IN 500 ALLA GIORNATA SPECIALE SUL “LIBROFONINO” ALL’ISTITUTO S.MARTA DI VIGHIZZOLO DI CANTU’ (CO)


20171121_004703IMG-20171120-WA0001IMG-20171121-WA0010IMG-20171121-WA0011

Testo: Stefano Alberti

Foto di Barbara Mascheroni e Giuseppe Catania

Oltre 500 persone – tra alunni, alunne e genitori – hanno partecipato, lunedi 20 novembre, alla speciale giornata che l’Istituto Paritario Santa Marta ha promosso a Vighizzolo di Cantù sui temi al centro del libro “Pronto? Sono il librofonino” di Roberto Alborghetti. Una grande risposta in termini di partecipazione e di attenzione, a conferma di come le tematiche delle nuove tecnologie, il loro uso ed abuso interessino i giovanissimi e le famiglie. La preside suor Maria Pia Mucciaccio, i docenti e la comunità religiosa (fondata a Genova nell’Ottocento da un vescovo giornalista, Tommaso Reggio) hanno accolto Roberto Alborghetti, fin dalle prime ore di scuola mattutine, nella bella e funzionale struttura di via Montenero, fondata a Vighizzolo quasi 90 anni fa.

La mattinata è stata piena. L’autore del “Librofonino” ha parlato e dialogato con gli studenti della scuola secondaria di primo grado per ben 3 ore, dalle 10,30 alle 13,30. E’ stato un dibattito intenso e forte, al quale gli studenti hanno partecipato con domande, commenti, racconti di esperienze, in un felice esempio di educazione alla pari. Nel pomeriggio, Roberto Alborghetti ha incontrato gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola primaria. Grande anche l’interesse dei più piccoli, che hanno obbligato l’autore a prolungare il tempo dell’incontro.

“Storie, testimonianze ed esperienze per prendere coscienza che la tecnologia non va usata per mentire, deridere o ingannare un altro essere umano o per farsi coinvolgere in conversazioni che possono fare del male a se stessi e al prossimo”. E’ stato questo il motivo conduttore dell’esperienza vissuta dai ragazzi, ai quali sono stati proposti informazioni, grafici, video, tabelle e dati riguardanti i fenomeni inerenti ai temi della legalità e della sicurezza in rete. In serata, alle ore 21, Roberto Alborghetti ha incontrato genitori ed educatori  sul tema “La nostra vita in cella (digitale). Telefonini e nuove tecnologie tra comodità e dipendenza”. Davvero attenta e profonda la partecipazione alla serata, introdotta dalla preside suor Maria Pia. Dunque, anche a Vighizzolo, “Pronto? Sono il librofonino”, nella semplicità della sua storia, ha voluto suggerire modalità e modi di essere per gestire al meglio la comunicazione tramite i telefonini, realtà che sta cambiando (e condizionando) la nostra vita quotidiana. Presenti all’iniziativa, anche Barbara Mascheroni e Giuseppe Catania de I Quindici.

Ora il “giro” prosegue. Prossima tappa a Crema venerdi prossimo, 24 novembre, presso la Fondazione Carlo Manziana (Via Dante Alighieri 24, ore 21).

Annunci

PRONTI PER UNA PARTITA SORPRENDENTE? VOLETE ESSERE CONVOCATI ANCHE VOI?


#oggimifaccioungoal #lasciatecigiocare

Oggi Mi Faccio un Goal Copertina

VOLETE CONVOCARE LA… SQUADRA ANCHE NELLA VOSTRA SCUOLA, NEL VOSTRO QUARTIERE E NELLA VOSTRA COMUNITA’?  CONTATTARE: sandinipaolo@gmail.com

IN PIENA ESTATE 2017 ARRIVA “LA MISERICORDIA…ALL’IMPROVVISO”. ECCO LA CARTELLA STAMPA


Cartella Stampa sulla novità editoriale Velar. Il quinto titolo firmato da Roberto Alborghetti su Papa Bergoglio. Il testo si apre con una intervista in esclusiva a mons. Rino Fisichella. Un avvincente percorso tra segni e gesti per una nuova “rivoluzione” culturale.

