LORETO APRUTINO (PE): IL VIAGGIO DI PEGASO VERSO SOLIDARIETA’ E CITTADINANZA


Questo simpatico cartone animato, realizzato da uno studente della Prima media dell’Istituto Comprensivo di Loreto Aprutino, Lorenzo Pellegrini, presenta e sintetizza l’esperienza del Progetto Pegaso-Jun€co, per portare acqua pulita ed educazione da Loreto Aprutino (PE) a un piccolo villaggio del Burkina Faso,Ouedkiongo.

Il progetto – realizzato con la Fondazione Enrica Amiotti –  ha coinvolto gli alunni dell’Istituto che, fino ai mesi scorsi, era guidato dalla dirigente Lorella Romano e ora dalla dirigente Marina Gigante. L’iniziativa si segnala come una bella esperienza di condivisione e cittadinanza attiva. Ha coinvolto i 23 alunni delle classi IV ( ora V) della Scuola Primaria “Tito Acerbo” dell’Istituto Comprensivo di Loreto Aprutino (PE), diventati così i protagonisti di un progetto di “Service Learning” scaturito dal programma FSE-PON per la cittadinanza globale.

Ieri, venerdi 4 ottobre, i ragazzi di Loreto Aprutino e le loro insegnanti sono stati complimentati da Roberto Alborghetti, in Abruzzo per corsi di formazione ai docenti sui temi del libro “Social o dis-social?”. Durante la visita, gli alunni hanno illustrato come si è svolta la propria attività, hanno presentato le copie del giornale scolastico “Il Pensagramma”, che sarà premiato a “Penne e Video Sconosciuti” a Piancastagnaio, dove la scuola sarà in visita dal 25 ottobre prossimo. Hanno pure lanciato un appello a favore dei coetanei di Ouedkiongo. E hanno donato due fascicoli relativi alle esperienze scolastiche vissute dall’Istituto Comprensivo: “Le avventure di Peppina”, curato da Giselda Di Cesare, Graziella Marrone, Marianna Rasetta; “Il viaggio di Topolino Matteo”, a cura di Maria Di Tonno con il team docenti della Scuola dell’Infanzia.

Sito dedicato al Progetto Pegaso, dove è possibile partecipare anche con una donazione:

https://loretoburkina.blogspot.com/

 

 

Annunci

IC LORETO APRUTINO (PE): LA PACE INIZIA DAI DIRITTI DI TUTTI I BAMBINI


I diritti dell’infanzia, i contenuti della Costituzione e dell’Agenda 2030. A Loreto Aprutino, presso l’Istituto Comprensivo, tutto questo è confluito in un simpatico prodotto didattico, che le classi hanno adottato come un vero e proprio percorso da vivere in classe. Il tema dei diritti dei bambini anima le varie pagine, fatte di musica, canzoni, spazi da riempire con la creatività. E poi la storia del Pesce Pace, che vive nel Mediterraneo, teatro di storie drammatiche e dolorose, come quelle dei bimbi che, insieme ai genitori, fuggono da Paesi in guerra… Temi di grande e drammatica attualità, anche in questi giorni, che richiamano e reclamano l’esigenza di un nuovo umanesimo, a partire da chi gestisce i destini dei Paesi. Segnaliamo dunque questo singolare lavoro didattico dell’IC di Loreto Aprutino, diretto dalla prof.ssa Lorella Romano. L’attività è stata sostenuta dal Comune, dall’associazione Splendida Loreto e dai vigili urbani.

Questa la scheda di presentazione del progetto:

cattura 7cattura 8cattura 9 E queste alcune pagine tratte dal lavoro dell’IC di Loreto Aprutino (PE):

http://www.istitutocomprensivodiloretoaprutino.edu.it/

 

“LA COPPA DALLE GRANDI ORECCHIE”: IL RACCONTO DI GIACOMO, STUDENTE DI LORETO APRUTINO (PE)       


20190118_140558_resized

“La Coppa dalle grandi orecchie”. Bel titolo. Sì, anche sorprendente. Come è sorprendente anche la notizia che sta dietro tutto questo. Infatti, Giacomo Scurti, alunno della scuola secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo di Loreto Aprutino, diretto dalla prof.ssa Lorella Romano, è l’autore del piccolo libro che mi è stato donato poche settimane fa, quando fui nella sua scuola per presentare “Social o dis-social?” e “Oggi mi faccio un goal!”.

Era un testo nato nell’ambito delle attività didattiche e che poi, come opportunamente deciso, è stato trasformato in un prodotto stampato, come testimonianza di un impegno didattico. Sì, perchè a Loreto Aprutino ci sanno fare (e bene) con la penna. Basta leggere il loro giornale scolastico, il “Pensagramma“, pluripremiato anche a Penne Sconosciute, una testata che è palestra di idee, abilità e creatività.

Lui, Giacomo, molto orgogliosamente, sostenuto dai suoi compagni di classe, mi presentò il suo goal: una bella storia di calcio, dove lui stesso è il protagonista. Infatti, le 12 pagine della pubblicazione raccontano il sogno personale di Giacomo e la sua passione sportiva per il calcio.

E’una vicenda narrata in prima persona, ben scritta, ben articolata, che si chiude con il lieto fine, tanto sperato e sognato, dopo tutte le difficoltà. Ossia: levare in alto la coppa della vittoria, aggiudicatasi dalla sua squadra (il Napoli) proprio dopo il rigore tirato da Giacomo. Il goal dell’affermazione piena, che consente al centrocampista Scurti di agguantare la coppa. Una partita finita bene in una storia che, per Giacomo, era iniziata con “un brutto infortunio”.

Giacomo, da grande, forse farà il cronista, forse lo scrittore, forse il calciatore. Intanto, ha dato alle stampe il suo piccolo libro, che orgogliosamente mi ha presentato a Loreto Aprutino. Merita un “bravo”, davvero! Come chi l’ha sostenuto e seguito in questa impresa…editoriale. r.a.

20190118_140537_resized

ESPERIENZE / LORETO APRUTINO (PE): LA COMUNICAZIONE C.A.A. PER UNA POESIA SULLA PACE (CON FLASHMOB)


Poesia per la Pace 2019

Simpatica e bella iniziativa all’Istituto Comprensivo di Loreto Aprutino (PE) diretto dalla prof.ssa Lorella Romano. In vista del Natale 2018 e del Capodanno 2019, si è tenuto un flashmob con la declamazione della Poesia per la Pace, realizzata in C.A.A. Qui sotto il pdf con la composizione poetica e il video del flash mob.

C.A.A signifca “Comunicazione Aumentativa e Alternativa”. E’ il termine usato per descrivere tutte le modalità di comunicazione che possono facilitare e migliorare la comunicazione di tutte le persone che hanno difficoltà ad utilizzare i più comuni canali comunicativi, soprattutto il linguaggio orale e la scrittura. E’ denominata aumentativa perché non sostituisce, ma incrementa le possibilità comunicative naturali della persona. Si definisce alternativa in quanto utilizza modalità di comunicazione alternative e diverse da quelle tradizionali. Tutto ciò tende a creare opportunità di reale comunicazione anche attraverso tecniche, strategie e tecnologie e a coinvolgere l’ambiente di vita di quanti scelgono di comunicare con il linguaggio C.A.A.

Una esperienza di C.A.A. è appunto documentata nel materiale didattico realizzato dall’IC di Loreto Aprutino, che ringraziamo per la condivisione di questa bella iniziativa. 

IL PDF E IL VIDEO CON LA POESIA IN C.A.A.

POESIA NATALE 2018