ANCHE UN PULLMAN DELLE SCUOLE DI TERAMO (DISEGNI IN FOTOGALLERIA) PER LA FESTA A “LE DUE TORRI”…


IN FOTOGALLERIA: DISEGNI DELLA SCUOLA DI SANT’OMERO – TERAMO 

Arriverà un pullman anche da Sant’Omero (Teramo) per la festa dei premi de “La Pianta che mi Piace”, iniziativa promossa da Ufficio Olandese dei Fiori ed Okay!  La manifestazione di premiazione si terrà domenica 6 ottobre, con inizio alle ore 10,30, presso il Centro Commerciale “Le Due Torri” di Stezzano (Bergamo), in via Guzzanica 62. Il Centro “Le Due Torri”, con il suo direttore Roberto Speri, hanno allestito una bellissima dotazione premi, che saranno conferiti alle rappresentanze delle scuole.   

Il Centro “Le Due Torri” è facilmente raggiungibile, anche per chi giunge con auto e pullman dall’autostrada Milano-Brescia: l’uscita è al casello di Dalmine, poi seguire l’indicazione per il Centro Commerciale, che si trova nelle vicinanze.

Le scuole premiate riceveranno in dono anche l’attesa “Glowing Star in The Dark”, la pianta che si illumina al buio, che arriverà direttamente dall’Olanda, dalle serre dell’azienda “Amigo Plant”, che ha ideato questa singolare pianta grassa che a Cesenatico, sabato 28 settembre, è andata letteralmente a ruba ed ha vivamente impressionato il pubblico. Poi, come detto “Le Due Torri” collaborano all’evento assegnando altri premi di grande utilità per la scuola.

Precisiamo che i premi saranno assegnati e consegnati direttamente nel corso della manifestazione e non saranno inviati a scuola. Le scuole sono dunque invitate a partecipare con delegazioni e con la presenza di genitori e nonni, visto che l’iniziativa si svolge nel contesto dell’annuale “Festa dei Nonni”. 

LA FOTOGALLERIA E’ DEDICATA AI DISEGNI DELLA SCUOLA DI SANT’OMERO – TERAMO 

SCUOLA PRIMARIA “GIOVANNI XXIII” GRASSOBBIO BG
SCUOLA PRIMARIA “G. RODARI” SERIATE BG
I.C. “V. F. CASSANO – A. DE RENZIO” BITONTO BA
I.C. “LECCO 4” LECCO LC
SCUOLA PRIMARIA “G. PONTE” PALAGONIA CT
I.C. “ADA NEGRI” MAGNAGO MI
I.C. “F. TONOLINI BRENO” BRENO BS
SCUOLA PRIMARIA “C. ROSA” CARENNO LC
I.C STATALE “UGO FOSCOLO” CANCELLO ARNONE CE
SCUOLA PRIMARIA “PADRE DI FRANCIA” MONZA MI
SCUOLA PRIMARIA STATALE di SANT’OMERO SANT’OMERO TE
SCUOLA PRIMARIA MAGREGLIO MILANO MI
I.C. TRECATE 1 TRECATE NO
I.C. CURTATONE e MONTANARA, S.P. “SAFFI” PONTEDERA PI
SCUOLA MEDIA – “LUINI-FALCONE” ROZZANO MI
SCUOLA MATERNA “FACCANONI” SARNICO BG
Annunci

GRAN FESTA A “LE DUE TORRI”: PREMIATI ANCHE I DISEGNI DELLE SCUOLE DI GRASSOBBIO (BG) E MONZA (NELLA FOTOGALLERIA)


Tutto pronto per la festa dei premi de “La Pianta che mi Piace”, iniziativa promossa da Ufficio Olandese dei Fiori ed Okay!  La manifestazione di premiazione si terrà domenica 6 ottobre, con inizio alle ore 10,30, presso il Centro Commerciale “Le Due Torri” di Stezzano (Bergamo), in via Guzzanica 62. Il Centro “Le Due Torri”, con il suo direttore Roberto Speri, hanno allestito una bellissima dotazione premi, che saranno conferiti alle rappresentanze delle scuole.   

Il Centro “Le Due Torri” è facilmente raggiungibile, anche per chi giunge con auto e pullman dall’autostrada Milano-Brescia: l’uscita è al casello di Dalmine, poi seguire l’indicazione per il Centro Commerciale, che si trova nelle vicinanze.

