MARTINBOOK FESTIVAL 2016: SABATO 30 LUGLIO LA PRESENTAZIONE DI “FRANCESCO” (ORE 21,15 MARTINSICURO, TE). ECCO LO SPOT UFFICIALE


 

La VII edizione del MartinBook Festival – promosso dall’Associazione Culturale Martinbook e dal Comune di Martinsicuro – è in programma a Martinsicuro (Teramo) dal 28 al 30 luglio. Tra gli autori invitati all’evento c’è Roberto Alborghetti, che il 30 luglio, alle ore 21,15,  presso la storica Torre Carlo V, presenterà la nuova edizione aggiornata di “Francesco”, la prima biografia storica illustrata su Papa Bergoglio, pubblicata da Editrice Velar. Modera l’incontro: Noris Cretone. Ecco lo spot ufficiale dell’evento.  

Nella foto: La Torre Carlo V, Martinsicuro (TE). 

800px-Torre_di_Martinsicuro

“NESSUNO RESTI INDIETRO” A MOLA DI BARI: UN’INTERA PAGINA SU “FAX”


FAX Mola di Bari (443x640)

IL PERIODICO “FAX” HA DEDICATO UN’INTERA PAGINA ALL’INCONTRO DI PRESENTAZIONE DI “NESSUNO RESTI INDIETRO”, DI ROBERTO ALBORGHETTI, EDITRICE VELAR, PRESSO L’IISS “DA VINCI-MAJORANA” A MOLA DI BARI. INCONTRO PROMOSSO DA CULTURE CLUB CAFE DI MIMMO SPARNO IN COLLABORAZIONE CON L’IC “ALIGHIERI-TANZI”. 

*

Il libro è disponibile anche su IBS.it :

http://www.ibs.it/code/9788866712404/alborghetti-roberto/nessuno-resti-indietro.html

 

ANTEPRIMA OGGI DI “NESSUNO RESTI INDIETRO”: NE SCRIVE ANCHE IL “CORRIERE DELLA SERA”


CORRIERE DELLA SERA 19 3 2016

Il Corriere della Sera sull’anteprima oggi a Bergamo di “Nessuno resti indietro”, il nuovo libro di Roberto Alborghetti, il terzo su Papa Francesco, Edizioni Velar. Il testo ricostruisce con documenti inediti anche le lotte sostenute da Bergoglio a Buenos Aires contro lavoro-schiavo, tratta delle persone, sfruttamento minorile, racket e mafie… Un libro indispensabile per capire l’uomo che da tre anni è il leader più stimato ed influente del mondo…     

LE LOTTE DI BERGOGLIO CONTRO LAVORO-SCHIAVO, TRATTA DELLE PERSONE, MAFIE… DOMANI L’ANTEPRIMA DI “NESSUNO RESTI INDIETRO”


Il nuovo libro di Roberto Alborghetti, NESSUNO RESTI INDIETRO / PAPA FRANCESCO, LA DIGNITA’ DEL LAVORO E L’INCLUSIONE SOCIALE, sarà presentato in anteprima alla Libreria S.Paolo, via Paglia 2H, a Bergamo, domani sabato 19 marzo 2016, alle ore 17,30.
Edito da Velar, con la copertina che riporta una intensa illustrazione dell’artista UMBERTO GAMBA, il testo porta un contributo originale ed inedito per comprendere i temi centrali della dottrina sociale di un Papato, certamente straordinario, che ha posto all’agenda mondiale l’urgenza di rivedere e riformare un sistema che produce ingiustizia.
Perché – si chiede l’autore nell’introduzione del libro – il termine “dignità del lavoro”
è uno tra i più pronunciati da Papa Francesco? Perché, fin dall’inizio del suo pontificato, Bergoglio insiste sulle questioni collegate ai temi della giustizia e dell’inclusione sociale?

