Immagine

ECCO COME SEGUIRE “OKAY!”


banner okay!

Annunci

FENOMENI / C’ERANO UNA VOLTA LE… CARTOLINE


 

LE CARTOLINE

Guest Writer: GIANNI SORU

Negli anni ’70-’80 e ’90 erano gettonatissime. Era un dovere ed un piacere, oltre che un divertimento, spedire agli amici le cartoline dalle proprie vacanze. Veniva sempre fatta la raccomandazione di “Ricordati la cartolina!!”. Alcune venivano spedite, altre consegnate a mano se non si avevano soldi per il francobollo e non ci si ricordava l’indirizzo. Il divertimento era la dedica da scrivere e la cartolina da scegliere.

Il mondo delle cartoline era immenso, vastissimo, non solo riportavano splendide foto dei luoghi e delle città visitate: Roma, Venezia, Milano, Torino, Napoli, Bologna, Ravenna, Palermo, Brescia, Padova, Genova, Cremona, Trieste, Ferrara, Mantova, Lucca, Pescara, Perugia … o del resto del mondo; riportavano anche foto dei monumenti principali, o raffigurazioni della montagna, del mare…

Qualche cartolina ogni tanto ospitava nel  paesaggio qualche personaggio dei cartoni animati; ma si potevano trovare anche le cartoline di personaggi famosi come cantanti ed attori. Ci stavano anche cartoline con messaggi d’amore come “Ti amo”, “Ti penso”, “Mi manchi”, “Sapore di fragola”, “Sei dolce”, “Ogni tuo bacio è un fiore”, “Il ponte della felicità di porterà…sulla riva dell’amore”, “Su di noi una pioggia d’amore”, “Infondo all’arcobaleno ho trovato il mio tesoro!”, “Un piccolo fiorellino per un grande amore!”, “Finalmente ho trovato la mia anima gemella”…

Oppure con dediche simpatiche accompagnate sempre da foto o da disegni: “Saluti e baci”, “Non sono disponibile. Potrei essere disponibili. Sono disponibile”, “A presto”, “Saluti e baci”, “Amor di porcellino”, “Al mio futuro ex”, “Mi piace la sincerità con cui menti”, “Liscio. Gasato. O sfigato?”, “Vai a…”, “Cielo mio marito!”, “Buona fortuna”…

Ci stavano pure quelle con le foto di bambini, fiori, animali come la mucca, il maiale, il coniglio, la gallina, il gatto, il cane, il leone, elefanti, farfalle, la giraffa… Ma ci stavano pure quelle con i segni zodiacali, o con il proprio nome. Chi le vendeva erano sempre i tabaccai o i giornalai. Poi negli anni ’90 si potevano trovare in omaggio anche in bacheche dei pub. Alcune volte le testate giornalistiche regalavano qualche cartolina come il Cioè, Ciack, Corriere dei Piccoli, Japan Magazine…

Ma come si usavano poi queste cartoline? C’è chi le conservava in scatole, chi le appendeva sulla parete o sugli armadi, chi le attaccava sui diari e chi le usava come segnalibri. Con gli anni 2000, l’arrivo della tecnologia sempre più avanzata come i PC ed Internet e gli smartphone, le cartoline sono andate a sparire. Ognuno si personalizza una foto che vuole, la modifica, crea sfondi o effetti speciali e.. via, s invia tutto virtualmente.

Però la nostalgia torna.

GIANNI SORU

“OGGI MI FACCIO UN GOAL!” A UDINE: TRA GLI OSPITI ANCHE BRUNO PIZZUL


IL 14 NOVEMBRE 2018 ALL’ISTITUTO “G.BERTONI” UN EVENTO DEDICATO AL TEMA DEI VALORI SPORTIVI E DEL FAIR PLAY, PROMOSSO DA AGeSC FRIULI VG, ASSOCIAZIONE “BERTONI”, ISTITUTO PUBBLICO PARITARIO “BERTONI”.

