SERATA-EVENTO A FIRENZE: SETTE GIORNALISTI A CONFRONTO SUL VOLUME “FRANCESCO” (9 MAGGIO 2014, ORE 21)


Firenze: uno degli affreschi custoditi presso l'antica Officina Farmaceutica S.Maria Novella, sede dell'incontro del 9 maggio (ore 21) sul volume "Francesco" di Roberto Alborghetti, Edizioni Velar-Elledici

Firenze: uno degli affreschi custoditi presso l’antica Officina Farmaceutica S.Maria Novella, sede dell’incontro del 9 maggio (ore 21) sul volume “Francesco” di Roberto Alborghetti, Edizioni Velar-Elledici

***

Guest writer: STEFANO ALBERTI

Venerdì 9 maggio alle ore 21 gli storici locali dell’Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella di via della Scala 16, Firenze, ospitano la presentazione del libro di Roberto Alborghetti, “Francesco”, edito da Velar-Elledici. Il volume ripercorre l’intera vita del Pontefice. Si tratta della prima biografia storica illustrata del Papa argentino, frutto di ricerche e testimonianze inedite che aiutano a conoscere un “figlio di emigrati” divenuto pastore della Chiesa universale.

Dalle notizie sulla famiglia di origine, ripercorrendo l’infanzia e l’adolescenza del giovane Jorge Mario fino alla sua vocazione religiosa e formazione culturale, includendo gli anni della sua vita pastorale in Argentina, l’opera di Alborghetti accompagna il lettore alla scoperta della personalità del futuro Papa, del suo impegno e della sua missione. Intervengono alla serata, oltre all’autore: Carmelina Rotundo giornalista, Andrea Fagioli direttore di Toscana Oggi, Riccardo Clementi giornalista e scrittore, Giuseppe Saponaro giornalista, Maurizio Martini direttore di Over the Sky, Giuseppe Piani ricercatore d.e.i.s.t.a.f. dell’ Università di Firenze. Inoltre il maestro Giuseppe Tocchetti espone la sua opera ispirata al libro.

Guarda il clip: FIRENZE, SERATA-EVENTO PER “FRANCESCO”

*

LE EMOZIONI DELL’ARTISTA TOCCHETTI

NEL LEGGERE IL LIBRO “FRANCESCO”

Argomentare sull’opera dell’Alborghetti è compito riservato a pochi eletti e quindi oserò esprimere ciò che e come la lettura abbia dato origine ad una serie di mie emozioni. Nasco da una cultura radicata nella parola del Vangelo ho trascorso la mia prima infanzia nelle difficoltà della guerra sempre accompagnato dal mio Angelo Custode,oggi scomparso, primi passi nell’AGESCI per poi terminare come magister nel MASCI. Ebbene l’Alborghetti nel descrivere la vita del Santo Padre ha riportato alla mia mente molti accadimenti vissuti o sentiti che hanno suscitato un grande senso di nostalgia.

In quei duri tempi due erano i punti di riferimento di noi ragazzi la Parrocchia e la Famiglia. Ricordo ,per merito dell’autore,l’affettuoso ma burbero don Cirillo che ha segnato la strada di molti di noi, ho risentito l’odore della mia vecchia parrocchia le penitenze per i cattivi pensieri (!) ed il premio per aver fatto la buona azione con una fetta di pane con un velo di nutella. Quanta strada ha fatto padre Bergoglio ma quanto deve alla sua famiglia quanto al suo incontro con il parroco della sua chiesa?

Oggi molte cose sono mutate ,non esprimo alcun giudizio sulla loro validità ,ma sono molto addolorato nel vedere molti ragazzi privi di punti di riferimento certi e che si sentono soli e prede. L’autore con maestria mostra la necessità da parte di un fanciullo di crescere e svilupparsi in un ambito armonico che solo l’affetto familiare può offrire come condizione necessaria ma non sufficiente se non affiancata dalla presenza di ideali che il Vangelo ci propone.

Ringrazio con vero e sincero affetto l’Alborghetti per quanto ha realizzato e auspico che quanto egli ha fatto intendere, con l’opera in oggetto, Papa FRANCESCO riesca a porre rimedio ai mali esistenti corrosivi della vita coniugale, dei rapporti tra figli e genitori e tra le genti.

GIUSEPPE TOCCHETTI

*

UN’OPERA PITTORICA DI TOCCHETTI

ISPIRATA DALLE PAGINE DEL VOLUME

L'opera pittorica che il maestro Tocchetti ha dedicato al volume "Francesco", biografia storica illustrata su Papa Bergoglio.

L’opera pittorica che il maestro Tocchetti ha dedicato al volume “Francesco”, biografia storica illustrata su Papa Bergoglio.

