RICORDARE CEFALONIA, PROGETTARE LA PACE: LA “GUERNICA” DELLA SCUOLA DI CARENNO E’ ORA IN UN VIDEOCLIP. DA CONDIVEDERE COME ESPERIENZA DIDATTICA!



*

DSCN0283

Annunci

“RICORDARE CEFALONIA, PROGETTARE LA PACE”: NE PARLANO ANCHE I GIORNALI.ECCO L’ARTICOLO DE “LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO”


L'articolo de La Gazzetta del Mezzogiorno, firmato da Nando Perrone

L’articolo de La Gazzetta del Mezzogiorno, firmato da Nando Perrone, pubblicato il 3 ottobre 2015

“RICORDARE CEFALONIA, PROGETTARE LA PACE”: APPLAUSI ED EMOZIONI PER LE SCUOLE PREMIATE OGGI A BERGAMO


Commozione ed emozioni. Ed un messaggio di forte impegno per la pace, che arriva dalla scuola italiana. Oggi, sabato 3 ottobre 2015, a Bergamo – nell’ambito dell’annuale commemorazione della sezione di Bergamo dell’Associazione Superstiti Reduci e Famiglie dei Caduti della Divisione Acqui – si è svolta la premiazione ufficiale delle scuole risultate meritevoli del riconoscimento nell’ambito dell’iniziativa “Ricordare Cefalonia, Progettare la Pace”. Nonostante la pioggia, le rappresentanze delle scuole premiate si sono presentate puntuali all’appuntamento, nella suggestiva cornice di Bergamo Alta. Il programma, predisposto dall’Associazione, presieduta da Daniella Ghilardini, nipote di don Luigi Ghilardini, il compianto cappellano, superstite del massacro della Divisione Acqui a Cefalonia (1943), ha visto inizialmente il ritrovo presso il Parco della Rocca di Città Alta, l’ Onore ai Caduti e deposizione Corona al Monumento dedicato alla “Divisione Acqui”. Si è svolta poi la Santa Messa nella cattedrale di S. Alessandro Martire, sempre in Città Alta.

Poi, presso l’ Aula Didattica, Palazzo del Podestà, Piazza Vecchia. Dopo il saluto della Presidente dell’Associazione sezione di Bergamo, Daniella Ghilardini, si è svolta la cerimonia di premiazione ai vincitori del concorso rivolto a tutte le scuole italiane: “Ricordare Cefalonia, progettare la Pace”. L’iniziativa, come noto, ruotava attorno al pensiero “Il mondo non ha bisogno di guerre, ma di pace, lavoro, libertà”, espresso da Battista Alborghetti, anch’egli superstite della “Acqui”, in memoria del quale è stata lanciata l’attività rivolta alle scuole; la tragica vicenda di Battista è stata anche raccontata nel testo “Mio padre nell’inferno di Cefalonia”.

Roberto Alborghetti, direttore di Okay!, ha condotto l’incontro, che ha visto anche la partecipazione di familiari di caduti e reduci della “Acqui”, come il veterano Grassi, delle rappresentanze scolastiche – venute anche da lontano, come la docente Giovanna Ferro della Primaria di Foiano Valfortore (BN) – di Oscar Serra dell’Editrice Velar, di suor Luisa, figlia di Battista Alborghetti. E’ stata una cerimonia bella, semplice ma intensa, nel corso della quale docenti e allievi hanno raccontato i propri lavori e il proprio impegno. Idealmente collegateanche le scuole che non hanno potuto partecipare.Ad esempio, la Primaria di Manduria (Taranto) ha inviato un messaggio affidandolo ad un articolo di giornale apparso su “La Gazzetta del Mezzogiorno”. Nella fotogalleria, alcune immagini della premiazione.

Ripubblichiamo l’elenco degli istituti scolastici che sono stati selezionati per i riconoscimenti di “Ricordare Cefalonia, Progettare la Pace”. 