20180320_081118_resized  

 Una mattinata per mettere in primo piano i valori sportivi, il fair play e il rispetto delle regole del gioco. Si preannuncia di grande interesse – anche per la presenza di atleti e di personaggi del mondo sportivo, tra i quali Bruno Pizzul – l’iniziativa promossa ad Udine dall’AGeSC (Associazione Genitori Scuole Cattoliche) del Friuli Venezia Giulia, dall’Associazione “G.Bertoni” in collaborazione con la Scuola Pubblica Paritaria “Gaspare Bertoni”. Mercoledi 14 novembre 2018, presso l’Auditorium dell’Istituto “Bertoni” , dalle ore 8.30 alle 12.30, si svolgerà un evento che prende a prestito il titolo del libro di Roberto Alborghetti,“Oggi mi faccio un goal!” (Edizioni i Quindici). Attorno al testo – che racconta storie e vicende di una piccola squadra di quartiere – si muovono temi e realtà che riguardano la necessità di promuovere i sempre più necessari valori educativi attraverso il fair-play sportivo.

Insieme all’autore del libro, ne parleranno, nel corso della mattinata, il prof. Gabriele Ragogna (Preside Istituto scuole Pubbliche Paritarie “Gaspare Bertoni”), Marcello Vantaggiato (Presidente regionale AGeSC del FVG), la dott.ssa Elisa Battaglia (Assessore all’Istruzione, Pari opportunità, Politiche per il superamento delle disabilità del Comune di Udine); la dott.ssa Tiziana Gibelli (Assessore  cultura e sport della Regione Friuli Venezia Giulia), il dott. Claudio Bardini (Docente di scienze motorie  università Udine, ex allenatore di pallacanestro e sportivo impegnato nello sport e nella solidarietà); Alessandro Talotti (atleta olimpico salto in alto e delegato provinciale CONI); Massimo Giacomini ( allenatore di calcio, ex giocatore); il popolarissimo Bruno Pizzul, giornalista  e radiocronista RAI:  tra l’altro, tra le pagine del libro, è descritta “in diretta” una radiocronaca dal campo di gioco…

Non sono poi da escludere arrivi, interventi e ospiti a sorpresa, sempre provenienti dal mondo sportivo di una regione che ha sempre dato molto allo sport. Sarà lasciato ampio spazio anche al dibattito, con le domande da parte degli studenti, che certamente non mancheranno di cogliere l’attualità di temi e problematiche che lo stesso libro propone all’attenzione dei giovani lettori.

“Oggi mi faccio un goal!, attraverso un pallone che racconta in prima persona, narra una vicenda che vede al centro una squadra di calcio costituita da giovanissimi, un allenatore  ed un sogno trasformato in realtà. Il testo, con le belle illustrazioni di Eleonora Moretti, porta il lettore dentro il grande mondo del calcio, della sua storia, dei suoi indimenticati campioni e di quei fenomeni – come la violenza negli stadi – che nulla hanno a che fare con il tifo sportivo.

Il pallone “che parla” invita alla scoperta del senso e dello spirito di una gara sportiva, dell’essere squadra e del termine “gioco”.  “Mai giocare “contro” qualcuno: è un comportamento sbagliato – così dice l’allenatore Giò ai suoi calciatori -.  Dobbiamo innanzitutto giocare perché vogliamo stare bene con noi stessi. Perché ci piace il gioco. Perché vogliamo divertirci… Poi, anche in gara, dobbiamo vincere sempre per noi stessi, non perché vogliamo a tutti costi battere qualcuno, l’altra squadra…”.

“Oggi mi faccio un goal!” si propone ai giovanissimi e all’istituzione scolastica come uno strumento coinvolgente per avvicinare i ragazzi alla pratica calcistica nell’ottica della crescita personale e come veicolo per promuovere i sempre più necessari valori del fair-play sportivo. Roberto Alborghetti costruisce una storia di fantasia, ma credibile e terribilmente ancorata alla realtà, come quando parla di “bullismo da spogliatoio” o delle “interferenze” dei genitori nella vita della squadra. Un libro che diverte, facendo riflettere.