Il maestro Giuseppe Tocchetti ha creato, per la serata-evento del 9 maggio, un’opera ispirata al volume “Francesco” di Roberto Alborghetti (Edizioni Velar-Elledici). Ecco come lo stesso artista illustra il suo lavoro: “Le due mani rappresentano le due personalità del Santo Padre, l’esuberante speranza della Rinascita e la Misericordia francescana. Su queste giunge la luce divina e da queste riparte per fornire alle genti la speranza di una vita futura degna della Grazia che ci fu offerta in sintonia con il libero arbitrio. Il motto in alto a destra è tratto dal testo ed ha ispirato la composizione. Il motto a sinistra è quello del Papa, sul suo stemma pontificio. Il motto sul lato destro è quanto di più simbolico possa essere immaginato su uno scudo trasparente: una croce piena di auspici da cui possa sorgere una nuova comunità. Un vecchio Isacco indica agli esseri umani di buona volontà il cammino della salvezza. Il simbolo del Tau caro a S. Francesco offre un momento di riflessione all’osservatore sul proprio modus vivendi. L’opera è su supporto ligneo di diametro 60cm. e realizzata con tecniche molteplici”.

FIRENZE: UN LUOGO “MAGICO” PER UN EVENTO SPECIALE / 9 MAGGIO ’14, ORE 21 – GUARDA IL CLIP


*

Venerdì 9 maggio 2014, ore 21,Officina Profumo-Farmaceutica Santa Maria Novella, Via della Scala, 16 — Firenze, Incontro di presentazione di “Francesco”, la prima grande biografia storica illustrata su Papa Bergoglio, autore Roberto Alborghetti, Edizioni Velar- Elledici.

Partecipano all’incontro-dibattito: Roberto Alborghetti, Carmelina Rotundo, Andrea Fagioli, Riccardo Clementi, Giuseppe Saponaro, Giuseppe Piani, Maurizio Martini, Giuseppe Tocchetti.

created at http://animoto.com

***

A 165 9 MAGGIO 2014 FIRENZE

“PAPA FRANCESCO, OLTRE I TITOLI DEI GIORNALI” : IL 22 APRILE A GANDINO (BG) INCONTRO SULLA BIOGRAFIA DI PAPA BERGOGLIO


FRANCESCO, copertina ristampa

Alle 20,45, presso l’Auditorium delle Suore Orsoline, in via Castello. Sarà presente l’autore Roberto Alborghetti. “Questo volume – ha affermato il cardinale Giovanni Battista Re – “è davvero unico nel suo genere, per la ricchezza dei contenuti, per la precisione delle cose affermate, per le splendide fotografie”.

Attorno alla Fede – FRANCESCO, Gandino, Locandina

*

A CURA DELL’UFFICIO COMUNICAZIONE – VELAR

Arriva anche a Gandino, storica località della provincia di Bergamo, il “giro” delle presentazioni del volume “Francesco”, la prima grande biografia illustrata su Papa Bergoglio, scritta da Roberto Alborghetti, edita da Velar-Elledici ed accolta con molto favore dal pubblico (è già stata ristampata). Già consegnata a Papa Francesco durante una udienza privata in Casa Santa Marta, l’opera sarà al centro dell’incontro in programma martedi 22 aprile 2014, alle ore 20.45, presso l’Auditorium delle Suore Orsoline, in via G.B. Castello.

L’incontro è promosso dal Museo della Basilica, Parrocchia S.Maria Assunta, Gruppo Amici del Museo, Confraternita di S.Giuseppe,  nel contesto delle iniziative per la Canonizzazione di Papa Giovanni XXIII e Papa Giovanni Paolo II, e rientra nel ciclo delle attività “Attorno alla Fede”. Sarà guidato dal tema “Papa Francesco, oltre i titoli dei giornali…”. Insieme all’autore, Roberto Alborghetti, interverrà don Innocente Chiodi, parroco di Gandino. Per l’occasione, e per i presenti all’incontro, il volume sarà disponibile ad un prezzo speciale.

Come ha pubblicamente affermato il cardinale Giovanni Battista Re, decano del collegio cardinalizio che ha eletto il pontefice argentino, il volume “Francesco”“non è una delle tante pubblicazioni dedicate a Papa Francesco, ma è davvero unico nel suo genere, per la ricchezza dei contenuti, per la precisione delle cose affermate, per le splendide fotografie. Delinea molto bene la figura di questo Papa: le sue radici, la sua storia, il suo mondo interiore, la sua spiritualità, il valore e la forza delle sue idee, espresse prima di essere Papa e in questi mesi di pontificato…”.

Edito in una doppia versione tipografica, “Francesco” ricostruisce la biografia del Papa argentino, proponendo particolari e testimonianze inediti che aiutano a conoscere un “figlio di emigranti” diventato pastore della Chiesa universale. La pubblicazione scava nella documentazione e tra gli archivi, a partire dalle notizie sulla famiglia di origine, della quale vengono ricostruiti momenti riguardanti anche l’emigrazione dall’Italia all’Argentina, precisando date, tempi e modalità. Definisce i passaggi fondamentali dell’infanzia del futuro Papa Francesco, il periodo di formazione, la malattia, la vocazione religiosa, sullo sfondo degli scenari storici e sociali dell’Argentina degli anni Quaranta e Cinquanta.