PREMIATI

SCUOLA PRIMARIA “ROSA” , CARENNO, LC

SCUOLA PRIMARIA , VERTOVA , BG

SCUOLA MARTIRI CEFALONIA, FAENZA, RA

 

RICONOSCIMENTI SPECIALI

ICS CASTELNUOVO DEL GARDA – VERONA

SAPIS – SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO  – APRILIA  LT

ICS PRUDENZANO – MANDURIA – TA

SCUOLA PRIMARIA DUCA D’AOSTA – BARI PALESE

ISTITUTO SUPERIORE FERMI – LICATA – AG

LICEO SACRO CUORE – ROMA

ICS SANZIO – MERCATINO CONCA – PU

SCUOLA PRIMARIA, FOIANO VALFORTORE, ICS S.MARCO DEI CAVOTI – BN

CLASSE II A ISTITUTO TECNICO ECONOMICO “GUARASCI”, CON FRANCESCO ALTOMARE, ROGLIANO – CS

SABATO 3 OTTOBRE: LA PREMIAZIONE DI “RICORDARE CEFALONIA, PROGETTARE LA PACE”


OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Si svolgerà sabato 3 ottobre 2015  a Bergamo – nell’ambito dell’annuale commemorazione della sezione di Bergamo dell’Associazione Superstiti Reduci e Famiglie dei Caduti della Divisione Acqui – la premiazione ufficiale delle scuole risultate meritevoli del riconoscimento nell’ambito dell’iniziativa “Ricordare Cefalonia, Progettare la Pace”. Questo il programma, predisposto dall’Associazione, presieduta da Daniella Ghilardini, nipote di don Luigi Ghilardini, il compianto cappellano, superstite del massacro della Divisione Acqui a Cefalonia (1943). 
ore 9.15 Ritrovo presso il Parco della Rocca di Città Alta.
ore 9.30 Onore ai Caduti e deposizione Corona al Monumento dedicato alla “Divisione Acqui”.
ore 10.00 Santa Messa in S. Alessandro Martire in Cattedrale, Città Alta.
ore 11.00 Presso l’ Aula Didattica, Palazzo del Podestà, Piazza Vecchia, sempre in Città Alta: Saluto della Presidente dell’Associazione sezione di Bergamo. Cerimonia di premiazione ai vincitori del concorso rivolto a tutte le scuole italiane: “Ricordare Cefalonia, progettare la Pace”. L’iniziativa, come noto, ruotava attorno al pensiero “Il mondo non ha bisogno di guerre, ma di pace, lavoro, libertà”, espresso da Battista Alborghetti, anch’egli superstite della “Acqui”, in memoria del quale è stata lanciata l’attività rivolta alle scuole.  

Ripubblichiamo l’elenco degli istituti scolastici che sono stati selezionati per i riconoscimenti di “Ricordare Cefalonia, Progettare la Pace”. 

PREMIATI

SCUOLA PRIMARIA “ROSA” , CARENNO, LC

SCUOLA PRIMARIA , VERTOVA , BG

SCUOLA MARTIRI CEFALONIA, FAENZA, RA

 

RICONOSCIMENTI SPECIALI

ICS CASTELNUOVO DEL GARDA – VERONA

SAPIS – SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO  – APRILIA  LT

ICS PRUDENZANO – MANDURIA – TA

SCUOLA PRIMARIA DUCA D’AOSTA – BARI PALESE

ISTITUTO SUPERIORE FERMI – LICATA – AG

LICEO SACRO CUORE – ROMA

ICS SANZIO – MERCATINO CONCA – PU

SCUOLA PRIMARIA, FOIANO VALFORTORE, ICS S.MARCO DEI CAVOTI – BN

CLASSE II A ISTITUTO TECNICO ECONOMICO “GUARASCI”, CON FRANCESCO ALTOMARE, ROGLIANO – CS

 

 

 

PROGETTI DI PACE PER RICORDARE IL MASSACRO DI CEFALONIA: FINO AL 10 GIUGNO L’INVIO DEGLI ELABORATI


 

