TESTIMONIANZE / “QUANDO IL GIORNO ERA UNA FRECCIA”: UN RACCONTO SU QUEL “BENE IMMENSO CHE SI CHIAMA SCUOLA”


 ?????????????????????????????????????

Riporto con piacere questa testimonianza sul libro “Quando il giorno era una freccia” – edito da AGeSC, e da me curato – scritta da Lucia Guglietta Morgillo, da sempre impegnata nel mondo della scuola, anche con compiti ed incarichi nella stessa associazione AGeSC. La ringrazio per le belle espressioni avute nei miei confronti e per questa mia recente “fatica” editoriale su Papa Bergoglio studente, docente ed educatore. R.A.

DI  LUCIA GUGLIETTA MORGILLO

Ho trovato questo libro come un crescendo di stimoli e di provocazioni. Per me è stato così, proseguendo nella lettura sono cresciute sempre più la curiosità e l’interesse per conoscere il pensiero e l’esperienza educativa e scolastica di Papa Francesco. Roberto l’ha riportata fedelmente aggiungendo in fondo ad ogni capitolo un commento personale mai superficiale ne scontato, fino a concludere il libro con l’incontro del 10 maggio scorso che il Papa ha voluto con tutto il mondo della scuola italiana.

Mi tremano le vene ai polsi quando penso alla sua grande responsabilità nello scrivere questo libro sulla testimonianza educativa di Papa Francesco e dei suoi anni nella scuola come insegnante. Credo che egli sia riuscito in questa impresa in modo ammirabile, con grande serietà e competenza, sue caratteristiche peculiari che lo contraddistinguono come uomo e come giornalista, avvalorate anche da un accurato lavoro di ricerca e di studio.

Lo ringrazio tantissimo per questo libro che considero una grazia del Signore, donata non solo a noi genitori dell’AGeSC ma a tutti coloro che hanno fatto dell’educazione e del “prendersi cura” una missione prioritaria e da questa si lasciano provocare ogni giorno della loro vita.

È stato scritto già molto sul Santo Padre Francesco ma, secondo me, mancava un resoconto così autentico e preciso della sua esperienza nel campo dell’educazione e della scuola. Dopo aver letto questo libro sento Papa Francesco tanto vicino da essere continuamente al mio fianco perché so che ha condiviso le mie stesse ansie e preoccupazioni di educatore, sento le sue parole pronunciate nelle circostanze riportare in questo libro come rivolte direttamente a me per incoraggiarmi e sostenermi nella mia missione educativa.

Inoltre, ho trovato conferma nelle parole di Papa Francesco riportate in questo libro delle ragioni del mio compito educativo non solo verso i miei figli ma anche verso i figli degli altri attraverso il mio impegno associativo nell’AGeSC che, occorre sempre più ribadirlo, non costituisce un fatto privato ma è per la società. Dice il Papa che “l’unica ragione per cui abbiamo qualcosa da dare in ambito educativo è la speranza in una nuova umanità, in un altro mondo possibile. È la speranza che nasce dalla saggezza cristiana, che attraverso il Risorto ci rivela la grandezza divina a cui siamo chiamati”. Questa è una grande consolazione che ci permette di guardare con fiducia al futuro.

Infine, mi ha colpito moltissimo il pensiero del Papa sulla scuola quando dice che lì dentro c’è “uno sguardo che ti aiuta a crescere” e ricorda in modo speciale la sua maestra di scuola elementare che gli ha insegnato ad amare la scuola.

È un ricordo che ha suscitato in me una grande emozione e al tempo stesso nostalgia e tenerezza verso la mia cara maestra, scomparsa ultranovantenne qualche anno fa, che ho incontrato spesso da adulta insieme a mio marito e ai miei tre figli, perchè mi ha aperto “la mente e il cuore” verso il mondo all’esterno della mia circoscritta esperienza famigliare, da lei ho “imparato ad imparare”, e  questo mi è rimasto per sempre, come dice Papa Francesco, e ha fatto di me “una persona aperta alla realtà”.

Il libro si conclude con l’invito del Papa, lanciato il 10 maggio in piazza S. Pietro, a non lasciarci rubare l’amore per la scuola. È un messaggio che è entrato nei nostri cuori e che ci costringe, nonostante tutte le difficoltà e i problemi che riscontriamo quotidianamente nelle scuole dei nostri ragazzi, a salvaguardare questo bene immenso che è la scuola.

Lucia Guglietta Morgillo

INFORMAZIONI SUL LIBRO

“Quando il giorno era una freccia” è in vendita nelle migliori librerie. E’ disponibile presso Ikonos e può essere richiesto per e-mail: atempopieno@ikonos.tv o per telefono ( tel. 035 200515, fax 201041), www.ikonos.tv

Il volume è disponibile in versione e-book nelle principali librerie on-line:

Amazon

http://www.amazon.it/gp/product/B00KTJ3450?*Version*=1&*entries*=0

Google Play Books

https://play.google.com/store/books/details/Roberto_Alborghetti_Quando_il_giorno_era_una_frecc?id=HN6_AwAAQBAJ

iBooks 

https://itunes.apple.com/it/book/quando-giorno-era-una-freccia/id886754191?mt=11

Kobo

http://store.kobobooks.com/it-IT/ebook/quando-il-giorno-era-una-freccia