CESENATICO ATTENDE I MINI-POETI, MA INTANTO ECCO LO SPETTACOLO DEL PORTO CANALE LEONARDESCO…


 

Un porticciolo sul mare, un antico borgo attorno al porto, un ampio arenile su cui si infrangono le tranquille onde dell’Adriatico. Cesenatico – dove il prossimo 27 settembre (Teatro Comunale, ore 21) si svolgerà la premiazione dei mini-poeti premiati per le poesie dedicate ai nonni – è uno dei più antichi centri balneari della riviera romagnola. Quando, sul finire dell’800 e agli inizi del ‘900, si cominciarono a delineare le nuove tendenze del turismo che spostava gli obiettivi dalla tradizionale campagna alle assolate spiagge marittime, Cesenatico costituì subito una delle mete più frequentate di riposo e svago.

Cesenatico ha saputo conservare intatta negli anni quella romantica poesia di altri tempi che le proviene dalle sue origini; i due volti di Cesenatico, quello moderno e attrezzatissimo centro turistico-balneare, e quello raccolto e intimo di borgo marinaro, riescono mirabilmente a convivere e a integrarsi.

Il porto “leonardesco” è un capolavoro che pare proprio creato dalla fantasia geniale di un poeta pittore, meta di ogni passeggiata, luogo d’incontro e di intrattenimento, palcoscenico degli antichi rituali che accompagnano le pratiche della pesca. L’andirivieni delle barche coi loro carichi di pesce ancora guizzante, le reti stese ad asciugare, il vociare dei pescatori, lo scarico delle casse colme di pesce, il trasbordo sui camion e sui furgoni diretti ai mercati ittici di tutta Italia: tutto ciò costituisce uno spettacolo antico eppur sempre nuovo.

Il porto vero e proprio salotto, è meta continua di turisti che qui trovano boutique e botteghe artigianali, pub trendy e tradizionali ristoranti e trattorie fra le più celebri della cucina ittica romagnola, molti dei quali assiepati sul porto, o lungo le stradine e i vicoli che fanno da reticolo nel centro storico del borgo marinaro.

E ancora sul porto c’è il più singolare Museo della Marineria esistente in Italia, con gli esemplari delle barche che, nei tempi passati, dispiegavano le loro vele ai venti dell’Adriatico. Sono tutte allineate: i bragozzi, i trabaccoli, le battane, le lance, i topi, le paranze con le colorate vele al terzo, al fianco delle moderne imbarcazioni a motore che costituiscono oggi la flottiglia peschereccia di Cesenatico.

 

 

Annunci

CESENATICO/UN FIORE PER VOI NONNI: UNA MAGICA SERATA CON MUSICA, POESIE… E LA “PIANTA” CHE FA LUCE…


Premiati i mini-poeti di “Un Fiore per Voi”. Cesenatico anche quest’anno ha accolto i trionfatori dell’iniziativa che ha coinvolto le scuole primarie e secondarie di tutta Italia in occasione della Festa nazionale dei Nonni del 2 ottobre. Presso il bellissimo Teatro Comunale, sono saliti sul podio gli allievi premiati nella XIV edizione di dell’iniziativa promossa da Okay!, Ufficio Olandese dei Fiori, con il sostegno ed il  patrocinio del Comune di Cesenatico. Le poesie premiate erano state scelte da una giuria tra le oltre 4.000 composizioni poetiche pervenute ad “Okay!” Davvero una magica serata. Sul palco del Teatro Comunale, sono sfilati i mini poeti, le cui composizioni sono state declamate da Elisa Mazzoli, neo mamma, animatrice, scrittrice per l’infanzia, impegnata in animazioni didattiche nelle scuole ed in centri culturali (suo più recente libro è “ Noi”). Sul palco, ad animare la serata, la Scuola di Musica “Italo Caimmi” di Cesenatico, diretta da Marzio Zoffoli, e guidata dalla bravissima Joy Salinas (una voce bellissima, salita alla ribalta della notorietà negli ’90 con  una serie di pezzi dance) che ha portato sul palco tre suoi allievi: Benedetta Casolari, Elia Toni e Cristian Albani, che hanno proposto brani italiani ed internazionali, tutti molto applauditi.

La cerimonia, condotta da Roberto Alborghetti, direttore di “Okay!”, ha visto la partecipazione del sindaco di Cesenatico, dott. Roberto Buda –  che ha sottolineato il significato dell’evento ed ha premiato i vincitori –  e di Charles Lansdorp dell’Ufficio Olandese dei Fiori, che ha donato ai premiati la famosa “Glowing Star in the Dark”, la pianta grassa che si illumina al buio, prodotta dall’azienda olandese Amigo Plant, vera novità della serata (faceva bella mostra di sé, quando le luci si abbassavano, e l’effetto era davvero…magico). Anche quest’anno una giuria formata da una rappresentanza di allievi del Circolo Didattico di Cesenatico hanno partecipato al gioco di votare le poesie ad essi più gradite, eleggendo come preferita la composizione di Stefania Di Giuli, dell’ICS “Sanzio” di Mercatino Conca. Premi comunque per tutti i mini poeti. Al termine, sentiti ringraziamenti, per la collaborazione, al Comune di Cesenatico, all’Ufficio Turismo, ai suoi operatori, a Gesturist, al Museo della Marineria (visitato nella mattinata del 29 settembre dai mini poeti), all’Hotel Villa Maria, al ristorante “Nero di Seppia”. Il sindaco dott. Roberto Buda ha formalizzato l’idea, per il prossimo anno, di assegnare un premio speciale ad una poesia dedicata a Cesenatico, città di mare, fiori e appunto poesia (vi è nato il grande Marino Moretti). Dunque, accanto ad “Un Fiore per Voi”, ci sarà anche “Poesie per Cesenatico”. Cari mini poeti, che la creatività sia con voi! Aspettiamo le vostre composizioni dedicate alla città del Porto Canale disegnato dal grande Leonardo Da Vinci!