HPIM1161

Rivivere un episodio doloroso della storia italiana per progettare sogni e disegni di pace. E’ questo il senso dell’iniziativa “Ricordare Cefalonia, Progettare la Pace” che il mensile OKAY! e la sezione di Bergamo dell’Associazione Nazionale Superstiti Reduci e Famiglie dei Caduti della Divisione Acqui, promuovono a livello nazionale tra le scuole materne, primarie e secondarie di primo e secondo grado. Aderisce all’iniziativa l’Associazione Nazionale Superstiti Reduci e Famiglie dei Caduti della Divisione Acqui, con la sua presidente prof.ssa Graziella Bettini.

FINALITA’

La finalità è quella di non dimenticare. Ossia di fare memoria di quanto avvenuto sull’isola di Cefalonia tra il 1943 ed il 1944, durante la seconda guerra mondiale, quando migliaia di giovani soldati italiani, appartenenti alla Divisione Acqui, vennero trucidati dai tedeschi, dopo la proclamazione dell’armistizio (8 settembre 1943).

Fu una carneficina ed una barbarie senza precedenti. Un eccidio in cui giovani vite vennero troncate mentre inseguivano un sogno di libertà e il desiderio di tornare a casa, dai familiari che non rivedranno più. Se ne salvarono circa un migliaio, che divennero superstiti anche per raccontare e testimoniare un sogno di pace e affinchè tutti quegli orrori non fossero ripetuti.

Dunque, nel ricordare tutti i caduti ed i superstiti della Divisione “Acqui”, l’iniziativa vuole invitare a riflettere sulla necessità della pace e sull’urgenza che i popoli e le nazioni trovino le forme e gli strumenti più civili per dialogare, evitando le guerre, che provocano sempre morte, dolore e disperazione.

COME ADERIRE

Attraverso messaggi, composizioni, disegni, testimonianze, poesie, immagini (foto e video) e brani canori e musicali, la scuola italiana, nel commemorare i caduti ed i superstiti di Cefalonia, è invitata a raccontare segni, segnali, storie e colori di pace.

Attraverso le varie forme della creatività e della piena libertà  espressiva, i partecipanti potranno eseguire lavori che illustrano le tematiche collegate alla pace, magari rispondendo a semplici domande: perché la pace è importante? Che cosa vuol dire essere in pace? C’è oggi la pace nel mondo? Ha mai sentito i racconti di chi è stato in guerra? Quale è il tuo impegno per la pace? Chi può donare la pace? Quali sono oggi le Nazioni che soffrono per la guerra? Quali sono le persone, i leaders e le organizzazioni che oggi lavorano ed operano per la pace? Hai un messaggio di pace da lanciare e proporre a chi oggi governa i destini del mondo?

Si possono produrre lavori che rivivono, come messaggio di pace, le stesse vicende dell’eccidio della Divisione Acqui e del sacrificio di migliaia di giovani italiani. Ci si potrà ispirare a libri e a testimonianze dirette, ai racconti degli stessi superstiti che sono sopravvissuti a quei drammatici avvenimenti. Si potranno produrre testi, foto ed immagini che narrano i fatti accaduti sull’isola greca dopo l’8 settembre 1943. Se nella tua città o nel tuo paese, c’è una via, una piazza o una scuola dedicata ad uno dei Martiri caduti a Cefalonia, prova a raccogliere notizie, a raccontarne la vicenda, proprio con la finalità di riflettere su fatti ed eventi che non dovrebbero più accadere.

PRESENTAZIONE DEGLI ELABORATI

Gli elaborati potranno essere presentati nelle forme e con i supporti più vari: album, opuscoli, fascicoli, giornali scolastici, dvd, cd-rom, pen-drive, siti web e così via. Tutti i lavori dovranno pervenire entro e non oltre il 10 giugno 2015 (fa fede il timbro postale) al seguente indirizzo: Okay!, presso Casa M.E.Mazza, via Nullo 48, 24128 Bergamo.

