PIANTE IN CASA / ARECA, UN ANGELO CUSTODE PER LA NOSTRA SALUTE


 Areca, Pianta di gennaio

Come un angelo custode vigila sul tuo benessere. Si accontenta solo quando sprizzerai salute da tutti i pori. L’Areca è una vera e propria tipa materna perché non chiede praticamente nulla in cambio. Giustamente questa palma è stata eletta a Pianta da Appartamento di gennaio.

Palma di Betel, palma dai frutti d’oro, palma pennuta, questi sono i nomi con cui indichiamo comunemente l’Areca. Quest’ultimo nome volgare riferisce alla somiglianza del modo di crescita delle foglie alle ali spalancate di un meraviglioso uccello esotico. Al contrario di molte altre specie di palma, che si sviluppano da un fusto ingrossato, le foglie dell’Areca sono portate da singoli steli che crescono direttamente dalla terra. Quando si trova a suo agio a casa tua, l’Areca produrrà nuovi steli e avrà la vegetazione sempre più ampia. Il risultato sarà un ‘tetto pennuto’ tropicale in continua espansione.

Habitat naturale

L’aspetto tropicale dell’Areca trae origini dal suo habitat naturale, nelle umide foreste pluviali del Madagascar, dove cresce nei luoghi riparati. Insieme alle sue sorelle e a decine di altre specie di Palma forma una fitta giungla di stupende fronde verdi. 

A tutela della tua salute

Una volta che ha conquistato il suo posticino in casa tua, l’Areca si impegna fin da subito per migliorare la tua salute. Questa pianta assorbe le sostanze nocive presenti nell’aria che respiri e, allo stesso tempo, aumenta l’umidità dell’aria perché l’ampio apparato fogliare traspira l’acqua delle annaffiature. Così potrai approfittare di un’aria pulita e di un’umidità atmosferica adeguata. L’Areca vuole una posizione ben illuminata, al riparo dal sole diretto, e annaffiature regolari per prevenire che il terriccio si asciughi completamente. Ricambia questi pochi accorgimenti provvedendo ad un ambiente salutare in cui potrai rigenerarti ogni giorno.

La Pianta da Appartamento del Mese

Questo mese l’Areca è messa in primo piano come Pianta di gennaio. La ‘Pianta da Appartamento del Mese’ è un’iniziativa dell’Ufficio Olandese dei Fiori. Di comune accordo con rappresentanti del settore floricolo, l’Ufficio Olandese dei Fiori seleziona ogni mese una pianta particolarmente apprezzata dal grande pubblico o, al contrario, una pianta (ancora) non molto conosciuta ma che ha la potenzialità di fare bella figura nelle case degli italiani.

Per più informazioni visita www.lepiantedonanogioia.it e la nostra pagina Facebook

L’Ufficio Olandese dei Fiori

L’Ufficio Olandese dei Fiori, fondato dal settore floricolo olandese, è il cuore del marketing per i fiori e le piante prodotti e commercializzati in Olanda. Le nostre attività di promozione invitano il grande pubblico a sperimentare l’unicità dei fiori e delle piante, l’arricchimento che danno alla nostra vita e la gioia di trasmettere questa sensazione agli altri. Con questa iniziativa l’Ufficio Olandese dei Fiori contribuisce ad aumentare la domanda di fiori e piante provenienti dall’Olanda, sia in Olanda sia all’estero. Per più informazioni visita www.ufficiodeifiori.it

Didascalia foto

La Pianta da Appartamento di gennaio, l’Areca

Annunci

FESTA DEI NONNI: NELL’ERA DIGITALE IL LEGAME NONNI-NIPOTI E’ ANCORA PIU’ FORTE. LO DICONO I SORPRENDENTI RISULTATI DI UN SONDAGGIO. ECCOLI IN ANTEPRIMA


Secondo i dati del sondaggio “Un Nonno vale un tesoro!” l’80% degli italiani dichiara che i nonni sono molto presenti e influenti nella propria vita il 73,2% svolge con i nonni attività di gioco a contatto con la natura, il verde e gli animali.