Francesco” si addentra anche negli elementi distintivi della formazione culturale del futuro Papa Francesco, i suoi rapporti con il mondo dei pensatori e dei saggisti latinoamericani (Methol Ferrè, Gera, Scannone, Borges) che vanno disegnando nuove prospettive del Continente sudamericano. Numerose testimonianze contribuiscono a raccontare gli anni di padre Jorge Mario Bergoglio alla guida dei Gesuiti in Argentina, le sue intuizioni pastorali, il ruolo avuto nel salvare vite umane durante il periodo della dittatura militare (1976-1983), le sue esperienze come rettore presso il Collegio Massimo a San Miguel, l’opera di evangelizzazione e di promozione umana nei barrios, tra i poveri e le emergenze di Buenos Aires, la guida dell’episcopato Latinoamericano, la condivisione delle difficoltà della popolazione negli anni della grave crisi economica argentina all’inizio degli anni Duemila. Gli ultimi capitoli sono dedicati ai mesi iniziali del pontificato, alle prime scelte del magistero e ai viaggi apostolici (Lampedusa, Rio de Janeiro, Cagliari, Assisi). Il volume presenta un eccezionale apparato fotografico (ben 340 le immagini, molte delle quali inedite), è di grande formato (23×29,5), disponibile anche in una speciale edizione (cofanetto + due volumi).

L’autore, Roberto Alborghetti, giornalista professionista, ha lavorato nel gruppo Sesaab-L’Eco di Bergamo, dove si è occupato di attività editoriali per la scuola ed i giovani, ricoprendo anche il ruolo di inviato. E’ autore di una quarantina tra saggi e  biografie. Blogger e autore di documentari, si occupa di editoria “educational”. Ha ricevuto diversi riconoscimenti giornalistici, tra cui l’European Award for Environmental Reporting (il cosiddetto “Pulitzer europeo” per l’informazione sull’ambiente, 1992-1993). Ha creato “LaceR/Azioni”, un innovativo progetto-ricerca basato sull’osservazione della realtà urbana percepita nei cromatismi dei “segni di  strada”, con mostre in Italia ed all’estero.

L’OPERA ON LINE -sito VELAR.IT

SCHEDA BIBLIOGRAFICA DELL’OPERA – ELLEDICI.ORG

FRANCESCO, IL VIDEOCLIP

LA BIOGRAFIA SU PAPA FRANCESCO CONFERITA DALL’UCID A QUATTRO “ECCELLENZE” DI FIRENZE / LA CERIMONIA NELLA SALA DEL GONFALONE DEL CONSIGLIO REGIONALE TOSCANO


Un dono prestigioso – l’opera editoriale “Francesco”, di Roberto Alborghetti, prefata dal cardinale Giovanni Battista Re, edizioni Velar-Elledici – per quattro illustri cittadini di Firenze. E’ accaduto venerdi 28 marzo, presso la Sala del Gonfalone del Consiglio Regionale della Toscana, nell’ambito di un evento promosso dall’Ucid di Firenze nel corso del quale sono intervenuti l’ambasciatore ed ex ministro degli Esteri dott. Giulio Terzi, lo stesso cardinale G.B. Re e numerosi imprenditori fiorentini. L’idea di donare a quattro personalità di Firenze quello che è definito “il primo grande libro illustrato su Papa Bergoglio” , si deve al dott. Guido Guidi, presidente dell’Ucid fiorentina. Il gesto ha peraltro anticipato una serata-evento, che si terrà sempre a Firenze il 9 maggio prossimo, quando l’opera editoriale su Papa Francesco sarà presentata (ore 21) presso la suggestiva  Antica Officina Profumo-Farmaceutica S.Maria Novella (via della Scala 16).

La consegna del volume a quattro “eccellenze fiorentine” – il dottor Stefano Grifoni, Direttore del Pronto Soccorso dell’Ospedale Careggi, il Maestro Galeazzo Auzzi, artista, Filippo Ricci, presidente imprenditori “The Club Firenze”, la giornalista Eva Desiderio – si è svolta nel contesto di un convegno che, alla presenza del consigliere dell’Ufficio di Presidenza della Regione Toscana, Marco Carraresi, ha visto la partecipazione dell’ex ministro degli Esteri e ambasciatore Giulio Terzi, che ha parlato sul tema “Paesi emergenti: motori per la crescita economica in Toscana”, iniziativa organizzata dall’Ucid (Unione cristiana imprenditori dirigenti) come momento di riflessione volto a sostenere un nuovo modello di fare impresa, per immettere sul mercato la miglior combinazione di valore, creatività e innovazione.

Prima del conferimento del dono alle quattro personalità, il presidente Ucid Guido Guidi ha affidato al cardinale Re un assegno di 5.200 euro quale offerta per Papa Francesco, affinché il Santo Padre possa aiutare i più poveri attraverso le sue numerose attività caritatevoli. L’opera “Francesco” (una vera e propria biografia storica, con un grande apparato di immagini e con notizie e testimonianze inedite che l’autore Roberto Alborghetti ha raccolto nel corso di cinque mesi di ricerche) è stata donata dall’Ucid alle quattro personalità fiorentine con motivazioni particolareggiate, che qui presentiamo.

