“IL MONDO NASCOSTO”: CI CREDI CHE TUTTO CIO’ SI TROVA SU UN CASSONETTO DEI RIFIUTI?


Immagini astratte (e macro) da un cassonetto dei rifiuti a Bitonto (Bari). Video creato da Roberto Alborghetti per il suo progetto-ricerca “LaceR/Azioni” sul “mondo nascosto” della decomposizione naturale attorno a noi. Soundtrack: “Amour”. La citazione finale, nel video, è tratta dall’articolo che Fernirossi ha dedicato al progetto di Roberto Alborghetti sul Blog “Cartesensibili”.

Link al Blog “Cartesensibili”:

https://cartesensibili.wordpress.com/2017/03/28/groundoverthirty-veevera-lacerazioni-lacerare-e-la-crerare-azioni-darte-di-roberto-alborghetti/comment-page-1/#comment-16045

© Roberto Alborghetti – Lacer/actions

 

 

APRILIA (LT): NEL LABORATORIO DEL COLORE TUTTI IN GIOCO CON LE “LACER/AZIONI”


Guest Writer : PATRIZIA SAPRI
Come abbiamo riferito altre volte su questo blog, lavoro presso la Scuola dell’Infanzia Arcobaleno di Aprilia (LT) con l’incarico per un “laboratorio del colore e storie sociali”. Con le colleghe dell’assistenza specialistica ci occupiamo dei piccoli alunni diversamente abili. Alcuni di loro frequentano il laboratorio con i coetanei di sezione. Quest’anno i progetti proposti erano tre: il riconoscimento dei bambini nell’arte; insieme musicando; le immagini di “Lacer/azioni”. Per l’integrazione con le linee guida mi sono collegata al progetto lettura con la fiaba “Zuppa di sasso” ed al progetto “Astrarte”. Molti i lavori effettuati, ma come sempre “Lacer/azioni” – progetto creato da Roberto Alborghetti relativo alle immagini della realtà. Ndr – mi ha sorpreso. Da sempre voglio trasmettere ai bambini che non vi è nulla che non abbia un significato ; che tutti abbiamo una grande forza creativa da fare emergere; che il colore è altamente terapeutico come lo sono la musica,il movimento,il teatro ecc… C’è sempre da scoprire e sperimentare. Possiamo comunicare attraverso il linguaggio dei colori e le immagini di “Lacer/azioni” ci hanno raggiunto e fatto conoscere meglio le capacità espressive di ognuno.
Attraverso i colori i bambini raccontano di sè ,inventano personaggi e nuove storie. Il colore per alcuni è un veicolo che gli permette di esprimersi. Gabriele, ad esempio, si tuffa nel colore avidamente e nel gesto evidenzia la voglia di esprimersi, il bisogno di socializzare. Sulla carta i piccoli allievi e noi lasciamo emozioni,tracce della loro personalita’,dell’aggressivita’,della gioia nei fogli stropicciati,ritagliati ,incollati a strati. Tutto cio è comunicazione. Nel gruppo dei piccoli allievi sez l, l’apprendimento di nuove tecniche ha entusiasmato molto come in un gioco e ovviamente il compiacersi della propria traccia permette loro di acquisire sicurezza nell’espressione e rafforzando quindi la loro personalità lavorare nel piccolo gruppo,l’esperienza collettiva gli ha permesso di portare a termine un lavoro. Le immagini di “Lacer/azioni” gli ha permesso giocando di acquisire i fondamenti della comunicazione visiva. Successivamente rileggono le immagini e le interpretano. Ho provato a far vedere loro attraverso il gioco come accostare i colori. Abbiamo disegnato con tempere acquarello,carte veline,materie composte di carta lacerata,e mezzi di pittura non convenzionali come spazzole spatole e le nostre meravigliose pietre. La conclusione a cui sono giunta è che non esiste un’età specifica per vivere con i colori e rappresentare delle immagini: i bambini sotto questo aspetto ci sorprendono, i loro lavori hanno il sapore e la freschezza che nascono dalla spontaneità e dalla libertà di esprimersi senza interferenze,nell’atmosfera capace di accrescere la fiducia in loro stessi e fare emergere le loro capacità espressive. Come al soliti i cromatismi ottenuti ci sorprendono ed anche quelli più semplici ci catturano con i colori.
All’interno del laboratorio forse perchè io non ho barriere spesso i progetti si mescolano ed ecco allora che su lacerazioni finisce una luna che ci fa pensare alla luna blu,al progetto Astrarte. Come per magia sulla luna spunta un’altalena con i bambini di Patrì. Ci lasciamo con una frase di Rodari “tutti gli usi del colore a tutti”. I lavori del servizio S.a.p.i.s. sono stati esposti nella mostra collettiva dell’Istituto Antonio Gramsci. Il mio grazie al coordinatore del servizio che sempre mi appoggia nei percorsi professionali,alle colleghe dell’Arcobaleno, alle assistenti specialistiche che condividono e credono in questo percorso,ai genitori, ai bambini. A Roberto Alborghetti il mio grazie per la vicinanza in un percorso professionale e di vita.

