FENOMENI / ECCO I PINOCCHIO DELLA TV IN FORMATO CARTOON


I PINOCCHI DELLA TV

Guest Writer: GIANNI SORU

Il celebre romanzo di Carlo Collodi “Pinocchio”, scritto nel 1881 è famoso in tutto il mondo. Ed anche a lui sono stati dedicati dei cartoni animati.
“LE NUOVE AVVENTURE DI PINOCCHIO”

Andato in onda nel 1980 su Canale 51, ha riscosso un enorme successo. Geppetto è un povero vecchietto che di lavoro fa il falegname. Un giorno prende un pezzo di legno da una quercia e intaglia un burattino e decide di chiamarlo Pinocchio. Durante la notte una bellissima fata gli darà vita, ma per ogni bugia detta gli si allungherà il naso. Il Grillo Parlante sarà la sua coscienza; mentre il gatto e la volpe cercheranno di ingannarlo sempre. Pinocchio vuol diventare un bambino in carne ed ossa.

La lineacollezione di Le nuove avventure di Pinocchio è stata: adesivi, album di figurine, bicchieri, biglietti d’auguri, card, cartolina, disco, disegni da colorare, etichette, fumetto, giostra Luna Park, magliette, pallina di Natale, patatine, portachiavi, pupazzo, puzzle, quaderno, segnalibro, segnaposto, vhs…

La bellissima e amatissima sigla “Pinocchio perché no?” cantata da Luigi Lopez, è arrivata in top-ten con 400.000 copie vendute.

“Naso di legno cuore di stagno burattino, quando diventerai bimbo come noi, pan di mollica scansa fatica dove vai, sono un burattino e non mi fermo mai. Con le mie scarpe di zuppa e pan bagnato, il vestitino di carta colorato, farò i dispetti a chi sarà cattivo, e sarò buono con chi mi dice bravo. Faccio festa per trenta giorni al mese, il calendario per me lo sai non ha sorprese, Natale e Pasqua, Befana e ferragosto, sempre domenica è per me e se domenica non è, è festa uguale lo so ma perché per noi no? Che ne so. Pinocchio ma dove vai. Pinocchio che cosa fai. Pinocchio la fantasia è solo una bugia…”

“PINOCCHIO”

Andato in onda nel 1981 su Canale 5, ha riscosso un grande successo.

Il povero anziano Geppetto costruisce un burattino da un ramo di ciliegio. Il bimbo si anima grazie ad una fata, che si presenta a lui sempre sotto forma di colomba. Gina invece sarà la paperelle gli dovrà fare da coscienza; mentre il gatto e la volpe sono i due furboni che cercheranno sempre di ingannare Pinocchio. Per ogni bugia detta al burattino gli si allungherà il naso. Lo scopo di Pinocchio è quello di diventare un bambino vero.

La lineacollezione di Pinocchio è stata: adesivo, cartolina, disco, disegni da colorare, libri, patatine, puzzle, quaderni, segnalibro, vhs…

La simpatica sigla “Bambino Pinocchio” è cantata da Cristina D’Avena, è entrata in classifica con 100.000 copie.

“Pi-no e dopo strizza l’occhio così che per intero tu leggerai Pinocchio. Ge-pi e aggiungi un cuore in petto ed ecco il nome vero del buon papà Geppetto. Mangia e accendi un grosso fuoco così dal fumo nero è nato Mangiafuoco. Fa-ti e dopo aggiungi na ed ecco la Fatina azzurra di bontà. Pi-no da un burattino sciocco è nato un bel bambino che chiamasi Pinocchio. Volpe e il suo compagno matto dal pelo tutto a zero è il malandrino Gatto. Grillo sapiente della scienza col suo parlare sincero che scuote la coscienza. Collo e dopo aggiungi di è l’inventor dei nomi che abbiam cantato qui. Che abbiam cantato qui”.

Ricordiamo anche i vari lungometraggi, il più famoso è “PINOCCHIO” del 1940 della Walt Disney. Poi ci sono state altre versioni “PINOCCHIO 3000” del 2004 (una produzione Francia e Spagna). “BENTORNATO PINOCCHIO” un prodotto italiano del 2007. Poi ci sono altri 2 Pinocchio, uno del 2012 (uscita solo in dvd di produzione inglese) ed uno del 213, entrambe produzioni italiane.

In Italia è stata girata anche una miniserie nel 1971 con il titolo “LE AVVENTURE DI PINOCCHIO”.

GIANNI SORU

Annunci