Già nel lavorare sul testo di “Francesco” (la prima biografia storica illustrata su
Papa Bergoglio, edita sempre dall’Editrice Velar) Alborghetti si era imbattuto in
cronache e vicende che documentavano come il futuro Papa avesse testimoniato
e sviluppato, nella sua Buenos Aires, una particolarissima sensibilità pastorale sul
tema.
Le esperienze degli anni trascorsi nelle villas miseria e tra le periferie della metropoli
argentina, passando tra fasi storiche e sociali drammaticamente complesse – si
pensi solo alla crisi economica dei primi anni del Duemila -, ne avevano modellato
il carattere, la sensibilità spirituale, il coraggio di missionario e cura (prete) di
frontiera, che vive il Vangelo “sporcandosi” con i problemi del popolo.
Dunque, per rispondere compiutamente ai “perché?”, l’autore è ripartito da quegli
anni e da quelle esperienze, seguendo ed inseguendo i passaggi del tempo,
che videro il futuro Papa figlio di emigranti italiani, studente-lavoratore, addetto
alle pulizie, novizio gesuita, docente, rettore, vescovo ausiliare e poi arcivescovo
primate e cardinale.
Le pagine del libro ci portano dentro gli anni e le esperienze pastorali che Jorge
Mario Bergoglio ha vissuto nella Buenos Aires del lavoro-schiavo, dei laboratori
clandestini, della tratta delle persone, dello sfruttamento dei minori, della
disoccupazione, del lavoro nero, nel “tritacarne” dell’economia speculativa. Tra
quelle vicende – scrive Alborghetti – “ho trovato la risposta all’interrogativo perché
questo Papa insiste coerentemente sulla necessità di “un nuovo ‘umanesimo del
lavoro’, dove l’uomo, e non il profitto, sia al centro; dove l’economia serva l’uomo
e non si serva dell’uomo”, dove i tanti giovani che non lavorano sono “i nuovi
esclusi del nostro tempo”, “vengono privati della loro dignità”, mentre “la giustizia
umana chiede l’accesso al lavoro per tutti” (16 gennaio 2016, Incontro con MCL,
Movimento Cristiano Lavoratori).
Nella sofferenza condivisa per tanti episodi di ingiustizia e di esclusione sociali – il
libro, ad esempio, ricostruisce le vicende della strage ferroviaria dell’Once, del
massacro di quasi 200 giovani nella discoteca Cromañón , delle vittime del lavoro schiavo
e della criminalità collegata al racket delle persone e allo sfruttamento
minorile in circa 3.000 fabbriche tessili abusive – nasce, si muove e si eleva il grido
del “Nessuno resti indietro” dell’arcivescovo Bergoglio.

bannercheeky - Copia - Copia

Buenos Aires, Messaggio contro lo sfruttamento dei lavoratori nei laboratori tessili della capitale argentina. Un fenomeno contro il quale si è battuto il futuro Papa Francesco. Nel libro “Nessuno resti indietro” sono ricostruite vicende e momenti drammatici di questo impegno a tutto campo.

 

Un grido ribadito e reiterato anche oggi, per per dire “no”: a “un’economia dello
scarto, che chiede di rassegnarsi all’esclusione di coloro che vivono in povertà
assoluta”, “all’idolatria del denaro, che spinge ad entrare a tutti i costi nel numero
dei pochi che, malgrado la crisi, si arricchiscono, senza curarsi dei tanti che si
impoveriscono, a volte fino alla fame”, “alla corruzione, tanto diffusa che sembra
essere un atteggiamento, un comportamento normale”, “alle collusioni mafiose,
alle truffe, alle tangenti” e “all’iniquità che genera violenza”: così dirà a Torino, il
21 settembre 2015.

E’ sempre tra le strade, le piazze e i quartieri della grande metropoli argentina che Bergoglio delinea già le linee portanti di quella che, con un neologismo
anglosassone, è definita “Francisnomics”, ossia un modello di sviluppo economico,
sociale e culturale che, attraverso “il lavoro libero, creativo, partecipativo e solidale”
– come disse ancora alle Acli – possa portare l’essere umano ad esprimere e ad
accrescere la dignità della propria vita.
“Nessuno resti indietro” è un testo per certi aspetti indispensabile, non solo come
strumento per condividere il progetto e la visione di Papa Francesco per un nuovo
ordine sociale. Come scrive Alborghetti, è impossibile capire questo Papa se non
si parte proprio da dove egli è vissuto e da dove egli è partito, “preso quasi alla
fine del mondo”: la prima frase pronunciata appena si è presentato al mondo
come Francesco, la sera del 13 marzo 2013. E non era un modo di dire.