INNOVAZIONE DIDATTICA: “ALBUMONE” ALLA FATTORIA DI DINO CONTADINO


AlbumOne 2 copertina

Un contadino di nome Dino, una mucca che fa il latte “più buono del mondo”, una fattoria costruita sulla collina del sole. Sono, questi, alcuni degli elementi attorno ai quali ruota il secondo titolo di AlbumOne, l’innovativa collana di Funtasy / Le edizioni del Divertimente. Dopo il primo fascicolo – “Avventure in mongolfiera” – accolto da grandi consensi nelle scuole dell’infanzia e nelle scuole primarie, ecco il secondo numero delle storie giallorossoblu, ideali per essere al centro di attività scolastiche – età suggerita: dai 4 ai 7 anni – o di una lettura in famiglia. Scritte da Roberto Alborghetti, e accompagnate da illustrazioni create da Eleonora Moretti, le storie sono state concepite e presentate come uno strumento da “mettere nelle mani” dei docenti e dei piccoli allievi.

Anche nella sua seconda uscita, AlbumOne conferma la sua caratteristica fondamentale: non è semplicemente un libro, ma un vero e proprio strumento di lavoro, da costruire settimana dopo settimana, insieme ai bambini. Lo hanno del resto dimostrato le numerose scuole che l’hanno adottato: hanno creato e dato vita a bellissime esperienze di gioco e di scoperta, documentate in elaborati e materiali didattici di grande fantasia. Una “magia” che continua con AlbumOne n.2, con una storia divertentissima e fantasiosa, ambientata nella fattoria più colorata che ci sia.

ALBUMONE: UNA STORIA CHE DA’ VITA ALLE STORIE

Anche AlbumOne n.2 è costruito in modo semplice e al tempo stesso innovativo. Innanzitutto è quadrato! . Ossia ha una forma che – è scientificamente provato – favorisce nel bambino una migliore postura, una maggiore concentrazione, un’armonia di gesti ed un utilizzo migliore e razionale dello spazio-foglio.

C’è poi la seconda storia giallorossoblu, che fa parte di una serie di otto, scritte da Roberto Alborghetti. Sono storie che l’autore ha creato e costruito nel dialogo con la propria figlia, nel corso degli anni dell’infanzia, tra i 4 e i 7 anni.  Dunque, storie “vive”, belle, simpatiche ed empaticamente suggestive, proprio perché nate nel divertimento e nel gioco di farsi e di porre domande. Storie che rimandano e si collegano sempre alle stesse esperienze del bambino, ai momenti della sua crescita, alle sue piccole grandi difficoltà, alle sue scoperte.

In “Dino Contadino e la mucca Dosolina” si va alla scoperta dell’atmosfera vissuta in campagna, della vita all’aria aperta, del mondo degli animali e del tema dell’alimentazione.

La storia è presentata a puntate, nell’arco delle varie pagine. E ogni puntata suggerisce domande, percorsi, prospettive, disegni da realizzare sui fogli bianchi, spazi da riempire in piena libertà, rivivendo e re-interpretando le varie scene della storia. Sperimentando sempre la scoperta di parole nuove, in un arricchimento lessicale coinvolgente e divertente.

Così, di pagina in pagina, di mese in mese, la storia giallorossoblu di Dino Contadino e della sua bellissima fattoria, produrrà e suggerirà altre storie, che rimarranno  “scolpite” nelle pagine di AlbumOne, che diventerà documento imperdibile e diario dei primi anni di vita. Un documento da conservare, da donare ai genitori, al termine dell’anno scolastico. E gli stessi genitori, potranno anche essere coinvolti nella realizzazione delle varie pagine, da fare, creare e elaborare a casa insieme ai propri figli.