ECCO LE PRIME COPIE DE LAMIAGENDA “PERSONALIZZATA”: UNA FESTA PER GLI OCCHI ED UN CONTENUTO “SUPER”


“Bella? Bellissima? No, super bellissima!”. Queste le testuali reazioni di chi ha già ricevuto, in questi giorni, direttamente a scuola, i quantitativi de LamiAgenda, il diario scolastico “tutto nuovo”, edito da I Quindici, curato da Roberto Alborghetti, e con il coordinamento commerciale di Paolo Sandini. Chi l’ha sfogliata, è rimasto davvero colpito dalla sua qualità e dai contenuti di un diario scolastico innovativo e sorprendente. Come l’Istituto Comprensivo “Sylos” di Bitonto, che ha già ricevuto centinaia di copie personalizzate, con il fascicolo di pagine iniziali dedicate ai programmi, ai progetti e alle attività didattiche dell’IC.

Grande la soddisfazione dei docenti e degli alunni, che da settembre avranno con sè questo nuovo compagno di viaggio, che sta raccogliendo nelle scuole grande attenzione ed interesse. Apprezzatissimi lo stile grafico, le schede quotidiane sulla sicurezza nella grande rete  e il carattere del testo, stampato in EasyReading, “font” ad alta leggibilità, in grado di annullare le difficoltà di lettura in chi vive forme di dislessia. Anche questo un “valore aggiunto” per LamiAgenda, il diario scolastico tutto nuovo, che segna una vera e propria “rivoluzione” nel concetto stesso del diario, non più un semplice “strumento” per scrivere le annotazioni dei compiti, ma vero e proprio amico e compagno di viaggio.

Rivoluzionario anche il formato, che è quadrato: è stato infatti scientificamente dimostrato che la spazialità quadrata è fondamentale nella scrittura, in quanto offre un senso di armonia e di razionale utilizzo dello spazio, rispetto alla tradizionale forma rettangolare, obsoleta e superata.  E poi, da segnalare le 48 pagine del libretto scolastico, con tutte le varie sezioni (tagliandi per permessi, autorizzazioni, comunicazioni, assenze e così via). Insomma, LamiAgenda, una presenza importante a scuola. Per gli allievi, le famiglie e i docenti.

*

LAMIAGENDA 2017/18: IL COLOPHON  

 

pagina colophon

 

CHE MONDO SBALORDITIVO SI “NASCONDE” SU UN CASSONETTO DEI RIFIUTI! GUARDA IL VIDEO


Immagini di un’esperienza “visuale” che ha coinvolto gli studenti dell’IC “Sylos” di Bitonto, Istituto Comprensivo diretto dalla prof.ssa Angela Maria Mangini. Roberto Alborghetti, nel contesto del suo progetto “Lacer/azioni”, ha guidato gli allievi per le vie della città, a scoprire che anche un cassonetto nasconde un mondo…”sbalorditivo”, come mostrato nel video.

Immagine realizzata dagli studenti dell’IC Sylos, Bitonto, Bari.

 

QUESTA E’ “OPERAZIONE CASSONETTO”…PER LA SERIE “USIAMO IL CELLULARE CON LA TESTA”…NE VEDRETE DELLE BELLE!!!