CERIMONIA DI PREMIAZIONE

Una commissione giudicatrice selezionerà i migliori lavori pervenuti. Le scuole saranno premiate con prodotti di utilità didattica nel corso di eventi pubblici che verranno definiti prossimamente. Nella medesima manifestazione – dedicata a ricordare e ad attualizzare la vicenda della Divisione “Acqui” – verrà organizzata una mostra dei migliori lavori pervenuti.

INFORMAZIONI

Informazioni e regolamento sono reperibili sul mensile e sul sito di Okay! –https://okayscuola.wordpress.com/ – che dedicherà notizie e approfondimenti all’iniziativa.

RINGRAZIAMENTI

Okay! ringrazia per la collaborazione: l’Associazione Nazionale Nazionale Superstiti Reduci e Famiglie dei Caduti della Divisione Acqui, Graziella Bettini (presidente nazionale), Daniella Ghilardini (presidente sezione di Bergamo), Orazio Pavignani (comunicazione e ufficio stampa), Ilario Nadal (Anda, Milano).

Adesioni all’iniziativa possono essere inviate a: Okay!, presso Casa M.E.Mazza, Via Nullo 48, 24128 Bergamo, 035/314720   

PAGINA 10 Divisione Acquidivisione acqui logookay-logo-home-page

PROGETTI DI PACE: NEL RICORDO DEI FATTI DI CEFALONIA UNA GRANDE INIZIATIVA PER TUTTE LE SCUOLE ITALIANE


Un tabellone realizzato dai bambini di Aprilia (LT) con l'insegnante Patrizia Sapri.

Un tabellone realizzato dai bambini di Aprilia (LT) con l’insegnante Patrizia Sapri.

Rivivere un episodio doloroso della storia italiana per progettare sogni e disegni di pace. E’ questo il senso dell’iniziativa “Ricordare Cefalonia, Progettare la Pace” che il mensile OKAY! e la sezione di Bergamo dell’Associazione Nazionale Superstiti Reduci e Famiglie dei Caduti della Divisione Acqui, promuovono a livello nazionale tra le scuole materne, primarie e secondarie di primo e secondo grado. Aderisce all’iniziativa l’Associazione Nazionale Superstiti Reduci e Famiglie dei Caduti della Divisione Acqui, con la sua presidente prof.ssa Graziella Bettini.

FINALITA’

La finalità è quella di non dimenticare. Ossia di fare memoria di quanto avvenuto sull’isola di Cefalonia tra il 1943 ed il 1944, durante la seconda guerra mondiale, quando migliaia di giovani soldati italiani, appartenenti alla Divisione Acqui, vennero trucidati dai tedeschi, dopo la proclamazione dell’armistizio (8 settembre 1943).

Fu una carneficina ed una barbarie senza precedenti. Un eccidio in cui giovani vite vennero troncate mentre inseguivano un sogno di libertà e il desiderio di tornare a casa, dai familiari che non rivedranno più. Se ne salvarono circa un migliaio, che divennero superstiti anche per raccontare e testimoniare un sogno di pace e affinchè tutti quegli orrori non fossero ripetuti.

Dunque, nel ricordare tutti i caduti ed i superstiti della Divisione “Acqui”, l’iniziativa vuole invitare a riflettere sulla necessità della pace e sull’urgenza che i popoli e le nazioni trovino le forme e gli strumenti più civili per dialogare, evitando le guerre, che provocano sempre morte, dolore e disperazione.

COME ADERIRE

Attraverso messaggi, composizioni, disegni, testimonianze, poesie, immagini (foto e video) e brani canori e musicali, la scuola italiana, nel commemorare i caduti ed i superstiti di Cefalonia, è invitata a raccontare segni, segnali, storie e colori di pace.