Scarica la Cartella Stampa completa su Academia.edu:

https://www.academia.edu/34076433/LA_MISERICORDIA…_ALLIMPROVVISO_Cartella_Stampa

 

 

ANCHE UNA SERATA “SENZA CELLULARE” NEL LIBROFONINO-DAY ALL’ARGENTARIO NEL VILLAGGIO-CAMPING “VOLTONCINO”


Ci sarà anche una cena obbligatoriamente senza cellulare nel “Librofonino Day” in programma all’Argentario, ad Albinia di Orbetello. Sì, una serata disintossicante, in cui i partecipanti saranno invitati a spegnere e a non usare gli smartphones. Sarà anche questo uno dei momenti significativi dell’ evento in programma lunedi 31 luglio 2017, nelle strutture del Villaggio Camping Voltoncino, ad Albinia di Orbetello (GR), nell’incantevole scenario dell’Argentario. “Tutti in gioco con il “librofonino” è il motivo conduttore che si snoderà attorno al libro di Roberto Alborghetti, “Pronto? Sono il librofonino”, edito da I Quindici, dove “un cellulare racconta storie di smombies, smartphones e cyberbulli”.
Già presentata nei mesi scorsi, con grande risposta del pubblico, in oltre sessanta incontri in giro per le scuole d’Italia, la pubblicazione sarà ora proposta nel contesto di una “giornata al mare”, dove spicca l’evento di una vera e propria gara di lettura. Il programma, con la partecipazione dell’autore, prevede momenti per i ragazzi, un incontro per gli adulti e per tutti e, appunto, una “cena proibita” a chi usa i cellulari. Eccolo nel dettaglio:
Ore 15,30 : Librofonino Game, 1° campionato nazionale sul libro “Pronto? Sono il librofonino” riservato a ragazze e ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo grado. La partecipazione è gratuita, con premi messi a disposizione da “I Quindici”.
Ore 18.00 : Telefonini & Tecnologia: Ma siamo tutti smombies? L’uso del cellulare tra comodità e dipendenza. Incontro con Roberto Alborghetti, autore. Parteciperanno: Eleonora Moretti, Illustratrice; Roberta Capitini, Dirigente scolastico I.C. Albinia; Lea Bigiorini, Insegnante, Albinia; Don Antonio Scolesi, Parroco di Albinia; Nicola Cirocco, Associazione Culturale OSA Onlus. Sarà presente TV9.
Al termine:Cena Maremmana, con l’obbligo di non usare, per un paio di ore, il cellulare. Dunque, i commensali saranno invitati a lasciare a casa il telefonino o a spegnerlo. Insomma, una serata detox per quanto riguarda suoneria e onde elettromagnetiche.
Il libro “Pronto? Sono il librofonono” è intanto già disponibile presso il negozio-spaccio da Katia presso il Camping Voltoncino di Albinia di Orbetello. La manifestazione è promossa da Camping Voltoncino, Osa Onlus, Parrocchia Maria SS. delle Grazie, I Quindici. Le iniziative sono aperte a tutti. Il Camping Voltoncino si trova sulla Strada Statale Aurelia 199.