Le scuole premiate riceveranno in dono anche l’attesa “Glowing Star in The Dark”, la pianta che si illumina al buio, che arriverà direttamente dall’Olanda, dalle serre dell’azienda “Amigo Plant”, che ha ideato questa singolare pianta grassa che a Cesenatico, sabato 28 settembre, è andata letteralmente a ruba ed ha vivamente impressionato il pubblico. Poi, come detto “Le Due Torri” collaborano all’evento assegnando altri premi di grande utilità per la scuola.

Precisiamo che i premi saranno assegnati e consegnati direttamente nel corso della manifestazione e non saranno inviati a scuola. Le scuole sono dunque invitate a partecipare con delegazioni e con la presenza di genitori e nonni, visto che l’iniziativa si svolge nel contesto dell’annuale “Festa dei Nonni”.   

SCUOLA PRIMARIA “GIOVANNI XXIII” GRASSOBBIO BG
SCUOLA PRIMARIA “G. RODARI” SERIATE BG
I.C. “V. F. CASSANO – A. DE RENZIO” BITONTO BA
I.C. “LECCO 4” LECCO LC
SCUOLA PRIMARIA “G. PONTE” PALAGONIA CT
I.C. “ADA NEGRI” MAGNAGO MI
I.C. “F. TONOLINI BRENO” BRENO BS
SCUOLA PRIMARIA “C. ROSA” CARENNO LC
I.C STATALE “UGO FOSCOLO” CANCELLO ARNONE CE
SCUOLA PRIMARIA “PADRE DI FRANCIA” MONZA MI
SCUOLA PRIMARIA STATALE di SANT’OMERO SANT’OMERO TE
SCUOLA PRIMARIA MAGREGLIO MILANO MI
I.C. TRECATE 1 TRECATE NO
I.C. CURTATONE e MONTANARA, S.P. “SAFFI” PONTEDERA PI
SCUOLA MEDIA – “LUINI-FALCONE” ROZZANO MI
SCUOLA MATERNA “FACCANONI” SARNICO BG

LA PIANTA CHE MI PIACE 2013: ECCO LE SCUOLE PREMIATE / GRANDE FESTA DOMENICA 6 OTTOBRE A “LE DUE TORRI” DI STEZZANO (BG)


Festa di Premiazione:

Domenica 6 ottobre, ore 10,30

Centro “Le Due Torri” – Stezzano (BG),

via Guzzanica 62

(uscita Dalmine, Autostrada Milano-Brescia)

 Baldini Chiara 2^I

Pubblichiamo l’elenco delle scuole selezionate per i premi de “La Pianta che mi Piace” promossa da Ufficio Olandese dei Fiori ed Okay!

 La manifestazione di premiazione si terrà domenica 6 ottobre, con inizio alle ore 10,30, presso il Centro Commerciale “Le Due Torri” di Stezzano (Bergamo), in via Guzzanica 62.

Il Centro “Le Due Torri” è facilmente raggiungibile, anche per chi giunge con auto e pullman dall’autostrada Milano-Brescia: l’uscita è al casello di Dalmine, poi seguire l’indicazione per il Centro Commerciale, che si trova nelle vicinanze.

Le scuole premiate riceveranno in dono piante e bellissimi premi messi a disposizione da “Le Due Torri”.

Precisiamo che i premi saranno assegnati e consegnati direttamente nel corso della manifestazione e non saranno inviati a scuola. Le scuole sono dunque invitate a partecipare con delegazioni e con la presenza di genitori e nonni, visto che l’iniziativa si svolge nel contesto dell’annuale “Festa dei Nonni”.   

SCUOLA PRIMARIA “GIOVANNI XXIII” GRASSOBBIO BG
SCUOLA PRIMARIA “G. RODARI” SERIATE BG
I.C. “V. F. CASSANO – A. DE RENZIO” BITONTO BA
I.C. “LECCO 4” LECCO LC
SCUOLA PRIMARIA “G. PONTE” PALAGONIA CT
I.C. “ADA NEGRI” MAGNAGO MI
I.C. “F. TONOLINI BRENO” BRENO BS
SCUOLA PRIMARIA “C. ROSA” CARENNO LC
I.C STATALE “UGO FOSCOLO” CANCELLO ARNONE CE
SCUOLA PRIMARIA “PADRE DI FRANCIA” MONZA MI
SCUOLA PRIMARIA STATALE di SANT’OMERO SANT’OMERO TE
SCUOLA PRIMARIA MAGREGLIO MILANO MI
I.C. TRECATE 1 TRECATE NO
I.C. CURTATONE e MONTANARA, S.P. “SAFFI” PONTEDERA PI
SCUOLA MEDIA – “LUINI-FALCONE” ROZZANO MI
SCUOLA MATERNA “FACCANONI” SARNICO BG

ECCO LA TERZA EDIZIONE DE “LA PIANTA CHE MI PIACE”…LA GRANDE GARA CREATIVA SUL MONDO DELLE PIANTE DA INTERNO


 

 Osserva, conosci, pensa e disegna

LA PIANTA CHE MI PIACE

Terza edizione

Okay! e l’Ufficio Olandese dei Fiori, nell’ambito delle iniziative per la Festa dei Nonni, per il terzo anno consecutivo, lanciano a tutte le scuole italiane una proposta: disegnate la pianta (fiorita o verde) che più vi piace.

