OPERE DEI GRANDI NOMI DELLA FOTOGRAFIA OFFERTE ALLE AZIENDE PER LE FAMIGLIE TERREMOTATE DELL’EMILIA


Una delle foto in vendita per l'iniziativa benefica.

Il Capitolo Italiano della Royal Photographic Society ed Officine International invitano le aziende a partecipare a un’iniziativa benefica a favore delle famiglie con membri disabili coinvolte nel recente terremoto emiliano La proposta riguarda l’acquisizione di una serie di opere fotografiche realizzate da nomi importanti del nome della fotografia a valori interessanti rispetto a quelli di mercato.

E’ stato rivolto alle aziende un invito ad acquisire una serie di opere fotografiche realizzate da autori affermati quali: Vasco Ascolini, Davide Monteleone, Angelo Turetta, Carlo Gianferro, Fausto Podavini (vincitore del World Press Photo 2013). Le opere sono state selezionate da una commissione internazionale composta da affermati professionisti della Royal Photographic Society (RPS). I proventi della vendita delle opere saranno destinati alla Caritas di Modena – che li utilizzerà a favore di famiglie selezionate – ed alla Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus – per il completamento della ricostruzione del Centro di Terapia Integrata per l’Infanzia «La Lucciola» di Stuffione di Ravarino (MO).L’iniziativa è stata pensata tenendo conto che oltre l’80 per cento dei consumatori italiani vede con favore un maggiore coinvolgimento delle aziende nel sociale.

E’nato così un nuovo filone di intervento per la comunicazione e il marketing aziendale. Un filone che richiede un’attiva collaborazione delle aziende con le strutture che operano nel sociale. Tutte le stampe in vendita sono fine art, riprodotte in serie limitata ed accompagnate da un certificato di autenticità firmato in originale dal rispettivo autore. Possono anche essere consegnate montate ed incorniciate professionalmente, secondo le preferenze degli acquiranti. Le opere possono essere utilizzate per arredare con un tocco raffinato spazi interni, creando piccole gallerie fotografiche alle quali associare il logo del CIRPS, o per esclusivi doni a clienti importanti. Le fotografie sono proposte a valori particolarmente interessanti rispetto a quelli di mercato. 

Le aziende interessate possono contattare:

Officine International  www.officineinternational.it/;

info@officineinternational.com

Italian Chapter of the Royal Photographic Society:

www.rps-italy.org

mostre@rps-italy.org

Annunci

GRAN FESTA A MIRABILANDIA PER LE REDAZIONI SCOLASTICHE PROTAGONISTE DI “GIORNALINOI 2012”


E’ sempre una bella esperienza partecipare a GiornaliNoi”, il Premio di Giornalismo Scolastico – promosso sul mensile Okay! da Mirabilandia, il grande Parco della Riviera adriatica – che il 20 ottobre scorso ha riunito studenti ed istituti scolastici provenienti da varie parti d’Italia. Anche quest’anno la premiazione si è svolta nel clima clima scenografico di Halloween, evento al quale Mirabilandia ha dedicato aperture straordinarie di ottobre e di inizio novembre.  Oltre ai premi divisi per categoria scolastica (scuole primarie, scuole secondarie di 1° grado, istituti comprensivi scolastici,  scuole secondarie di 2° grado) sono stati conferiti 5 Premi speciali. 

Giovanni Scafoglio, responsabile Eventi di Mirabilandia, ha risposto alle numerose domande sul Parco. All’evento hanno partecipato Barbara Malano (Progetti Didattici) e Roberto Alborghetti, direttore di Okay!. Nel corso della manifestazione  è stata svelata la classifica dei “temi top 2012”, che ha visto l’argomento del terremoto in Emilia al primo posto delle rilevazioni effettute sui giornali scolastici.

 

NELLE FOTO: MOMENTI DELLA PREMIAZIONE SVOLTASI NEL “TEATRO COCA COLA” DI MIRABILANDIA

 

 

***

 

GIORNALINOI 2012

GRAN PREMIO MIRABILANDIA

DI GIORNALISMO SCOLASTICO

X EDIZIONE

 

TESTATE VINCITRICI

 

 

SCUOLE PRIMARIE

 

1- SCUOLA IN…FORMA

XXVII CIRCOLO DIDATTICO

BARI – PALESE

 

2 – BAOBAB

II CIRCOLO DIDATTICO

CIAMPINO – ROMA

 

3 – CAVALLUCCI AL TROTTO

I CIRCOLO DIDATTICO “BENEVENTANO”