AlbumOne è accompagnato da una speciale “Guida per il Docente” con notizie, informazioni per le attività di classe, piano generale dell’opera e schede per le competenze europee e i campi di esperienza. La Guida è in omaggio per i docenti ed è disponibile in versione pdf.

ALBUMONE 2: DINO CONTADINO E LA MUCCA DOSOLINA

INFORMAZIONI E CARATTERISTICHE TECNICHE 

Titolo: Dino Contadino e la mucca Dosolina

Autore: Roberto Alborghetti

Illustrazioni : Eleonora Moretti

Numero pagine: 28

Formato quadrato: 28 x 28 cm

Confezione: Punto metallico

Prezzo al pubblico: Euro 5,50

Pubblicato da Funtasy – Le edizioni del divertimente

Coordinamento commerciale: Paolo Sandini

Per informazioni, incontri, letture pubbliche: funtasyeditrice@gmail.com

 

FIRENZE: AL MUSEO GALILEO RIPARTONO GLI WEEKEND DI “A TUTTA SCIENZA”


 

Riprende da oggi, 13 ottobre,  “A Tutta Scienza”, il ricco calendario di attività del Museo Galileo di Firenze,  rivolto ai bambini e alle famiglie.  Fino al fino al 12 maggio 2019 i sabati e domenica alle 15.00, presso i laboratori didattici del Museo Galileo, si potranno scoprire le meraviglie del Museo attraverso l’esperienza del gioco. Nell’ottica di coniugare scienza e divertimento, il Museo Galileo offrirà quest’anno tre interessanti novità: lo spettacolare laboratorio “La scienza delle bolle di sapone”, “AbitiAmo il museo” per scoprire i segreti dei sarti e della moda del Seicento e Settecento e, infine, “Le meraviglie dell’aria e del vuoto” per capire i fenomeni fisici che ci circondano.

Le bolle di sapone, le cui prime rappresentazioni pittoriche risalgono alla fine del Cinquecento a opera di artisti olandesi, non hanno solo affascinato intere generazioni di grandi e piccini, ma hanno anche stimolato la fantasia di matematici, fisici e architetti che le hanno studiate o prese a modello per realizzare i propri capolavori. Simboli del meraviglioso e dell’effimero, le bolle di sapone verranno presentate anche da un punto di vista scientifico: si scoprirà la leggenda di Didone e i segreti della superficie minima, l’iridescenza delle lamine saponose e i concetti scientifici celati dietro .     La cassetta del sarto è la protagonista del laboratorio “AbitiAmo il Museo”: di fondamentale importanza per lo svolgimento della professione del sarto, la cassetta conteneva strumenti mutuati dal mondo della matematica, come la squadra, che, dopo l’impiego in campo militare, aveva trovato un nuovo utilizzo per la misurazione e il calcolo delle proporzioni degli indumenti. Incentrata sulla moda del Seicento e del Settecento, l’attività offre ai bambini la possibilità di indossare preziosi abiti e accessori di personaggi celebri vissuti in quei secoli, illustrando il legame tra scienza, moda e società.

Traendo ispirazione dall’attività dell’Accademia del Cimento (1657-1667), una delle prime accademie scientifiche del mondo, e dagli studi galileiani sulla caduta di gravi, “Le meraviglie dell’aria e del vuoto” affronta il difficile concetto del vuoto in maniera ludica e coinvolgente. Durante il laboratorio, grazie a una macchina per creare il vuoto, l’operatore mostrerà alcuni spettacolari fenomeni fisici che si possono verificare in assenza d’aria.

Per informazioni e prenotazione  Tel. 055 265311; weekend@museogalileo.it Lunedì-venerdì 9.00-18.00; sabato 9.00-13.00. Costi € 3,00+il biglietto d’ingresso . Riduzioni per i soci UniCoop Firenze

NINTENDO LABO: IL TOY CON MACCHININA RC (PER LE SCUOLE PRIMARIE)


Nintendo Labo Toy-con_Macchinina

VIVIAMO IL NOSTRO QUARTIERE

Al Termine della parte creativa, l’insegnante inserirà i Joy-Con nell’apposito spazio e inizierà la magia! Preparate su un foglio di carta da pacchi il tragitto dalla scuola al comune o un altro edificio che i bambini conoscono (l’oratorio, la scuola materna etc.), ponete la Macchinina RC sul foglio e partendo dalla scuola, cercate di arrivare all’edificio prescelto, rispettando le regole della strada.

