FORLI’: CONFERITI ALLE SCUOLE I PREMI AGeSC 2018 PACE E DIRITTI UMANI


Grande successo di pubblico alla cerimonia finale di consegna del Premio Agesc  2018 –“Educazione alla Pace e ai Diritti Umani” che si è volta nella splendida cornice del Salone Comunale, gremito per l’occasione.  La cerimonia è stata introdotta dal Presidente Provinciale dell’Agesc di Forlì-Cesena, Dott. Paolo dell’Aquila. Alla cerimonia sono intervenuti  la Presidente del Premio, Prof.ssa Michela del Carlo, il Sindaco di Forlì, Davide Drei, il Vescovo di Forlì-Bertinoro,  Mons. Livio Corazza, il Dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale, Dott. Giuseppe Pedrielli, il Presidente Nazionale dell’Agesc, Dott. Giancarlo Frare, la Presidente del Lions Club Forlì Valle del Bidente, Dott. ssa Rosaria Licia Todero, la Commissione Giudicatrice del Premio e i Dirigenti Scolastici.

All’evento, seguito da un pubblico numeroso e attento, hanno partecipato, accompagnati dalle loro insegnanti, gli  alunni degli Istituti Scolastici della città: l’Istituto Madre Clelia Merloni, le Scuole La Nave, l’Istituto Comprensivo n°1 Caterina Sforza e l’Istituto “Don Oreste Benzi”, vincitrici del Premio  2018 dedicato alla Pace e ai Diritti Umani. Dopo i saluti istituzionali, la Presidente del Premio, Prof.ssa Michela del Carlo ha proclamato i vincitori, costruttori e ambasciatori di pace, e consegnato loro i premi e le medaglie celebrative: i premi sono stati conferiti agli alunni che hanno ricevuto  le  menzioni speciali e alle classi.

La Commissione Giudicatrice ha conferito i seguenti premi:

  • all’ Istituto Madre Clelia Merloni: il primo premio alla classe 1, il secondo premio a Luca Mengaccini e il terzo premio a Christian Spataru;
  • alla Scuola Primaria La Nave: il primo premio alla classe 4B, il secondo premio ex-aequo a Edoardo Vimari ((3B) e Martina Montanari (2A) e il terzo premio ex-aequo a Alessandro Spadoni (3A), Edoardo Mazzini (5C) e Giulia Poggi (5B). Menzioni speciali sono state conferite a Tommaso Rapetti (1B), Emma Bubani (1B), Giorgia Mercadini (1A) e alla classe 2C;
  • alla Scuola Secondaria di I Grado La Nave: il primo premio a Jiayun Zhou Mei (2B), il secondo premio a Pietro Neri (3A) e il terzo premio a Irene Turoni (2A).
  • alla Scuola Secondaria di I Grado “Caterina Sforza”: il primo premio a Virginia Rustignoli (2A), il secondo premio a Letizia Amadei (2C) e il terzo premio ex-aequo a Alice Boccin (3A) e Matilde Montanari (3C);
  • alla Scuola Primaria Rivalti: il primo premio a Enrico (2B), il secondo premio a Domenico Maioli (5B) e il terzo premio a Sophie Pecoraro (3A);
  • alla Scuola Primaria Diego Fabbri: il primo premio alle classi 4, il secondo premio a Sara Balcercikova (2B) e il terzo premio ex-aequo a Sofia Benchadi (5B) e Rachele Ramunno (5A);
  • alla Scuola Primaria Don Oreste Benzi: il primo premio a Vania Bassi, il secondo premio a Emma Battistini (4A) e la menzione speciale alla classe 3.

Il Presidente Agesc Paolo Dell’Aquila  e la Presidente del Premio Prof.ssa Michela del Carlo, dopo aver ringraziato le scuole, i dirigenti scolastici,  il Comitato Provinciale Agesc, il Comune, la Prefettura, l’Ufficio Scolastico Regionale, le autorità intervenute, il grande pubblico presente, hanno concluso la cerimonia ed espresso grande soddisfazione per l’ottima riuscita dell’iniziativa dalla quale scaturirà una pubblicazione  dedicata al tema della pace e hanno sottolineato l’importanza della promozione e dei valori del rispetto, legalità e diritti umani negli istituti scolastici nell’anno in cui si celebra il 70° Anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo delle Nazioni Unite.

