd4Ll-KQw.html

 http://www.filipino-videos.com/ILMIBABBO__6DMWmluQauo.html

 http://www.gorrapuestas.com.ar/v_GP_9BWd4Ll-KQw_GP_MYDADDY-(wounded-so-much).html

 http://giagelia.com/v/6DMWmluQauo.html

 http://www.shwetube.com/video/9BWd4Ll-KQw/MYDADDY-wounded-so-much.html

 http://video.taiga-club.ru/video/9BWd4Ll-KQw/MYDADDY-wounded-so-much.html

 http://www.icesoftware.it/notizia.asp?Id_Not=40

 http://youtube911.com/video/387705/MYDADDY_wounded_so_much