Attraverso le varie forme della creatività e della piena libertà  espressiva, i partecipanti potranno eseguire lavori che illustrano le tematiche collegate alla pace, magari rispondendo a semplici domande: perché la pace è importante? Che cosa vuol dire essere in pace? C’è oggi la pace nel mondo? Ha mai sentito i racconti di chi è stato in guerra? Quale è il tuo impegno per la pace? Chi può donare la pace? Quali sono oggi le Nazioni che soffrono per la guerra? Quali sono le persone, i leaders e le organizzazioni che oggi lavorano ed operano per la pace? Hai un messaggio di pace da lanciare e proporre a chi oggi governa i destini del mondo?

Si possono produrre lavori che rivivono, come messaggio di pace, le stesse vicende dell’eccidio della Divisione Acqui e del sacrificio di migliaia di giovani italiani. Ci si potrà ispirare a libri e a testimonianze dirette, ai racconti degli stessi superstiti che sono sopravvissuti a quei drammatici avvenimenti. Si potranno produrre testi, foto ed immagini che narrano i fatti accaduti sull’isola greca dopo l’8 settembre 1943. Se nella tua città o nel tuo paese, c’è una via, una piazza o una scuola dedicata ad uno dei Martiri caduti a Cefalonia, prova a raccogliere notizie, a raccontarne la vicenda, proprio con la finalità di riflettere su fatti ed eventi che non dovrebbero più accadere.

PRESENTAZIONE DEGLI ELABORATI

Gli elaborati potranno essere presentati nelle forme e con i supporti più vari: album, opuscoli, fascicoli, giornali scolastici, dvd, cd-rom, pen-drive, siti web e così via. Tutti i lavori dovranno pervenire entro e non oltre il 30 maggio 2015 (fa fede il timbro postale) al seguente indirizzo: Okay!, presso Casa M.E.Mazza, via Nullo 48, 24128 Bergamo.

CERIMONIA DI PREMIAZIONE

Una commissione giudicatrice selezionerà i migliori lavori pervenuti. Le scuole saranno premiate con prodotti di utilità didattica nel corso di eventi pubblici che verranno definiti prossimamente. Nella medesima manifestazione – dedicata a ricordare e ad attualizzare la vicenda della Divisione “Acqui” – verrà organizzata una mostra dei migliori lavori pervenuti.

INFORMAZIONI

Informazioni e regolamento sono reperibili sul mensile e sul sito di Okay! –https://okayscuola.wordpress.com/ – che dedicherà notizie e approfondimenti all’iniziativa.

RINGRAZIAMENTI

Okay! ringrazia per la collaborazione: l’Associazione Nazionale Nazionale Superstiti Reduci e Famiglie dei Caduti della Divisione Acqui, Graziella Bettini (presidente nazionale), Daniella Ghilardini (presidente sezione di Bergamo), Orazio Pavignani (comunicazione e ufficio stampa), Ilario Nadal (Anda, Milano).

Adesioni all’iniziativa possono essere inviate a: Okay!, presso Casa M.E.Mazza, Via Nullo 48, 24128 Bergamo, 035/314720   

PAGINA 10 Divisione Acquidivisione acqui logookay-logo-home-page

“RICORDARE CEFALONIA, PROGETTARE LA PACE”: VIDEO, DISEGNI, MAPPE E FLASH CARD DAGLI STUDENTI DELL’ITE “GUARASCI” DI ROGLIANO (CS)


 

disegno X CEFALONIA

Ecco un altro bel contributo per l’iniziativa “Ricordare Cefalonia, Progettare la Pace”, lanciata da Okay! con Associazione Nazionale Superstiti Reduci e Famiglie dei Caduti della Divisione Acqui, massacrata a Cefalonia nel 1943. Come ci informa la docente prof.ssa Rosa Marincola, i ragazzi della II A Istituto Tecnico Economico “Guarasci” di Rogliano con Francesco Altomare, hanno realizzato un video, un disegno e altre attività (tag cloud, calligramma, mappa storica e una flash card) che sono stati caricati su questa pagina del Diario di Francesco:

https://sites.google.com/site/francescoaltomare2/home/una-nuova-era/ricordarecefalonia

Gli studenti hanno lavorato sia autonomamente che a scuola in gruppo e la pagina web raccoglie tutto ciò che hanno prodotto. Cliccate e navigate… Davvero “bravi” agli allievi di Rogliano, che hanno inteso così rendere omaggio alle vittime della “Acqui” e nel contempo riflettere sull’urgenza della pace.

