“LACER/AZIONI” COME “CHANEL CRISTALLE”… NOTO BLOGGER, AUTORE E FILM MAKER AMERICANO SCRIVE DI UN’OPERA DI R.ALBORGHETTI ASSOCIANDOLA AD UN CELEBRE PROFUMO (E CELEBRANDO LA CREATIVITA’ ITALIANA)


Lanier Smith – blogger, scrittore, artista e film maker americano (vive a S.Francisco, California, USA) – ha dedicato un articolo sul suo blog (Scents Memory) ad una delle immagini di Roberto Alborghetti chiamate “Lacer/azioni” (le quali sono attualmente in mostra in Toscana, presso la duecentesca Rocca Aldobrandesca di Piancastagnaio, Siena). Nulla di nuovo, dirà qualcuno. Ma Lanier Smith ha fatto davvero qualcosa di inedito. Ha tradotto le “sensazioni” di un artwork di Alborghetti in una singolare e curiosa descrizione olfattiva, associando l’immagine al prestigioso Chanel Cristalle. Lanier Smith è un cultore e ricercatore di essenze e profumi. Ed è innamorato dell’Italia. E nel suo post – che qui pubblichiamo integralmente tradotto dall’originale – abbina le sensazioni olfattive anche ad un luogo: la celebre Villa Borghese, a Roma. Italy-in-us-2013Ecco l’articolo, che ci piace rilanciare con orgoglio, anche perchè il 2013 è dedicato alla promozione della cultura, dell’arte, dell’innovazione e della ricerca Italiane in USA.   

***

 “LACER/AZIONI” (LACER/ACTIONS)… CHANEL CRISTALLE

di Lanier Smith

Come si fa a sfuggire al rumore, alla pressione ed alla folla esasperante di una città? C’è qualcosa che tutti noi possiamo fare, tutto ciò che ci serve è un parco ed il cielo. Sdraiarsi sull’erba morbida a guardare il cielo equivale ad una fuga immediata. Tutto affonda nella terra sotto l’erba morbida ed umida su cui si sta distesi. Lavoro, tempo, pressione, rabbia, frustrazione, preoccupazione, tutto scivola via e tutto sembra levitare verso il cielo. L’unica cosa che non scivola via è l’olfatto.

Il mio amico e collega blogger Roberto Alborghetti è un artista meraviglioso. Da quando mi sono innamorato delle sue opere intitolate “Lacer/azioni” ( “Lacer/actions”) ho avuto via via modo di conoscerlo. Roberto crea i suoi incredibili lavori dalla decomposizione dei manifesti pubblicitari e delle insegne che si trovano nelle città.

E’ davvero incredibile vedere ciò che egli fa perché non c’è traccia del materiale di partenza nei pezzi finiti e mai potreste immaginare da dove essi hanno avuto origine. Egli fotografa i dettagli di manifesti e cartelli stradali e poi li trasferisce su tela, nei video ed anche su sciarpe di seta. E’ un giornalista famoso in Italia, autore di oltre 30 libri ed ha prodotto documentari televisivi. Ma è evidente, dalla passione con cui crea le sue opere, che il suo cuore risiede nella sua arte meravigliosa. Attualmente le sue opere sono in mostra alla Rocca Aldobrandesca di Piancastagnaio, a Siena, in Toscana.

Recentemente Roberto mi ha proposto una sfida. Era possibile trovare in una delle sue opere l’ispirazione che avrebbe potuto  portare ad una comparazione con un profumo particolare? Avrei potuto io sbloccare la connessione tra il visivo ed il sensoriale? Fin dal primo momento era per me un’idea sconcertante, e così ho accettato la sfida. Per mesi, una volta al giorno, ammiravo l’immagine prescelta ed annusavo un profumo diverso,  combinandolo con l’aspetto visuale. Ogni tentativo portava a zero, nulla che potesse condurre ad un “click” e cominciavo a pensare che il compito fosse  impossibile.