SCEGLIETE LE SQUADRE

Dividete la classe in gruppi di lavoro:

chi disegnerà le strade

chi le strisce pedonali e i semafori

chi eventuali imprevisti (il cane che attraversa la strada)

Per scoprire tante altre idee scaricate gli spunti sul sito https://okayscuola.wordpress.com/

al link https://okayscuola.wordpress.com/2018/09/17/nintendo-labo-ecco-le-schede-didattiche-per-primaria-e-secondaria/

DOCUMENTATE!

La partecipazione al bando è semplicissima, dovrete solo documentare il vostro lavoro e inviarcelo in digitale, scegliendo il modo che vi è più congeniale:

  • Riprendete tutto con il vostro smartphone sia quando i bambini dipingono che quando organizzano la piantina di un piccolo tratto della loro città
  • Fate tante foto alle varie fasi di costruzione o organizzazione della classe
  • “Montate” tutto su un power point

INVIATE

Raccogliete il materiale e inserite i dati della vostra scuola, classe e i vostri riferimenti personali. Se il materiale è pesante usate https://wetransfer.com/ è facile e gratuito, se preferite usate Dropbox o Usate whatsapp inviando scheda con la scuola, la classe e video / foto  ecc. al 3279169728. Oppure mandate tutto all’indirizzo mail di OKAY! – okaysegreteria.mhstudyo@gmail.com

Una giuria qualificata selezionerà OGNI BIMESTRE UNA CLASSE MERITEVOLE CHE RICEVERA’ UNA STAMPANTE PER LA CLASSE

 BUON LAVORO!

               