http://www.velar.it

 

 

LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO: LA CRONACA DEL GRANDE EVENTO A BARLETTA PER LA PRESENTAZIONE DI “FRANCESCO”


LA GAZZETTA  MEZZOGIORNO 1 3 2016

Il grande spazio che La Gazzetta del Mezzogiorno ha dato all’evento di presentazione a Barletta della terza edizione aggiornata di “Francesco”, autore Roberto Alborghetti, pubblicata da Velar in una doppia edizione (volume singolo, cofanetto con 3 volumi). 

LA“FRECCIA” DI BERGOGLIO: NUOVI INCONTRI A ODERZO (TV), BERGAMO, PAVIA, PALERMO, SALERNO E FIRENZE


 quando-il-giorno-nosiglia-640x616

 

Oderzo (Treviso, 10 aprile), Bergamo (14 aprile), Pavia (5 maggio), Palermo (12 maggio), Salerno (15 maggio) e Firenze (22 maggio) sono i prossimi incontri in calendario per il lungo “giro” delle presentazioni del libro “Quando il giorno era una freccia”, edito da AGeSC, scritto da Roberto Alborghetti, che racconta l’itinerario tra le aule scolastiche di Papa Francesco e la sua testimonianza educativa. E’, questa, una iniziativa promossa dalle reltà territoriali dell’AGeSC, in sintonia con l’AGeSC nazionale e spesso in collaborazione con istituti scolastici, comunità, enti ed istituzioni pubbliche e culturali. Sono ormai più di trenta gli incontri tenutisi finora, coinvolgendo un po’ tutta Italia, attorno alle tematiche educative suggerite dalle pagine del volume e dalla testimonianza di Papa Francesco.

Ecco una sintetica agenda degli incontri in programma:

10 APRILE: ODERZO (TV)

Nuova tappa nel Trevigiano per il giro di presentazioni di “Quando il giorno era una freccia”, edito da AGESC e scritto da Roberto Alborghetti. Domani, venerdi 10 aprile, è infatti programmato un incontro a Oderzo, presso il Collegio Brandolini, in viale Brandolini 6, istituzione diretta dai Padri Giuseppini. Vi partecipano: Padre Mario Aldegani, Superiore Generale Congregazione  Giuseppini del Murialdo; Roberto Gontero, Presidente nazionale saluto introduttivo di Padre Massimo Rocchi, Rettore del Collegio Brandolini; coordina l’incontro: avv. Mauro De Lucca, Presidente AGeSC Treviso. La manifestazione è promossa da AGeSC, Congregazione Giuseppini del Murialdo, Collegio Brandolini e Vita Giuseppina. Sono invitati in particolar modo: soci AGeSC, operatori dell’educazione, docenti, studenti, comunità parrocchiali, enti ed istituzioni del territorio e tutti coloro che hanno a cuore la scuola, l’educazione e la famiglia.

 

14 APRILE: BERGAMO

Sempre prendendo spunto dal libro “Quando il giorno era una freccia”, il 14 aprile 2015, alle ore 18, si svolgerà un incontro sul tema “Educare: difficile quanto affascinante” presso il Centro Culturale San Bartolomeo, in Largo Belotti 1, a Bergamo. La tavola rotonda vedrà gli interventi di P. Tommaso Reali op, Domenicano e Docente di Teologia morale; Prof. Enzo Noris, Docente di Letteratura italiana; Roberto Gontero, Presidente Nazionale AGeSC (Associazioni Genitori Scuole Cattoliche); Roberto Alborghetti, Giornalista e Autore del libro. Introduce e modera: Gerardo Veneziani. L’iniziativa è promossa da Ikonos (www.ikonos.tv) e Centro Culturale San Bartolomeo ed è aperta a tutta la cittadinanza.