OTTAVIANO – NA

 

 

SCUOLE SECONDARIE 1°

 

1 – STROZZI NEWS

SCUOLA SECONDARIA 1° “B.STROZZI”

GENOVA

 

2 – A TUTTA PENNA

SCUOLA MEDIA “R.MORO”

BARLETTA – BA

 

3 – SCUOLA DOC

SCUOLA I.C. “STRAMPELLI”

FIUMINATA – MC

 

 

ISTITUTI COMPRENSIVI SCOLASTICI

1 – IL PENNINO

ISTITUTO COMPRENSIVO “BATTAGLIA”

FUSIGNANO – RA

 

2 – MONDOGIGI

I.C.S. “MARVELLI”

RIMINI

 

3 – LO SQUILLO

I.C.S. “IMBRIANI”

ROCCABASCERANA – AV

 

SCUOLE SECONDARIE 2°

1 – L’IPPOGRIFO

LICEO CLASSICO “V.EMANUELE II”

JESI – AN

 

2 – INCHIOSTRO VIVO

IISS “LEONARDO DA VINCI”

FASANO – BR

 

3 – IL CARDUCCINO

LICEO “G.CARDUCCI”

FERRARA

 

 

PREMIO SPECIALE “ALLA CARRIERA”

IL MERLINO

IPSIA “G.VALLAURI”

CARPI – MO

(20 anni di pubblicazioni)

 

 

PREMIO SPECIALE “MIGLIORE REDAZIONE”

IN/FORMAZIONE

I.T.I.S. – L.S.T. “O.DEL PRETE”

SAVA – TA

 

 

PREMIO SPECIALE “INCHIESTA”

PIERINO

SPECIALE ALIMENTAZIONE E SALUTE

SCUOLA PRIMARIA “GUSSIO”

S.TERESA DI RIVA – ME

 

 

PREMIO SPECIALE “GRAFICA”

ADESSO PARLIAMO NOI

SCUOLA SECONDARIA 1° “PACUVIO – DON BOSCO”

BRINDISI

 

 

PREMIO SPECIALE “TEMA TOP”

LA GAZZETTA DI CLASSE

CIRCOLO DIDATTICO N.5

BARONISSI – SA

 

PREMIO SPECIALE “MIRABILANDIA”

ESPRESSIONE LIBERA

IISS – LICEO SCIENTIFICO “GUARASCI”

ROGLIANO – CS

 

TERREMOTO IN EMILIA: UN AIUTO PER I BAMBINI OSPITI DEI CENTRI ESTIVI


Intervita Onlus risponde all’appello dell’emergenza terremoto in Emilia dando il via a un triplice intervento in risposta ai bisogni di chi in questo momento è più vulnerabile: bambini e mamme.

Addentrandosi nelle zone colpite dal terremoto, tra le provincie di Ferrara, Modena e Bologna, si percepisce il forte smarrimento delle persone, il senso di precarietà e l’ansia diffusa. Il terremoto si è preso tutto: le chiese, i monumenti, le scuole, i negozi, il sonno della gente, le chiacchiere nei bar…tutto dal 20 maggio scorso in Emilia ruota intorno al sisma.

Il progetto di Intervita ha l’obiettivo di combattere l’incertezza e l’ansia che si sono impossessate di questi luoghi con attività che si articolano in tre step successivi destinati ad altrettante zone colpite dal sisma. Il primo intervento si è concretizza a Finale Emilia, uno tra i comuni più colpiti dal terremoto. Il carattere di urgenza dei bisogni di questo territorio ci ha portati a un intervento a brevissimo termine: il 28 giugno abbiamo consegnato, infatti, al Sindaco di Finale Emilia materiale destinato a tutti quei bambini che oggi vivono in situazioni davvero precarie, principalmente sedie, tavoli, maglie, cappelli. Questo materiale servirà soprattutto a supportare le attività del centro estivo, all’interno del quale i bambini ricevono supporto psico-sociale per aiutarli ad elaborare e superare il trauma subito. Tra le urgenze che gli operatori hanno evidenziato proprio il recupero della normalità, delle abitudini: giochi, sport, compiti..per sconfiggere la paura.

 

È impossibile restare indifferenti di fronte al moltiplicarsi dei bisogni di chi in questa calamità ha perso tutto o quasi, prima fra tutto la sicurezza. Intervita ha svolto i sopralluoghi attraverso questi territori il più tempestivamente possibile, identificando i bisogni e gli interventi da attivare.