DESTINAZIONE EMILIA: IL TURISMO E’ ORA A PORTATA DI RETE


20161201_134338_resized
Un territorio unico e autentico ma allo stesso tempo complesso e creativo come quello dell’area compresa tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia merita più di una semplice guida. La ricchezza di un panorama composito e ricco di sfumature sul piano di gusto, natura e cultura ha ispirato la creazione di svariati strumenti che rappresenteranno un valido aiuto per i turisti alla ricerca di una nuova prospettiva italiana dal sapore internazionale, eppure permeata da un’aria che si respira solo in questi luoghi attraversati dal Po e contagiati dalla febbre del fare. «Non siamo dei megalomani – scherza l’assessore regionale al turismo Andrea Corsini – abbiamo solo la consapevolezza di quanto l’avventura di Destinazione Turistica Emilia abbia da offrire sotto innumerevoli punti di vista. E sappiamo anche che non tutti hanno lo stesso modo di pianificare e arricchire il proprio viaggio strada facendo. Vogliamo rendere una vacanza nei nostri luoghi un’esperienza indimenticabile sullo schermo e sulla carta, ancora prima che sul territorio».
Declinazione virtuale di Destinazione Turistica Emilia – ente nato per promuovere il potenziale attrattivo della zona racchiusa tra i confini delle tre province –  www.visitemilia.com approda sul web per accompagnarne i continui mutamenti e illustrarne i molteplici spunti di interesse, facilitando il compito a chi sceglie di andare alla scoperta di un modo di essere, di un’esperienza dove natura, gusto e cultura, si fondono in una peculiare forma di slow life. «Per quanto ci sforziamo di coglierle e riportarle il prima possibile, questo territorio è davvero una fucina di iniziative in costante fermento – commenta Natalia Maramotti, presidente dell’ente pubblico – Per la natura metamorfica delle creature del web, www.visitemilia.com ci permette di arricchire sempre l’offerta con gli eventi e le possibilità di permanenza che accrescono giorno dopo giorno le attrattive di Destinazione Emilia».
Il sito si fa spazio nella rete per riassumere e aggiornare puntualmente le proposte di visita e soggiorno, gli eventi e gli itinerari tematici più insoliti che affiorano di continuo in questo spicchio di Emilia, cuore della Food valley tra il Po e gli Appennini, conosciuto in tutto il mondo per il cibo. Ma che è anche tanto altro.
Brochure – Visit the Italian Food Valley
A chi ama sentire sotto le dita la consistenza della carta, Destinazione Turistica Emilia dedica invece una brochure da sfogliare e consultare prima della partenza o durante il viaggio. Concepite come un’introduzione all’esperienza per molti versi inedita di un gusto che qui affianca all’ovvia ma incomparabile accezione papillare anche quella del piacere di scoprire luoghi sorprendenti, le pagine dell’opuscolo vogliono offrire un assaggio panoramico delle infinite possibilità a portata di mano. Sfogliandole, si possono quasi sentire i sapori e i profumi di un territorio che vanta alcuni dei prodotti più celebri della tradizione enogastronomica italiana diffondersi in uno scenario di angoli incantevoli nascosti o orgogliosamente eretti nella natura, tra città d’arte, borghi e castelli. Il Parmigiano Reggiano, i salumi e i vini DOP sono solo alcuni dei protagonisti principali di questa pubblicazione che invita a praticare sport – giocando a golf, camminando o pedalando sulle innumerevoli piste ciclabili – ma anche a prendere confidenza con la genuinità di paesaggi che hanno visto nascere e crescere alcuni grandi miti della cultura italiana a tutto tondo, da Giuseppe Verdi al Culatello.
Mappa – Emilia Terra Autentica
Attraversata dal Po ma anche da direttrici e antichi cammini, l’area compresa tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia necessita evidentemente di una vera e propria mappa che consenta a chiunque di orientarsi nella dilagante offerta di natura, gusto e cultura di Destinazione Turistica Emilia. Nelle mani di chi la sceglie come meta del proprio viaggio, finisce dunque un utile strumento da consultare passo dopo passo, aiutandosi con una grafica intuitiva che permette di individuare con un colpo d’occhio itinerari, tappe e deviazioni possibili in un universo di passaggi segreti tra natura, gusto e cultura.
Video
Si aggiunge infine un video, in corso di realizzazione, concepito come il racconto di una giornata ideale nei territori della Destinazione, con un montaggio di sequenze dedicate alle tre “Emilia”guidato da una serie di stacchi basati su assonanze dinamiche, geometriche o di significato che fondono in un’unica esperienza percettiva i vari aspetti dell’area compresa tra le tre province. Lo spunto narrativo è dato dal trascorrere di un tempo quotidiano, che si chiude simbolicamente in una cena con le tre “Emilia” in un contesto di accoglienza e calda convivialità.
Agli strumenti descritti, si aggiungono ovviamente le ormai imprescindibili incarnazioni social Facebook e Instagram, che mirano a favorire anche l’interazione con il sempre crescente numero di fan e follower di Destinazione Turistica Emilia.
Per informazioni: Destinazione Turistica Emilia
Parma – Piacenza – Reggio Emilia
Tel. 0521 931634

A DIDACTA DI FIRENZE (18-20 OTTOBRE) VERRA’… SVELATA LA NUOVA EDIZIONE DE “LAMIAGENDA”


20180716_154833_resized

Una delegazione de I Quindici sarà a Didacta 2018 per presentare in anteprima assoluta LamiAgenda 2019/2020. Quale sarà il nuovo tema? Come sarà la nuova grafica?