Dottor Stefano Grifoni

Direttore del Pronto Soccorso di Careggi, il principale Ospedale della Toscana e uno dei maggiori in Italia, Presidente toscano dei medici di emergenza urgenza, da sempre è impegnato nella cura e difesa del paziente. Careggi è oggi un ospedale di alta specialità per cui la differenza con gli altri ospedali è che tutti i pazienti più gravi vengono qui. La migliore motivazione la possiamo trovare nel racconto diretto lasciatoci da Edgardo, uno tra i milioni di malati transitati dal Pronto Soccorso di Careggi: “Sono andato stamane al pronto soccorso di Careggi e ho trovato che sono veramente geniali. Oltre la accoglienza gentile, ho visto con quanto interesse cercavano e riuscivano a comprendere cosa mi stesse succedendo. Mi sono sentito veramente curato in allegria, senza però trascurare niente. Ognuno dei Medici si è impegnato con serietà a risolvere il mio caso. Ho solo parole di ringraziamento per queste persone che non mi conoscevano nemmeno e per le quali io non ho pagato la loro istruzione, nè la loro formazione. Eppure loro mi hanno curato come una persona cara. Grazie infinite a tutti voi. Oggi per me è stato un giorno importante”. Al Prof. Grifoni il volume su Papa Francesco è un attestato per chi ha il compito primario si di curare il corpo, senza però dimenticare che quel corpo ha anche un’ anima con tutte le sue necessità e richieste di attenzione e cura.

Maestro Galeazzo Auzzi

Il lavoro del Maestro Galeazzo Auzzi è caratterizzato da due fronti: il primo è la sua tecnica personale a muro, in cui è lo stesso artista ad impastare i colori e le terre, l’altra è caratterizzata dal suo studio, il Cantiere dei sogni, come l’ha definito, un osservatorio privilegiato sulla città di Firenze, avendo sempre accanto a se i simboli della cristianità fiorentina, il Bel San Giovanni e la Cattedrale, a cui si è sempre ispirato nelle sue opere che oggi si trovano in tutti i 5 continenti. Di lui Tommaso Paloscia ha scritto che “sotto la patina con la quale Galeazzo Auzzi ama confondere le movimentate vicende vissute oltre il baratro dei secoli c’è l’umanità di oggi che ancora si arrovella … una continuazione della tragedia umana di cui non si ricorda l’inizio e di cui non è possibile intravvedere la fine”. “Un vero artista – disse Papa Giovanni Paolo II – sa di dover operare senza lasciarsi dominare dalla ricerca di gloria fatua o dalla smania di una facile popolarità, ed ancor meno dal calcolo di un possibile profitto personale, perché ogni forma autentica d’arte è, a suo modo, una via d’accesso alla realtà più profonda dell’uomo e del mondo”. Non a caso il Maestro Auzzi, con la sua opera omnia per eccellenza, i 10 ritratti degli ultimi 10 pontefici, realizzati per il Giubileo del 2000, e benedetti personalmente dallo stesso Papa, prossimo Santo, è riuscito a carpirne, evidenziandole sapientemente, l’umanità, la sofferenza e la bontà di questi uomini.

Il volume su Papa Francesco che oggi il Cardinale Giovanni Battista Re consegna al Maestro Auzzi è il giusto riconoscimento a chi ha trovato una dimensione nuova e uno straordinario canale d’espressione per la crescita spirituale di chi, ora, ma anche nei secoli futuri, accostandosi alle sue opere trova in esse l’affermazione di una bellezza autentica che, quasi riverbero dello Spirito di Dio, trasfigurando la materia, apre gli animi al senso dell’eterno.

Filippo Ricci, The Club Firenze

Fieri delle proprie tradizioni ed accomunati dalla volontà di innovare e di imprimere una allure sempre più internazionale quanto solidale alla città di Firenze, i giovani imprenditori, professionisti, e manager dell’Associazione The Club Firenze, rappresentati dal Presidente Filippo Ricci, dal 2006 ad oggi, in nome della condivisione di uno stile di vita cosmopolita, orientato alla positività, all’impegno e al dinamismo in ambito lavorativo, ma anche nella vita privata e di relazione, con le loro iniziative sociali hanno contribuito alla raccolta di oltre 450.000 euro, che

sono stati interamente devoluti in beneficenza a diverse associazioni del territorio, tra cui Antropozoa Onlus, Fondazione Livia Benini, Fondazione F.I.R.M.O., Angeli Per Un Giorno Onlus, Dynamo Camp, Fondazione Foemina Onlus e Associazione Toscana Tumori (A.T.T.), Fondazione FILE (Fondazione Italiana di Leniterapia) e Confraternita della Misericordia di Fiesole. Al riconoscimento di questi forti ideali e dei traguardi raggiunti l’UCID di Firenze è lieta di consegnare il volume Francesco, Papa che non manca mai di ricordarci quanto oggi più che mai sia necessario l’impegno quotidiano nel sociale e verso chi oggi soffre a causa degli altri o per malattia.

