MARCELLINA E LA SUA BOTTEGA SULL’AMIATA: UN ARTICOLO PER “CRONISTI IN CLASSE”


Marcellina e la sua magica bottega – raccontati nel libro di Roberto Alborghetti edito da Funtasy Editrice, con la grafica di Eleonora Moretti – hanno dato lo spunto agli studenti della Classe 3 B della Scuola secondaria “Da Vinci” di Abbadia S. Salvatore di redigere un articolo e partecipare al concorso “Cronisti in classe” indetto dal quotidiano  La Nazione. Tra l’altro, il libro era stato presentato, sempre nelle scuole di Abbadia SS., lo scorso dicembre, in collaborazione con OSA e Nicola Cirocco, suscitando l’interesse degli allievi, che conoscono molto bene Marcellina e la considerano, come tanti, un vero e proprio personaggio del Monte Amiata. L’attività giornalistica è stata coordinata dalla prof.ssa Roberta Mammolotti.

Ricordiamo che il libro “Marcellina e la Bottega del tempo sospeso” – in cui si racconta in modo fantastico di questo negozio meta di tanti visitatori – è sempre disponibile presso la stessa bottega di Marcellina, ad Abbadia SS. in via Cavour.

Qui presentiamo l’articolo realizzato dagli studenti di Abbadia. Sopra la versione pubblicata sull’edizione cartacea de La Nazione e qui sotto il link alla versione on line. Buona lettura.

Link all’articolo on line:

http://lanazione.campionatodigiornalismo.it/2019/04/03/il-mondo-sospeso-di-marcellina/

Annunci
Annunci

SAFER INTERNET DAY ’19: ALL’IC “CAPPONI” DI MILANO UNA GIORNATA PER LA RETE “SOCIAL” (E NON “DIS-SOCIAL”)


poster programma mi ic capponi

“Insieme per un internet migliore” è lo slogan che scandirà, il 5 febbraio, il Safer Internet Day 2019, la giornata mondiale che –  istituita nel 2004 dall’Unione Europea – vuole invitare istituzioni, enti, aziende e cittadini ad unirsi per creare una Rete più sicura per tutti, in particolare per i più giovani. E proprio martedi  5 febbraio, a Milano, la ricorrenza incrocia la presentazione del libro “Social o dis-social? / Misura il tuo modo di stare (bene) nella Rete”, che appunto tratta le tematiche dell’uso consapevole dell’web.  Infatti, l’evento avrà una sottolineatura particolare all’Istituto Comprensivo “Gino Capponi”, dove è promossa una giornata di riflessione con incontri che coinvolgeranno studenti, docenti e genitori, presso varie sedi dell’IC diretto dalla prof.ssa Gabriella Conte. Il programma ruoterà attorno al titolo del libro di Roberto Alborghetti, uscito per Funtasy Editrice e proporrà all’attenzione tematiche e problematiche che riguardano l’uso consapevole della tecnologia, da vivere come una grande opportunità e non come un’esperienza che può ostacolare il ben-essere personale. Ecco in sintesi il programma:

  • AULA TEATRO – SCUOLA PRIMARIA “DOMENICO MORO”, Via Pescarenico 6, ORE 9:00-11:00 Incontro per gli alunni delle classi Prime della Scuola Secondaria 1° “Gemelli”.
  •  AULA TEATRO – SCUOLA SECONDARIA DI 1° GRADO “ANTONIO GRAMSCI” Via F. Tosi 21, ORE 11:30 – 13.30 Incontro per tutti gli alunni delle classi Prima, Seconda e Terza.
  •  AULA TEATRO – SCUOLA SECONDARIA DI 1° GRADO “ANTONIO GRAMSCI”, Via F. Tosi 21, ORE 18:00, “NOI EDUCATORI AL TEMPO DI INTERNET”, Incontro per i docenti e per i genitori degli alunni dell’Istituto Comprensivo “Capponi”.

Gli incontri saranno introdotti dalla Dirigente Scolastica Prof.ssa Gabriella Conte. L’iniziativa è promossa dall’Istituto Comprensivo “G.Capponi” in collaborazione  con l’Associazione Genitori Ami.Ca.