B 054 (640x478)

Il 2 ottobre di ogni anno ricorre la Festa dei Nonni: una giornata riconosciuta (DAL 2005) a livello nazionale ed internazionale e promossa, già da ben 14 anni, dall’Ufficio Olandese dei Fiori e da Okay! attraverso tante iniziative per le famiglie ed eventi importanti ormai consolidati, che si svolgono a Cesenatico e sul Monte Amiata (con Osa Onlus). Simbolo di questa giornata sono le piante, un dono ‘vivo’ e speciale per dimostrare ai nonni quanto sono preziosi per noi.

Novità dell’edizione 2012 il concorso sondaggio ‘Un Nonno vale un tesoro!’, condotto online sul sito http://www.festadeinonni.it e commissionato dal Flower Council of Holland. La ricerca è stata realizzata da Smart Research nel corso della prima metà del mese di settembre su un panel di oltre 5000 persone il cui nucleo centrale è rappresentato da persone con figli (52% del totale): ne sono emersi dati molto interessanti che offrono uno scorcio sul ruolo dei nonni all’interno delle famiglie italiane di oggi.

Nonostante le famiglie moderne si siano ristrette e nonostante il sempre maggiore divario tra i giovanissimi abituati ad utilizzare la tecnologia nella comunicazione quotidiana e gli anziani, il rapporto tra nipoti e nonni continua ad essere forte e connotato in modo positivo. Il 90,2% conosce la Festa dei nonni e ben l’88,5% pensa di celebrarla, a dimostrazione dell’importanza che queste figure assumono all’interno della società.

Oltre i 2/3 del campione dichiara che i propri figli trascorrono regolarmente del tempo con i nonni durante la settimana e nel 73,2% dei casi svolgendo attività di gioco a contatto con la natura, il verde e gli animali. Mentre il 35% circa si dedica ad attività importanti come imparare a leggere e scrivere e il 24% ed è rappresentato da chi svolge attività scolastiche (i compiti) e da chi con i nonni va in vacanza.

Inoltre, i Nonni sono ritenuti soprattutto affettuosi e disponibili (63%), oltre che affidabili (32%), queste le qualità preferite utilizzate per descriverli.

Esplorando temi più legati all’attualità e alla sfera economica, emerge una incertezza generale legata alle recenti riforme pensionistiche. Infatti, se il 46% del campione ritiene che Il supporto economico ed organizzativo dei nonni diminuirà per via delle pensioni sempre più basse e dell’innalzamento dell’età pensionabile, il 70% ritiene addirittura che la disponibilità dei nonni possa influenzare la decisione di mettere al mondo dei figli, soprattutto per il potenziale aiuto fornito alla coppia quando entrambi i componenti lavorano (89% dei casi).

Inoltre è interessante rilevare un atteggiamento di sfiducia nei confronti delle istituzioni: il 53% del campione non ritiene che il ruolo dei nonni verrà sostituito da interventi governativi in tema di servizi alla famiglia (asili, ecc.).

Quali le valenze positive dei nonni? Il 94% dei partecipanti al sondaggio preferisce affidare i figli ai nonni piuttosto che a persone esterne alla famiglia. Mentre, per la maggior parte degli intervistati i nonni rappresentano una memoria storica importante (nel 71,4% dei casi totalmente d’accordo), sono una valida risorsa sia come babysitter (54,8%), sia come consolatori (55,2%). Molto meno rilevante l’importanza dell’aiuto economico fornito alla famiglia (19%).

E i nonni, cosa dicono? I nonni intervistati (20% del campione), dimostrano una perfetta consapevolezza dell’importanza del proprio ruolo. Il 47% afferma di trascorrere molto tempo con i nipoti e il 33% abbastanza. Oltre i due terzi, ovvero il 66%, ritiene di essere molto presente e influente nella vita dei nipoti.

Insomma, da tutti i punti di vista, il rapporto tra nonni e nipoti continua a essere ricco di valenze positive e merita di essere celebrato. Dal sondaggio emerge che la pianta viene riconosciuta come il dono più adatto dal 78% del campione, sia perché i nonni amano i fiori, sia per il loro valore simbolico: perchè una pianta è vita”, “perché a una pianta si dedica amore cure affetto… proprio come i nonni hanno fatto con noi”, dicono alcuni intervistati.