Eva Desiderio

Giornalista professionista, caporedattore moda e società del Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, La Nazione, Il Giorno non solo conosce molto bene il mondo della moda ma per oltre vent’anni è stata inviata sui maggiori fatti di attualità, costume e cultura-spettacoli in Italia e nel mondo, permettendogli oggi di essere nel ristretto Olimpo dei professionisti che conoscono non solo i segreti e le eccellenze del fashion system, ma che sanno carpirne umori, pronostici, promesse. La sua eleganza non è solo nel vestire, nel presentarsi, ma è soprattutto nel suo rapporto con i lettori, perché uno dei compiti del giornalista è di non confondere il verosimile con il vero, sono due cose diverse, e l’indagine deve essere a tutto campo, come Eva Desiderio ha sempre fatto.

Ad Eva Desiderio il volume su Papa Francesco è una riconferma, come ci ricorda il Papa, che l’abito non fa il monaco, che i bei vestiti non fanno l’uomo o la donna, ma che siamo quello che siamo solo per come e cosa sappiamo fare per gli altri, e con gli altri, e se riusciamo a farlo con eleganza e semplicità allo stesso tempo, non perdendo d’occhio l’obbiettivo finale, allora riusciremo ad essere ottimi sarti, ed Eva Desiderio in questa è un eccellente sarta, costruendo tanti abiti su misura che calzeranno a perfezione su chi ci avrà chiesto aiuto.

INCONTRO-EVENTO SUL MONTE AMIATA (22 MARZO) PER LA PRESENTAZIONE DI “FRANCESCO”, IL PRIMO GRANDE LIBRO ILLUSTRATO SU PAPA BERGOGLIO


 22 MARZO 2014 MONTE AMIATA

Francesco” – la prima grande biografia storica illustrata su Papa Bergoglio – sarà presentata anche in provincia di Siena, precisamente a Piancastagnaio, nella stupenda cornice del Monte Amiata. La manifestazione avrà luogo sabato 22 marzo 2014, con inizio alle ore 16.30 presso il Teatro Comunale di Piancastagnaio. Interverrà l’autore dell’opera, Roberto Alborghetti, che è cittadino onorario di Piancastagnaio, avendo negli ultimi dieci anni partecipato alle attività di “Penne Sconosciute” (lo scorso anno ha pure tenuto una mostra presso la Rocca Aldobrandesca).  L’incontro, che si preannuncia ricco di stimoli e di interesse, vedrà la partecipazione del cardinale Giovanni Battista Re (Prefetto emerito della Congregazione dei Vescovi e presidente emerito Commissione Pontificia per l’America Latina), di mons.Guglielmo Borghetti (Vescovo di Pitigliano-Sovana-Orbetello), di Fabrizio Agnorelli (Sindaco di Piancastagnaio); presenta e coordina Nicola Cirocco, Presidente Osa Onlus, che con il Comune di Piancastagnaio ha promosso la manifestazione. Durante l’incontro – che si svolge ad un anno dalla elezione di Papa Francesco – verranno anche proiettate immagini inedite dell’incontro di Alborghetti e degli Editori con Papa Bergoglio, al quale è stata consegnata l’opera editoriale nel corso di una udienza privata svoltasi in Casa Santa Marta, nella Città del Vaticano.

L’opera, anche nelle prossimi settimane, sarà al centro di incontri che avranno luogo secondo il seguente calendario:

  • Giovedì 10 aprile 2014, alle ore 20.45, presso il Circolo della Stampa, Via Marcolini 4, Forlì (FC); presenta e coordina l’incontro: dott. Roberto Zoli, giornalista, presidente Circolo Stampa Forlì-Cesena.  

  • Martedì 22 aprile 2014, alle ore 20.45 presso l’auditorium delle Suore Orsoline, via del Castello, Gandino (Bergamo). Introduce don Innocente Chiodi. Relatore:   Roberto Alborghetti, autore del libro. Incontro promosso dal Museo della Basilica nel contesto dei programmi per la Canonizzazione di Papa Giovanni XXIII e Papa Giovanni Paolo II.

  • Venerdì 9 maggio 2014 alle ore 21.00 presso l’Officina Profumo-Farmaceutica di Santa Maria Novella, Via della Scala, 16 – Firenze. Con l’autore Roberto Alborghetti interverranno: la giornalista Carmelina Rotundo, Andrea Fagioli, Direttore Toscana Oggi, Riccardo Clementi, giornalista e scrittore, Giuseppe Saponaro, giornalista, Giuseppe Piani ricercatore all’Università di Firenze, Maurizio Martini di overthesky.it e l’artista Giuseppe Tocchetti con un quadro ispirato all’opera editoriale.