 LA PIANTA CHE MI PIACE5

  • COME FARE IL DISEGNO

E’ sufficiente realizzare un disegno su un normalissimo foglio. Ma prima scegliete la pianta, verde o fiorita, che più vi piace. Come? Basta guardarsi in giro nelle vostre case, farsi consigliare dall’insegnante, da mamma, papà è dal vostro fiorista. E’ anche un’occasione per imparare a conoscere il mondo meraviglioso mondo delle piante, ricco di varietà e di sorprese.

  • DOVE INVIARE  IL DISEGNO

Tutti i disegni vanno spediti entro il 15 di giugno 2013 a: Okay!  presso Casa M.E. Mazza, via Nullo 48, 24128 Bergamo. I disegni di una stessa scuola possono essere inseriti in una unica busta. Ogni disegno deve riportare nome e cognome dell’autore. La scuola dovrà inoltre indicare il proprio indirizzo, con numero telefonico ed e-mail e docente referente.

  • PREMI E SORPRESE PER VOI

A 30 scuole sarà inviata in omaggio una bellissima pianta fiorita, che potrà essere donata ad un nonno per il 2 ottobre. I migliori disegni saranno inoltre esposti a Cesenatico nella manifestazione finale di “Un Fiore per Voi”. Ma non solo. Gli elaborati più belli avranno l’onore di essere in mostra nella Fiera internazionale di FloraHolland, in Olanda, nello stand dell’Ufficio Olandese dei Fiori. Inoltre, per le scuole più brave altri bellissimi premi, che sveleremo prossimamente .

Per informazioni:

OKAY!

Tel. 333 4596503, Fax 035 231050

info@scuolaokay.it

UNA KALANCHOE DI NOME “FAVORITA”


Viaggio in Olanda per conoscere la realtà dei produttori di piante per gli ambienti domestici – 2a puntata

La mia Favorita”. E’ un nome italiano a campeggiare nella hall di ingresso della società Vreugdenberg, a De Lier, nello Westland olandese, dove continua il nostro viaggio tra le realtà imprenditoriali che in Olanda producono piante da appartamento. Fa riferimento alla specialità floreale che qui – in una regione dove dominano serre e capannoni dedicati al verde ed alle più diverse colture di piante e fiori – ha visto raggiungere incredibili risultati sul piano della diffusione delle kalanchoe. Ad accoglierci c’è Aad Vreugdenhil, che con la sua famiglia è riuscito a dare vita e forma ad una realtà imprenditoriale che, specializzandosi nella produzione della piccola e deliziosa pianticella, ha raggiunto una ragguardevole e prestigiosa fetta di mercato.

Vengono i brividi – e da riflettere sulla perfetta ed esemplare organizzazione della produzione olandese di piante e fiori – quando veniamo a sapere che ogni anno, da De Lier, vengono smerciati all’estero qualcosa come 6 milioni e mezzo di vasi e vasetti di kalanchoe. Ci racconta Aad che tutto ebbe inizio, nella famiglia Vreugdenhil, con papà Huib, a metà degli anni Cinquanta, quando in questi verdissimi territori venne avviata la coltivazione di vegetali. Ma tutto poi è cambiato nel decennio successivo. Dalla verdura anche i Vreugdenhil passarono ai fiori da esterno, crisantemi ed orchidee soprattutto. Ed è stata la svolta, che ha significato anche un salto di qualità dell’imprenditoria olandese dello Westland. La continua ricerca nel settore, unita anche ad uno spiccato intuito, ha portato l’azienda Vreugdenberg ha ridefinire le proprie posizioni e le strategie di commercializzazione. A metà degli anni Ottanta, Aad ha puntato tutte le sue carte sulla produzione di kalanchoe. A De Lier, hanno così cominciato a vedere colonne di tir che, nell’arco di una settimana, caricavano migliaia e migliaia di pianticelle in vaso, di varie dimensioni e colori, pronto a raggiungere tutti i Paesi d’Europa, Italia compresa.