   *****

Il bando-regolamento dell’iniziativa 

RICORDARE CEFALONIA, PROGETTARE LA PACE

 

Rivivere un episodio doloroso della storia italiana per progettare sogni e disegni di pace. E’ questo il senso dell’iniziativa “Ricordare Cefalonia, Progettare la Pace” che il mensile OKAY! e la sezione di Bergamo dell’Associazione Nazionale Superstiti Reduci e Famiglie dei Caduti della Divisione Acqui, promuovono a livello nazionale tra le scuole materne, primarie e secondarie di primo e secondo grado. Aderisce all’iniziativa l’Associazione Nazionale Superstiti Reduci e Famiglie dei Caduti della Divisione Acqui, con la sua presidente prof.ssa Graziella Bettini.

FINALITA’

La finalità è quella di non dimenticare. Ossia di fare memoria di quanto avvenuto sull’isola di Cefalonia tra il 1943 ed il 1944, durante la seconda guerra mondiale, quando migliaia di giovani soldati italiani, appartenenti alla Divisione Acqui, vennero trucidati dai tedeschi, dopo la proclamazione dell’armistizio (8 settembre 1943).

Fu una carneficina ed una barbarie senza precedenti. Un eccidio in cui giovani vite vennero troncate mentre inseguivano un sogno di libertà e il desiderio di tornare a casa, dai familiari che non rivedranno più. Se ne salvarono circa un migliaio, che divennero superstiti anche per raccontare e testimoniare un sogno di pace e affinchè tutti quegli orrori non fossero ripetuti.

Dunque, nel ricordare tutti i caduti ed i superstiti della Divisione “Acqui”, l’iniziativa vuole invitare a riflettere sulla necessità della pace e sull’urgenza che i popoli e le nazioni trovino le forme e gli strumenti più civili per dialogare, evitando le guerre, che provocano sempre morte, dolore e disperazione.

COME ADERIRE

Attraverso messaggi, composizioni, disegni, testimonianze, poesie, immagini (foto e video) e brani canori e musicali, la scuola italiana, nel commemorare i caduti ed i superstiti di Cefalonia, è invitata a raccontare segni, segnali, storie e colori di pace.

Attraverso le varie forme della creatività e della piena libertà  espressiva, i partecipanti potranno eseguire lavori che illustrano le tematiche collegate alla pace, magari rispondendo a semplici domande: perché la pace è importante? Che cosa vuol dire essere in pace? C’è oggi la pace nel mondo? Ha mai sentito i racconti di chi è stato in guerra? Quale è il tuo impegno per la pace? Chi può donare la pace? Quali sono oggi le Nazioni che soffrono per la guerra? Quali sono le persone, i leaders e le organizzazioni che oggi lavorano ed operano per la pace? Hai un messaggio di pace da lanciare e proporre a chi oggi governa i destini del mondo?

Si possono produrre lavori che rivivono, come messaggio di pace, le stesse vicende dell’eccidio della Divisione Acqui e del sacrificio di migliaia di giovani italiani. Ci si potrà ispirare a libri e a testimonianze dirette, ai racconti degli stessi superstiti che sono sopravvissuti a quei drammatici avvenimenti. Si potranno produrre testi, foto ed immagini che narrano i fatti accaduti sull’isola greca dopo l’8 settembre 1943. Se nella tua città o nel tuo paese, c’è una via, una piazza o una scuola dedicata ad uno dei Martiri caduti a Cefalonia, prova a raccogliere notizie, a raccontarne la vicenda, proprio con la finalità di riflettere su fatti ed eventi che non dovrebbero più accadere.