“Social o dis-social”  si propone come una coinvolgente guida per accompagnare gli “under 14″(e non solo) nella navigazione dell’web. Prefato dal prof. Mario Morcellini (commissario nazionale Agcom), illustrato graficamente da Eleonora Moretti e stampato con il carattere Easy Reading – che facilità la leggibilità nei soggetti che vivono forme di dislessia, fenomeno che studi e ricerche collegano anche alla fruizione incontrollata del digitale già dalla tenera età – “Social o dis-social” risponde in modo concreto all’esigenza di informazione e formazione sulle tematiche dell’uso della tecnologia digitale.

Infatti, si leva insistente da molti genitori il grido d’allarme che riguarda i figli eternamente iper connessi sugli schermi di smartphone, tablet e play station, preda di chat e videogiochi che rubano sempre più tempi e spazi. Un’attrazione fatale che, appunto, comincia dai primi anni di vita e si consolida col passare degli anni, sino a diventare una vera dipendenza. Numerosi sono ormai i moniti provenienti dal campo medico, scientifico e pedagogico. Crescono con la voracità esponenziale del tempo trascorso sui social. Anche Tim Cook, il gran capo di Apple, e Tim Berners Lee, “padre fondatore” della Rete, parlano di overdose da connessione. Vi è dunque la necessità di fornire ai più giovani, e ai genitori, elementi e strumenti di lettura della realtà per capire se il web ci stia effettivamente rendendo più “dis-social” che “social”. Come appunto suggerisce il titolo del libro.

 

“SOCIAL O DIS-SOCIAL?” AD ANAGNI (FR): QUANTO TEMPO SI PASSA SUL CELL?


Sabato 19 gennaio ad Anagni (FR) si è aperto il lungo “giro” di presentazioni per il 2019 per il testo “Social o dis-social?“, edito da Funtasy. Per questo evento, promosso dall’Istituto Comprensivo Anagni Uno, e patrocinato dal Comune di Anagni, è stata scelta la formula dell’incontro pubblico, aperto all’intera cittadinanza. Suggestivo il luogo, la bellissima Sala della Ragione, nel medioevale Palazzo Comunale di quella che è storicamente conosciuta come “la Città dei Papi“. E poi la presenza dei docenti dell’IC, diretto con grande passione ed entusiasmo dalla prof.ssa Daniela Michelangeli. C’erano anche il sindaco, dott. Daniele Natalia, a capo di un’amministrazione che era rappresentata con assessori e consiglieri. Anche questo, il segno concreto – e non scontato – di un’attenzione alle tematiche sociali e della piena condivisione, da parte dell’ente pubblico, della realtà scolastica ed educativa del territorio.

L’attualità non è mancata nei vari interventi. La stessa sentenza del Tar Lazio – che obbliga lo Stato a promuovere  ‘una campagna d’informazione sull’uso responsabile del telefono, soprattutto per i bimbi che lo utilizzano in età sempre più precoce’ – ha  reso ancora più attuali e significative le tematiche di  “Social o dis-social?”, richiamate nel corso del convegno, che ha visto la presenza di genitori e degli alunni delle classi quinte della primaria e delle classi prime e seconde della scuola secondaria di primo grado.

Insieme a Roberto Alborghetti, autore del libro, sono intervenuti e hanno preso la parola, il dirigente scolastico, dott.ssa Daniela Michelangeli, il sindaco di Anagni, Daniele Natalia, l’assessore alla cultura, Carlo Marino, il consigliere comunale delegato alla pubblica istruzione, Riccardo Ambrosetti, il consigliere comunale con delega ai servizi sociali, dott. Danilo Tuffi. Prima del dibattito, è stato presentato l’interessante lavoro che alcune classi dell’IC Anagni Uno hanno svolto sulle problematiche del cyberbullismo, con la produzione di testi e di due video, ben realizzati ed espressione di un’attenta guida da parte del gruppo docenti. Oltremodo articolate le riflessioni dei rappresentanti della scuola e delle istituzioni, che hanno messo l’accento sulla necessità dell’uso consapevole dei dispositivi digitali e su come la tecnologia debba essere considerata una grande opportunità e non come un’esperienza che può ostacolare il benessere personale.