31 LUGLIO: GIORNATA-EVENTO ALL’ARGENTARIO CON IL “LIBROFONINO GAME” (ALBINIA, CAMPING VOLTONCINO)


“Pronto? Sono il librofonino” va al mare per una simpatica giornata dove la lettura – anche sotto forma di un appassionante gioco – sarà la grande protagonista. Si preannuncia come un singolare evento quanto andrà in scena lunedi 31 luglio 2017, nelle strutture del Camping Voltoncino, ad Albinia di Orbetello (GR), nell’incantevole scenario dell’Argentario. “Tutti in gioco con il “librofonino” è il motivo conduttore che si snoderà attorno al libro di Roberto Alborghetti, edito da I Quindici, dove “un cellulare racconta storie di smombies, smartphones e cyberbulli”.
Già presentata nei mesi scorsi, con grande risposta del pubblico, in oltre sessanta incontri in giro per le scuole d’Italia, la pubblicazione sarà ora proposta nel contesto di una “giornata al mare”, dove spicca l’evento di una vera e propria gara a suon di quiz. Il programma, con la partecipazione dell’autore, prevede momenti per i ragazzi e un incontro per gli adulti e per tutti. Eccolo nel dettaglio:
Ore 15,30 : Librofonino Game, 1° campionato nazionale sul libro “Pronto? Sono il librofonino” riservato a ragazze e ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo grado. La partecipazione è gratuita, con premi messi a disposizione da “I Quindici”.
Ore 18.00 : Telefonini & Tecnologia: Ma siamo tutti smombies? L’uso del cellulare tra comodità e dipendenza. Incontro con Roberto Alborghetti, autore, con ospiti ed interventi a sorpresa.
Il libro “Pronto? Sono il librofonono” è disponibile presso il negozio-spaccio da Katia presso il Camping Voltoncino di Albinia di Orbetello. La manifestazione è promossa da Camping Voltoncino, Osa Onlus, Parrocchia Maria SS. delle Grazie, I Quindici. Le iniziative sono aperte a tutti. Il Camping Voltoncino si trova sulla Strada Statale Aurelia 199.

*

Per info e calendario prossimi incontri:

Paolo Sandini, sandinipaolo@gmail.com 

ROSA, “LA ROCCIA DELLE LANGHE”: UN LIBRO RACCONTA LA NONNA DI PAPA BERGOGLIO


” Nonna Rosa / La roccia delle Langhe, da Cortemilia all’Argentina”, scritto da Orsola Appendino e Giancarlo Libert, è un libro dedicato “alla persona più importante nella vita di Papa Francesco”, ossia alla sua mitica nonna Rosa.
Attraverso un percorso da Cortemilia all’Argentina, gli autori (che hanno fatto anche brevi viaggi «alla fine del mondo», come dice Papa Bergoglio) ci portano a conoscere la vita di Rosa Margherita Vassallo, la “Nonna Rosa”, più volte citata dal Santo Padre.

Nel libro sono raccontati la nascita e i primi anni di vita vissuti nella parrocchia di San Massimo di Cagna in Alta Langa; l’adolescenza e la giovinezza vissute a Torino, dove conobbe e sposò Giovanni Bergoglio nella parrocchia di Santa Teresa. La nascita del figlio Mario, il trasferimento in Argentina dopo un decennio di permanenza ad Asti. In Argentina la gioia della nascita dei nipoti fino agli ultimi anni della sua lunga vita, sempre con la grande fede nata e cresciuta in Piemonte che trasmise ai suoi nipoti.

Se Rosa Margherita Vassallo ha trasmesso la fede al futuro Papa Francesco chi ha formato Nonna Rosa? Il testo fornisce una risposta a questa domanda. La seconda edizione aggiornata è dedicata a ” tutte le persone che vogliono conoscere un poco della vita di questa straordinaria Nonna di Papa Francesco. La pubblicazione sostiene le attività” dell’Asociación Civil n° 42965 “HACIENDO LÍO” promossa dai giovani nipoti di Papa Francesco i quali dedicano tutto il tempo libero da lavoro e studi ai più bisognosi d’Argentina; dagli Aborigeni del Chaco ai bambini di Buenos Aires che vivono sulla strada.
A sorpresa Papa Francesco, a Torino per l’Ostensione della Sindone, domenica 21 giugno 2015, visitò la chiesa dei frati carmelitani di Santa Teresa dove i nonni Giovanni Bergoglio e Rosa Margherita Vassallo si sono sposati il 20 agosto 1907 e suo papà Mario fu battezzato nel 1908.
Orsola Appendino vive in un piccolo paese della Diocesi di Asti. In pensione, appassionata di storia locale, si occupa di volontariato e da qualche anno di interscambi fra argentini e piemontesi. Collabora con Giancarlo Libert studioso di storia dell’emigrazione piemontese.
Giancarlo Libert (Torino 1963). Giornalista pubblicista, autore di libri, saggi e articoli sulla storia locale e sull’emigrazione piemontese. È socio del Centro Studi Piemontesi di Torino, della Società di Studi Storici di Cuneo, della Società di Storia, Arte ed Archeologia per le province di Alessandria e di Asti, di Iulia Dertona, della Società Studi Astesi, della Società Italiana di Studi Araldici e dell’Accademia Urbense.