Il conto alla rovescia è ormai iniziato. Anche LamiAgenda sarà, dal 18 al 20 ottobre 2018, alla seconda edizione di Fiera Didacta Italia, in programma a Firenze, alla Fortezza da Basso. Sarà una grande opportunità, per la scuola italiana, di conoscere da vicino l’iniziativa dell’innovativo diario scolastico e delle iniziative editoriale collegate a I Quindici. Lo stand de LamiAgenda sarà nel padiglione TBA, Padiglione Spadolini, Piano Inferiore stand 43, dove i visitatori avranno l’opportunità di incontrare autori,addetti e coordinatori del grande diario scolastico, che tra proporranno in anteprima assoluta temi ed immagine dell’edizione 2019/2020.

Fiera Didacta Italia è il più importante appuntamento fieristico dedicato alla scuola. La manifestazione prevede quest’anno un programma scientifico con oltre 150 eventi, tra workshop immersivi, debate, convegni e incontri organizzati secondo modalità innovative e coordinati dall’ente di ricerca Indire, che quest’anno si è avvalso della collaborazione di un Comitato Scientifico formato da Cnr, Istituto degli Innocenti, CRUI, Associazione Italiana Editori e Reggio Children. Fiera Didacta Italia è inserita dal Miur tra gli eventi previsti dal piano pluriennale di formazione dei docenti.

Tra le varie tematiche affrontate nei workshop, l’innovazione del modello educativo, la robotica, le stampanti 3D, la didattica della musica, il CLIL (Content and Language Integrated Learning) e l’utilizzo della tecnologica a scuola. Nella parte espositiva della Fiera, sono presenti più di 150 aziende, organizzazioni e associazioni che operano nella filiera della scuola e dell’istruzione e spaziano dal settore dell’editoria alle tecnologie informatiche, dall’arredo alla formazione. Sono previsti incontri ed eventi curati direttamente da enti, aziende e organizzazioni che partecipano alla fiera. Fiera Didacta nasce con l’obiettivo di innovare la didattica, favorire il dibattito sul mondo dell’istruzione e creare un luogo di incontro tra le scuole e le aziende del settore.

La manifestazione è rivolta in particolare a docenti, dirigenti scolastici, educatori e formatori, oltre che a professionisti e imprenditori del settore della scuola e della tecnologia. Il programma scientifico è articolato in base ai diversi livelli scolastici per consentire agli insegnanti di scegliere la loro partecipazione in base al tema ed al livello scolastico di riferimento.

Tra le novità di questa edizione si segnalano i workshop per la fascia di età 0 a 6 anni, che affrontano le tematiche dell’infanzia collegate all’arte, ai libri, ai nuovi media, all’educazione all’aperto e all’uso creativo dei materiali di recupero. Altra novità è la sezione dedicata agli Istituti alberghieri. Sono previsti workshop sui temi relativi al marketing/webmarketing del turismo, all’evoluzione tecnologica del reparto di ricevimento, alla gestione e organizzazione di un evento enogastronomico, al Revenue management e ai software di settore.
Per i workshop vengono usati i seguenti metodi: debate, sul palco i relatori sono disposti l’uno di fronte all’altro e a turno espongono le proprie tesi, le discutono e si confrontano, mentre un moderatore interviene per gestire tempi e flussi della comunicazione; didattica immersiva, arredamento modulare con attrezzature informatiche e connettività potenziata, con i partecipanti che “vivono” un’esperienza innovativa in spazi attrezzati con tecnologie utilizzabili direttamente dai partecipanti. I workshop immersivi e del settore alberghiero sono validi ai fini del riconoscimento della formazione in servizio. Sono a numero chiuso, quindi per partecipare è necessaria la prenotazione.