La lunga serie di incontri, in giro per l’Italia, per la presentazione di “Francesco”, conferma la grande attenzione del pubblico dei lettori e dei media per questo volume che, come testualmente affermato dal cardinale Giovanni Battista Re, “non è una delle tante pubblicazioni dedicate a Papa Francesco, ma è davvero unico nel suo genere, per la ricchezza dei contenuto, per la precisione delle cose affermate, per le splendide fotografie. Delinea molto bene la figura di questo Papa: le sue radici, la sua storia, il suo mondo interiore, la sua spiritualità, il valore e la forza delle sue idee, espresse prima di essere Papa e in questi mesi di pontificato. E’ un libro che farà del bene…”.

Edito in una doppia versione tipografica, è “il primo grande libro illustrato” sul Papa argentino, del quale viene ricostruita la biografia proponendo particolari e testimonianze inediti che aiutano a conoscere un “figlio di emigranti” diventato pastore della Chiesa universale. La pubblicazione, come è stata già ampiamente riconosciuto da chi ha già potuto leggere il volume, scava nella documentazione storica, a partire dalle notizie sulla famiglia di origine, della quale vengono ricostruiti momenti riguardanti anche l’emigrazione dall’Italia all’Argentina, precisando date, tempi e modalità. Definisce i passaggi fondamentali dell’infanzia del futuro Papa Francesco, le circostanze legate al suo battesimo, i progressivi stadi del percorso scolastico e formativo, l’episodio legato alla malattia polmonare, la vocazione religiosa, sullo sfondo degli scenari storici e sociali dell’Argentina. “Francesco” si addentra anche negli elementi distintivi della formazione culturale di Jorge Mario Bergoglio, i suoi rapporti con il mondo dei pensatori e dei saggisti latinoamericani (Luis Borges, Methol Ferrè, Gera, Scannone). Testimonianze inedite contribuiscono a raccontare gli anni di padre Jorge Mario Bergoglio alla guida dei Gesuiti in Argentina, le sue intuizioni pastorali, il ruolo avuto nel salvare vite umane durante il periodo della dittatura militare (1976-1983), le sue esperienze come rettore presso il Collegio Massimo a San Miguel, l’opera di evangelizzazione e di promozione umana nei barrios, tra i poveri e le emergenze di Buenos Aires, la guida dell’episcopato Latinoamericano, la condivisione delle difficoltà della popolazione negli anni della grave crisi economica che colpì l’Argentina all’inizio degli anni Duemila, la sua “pastorale della strada” vissuta sempre ed instancabilmente dalla parte della gente.

Gli ultimi capitoli sono dedicati ai mesi iniziali del pontificato, alle prime scelte del magistero e ai viaggi apostolici (Lampedusa, Rio de Janeiro, Cagliari, Assisi). Il volume – aperto da una riflessione del cardinale Giovanni Battista Re – presenta un eccezionale apparato fotografico (ben 340 le immagini, molte delle quali inedite), è di grande formato (23×29,5), disponibile anche in una speciale edizione (cofanetto + due volumi).

“FRANCESCO” PRESENTATO ALLA RSA “BORSIERI” DI LECCO / ECCO COME E’ NATA LA PRIMA GRANDE BIOGRAFIA STORICA ILLUSTRATA SU PAPA BERGOGLIO


Guest Writer: Nicola Rossi

Foto:Marco Arosio

Un libro su Papa Francesco, un autore che racconta la sua esperienza e tanta emozione. Giovedi 13 marzo presso la prestigiosa residenza per anziani “Monsignor Borsieri” di Lecco è stata presentata “Francesco”, la prima grande biografia storica illustrata su Papa Bergoglio. È stato un pomeriggio molto particolare, riservato soprattutto agli anziani ospiti della RSA e dei Minialloggi protetti ed ai loro familiari, ma comunque aperto alla cittadinanza, con lo spirito di aprire la struttura  al territorio, come già da anni viene sperimentato con successo con “I pomeriggi della fondazione Borsieri”.

Per presentare il libro è intervenuto l’autore, Roberto Alborghetti, che proprio nelle scorse settimane, insieme agli Editori, i signori Serra della Velar, ha avuto la gioia di consegnare personalmente l’opera nelle mani di Papa Francesco, nel corso di una udienza privata svoltasi in Casa Santa Marta, nella Città del Vaticano. Presente all’incontro alla “Borsieri” anche Walter Serra, della Velar che – ha raccontato Roberto Alborghetti – aveva donato a Papa Bergoglio due opere importanti della propria produzione editoriale: un artistico Evangeliario e un’edizione speciale de “I Promessi Sposi” di Alessandro Manzoni, autore che Papa Francesco conosce ed apprezza. “Dunque, quel giorno, con il Papa, c’era anche Lecco, e la grande opera del Manzoni, che Papa Francesco ha già letto tre volte”: così ha rivelato Alborghetti.