*
orsola.appendino@yahoo.it

http://www.giancarlolibert.it

info@giancarlolibert.it

Il volume non è in vendita nelle librerie; può essere acquistato versando un’offerta.Per informazioni, inviare una mail a: orsola.appendino@yahoo.it

 

#LIBROFONINO TOUR 2017 / FOTOALBUM DEGLI INCONTRI DI SESTO FIORENTINO, MONTEFALCONE VF, CETRARO E DERUTA


Ecco alcune foto sulle più recenti tappe del “tour” di presentazione del libro “Pronto? Sono il librofonino /Un cellulare racconta storie di smombies, smartphones e cyber-bulli”, di Roberto Alborghetti, edito da I Quindici.

Alcune immagini da SESTO FIORENTINO (FIRENZE), dalla SCUOLA SECONDARIA 1° CAVALCANTI, dove si è svolto un incontro con gli studenti nell’ambito delle attività di “Maggio di Libri 2017”, promosso dalla Biblioteca Scolastica della Scuola “Cavalcanti” per il progetto a cura di Donatella Di Nardo.

Calorosa accoglienza anche a  MONTEFALCONE V.F. ALTO SANNIO (BENEVENTO), dove si sono svolti incontri-dibattito con studenti  e genitori, con la partecipazione del Dirigente scolastico Salvatore Rampone, dell’IC “O.Fragnito” di San Giorgio La Molara. Hanno collaborato il Comune e la Pro Loco del centro sannita.

Tappa anche in Calabria, dove a CETRARO, CONTRADA SAN FILIPPO, presso il bell’ORATORIO SAN FILIPPO NERI, si sono svolti distinti incontri che hanno coinvolto ragazzi, genitori, giovani ed educatori, grazie all’iniziativa di don Francesco Lauria, parroco.

Anche a DERUTA celebre patria della ceramica (PERUGIA), presso il Salone San Nicolò, nella Parrocchia S. Francesco, incontro su “Pronto? Sono il librofonino” con il tema: “Generazione Smombies?”.  Con l’autore, sono intervenuti don Nazzareno Fiorucci (parroco San Francesco in Deruta) e Mirco Casciarri (presidente AGeSC Comitato Regionale Umbria)

*

Volete promuovere un incontro-dibattito sui temi suggeriti dal libro “Pronto? Sono il librofonino”?  Per info e contatti: dott. Paolo Sandini, sandinipaolo@gmail.com

“NESSUNO RESTI INDIETRO” A SALERNO: INCONTRO-DIBATTITO SUI TEMI SOCIALI DI PAPA FRANCESCO (18 MAGGIO)