PRESENTAZIONE DEGLI ELABORATI

Gli elaborati potranno essere presentati nelle forme e con i supporti più vari: album, opuscoli, fascicoli, giornali scolastici, dvd, cd-rom, pen-drive, siti web e così via.

Tutti i lavori dovranno pervenire entro e non oltre il 30 maggio 2015 (fa fede il timbro postale) al seguente indirizzo: Okay!, presso Casa M.E.Mazza, via Nullo 48, 24128 Bergamo.

CERIMONIA DI PREMIAZIONE

Una commissione giudicatrice selezionerà i migliori lavori pervenuti. Le scuole saranno premiate con prodotti di utilità didattica nel corso di eventi pubblici che verranno definiti prossimamente. Nella medesima manifestazione – dedicata a ricordare e ad attualizzare la vicenda della Divisione “Acqui” – verrà organizzata una mostra dei migliori lavori pervenuti.

INFORMAZIONI

Informazioni e regolamento sono reperibili sul mensile e sul sito di Okay! – https://okayscuola.wordpress.com/ – che dedica notizie e approfondimenti.

 

ELISA SPRINGER, SOPRAVVISSUTA ALL’OLOCAUSTO: IL VIDEO DELL’ICS PRUDENZANO DI MANDURIA (TA)


*

IL VIDEO REALIZZATO DALLA CLASSE V DELL’ICS PRUDENZANO DI MANDURIA (TA) PER L’INIZIATIVA “RICORDARE CEFALONIA, PROGETTARE LA PACE”. UN DOCUMENTO SU ELISA SPRINGER, SOPRAVVISSUTA ALL’OLOCAUSTO E TESTIMONE DI PACE, CHE PROPONIAMO IN QUESTA GIORNATA DELLA MEMORIA.

GIORNATA DELLA MEMORIA / DALL’ICS “PRUDENZANO” DI MANDURIA (TA) UNA RICERCA SU ELISA SPRINGER


Lavoro Su Elisa Springer

ECCO L’ARTICOLO DELLA “GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO”, A FIRMA DI NANDO PERRONE, DEDICATO ALL’INTERESSANTE LAVORO PRODOTTO DALLA CLASSE V D DELL’ICS PRUDENZANO DI MANDURIA (TA). IL VIDEO SU ELISA SPRINGER E’ PERVENUTO AD OKAY! PER L’INIZIATIVA “RICORDARE CEFALONIA, PROGETTARE LA PACE” IL CUI REGOLAMENTO E’ PUBBLICATO A QUESTO LINK:

https://okayscuola.wordpress.com/ricordare-cefalonia/

 

 

L’ORRENDO CRIMINE DI PARIGI: UNA RAGIONE IN PIU’ PER PARTECIPARE ALLA RICERCA-CONCORSO SULLA PACE


 

HPIM1161

Rivivere un episodio doloroso della storia italiana per progettare sogni e disegni di pace. E’ questo il senso dell’iniziativa “Ricordare Cefalonia, Progettare la Pace” che il mensile OKAY! e la sezione di Bergamo dell’Associazione Nazionale Superstiti Reduci e Famiglie dei Caduti della Divisione Acqui, promuovono a livello nazionale tra le scuole materne, primarie e secondarie di primo e secondo grado. Aderisce all’iniziativa l’Associazione Nazionale Superstiti Reduci e Famiglie dei Caduti della Divisione Acqui, con la sua presidente prof.ssa Graziella Bettini.

FINALITA’

La finalità è quella di non dimenticare. Ossia di fare memoria di quanto avvenuto sull’isola di Cefalonia tra il 1943 ed il 1944, durante la seconda guerra mondiale, quando migliaia di giovani soldati italiani, appartenenti alla Divisione Acqui, vennero trucidati dai tedeschi, dopo la proclamazione dell’armistizio (8 settembre 1943).

Fu una carneficina ed una barbarie senza precedenti. Un eccidio in cui giovani vite vennero troncate mentre inseguivano un sogno di libertà e il desiderio di tornare a casa, dai familiari che non rivedranno più. Se ne salvarono circa un migliaio, che divennero superstiti anche per raccontare e testimoniare un sogno di pace e affinchè tutti quegli orrori non fossero ripetuti.