SABATO 3 OTTOBRE:PREMIAZIONE A BERGAMO DI “RICORDARE CEFALONIA, PROGETTARE LA PACE”


DSCN9990

Ecco l’elenco degli istituti scolastici che sono stati selezionati per i riconoscimenti di “Ricordare Cefalonia, Progettare la Pace”. La premiazione avrà luogo il 3 ottobre 2015 (e non il 4, come precedentemente annunciato) a Bergamo, nell’ambito dell’annuale commemorazione della sezione di Bergamo dell’Associazione Superstiti Reduci e Famiglie dei Caduti della Divisione Acqui. Le scuole riceveranno a scuola via email notizie ed inviti per la cerimonia.     

PREMIATI

SCUOLA PRIMARIA , CARENNO, LC

SCUOLA PRIMARIA , VERTOVA , BG

SCUOLA MARTIRI CEFALONIA, FAENZA, RA

 

RICONOSCIMENTI SPECIALI

ICS CASTELNUOVO DEL GARDA – VERONA

SAPIS – SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO  – APRILIA  LT

ICS PRUDENZANO – MANDURIA – TA

SCUOLA PRIMARIA DUCA D’AOSTA – BARI PALESE

ISTITUTO SUPERIORE FERMI – LICATA – AG

LICEO SACRO CUORE – ROMA

ICS SANZIO – MERCATINO CONCA – PU

SCUOLA PRIMARIA, FOIANO VALFORTORE, ICS S.MARCO DEI CAVOTI – BN

CLASSE II A ISTITUTO TECNICO ECONOMICO “GUARASCI”, CON FRANCESCO ALTOMARE, ROGLIANO – CS

L’ICS DI CASTELNUOVO DEL GARDA (VR) RACCONTA LA VICENDA DIMENTICATA DI ALBERTO MONTINI, RAGAZZO UCCISO DAI NAZISTI


DSCN9630

Nel clima del 25 Aprile, è doveroso il rilancio dell’iniziativa “Ricordare Cefalonia, Progettare la Pace”, proposta alla scuola italiana nel ricordo delle vittime del massacro della Divisione Acqui,episodio che diede il via alla Resistenza, come disse l’ex Presidente Azeglio Ciampi. Proponiamo la copertina di un bellissimo lavoro pervenuto dall’ICS Montini di Castelnuovo del Garda (Verona). Gli studenti hanno ricostruito la drammatica vicenda di un ragazzo, Alberto Montini, assassinato dai nazifascisti nei giorni della Resistenza. E’ un documento singolare, che svela l’amor patrio di un giovanissimo e il suo gesto eroico. Gesto dimenticato, che questo bel lavoro riporta giustamente alla luce, come testimonianza esemplare di chi – non è retorica – ha offerto la propria vita per un’Italia libera e democratica.

IL BANDO DELL’INIZIATIVA

Rivivere un episodio doloroso della storia italiana per progettare sogni e disegni di pace. E’ questo il senso dell’iniziativa “Ricordare Cefalonia, Progettare la Pace” che il mensile OKAY! e la sezione di Bergamo dell’Associazione Nazionale Superstiti Reduci e Famiglie dei Caduti della Divisione Acqui, promuovono a livello nazionale tra le scuole materne, primarie e secondarie di primo e secondo grado. Aderisce all’iniziativa l’Associazione Nazionale Superstiti Reduci e Famiglie dei Caduti della Divisione Acqui, con la sua presidente prof.ssa Graziella Bettini.

FINALITA’

La finalità è quella di non dimenticare. Ossia di fare memoria di quanto avvenuto sull’isola di Cefalonia tra il 1943 ed il 1944, durante la seconda guerra mondiale, quando migliaia di giovani soldati italiani, appartenenti alla Divisione Acqui, vennero trucidati dai tedeschi, dopo la proclamazione dell’armistizio (8 settembre 1943).