E’ un libro che continua ad interessare. E ad essere al centro di incontri e dibattiti. Accadrà anche giovedi 18 MAGGIO 2017, a SALERNO, presso la COLONIA SAN GIUSEPPE, in viale S.Allende 137, dove alle ore 17 avrà luogo un incontro su “Nessuno resti indietro / Papa Francesco, la dignità del lavoro e l’inclusione sociale”, di Roberto Alborghetti, edito da Velar.
L’evento è promosso da Lions, Arcidiocesi e AGESC. Con l’autore partecipano: Luigi Berlinguer (già ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca); l’Arcivescovo mons. Luigi Moretti; Luigi Gambaro, presidente Lions Salerno 2000; don Leandro Archileo D’Incecco, direttore Pastorale Scolastica dell’Arcidiocesi di Salerno, Campagna e Acerno;Maria Grazia Colombo, vice presidente Forum delle Associazioni Familiari. Moderatore dell’incontro: Giuseppe Acocella.
L’incontro di Salerno – fortemente voluto da Laura Marmai, dell’esecutivo nazionale AGeSC – vuole essere un’opportunità di riflettere sulle tematiche della pace, della giustizia sociale, della solidarietà e dell’educazione al senso civico così come suggerito dal messaggio di Papa Francesco. Già ristampato e accolto da grande attenzione da parte del pubblico e dagli opinion leaders, “Nessuno resti indietro” presenta Papa Francesco e la sua sensibilità per i temi della dignità del lavoro, dell’inclusione sociale e della solidarietà, offrendo una documentazione inedita su fatti ed esperienze vissute dal futuro Papa nel difficile contesto storico e sociale dell’Argentina.
Intervenendo a Firenze ad un’altra presentazione del libro, lo stesso senatore Berlinguer disse: “Concordo con il pensiero di Alborghetti. Non si può comprendere questo Papa e il suo papato se non si conosce bene il Papa , da dove proviene e le sue esperienze in quel di Buenos Aires”.
“Un libro affascinante, che ci permette di capire perchè Papa Francesco fa e dice determinate cose“: queste le parole dell’ex premier sen. Giuliano Amato, giudice alla Corte Costituzionale, intervenendo ad un incontro di presentazione ad Albinia, promosso da Osa Onlus la scorsa estate. “Un testo che tutta la classe dirigente dovrebbe leggere”: così ha affermato l’avv. Vincenzo Massara, vice presidente nazionale di MCL. E il leader della Cisl Puglia, Giuseppe Boccuzzi, ha pubblicamente consigliato la lettura di “questo libro meraviglioso,per dedicarlo a chi non può partire in vacanza o a chi non ha mai avuto un lavoro o lo ha perso e non lo trova. Una lettura che ci sproni a pensare ed agire affinchè Nessuno resti indietro, come dice il Santo Padre”. La giornalista e scrittrice Marina Lomunno, sempre attenta al “sociale”, ha scritto sul settimanale di Torino (“La Voce del Popolo”) che il libro offre una “efficace sintesi della visione di Papa Francesco sui temi del lavoro”.
Le pagine di “Nessuno resti indietro” ci portano dentro gli anni e le esperienze pastorali che Jorge Mario Bergoglio ha vissuto nella Buenos Aires del lavoro-schiavo, dei laboratori clandestini, della tratta delle persone, dello sfruttamento dei minori, della disoccupazione, del lavoro nero, nel “tritacarne” dell’economia speculativa. Tra quelle vicende – scrive Alborghetti – “ho trovato la risposta all’interrogativo perché questo Papa insiste coerentemente sulla necessità di “un nuovo ‘umanesimo del
lavoro’, dove l’uomo, e non il profitto, sia al centro; dove l’economia serva l’uomo e non si serva dell’uomo”, dove i tanti giovani che non lavorano sono “i nuovi esclusi del nostro tempo”, “vengono privati della loro dignità”, mentre “la giustizia umana chiede l’accesso al lavoro per tutti”.

Nella sofferenza condivisa per tanti episodi di ingiustizia e di esclusione sociali – il libro, ad esempio, ricostruisce le vicende della strage ferroviaria dell’Once e del massacro di quasi 200 giovani nella discoteca Cromañón , delle vittime del lavoro schiavo e della criminalità collegata al racket delle persone e allo sfruttamento minorile in circa 3.000 fabbriche tessili abusive – nasce, si muove e si eleva il grido
del “Nessuno resti indietro” dell’arcivescovo Bergoglio, e del modello di un nuovo ordine sociale ed economico, che – come si scrive nel libro – è definibile con il termine “Francisnomics”.