Dopo le parole di accoglienza del dott. Marco Arosio, direttore della struttura, ad aprire il pomeriggio nell’auditorium della Borsieri, è stato il vicario Episcopale, monsignor Rolla, che ha portato il suo saluto, sottolineando come anche il Papa abbia a cuore chi soffre, ed inviti sempre a stare accanto agli anziani fragili. Inoltre in sala con gli ospiti della RSA Borsieri e dei Minialloggi c’erano anche il prevosto monsignor Cecchin, il Cappellano della residenza don Vittorio Baroni ed il Presidente della Fondazione Borsieri Dr. Domenico Colombo, che ha raccontato la sua esperienza di viaggio nel Paese natale del Papa, l’Argentina. A tutti gli ospiti presenti è stata regalata una bella fotografia di Papa Francesco.

Roberto Alborghetti ha parlato delle caratteristiche e dei contenuti dell’opera editoriale, frutto di un lavoro di ricerca e di documentazione durato quasi sei mesi. Il volume – di grande formato, disponibile anche in una edizione speciale in 2 volumi, corredato da un eccezionale apparato fotografico e prefato dal cardinale G.B. Re – ricostruisce nei dettagli, come finora non è stato fatto, la vita di Jorge Mario Bergoglio, le sue origini familiari, la sua vocazione, le sue esperienze pastorali.

Tante le notizie inedite, che vanno a smentire quelle in circolazione o addirittura riportate su altre pubblicazioni. La più clamorosa? Ha risposto Alborghetti: “Continuano ancora a scrivere che il Papa è figlio di un ferroviere. Non è vero. E insistono nel riferire date sbagliate relative all’emigrazione in Argentina della famiglia Bergoglio. Grazie agli archivi conservati a Genova, e verificando tra oltre 3 milioni di schede, sono arrivato a ricostruire quando i Bergoglio salpano da Genova e quando arrivano a Buenos Aires…”

LECCO, SIENA, CREMA, FORLI’, FIRENZE… IL CALENDARIO DEI PROSSIMI INCONTRI DI PRESENTAZIONE DI “FRANCESCO”, IL PRIMO GRANDE LIBRO ILLUSTRATO SU PAPA BERGOGLIO


Da Lecco a Firenze, da Crema al Monte Amiata, da Forlì a Gandino (Bg). Prosegue il “giro” delle presentazioni del volume “Francesco”, la prima grande biografia storica illustrata su Papa Bergoglio, edita da Velar-Elledici, che nei giorni scorsi ha festeggiato la sua ristampa. Questo il calendario dei prossimi incontri con l’autore Roberto Alborghetti :    

  • giovedì 13 marzo 2014 alle 16.00 presso la Fondazione Sacra Famiglia (onlus), in via San Nicolò, 8 Lecco; tema dell’incontro “Papa Francesco,un anno dopo”, cadendo il 13 marzo un anno esatto dall’elezione del Papa argentino.

  • sabato 15 Marzo 2014 alle 21.00 presso la Chiesa di S. Lorenzo e S. Francesco d’Assisi in via Cappuccini 30, Quartiere Sabbioni, Crema.

  • sabato 22 marzo 2014 alle 16.30 presso il Teatro comunale di Piancastagnaio, Monte Amiata, Siena. Oltre all’autore del libro Roberto Alborghetti,   interverranno il Cardinale Giovanni Battista Re che ha curato la prefazione, Prefetto emerito della Congregazione dei Vescovi e presidente emerito Commissione Pontificia per l’America Latina, Mons.Guglielmo Borghetti, Vescovo di Pitigliano-Sovana-Orbetello, Fabrizio Agnorelli, Sindaco di Piancastagnaio, prefetto emerito Congregazione, Nicola Cirocco, Presidente Osa Onlus. 

  • Giovedì 10 aprile 2014, alle ore 20.45, presso il Circolo della Stampa, Via Marcolini 4, Forlì (FC); presenta e coordina l’incontro: dott. Roberto Zoli, giornalista, presidente Circolo Stampa Forlì-Cesena.  

  • martedì 22 aprile 2014, alle ore 20.45 presso l’auditorium delle Suore Orsoline, via del Castello, Gandino (Bergamo). Introduce don Innocente Chiodi. Relatore:   Roberto Alborghetti, autore del libro. Incontro promosso dal Museo della Basilica nel contesto dei programmi per la Canonizzazione di Papa Giovanni XXIII e Papa Giovanni Paolo II.

  • venerdì 9 maggio 2014 alle ore 21.00 presso l’Officina Profumo-Farmaceutica di Santa Maria Novella, Via della Scala, 16 – Firenze. Con l’autore Roberto Alborghetti interverranno: la giornalista Carmelina Rotundo, Andrea Fagioli, Direttore Toscana Oggi, Riccardo Clementi, giornalista e scrittore, Giuseppe Saponaro, giornalista, Giuseppe Piani ricercatore all’Università di Firenze, Maurizio Martini di Over The Sky e l’artista Giuseppe Tocchetti con un quadro ispirato all’opera editoriale.