 ROBERTO ALBORGHETTI,  LACER-ACTIONS, TELA (CANVAS) , 2012 - "LA NEVE CHE CERCA DI RUBARE POSTO AL VENTO"

Proprio giovedi scorso ho ricevuto un flacone di profumo che avevo cercato e che aspettavo di provare da molti mesi. Ricolmo di quell’attesa che anima chi, come noi, ama i profumi, ho aperto la scatola e testato la fragranza sul mio braccio. Immediatamente ho capito cosa mancava nella mia ricerca per il profumo perfetto da abbinare alla composizione di Roberto. Chanel Cristalle Eau De Parfum è entrato nei miei sensi e mi ha aperto gli occhi con un nuovo punto di vista sull’immagine artistica.

Di colpo mi sono sentito trasportare a Villa Borghese, il meraviglioso ed incantato parco nel centro di Roma. L’odore della terra umida dopo la pioggia di maggio incontra le narici come un primordiale e pungente colpo di pugno primaverile. Fiori lavati e puliti dalla pioggia aggiungono l’aroma così da guardare verso quello stesso cielo in cui Michelangelo ha immaginato Dio che   creava Adamo tra le nuvole. C’è un profondo e ricco retro-odore di corteccia, l’odore inconfondibile di un parco cittadino. Questo è ciò che ho visto quando ho guardato l’immagine di Roberto, estasiato com’ero dalle note molto profonde di Cipro verde e floreale di Chanel Cristalle. Ero sdraiato sulla schiena a guardare il cielo più bello del mondo.

Cristalle apre brillantemente tra il sole che filtra tra le foglie degli alberi con una miscela superba di esotico Mandarino e con i robustamente caldi limoni di Sicilia. Queste sono perfette note agrumate del Mediterraneo. C’è un piccolo albero di pesca succosa nella parte retrostante del parco, caldo e crespo sotto il sole, ed aggiunge un brillante sapore lussureggiante, davanti all’ingresso del parco il Mughetto ed il bergamotto si uniscono sulla parte destra. E’ incantevole stare qui a Villa Borghese.

Nelle note di mezzo, abbastanza lontano tanto che nel parco i suoni della città si abbassano in dissolvenza, c’è il Gelsomino “Chanel”, che è come nessun altro gelsomino al mondo: ti avvolge di gioia pura come la risata di una bella donna nel buio. Un ricco e terroso Iris aggiunge una nota di glamour pericoloso e ricorda di scavare con le dita nell’umida ricchezza di questa esperienza. Il Giacinto ed il Palissandro si trovano in questa parte della foresta urbana e non fanno altro che migliorare ed accentuare la sensualità di questo profumo.

Al tramonto, vicino al bordo del parco, le note di fondo legnose di verde vetiver e muschio di quercia esaltano la bellezza della vostra visita in questo luogo dove il cielo incontra la città e dove c’è un luogo per chi è in cerca di uno scampo.

Cristalle è commercializzato come un profumo femminile anche se non lo è affatto. Lo classificherei come un profuno audacemente uni-sex. La sua durata è buona e la conservazione è  rispettabile. Così alla fine ho trovato il profumo in grado di affrontare la sfida, almeno per me. Sono sicuro che quando si ammira una qualsiasi delle opere di Roberto Alborghetti si potrebbe trovare, nel vostro armadio dei profumi, una fragranza speciale che la ispira.

Per ulteriori informazioni su Roberto e sulla sua magnifica arte si invita a visitare il suo blog: http://robertoalborghetti.wordpress.com/

All’arte di Roberto Alborghetti:

Cinque Stelle Platino / Five Platinum Stars *****

A Chanel Cristalle: 

Cinque Stelle Oro / Five Gold Stars *****

Leggi il post originale:

http://sentsmemory.wordpress.com/2012/12/01/lacerazioni-chanel-cristalle/

Annunci