 

5 MAGGIO: PAVIA

Tappa anche a Pavia per il giro delle presentazioni di “Quando il giorno era una freccia”. L’incontro, promosso da Agesc Provinciale Pavia (presidente Paolo Soresina),  AGEN,  STUDIUM Reset, avrà luogo nella serata del 5 maggio, alle ore 21, presso l’Aula Magna del Seminario Vescovile, in Via Menocchio. L’iniziativa è sostenuta da: Istituto “San Giorgio”, Istituto “Maddalena di Canossa”, Istituto “Maria Ausiliatrice”.

12 MAGGIO: PALERMO

Di “Quando il giorno era una freccia” si parlerà anche durante la “Settimana sociale” promossa anche quest’anno a Palermo su temi ed aspetti della pastorale sociale. Il volume dell’AGeSC sarà infatti al centro dell’incontro promosso il 12 maggio (ore 17) presso la libreria delle Edizioni Paoline, in Corso Vittorio Emanuele, 456.

15 MAGGIO: SALERNO

C’è già viva attesa, per la presentazione di “Quando il giorno era una freccia”, anche a Salerno, dove è programmato un incontro per venerdi 15 maggio, con inizio alle ore 17,30, presso la Colonia San Giuseppe, in Via Salvador Allende 66. L’incontro vedrà la partecipazione dell’Arcivescovo Primate Mons.Luigi Moretti, di don Antonio RIENZO, Assistente Spirituale AIMC, di Roberto Alborghetti giornalista e autore del libro e di Laura Marmai, componente del Comitato esecutivo dell’AGeSC nazionale. In vista dell’incontro, l’Arcivescovo mons. Moretti ha espresso questo significativo commento: “Dal libro di Roberto Alborghetti “Quando il giorno era una freccia” balza nitida la figura di J. M. Bergoglio, Papa Francesco, nei momenti importanti della sua vita di ragazzo, di giovane e di docente. La lettura attenta del volume sarà di grande aiuto per i docenti e gli alunni. E’ un invito per tutti ad amare la scuola come luogo dove si formano gli uomini del futuro”.

22 MAGGIO: FIRENZE

A pochi mesi di distanza, anche Firenze torna ad ospitare un incontro di presentazione per il libro AGeSC. Si svolgerà venerdi 22 maggio (ore 21) nell’antica cornice dell’Antica Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella, in via della Scala. Una “location” davvero suggestiva, messa gentilmente a disposizione dall’ing. Eugenio e da Benedetta Alphandery, che collaborano nell’organizzazione dell’evento coordinato dalla docente ed autrice Carmelina Rotundo. La “serata” avrà una caratterizzazione particolare: una sorta di botta e risposta tra Roberto Alborghetti e giornalisti, educatori, esperti di comunicazione ed esponenti dell’associazionismo fiorentino.

Anche questa nuova serie di incontri testimonia la calda accoglienza che la pubblicazione – un vero e proprio “caso editoriale”, avvenuto al di fuori dalle logiche commerciali della “grande editoria” –  sta avendo tra il pubblico, i soci e gli amici dell’AGeSC, per i quali la pubblicazione costituisce anche la base per una serie di corsi di formazione (sono state approntate “tracce” attorno alle quali organizzare momenti di studio e di approfondimento). Introdotto dalla prefazione del cardinale Zenon Grocholewski, Prefetto della Congregazione per l’Educazione Cattolica, e da un pensiero di Roberto Gontero, il libro è stato stampato da Ikonos, che ha curato anche il progetto grafico. Pubblicato anche in versione e-book, il libro è disponibile presso le principali librerie on-line (Google Play Books, iBooks, Kobo e Amazon). E’ in vendita nelle migliori librerie e può essere richiesto direttamente a Ikonos, Via Carlo Alberto Dalla Chiesa, 10 – 24028 Treviolo (BG), Tel. 035 200515.

“QUANDO IL GIORNO ERA UNA FRECCIA”: PAPA FRANCESCO RACCONTATO DA STUDENTE, DOCENTE E EDUCATORE


 

QUANDO IL GIORNO ERA UNA FRECCIA, Roberto Alborghetti, AGeSC, 2014, copertina 

SCHEDA INFORMATIVA A CURA DI AGeSC

*

Scritta da Roberto Alborghetti (già autore della monumentale opera “Francesco”), la pubblicazione racconta gli anni che Papa Francesco ha vissuto nel mondo della scuola e la sua testimonianza educativa prima in Argentina e ora come Vescovo di Roma.