Dunque, nel ricordare tutti i caduti ed i superstiti della Divisione “Acqui”, l’iniziativa vuole invitare a riflettere sulla necessità della pace e sull’urgenza che i popoli e le nazioni trovino le forme e gli strumenti più civili per dialogare, evitando le guerre, che provocano sempre morte, dolore e disperazione.

COME ADERIRE

Attraverso messaggi, composizioni, disegni, testimonianze, poesie, immagini (foto e video) e brani canori e musicali, la scuola italiana, nel commemorare i caduti ed i superstiti di Cefalonia, è invitata a raccontare segni, segnali, storie e colori di pace.

Attraverso le varie forme della creatività e della piena libertà  espressiva, i partecipanti potranno eseguire lavori che illustrano le tematiche collegate alla pace, magari rispondendo a semplici domande: perché la pace è importante? Che cosa vuol dire essere in pace? C’è oggi la pace nel mondo? Ha mai sentito i racconti di chi è stato in guerra? Quale è il tuo impegno per la pace? Chi può donare la pace? Quali sono oggi le Nazioni che soffrono per la guerra? Quali sono le persone, i leaders e le organizzazioni che oggi lavorano ed operano per la pace? Hai un messaggio di pace da lanciare e proporre a chi oggi governa i destini del mondo?

Si possono produrre lavori che rivivono, come messaggio di pace, le stesse vicende dell’eccidio della Divisione Acqui e del sacrificio di migliaia di giovani italiani. Ci si potrà ispirare a libri e a testimonianze dirette, ai racconti degli stessi superstiti che sono sopravvissuti a quei drammatici avvenimenti. Si potranno produrre testi, foto ed immagini che narrano i fatti accaduti sull’isola greca dopo l’8 settembre 1943. Se nella tua città o nel tuo paese, c’è una via, una piazza o una scuola dedicata ad uno dei Martiri caduti a Cefalonia, prova a raccogliere notizie, a raccontarne la vicenda, proprio con la finalità di riflettere su fatti ed eventi che non dovrebbero più accadere.

PRESENTAZIONE DEGLI ELABORATI

Gli elaborati potranno essere presentati nelle forme e con i supporti più vari: album, opuscoli, fascicoli, giornali scolastici, dvd, cd-rom, pen-drive, siti web e così via. Tutti i lavori dovranno pervenire entro e non oltre il 30 maggio 2015 (fa fede il timbro postale) al seguente indirizzo: Okay!, presso Casa M.E.Mazza, via Nullo 48, 24128 Bergamo.

CERIMONIA DI PREMIAZIONE

Una commissione giudicatrice selezionerà i migliori lavori pervenuti. Le scuole saranno premiate con prodotti di utilità didattica nel corso di eventi pubblici che verranno definiti prossimamente. Nella medesima manifestazione – dedicata a ricordare e ad attualizzare la vicenda della Divisione “Acqui” – verrà organizzata una mostra dei migliori lavori pervenuti.

INFORMAZIONI

Informazioni e regolamento sono reperibili sul mensile e sul sito di Okay! – https://okayscuola.wordpress.com/ – che dedicherà notizie e approfondimenti all’iniziativa.

RINGRAZIAMENTI

Okay! ringrazia per la collaborazione: l’Associazione Nazionale Nazionale Superstiti Reduci e Famiglie dei Caduti della Divisione Acqui, Graziella Bettini (presidente nazionale), Daniella Ghilardini (presidente sezione di Bergamo), Orazio Pavignani (comunicazione e ufficio stampa), Ilario Nadal (Anda, Milano).

Adesioni all’iniziativa possono essere inviate a: Okay!, presso Casa M.E.Mazza, Via Nullo 48, 24128 Bergamo, 035/314720   

PAGINA 10 Divisione Acquidivisione acqui logookay-logo-home-page