Questa serie di incontri conferma la grande attenzione raccolta tra il pubblico dei lettori e dei media da parte di “Francesco”. Edito in una doppia versione tipografica, è “il primo grande libro illustrato” sul Papa argentino, del quale viene ricostruita la biografia proponendo particolari e testimonianze inediti che aiutano a conoscere un “figlio di emigranti” diventato pastore della Chiesa universale. La pubblicazione, come è stata già ampiamente riconosciuto da chi ha già potuto leggere il volume, scava nella documentazione storica, a partire dalle notizie sulla famiglia di origine, della quale vengono ricostruiti momenti riguardanti anche l’emigrazione dall’Italia all’Argentina, precisando date, tempi e modalità. L’opera definisce i passaggi fondamentali dell’infanzia del futuro Papa Francesco, le circostanze legate al suo battesimo (momento fondamentale, ignorato dai testi finora usciti) fino ai progressivi stadi del percorso scolastico. Sempre sulla base di testimonianze e documenti, racconta anche l’episodio legato alla malattia polmonare del giovane Jorge Mario, alla sua vocazione religiosa, sullo sfondo degli scenari storici e sociali dell’Argentina degli anni Quaranta e Cinquanta. “Francesco” si addentra anche negli elementi distintivi della formazione culturale del futuro Papa Francesco, i suoi rapporti con il mondo dei pensatori e dei saggisti latinoamericani (Methol Ferrè, Gera, Scannone) che vanno disegnando nuove prospettive del Continente sudamericano, anche in relazione alla stessa azione della Chiesa.

Sempre contestualizzate da dati e notizie relative ai vari periodi storici, testimonianze inedite contribuiscono a raccontare gli anni di padre Jorge Mario Bergoglio alla guida dei Gesuiti in Argentina, le sue intuizioni pastorali, il ruolo avuto nel salvare vite umane durante il periodo buio della dittatura militare (1976-1983), le sue esperienze come rettore presso il Collegio Massimo a San Miguel, l’opera di evangelizzazione e di promozione umana nei barrios, tra i poveri e le emergenze di Buenos Aires, la guida dell’episcopato Latinoamericano, la condivisione delle difficoltà della popolazione negli anni della grave crisi economica che colpì l’Argentina all’inizio degli anni Duemila.

Discorsi, omelie ed interventi pronunciati dall’arcivescovo Bergoglio durante il suo ministero episcopale occupano un singolare spazio tra le pagine di “Francesco” accompagnando il lettore alla scoperta della personalità del futuro Papa, le sue giornate all’insegna della sobrietà e della semplicità, la sua “pastorale della strada” vissuta sempre ed instancabilmente dalla parte della gente.

Gli ultimi tre capitoli sono dedicati ai mesi iniziali del pontificato, alle prime scelte del magistero e ai viaggi apostolici (Lampedusa, Rio de Janeiro, Cagliari, Assisi) dai quali emerge la grande passione di Francesco: “Annunciare Cristo a questo nostro mondo” e rimettere il cammino della Chiesa nel solco del Vangelo, dalla parte dei poveri, come presenza viva e sale dell’umanità, nella scia della testimonianza di San Francesco d’Assisi, del quale il Papa porta il nome. Il volume – aperto, come detto, dalla riflessione del cardinale Giovanni Battista Re – presenta un eccezionale apparato fotografico (ben 340 le immagini, molte delle quali inedite), è di grande formato (23×29,5), disponibile anche in una speciale edizione (cofanetto + due volumi).

L’autore, Roberto Alborghetti, giornalista professionista, ha lavorato nel gruppo Sesaab-L’Eco di Bergamo, dove è stato uno degli ultimi cronisti a formarsi alla scuola di mons. Andrea Spada, e dove si è occupato di attività editoriali per la scuola ed i giovani, ricoprendo anche il ruolo di inviato. E’ autore di una quarantina tra saggi e  biografie, tra cui “Nessuno è cretino”, l’ultima conversazione-intervista del grande pedagogista Aldo Agazzi. Ha curato i due volumi dell’epistolario di Santa Paola Elisabetta Cerioli (“Lettere di una Madre”) ed ha coordinato l’opera “Lombardia / Introduzione ad una didattica dei territori”). Per la popolare “Collana blu” di Velar-Elledici ha pubblicato testi dedicati soprattutto a protagonisti del cattolicesimo sociale tra Ottocento e Novecento. Blogger e autore di documentari, si occupa di editoria “educational” (è direttore di Atempopieno – periodico dell’Associazione Genitori Scuole Cattoliche – e di Okay!). Ha ricevuto diversi riconoscimenti giornalistici, tra cui l’European Award for Environmental Reporting (il cosiddetto “Pulitzer europeo” per l’informazione sull’ambiente, 1992-1993). Ha creato “LaceR/Azioni”, un innovativo progetto-ricerca basato sull’osservazione della realtà urbana percepita nei cromatismi dei “segni di  strada”, con mostre in Italia ed all’estero.

***

ACQUISTO DELL’OPERA ON LINE – VELAR.IT

SCHEDA BIBLIOGRAFICA DELL’OPERA – ELLEDICI.ORG

FRANCESCO, IL VIDEOCLIP