Interessante è la tabella di marcia della produzione delle kalanchoe de “La mia Favorita”. Racconta Aad Vreugdenhil: “Qui a De Lier le piante vengono cresciute, confezionate ed avviate alla vendita. Le piccole pianticelle da invasare ci vengono invece recapitate da Java, Indonesia, mentre fino a qualche anno fa provenivano dalla Tanzania, Africa. Queste pianticelle di kalanchoe vengono raccolte nei campi indonesiani nelle giornate di mercoledì e giovedì. Vengono poi caricate e stivate sugli arei cargo e da Java vengono imbarcate per l’aeroporto olandese di Schiphol, dove arrivano di sabato. Lunedi mattino le kalanchoe sono già a De Lier, pronte per essere allevate e cresciute, nelle grandi serre della società Vreugdenberg. Ogni settimana riceviamo in media circa 140 piccole kalanchoe, che nelle giornate e settimane successive diventeranno adulte e belle, mantenute ad un clima ideale e seguite con molta cura.”

La kalanchoe è una pianta che non ha particolari esigenze  di mantenimento. Necessita di acqua e luce nella norma, dice Aad. Ma subito aggiunge che il “segreto” sta nella pianta-base, che se è eccellente non creerà mai problemi. A De Lier vengono prodotte kalanchoe in una gamma di sei colori: rosso, bianco, giallo, arancio, rosa e porpora. Dice Aad – che a “La mia Favorita” ha dedicato pure un bellissimo libro illustrato, che viene dato in dono ai suoi clienti – che il termine da associare a queste teneri  pianticelle è “armonia”. Ed in effetti, il fiore e la struttura dei gambi e dei rametti richiamano un insieme armonioso, che è poi l’elemento che ha decretato il successo del marchio “La mia Favorita”.

Aad è giustamente orgoglioso di quanto ha creato in queste terre d’Olanda dove la specializzazione e la passione per la continua ricerca hanno visto il mercato florovivaistico fare passi da gigante. Aad ci rivela di non smettere mai di studiare e di investire. E sorridendo mi confida che forse un giorno potrebbe creare una kalanchoe dal colore blu, come la rosa, anche se la cosa si prospetta un po’ difficile. Intanto è impegnato in alcuni progetti riguardanti nuove varietà. E nel garantire un sempre più elevato standard tecnologico agli impianti delle sue grandi serre, dove è davvero uno spettacolo assistere alle varie operazioni di invasamento e confezionamento delle kalanchoe. Bancali e piattaforme si muovono con ordine sotto l’input dell’elettronica e dei computers. 

Ma il trionfo della sperimentazione e dell’innovazione è visibile, alla Vreugdenberg, in un settore dove le pianticelle di kalanchoe sono illuminate dalla luce fucsia di luci led. Qui infatti è in atto una singolare operazione in collaborazione con il colosso olandese della Philips che a De Lier ha realizzato un impianto tecnologico per la coltivazione delle kalanchoe. Dai primi risultati, l’installazione led favorisce la crescita delle pianticelle, ottimizzando le condizioni ambientali, come lo spazio destinato alla produzione – le piattaforme con i vasetti vengono sovrapposte –, il consumo di energia, la qualità stessa del prodotto e la possibilità di estendere la produzione a tutto l’anno, senza interruzione. Insomma, una iniziativa coraggiosa e vincente, che è seguita con molto interesse anche da altre aziende, e pure dalle scuole che, spesso, fanno visita alla società Vreugdenberg per svolgervi attività didattiche dedicate al verde. Insomma, da “La mia Favorita” arriva un’altra grande lezione di ingegno e passione lavorativa. La stessa che, in quattro-cinque decenni, ha visto trasformarsi il Westland da zona per la coltivazione di ortaggi ad area-leader per la produzione di piante per le nostre case.

Roberto Alborghetti

Nelle foto: Aad Vreugdenhil nella sua azienda di De Lier – nella regione olandese dello Westland – dove sono coltivate le kalanchoe “La mia Favorita”. Nelle foto anche Charles Lansdorp dell’Ufficio Olandese dei Fiori.