La prefazione è a cura del cardinale Zenon Grocholewski, Prefetto della Congregazione per l’Educazione Cattolica. Edito in occasione del 40° di Fondazione dell’AGeSC.

***  

 Centosettanta pagine, ventisette capitoli, circa duecentottantamila battute di testo: sono i dati riassuntivi di  “Quando il giorno era una freccia”, pubblicazione edita da AGeSC in e-book ed in versione cartacea. Si tratta di un singolare e coinvolgente documento dedicato a Papa Francesco, ai suoi anni trascorsi nel mondo della scuola e alla sua testimonianza educativa. Lo stesso titolo fa direttamente riferimento ad un’espressione che il futuro Papa ebbe per le sue esperienze da studente.

Scritto da Roberto Alborghetti, direttore del periodico AGeSC “Atempopieno” e già autore di “Francesco” (biografia storica illustrata sempre su Papa Bergoglio) il volume è suddiviso in due parti, la prima dedicata al percorso ed alle esperienze scolastiche  vissute da Jorge Mario Bergoglio e la seconda al suo impegno in campo educativo e formativo.

SEGNALATO DA OKAY!

SEGNALATO DA OKAY!

Attingendo anche a materiale inedito, la pubblicazione indaga non solo il rapporto costruito con il mondo della scuola, ma anche e soprattutto le tematiche educative care al futuro Papa Francesco, le attività pastorali avviate nell’arcidiocesi di Buenos Aires, la “lezione di vita” di un vescovo che, come successore di Pietro, non smette mai di essere maestro ed educatore. Non per niente l’ultimo capitolo è dedicato al racconto dello straordinario incontro di Papa Francesco con il mondo della scuola italiana in Piazza San Pietro (10 maggio 2014).

Introdotto dalla prefazione del cardinale Zenon Grocholewski, Prefetto della Congregazione per l’Educazione Cattolica, e da un pensiero di Roberto Gontero, Presidente nazionale dell’Associazione Genitori Scuole Cattoliche, il libro è stato stampato da Ikonos che ha coordinato e seguito l’intero progetto editoriale. Pietro Bonato, Andrea Migliorini e Maria Grazia Rodigari (missionaria in America Latina per le Piccole Apostole della Scuola Cristiana) hanno collaborato con l’autore per la traduzione dalla lingua spagnola dei testi originali di Bergoglio.

La pubblicazione, edita nell’ambito del 40° di fondazione dell’AgeSC, costituisce inoltre la base per una serie di corsi di formazione che nei prossimi mesi coinvolgeranno i genitori impegnati nei consigli di istituto delle scuole paritarie e sarà al centro di una serie di presentazioni pubbliche.

 

DALLA PREFAZIONE DEL CARD. ZENON GROCHOLEWSKI   

Viene spontaneo domandarsi da dove deriva a Papa Francesco questa passione educativa. Il presente libro ci dà un’approfondita risposta rivisitando gli anni che Jorge Mario Bergoglio ha trascorso nel mondo della scuola come studente e docente (Parte I), nonché la testimonianza del suo ministero pastorale vissuto con uno spiccato interesse educativo (Parte II).

L’itinerario a ritroso, che l’autore Roberto Alborghetti ripercorre con penna agile, testimonia che l’educazione è la ricchezza di un patrimonio ricevuto dall’amore di molte persone, da incontri e luoghi sempre nuovi, dall’accoglienza conviviale delle differenze, per introdursi nella realtà e costruire il futuro – come ha affermato l’allora Arcivescovo di Buenos Aires – da «cittadini solidali, dotati di senso storico e collettivo della comunità, responsabili, che conoscano le radici della propria identità e siano coscienti del destino comune del proprio popolo» (1° settembre 1999).

Ritengo, pertanto, che questa pubblicazione, voluta dall’AGeSC per celebrare i suoi fecondi 40 anni della fondazione, sia un bel dono non solo per i genitori delle scuole cattoliche, ma anche per tutti coloro che sentono l’attuale “emergenza educativa” come “periferia” alla quale andare incontro con “speranza ostinata” .

