FAENZA: COLORI E ARTE COLLABORATIVA ALLA PRIMARIA “MARTIRI DI CEFALONIA”


Insieme per creare un fiume di colori. Alla Scuola Primaria “Martiri di Cefalonia”, dell’IC San Rocco di Faenza diretto dalla dott.ssa Marisa Tronconi, l’inizio dell’anno scolastico è stato nel segno di pennarelli e pastelli. I ragazzi e le ragazze della Classe Quarta C, con la guida della docente Gloria Raffoni, hanno composto una lunga striscia colorata, ispirati dalle opere di Hervè Tullet. Un’esperienza molto bella, perchè tutti insieme hanno creato, dando vita ad una lungo e fantastico tappeto di colori. Nella fotogalleria, momenti dell’esperienza (foto degli alunni consentite e autorizzate).

 

FAENZA (RA): ALL’IC SAN ROCCO IL RICICLO E’ D’ARTISTA (E FA PURE VINCERE PREMI!)


Oggi è la Giornata Mondiale dell’Ambiente. Vanno dunque condivise le buone pratiche che possono aiutare il nostro Pianeta a soffrire di meno (tra l’altro, sarà questo il tema della prossima edizione de LamiAgenda 2018/2019). Come quelle della Scuola Primaria Martiri di Cefalonia, dell’IC San Rocco di Faenza (Ra), dove la classe guidata dall’insegnante Gloria Raffoni ha partecipato all’iniziativa, promossa da Hera, “Riciclo d’artista”. Come ci informa Gloria, “I bambini hanno riprodotto quadri famosi con materiale di riciclo.Con un elaborato abbiamo vinto il terzo premio regionale… E domani avrà luogo la premiazione”. Nella fotogalleria, alcune delle bellissime opere realizzate.
Ma non solo, la scuola faentina ha vinto il primo premio per “Riciclandino”: genitori ed insegnanti sono andati in gran numero a conferire rifiuti alla stazione ecologica,registrandosi con il codice a barre abbinato alla scuola. Insomma, con l’ecologia si vince! Congratulazioni a tutto l’Istituto Comprensivo San Rocco, alla sua Dirigente, prof.ssa Marisa Tronconi, ai docenti, alle famiglie e agli allievi!

FAENZA: VISITA A SORPRESA ALLA SCUOLA “MARTIRI DI CEFALONIA”. I COLORI E IL CALORE DELLA MEMORIA


Una scuola dove è bello stare. Pensiamo succeda da parecchie parti, forse più di quanto si possa pensare. Lo posso dire perchè, girando per le scuole d’Italia a presentare “Pronto? Sono il librofonino” e “Oggi mi faccio un goal!”, accade spesso di visitare plessi e realtà scolastici dove davvero si percepisce, da parte di docenti e dirigenti, l’amore, la passione e l’entusiasmo per questa importante realtà che si chiama scuola.

Pochi giorni fa ero a Faenza per il “Librofonino”. E con il collega Paolo Sandini, de I Quindici, ho voluto fare tappa, senza preannunci, alla Scuola Primaria Martiri di Cefalonia, appartenente all’Istituto Comprensivo San Rocco, diretto dalla prof.ssa Marisa Tronconi. La scuola faentina, negli ultimi anni, si era guadagnata prestigiosi riconoscimenti in iniziative lanciate da Okay! come “Scarpe, valigie e sogni” e “Ricordare Cefalonia”. E’, in Italia, uno dei rari o unici plessi scolastici dedicati all’immane tragedia del massacro di migliaia di italiani che, sull’isola di Cefalonia, in Grecia, nel 1943 dissero no al nazismo e al fascismo, andando incontro al martirio e allo sterminio. Un drammatico fatto storico che la scuola ricorda con una parete dedicata ai Caduti e con un cippo commemorativo collocato nel grande e verde giardino: un sasso dove è incisa una frase dell’ex presidente della Repubblica Azeglio Ciampi. L’eccidio di Cefalonia è sempre al centro di attività ed iniziative. Ad esempio, la stessa Divisione Acqui di Bergamo, con la presidente Ghilardini, guidò un commovente incontro-testimonianza.

E’ stata una piacevole sorpresa capitare alla “Martiri di Cefalonia”. L’affabilità e la cortesia della prof.ssa Marisa Tronconi sono…leggendarie. E la stessa scuola ci ha comunicato davvero il senso di un ambiente dove è bello stare, dove il bambino e il ragazzo sono accolti nella loro unicità, dove tutto è un invito all’accoglienza, a stare accanto al proprio compagno, a creare e a progettare la propria crescita, il proprio futuro. La scuola, tra l’altro, fa parte anche del progetto “Senza zaino” e alcune classi sono in linea con questa concezione già adottata da altre scuole italiane.