NEL REGNO DEGLI SPATHIPHYLLUM


Viaggio in Olanda per conoscere la realtà dei produttori di piante per gli ambienti domestici – 1a puntata

Air so Pure” (L’aria così pura) è un marchio noto in tutto il mondo. Rappresenta e interpreta il lavoro di ricerca e la passione “verde” di una Associazione di produttori e di una grande azienda olandese – la BestPlant – dalla quale inizia, da questo numero di Okay!, una sorta di viaggio tra le realtà imprenditoriali che in Olanda producono piante da appartamento. La prima tappa è nella regione del Westland, dove è davvero uno spettacolo vedere serre e ancora serre, ed infrastrutture e logistica legate alla produzione ed al commercio delle piante in vaso.

 

Questa regione – mi dice Charles Lansdorp, dell’Ufficio Olandese dei Fiori, che ha sostenuto e promosso questo giro di conoscenza tra i produttori olandesi – fino al secondo dopoguerra era dedita alla coltivazione di frutta e verdura. C’era perfino chi coltivava uva e pomodori, con discreti risultati. Poi, il boom delle serre, ognuna delle quali specializzate su singole piante da appartamento, come nel caso di BestPlant, azienda che sorge a Poeldijk. L’attività è stata avviata due generazioni fa, dal signor Bert Zuidgeest, che aveva appunto iniziato a coltivare frutta e verdura.

Di quel periodo storico esistono ancora oggi delle tracce in una sorta di museo che è stato creato in una bellissima orangerie per ricordare gli inizi di una azienda che oggi, con la produzione di Spathifillum, è tra le più importanti d’Olanda. Poi, l’impresa è passata nelle mani del figlio Hans, che ha cominciato a sperimentare la coltura di piante in vaso, comprese le “Stelle di Natale” (Poinsettia). Un impegno portato avanti con grande passione e dedizione, fino a raggiungere straordinari risultati di cui le stesse grandi serre sono l’emblema e l’espressione concreta di un grande lavoro.  

Oggi l’attività è articolata su tre grandi serre (greenhouses) altamente tecnologizzate, che misurano dai 2 ai 2,8 ettari di estensione. Ogni ambiente – come ci dicono Hans Zuidgeest, titolare di BestPlant, e suo figlio Patrick – riproduce perfettamente il clima e le condizioni originarie della pianta, che proviene dalle zone del Sudamerica. Qui a  Poeldijk siamo davvero nel regno dello Spathiphyillum, una pianta che – come stabilito da ricerche scientifiche effettuate anche dalla Nasa, l’Ente spaziale americano – ha incredibilità qualità anti-smog. Come ci dicono Hans e Patrick, lo Spathiphyllum assorbe i veleni del Co2, depura l’aria dai gas nocivi, aumenta l’umidità dell’aria. E’ facile da tenere in casa, non richiedendo particolari operazioni di mantenimento.

Questa pianta cattura-veleni e pulisci-ambiente ha fatto davvero la fortuna di BestPlant, che anche con il marchio associativo “Air so Pure”, da oltre una decina di anni, ha organizzato una rete commerciale che oggi consente la vendita di una media annuale di più di un milione di Spathifillum in vaso, oltre ad altre piante anti-smog di cui BestPlant è produttrice. Nella grandissima serra di Poeldijk – dove l’occhio davvero si perde in un grande mare di Spathifillum – ho visto esemplari di pianta che partono da pochi centimetri di lunghezza a quelli che arrivano fino ad oltre un mese e mezzo. Tre le misure-standard delle piante in vaso, che raggiungono ogni giorno i mercati di tutta Europa, Italia compresa, e di vari Paesi del mondo. BestPlant tratta principalmente sei varietà di Spathifillum, anche se la gamma arriva fino a quindici tipi.

Nelle grandi serre l’attività quotidiana è senza sosta per poter garantire la produzione e la commercializzazione di Spathifillum nei vari centri di distribuzione. Pur in questi momenti di crisi, la richiesta del mercato è sempre alta, nonostante la forte concorrenza di altri produttori. Ma Hans Zuidgeest, il figlio Patrick e l’intero suo staff hanno saputo rispondere alle incertezze con abilità ed intelligenza, puntando sulla qualità, sulla forza del prodotto, su una organizzazione aziendale ben strutturata, sull’impiego delle nuove tecnologie, su interessanti attività di comunicazione e ricerca (come riferito a parte, in queste pagine). Essi sono giustamente orgogliosi di un marchio che, come “Air so Pure”, riunisce una offerta di piante che aiutano a vivere meglio e a ricreare un clima di benessere nei nostri ambienti, dalle case agli uffici alle comunità.Un marchio che è diventato un vero e proprio messaggio, qui, in questa terra d’Olanda dove l’occhio si perde e si sperde tra i colori di piante e fiori, essi stessi il simbolo di un Paese e di un modo di essere.

Roberto Alborghetti