#LIBROFONINO TOUR 2017 / PROSSIME TAPPE: SESTO FIORENTINO (16/5), MONTEFALCONE VF (17/5), CETRARO S.FILIPPO (21/5), DERUTA PERUGIA (25/5)


Continua il “tour” di presentazione del libro “Pronto? Sono il librofonino /Un cellulare racconta storie di smombies, smartphones e cyber-bulli”, di Roberto Alborghetti, edito da I Quindici.  Ecco le tappe dei prossimi giorni:

  • 16 MAGGIO 2017, SESTO FIORENTINO (FIRENZE), SCUOLA SECONDARIA 1° CAVALCANTI, ORE 9,15 e Ore 11,15 Incontro sul libro “Pronto? Sono il librofonino”, nell’ambito delle attività di “Maggio di Libri 2017”. Promosso dalla Biblioteca Scolastica della Scuola “Cavalcanti” per il progetto a cura di Donatella Di Nardo.

  • 17 MAGGIO 2017, PLESSO SCOLASTICO DI MONTEFALCONE V.F. ALTO SANNIO (BENEVENTO), Incontri-dibattito su “Pronto? Sono il librofonino” con  studenti (ore 16) e genitori (ore 18). Con la partecipazione dell’autore. Saluti di benvenuto da parte del Sindaco Olindo Vitale e del Dirigente scolastico Salvatore Rampone, IC “O.Fragnito”, San Giorgio La Molara.

  • 21 MAGGIO 2017, CETRARO, CONTRADA SAN FILIPPO, ORATORIO SAN FILIPPO NERI, Incontro “La nostra vita in cella (digitale)”, Presentazione del libro “Pronto? Sono il librofonino”, con la partecipazione dell’autore. Programma: Ore 16 (ragazzi), Ore 18 (genitori, giovani ed educatori), Ore 20 Apericena; saluto di benvenuto: don Francesco Lauria, parroco.

  • 25 MAGGIO 2017, Ore 18, DERUTA (PERUGIA), Salone San Nicolò, Parrocchia S. Francesco, Incontro sul libro “Pronto? Sono il librofonino”; Tema: “Generazione Smombies?”, presso Salone Oratorio Parrocchia San Francesco. Con l’autore, intervengono don Nazzareno Fiorucci (parroco San Francesco in Deruta) e Mirco Casciarri (presidente AGeSC Comitato Regionale Umbria)

*

Volete promuovere un incontro-dibattito con la presenza dell’autore? Per info e contatti: dott. Paolo Sandini, sandinipaolo@gmail.com

ADOLESCENTI GIA’ CON LA GOBBA E MIOPI: DATI-CHOC NEGLI INCONTRI AD URGNANO PER IL #LIBROFONINO


 

“Adolescenti già con la gobba – come gli anziani – a causa della postura scorretta nell’uso dello smartphone. E ragazzi sempre più affetti da miopia, tanto che si parla già di epidemia”. I dati-choc dei più recenti studi nazionali

di osteopatia e pediatria diffusi a Urgnano (BG) nel corso dell’incontro di presentazione del libro “Pronto? Sono il librofonino” (I Quindici) presso la Sala Conferenze della Rocca. Con Roberto Alborghetti sono intervenuti la Dirigente scolastica Valeria Cattaneo (IC B.Colleoni), Iolanda Riseri (Assessore Comune di Urgnano) e la signora Bresciani, presidente dell’Associazione Genitori IC “B.Colleoni”. Un incontro avvenuto tra la grande partecipazione delle famiglie degli allievi dell’Istituto Comprensivo, che ha promosso l’iniziativa insieme al Comune di Urgnano e all’Associazione dei Genitori dell’Istituto Comprensivo. Coinvolti anche gli allievi, con due distinti momenti che hanno interessato i ragazzi dalle classi quinte della primaria alle terze della scuola secondaria di primo grado.

*

Per incontri di presentazione nelle scuole di “Pronto? Sono il librofonino”

contattare: Paolo Sandini, sandinipaolo@gmail.com