Nei tre giorni di Didacta, all’interno della Sala Congressi, sono previsti convegni nazionali di grande rilievo, sui temi relativi al programma Erasmus+, eTwinning, Avanguardie Educative e Piccole Scuole. Per queste attività la partecipazione è senza limitazione. Tuttavia, si consiglia di iscriversi preventivamente al momento dell’acquisto online del biglietto. Anche in questa edizione della manifestazione l’Università telematica IUL è partner tecnico, con una proposta formativa in modalità blended che prevede la fruizione di seminari in presenza durante la Fiera e di attività online sulla piattaforma dell’Ateneo. Fiera Didacta Italia è organizzata da FirenzeFiera in collaborazione con Regione Toscana, Comune di Firenze, Camera di Commercio di Firenze, Unioncamere e con Didacta International, grazie al supporto di Camera di Commercio italiana per la Germania (Itkam) e di Florence Convention & Visitors Bureau. Fiera Didacta Italia è patrocinata dal Miur, dal Dipartimento delle Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dall’Ambasciata della Repubblica Federale Tedesca in Italia, dal Centro Italo-Tedesco Villa Vigoni e da Assocamerestero.
Per iscrizioni e per informazioni: http://www.fieradidacta.com

“LIBROFONINO”: SEGNALATO COME “CASE HISTORY” IN UN TESTO SUI MEDIA DIGITALI


Il libro  “Pronto? Sono il librofonino“, uscito per I Quindici nel gennaio 2017 è stato al centro di numerosissimi incontri nelle scuole di tutta Italia e da ben 18 mesi è sempre presente nella TOP 40 di Amazon (Categoria libri che parlano di Problemi, Famiglia e Bullismo). Ora è stato segnalato come “case history”, un caso editoriale oggetto di analisi e di studio.

influencer_kidsInfatti, come ci segnala la prof.ssa Gabriella Conte, dirigente dell’IC “Capponi” di Milano, il libro “Influencer kids e mamme digital”, edito da Lupetti, dedica grande spazio proprio al “Librofonino”, segnalandolo tra i testi utili a comprendere e conoscere il ruolo che le nuove tecnologie hanno all’interno dei rapporti familiari (pagine 110 e 111). Ringrazio le autrici – Marzia Istria e Michela Valsecchi – per l’attenzione data al testo che racconta, in forma divertente, “storie di smombies, smartphones e cyberbulli”. Un testo, tra l’altro, oggetto di dibattito e di incontri, negli ultimi due anni, con quasi 40 mila studenti di tutta Italia.

DOMENICA 14 OTTOBRE: 68a GIORNATA NAZIONALE PER LE VITTIME INCIDENTI SUL LAVORO


Manifesto 68ª Giornata

La 68ª Giornata Nazionale per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro sarà celebrata Domenica 14 ottobre in tutta Italia e vedrà la manifestazione principale a Roma con la partecipazione del Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio.

Programma

Ore 8.30: Celebrazione S. Messa in memoria dei caduti sul lavoro nella Chiesa Santa Maria in Portico in Campitelli officiata da Monsignor Gianrico Ruzza, Segretario generale del Vicariato di Roma

Ore 10.00: Inizio Cerimonia Civile nella Sala della Protomoteca in Campidoglio con i saluti delle autorità. Un minuto di silenzio in memoria dei caduti sul lavoro. Lettura messaggio Capo dello Stato. Testimonianza di un grande invalido del lavoro. Aeguiranno gli interventi di: presidente nazionale ANMIL, Franco Bettoni; Vice Presidente Commissione Lavoro del Senato, Annamaria Parente; Vice Presidente Commissione Lavoro della Camera, Renata Polverini (in attesa di conferma); Presidente INAIL, Massimo De Felice; Presidente del CIV INAIL, Giovanni Luciano; Segretario Confederale CGIL, Franco Martini; Segretario Confederale CISL, Angelo Colombini; Segretaria Confederale UIL, Silvana Roseto; Presidente Confartigianato, Giorgio Merletti; Ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio; Coordina i lavori il Direttore Generale dell’ANMIL, Sandro Giovannelli

  • Cerimonia di consegna dei Brevetti e dei Distintivi d’onore da parte dell’INAIL di Roma ai grandi invalidi del lavoro aventi diritto

All’evento saranno presenti alcuni studenti delle scuole di Roma vincitrici del Concorso ANMIL “Primi in sicurezza”. Animerà le Cerimonie il Gruppo vocale Kantor diretto dal maestro Daniele Cacciani