IL “NATALE MIGRANTE” SULLE ZATTERE IN MOSTRA A ROMA TRA I “PICCOLI PRESEPI”


Tra i “Piccoli presepi nel cuore di Roma”, esposti al pubblico nella bellissima e monumentale Basilica di S.Andrea della Valle in Roma fino al 2 febbraio 2018, c’è anche quello realizzato dalla classe 5a D Scuola Primaria del 27° Circolo Didattico di Bari Palese. Si tratta del presepe del “Natale…Migrante” (nelle foto di questo post) eseguito durante un laboratorio didattico, guidato dalla docente Mariella Maiorano. L’attività ha visto la collaborazione delle mamme. Il plastico della natività ha voluto raccontare ed esprimere le difficoltà di migliaia di migranti che, fuggendo dalle terre di origine devastate da guerre e da violenze, sono “in cerca di una Luce nella loro vita”. Il presepe, molto suggestivo, è costruito con materiale riciclato (tappi di sughero, legno, ritagli di stoffa…), su una zattera “simbolo della precarietà della vita non solo dei migranti, ma anche di ognuno di noi. Insomma, un’opera da vedere, che rende e traduce nella modernità il senso del presepe. “In fondo – dice la docente Maiorano – ciascuno di noi ha la sua zattera con cui affronta il viaggio della vita, attraversando ora mare calmo ora tempeste, guardando, però, sempre verso la costa a cui approdare”.

Dunque, un “Bravissimi!” anche agli alunni e alle alunne di Bari Palese, a Mariella Maiorano, al Dirigente Scolastico e agli insegnanti del 27° Circolo Didattico, presenti nella singolare esposizione nella Capitale. I “Piccoli presepi nel cuore di Roma” sono visibili presso la storica e monumentale Basilica di Sant’Andrea della Valle, nel centralissimo Corso Vittorio Emanuele II, a pochi passi da Piazza Navona, Campo de’ Fiori e Palazzo Madama. Per ammirarli, è sufficiente entrare in Basilica nelle ore consentite all’accesso del pubblico. Si trovano, dall’ingresso, sulla destra, nello spazio dell’altare dove campeggia il bellissimo pannello marmoreo che raffigura la Natività. Avremo tempo, da qui al 2 febbraio, di parlare e di scrivere ancora di questa mostra.

Rispondendo alle numerose richieste, informiamo che è possibile portare altri piccoli presepi realizzati dalle scuole in questi ultimi giorni o durante anche le stesse festività natalizie. Si accettano sempre. Dunque, chi lo desidera, può portare altre opere realizzate da ragazzi e ragazze, compresi disegni sul Natale. L’iniziativa è promossa insieme alla Basilica di Sant’Andrea, officiata dai Padri Teatini, fondati da S. Gaetano Thiene, ritenuto l’inventore e promotore del presepe moderno e dello stesso presepe napoletano.
PORTATE ANCHE IL VOSTRO PICCOLO PRESEPE 

I piccoli presepi – che devono trovare posto nelle dimensione di una normale …scatola di scarpe – possono essere realizzati negli stili e nelle forme più diverse, secondo la creatività di ognuno. Suggeriamo di rispettare, per i piccoli presepi, queste misure di massima, in modo che possano essere contenuti in una scatola per le scarpe: altezza 13/14 cm, lati larghezza/lunghezza cm 20/21 e cm 34/35.  Ad ogni singolo piccolo presepe va allegata una scheda (foglio) su cui andranno chiaramente indicati: denominazione Classe/Istituto scolastico o nome e cognome del singolo autore, indirizzo completo, con CAP e provincia, numeri telefonici, indirizzo e-mail della scuola, dell’insegnante referente o dei genitori dei singoli partecipanti.

  • I piccoli presepi dovranno essere inviati, o portati direttamente, al seguente indirizzo: Padri Teatini, Basilica S.Andrea della Valle, Piazza Vidoni 6, 00186 Roma. La mostra è aperta fino al 2 febbraio 2018. Fotografie dei piccoli presepi saranno pubblicate sul sito-blog di Okay!

POSTER PICCOLI PRESEPI ROMA

Annunci

BARI PALESE: IL BELLISSIMO PRESEPE DEL “NATALE…MIGRANTE” COSTRUITO DALLA CLASSE 4a D DEL 27° CIRCOLO DIDATTICO


natale-migrante-zattera

La docente Mariella Maiorano, del 27° Circolo Didattico di Bari Palese, ci ha segnalato una bella iniziativa realizzata dagli alunni della sua classe, la 4a D della Scuola Primaria. Si tratta del presepe del “Natale…Migrante” (nelle foto di questo post) eseguito durante un laboratorio didattico. L’attività ha visto la collaborazione delle mamme. Il plastico della natività ha voluto raccontare ed esprimere le difficoltà di migliaia di migranti che, fuggendo dalle terre di origine devastate da guerre e da violenze, sono “in cerca di una Luce nella loro vita”. Il presepe, molto suggestivo, è costruito con materiale riciclato (tappi di sughero, legno, ritagli di stoffa…), su una zattera “simbolo della precarietà della vita non solo dei migranti, ma anche di ognuno di noi.

In fondo – dice la docente Maiorano – ciascuno di noi ha la sua zattera con cui affronta il viaggio della vita, attraversando ora mare calmo ora tempeste, guardando, però, sempre verso la costa a cui approdare”. Dunque, un “Buon 2017” agli alunni di Bari Palese, a Mariella Maiorano, al Dirigente Scolastico e agli insegnanti del 27° Circolo Didattico di Bari Palese, sempre molto attivo e partecipe anche nelle iniziative lanciate da Okay!

natale-migrante-zattera-in-marenatale-migrante-zattera-2natale-migrante-nativita