Che ci faccio, con circa 150 studenti, in giro per la città di Bitonto, nel freddo pungente di questi giorni? Lo scoprirete molto presto. Intanto vi diciamo che questa è Operazione Cassonetto… Per la serie “Usiamo il Cellulare Con La Testa / La Rivincita del Librofonino”… Ne vedrete davvero delle belle!!! Foto di Paolo Sandini – I Quindici

“L’AUTOBUS FANTASMA/CITTÀ DI MARE”: GRANDE “PRIMA” SU WEB IL 15 DICEMBRE 2016


Trailer sul lancio del video #2 dal progetto “The Ghost Bus”, “L’ Autobus Fantasma”, realizzato da Roberto Alborghetti, Bartons Plc e Act Group. Una prima mondiale su web il 15 Dicembre 2016. “Città di Mare”: uno straordinario caleidoscopio di suoni e colori, basato sulla colonna sonora originale di Tom, James, Richard e Simon Barton, con gli artworks di Roberto Alborghetti (Lacer/azioni). Una grande avventura visuale nella Terra di Robin Hood.

Per informazioni su “The Ghost Bus” (L’Autobus Fantasma): 

https://robertoalborghetti.wordpress.com/the-ghost-bus-project/

the-ghost-bus-flyer-b-2

GOCCIA DOPO GOCCIA: LA TECNICA DEL “DRIPPING” (MA QUESTI NON SONO DIPINTI… SONO “LACER/AZIONI”)


ARTWORKS E VIDEOCLIP DI ROBERTO ALBORGHETTI.

LA TECNICA DEL “DRIPPING”: IMMAGINI CASUALI E SPONTANEE, “CATTURATE” IN SICILIA (ISOLA DELLE FEMMINE).

By Roberto Alborghetti - Lacer/actions

By Roberto Alborghetti – Lacer/actions

 

2 APRILE 2016: GIORNATA MONDIALE DELL’AUTISMO. UN CLIP DA VEDERE, UN’ESPERIENZA DA CONOSCERE #micolorodiblu


*

L’altra faccia dell’autismo… I ragazzi della “scuola speciale” della docente Patrizia Sapri, di Aprilia (Latina) e la loro esperienza nel laboratorio creativo nel corso del quale hanno rielaborato alcuni lavori di Roberto Alborghetti (Progetto “Lacer/azioni” riguardante segni, crepe, colori e contaminazioni dell’ambiente urbano). Iniziativa in collaborazione con Rotary Club Anzio (Roma). Un documento da vedere in questa Giornata Mondiale dedicata alla Consapevolezza dell’Autismo.

Soundtrack: “Psalm 23” di Jennifer Goodenberger.

 

LA MAGIA DELLA FIABA SULLA PRINCIPESSA : SUCCESSO PER L’EVENTO SPECIALE SUL MONTE AMIATA


 

FOTO DI ROBERTO ALBORGHETTI

GUEST WRITER: STEFANO ALBERTI

La magia dell’abito Vulcano Amiata e del progetto “La Principessa, il Fuoco e il Castello” ha acceso l’interesse a Piancastagnaio (Monte Amiata, Siena) nel contesto delle iniziative “Favoliamo verso il Natale” promosse dal Comune. Domenica 20 dicembre, presso il teatro Comunale, si è svolta la presentazione della fiaba che Roberto Alborghetti e Mitrani Yarden hanno creato per il progetto dedicato alle terre dell’Amiata (il design dell’abito è stato realizzato sulla base di una fotografia astratta scattata da Roberto Alborghetti attorno ad un vecchio ed arrugginito autobus  custodito a Nottingham nel garage Bartons Plc).

E’ così andata in scena una vera e propria rappresentazione, scandita nella prima parte da un cortometraggio e nella seconda dalla lettura del testo  da parte dell’attrice Mirelda Morini.  E così si è riaccesa la stessa magìa che lo scorso ottobre – nell’ambito di  “Penne e Video Sconosciuti”, promosso da Osa Onlus – aveva visto la realizzazione, delle riprese fotografiche e televisive, nelle vie del centro storico e presso la Rocca Aldobrandesca, epicentro del racconto fantastico interpretato dalla modella ed attrice Ginevra Bertolani. E così, domenica 20 dicembre, come una sorta di strenna natalizia, è stato offerto alla cittadinanza una speciale anteprima del progetto, consistente in un e-book – disponibile nelle librerie online a 0,99 Euro – in un cortometraggio e nel capo di alta moda. L’idea si è posta come una singolare opportunità per promuovere le bellezze artistiche e storiche del territorio pianese e dell’Amiata, così hanno affermato Samuele Bechini (rappresentante del sindaco e dell’Amministrazione comunale) e Nicola Cirocco, presidente di Osa Onlus, nel presentare l’evento.