 

DALLA RIFLESSIONE DI ROBERTO GONTERO

Il messaggio di Papa Francesco – e l’evento del 10 maggio a Roma – giungono insieme a coincidere con la felice ricorrenza del 40° anniversario della fondazione dell’Associazione Genitori Scuole Cattoliche. Il fatto di avere alla guida della Chiesa universale un Pastore che professa pubblicamente di avere sempre amato la scuola è motivo di gioia e arriva come un forte sostegno alla stessa storia dell’AGeSC, alle sue intuizioni ed alla sua presenza di servizio nella Chiesa e nella società civile. E bene ha fatto l’AGeSC, già molto prima della “Giornata” in Piazza San Pietro, a ideare e a progettare la presente pubblicazione, che ricostruisce gli anni trascorsi tra le aule scolastiche dal futuro Papa Bergoglio e la sua testimonianza educativa, ieri in Argentina ed oggi come Vescovo di Roma.

Ci auguriamo che in queste pagine, noi genitori dell’AGeSC, come tutti gli educatori ed il mondo scolastico, possiamo trovare stimoli, motivazioni e suggestioni per rinnovare il nostro legame con il bene-scuola e per non “lasciarci rubare l’amore per la scuola”. Un impegno, questo, che si fonda soprattutto sull’esempio di vita, “una delle dimensioni più belle e profonde dell’educatore”, come diceva l’allora arcivescovo di Buenos Aires. Perchè è la testimonianza a consacrare “maestro” un insegnante, un genitore e ogni educatore, e a renderli “compagni di viaggio alla ricerca della verità”. Perchè è appunto “il testimone che col suo esempio ci sfida, ci incoraggia, ci accompagna, ci lascia camminare, sbagliare e ripetere ancora i nostri errori, perché possiamo crescere”.

 

NOTE SULL’AUTORE ROBERTO ALBORGHETTI

Roberto Alborghetti, giornalista professionista e scrittore, ha lavorato nel gruppo Sesaab-L’Eco di Bergamo, dove  si è occupato di attività editoriali per la scuola ed i giovani, ricoprendo anche il ruolo di inviato. E’ autore di una quarantina tra saggi e  biografie, tra cui testi dedicati a figure e testimoni del cattolicesimo sociale tra Ottocento e Novecento.

E’ autore di  Nessuno è cretino, l’ultima conversazione-intervista del grande pedagogista Aldo Agazzi, e dell’epistolario di Santa Paola Elisabetta Cerioli (Lettere di una Madre). Ha coordinato l’opera in tre volumi Lombardia / Introduzione ad una didattica dei territori. Nel novembre 2013, per i tipi di Velar-Elledici, ha pubblicato Francesco, biografia storica illustrata su Papa Bergoglio.

Blogger e autore di documentari televisivi, si occupa di editoria “educational”: è direttore di Atempopieno – il periodico dell’ AGeSC, Associazione Genitori Scuole Cattoliche – e di Okay!. Ha ricevuto diversi riconoscimenti giornalistici, tra cui l’European Award for Environmental Reporting (il cosiddetto “Pulitzer europeo” per l’informazione sull’ambiente, 1992-1993). Ha creato “LaceR/Azioni”, un progetto-ricerca basato sull’osservazione della realtà urbana percepita nei cromatismi dei “segni di  strada”, con mostre in Italia ed all’estero.

 

“QUANDO IL GIORNO ERA UNA FRECCIA”: COME INIZIA…

“L’educazione è la chiave per tutto il cambiamento e lo sviluppo sociale. Salute, educazione, lavoro sono prioritari per la società”: sono parole chiare ed inequivocabili. Le ha scritte Papa Francesco in una e-mail inviata personalmente il 7 agosto 2013 ai rappresentanti dell’Unione Docenti della Provincia di Buenos Aires e all’amico Gustavo Vera dell’Associazione La Alameda che si batte contro il lavoro in regime di schiavitù e contro le varie forme dell’emarginazione nella metropoli argentina. Nella loro immediatezza, riassumono non solo il pensiero di Papa Bergoglio sull’importanza della sfida educativa, ma anche esprimono l’attenzione e la sensibilità evangeliche di un uomo nei confronti delle emergenze sociali.