Fu una carneficina ed una barbarie senza precedenti. Un eccidio in cui giovani vite vennero troncate mentre inseguivano un sogno di libertà e il desiderio di tornare a casa, dai familiari che non rivedranno più. Se ne salvarono circa un migliaio, che divennero superstiti anche per raccontare e testimoniare un sogno di pace e affinchè tutti quegli orrori non fossero ripetuti.

Dunque, nel ricordare tutti i caduti ed i superstiti della Divisione “Acqui”, l’iniziativa vuole invitare a riflettere sulla necessità della pace e sull’urgenza che i popoli e le nazioni trovino le forme e gli strumenti più civili per dialogare, evitando le guerre, che provocano sempre morte, dolore e disperazione.

COME ADERIRE

Attraverso messaggi, composizioni, disegni, testimonianze, poesie, immagini (foto e video) e brani canori e musicali, la scuola italiana, nel commemorare i caduti ed i superstiti di Cefalonia, è invitata a raccontare segni, segnali, storie e colori di pace.

Attraverso le varie forme della creatività e della piena libertà  espressiva, i partecipanti potranno eseguire lavori che illustrano le tematiche collegate alla pace, magari rispondendo a semplici domande: perché la pace è importante? Che cosa vuol dire essere in pace? C’è oggi la pace nel mondo? Ha mai sentito i racconti di chi è stato in guerra? Quale è il tuo impegno per la pace? Chi può donare la pace? Quali sono oggi le Nazioni che soffrono per la guerra? Quali sono le persone, i leaders e le organizzazioni che oggi lavorano ed operano per la pace? Hai un messaggio di pace da lanciare e proporre a chi oggi governa i destini del mondo?

Si possono produrre lavori che rivivono, come messaggio di pace, le stesse vicende dell’eccidio della Divisione Acqui e del sacrificio di migliaia di giovani italiani. Ci si potrà ispirare a libri e a testimonianze dirette, ai racconti degli stessi superstiti che sono sopravvissuti a quei drammatici avvenimenti. Si potranno produrre testi, foto ed immagini che narrano i fatti accaduti sull’isola greca dopo l’8 settembre 1943. Se nella tua città o nel tuo paese, c’è una via, una piazza o una scuola dedicata ad uno dei Martiri caduti a Cefalonia, prova a raccogliere notizie, a raccontarne la vicenda, proprio con la finalità di riflettere su fatti ed eventi che non dovrebbero più accadere.

PRESENTAZIONE DEGLI ELABORATI

Gli elaborati potranno essere presentati nelle forme e con i supporti più vari: album, opuscoli, fascicoli, giornali scolastici, dvd, cd-rom, pen-drive, siti web e così via. Tutti i lavori dovranno pervenire entro e non oltre il 30 maggio 2015 (fa fede il timbro postale) al seguente indirizzo: Okay!, presso Casa M.E.Mazza, via Nullo 48, 24128 Bergamo.

CERIMONIA DI PREMIAZIONE

Una commissione giudicatrice selezionerà i migliori lavori pervenuti. Le scuole saranno premiate con prodotti di utilità didattica nel corso di eventi pubblici che verranno definiti prossimamente. Nella medesima manifestazione – dedicata a ricordare e ad attualizzare la vicenda della Divisione “Acqui” – verrà organizzata una mostra dei migliori lavori pervenuti.

INFORMAZIONI

Informazioni e regolamento sono reperibili sul mensile e sul sito di Okay! –https://okayscuola.wordpress.com/ – che dedicherà notizie e approfondimenti all’iniziativa.

RINGRAZIAMENTI

Okay! ringrazia per la collaborazione: l’Associazione Nazionale Nazionale Superstiti Reduci e Famiglie dei Caduti della Divisione Acqui, Graziella Bettini (presidente nazionale), Daniella Ghilardini (presidente sezione di Bergamo), Orazio Pavignani (comunicazione e ufficio stampa), Ilario Nadal (Anda, Milano).

Adesioni all’iniziativa possono essere inviate a: Okay!, presso Casa M.E.Mazza, Via Nullo 48, 24128 Bergamo, 035/314720   

PAGINA 10 Divisione Acquidivisione acqui logookay-logo-home-page