Mirelda Morini, con la sua interpretazione, ha saputo dare intensità e colore alla fiaba che – scandita dalle musiche originali di Eylon Malhi – gira attorno alla particolarità del design e del taglio dello stesso abito Vulcano, che ha appunto ispirato la fiaba. Ma le tonalità accese del vestito non si sono limitate a suggerire soltanto un racconto ed un documentario televisivo, ma anche un’originalissima etichetta per le bottiglie, in edizione  limitata, del pregiato vino prodotto dall’Azienda Agricola Pinzi Pinzuti di Abbadia S. Salvatore. Raccogliendo l’idea lanciata dalla popolare  Marcellina, titolare di un curiosissimo emporio nella località badenga, un dettaglio dell’immagine dell’abito Volcano, ha prodotto una etichetta simbolica che ben esprime le caratteristiche del “vino vulcanico” (i vitigni crescono infatti nella roccia lavica del territorio amiatino). Sempre nel corso dell’evento, che ha riscosso una viva attenzione da parte del pubblico, è stato presentato un accessorio dell’abito Vulcano: una sorprendente “pochette” creata con le dita delle mani dagli appartenenti all’associazione “Knitta!” che promuove forme innovative di manualità artistica. La docente Patrizia Sapri, di origini pianesi, ha illustrato le elaborazioni grafiche, ispirate anche alla fiaba,  prodotte dagli allievi diversamente abili dell’ICS “Gramsci” di Aprilia (Latina).    

Il progetto ha vivamente interessato anche il mondo della scuola amiatina, a partire dagli studenti del corso per designers presso L’Istituto Avogadro di Abbadia San Salvatore, sede di un incontro. Entusiasmante anche l’ora di lezione  con le classi della scuola Primaria di Piancastagnaio. Presso il teatro Comunale, circa 200 scolari hanno assistito alla pubblica lettura della fiaba della “Principessa” e alla visione del cortometraggio, ripromettendosi di elaborare disegni e composizioni sulla fiaba ambientata nella Rocca Aldobrandesca.  

L’e-book “La Principessa, il Fuoco e il Castello” è disponibile nei bookstores online.  Clicca, scarica e…ammira:          

MyBook

https://mybook.is/alborghetti-roberto-mitrani-yarden/the-princess-the-fire-and-the-castle/

 

9 am

http://www.9am.it/sito/Catalog/Language0/Default.aspx?template=ebookDettaglio.html&ck=WRWIORYWPY&F=Codice&V=%279788866700883%27

 

Hoepli

http://www.hoepli.it/ebook/the-princess-the-fire-and-the-castle/9788866700883.html

 

Excalibooks

http://www.excalibooks.com/Ebook/I/Alborghetti_Roberto_Yarden_Mitrani/The_princess_the_fire_and_the_castle/9788866700883

 

Ultimabooks  

http://store.streetlib.com/the-princess-the-fire-and-the-castle

 

Net-ebook – Mediaworld    

http://www.net-ebook.it/ebooks/162985/The-princess-the-fire-and-the-castle.aspx

 

TIM Reading    

http://www.timreading.it/home.php/ebook-the-princess-the-fire-and-the-castle-alborghetti-roberto-mitrani-yarden-marna-9788866700883.html

 

Libreria Universitaria  

http://www.libreriauniversitaria.it/ebook/9788866700883/autore-alborghetti-roberto/the-princess-the-fire-and-the-castle-e-book.htm

 

Sanpaolostore  

http://www.sanpaolostore.it/the-princess-the-fire-and-the-castle-roberto-alborghetti-9788866700883.aspx

 

Ebookstore Unità    

http://ebook.unita.it/catalog/product/view/id/191998/