 

 AGeSC: 4o ANNI CON LA FAMIGLIA E LA SCUOLA

L’Associazione Genitori Scuole Cattoliche è sorta nel 1975. E’ Associazione di Promozione Sociale, è riconosciuta dalla Conferenza Episcopale Italiana (CEI) e dal Ministero della Pubblica Istruzione. L’AGeSC è uno “strumento” che i genitori delle Scuole Cattoliche si sono dati per aiutarsi ad approfondire i rapporti con la scuola, con la religione cattolica e con la società civile.

I suoi ambiti operativi sono: con i genitori, nel rapporto quotidiano presso la medesima scuola e nella comune istanza educativa; con la comunità scolastica, nel rapporto dei genitori con gli altri soggetti istituzionali (docenti, studenti, operatori): nel raccordo tra la scuola e il territorio nel quale è inserita; con le istituzioni, dove l’Associazione propone e sostiene istanze di libertà, di presenza e di controllo della famiglia, della scuola, della concreta libertà di educazione; con le famiglie, impegnate su altri fronti della politica familiare per promuovere e tutelare i diritti di cittadinanza.

L’Associazione fa parte a pieno titoli delle seguenti realtà: Fonags (Forum Nazionale delle Associazioni dei Genitori nella Scuola);  Commissione per l’Attuazione della Legge 62 (MIUR);  Commissione per la Valutazione della Scuola (MIUR); Consiglio Nazionale della Scuola Cattolica e della relativa Giunta Esecutiva (CEI); Consulte Nazionali di Pastorale Scolastica, Pastorale Familiare e delle Aggregazioni Laicali (CEI); Forum delle Associazioni Familiari; Consulte Scuole regionali e provinciali;  Coordinamento delle Associazioni per la Comunicazione (Copercom); Commissioni di revisione cinematografica presso il Ministero dei Beni Culturale e nel Comitato TV e Minori.

 

DOVE SI PUO’ ACQUISTARE IL LIBRO

 “Quando il giorno era una freccia” è in vendita nelle migliori librerie.

E’ disponibile presso Ikonos e può essere richiesto per e-mail: atempopieno@ikonos.tv o per telefono ( tel. 035 200515, fax 201041), www.ikonos.tv

Il volume è disponibile in versione e-book nelle principali librerie on-line:

Amazon

http://www.amazon.it/gp/product/B00KTJ3450?*Version*=1&*entries*=0

 

Google Play Books

https://play.google.com/store/books/details/Roberto_Alborghetti_Quando_il_giorno_era_una_frecc?id=HN6_AwAAQBAJ

 

iBooks 

https://itunes.apple.com/it/book/quando-giorno-era-una-freccia/id886754191?mt=11

 

Kobo

http://store.kobobooks.com/it-IT/ebook/quando-il-giorno-era-una-freccia

 

 

IMMAGINI DA SPOTORNO E NOLI: DALL’ATELIER DELL’ARTISTA RAVASIO AL BORGO DELL’ANTICA REPUBBLICA MARINARA


 

E’ sempre piacevole e bello tornare a Spotorno e a Noli, sulle coste liguri, in quello che è definito “Il Golfo dell’Isola”, per via della presenza dell’isola di Bergeggi, area marina protetta. Qui arte, storia, cultura, turismo e tradizioni si intersecano in un flusso costante, scandito dai suggestivi centri storici, dove le auto non riescono e né possono entrare. Terra di vacanza e di relax. Terra che un tempo vide il predominio di una delle antiche Repubbliche Marinare, quella di Noli, dove ancora oggi i segni della storia si raccontano attraverso la struttura architettonica dell’antico borgo.

SEGNALATO DA OKAY!

SEGNALATO DA OKAY!