Altre foto-gallerie nei prossimi giorni!!!   

LE BARCHE TRADIZIONALI E IL MUSEO DELLA MARINERIA DI CESENATICO AL FESTIVAL DE LOIRE DI ORLEANS


Le barche tradizionali del porto di Cesenatico insieme ad un bragozzo del Museo della Marineria saranno presenti dal 18 al 22 settembre al Festival de Loire, la più importante manifestazione europea dedicata alla nautica tradizionale fluviale. Le barche di Cesenatico sono state invitate a rappresentare la tradizione marinara dell’Adriatico insieme alle gondole e alle barche della laguna di Venezia. Un invito che premia il lavoro della città di Cesenatico per il recupero della identità e tradizione marinara e la sua valorizzazione culturale e turistica.

Dopo l’ammissione nella ristretta rosa dei vincitori del concorso Memoire des ports de Mediterranée, Cesenatico guadagna un altro importante riconoscimento europeo: il Museo della Marineria con un suo bragozzo insieme a quattro barche tradizionali private sono state infatti invitate a partecipare al Festival de Loire, che si terrà nella città di Orleans la prossima settimana, dal 18 al 22 settembre. Il Festival de Loire è uno dei principali appuntamenti nautici della Francia, dove queste iniziative sono molto diffuse e popolari, ed è la maggiore manifestazione europea dedicata alla navigazione fluviale, con oltre duecento barche presenti ed 600.000 visitatori previsti. Ad ogni edizione, insieme alle barche francesi e a quelle dei grandi fiumi europei, viene invitata a partecipare una nazione o una regione significativa dal punto di vista della tradizione nautica, e questa volta la scelta è caduta su Cesenatico e su Venezia, ritenute dagli organizzatori di oltralpe le città che meglio rappresentano insieme la storia e la tradizione marinara dell’Adriatico. La richiesta di partecipazione rivolta a Cesenatico si deve alla popolarità del Museo della Marineria ed al suo riconosciuto prestigio in campo europeo e mediterraneo, dove la città e il suo museo sono ben note ed apprezzate per avere saputo preservare e valorizzare in chiave sia culturale che turistica la propria identità marinara attraverso le barche della tradizione che ne sono la più diretta e tangibile testimonianza.

Nei mesi scorsi una delegazione degli organizzatori del Festival de Loire ha visitato due volte Cesenatico e il Museo della Marineria per vedere di persona la nostra realtà e ha confermato in seguito l’invito a quattro barche private tra quelle ormeggiate nel tratto loro riservato del Porto Canale, insieme al bragozzetto della Sezione Galleggiante del Museo della Marineria, una delle barche indubbiamente più belle e significative del museo. Insieme alle barche saranno presenti ad Orleans anche i loro equipaggi, per partecipare al fitto programma di navigazione ed eventi previsto dal Festival.

Le barche viaggeranno via terra con due TIR e un trasporto eccezionale effettuati da ditte specializzate con costo interamente a carico degli organizzatori francesi, insieme a quello del trasporto equipaggi e dell’ospitalità a Orleans. Un viaggio non da poco, anche se effettuato in completa sicurezza, e del resto non del tutto inedito: altre volte, infatti, le barche di Cesenatico hanno viaggiato per rappresentare con le loro vele e colori la tradizione del nostro mare e la storia e identità della nostra città.

Il Sindaco Roberto Buda ricorda “l’orgoglio e l’impegno di essere stati chiamati a rappresentare, come Cesenatico, la storia e la tradizione marittima dell’Adriatico insieme ad una grande capitale marittima come Venezia: attraverso le nostre barche, i colori delle nostre vele, continueremo a raccontare la passione l’impegno di una città ad essere sempre più accogliente, , senza dimenticare mai i valori della cultura e della memoria. Un lavoro che evidentemente dà i suoi frutti e che viene colto anche all’estero, come mostra anche questo ulteriore riconoscimento.”

Il Direttore del Museo della Marineria, Davide Gnola, ricorda che “questo risultato si deve alla rete che il museo ha costruito negli anni in ambito mediterraneo ed europeo, dove il Museo della Marineria di Cesenatico è molto noto e apprezzato grazie alla sua particolarità, al legame forte con la comunità cittadina, e alla sua dinamicità: la partecipazione al Festival di Orleans ci metterà in più stretto contatto con la realtà francese, importante per come ha valorizzato la nautica tradizionale e per le sue grandi manifestazioni”.

Le attività del Museo del Marineria si svolgono grazie al supporto di Gesturist Cesenatico S.p.A.