Roberto Alborghetti, nel suo intervento, ha richiamato alcuni dei temi illustrati nel libro, come quelli della condivisione delle immagini, dei limiti di età per poter scaricare le app ed avere un profilo sui social, della sicurezza dei dispositivi digitali, degli effetti della luce blu sul sistema visivo, della necessità dell’affiancamento dei genitori. O altre problematiche, come quelle della postura, dell’epilessia fotosensibile, dell’accesso alle chat e, soprattutto,  del tempo orario  che può essere dedicato al consumo della tecnologia digitale (smartphone, tablet, play station). Sì, passiamo tanto tempo sul cell! E quanto è scritto nel libro, relativamente al consumo dei giovanissimi, ha pure provocato la battuta del sindaco Natalia: “Ragazzi, sono ben 45 giorni in un anno!”.

Grande l’attenzione del pubblico e tante le domande che gli allievi hanno rivolto all’autore, che non ha infine mancato di autografare le copie del libro. Erano presenti all’incontro anche Paolo Sandini, coordinatore editoriale di Funtasy Editrice, e Valerio Pasquale Lunghi, della Di Cosmo distribuzione libri. Un “grazie” per la collaborazione è stato pubblicamente rivolto a tutto il gruppo docenti dell’IC Anagni Uno e alla docente Brunella Aureli che ha coordinato l’iniziativa. Nella circostanza dell’evento è stato esposto, nell’adiacente Sala delle Trifore, il plastico sul “Parco giochi che vorrei”, realizzato dagli alunni di Osteria della Fontana nell’ambito del progetto New WebQuest. Sì, perchè uno degli appelli fatti da Roberto Alborghetti, è stato quello di non dimenticare lo sport e l’attività ludica magari a vantaggio dell’isolamento digitale nella propria cameretta.

Per incontri con l’autore e stage di formazione: funtasyeditrice@gmail.com

editoriale oggi

LA FIABA DI MARCELLINA IN UN LIBRO-NOVITA’: NE PARLA “IL CORRIERE DI SIENA”


45176918_2236204603288918_528783879423655936_n

Sul Corriere di Siena di oggi, 1° novembre 2018, è pubblicato un bellissimo articolo sulla presentazione del libro “Marcellina e la bottega del tempo sospeso”, di Roberto Alborghetti Funtasy Editrice. Un vivissimo grazie alla giornalista Mariella Baccheschi che ha raccontato l’emozionante pomeriggio ad Abbadia S.S. (Siena) dedicando attenzione a questa fiaba moderna che narra di una piccola grande donna del Monte Amiata. Per info, prenotazioni, incontri con l’autore e pubbliche letture: funtasyeditrice@gmail.com

INNOVAZIONE DIDATTICA: “ALBUMONE” ALLA FATTORIA DI DINO CONTADINO


AlbumOne 2 copertina

Un contadino di nome Dino, una mucca che fa il latte “più buono del mondo”, una fattoria costruita sulla collina del sole. Sono, questi, alcuni degli elementi attorno ai quali ruota il secondo titolo di AlbumOne, l’innovativa collana di Funtasy / Le edizioni del Divertimente. Dopo il primo fascicolo – “Avventure in mongolfiera” – accolto da grandi consensi nelle scuole dell’infanzia e nelle scuole primarie, ecco il secondo numero delle storie giallorossoblu, ideali per essere al centro di attività scolastiche – età suggerita: dai 4 ai 7 anni – o di una lettura in famiglia. Scritte da Roberto Alborghetti, e accompagnate da illustrazioni create da Eleonora Moretti, le storie sono state concepite e presentate come uno strumento da “mettere nelle mani” dei docenti e dei piccoli allievi.

Anche nella sua seconda uscita, AlbumOne conferma la sua caratteristica fondamentale: non è semplicemente un libro, ma un vero e proprio strumento di lavoro, da costruire settimana dopo settimana, insieme ai bambini. Lo hanno del resto dimostrato le numerose scuole che l’hanno adottato: hanno creato e dato vita a bellissime esperienze di gioco e di scoperta, documentate in elaborati e materiali didattici di grande fantasia. Una “magia” che continua con AlbumOne n.2, con una storia divertentissima e fantasiosa, ambientata nella fattoria più colorata che ci sia.