A Spotorno c’è anche l’atelier di un artista pittore, Cesare Ravasio, bergamasco trapiantato in Liguria, reduce dal successo della sua mostra a Sotto il Monte, dedicata a Papa Giovanni XXIII. Dunque, tappa obbligata nel suo studio, per uno scambio di doni, come quello avvenuto con Roberto Alborghetti, che ha donato all’amico Cesare una copia del suo volume “Francesco”, la prima grande biografia storica illustrata su Papa Bergoglio, edita da Velar-Elledici, già ristampata. E Cesare ha omaggiato Roberto di un artistico portagioie, creato in soli 20 esemplari in occasione appunto della mostra di Sotto il Monte. Tutto questo sullo sfondo di Spotorno e del suo bel paesaggio, con il centro storico del Monte, il Castello Vescovile, le sue antiche chiese e gli  alberghi storici, dove soggiornarono uomini illustri, come il romanziere inglese D.H.Lawrence, che amava ammirare i colori del mare del Golfo, rimanendone incantato.

IL SETTIMANALE “IL MIO PAPA” PARLA (GRAN BENE) DEL VOLUME “FRANCESCO” DI ROBERTO ALBORGHETTI EDITO DA VELAR-ELLEDICI. GUARDA LA PAGINA…


IL MIO PAPA 17 2-07-2014

Ecco il bellissimo servizio giornalistico che la rivista settimanale “Il mio Papa” edita da Mondadori ha dedicato al volume “Francesco” sul numero 17 del 2 luglio 2014. L’articolo è a firma di Enrico Casarini. La testata è distribuita in tutte le edicole ed è “il primo settimanale al mondo su Papa Francesco”. C’è anche un sito web: http://www.miopapa.it

 

IL VOLUME “FRANCESCO” AL FESTIVAL INTERNAZIONALE DELLA LETTERATURA RELIGIOSA (MILANO, 20-23 GIUGNO 2014).


MILANO Sublimar 22.06.2014

Il volume “Francesco”, la prima grande biografia storica illustrata su Papa Bergoglio, scritta da Roberto Alborghetti ed edita da Velar-Elledici, avrà l’onore di essere presentato a Sublimar 2014, il primo Festival Internazionale di Letteratura Religiosa che si tiene a Milano presso la Società Umanitaria (via San Barnaba 38) dal 20 al 23 giugno. L’incontro di presentazione avrà luogo domenica 22 giugno, alle ore 16, nella Sala Auditorium, alla presenza dell’editore e dell’autore, che illustrerà momenti e restroscena della preparazione e della realizzazione di quello che è diventato un vero e proprio bestseller, oltre che un’opera unica e di particolare pregio nel panorama editoriale non solo italiano.Sublimar Milano

Pubblicato in un duplice formato (monovolume e cofanetto con due volumi) dall’Editrice Velar di Bergamo – che opera nel campo dell’editoria religiosa da 40 anni e vanta un catalogo di oltre 1.000 titoli – la monumentale biografia illustrata su Papa Francesco è già stata ristampata a soli pochi mesi dalla sua prima uscita. Oltre 550.000 battute di testo, quattordici capitoli e 340 fotografie che raccontano la vita di Papa Jorge Mario Bergoglio dalla sua nascita fino ai primi mesi di Pontificato: questi i dati sintetici sull’opera editoriale, la cui prefazione è a cura del Cardinale Giovanni Battista Re.

Il volume è stato presentato al Santo Padre durante un’udienza privata a Casa Santa Marta lo scorso gennaio ed è stato ampiamente pubblicizzato e discusso su numerose testate giornalistiche e blog (già circa settanta le recensioni uscite fino ad oggi) e anche una nutrita serie di incontri di presentazione svoltisi in varie città italiane. A Sublimar, Roberto Alborghetti incontrerà il pubblico durante l’evento dal titolo “Francesco: il racconto di una vita straordinaria” illustrando aneddoti sulla vita di Bergoglio, presentando le modalità della ricerca storica tra fonti ed archivi che hanno permesso di ricostruire notizie, dati e circostanze che, spesso, sono state diffusi in modo incompleto se non in modo errato. Una bellissima occasione per farsi autografare il libro, per conoscere l’autore di persona e conoscere un po’ più in profondità Papa Francesco. Vedi il clip:

FRANCESCO A SUBLIMAR 2014

*

LINK UTILI RIFERITI ALL’EVENTO:

http://www.sublimar.it/

http://www.velar.it/libro/biografia-su-papa-francesco/

https://www.facebook.com/EditriceVelar

*

Società dell'Umanitaria, Milano

Società dell’Umanitaria, Milano