Infine, alla domanda “perché un nonno vale un tesoro?”, le risposte sono state molto variegate: “è sempre presente senza essere mai di fretta e quindi ha tempo per ascoltarmi”, “perchè mi consente di giocare, divertirmi, passare bei momenti a contatto con la natura e perchè con la loro esperienza mi insegnano molte cose utili e storiche”, ecc., ma tutte sono espressione di un forte attaccamento ai propri nonni.

Per maggiori informazioni: www.festadeinonni.it

NELLA FOTO: CESENATICO, EVENTO FINALE FESTA DEI NONNI 2012; IL SINDACO ROBERTO BUDA PREMIA I MINI POETI DI “UN FIORE PER VOI, POESIE PER I NONNI”, XIII ED.

Il Flower Council of Holland è l’ente di riferimento per la promozione della floricoltura olandese in Italia e nel mondo. Dedica particolare attenzione alla sensibilizzazione del grande pubblico nei confronti delle piante in vaso, meravigliose

compagne di vita che ci circondano di energia e piacere allietando le nostre giornate. A fronte di una piccola dose di cure e attenzioni, le piante ci offrono molto in cambio: fresca vitalità, atmosfera positiva e rilassante e un senso di legame costante con la natura e le nostre radici. Le piante non sono soltanto un bellissimo elemento decorativo per gli ambienti, ma un prezioso alleato per il nostro benessere.

Collegati anche a FACEBOOK: NOI SIAMO OKAY! area gruppi

UNA NOVITA’ “VERDE”: DALL’OLANDA LA PIANTA CHE DA’ LUCE NEL BUIO… INCREDIBILE, MA VERO!


Su Okay! 118 – e pochi giorni fa su questo blog –  nell’ambito delle attività promosse con l’Ufficio Olandese dei Fiori abbiamo parlato di Amigo Plant, l’azienda olandese di Heerhugowaard. Amigo Plant ha apprezzato il nostro reportage e ci ha messo al corrente di una nuova sorprendente pianta. Una pianta che dà luce al buio. In gran segreto, Amigo Plant ha sviluppato questo nuovo prodotto. Ed il risultato è veramente sorprendente.

Quando il buio arriva, la pianta grassa, a forma di stele, comincia a brillare come una stella. Da qui il nome: “GLOWING STAR IN THE DARK” ®.

Per molti anni Gerard van Langen – titolare di Amigo Plant – aveva desiderato dare corpo a questo nuovo prodotto, che sicuramente avrà successo, soprattutto per le prossime festività di  Natale. La pianta prende l’energia sotto una normale lampada oppure alla luce diurna. Poi, quando si fa buio, la pianta emette luce. Va detto che tutti gli elementi utilizzati sono sicuri per la salute delle persone e dell’ambiente.

La “GLOWING STAR IN THE DARK” ® è disponibile in una confezione lussuosa che ne aumenta l’effetto luminoso. La “GLOWING STAR IN THE DARK” ® è arrivata sul mercato a fine ottobre 2012 e può essere il regalo ideale per augurare simpaticamente la luce in questi tempi bui…

www.amigoplant.nl

GUARDA IL VIDEO:

http://www.youtube.com/watch?v=pINMG94ojxM

AMIGO PLANT, QUANDO I COLORI DELLA NATURA FANNO SPETTACOLO


Viaggio in Olanda per conoscere la realtà dei produttori di piante per gli ambienti domestici – 4a puntata

Quarta ed ultima tappa del nostro viaggio alla scoperta delle realtà imprenditoriali che in Olanda producono piante da appartamento. Dal South Holland (Olanda Meridionale), Charles  Landsdorp dell’Ufficio Olandese dei Fiori – che ha organizzato questo interessante tour – mi porta a Heerhugowaard, nel North Holland (Olanda Settentrionale), vicino alla città di Alkmaar. In questa località dal nome un po’ difficile da pronunciare (per noi che non abbiamo dimestichezza con la lingua olandese) facciamo tappa ad Amigo Plant, un’azienda specializzata nella coltivazione e produzione di piante grasse (o succulente). Alla reception ci accoglie l’ingegner Koen Beemsterboer, uno dei manager dell’azienda, il quale ci accompagna in visita ai vari settori di un polo produttivo che si estende su circa 90 mila metri quadri, dove serre e reparti di confezionamento – sei le sedi operative, con circa 60 addetti – si alternano in un’atmosfera colorata, che invita all’allegria.