Qui alla “Martiri di Cefalonia” tutto è calore e colore. L’insegnante Gloria Raffoni, a nome dei colleghi, ci ha portato in visita tra le aule, belle, spaziose e luminose, dove appunto è bello stare e creare. Curiosi e simpatici alcuni “luoghi”, come quelli dell’emozionometro, dell’angolo dei chiarimenti, delle parole-chiave da usare nei rapporti quotidiani con gli altri. E bellissimi i poster e i tabelloni, dove il temperamento artistico degli allievi raggiunge punte di grande qualità e capacità espressive.

Sì, è stato davvero bello e appagante, per il cuore e per la mente, camminare tra aule e corridoio della Scuola “Martiri di Cefalonia” a Faenza. Una scuola che porta un titolo alto, nobile e patriottico, dove la memoria per le profonde ferite della storia è accolta e compresa nel segno della bellezza dello stare insieme, per crescere insieme.

R.A.

LIBROFONINO: PROSSIMI INCONTRI A FAENZA (15-16 NOVEMBRE) E RAVENNA (16-17 NOVEMBRE)


“Storie, testimonianze ed esperienze per prendere coscienza che la tecnologia non va usata per mentire, deridere o ingannare un altro essere umano o per farsi coinvolgere in conversazioni che possono fare del male a se stessi e al prossimo”. E’ questo il senso degli incontri di presentazione dedicati al testo “Pronto? Sono il librofonino”, di Roberto Alborghetti, in calendario anche a Faenza presso le Scuole S.Umiltà / Fondazione Marri (15-16 novembre 2017) e a Ravenna, il 16-17 novembre 2017, promossi rispettivamente da AGeSC Faenza e dall’AGeSC “Istituto Tavelli”.

Il primo incontro si terrà mercoledi 15 novembre 2017, alle ore 18,30, presso la Sala Biblioteca delle Scuole di S.Umiltà, in via Bondiolo 38. L’autore, impegnato in un lungo giro tra le realtà scolastiche ed educative di tutta Italia, parlerà sul tema “La nostra vita in cella (digitale). Telefonini e nuove tecnologie tra comodità e dipendenza”. L’incontro è pubblico, aperto a tutti e – vista l’attualità della problematica – in modo particolare a genitori, educatori e docenti. In apertura, il saluto di benvenuto della prof.ssa Alessandra Scalini, Coordinatrice delle Scuole di S. Umiltà.

Nella giornata successiva, giovedi 16 novembre 2017, nella mattinata si svolgeranno animazioni-laboratorio con le classi della Scuola Primaria e della Scuola Secondaria di 1° grado delle Scuole di S.Umiltà.

A Ravenna il primo incontro si terrà giovedi 16 novembre 2017, alle ore 20,45, presso la Sala Don Minzoni, nel Seminario Arcivescovile, in Piazza Duomo 4 (possibilità di parcheggio in via Oberdan 1). Anche nella città ravennate, l’incontro è pubblico, aperto a tutti e – vista l’attualità della problematica – in modo particolare a genitori, educatori e docenti. Nella giornata successiva, venerdi 17 novembre 2017, sempre presso la Sala Don Minzoni, si svolgeranno animazioni-laboratorio con le classi quarte e quinte della scuola primaria e con le classi prime della scuola secondaria di 1° grado dell’Istituto “Tavelli”.

Come accade in questi incontri, l’autore condurrà un dibattito con la proposta di filmati, immagini, grafici che illustrano elementi e fenomeni collegati all’abuso della tecnologia, rispetto anche ai temi della legalità e della sicurezza in rete. Sarà un vero e proprio “laboratorio” che in tutta Italia ha già coinvolto oltre 25.000 studenti, che Alborghetti ha incontrato nel corso del 2017.

Animato dalle bellissime illustrazioni di Eleonora Moretti ed edito da I Quindici, “Pronto? Sono il librofonino” è un fanta-racconto su un cellulare che “racconta storie di smombies, smartphones, bufale e cyber-bulli”. Anche gli incontri di Faenza e Ravenna daranno l’opportunità di riflettere su uno dei fenomeni che ci tocca tutti: quello della comunicazione tramite i telefonini, realtà che sta cambiando (e condizionando) la nostra vita quotidiana. Realtà che il libro e gli incontri di Alborghetti ci rivelano senza inutili giri di parole, offrendo uno spaccato di come siamo e di come ormai ci comportiamo in quella che definiamo “l’era digitale”.

PROSSIMI INCONTRI:

VIGHIZZOLO DI CANTU’ (CO)

20 NOVEMBRE 2017, ORE 10.30, 14.00 E 21.00, SCUOLA SANTA MARTA

*

CREMA (CR)

24 NOVEMBRE 2017, ORE 21.00, SCUOLE FONDAZIONE MANZIANA

Per info e organizzazione incontri contattare:

sandinipaolo@gmail.com