ALBUMONE: UNA STORIA CHE DA’ VITA ALLE STORIE

Anche AlbumOne n.2 è costruito in modo semplice e al tempo stesso innovativo. Innanzitutto è quadrato! . Ossia ha una forma che – è scientificamente provato – favorisce nel bambino una migliore postura, una maggiore concentrazione, un’armonia di gesti ed un utilizzo migliore e razionale dello spazio-foglio.

C’è poi la seconda storia giallorossoblu, che fa parte di una serie di otto, scritte da Roberto Alborghetti. Sono storie che l’autore ha creato e costruito nel dialogo con la propria figlia, nel corso degli anni dell’infanzia, tra i 4 e i 7 anni.  Dunque, storie “vive”, belle, simpatiche ed empaticamente suggestive, proprio perché nate nel divertimento e nel gioco di farsi e di porre domande. Storie che rimandano e si collegano sempre alle stesse esperienze del bambino, ai momenti della sua crescita, alle sue piccole grandi difficoltà, alle sue scoperte.

In “Dino Contadino e la mucca Dosolina” si va alla scoperta dell’atmosfera vissuta in campagna, della vita all’aria aperta, del mondo degli animali e del tema dell’alimentazione.

La storia è presentata a puntate, nell’arco delle varie pagine. E ogni puntata suggerisce domande, percorsi, prospettive, disegni da realizzare sui fogli bianchi, spazi da riempire in piena libertà, rivivendo e re-interpretando le varie scene della storia. Sperimentando sempre la scoperta di parole nuove, in un arricchimento lessicale coinvolgente e divertente.

Così, di pagina in pagina, di mese in mese, la storia giallorossoblu di Dino Contadino e della sua bellissima fattoria, produrrà e suggerirà altre storie, che rimarranno  “scolpite” nelle pagine di AlbumOne, che diventerà documento imperdibile e diario dei primi anni di vita. Un documento da conservare, da donare ai genitori, al termine dell’anno scolastico. E gli stessi genitori, potranno anche essere coinvolti nella realizzazione delle varie pagine, da fare, creare e elaborare a casa insieme ai propri figli.

AlbumOne è accompagnato da una speciale “Guida per il Docente” con notizie, informazioni per le attività di classe, piano generale dell’opera e schede per le competenze europee e i campi di esperienza. La Guida è in omaggio per i docenti ed è disponibile in versione pdf.

ALBUMONE 2: DINO CONTADINO E LA MUCCA DOSOLINA

INFORMAZIONI E CARATTERISTICHE TECNICHE 

Titolo: Dino Contadino e la mucca Dosolina

Autore: Roberto Alborghetti

Illustrazioni : Eleonora Moretti

Numero pagine: 28

Formato quadrato: 28 x 28 cm

Confezione: Punto metallico

Prezzo al pubblico: Euro 5,50

Pubblicato da Funtasy – Le edizioni del divertimente

Coordinamento commerciale: Paolo Sandini

Per informazioni, incontri, letture pubbliche: funtasyeditrice@gmail.com

 

LIBRO NOVITA’: “BRUNO DEPETRIS, CUORE & LAVORO SOTTO IL MONVISO”


La storia e l’esempio di un imprenditore piemontese che, partito dalla gavetta, ha trasformato i suoi sogni in realtà. Tutto questo è raccontato in : “Bruno Depetris, Cuore & Lavoro sotto il Monviso” di Roberto Alborghetti, Marna Edizioni. L’evento di presentazione si terrà l’8 settembre 2018, alle ore 20,30, presso Alter Hotel di Barge (Cuneo), con la presenza di Agnese Peiretti Depetris, della sindaca di Barge, Prof.ssa Piera Comba, dell’autore e dei familiari del compianto Bruno Depetris.  Nella circostanza verranno dedicate alla memoria di Bruno Depetris borse di studio per giovani allievi.