 

“È la prima volta che Intervita pianifica un intervento di aiuto a popolazioni in sofferenza in Italia.” – commenta Daniela Bernacchi, Direttore Generale di Intervita Onlus – “Da oltre 10 anni, aiutiamo i bambini nel Sud del Mondo a crescere e doniamo loro un futuro. Ci sembra quindi imprescindibile oggi dedicare il nostro impegno anche ai bambini dell’Emilia, che hanno visto improvvisamente crollare il loro intero universo per colpa del terremoto. Crediamo sia indispensabile e urgente aiutare questi bambini, e di conseguenza, le loro mamme a ritornare il prima possibile alla normalità.”

 

Il progetto continuerà poi nella città di Ferrara, per combattere uno dei nemici più pericolosi di chi è stato colpito dal terremoto: l’ansia. Apriremo, in collaborazione con l’associazione di psicologi Unisono, uno sportello per le donne in gravidanza – o che hanno appena avuto un bambino – che hanno subito la traumatica esperienza del terremoto. Si tratta di un intervento dedicato alle mamme, nell’ottica di prevenire le possibili conseguenze di una depressione post parto. Studi sull’argomento hanno dimostrato infatti che la presenza di eventi traumatici è tra le cause che possono indurre la sindrome di Blues. Il fatto che le scosse continuino e che non sia possibile prevedere cosa succederà nel futuro possono determinare condizioni di ansia, forte stress o sintomi anche più gravi. La particolare condizione della gravidanza, o dell’essere neo-mamma, può diventare un ulteriore elemento di complicazione: non sentirsi sicure di poter fare i controlli, il parto imminente rendono le donne più vulnerabili e riducono spesso la loro mobilità, impedendo di raggiungere zone di minor pericolo.

 

Le attività di Intervita proseguono nella zona colpita dal terremoto con la ricostruzione di una scuola materna, che ospita 120 bambini a Palata Pepoli, a 12 km da Crevalcore.

 

A Crevalcore, uno dei comuni più colpiti dal Sisma, Syusy Blady, de Turisti per Caso, e Intervita Onlus si sono incontrati…per caso, come succede nella vita spesso per le cose migliori. Intervita e Syusy hanno svolto i sopralluoghi attraverso i territori sventrati dal Sisma il più tempestivamente possibile, identificando dove fosse necessario intervenire immediatamente!

 

In Emilia la Scuola ha ricevuto un grande contraccolpo: edifici scolastici irrimediabilmente danneggiati, incertezze sulla ricostruzione mancanza endemica di fondi per ripartire, necessità di costruzioni antisismiche e, più in generale, di ricreare luoghi protetti dove i genitori possano sentirsi sicuri nel far frequentare ai figli le lezioni. Uno degli obiettivi primari, dopo una simile calamità, è intervenire nelle scuole in maniera tempestiva per garantire ai bambini il diritto all’educazione e a vivere un’infanzia serena. Per questo Intervita e Syusy Blady hanno deciso di unire forze e competenze reciproche per donare ai bimbi la possibilità di tornare al più presto alla normalità.

 

L’intervento prevede una prima fase di demolizione e inserimento della placca antisismica e una seconda fase di ricostruzione di una struttura prefabbricata che sia modulare, efficiente ed ecocompatibile. Al centro del progetto l’uso della Yurta (tenda mongola), di cui Syusy è un’esperta, come spazio comune per i bambini.

“La Yurta è la casa più eco del mondo” spiega Syusy Blady “non a caso è l’abitazione da millenni delle popolazioni nomadi dell’Asia che ci vivono per tutto l’anno a 40 gradi sopra e sotto lo zero. La Yurta non è solo una casa, è uno spazio di incontro, di spettacolo, di gioco e di meditazione. Ti restituisce una dimensione umana e collettiva. A livello pedagogico la struttura circolare favorisce la maggio creatività nello svolgimento delle attività educative e di aggregazione”.

 

Per realizzare questi progetti abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti! Aiutaci anche tu a far fronte a questa terribile emergenza: dona ora il tuo contributo per l’Emergenza terremoto Emilia. Il tuo aiuto può fare la differenza!!

 

Per donare

WWW.INTERVITA.IT

Bonifico bancario intestato a Intervita Onlus IBAN:  IT 70 Q 02008 01600 000102132649

Causale: Terremoto Emilia

oppure

Carta di Credito chiamando un nostro operatore al 848 88 33 88