L’ing. Koen ci racconta che Amigo Plant è stata fondata nel 2005 dal signor Gerard Van Langen e dalla moglie, Miranda, sulle basi di un’esperienza che in precedenza aveva visto la famiglia Van Langen lavorare nel settore ortofrutticolo, con una particolare attenzione per la coltivazione dei pomodori. Poi, come è successo a tanti orticultori olandesi, ecco la conversione al settore dei fiori e delle piante da interno, vero e proprio motore dell’economia della Nazione. Ed anche per Amigo Plant il successo è puntualmente arrivato, costruito attorno ad una specie – le piante grasse, appunto –  che Van Langen ha saputo coltivare e veicolare sul mercato con innovazione ed ottime idee. L’azienda produce una sessantina di varietà, tra le quali le “best sellers” sono la Echeverria, la Peperomia, la Crassula, l’Aloe, la Miranda (dedicata alla consorte di Van Langen).     

Nelle grandi serre di Amigo Plant, l’occhio è subito attratto  da quella che è una delle principali idee vincenti. Ossia, le piante grasse dipinte. L’ing. Beemsterboer – come una sorta di omaggio all’Italia – ci mostra una bellissima Echeverria…tricolore. Sì, perchè Amigo Plant, tratta le piante grasse con una speciale tinta, assolutamente non dannosa, trasformandole in una spettacolare caleidoscopio di colori. Ci dice Koen: “In Italia queste nostre piante colorate vanno davvero forte, coprendo l’80 per cento delle richieste del mercato. Sono pure molto esportate nell’Europa dell’est. Ogni anno ne vengono prodotte circa un milione, con le più diverse caratteristiche. La loro misura varia dai 6 ai 50 centimetri. E le decorazioni possono variare, in sintonia con le feste, il calendario e gli eventi. Per Pasqua, ad esempio, le produciamo con la tinta gialla, preparando confezioni particolarmente accattivanti. E pure per San Valentino o la Festa della Mamma possiamo creare soluzioni che appagano gli occhi ed il cuore.  Va detto che possiamo confezionare piante secondo le varie richieste che ci pervengono dalla clientela, alla quale noi prestiamo grande attenzione, anche durante fiere e mostre che per noi sono dei punti di contatto con le domande e le esigenze del mercato. Da noi arrivano anche le scuole, anche dall’estero, come recentemente è accaduto con un gruppo di studenti della Polonia ”.

Ad Amigo Plant, nulla è lasciato al caso. L’impegno e la passione sono sempre al massimo livello, a partire dagli stessi titolari dell’azienda: durante la nostra visita, abbiamo incrociato spesse volte Gerard e la signora Miranda  impegnati a lavorare sulla terra e sui vasi, come gli altri dipendenti. Un’immagine significativa di un modo di lavorare “sul campo” che è un esempio di sana imprenditorialità, soprattutto di questi tempi, in cui le ombre della crisi possono essere affrontate e superate con l’intelligenza, le idee e le intuizioni. E sotto i loro sguardi, le piante coloratissime crescono e prosperano, sempre richiestissime dal mercato.  E poi, come si sa, le succulente non necessitano cure particolari. Come ci ricorda Koen, non hanno bisogno di grandi cure: un po’ d’acqua (un paio di volte alla settimana) e spazi soleggiati.

Qualità, prezzo competitivo e rispetto dell’ambiente e della sostenibilità. Sono queste le prerogative di Amigo Plant, l’azienda olandese del sombrero (è il marchio-logo) che, con le piante succulente, ne combina davvero di tutti i colori.                             

Roberto Alborghetti

Nelle foto: le bellissime piante grasse di Amigo Plant, che ha sede a Heerhugowaard, Olanda Settentrionale; l’ing. Koen Beemsterboer, manager, con Charles Lansdorp (Ufficio Olandese dei Fiori); i coniugi  Van Langen.