LIBRI NOVITA’ / “SENZA SCONTI”, DODICI STORIE PER RITROVARCI (NELLA VITA DEGLI ALTRI)


Senza sconti

Dodici storie che ti portano dentro il vissuto quotidiano, a contatto con volti e persone nelle quali si rispecchia sempre un po’ di ognuno di noi, i nostri sogni, con le nostre tensioni, le nostre paure. “Senza sconti” è questo. Un libro che parla “di” e “ad” ognuno di noi. L’hanno scritto, a quattro mani, Sergio Astori (psichiatra, docente e consulente scientifico) e Sergio Massironi (sacerdote, docente, impegnato nella pastorale giovanile e in campo sociale).

L’esperienza che i due autori hanno guadagnato sul campo, lavorando con le più diverse realtà che interessano il mondo giovanile e non solo, ha permesso loro di cogliere aspetti, livelli e profili che, spesso, si celano dietro vicende alle quali, distratti come siamo, non prestiamo ascolto o facciamo finta di non vedere. Sono storie di persone che, con coraggio e audacia, sfidano pregiudizi e luoghi comuni di una realtà, anche mediatica, che ormai si ferma solo alle apparenze e non tenta approfondimenti. Sono storie che, nel segno del Vangelo, colgono “il bisogno che l’altro ha di essere riconosciuto: in negozio come in famiglia, in fabbrica come in banca, in palestra come in sacrestia”.

Ci appare, in controluce, il tracciato della “Chiesa in uscita” di papa Francesco e quella dei suoi predecessori. È la Chiesa del Concilio, “in missione” tra l’umanità che cerca brandelli di speranza e spiragli di luce, nonostante tutto. Una Chiesa che sta tra la gente e vive della gente. Come faceva Gesù. Originale lo sviluppo narrativo. Il racconto dell’oggi è intersecato – anche con la scelta di un diverso carattere tipografico – con le storie dei cronisti evangelici. Come per dire che, nella dinamica e nella storia delle relazioni umane, gli accadimenti offrono una certezza solo in una Verità immutabile ed incontrovertibile, che attende solo di essere accolta, ieri come oggi. È l’invito a recuperare, nella nostra vita, il mistero dell’incanto, dello stupore e della sana “lentezza”. Perché è bene “smetterla di dannarci pretendendo di dominare la nostra vita e di possederla onnipotentemente. Così facendo ci si smarrisce”.

Le pagine di “Senza sconti” – accompagnate da schede che suggeriscono e propongono verifiche personali – ci ricordano che la fragilità degli uni può diventare una modalità per comprendere la fragilità nostra e quella di chi ci sta accanto. E che la chiave per vincere le paure sta sempre nel rendere tutto più umano, più vicino a noi e alla sfera della vita quotidiana e del “comprensibile”.

ResilienzaDi Sergio Astori ci piace ricordare anche un altro bel testo, sempre pubblicato dalle edizioni San Paolo. Si tratta di “Resilienza” (144 pagine, Euro 16, 2017). Ossia, “andare oltre: trovare nuove rotte senza farsi spezzare dalle prove della vita”.

 

 

  • Sergio Astori e Sergio Massironi, Senza Sconti, Prefazione di Silvano Petrosino, San Paolo editrice, 130 pagine, Euro 16, 2018.

FAENZA (RA): LA GRANDE FESTA DELL’IC S.ROCCO CON GIOCHI, MOSTRE, PIZZATE E…L’APERILIBRO!


Tre giornate di festa a scuola, per celebrare la riuscita di un anno di lezioni. E per stare tutti insieme: docenti, allievi e famiglie. Accadrà il 17, 18 e 19 maggio prossimi a Faenza dove, come è tradizione, l’Istituto Comprensivo San Rocco, diretto dalla prof.ssa Marisa Tronconi, chiama a raccolta tutti attorno alla scuola insieme al Comitato Genitori. Tanti e diversi i momenti in programma, che vanno dai giochi alle mostre didattiche e a gare canore, dai pasti alle pizzate consumati in allegria. Si parlerà anche di libri con Roberto Alborghetti, che parteciperà ad incontri con gli alunni e all’AperiLibro con i genitori (serata di venerdi 18 maggio). In questa pagina proponiamo le locandine della manifestazione. Dunque, ci vediamo a Faenza, all’IC San Rocco, per una festa a scuola